XII^ LEGISLATURA

 

RESOCONTO INTEGRALE

 

N. 32

__________

 

SEDUTA Di LUNEDì 23 OTTOBRE 2023

 

PRESIDENZA DEL PRESIDENTE FILIPPO MANCUSO 

E DEL VICEPRESIDENTE PIERLUIGI CAPUTO

 

 

Inizio lavori h. 13,50

 

Fine  lavori h. 17,48

 

 

Presidenza del presidente Filippo Mancuso

La seduta inizia alle 13.50

PRESIDENTE

Dà avvio ai lavori, invitando il Segretario questore a dare lettura del verbale della seduta precedente.

CIRILLO Salvatore, Segretario questore

Dà lettura del verbale della seduta precedente.

 

(È approvato senza osservazioni)

Comunicazioni

PRESIDENTE

Dà lettura delle comunicazioni.

Proposta di provvedimento amministrativo numero 139/12^ di iniziativa dell'Ufficio di Presidenza, recante: “Bilancio di previsione 2023-2025 del Consiglio regionale della Calabria: assestamento e variazioni”

PRESIDENTE

Avviamo i lavori con il primo punto all'ordine del giorno, relativo alla proposta di provvedimento amministrativo numero 139/12^ di iniziativa dell'Ufficio di Presidenza, recante: “Bilancio di previsione 2023-2025 del Consiglio regionale della Calabria: assestamento e variazioni”.

Cedo la parola al consigliere Cirillo per illustrare il provvedimento. Prego.

CIRILLO Salvatore (Coraggio Italia), relatore

Grazie, Presidente.

Con la presente proposta il Consiglio regionale è chiamato ad approvare l’assestamento e le conseguenti variazioni al bilancio di previsione 2023-2025 del Consiglio regionale. Tale proposta è stata approvata dall’Ufficio di Presidenza con deliberazione numero 49 del 4 ottobre 2023.

Il bilancio di previsione del Consiglio regionale per gli esercizi 2023-2025 è stato approvato con deliberazione consiliare numero 145 del 22 dicembre 2022.

Con il presente provvedimento, sulla base delle proposte elaborate dai dirigenti delle strutture amministrative, è stato applicato al bilancio di previsione del 2023-2025, esercizio 2023, parte del risultato di amministrazione relativo all'esercizio 2023, pari ad euro 25.496.109,68  così suddiviso: avanzo vincolato da leggi per l'importo di euro 1.221.735,37; avanzo vincolato da trasferimenti per l'importo di euro 617.331,06; avanzo accantonato al fondo contenzioso per l'importo di euro 25.000,00; avanzo accantonato al fondo passività potenziali per l'importo di euro 754.551,56; avanzo destinato agli investimenti, per l'importo di euro 9.133.696,13; avanzo libero di euro 13.743.795,56 di cui è euro 3.880.000,00 destinati al finanziamento di spese di investimento ed euro 9.863.795,56 da restituire al bilancio della Regione Calabria.

Con il presente provvedimento, inoltre, sono state approvate le modifiche al bilancio di previsione 2023-2025 del Consiglio regionale derivanti: 1. dalle richieste di variazione delle previsioni di bilancio per gli esercizi 2023-2025 derivanti dai fabbisogni evidenziati dai dirigenti delle strutture amministrative al Consiglio regionale; 2. dalla necessità di adeguare le entrate del Consiglio regionale derivanti dai trasferimenti disposti con la legge regionale numero 39 del 2022 di assestamento del bilancio 2022 della Regione Calabria. Tale somma, non essendo stata utilizzata dal Consiglio regionale, sarà oggetto di restituzione alla Regione unitamente alla quota di avanzo libero non utilizzata per altre finalità.

A seguito delle variazioni apportate con l’approvazione del presente provvedimento, sono garantiti gli equilibri generali di bilancio per il triennio 2023-2025.

Sul presente provvedimento il Collegio dei revisori, con verbale numero 56 dell'11 ottobre 2023, ha espresso parere favorevole. Grazie.

PRESIDENTE

Non ci sono richieste di intervento. Prendiamo atto del parere favorevole del Collegio dei revisori dei conti. Pongo in votazione di provvedimento nel suo complesso. Il provvedimento è approvato.

 

(Il Consiglio approva)

(È riportata in Allegati)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 135/12^ d'Ufficio, recante: “Corecom Calabria - Approvazione Programma delle attività per l'anno 2024, unitamente al relativo fabbisogno finanziario”

PRESIDENTE

Passiamo al secondo punto all'ordine del giorno, relativo alla proposta di provvedimento amministrativo numero 135/12^ d'Ufficio, recante: “Corecom Calabria - Approvazione Programma delle attività per l'anno 2024, unitamente relativo fabbisogno finanziario”.

Cedo la parola consigliere Cirillo per illustrare il provvedimento. Prego.

CIRILLO Salvatore (Coraggio Italia), relatore

Grazie, Presidente.

Con delibera numero 36 del 15 settembre 2023, il Corecom Calabria ha approvato il programma delle attività per l'anno 2024 e il relativo fabbisogno finanziario, ai sensi dell'articolo 10, comma 1, della legge regionale numero 2 del 2001, per sottoporlo alla definitiva approvazione di questa Assemblea.

Nel provvedimento in esame sono pertanto illustrati le attività che l’Ente si propone di svolgere nel 2024.

Per quanto riguarda le funzioni proprie, il Comitato, nell'ambito dell’attività di vigilanza sull'inquinamento elettromagnetico, ha programmato di dare piena attuazione alle linee programmatiche stabilite dal Protocollo d’intesa sottoscritto con ARPACAL e ANCI il 27 luglio 2023, al fine definire forme di collaborazione sinergica e azioni congiunte sul territorio, atte alla verifica dell'osservanza dei livelli di soglia minima dei valori e dei campi elettromagnetici generali.

Al contempo, il Corecom si propone di rafforzare la par condicio  e la vigilanza sul rispetto, da parte delle emittenti radiotelevisive locali, dei principi generali del pluralismo, dell’obiettività, della completezza e dell'imparzialità dell'informazione, intervenendo nel caso di segnalazioni di presunte violazioni in materia di comunicazione istituzionale delle Pubbliche Amministrazioni, anche attraverso il monitoraggio delle trasmissioni di informazione, di approfondimento informativo, di comunicazione politica delle emittenti televisive locali.

Tra le funzioni  delegate sono annoverate: a) la tutela a garanzia dell'utenza, con particolare riferimento ai minori, attraverso iniziative di studio, analisi ed educazione all'utilizzo dei media tradizionali e dei nuovi media nel rispetto degli indirizzi stabiliti all'Autorità e delle Istituzioni competenti in materia, anche in attuazione di Protocolli d’intesa per la migliore tutela decentrata dei minori sul territorio nazionale; b) la vigilanza sul rispetto dei criteri fissati nel Regolamento relativo alla pubblicazione e diffusione dei sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa diffusi in ambito locale; c) la risoluzione delle controversie; d) la vigilanza sul rispetto delle norme in materie di esercizio dell’attività radiotelevisiva locale, mediante il monitoraggio delle trasmissioni dell'emittenza locale privata nonché di quella di concessionaria pubblica, per l'ambito di diffusione regionale, con particolare riferimento agli obblighi in materia di programmazione, anche a tutela delle minoranze linguistiche e dei minori, pubblicità e contenuti radiotelevisivi previsti dal Testo Unico dei Servizi di Media Audiovisivi e Radiofonici (TUSMAR), come integrato dai Regolamenti attuativi dell’Autorità.

Il presente programma per l'anno 2024 prevede anche lo svolgimento di attività trasversali, quali ad esempio quelle concernenti l'Osservatorio Media e Minori, promuovendo in sinergia con le Istituzioni coinvolte lo sviluppo del progetto Corecom Academy e sottoscrivendo protocolli d’intesa con Pubbliche Amministrazioni, Autorità indipendenti e altri soggetti terzi (Associazioni ed altri enti no-profit, istituzioni ecclesiastiche) nonché accordi con le Università calabresi per lo svolgimento di specifici progetti per le attività dell'Osservatorio.

Rientrano, altresì, tra le azioni trasversali: a) il Progetto “Ai confini del web: il metaverso e l'umanità digitale” finalizzato alla alfabetizzazione mediatica e digitale; b) il Protocollo d'intesa con il Garante per la protezione dei dati personali, finalizzato alla protezione dei minori, con riferimento al trattamento dei dati personali, alla prevenzione e al contrasto dei fenomeni nel Cyberbullismo e del Revenge porn; c) l'adozione di iniziative volte alla promozione, valorizzazione e diffusione del patrimonio storico, culturale e linguistico delle minoranze linguistiche calabresi.

Infine, alla luce della legge regionale numero 52 del 2022, che ha ampliato le funzioni del Comitato, il Corecom Calabria è il primo in Italia ad accreditarsi sulla piattaforma dell’Unione Europea per la partecipazione ai bandi europei, prevedendo per il 2024, in relazione alla suddetta attività, la costituzione di un gruppo di lavoro interno (Ufficio Bandi Comunitari), formato da personale dipendente del Corecom e da un project manager da individuare nell'ambito del Consiglio regionale che predisponga un avviso pubblico o una manifestazione d’interesse per la presentazione, da parte di associazioni o Università, di proposte di partecipazione a bandi comunitari aventi ad oggetto l’alfabetizzazione mediatica e digitale in linea con quanto previsto dal piano d'azione per l'istruzione digitale (2021-2027).

Pertanto, sottopongo all'approvazione dell'Aula il provvedimento, fermo restando che, per lo svolgimento delle funzioni proprie del Comitato, la dotazione a carico del bilancio del Consiglio regionale per l'esercizio finanziario 2023 ammonta a euro 54 mila, mentre, per lo svolgimento delle funzioni delegate, il Corecom riceverà il contributo annuale dell’Ag.Com. Grazie.

PRESIDENTE

Non ci sono richieste di intervento, quindi pongo in votazione il provvedimento nel suo complesso.

Il provvedimento è approvato.

 

(Il Consiglio approva)

(È riportata in Allegati)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 137/12^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Rendiconto esercizio 2022 dell'Ente per i Parchi Marini Regionali (EPMR)”

PRESIDENTE

Passiamo al terzo punto all'ordine del giorno, riguardante la proposta di provvedimento amministrativo numero 137/12^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Rendiconto esercizio 2022 dell'Ente per i Parchi Marini Regionali.

Cedo la parola al collega Montuoro per illustrare il provvedimento. Prego.

MONTUORO Antonio (Fratelli d’Italia), relatore

Grazie, Presidente. Buon pomeriggio a tutti.

La proposta di provvedimento amministrativo, posta oggi all'approvazione di questa Assemblea, è stata licenziata dalla seconda Commissione nella seduta del 11 ottobre scorso.

La proposta è relativa al Rendiconto esercizio 2022 dell'Ente per i Parchi Marini Regionali.

Il provvedimento si compone della delibera di Giunta regionale, delle relazioni istruttorie del Dipartimento territorio e tutela dell'ambiente, del Dipartimento economia e finanze e del parere del Revisore unico dei conti dell'Ente.

Il Revisore unico dei conti, nel corso del 2022, non ha rilevato irregolarità contabili o gravi anomalie gestionali e/o suggerito misure correttive non adottate dall'Ente.

Con riferimento alle spese, il Revisore evidenzia che l’ente nell'esercizio del 2022 non ha sostenuto spese di personale poiché attualmente per l’espletamento delle attività istituzionali si avvale di personale appartenente all'Amministrazione regionale.

L'organo di controllo, conclusivamente, attesta la corrispondenza del rendiconto alle risultanze della gestione ed esprime giudizio positivo per l'approvazione del rendiconto dell’esercizio finanziario 2022.

Il Dipartimento territorio e tutela dell'ambiente evidenzia che l'ente è divenuto operativo a far data dal 1° gennaio 2018. Quindi per il rendiconto finanziario 2022 non può ancora trovare applicazione la normativa sul contenimento della spesa di cui alla legge regionale numero 43 del 2016, atteso che i parametri di riferimento sono le “spese sostenute nell'anno in cui si è verificata l’assoluta necessità di sostenere la spesa se l’anno di effettiva operatività dell'ente è successivo al 2014” e, ad oggi, non si è verificata l’assoluta necessità di sostenere la spesa poiché la struttura, attualmente, per l’espletamento delle attività ad esso demandate, si avvale del personale appartenente ai ruoli dell'Amministrazione regionale che svolge la propria attività in regime di collaborazione temporanea e saltuaria, senza onori a carico dell'ente. Ne consegue che, non avendo l’Ente sostenuto le spese, le verifiche di cui alla legge regionale numero 43 del 2016 non possono essere effettuate.

Il Dipartimento vigilante, verificato che quanto riportato nel rendiconto finanziario 2022 è coerente con le previsioni dell'ente per i Parchi Marini Regionali, di cui al bilancio di previsione adottato per il medesimo anno, esprime parere favorevole all'approvazione del progetto consultivo 2022 dell'Ente.

Il Dipartimento economia e finanze evidenzia che sembrerebbe sussistere la formale correttezza nella procedura del riaccertamento ordinario dei residui nonché nel computo del Fondo pluriennale vincolato e, di conseguenza, nella determinazione del risultato di amministrazione dell'esercizio 2022. Con riferimento alla “parte disponibile del risultato di amministrazione”, il Dipartimento riscontra la congruità delle quote accantonate e vincolate, limitatamente alle voci verificabili almeno formalmente. Rispetto ad un eventuale utilizzo della parte disponibile, il Dipartimento raccomandata all'ente di rispettare le regole di bilancio inerenti le modalità di impiego della parte libera dell'avanzo di amministrazione, ai sensi dell'articolo 42, comma 6, del decreto legislativo 23 giugno 2011 numero 118.

Il Dipartimento, a conclusione dell’istruttoria di competenza, rileva che: sussiste la piena corrispondenza tra il saldo di cassa al 31/12/2022, per come risultante dal conto del bilancio, e il corrispondente saldo di cui al conto del tesoriere; sussiste continuità tra i residui finali dell'esercito 2021, rispetto a quelli iniziali dell'esercizio 2022; sussiste la quadratura delle poste contabili iscritti nelle cosiddette partite di giro; sussiste corrispondenza tra i valori a residuo e quelli riportati nel conto del patrimonio, posto che è stata verificata la piena coincidenza tra residui attivi finali e crediti e tra residui passivi finali e debiti nonché, con riferimento al conto economico, la corrispondenza tra impegni in conto competenza e costi e tra accertamenti e ricavi; sussiste la quadratura tra il saldo di cassa pari a euro 1.276.762,51, riportato nel conto del bilancio 2022, e il valore registrato alla voce “disponibilità liquide” dell’attivo dello stato patrimoniale; risulta formalmente corretta la determinazione del Fondo pluriennale vincolato e del risultato di amministrazione al 31/12/2022.

A conclusione dell’istruttoria di competenza, il Dipartimento economia e finanze ritiene possibile procedere, da parte della Giunta regionale, alla trasmissione del rendiconto relativo all'esercito 2022 dell'ente per i Parchi marini regionali al Consiglio regionale, ai sensi dell’articolo 57, comma 7, della legge regionale numero 8 del 2002.

Grazie, Presidente.

 

Presidenza del vicepresidente Pierluigi Caputo

PRESIDENTE

Grazie, collega Montuoro. Ha chiesto di intervenire il consigliere Laghi. Ne ha facoltà.

LAGHI Ferdinando (De Magistris Presidente)

Grazie, Presidente. Intervengo soltanto per una notazione tecnica: questa è una legge assolutamente importante che riguarda la gestione dei Parchi Marini regionali e, come è stato opportunamente ricordato dal collega Montuoro, non ha una disponibilità di organico sufficiente, che è veramente risicato per svolgere un’attività così delicata e importante.

Per cui, anche in un'ottica di previsione di finanziamenti che dovrebbero essere prossimi e copiosi, vorrei segnalare l'utilità, anzi, la necessità di dotare tale Ente di una numerosità di personale adeguato, ripeto, alle importanti e delicate funzioni che svolge. Grazie.

PRESIDENTE

Grazie. Ha chiesto intervenire collega Mammoliti. Ne ha facoltà.

MAMMOLITI Raffaele (Partito Democratico)

Grazie, Presidente. Intervengo brevemente perché, in effetti, nella Commissione bilancio abbiamo affrontato e approfondito alcune problematiche con il Commissario straordinario dell’Ente, il dottore Greco, e naturalmente abbiamo espresso - almeno per quanto mi riguarda a nome del gruppo che rappresento - sicuramente un'attenzione verso l'impegno del programma di attività che il Commissario ci ha esposto, però anche delle criticità in merito agli obiettivi importanti di tutela di salvaguardia ambientale marine e costiere che questo importante Parco marino, che rappresenta le diverse realtà della nostra regione, dovrebbe effettivamente attivare.

Tuttavia, la programmazione delle attività che il dottore Greco ci ha esposto è sicuramente degna di attenzione e di considerazione positiva, però è del tutto evidente - lo diceva anche il collega Laghi - che il personale esistente purtroppo non è adeguatamente sufficiente per dispiegare quell'attività molto poderosa che è stata positivamente, a mio avviso, esposta.

Quindi, è giusto, anche dal punto di vista del quadro statutario, procedere al superamento di alcuni ritardi che si stanno registrando; penso al commissariamento che ormai si reitera da anni e non è stato nominato il direttore generale, per come prevede l'articolo 7 dello Statuto dell'Ente e così come non è stato applicato l'articolo 10 dello Statuto che prevede la nomina di un Comitato di indirizzo e, quindi, il suo insediamento.

Quindi, per quanto ci riguarda, prestando l'attenzione necessaria all'attività che deve dispiegare, noi vorremmo che, dal punto di vista della implementazione delle risorse umane, ci fosse quella necessità di azione e di intervento per consentire al meglio di poter realmente realizzare questi obiettivi strategici che sono veramente molto importanti, anche, abbastanza positivi per l'ambiente e l'economia della nostra regione.

Quindi, per queste valutazioni, a nome del Partito Democratico, ribadisco le nostre posizioni e dichiaro che ci asteniamo dalla votazione sul punto all'ordine del giorno.

PRESIDENTE

Grazie, collega Mammoliti. Ha chiesto di intervenire il consigliere Montuoro. Ne ha facoltà.

MONTUORO Antonio (Fratelli d’Italia), relatore

Grazie, Presidente. Intervengo giusto per alcune precisazioni per dovere di cronaca, ma soprattutto, anche, per far capire il lavoro che si sta svolgendo.

In Commissione abbiamo avuto la partecipazione sia del Commissario straordinario dell’Ente sia della dottoressa Elvira Costantino, delegata del Dipartimento territorio e tutela dell’ambiente, che ci ha delucidato - ricorderà bene il collega Mammoliti che è vicepresidente della Commissione - rispetto alle attività che si stanno svolgendo.

Per quanto riguarda la carenza di personale, attualmente - lo dicevo nella mia relazione - l’Ente parchi marini svolge la sua attività con il personale interno della Regione Calabria, quindi, senza costi di personale a carico dell'ente, ma giova precisare che è recente l'approvazione del piano del fabbisogno che vedrà, appunto, l’ente dotarsi di personale specifico e di personale soprattutto che abbia delle competenze specifiche in materia, in maniera tale da attivare le sedi che ci sono attualmente in Calabria per il funzionamento generale dell'ente.

Ciò è quanto ha riferito il Commissario straordinario durante la seduta di Commissione, quindi, questo è un importante passo in avanti verso il potenziamento di quelle che devono essere le attività dell'Ente parchi marini regionali.

Per quanto riguarda l’aspetto del commissariamento, il Commissario è stato molto chiaro anche su questo aspetto rispetto alle osservazioni che la Commissione ha fatto.

Difatti, era stata espletata una procedura per la nomina del direttore generale, che dovrà essere modificata poiché, nel frattempo, il Consiglio regionale ha approvato la nuova legge regionale che riguarda la tutela delle aree naturali, delle riserve naturali in Calabria che, quindi, dal punto di vista normativo deve essere adeguata a quella che è la nuova legge regionale che è subentrata a quella precedente.

Anche su tale problematica si sta intervenendo in maniera diretta per cercare di risolverla il prima possibile e abbiamo avuto varie delucidazioni anche sulle varie attività che si stanno svolgendo.

Ricordo che questo Commissario si è insediato il 18 maggio e, nonostante siano passati pochi mesi, grazie al supporto della Giunta, del Consiglio regionale e del Dipartimento, ha comunque impresso un’accelerazione rispetto a quelle che sono le attività da portare avanti; ad esempio, uno su tutti, il finanziamento per il progetto dei campi boe per le imbarcazioni e per le immersioni, per un importo pari a 2 milioni 500 mila euro, che sarà un’altra attività molto importante delle tante che si stanno mettendo in campo.

Da questo punto di vista, ritengo che si stia facendo un buon lavoro.

Anche questa amministrazione, nell'ambito dell’approvazione del Piano operativo regionale, Azione 2.7.1 del Por Calabria, ha previsto 51 milioni di euro per la conservazione e la valorizzazione delle aree protette dei Parchi marini e di tutto quello che è l’importante patrimonio naturale di cui dispone la Regione Calabria.

Si sta, quindi, dando un'impronta diversa rispetto al percorso che questo ente dovrà svolgere nelle funzioni demandate.

Giusto per precisare che il quadro è totalmente differente rispetto a quanto riferito ma, ripeto, è stato affrontato in Commissione.

Ho ritenuto corretto informare anche l’Aula e chi ci ascolta, chi ci vede in diretta per far capire quello che è il prezioso lavoro che si sta svolgendo anche su questa tematica importante. Grazie, Presidente.

PRESIDENTE

Grazie per la precisazione, consigliere Montuoro. Poniamo in votazione il provvedimento nel suo complesso. Il provvedimento è approvato.

 

(Il Consiglio approva)

(È riportata in Allegati)

Proposta di legge numero 217/12^ di iniziativa dei consiglieri M. Comito, A. Lo Schiavo, F. Mancuso, G. Crinò, F. De Nisi, G. Gelardi, G. Graziano, D. Bevacqua, F. Laghi, G. Neri, D. Tavernise, recante: “Integrazioni alla legge regionale 4 settembre 2001, n. 19 (Norme sul procedimento amministrativo, la pubblicità degli atti ed il diritto di accesso)”

PRESIDENTE

Passiamo al quarto punto all'ordine del giorno, riguardante la proposta di legge numero 217/12^ di iniziativa dei consiglieri Comito, Lo Schiavo, Mancuso, Crinò, De Nisi, Gelardi, Graziano, Bevacqua, Laghi, Neri, Tavernise recante: “Integrazioni alla legge regionale 4 settembre 2001, numero 19 (Norme sul procedimento amministrativo, la pubblicità degli atti e il diritto di accesso)”.

La parola al consigliere Lo Schiavo per illustrare il provvedimento. Prego, consigliere Lo Schiavo.

LO SCHIAVO Antonio (Gruppo misto), relatore

Grazie, Presidente. Questa proposta, che reca la firma di tutti i capigruppo in Consiglio regionale, mira a semplificare il procedimento amministrativo e scaturisce dalle sollecitazioni che i medici di famiglia e i pediatri calabresi hanno avanzato alla classe politica.

Il testo scaturisce dall’accorpamento di mia proposta di legge presentata quasi contemporaneamente al consigliere Comito, quindi, nasce da un comune sentire e consente alla Calabria di annoverarsi tra le prime Regioni del Meridione nell’ambito di questo processo di semplificazione amministrativa.

Difatti, il decreto del Presidente della Repubblica del 1967 in materia di medicina scolastica prevedeva l’obbligo di presentare un certificato medico per gli alunni delle scuole che si erano assentati dalle lezioni per più di 5 giorni consecutivi.

In realtà, nel corso degli anni, questo obbligo di certificazione è stato abolito in numerose Regioni italiane, ma soprattutto il Consiglio di Stato ha precisato che nell'ambito di questo tipo di certificazione non ci si trova su un terreno di prevenzione collettiva, nel senso che questi certificati non avevano e non assolvono a un compito di tutela della salute pubblica, ma rientravano nella disponibilità amministrativa del procedimento che ciascuna Regione poteva con propria autonomia adottare.

Proprio quest’anno, la Regione Toscana ha abolito l'obbligo di presentazione di questi certificati medici.

In realtà, chi come me ha dei figli in età scolastica sa bene che questo tipo di certificazione comporta un appesantimento non solo per i pediatri calabresi, che sono aggravati da obblighi burocratici, ma anche per le famiglie stesse che sono costrette dopo i 5 giorni a doversi recare e a contattare senza alcuna urgenza i medici di famiglia; quindi, questo certificato ormai è considerato anacronistico e al pediatra, comunque, resta l'obbligo di segnalare la malattia infettiva al Servizio di igiene.

Il messaggio che voglio mandare è che noi non abbassiamo ovviamente la guardia rispetto alla tutela delle malattie infettive, né questo certificato ha a che fare con la tutela per l’emergenza Covid; emergenza, tra l'altro, cessata in Italia ad aprile del 2022.

Questo certificato aveva, ed ha, altre funzioni; quindi, ritengo che bene faccia il Consiglio regionale della Calabria a semplificare il procedimento amministrativo sostituendo la certificazione e questo tipo di documento che devono rilasciare i medici pediatri con un'autocertificazione, dove ovviamente le famiglie attesteranno e si assumeranno la responsabilità di quanto dichiarato.

Ovviamente, l'utilizzo di questo strumento dimostra che non è stato uno strumento per prevenire focolai infettivi al rientro in classe; quindi, tutto depone per la possibilità di adottare questa scelta e di inserire la Regione Calabria assieme a una serie di Regioni del nostro Paese, tra cui: Friuli-Venezia-Giulia, Liguria, Piemonte, Lombardia, Umbria, Emilia-Romagna, Lazio, Marche e, come dicevo, la Toscana nel 2023; quindi, può rappresentare anche un segnale positivo nelle Regioni meridionali, essendo la Calabria un’apripista nell'ambito della semplificazione di questo procedimento amministrativo.

Grazie, Presidente.

 

Presidenza del presidente Filippo Mancuso

PRESIDENTE

Grazie, consigliere Lo Schiavo. Ha chiesto di intervenire il consigliere Laghi. Prego, ne ha facoltà.

LAGHI Ferdinando (De Magistris Presidente)

Grazie, Presidente. Concordo con quanto riferito dal collega Lo Schiavo e mi complimento anche col collega Comito per avere insieme concepito quello che è oggettivamente una semplificazione e, quindi, un avanzamento civile della Regione Calabria.

Stante l'argomento legato all’istruzione, vorrei chiederle Presidente, un minuto per leggere poche righe.

Presidente e colleghi, mi preme segnalare – trattandosi di una cosa che fa assolutamente onore alla Calabria – la cerimonia di consegna del prestigioso Premio "Principessa delle Asturie”, comunemente considerato come il Nobel spagnolo, tenutosi venerdì scorso a Oviedo in Spagna, in cui la famiglia reale ha consegnato il premio relativamente al tema comunicazione e umanistica ai familiari del compianto professor Nuccio Ordine, nostro conterraneo illustre.

Letterato, saggista, docente dell'Università della Calabria, come è noto, Ordine ci ha lasciato prematuramente lo scorso 10 giugno, con unanime cordoglio di quanti lo hanno conosciuto o hanno solo apprezzato l’apporto del professore Ordine alla cultura universale, tra cui lei stesso, presidente Mancuso, così come il Presidente della Giunta, onorevole Roberto Occhiuto.

Nel corso della cerimonia, re Felipe Sesto ha ricordato il suo insegnamento: “Facciamo della ricerca libera e dell'arte del pensiero critico l'orizzonte che ci ispira per essere migliori”. Grazie, Presidente.

PRESIDENTE

Grazie, consigliere Laghi. Passiamo all’esame e votazione del provvedimento.

Articolo 1

(È approvato)

 

Articolo 2

(È approvato)

 

Passiamo alla votazione della proposta di legge nel suo complesso con richiesta di autorizzazione al coordinamento formale.

Il provvedimento è approvato con autorizzazione al coordinamento formale.

 

(Il Consiglio approva)

(È riportata in Allegati)

Proposta di legge numero 207/12^ di iniziativa dei consiglieri P. Molinaro, G. Gelardi, F. Mancuso, P. Raso, recante: “Promozione del cicloturismo e riconoscimento della ciclovia dei parchi della Calabria”

PRESIDENTE

Passiamo alla proposta di legge numero 207/12^ di iniziativa dei consiglieri Molinaro, Gelardi, Mancuso, Raso recante: “Promozione del cicloturismo e riconoscimento della ciclovia dei Parchi della Calabria”.

Cedo la parola alla consigliera Gentile per illustrare il provvedimento. Prego, ne ha facoltà.

GENTILE Katya (Forza Italia), relatrice

Grazie, Presidente. Un cordiale saluto a tutti i colleghi, i signori della Giunta, il Presidente della Giunta, i signori della stampa e il pubblico presente.

Intanto, mi complimento con i colleghi consiglieri proponenti per la bontà di questa proposta di legge.

L'obiettivo della presente proposta di legge è quello di fornire una cornice normativa all'interno della quale poter promuovere iniziative indirizzate alla valorizzazione dei percorsi cicloturistici e allo sviluppo di nuovi prodotti turistici in bicicletta.

Mettere a sistema le molte iniziative già assunte, sia da parte pubblica sia da parte privata, grazie alle quali sono già fruibili in Calabria diverse occasioni di cicloturismo, consentirà di offrire un'immagine unica di offerta sul territorio sulla quale avviare politiche di programmazione nella specifica sezione introdotta dalla presente legge destinata allo sviluppo del cicloturismo nell'ambito del Piano regionale del turismo e del Piano regionale dei trasporti.

Si prevede l’istituzione del Catasto regionale dei percorsi cicloturistici e l'introduzione della Carta dei servizi, strumento fondamentale per stimolare la qualificazione dell'offerta cicloturistica e per incentivare lo sviluppo di un tessuto imprenditoriale consapevole e collaborativo verso questa nuova forma di turismo.

Il turismo in generale, e quello calabrese nello specifico, stanno ormai da tempo sperimentando il successo di forme di turismo esperienziale di cui il cicloturismo nelle sue molteplici forme rappresenta una delle espressioni più innovative e sostenibili.

Una realtà ovunque costante e in esponenziale crescita.

Lo confermano con nettezza i dati forniti dal terzo Rapporto sul cicloturismo, elaborato circa un anno fa da ISNART, Istituto nazionale ricerche turistiche, in collaborazione con Legambiente, secondo il quale dal 2019 al 2022 il numero dei cicloturisti in Italia è raddoppiato, registrando nell'ultimo anno circa 33 milioni di presenze e con un impatto economico diretto che ammonta, secondo le stime ISNART, a 4,1 miliardi di euro.

Tale espansione ha recentemente interessato le Regioni meridionali che sono diventate meta turistica per il 17 per cento di cicloturisti puri rispetto al 7 per cento registrato nel 2019, grazie anche al diffondersi di nuove ciclovie e percorsi cicloturistici.

Un settore e una linea di intervento sui quali questa amministrazione ha investito molto, portando avanti politiche di valorizzazione del turismo sostenibile e slow nel nostro territorio, di promozione di processi di destagionalizzazione e di internazionalizzazione dei flussi turistici finalizzati a intercettare target e sentimenti diversi da quelli attratti dalle nostre mete turistiche tradizionali, di valorizzazione delle aree interne e di incentivazione di nuove attività imprenditoriali, grazie anche alle opportunità offerte dal PNRR (Piano nazionale di ripresa e resilienza), che ha destinato ingenti risorse finanziarie a progetti e investimenti riconducibili al cicloturismo.

L’attività della sesta Commissione, da me presieduta –ringrazio sempre tutti i componenti per il grande lavoro che stiamo facendo insieme – e competente in materia, è fortemente incentrata sui medesimi obiettivi, attraverso un costante lavoro di ascolto e riflessione finalizzato a delineare per tale settore un substrato normativo che fornisca terreno fertile per una programmazione organica e continuativa in tal senso.

È opportuno ricordare, inoltre, che in tale ottica quest'anno è stato rinnovato il bando di avviso pubblico della Regione Calabria per la selezione e il finanziamento di interventi per il miglioramento delle condizioni e degli standard di offerta e fruizione turistica della ciclovia dei Parchi della Calabria all'interno dell'Asse 3 (Competitività dei sistemi produttivi) del PAC Calabria 2014-2020.

L'obiettivo di tale sostegno è potenziare e qualificare i servizi turistici, compresa l'accoglienza, la ricettività, l'accessibilità dei luoghi, l’innovazione di processi e di servizi delle imprese nelle destinazioni turistiche localizzate lungo la ciclovia dei Parchi della Calabria.

Si constata, inoltre, che lungo gli itinerari ciclabili sono nati servizi innovativi di successo con chiari risvolti positivi anche in ambito occupazione; è il caso, per esempio, della Catasta, un geo sito UNESCO, il primo Hub turistico della cultura dedicato del Parco nazionale del Pollino.

Molteplici sono, dunque, i vantaggi legati al cicloturismo che deve, tra l'altro, essere concepito in un'ottica di complementarità ad altre tipologie di turismo fortemente sviluppate all'interno della regione, quale quello enogastronomico, paesaggistico e folkloristico.

Il Parlamento europeo, ravvedendo le potenzialità insite in questo settore, ha recentemente elaborato la Cycling Strategy, una risoluzione che in 18 punti pone agli Stati membri sfidanti obiettivi, tra i quali quello di raddoppiare il numero dei chilometri pedalabili in Europa entro il 2030; un obiettivo già perseguito dalla Regione Calabria con l'inaugurazione nel 2021 della ciclovia dei Parchi della Calabria; ben 545 chilometri di percorsi ciclabili che attraverso la regione, dall'alto verso il basso, collegano le quattro aree protette dell’entroterra calabro, l'Aspromonte, la Sila, il Pollino e le Serre per godersi in bicicletta una Calabria inedita, autentica e sorprendentemente straordinaria.

Nel 2021 la ciclovia dei Parchi di Calabria ha visto assegnarsi l’Oscar italiano del cicloturismo, con la seguente dichiarazione: “Motivazione della vittoria è stato l'impegno della Regione in un progetto di valorizzazione del turismo sostenibile e della mobilità lenta focalizzato su quattro meravigliose e integre aree protette e su borghi e paesi che incarnano lo spirito calabrese”.

La ciclovia dei Parchi rappresenta, inoltre, un valido esempio di comunicazione integrata per l'ottima organizzazione e la capacità di presentare il percorso e il territorio attraverso il sito multilingue e di canali Social.

Si tratta, evidentemente, di riconoscimenti che ci confermano che la strada intrapresa è quella giusta e che solo grazie all’impegno, alla volontà e alla collaborazione e sinergia tra i vari attori coinvolti è possibile conseguire importanti i traguardi per la valorizzazione della nostra Regione. Grazie.

PRESIDENTE

Grazie, consigliera Gentile. Ha chiesto di intervenire il consigliere Alecci. Ne ha facoltà.

ALECCI Ernesto (Partito Democratico)

Grazie, signor Presidente, sarò telegrafico. Ben venga questa proposta di legge. Faccio i complimenti a chi l’ha redatta e alla relatrice, la collega Gentile.

Voglio solo sottolineare, però, senza alcuna polemica, che sono state presentate anche altre proposte di legge per potenziare il settore turistico nella Regione Calabria.

Io ne ho presentata una sul mototurismo tre mesi prima rispetto a questa sul cicloturismo.

Pur essendo un misero consigliere d'opposizione, ritengo giusto portare avanti allo stesso modo tutte le leggi buone per la Calabria, come la proposta sulla street art, votata all'unanimità in Commissione.

Ormai è passato un anno e tanti giovani artisti hanno perso l'opportunità di poter essere aiutati da questa proposta di legge.

Il mio augurio è che, quando le proposte di legge sono buone, come quella presentata oggi dalla collega Gentile, siano poi discusse in Aula e in Commissione con la stessa celerità; quindi, grazie e complimenti.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Laghi. Ne ha facoltà.

LAGHI Ferdinando (De Magistris Presidente)

Grazie, Presidente. Anch’io apprezzo moltissimo questa proposta di legge e mi complimento con chi ci ha lavorato.

Volevo segnalare un aspetto che ho già segnalato in Commissione, ma che reputo assolutamente nodale per conservare un patrimonio che richiede anche degli esborsi economici non poco rilevanti: il problema del controllo e della manutenzione delle ciclovie, che è fondamentale poiché, se lasciate al loro naturale e normale degrado, anche perché sono in ambito non urbano – l'ambito urbano però non garantisce granché sulla percorribilità delle strade – le ciclovie spesso non sono né controllate né manutenute.

Per esempio, la ciclovia del Parco del Pollino, che è bellissima e va da Castrovillari a Morano, è davvero una realtà che spinge all'utilizzo della bicicletta per gustare il panorama e quant'altro, però, è in stato di progressivo degrado.

Tra l'altro, mentre la presenza di ciclovie è attrattiva anche dal punto di vista del turismo, soprattutto il turismo lento che, quindi, gode della visione dei Parchi e della visita dei luoghi, allora diventa una sorta di boomerang perché, oltre a essere pericoloso, diventa un biglietto da visita negativo che, poi, col passaparola fa gli interessi contrari a quelli della Calabria.

Pertanto, chiedo di focalizzare particolarmente gli aspetti di controllo e manutentivi che ci permetterebbero, invece, di avere un elemento ormai fondamentale per la fruizione dei Parchi e un ottimo biglietto da visita per la Regione Calabria.

Grazie.

PRESIDENTE

Grazie, consigliere Laghi.

Ha chiesto di intervenire il consigliere Afflitto. Prego, ne ha facoltà.

AFFLITTO Francesco (Movimento Cinque Stelle)

Grazie, Presidente. Buon pomeriggio a tutti. Vorrei esprimere le mie personali considerazioni sull'oggetto in questione, ovvero il cicloturismo e le ciclovie in Calabria.

Fortunatamente è opinione diffusa che le ciclovie, oltre a richiamare flussi di turisti, promuovono un turismo ecosostenibile.

I veri protagonisti delle ciclovie sono la bicicletta e il paesaggio. Quest'ultimo viene vissuto e goduto nella propria interezza, apprezzandone al meglio l'essenza e la bellezza, ma soprattutto rispettandolo appieno.

L'interesse sempre maggiore per l'ambiente fa sì che alla bici si possa riconoscere la facoltà di diventare protagonista di quel futuro ecologico che dovrebbe migliorare le condizioni del nostro ecosistema.

Optare per le due ruote non significa solo maggiore agibilità di spostamento, bensì eliminare l'inquinamento, anche di tipo olfattivo e acustico.

La bicicletta, infatti, rappresenta una soluzione per la mobilità sostenibile, che permette di evitare consumo di carburante ed emissioni, e di guadagnare in salute e agilità di spostamento, rispettando e salvaguardando il paesaggio.

La battaglia per l'ambiente contro il degrado civile comincia dalle piccole azioni e dalle piccole proposte.

L'idea che oggi discutiamo in Aula sulle ciclovie si incardina in questa battaglia e non può che trovarmi favorevole.

Apprezzo il lavoro svolto dalla Commissione presieduta dalla presidente Gentile che, fin dall'inizio, ha dato un eccellente slancio propulsivo, orientando l'azione verso traguardi basati sulla tutela dell'ambiente e sulla promozione di una sempre più diffusa coscienza ecologica. Tuttavia, ancora può e deve essere fatto. Grazie.

PRESIDENTE

Grazie, consigliere Afflitto. Passiamo all'esame e votazione del provvedimento.

Articolo 1

(È approvato)

 

Articolo 2

(È approvato)

 

All’articolo 3 è pervenuto l'emendamento protocollo numero 19955, a firma del consigliere Molinaro, a cui cedo la parola per l'illustrazione. Prego, consigliere Molinaro.

MOLINARO Pietro (Lega Salvini)

Grazie, Presidente. La presente proposta emendativa modifica il comma 1, dell'articolo 3, al fine di garantire l'assenza di nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio regionale.

Il testo dell'emendamento è il seguente: <al comma 1, dell'articolo 3, dopo le parole “Nell'ambito del Piano regionale del turismo e del Piano regionale dei trasporti” viene aggiunto: “senza ulteriori oneri a carico del bilancio regionale, e comunque nei limiti delle risorse finanziarie già presenti in bilancio”>.

Grazie, Presidente.

PRESIDENTE

Grazie, consigliere Molinaro. Parere del relatore?

GENTILE Katya (Forza Italia), relatrice

Favorevole.

PRESIDENTE

Parere della Giunta regionale?

PRINCI Giuseppina, Vicepresidente della Giunta

Favorevole.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l'emendamento. L'emendamento è approvato.

 

Articolo 3

(È approvato per come emendato)

 

Articolo 4

(È approvato)

 

Articolo 5

(È approvato)

 

Articolo 6

(È approvato)

 

Articolo 7

(È approvato)

 

Passiamo alla votazione della proposta di legge nel suo complesso, per come emendata con richiesta di autorizzazione al coordinamento formale. La proposta di legge è approvata, per come emendata, con autorizzazione al coordinamento formale.

 

(Il Consiglio approva)

(È riportata in Allegati)

Proposta di legge numero 236/12, di iniziativa dei consiglieri Comito, Crinò, De Nisi, Graziano, Gelardi, Neri, recante: “Interventi normativi sulle leggi regionali n. 12/2023, n. 14/2023, n. 25/2020, n. 28/2018, n. 22/2023, n. 24/2023, n. 8/2023, n. 19/2002, n. 45/2012, n. 25/2023, n. 32/1996, n. 36/2023, n. 37/2023, n. 39/2023, n. 19/2009, n. 42/2017 e disposizioni normative”

PRESIDENTE

Passiamo alla proposta di legge numero 236/12^ di iniziativa dei consiglieri Comito, Crinò, De Nisi, Graziano, Gelardi, Neri, recante: “Interventi normativi sulle leggi regionali 12/2023, 14/2023, 25/2020, 28/2018, 22/2023, 24/2023, 8/2023, 19/2002, 45/2012, 25/2023, 32/1996, 36/2023, 37/2023, 39/2023, 19/2009, 42/2017 e disposizioni normative”.

Cedo la parola alla consigliera De Francesco per illustrare il provvedimento. Prego, consigliera De Francesco.

DE FRANCESCO Luciana (Fratelli d’Italia), relatrice

Grazie, signor Presidente. La proposta di legge numero 236/12^ è stata licenziata dalla prima Commissione consiliare e il contesto degli interventi normativi proposto in oggetto è quello di garantire il pieno funzionamento della gestione regionale.

Inoltre, tenendo conto della sua importanza strategica come servizio di interesse generale, faciliterà l'attuazione di tutte le iniziative necessarie al raggiungimento dei suoi obiettivi, ottenendone l'efficacia, anche attraverso l'individuazione e l'analisi dei principali effetti delle sovrapposizioni e delle incoerenze delle normative che regolano i vari settori, alla luce delle distorsioni che possono avere influito negativamente sul rispetto delle disposizioni normative.

Le disposizioni contenute negli articoli da 1 a 14 costituiscono l'adempimento degli impegni istituzionali assunti dal Presidente della Giunta regionale nell'ambito delle discussioni instaurate con i Ministeri competenti in merito alle leggi regionali in corso di modifica in data odierna, al fine di attuare il principio di leale collaborazione.

In particolare, si segnala che l'articolo 14, comma 1, lettera c), è stato inserito per superare una criticità relativa alla portata finanziaria della legge numero 39 del 2023, così come segnalato dal Ministero dell'economia e delle finanze con la nota numero 47818 del 2023, che si configura come un mero errore di battitura, anche alla luce della relazione tecnico-finanziaria allegata a tale legge.

L'articolo 15 è volto ad abrogare la disposizione regionale relativa al servizio di tesoreria. Infatti, la previsione di una tesoreria unica penalizzerebbe in termini di economie di scala la Regione e tutti gli Enti, le Aziende e le Agenzie regionali, comprese le Aziende del Servizio sanitario regionale, indicati al comma 1 dell'articolo in esame, poiché l'intero gruppo soffrirebbe della mancata sostenibilità delle ingenti disponibilità finanziarie richieste all'affidatario.

La norma è, quindi, di complessa applicazione, in quanto rende inaccettabile dal punto di vista gestionale ed economico lo svolgimento del servizio di tesoreria all'intera periferia soggettiva individuata dall'ATI e dai grandi gruppi bancari, impedendo la frammentazione dei contratti.

Infatti, a causa della sua scarsa attrattività, solo lo scorso anno, due procedure su questo contratto sono andate a vuoto, riducendo a zero la possibilità per gli Enti di sottoscrivere un unico contratto.

Inoltre, il TAR della Calabria si è recentemente pronunciato ordinando alla Regione Calabria di fissare un termine finale per l'appalto attualmente prorogato per la gestione delle operazioni di tesoreria nazionale, nonostante l'oggettiva impossibilità di commissionare tale lavoro.

Poiché i servizi di tesoreria statale sono servizi pubblici essenziali, devono necessariamente essere affidati a operatori di mercato, nell'interesse di tutti gli Enti coinvolti e nel rispetto del principio generale del favor partecipationis e della tutela delle piccole e medie imprese nell'affidamento degli appalti pubblici sanciti dal Codice degli appalti.

Si ritiene opportuno, pertanto, abrogare le disposizioni obbligatorie del Tesoriere unico locale.

Trattandosi di una norma di tipo ordinamentale, non comporta alcun onere per il bilancio regionale.

Per quanto attiene l'articolo 16, la legge locale numero 39 del 29 novembre 2022 autorizza la spesa complessiva di 600 mila euro nel biennio 2022/2023 per consentire l’espletamento delle procedure di selezione per il reclutamento del personale affidato a FORMEZ PA.

A seguito di ciò, è stata avviata la procedura di selezione per “113 posti di categoria D in Calabria” e pubblicato un avviso pubblico su Gazzetta Ufficiale numero 94 del 29 novembre 2022 e di un'apposita convenzione con FORMEZ PA. Sono state attuate le suddette procedure e, tenuto conto dell'elevato numero di partecipanti – esattamente 10.381 domande in relazione ai due profili professionali messi a disposizione – e del conseguente elevato numero di candidati che hanno superato la prova orale, la Commissione Ripam si riserva di nominare delle sottocommissioni per garantire la funzionalità e la rapidità della procedura concorsuale.

L'articolo 17 prevede misure di sostegno alle attività forestali.

L'articolo 18 prevede il differimento di un termine di liquidazione della Fondazione in house Calabria Etica.

L'articolo 19 contiene disposizioni finanziarie.

L'articolo 20 prevede l'entrata in vigore della legge.

Grazie.

PRESIDENTE

Grazie, consigliera De Francesco. Ha chiesto di intervenire il consigliere Bevacqua. Ne ha facoltà.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico)

Grazie, Presidente. Per molti di voi potrei sembrare noioso, ripetitivo e per qualcun altro – mi auguro in pochi – anche fastidioso, perché ogni qualvolta proponete in Aula un provvedimento cosiddetto ominibus o di manutenzione ordinaria delle leggi, reputo doveroso, da parte di chi ricopre un ruolo di opposizione in quest'Aula, dichiarare un certo imbarazzo poiché, ancora una volta, dimostrate su questi provvedimenti approssimazione e superficialità nello svolgimento della funzione legislativa.

Non me ne voglia il Settore assistenza giuridica del Consiglio regionale, ma ritengo che tale imbarazzo dovrebbe riguardare anche gli Uffici interessati a garantire trasparenza e rispetto dei principi normativi alla base di ogni provvedimento.

Lo dico con grande rispetto verso le professionalità presenti negli Uffici interessati, ma la domanda sorge spontanea: siete autorevoli nel rivendicare il ruolo e il rispetto della vostra funzione o siete proni a chi oggi governa questa Regione col piglio autoritario e senza considerazioni verso chi è chiamato a svolgere il proprio compito, mortificandone professionalità e competenze?

Credo che mai nella storia del regionalismo calabrese la qualità del processo legislativo che sta caratterizzando questa legislatura sia stata così bassa e poco gratificante per chi dovrebbe supportarlo e contribuire con la propria funzione.

La vostra superficialità – mi rivolgo alla Presidente della Commissione, all'amica De Francesco – emerge ancora più chiaramente dal tempo che avete dedicato alla discussione su questo provvedimento nella sua Commissione, e che riguardava ben 18 interventi di manutenzione legislativa.

Sapete quanto tempo avete dedicato? Solo 8 minuti per approvare un provvedimento che solo nella lettura richiedeva sicuramente ben più tempo rispetto al tempo utilizzato!

Questo è un fatto che non vuole accusare la Presidente o la Commissione; è un fatto che riscontriamo costantemente e continuamente in quest'Aula.

Difatti, questo è il nono provvedimento omnibus che presentate in quest'Aula.

Oggi siamo qui – mi soffermo solo su alcuni punti – per intervenire su ben 9 leggi approvate nel 2023 e che già necessitano di correzioni sostanziali di non poco conto.

Io vorrei solo soffermarmi su tre o quattro di questi provvedimenti oggi in discussione, iniziando dai Consorzi di bonifica.

Non voglio più parlare delle riforme perché sarà il tempo a deciderne la giustezza o meno.

Sono certo, però, che gli unici che pagheranno il prezzo di queste riforme saranno gli operai con il TFR e i creditori che avanzano risorse importanti da questi Enti. Per il resto, sarà la storia a dire se è giusta o meno questa riforma.

Oggi, in questo provvedimento si parla di un refuso riscontrato in questa riforma e che, guarda caso, riguarda 14 milioni di euro. Altro che refuso! Non può essere un refuso dimenticarsi 14 milioni di euro!

Magari, è frutto di un confronto successivo con le associazioni di categoria, con le associazioni interessate, ma avreste dovuto dire: “Abbiamo riscontrato una criticità che oggi risaniamo in Aula”.

Non abbiamo assistito nemmeno a questo atto di umiltà, nel dire che si tratta di un provvedimento frutto di un discorso successivo all'approvazione del contratto di qualifica, ma si parla di refuso.

Come altro si può definire se non superficiale un intervento normativo che induce a un errore di 11 milioni e 700 mila euro nel computo di spese per le misure a sostegno dell'attività di forestazione?

Argomento già trattato e considerato nella recente legge di bilancio! Altro che refuso!

Cos'altro si potrebbe dire, ad esempio, sui limiti ISEE per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica, in merito al quale questo Consiglio regionale è già intervenuto nelle sedute del 2 agosto e del 29 settembre 2023, cioè un mese fa, e oggi siamo in quest'Aula per fare un ulteriore provvedimento di manutenzione legislativa!

“Cammini di Calabria” è un provvedimento molto sostenuto e apprezzato in quest'Aula, che anche noi abbiamo condiviso, ma come si fa a dimenticarsi, nel primo articolo, che esiste una legge quadro del 1998 sulle aree protette? Come si fa?!

Ecco perché parlo di approssimazione e superficialità nell'approvazione delle leggi.

La legge della biodiversità, caro presidente Mancuso, approvata a maggio, dimentica i necessari richiami alle Linee guida nazionali approvati in Conferenza Stato-Regioni.

Poi, il capolavoro dei capolavori: una legge di manutenzione che cancella articoli di una legge di manutenzione approvata a maggio scorso. Altro che sostanza e qualità.

Se non siamo di fronte ad approssimazioni o superficialità nell’approvazione di questa legge, che noi denunciamo da tempo, di cosa oggi dovremmo parlare?

Mi fermo qui, non voglio mettere altra carne al fuoco.

Vorrei solo ricordarvi che, in un anno e mezzo, avete portato in quest'Aula 39 leggi consistenti in modifiche e integrazioni e, badate bene, 59 interventi di manutenzione normativa, mai successo in 50 anni di vita regionale e poi voglio terminare il mio intervento soltanto con una considerazione: comprendiamo che oggi un Governo amico aiuta gli amici degli amici – ci sta, lo facevamo anche noi – per evitare ricorsi.

Quindi, – ripeto – va bene un Governo che aiuta gli amici degli amici, ma ritenete – lo dico a quest’Aula – che questo rappresenti un biglietto da visita importante per questo Consiglio regionale.

Sono preoccupato dalle notizie che mi giungono da Roma dove dicono che il Consiglio regionale calabrese è poco qualificato e poco attento ai provvedimenti legislativi e ciò scredita non soltanto il presidente Mancuso, ma anche il consigliere Bevacqua, quindi, è un problema del Consiglio regionale.

L’invito che mi permetto, sommessamente, di fare per l’ennesima volta in quest’Aula è quello di valutare e riflettere meglio su ciò che produciamo, di perdere un mese in più per l’approvazione delle leggi perché questo è un atto importante che qualifica il Consiglio e non l’esecutivo regionale perché le leggi le approviamo noi, le approva il Consiglio regionale nonostante – ci mancherebbe altro – l’input e le indicazioni dell’esecutivo regionale, ma siamo noi a metterci la faccia.

Chiederei anche ai Presidenti delle Commissioni di riflettere di più su queste proposte di legge perché – ripeto – questo riguarda anche la vostra e la nostra dignità nonché la nostra considerazione a livello più ampio che è quello nazionale oltre che locale e territoriale.

Poi, una proposta che presenteremo come Partito Democratico, nel momento in cui si riparlerà di Commissioni e quant’altro, è quella di riattivare il Comitato sulla qualità delle leggi che già c’era in precedenza – non ricordo, se è stato, poi, accorpato o modificato – che non comporta aumento di spesa e nel quale sono presenti esponenti sia di maggioranza sia di opposizione che valutano l’efficacia e l’efficienza delle leggi regionali, perché anche quello è un metro per capire se quello che approviamo e deliberiamo rientra in una logica positiva e propositiva per la Calabria o diventa soltanto un mero strumento di propaganda che non lascia nulla sul territorio. Grazie.

PRESIDENTE

Grazie, consigliere Bevacqua. Lei sa quanto rispetto ho per le opposizioni e per lei, però devo segnalarle che lei non è stato attento alla relazione della collega De Francesco e, inoltre, non abbiamo tradito gli accordi presi nella riunione della Conferenza dei capigruppo nella quale – c’è il verbale che, magari, lei può visionare – può constatare che avevamo detto che si sarebbe presentato un provvedimento omnibus.

È stato presentato regolarmente in Commissione, si è aperta la discussione nella seduta alla quale poteva partecipare e contestare qualcosa.

A tal proposito, voglio dire che in questo provvedimento omnibus 14 articoli costituiscono adempimenti degli impegni istituzionali assunti dal Presidente della Giunta regionale in attuazione del principio di leale collaborazione tra Stato e Regioni e non – come lo definisce lei, mi consenta, con tutto il rispetto, – provvedimento di amici degli amici: non ci sta che si esprima in questi termini in quest’Aula, questo me lo deve consentire.

Quello che, poi, lei chiama un errore sulla proposta di legge sulla forestazione riguarda lo stanziamento di 11.700.000 euro in più per il settore; non c’è alcun errore in quanto lo stanziamento è finalizzato a pagare i dipendenti.

Quindi, onestamente, comprendo che quello che stiamo facendo, questa enorme produzione di leggi a lei può, magari, non andare bene, però stia tranquillo che non lediamo né gli interessi di terzi né quelli di questo Consiglio, ma cerchiamo di fare le cose per bene, in democrazia: abbiamo detto che sarebbe stato presentato questo provvedimento omnibus e, onestamente, penso che, in attuazione del principio di leale collaborazione, stiamo rispettando tutte le parti.

Magari, poi, in separata sede, possiamo parlarne più approfonditamente. Lei mi ha fatto richiesta di una discussione in Commissione di una legge e le ho detto che me ne sarei occupato. Penso che stiamo procedendo con grande rispetto di tutte le parti. Grazie.

Ha chiesto di intervenire il consigliere Tavernise. Ne ha facoltà.

TAVERNISE Davide (Movimento Cinque Stelle)

Grazie, Presidente, volevo soltanto aggiungere alcune cose senza ripetere quello che è stato già detto.

Presidente Mancuso, su una cosa sono d’accordo con lei: questo Consiglio regionale sta approvando una serie di leggi. Penso, però, colleghi della maggioranza – lo dico pubblicamente – che possiamo fare ancora di più.  

Ci sono diverse proposte di legge – lo dico, Presidente, pubblicamente a nome dell’opposizione – che vi invito a firmare tutti quanti insieme come capigruppo. Se c’è un problema di pubblicità che non volete fare ai colleghi dell’opposizione, a me personalmente non interessa, però penso che sia un peccato per le leggi che sono a costo zero e che, quindi, non comportano oneri di bilancio, che sono depositate, presidente Mancuso, da tanti mesi e non vengono calendarizzate dai Presidenti delle Commissioni.

Ci sono – ripeto – diverse leggi dell’opposizione a costo zero che non vengono calendarizzate.

Tra le leggi che sono state citate, per esempio, quella sui Cammini di Calabria, che è stata approvata dalla sesta Commissione, è stata condivisa da maggioranza e opposizione e sottoscritta dai consiglieri Caputo, Molinaro e Gentile, però, poi, i Dipartimenti devono renderle esecutive, altrimenti, ce la cantiamo e ce la suoniamo.

Presidente Gentile, lei lo sa meglio di me, sulla legge sui Cammini di Calabria, insieme ai colleghi Caputo e Molinaro, avevamo stabilito che, dopo l’approvazione della legge, i Dipartimenti turismo e cultura si sarebbero attivati per creare il Tavolo di coordinamento. Se approviamo delle buone leggi e, poi, i Dipartimenti non le rendono esecutive, davvero voglio dire “ce la suoniamo e ce la cantiamo” da soli.

Questo, presidente Mancuso, penso che sia il problema più importante che dobbiamo discutere oggi come Consiglio regionale. Stiamo approvando alcune leggi buone, altre meno buone, ma i Dipartimenti le devono rendere esecutive.

Vicepresidente Princi, stessa cosa per quanto riguarda la legge istitutiva del mese dei Bronzi di Riace. Abbiamo fatto un bellissimo lavoro tutti quanti insieme, maggioranza e opposizione, e in questo caso il tempo era poco perché abbiamo approvato la legge il 15 maggio; quest’inverno, lavoriamoci sin da ora affinché il prossimo anno si abbia lo strumento per istituire il mese dei Bronzi di Riace.

La stessa cosa per quanto riguarda la legge sui Cammini di Calabria, così come tante altre leggi. Colleghi di maggioranza, su quel che possiamo, al di là dei Partiti di appartenenza, diamo un bel segnale ai nostri concittadini calabresi.

Presidente, invito anche lei, davvero, a chiedere ai Presidenti delle Commissioni di calendarizzare anche le proposte di legge della minoranza e le firmiamo tutti quanti insieme, capigruppo di maggioranza e opposizione, perché è un peccato che tante leggi non vengano calendarizzate. Grazie.

PRESIDENTE

Va bene, garantisco anche a lei un impegno in tal senso, ma deve ricordarsi che lei è opposizione e noi siamo maggioranza, perché ogni tanto sembra che tante cose si facciano per merito suo. Le ripeto che lei è opposizione e noi siamo maggioranza.

Ha chiesto di intervenire il consigliere Mammoliti. Ne ha facoltà.

MAMMOLITI Raffaele (Partito Democratico)

Grazie, Presidente, sinceramente porrei la problematica e i contenuti di questo provvedimento da un altro versante.

Presidente Mancuso, in questa vicenda, secondo me, c’è un aspetto sicuramente di natura politica – il merito e l’attività amministrativa e legislativa della Giunta – però, secondo il mio modesto punto di vista, molto attiene anche alla funzione, alla prerogativa e al ruolo dei consiglieri e del funzionamento di questo Consiglio regionale.

Quindi, credo sia giusto – per quanto mi riguarda, lo dico senza nessuna posizione politica precostituita e pregiudiziale – apprestare su questi passaggi anche dei ragionevoli accorgimenti che potrebbero sostanzialmente evitare alcuni messaggi e alcuni segnali che si possono leggere tra le righe dell’approvazione di questi provvedimenti.

Per esempio, al di là del numero dei minuti che ci sono voluti per approvare la legge, sarebbe stato opportuna la trattazione nella Commissione bilancio e non sarebbe successo nulla.

Presidente Mancuso, lo dico per una ragione, da questo punto di vista, importante che, sicuramente, lei per la sua sensibilità avrà valutato più di me, però credo sia utile e giusto prestare l’attenzione necessaria perché siamo di fronte anche ad una annuale presa di posizione della relazione della Corte dei conti che dice delle cose molto nette, chiare e anche abbastanza precise.

Presidente, lei ha, certamente, ragione sull’attuazione del principio di leale collaborazione, però, se la Corte dei conti svolge, secondo me, questa funzione e questa attività importante, noi come Consiglio regionale come vogliamo rispondere? La Corte ogni anno reitera la sua relazione e noi, Presidente, continuiamo a viaggiare per la nostra strada oppure cerchiamo, in qualche modo, di tenere conto e di osservare le indicazioni e i suggerimenti istituzionali che ci vengono forniti da quelle importanti Autorità?

Credo che sarebbe utile e giusto, come, sicuramente saprà fare lei nel dirigere questa Assemblea, prestare l’attenzione dovuta e necessaria perché - parliamoci chiaramente - quella relazione dice delle cose molto chiare e, se volete, anche abbastanza incontrovertibili per alcuni aspetti, cioè l’azione legislativa che, come lei dice, Presidente, è spesso poderosa, è però, per una buona parte, costituita anche di normative di novellazione: 36 leggi su 55, cioè stiamo parlando del 65 per cento delle leggi approvate.

Quindi, c’è una quantità di normative e di leggi, ma c’è anche però una qualità dell’azione legislativa perché, ricorrendo sempre a continue proroghe sine die, è come se, in qualche modo, si potesse determinare effettivamente un principio derogatorio alle normative.

Anche qui alcune criticità frequenti, sempre rilevate dalla relazione annuale della Corte dei conti, con 14 leggi su 55 leggi, cioè un quarto, il 25 per cento, che sono prive del parere finanziario della Commissione competente che, in questo caso, è la Commissione bilancio. Anche in questo caso, qual era l’urgenza e la necessità di approvare questo provvedimento omnibus senza farlo passare dalla Commissione bilancio?

Ci sono degli accorgimenti di responsabilità istituzionale che, secondo me, sono molto utili per rafforzare e qualificare l’azione dei provvedimenti legislativi che vengono approvati, a volte, con velocità e, altre volte commettendo delle sottovalutazioni.

Vorrei ricordare soltanto due esempi per dimostrare, come avevamo anche suggerito, delle proposte alternative durante la fase di approvazione di alcuni provvedimenti. Mi preme sottolineare in maniera veloce – e concludo – la legge sul Consorzio di bonifica unico che è stata posta come la vita o la morte di questa legislatura, cioè come la panacea dei mali della Calabria. Eppure, in quella legge si dimentica di prevedere che la Calabria subentra nei rapporti concessori della derivazione idrica inerente alle dighe a prevalente scopo irriguo o si omette, come è stato, poi, però, precisato, la questione delle coperture finanziarie.

Come pure sull’ARPAL abbiamo svolto un’azione proficua, positiva e c’è stata un’interlocuzione utile che ci ha portato anche su quell’azione a realizzare, finalmente, in Calabria le politiche attive del lavoro.

Abbiamo approvato quel provvedimento di legge, avevamo presentato degli emendamenti, alcuni dei quali sono stati approvati, ma oggi modifichiamo un aspetto che avevamo proposto e c’è stato bocciato nella Commissione che prevedeva l’inserimento nella rete regionale dei servizi e delle politiche del lavoro dell’Ufficio scolastico regionale che è l’emanazione diretta del Ministero dell’Istruzione.

Presidente, pur comprendendo le osservazioni che lei ha offerto alle puntuali dichiarazioni politiche del nostro capogruppo, la inviterei su queste problematiche e su questi provvedimenti omnibus a prestare quell’accortezza e quell’attenzione necessaria perché compromette non soltanto il valore politico dei provvedimenti, ma anche e soprattutto la cifra e la qualità culturale e istituzionale della funzione e della prerogativa dei consiglieri regionali e di questo Consiglio regionale. Grazie, Presidente.

PRESIDENTE

Grazie, anche del consiglio. Come lei può notare, non abbiamo trattato in Consiglio nessun provvedimento non previsto all’ordine del giorno e la invito a guardare la statistica di ciò che faceva il centro sinistra prima. So che lei non c’era e magari si sarebbe opposto anche al suo centro sinistra, però è così.

Ha chiesto di intervenire la consigliera De Francesco. Ne ha facoltà.

DE FRANCESCO Luciana (Fratelli d’Italia), relatrice

Grazie, Presidente, intervengo, brevemente, per replicare al collega Bevacqua.

Intanto, ringrazio lei, signor Presidente, per aver puntualizzato i contenuti del provvedimento. Probabilmente, il collega non avrà compreso la relazione che la sottoscritta ha poc’anzi esposto in Aula.

Per quanto riguarda la Commissione, ovviamente, la discussione è avvenuta in quella sede che, per quanto mi riguarda, è il luogo, preposto proprio per esaminare e discutere i provvedimenti e nella quale dispiace, però, segnalare la mancata partecipazione dei colleghi dell’opposizione.

Consigliere Bevacqua, avrebbe potuto, quindi, tranquillamente partecipare in Commissione e, magari, avrei apprezzato una eventuale collaborazione rispetto anche ai provvedimenti che vengono esaminati. Poi, ovviamente, è troppo facile venire in Aula ed esporre ogni volta qui le lamentele e le contestazioni sui provvedimenti che vengono puntualmente esaminati in sede di Commissione. Grazie.

PRESIDENTE

Grazie, consigliera De Francesco.

Passiamo all’esame e votazione del provvedimento.

Articolo 1

(È approvato)

Articolo 2

(È approvato)

Articolo 3

(È approvato)

Articolo 4

(È approvato)

Articolo 5

All’articolo 6 è pervenuto l’emendamento protocollo numero 20173/A02, a firma della consigliera De Francesco, alla quale cedo la parola per l’illustrazione, prego.

DE FRANCESCO Luciana (Fratelli d’Italia), relatrice

Grazie, Presidente. Il presente emendamento mira a sopprimere l’articolo 11 della proposta di legge numero 236/12^, atteso che l’impegno assunto con il Governo è stato già inserito nel nostro ordinamento regionale. Il presente emendamento ha carattere ordinamentale e non comporta nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio regionale. Grazie.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

PRINCI Giuseppina, Vicepresidente della Giunta regionale

Favorevole.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 20173/A02. L’emendamento è approvato.

Pongo in votazione l’articolo 6 per come emendato.

Articolo 6

(È approvato così come emendato)

Articolo 7

(È approvato)

All’articolo 8 è pervenuto l’emendamento protocollo numero 20173/A04, a firma della consigliera De Francesco, alla quale cedo la parola per l’illustrazione.

DE FRANCESCO Luciana (Fratelli d’Italia), relatrice

Presidente, il presente emendamento è redatto al fine di adeguare le norme ivi contenute ai rilievi di natura squisitamente formali contenuti nella scheda di analisi tecnico-normativa, redatta dal Settore assistenza giuridica del Consiglio regionale.

Il presente emendamento ha carattere ordinamentale e non comporta nuovi o maggiori oneri a carico del Bilancio.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

PRINCI Giuseppina, Vicepresidente della Giunta regionale

Favorevole.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l'emendamento. L'emendamento è approvato.

Pongo in votazione l'articolo 8.

Articolo 8

(È approvato così come emendato)

Articolo 9

(È approvato)

Articolo 10

(È approvato)

All’articolo 11 è pervenuto l'emendamento protocollo 20173/A06 a firma del consigliere De Francesco, a cui cedo la parola per l'illustrazione, prego.

DE FRANCESCO Luciana (Fratelli d’Italia), relatrice

Il presente emendamento mira a sopprimere l'articolo 11 della proposta di legge 236/12^, atteso che l'intervento di recepimento dell'impegno assunto con il Governo è stato già inserito nel nostro ordinamento regionale. Il presente emendamento ha carattere ordinamentale e non comporta nuovi o maggiori oneri a carico del Bilancio regionale.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

PRINCI Giuseppina, Vicepresidente della Giunta regionale

Favorevole.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l'emendamento. L'emendamento è approvato.

Pongo in votazione l'articolo 11.

Articolo 11

(È approvato così come emendato)

Articolo 12

(È approvato)

Articolo 13

(È approvato)

Articolo 14

(È approvato)

Articolo 15

(È approvato)

Articolo 16

(È approvato)

Articolo 17

(È approvato)

Articolo 18

(È approvato)

Dopo l’articolo 18 è pervenuto l'emendamento protocollo 20244, a firma del consigliere Cirillo, a cui cedo la parola per l'illustrazione. Prego.

CIRILLO Salvatore (Coraggio Italia)

Grazie, Presidente. Il presente emendamento mira a introdurre l'articolo 18-bis alla proposta di legge 236/12^. L'intervento normativo si rende necessario al fine di favorire lo sviluppo economico-sociale e l'accessibilità del territorio regionale e per assicurare la continuità del servizio essenziale di interesse economico generale inerente al trasporto aereo e i servizi aeroportuali, la Regione, con la presente legge, promuove un intervento finanziario a favore della società, SACAL S.p.A. La norma, al comma 1, prevede l'autorizzazione dei soci pubblici o a partecipazione pubblica a concedere contributi e sovvenzioni alla società SACAL S.p.A. per incentivare i vettori aerei a implementare nuove rotte o a consolidare quelle esistenti per il sostegno dei flussi turistici in arrivo, nel rispetto delle disposizioni comunitarie e nazionali e tutti gli adempimenti procedimentali previsti al paragrafo 3.5 della "Comunicazione della Commissione europea relativa agli orientamenti sugli aiuti di Stato”.

Gli orientamenti della Commissione stabiliscono che, quando un gestore aeroportuale dispone di risorse pubbliche, in linea di principio, si può escludere che si tratti di aiuto di Stato a una compagnia aerea che utilizza l'aeroporto quando il rapporto tra il gestore dell'aeroporto e la suddetta compagnia è conforme al cosiddetto "MEO" o test dell'operatore in un'economia di mercato, che si intende superato quando le condizioni economiche praticate ai servizi aeroportuali sono in linea con i prezzi di mercato, oppure quando tali condizioni sono in grado, nel medio periodo, di assicurare un margine di profitto incrementale. Grazie.

PRESIDENTE

Grazie. Parere della Giunta?

PRINCI Giuseppina, Vicepresidente della Giunta regionale

Favorevole.

PRESIDENTE

Parere del relatore?

DE FRANCESCO Luciana (Fratelli d’Italia), relatrice

Favorevole.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l'emendamento. L'emendamento è approvato. Pertanto, è inserito l’articolo 18-bis.

Articolo 19

(È approvato)

Articolo 20

(È approvato)

Prima dell'approvazione della legge nel suo complesso, cedo la parola al collega Mammoliti che ha chiesto di intervenire per dichiarazione di voto. Prego.

MAMMOLITI Raffaele (Partito Democratico)

Grazie, Presidente. Per dire la verità, a causa dell'approccio sia politico sia istituzionale che registro, noi dovremmo votare contro. Tuttavia, siamo sempre persone ragionevoli e responsabili e ci sono alcuni contenuti che attengono naturalmente ad aspetti di reciproca collaborazione con alcuni Enti istituzionali. Per questa ragione, a nome del gruppo, annuncio l'astensione dal voto sul provvedimento.

Però, sinceramente, consentitemi di dire che avete approvato un provvedimento omnibus senza passare dalla prevista Commissione, la seconda Commissione, e, addirittura, con velocità supersonica oggi approvate emendamenti alla proposta omnibus. Veramente complimenti, perché siete straordinari, sinceramente!

Credo, Presidente, che l'appello che ho rivolto a lei, in qualità di Presidente di questo Consiglio, andrebbe valutato - e sono sicuro che lo valuterà vista la sua grande predisposizione culturale e istituzionale - perché l'attività legislativa di quest'Aula deve essere sempre più all'altezza della sfida relativa al compito affidatole, anche nei termini del principio di leale collaborazione, ma soprattutto cercando anche di rispettare, dal punto di vista politico e formale, gli orientamenti della relazione annuale della Corte dei conti. Quindi, come gruppo Partito Democratico, ci asteniamo. Grazie, Presidente.

PRESIDENTE

Passiamo alla votazione della proposta di legge nel suo complesso, per come emendata, con richiesta di autorizzazione al coordinamento formale. Il provvedimento è approvato, come emendato, con autorizzazione al coordinamento formale.

 

(Il Consiglio approva)

(È riportata in Allegati)

Sull’ordine dei lavori

PRESIDENTE

Ha chiesto d’intervenire il consigliere Alecci. Ne ha facoltà.

ALECCI Ernesto (Partito Democratico)

Visto che siamo arrivati alla trattazione delle mozioni, chiedo, se è possibile, di inserire la mozione numero 67/12^ del 20 ottobre 2023.

PRESIDENTE

Votiamo per l'inserimento della mozione del collega Alecci. La mozione è inserita.

Ha chiesto d’intervenire la consigliera Straface. Ne ha facoltà.

STRAFACE Pasqualina (Forza Italia)

Grazie, Presidente. Chiediamo l'inserimento della mozione numero 70/12^ in merito a “Azioni da adottare per contrastare il preoccupante fenomeno della violenza di genere e in merito all'istituzione di un percorso di tutela per le vittime di violenza e ai loro figli”

PRESIDENTE

Votiamo per l'inserimento della mozione della collega Straface. La mozione è inserita.

Ha chiesto d’intervenire la consigliera Gentile. Ne ha facoltà.

GENTILE Katya (Forza Italia)

Vorrei chiedere l'inserimento all'ordine del giorno di un'altra mozione: “In merito al Documento Zero o Pass sanitario mondiale”.

PRESIDENTE

Votiamo l'inserimento della mozione della collega Gentile. La mozione è inserita.

Comunicazioni - seguito

PRESIDENTE

Dà lettura di un seguito di comunicazioni.

Sull’ordine dei lavori

PRESIDENTE

Passiamo al punto 7. Rispetto a questo punto all'ordine del giorno comunico che è pervenuta la mozione 69/12^ a firma mia e dei consiglieri Comito, Neri, Gelardi, Crinò, De Nisi, Graziano, Bevacqua, Talerico, Laghi, Tavernise, recante: “Applicazione della Direttiva comunitaria Fit for 55 - Possibili conseguenze all’infrastruttura portuale di Gioia Tauro” che è il risultato della sintesi dei testi della mozione numero 65/12^, di iniziativa dei consiglieri Comito, Mancuso Neri, Gelardi, Crinò, De Nisi e Graziano, recante “Applicazione della Direttiva comunitaria Fit for 55 - Possibili conseguenze all’infrastruttura portuale di Gioia Tauro”, e della mozione numero 68/12^, di iniziativa dei consiglieri Bevacqua Alecci Billari, Bruni, Iacucci, Mammoliti, recante “Direttiva UE 20/23/959 a salvaguardia dell'infrastruttura portuale di Gioia Tauro”.

In pratica, responsabilmente, abbiamo trovato una sintesi su queste due mozioni, l'abbiamo riscritta e integrata, quindi, è all'attenzione dell'Aula un documento congiunto. Oltre ai sottoscrittori delle mozioni, dei capigruppo di maggioranza e del PD, si sono aggiunte, ovviamente, le firme anche dei consiglieri Lo Schiavo e Talerico del Gruppo Misto e di Tavernise, del gruppo De Magistris; quindi è firmata all'unanimità dei presenti.

Mozione numero 69/12^ di iniziativa dei consiglieri M. Comito, F. Mancuso, G. Neri, G. Gelardi, G. Crinò, F. De Nisi, G. Graziano, D. Bevacqua, A.Talerico, D. Tavernise, F. Laghi, A. Lo Schiavo, recante: “Applicazione della Direttiva comunitaria “Fit for 55” – Possibili conseguenze all’infrastruttura portuale di Gioia Tauro”

PRESIDENTE

Onorevole Presidente della Giunta, assessori, colleghi consiglieri, insieme abbiamo partecipato alla manifestazione a Gioia Tauro dell’altro giorno e insieme, maggioranza e opposizioni, approveremo in Consiglio regionale una sola mozione, con l’intento di contribuire a stoppare la scellerata direttiva europea ‘Fit for 55’.

Ho sentito i capigruppo di maggioranza, che hanno depositato il 4 ottobre una loro mozione, e il capogruppo del PD, che ha depositato il 19 ottobre, sulla stessa questione, una propria mozione e, ovviamente, si è trovata la giusta sintesi.

Questo è uno dei momenti cruciali in cui c’è bisogno che forze politiche, sociali e imprenditoriali, di concerto con le istanze più rappresentative della società civile, uniscano energie e impegno, per scongiurare il peggio e permettere all’infrastruttura portuale principale della Calabria, una delle più produttive dell’Europa, di proseguire nel percorso che l’ha resa un’eccellenza nel Mezzogiorno e in Italia.

Ci conforta, per il momento, apprendere che dalla riunione dei Ministri dell’ambiente dell’Unione europea è stata avviata, come ha riferito il ministro Gilberto Pichetto Fratin, una discussione per adottare iniziative finalizzate a mitigare gli effetti negativi derivanti dall’inclusione nel sistema ETS di questo settore.

L’Italia è in prima linea nel contrasto dei cambiamenti climatici e a favore delle politiche europee di abbattimento delle emissioni inquinanti. Ma le attuali regole europee in materia di applicazione del meccanismo ETS al settore marittimo, in assenza di una applicazione dello stesso a livello mondiale, determinerebbero una sicura perdita di competitività di molti porti europei, e in particolare italiani, per i traffici merci su container con trasbordo, con conseguente rischio per tutto il sistema logistico europeo.

Il Consiglio regionale, senza se e senza ma, sta dalla parte del Porto di Gioia Tauro. Dinanzi a questioni strategiche, che incidono sullo sviluppo della Calabria, dobbiamo sempre far prevalere ciò che ci unisce, per fare il bene comune e difendere gli interessi generali”.

Passo a leggere la mozione:

“Il Consiglio regionale premesso che la Commissione europea recentemente ha adottato un pacchetto di misure, denominato "Pronti per il 55 per cento" “ (Fit for 55”, in inglese), finalizzate al contenimento dell’inquinamento climatico, che propone una serie di iniziative legislative per raggiungere entro il 2030 gli obiettivi del Green Deal europeo.

In particolare, l’Unione Europea con tale pacchetto si propone di giungere alla riduzione delle emissioni di gas serra del 55 per cento (da qui il nome del pacchetto) rispetto ai livelli del 1990, avendo come obiettivo di arrivare alla "carbon neutrality" per il 2050. Pur tenendo presente la fondamentale lotta al cambiamento climatico e alla riduzione delle emissioni di gas serra, è assolutamente indispensabile salvaguardare l'operatività della principale struttura portuale calabrese, giacché le azioni propedeutiche alla tutela dell'ambiente è utile a mitigare gli effetti del riscaldamento globale non possono e non devono ignorare i tempi e i modi per evitare che la transizione energetica si tramuti in tragedie economiche e sociali; Considerato che tale normativa entrerà in vigore il prossimo primo gennaio 2024 e, nel settore del trasporto marittimo, comporterà l’immediata applicazione di una tassazione aggiuntiva a carico degli armatori proprietari di navi con una stazza superiore alle cinquemila tonnellate.

Nello specifico, tale tassazione andrà a colpire le grandi navi portacontainer, utilizzate esclusivamente per coprire le lunghe tratte, in quanto, sfruttando la loro stazza oggi è possibile abbattere i costi di spedizione consentendo di caricare e trasportare molta più merce in un unico viaggio. Nel pacchetto di misure “Fit for 55” è previsto che la nuova tassazione sia calcolata, oltre che in relazione alla tipologia di nave, anche in rapporto alla rotta e alla distanza da questa percorsa, (infatti, è prevista l’applicazione del 100 per cento della tassazione se gli scali di partenza o destino sono ubicati in territorio comunitario ovvero, un abbattimento della tassazione del 50 per cento se lo scalo di partenza o destino sono ubicati in territorio extra-UE).

Rilevato che l’applicazione del nuovo regime fiscale renderà, con ogni evidenza, più conveniente, per i grandi vettori marittimi, utilizzare porti di transhipment extraeuropei piuttosto che quelli comunitari, avendo come conseguenza una consistente perdita di competitività degli scali di transhipment europei. A titolo esemplificativo: una nave proveniente da uno scalo extraeuropeo, attraverso il Canale di Suez, potrà facilmente aggirare la tassazione al 100 per cento approdando in un porto di trasbordo nordafricano e non più, come accade oggi a Gioia Tauro, prima di arrivare alla sua destinazione finale in Europa ed ancora, una nave di passaggio nel Mediterraneo, per raggiungere l’oceano Atlantico o indiano, potrà eludere tale tassazione evitando di toccare i porti dell’Unione europea.

Tenuto conto che l’applicazione della direttiva Emission Trasfer System (ETS), la cui entrata in vigore è prevista per il 1° gennaio 2024, creerà, uno scenario molto preoccupante poiché nel breve termine comporterà, certamente, la perdita di competitività e di centralità degli scali italiani a partire da quello di Gioia Tauro, con un impatto negativo dal punto di vista economico, sociale ed occupazionale per l’intero sistema economico nazionale.

L’applicazione della misura EU-ETS rischia non solo di penalizzare i porti europei a vocazione transhipment, come il porto di Gioia Tauro, ma creerà una condizione di scarsa competitività per tutti i porti di trasbordo collocati all’interno del territorio comunitario. In Italia quasi il 28 per cento di tutti i container movimentati ed il 77 per cento di quelli trasbordati – magari su navi più piccole per raggiungere porti di dimensioni inferiori – passano da Gioia Tauro e che l’hub portuale calabrese dà lavoro a quasi seimila lavoratori, 1.600 direttamente e 4.000 indirettamente, secondo i dati dell’Autorità portuale.

Il Porto di Gioia Tauro è, evidentemente, uno dei principali porti europei in virtù della sua capacità di accomodare le grandi navi portacontainer.  

Imporre un tributo così esoso per i mercantili che scelgono di fare scalo nei porti europei del Mediterraneo, prima di approdare in quelli del Nord Europa o americani, appare una scelta illogica che riflette la distanza tra la visione burocratica dell’Europa e gli interessi reali dei Paesi aderenti ed al contempo, non garantisce nel complesso alcuna riduzione di gas nocivi per il nostro pianeta.

Tutto ciò premesso e considerato, impegna la Giunta regionale, per quanto di competenza, a farsi portavoce presso il Governo nazionale e le competenti Istituzioni comunitarie affinché vengano apportati i necessari correttivi alla normativa “Fit for 55” che rischia di arrecare danni irreversibili all’economia prodotta dall’infrastruttura portuale principale della nostra Regione e più in generale a tutte le infrastrutture portuali italiane oltre che all’economie del sistema sociale di tutti i paesi ospitanti analoghi realtà portuali e a  che la normativa non penalizzi il Porto di Gioia Tauro rispetto agli altri porti del Mediterraneo fuori dall'area UE, al fine di salvaguardare, in via principale, l'occupazione del territorio. Firmato tutto in Consiglio all'unanimità.”

Presidente, vuole intervenire?

OCCHIUTO Roberto, Presidente della Giunta regionale

Intervengo semplicemente per esprimere il mio personale apprezzamento, ma anche l’apprezzamento del governo regionale per la decisione assunta dal Consiglio regionale di sottoscrivere all’unanimità una mozione che va nella direzione di difendere la più grande infrastruttura logistica della Calabria, che è anche la più grande infrastruttura logistica portuale dell'Italia.

Ho molto apprezzato la circostanza che, su questo tema, ci sia stata una convergenza di impegni da parte delle organizzazioni sindacali, da parte dei Sindaci dei territori coinvolti - credo che questo sia un tema che dovrebbe riguardare tutti i Sindaci della Calabria -, da parte di tutte le forze politiche. Ho detto in altre occasioni che il Porto di Gioia Tauro, che è diventato così importante in Italia e così potenzialmente importante per la Calabria - dirò anche perché, purtroppo, potenzialmente e non in atto - è un porto che si è sviluppato spesso nella indifferenza delle Istituzioni nazionali e, consentitemelo, anche delle istituzioni regionali. Non mi pare che, in passato, ci sia stato un grande investimento, anche per quanto riguarda il racconto di quello che deve essere lo sviluppo della Calabria, sul Porto di Gioia Tauro da parte dei dirigenti politici che hanno assunto importanti funzioni di governo. Ed erano calabresi.

Invece, è un fatto estremamente positivo che oggi che ci sia una convergenza di impegni per rivolgere attenzione a questa infrastruttura. Questo, consentitemelo, dimostra che il Consiglio regionale si fa carico, nella sua interezza, di un tema che, purtroppo, è stato spesso poco considerato dalla politica regionale.

Attenzione, però, che, se siamo qui oggi a discutere della possibilità di avere una deroga nell'attuazione della direttiva, significa che il nostro Paese non è in alcun modo intervenuto nella fase ascendente, come spesso succede per tutte le decisioni che l'Unione europea assume. L'Unione europea assume delle decisioni e, spesso, queste decisioni vengono osservate con grande distacco, grande e colpevole distacco, da parte dei Governi nazionali, del Parlamento nazionale. Nel caso di specie, anche con grande sottovalutazione da parte dei parlamentari europei.

Ho sufficiente esperienza di quello che succede nelle Assemblee parlamentari per sapere che spesso capita, a molti, di votare cose che evidentemente non hanno nemmeno letto. Ma, se siamo oggi arrivati a dover chiedere alla Commissione una deroga su una direttiva che è stata approvata dal Parlamento europeo, c’è qualche responsabilità da parte di tutti! Sono pochissimi i gruppi parlamentari che, in quell'occasione, non hanno votato questa direttiva. Qualche responsabilità c'è, ma è un fatto che, purtroppo, solitamente e colpevolmente accade in Italia. Non siamo mai attenti alla fase di formazione delle decisioni a livello europeo e ci lamentiamo poi degli effetti di queste decisioni, quando diventa complicato modificare questi effetti.

E, infatti, nel caso di specie, voi, con questa mozione, chiedete che, di fatto, venga realizzato un correttivo che però, poiché la direttiva è chiusa, può essere praticato solo nella fase di prima esecuzione della fase esecutiva della direttiva. È avvenuto altre volte in Europa. Non è semplicissimo, perché è una direttiva chiusa senza che nessuno chiedesse, nella sua fase di formazione, che fosse stabilito un regime particolare per i porti di transhipment. Oggi, a direttiva chiusa, ci svegliamo, si sveglia l'Italia e chiede di modificarla.

Quindi, non è semplice. Sono intervenuto, decine e decine di volte, con il Ministro dell'ambiente, Pichetto Fratin, nella fase immediatamente precedente alla riunione dei Ministri dell'ambiente europei. Ho chiesto che facesse iscrivere all'ordine del giorno di quella riunione il tema e chiedesse una deroga. Lo ha fatto - al termine della riunione ci siamo sentiti -, ha chiesto, a nome del Governo nazionale, una deroga per il Porto di Gioia Tauro. Perché, attenzione, oggi questa possibilità è unicamente nelle mani del Consiglio europeo, che è formato dai Governi dei Paesi membri, e della Commissione.

La mozione, giustamente, impegna la Giunta regionale. Io vi sto raccontando quello che abbiamo fatto, anche in assenza di una mozione che ci impegnasse a farlo, ma lo abbiamo fatto, perché era giusto. Ma forse la mozione, se fosse possibile - ma credo non sia possibile dal punto di vista regolamentare -, sarebbe più corretta se impegnasse ciascuno di noi a fare tutto quello che è possibile, perché nella Commissione europea ci sono autorevoli esponenti che appartengono a forze politiche non vicine a quella della Giunta; quindi, sarebbe utile che si intervenisse anche sull’onorevole Gentiloni e questo, probabilmente, può farlo con molta più prossimità chi siede nei banchi dell'opposizione. Forse questa possibilità si può aggiungere a ciò che facciamo con il Governo nazionale - continua a intervenire nel Consiglio europeo in questa direzione -, ma c'è bisogno del contributo di tutti, altrimenti è davvero difficile che questa soluzione derogatoria venga presa in considerazione.

Sono intervenuto anche con il vicepremier Tajani, che è il Ministro degli esteri, e farà un'azione sul Consiglio europeo per fare assumere questa decisione.

Sono intervenuto anche nella qualità di Presidente del Comitato che raggruppa tutti i Presidenti delle Regioni del Mediterraneo, perché questo è un tema che riguarda, sì, il Porto di Gioia Tauro, che per il 65 per cento fa transhipment, ma riguarda anche molti altri porti come, per esempio, quello di Malta. Quindi, ho chiesto, anche in seno a quell'organismo, che ci sia una rivalutazione di questa decisione.

Non nego la necessità di produrre delle decisioni che vadano nella direzione di farsi carico dell'ambiente e dell’assoluta necessità di contrastare i cambiamenti climatici. Ho fatto riferimento all'organismo che presiedo, il Comitato delle Regioni del Mediterraneo. Se c'è una parte del mondo molto interessata ai cambiamenti climatici, è quella costituita dalle regioni del Mediterraneo. Difatti, quello che accade, oggi, in termini di desertificazione, avviene con più intensità in molte di queste regioni anziché trenta, quarant'anni fa; quello che accade per effetto delle piogge, oggi, avviene con molta più intensità rispetto a tanto tempo fa.

Credo sia idiota l'atteggiamento di chi fa il negazionista rispetto alla necessità di impegnarsi nella direzione di non distruggere l'ambiente, perché da comportamenti irresponsabili discendono gli effetti avversi che stiamo vedendo con una frequenza sconosciuta nel nostro Paese quindici, venti anni fa. Basta accendere il televisore, sintonizzarsi su uno qualsiasi dei telegiornali e ogni settimana vediamo quello che producono, con una frequenza che è diventata molto preoccupante, le piogge e i cambiamenti climatici. Quindi, non nego affatto la necessità di intervenire in questa direzione. Dico, però, che la difesa dell'ambiente va fatta in maniera economicamente sostenibile e va fatta in maniera intelligente. Fatta con una direttiva come quella prodotta dalla Commissione europea, avrà il risultato che le navi inquinanti comunque passeranno nel Mediterraneo e continueranno a inquinare, ci saranno comunque le emissioni, ma invece di fermarsi a Gioia Tauro si fermeranno a Porto Said, a Tangeri, e quindi, praticamente, arricchiranno i porti del Nord Africa.

Ho cercato di ricordare al ministro Tajani che questa circostanza dovrebbe essere posta all’attenzione anche sul piano degli assetti della geopolitica. Noi abbiamo in Europa asset logistici dei porti che sono controllati da democrazie occidentali, come quelle che compongono l'Europa. In Nord Africa molti di questi porti stanno orientandosi verso il controllo di Paesi che probabilmente meriterebbero di essere osservati meglio.

Allora, fare una direttiva che indebolisce i porti europei, indebolisce i porti occidentali, e rafforza i porti del Nord Africa, senza nemmeno conseguire una riduzione delle emissioni, per quanto mi riguarda, è stupido. Per questo ho detto che ho grande rispetto dell'Europa, ma anche l'Europa, a volte, assume delle decisioni stupide.

Noi dobbiamo lavorare, quindi, nella direzione di ottenere questa deroga. Però, attenzione, dobbiamo continuare a lavorare nella direzione di fare del Porto di Gioia Tauro un asset logistico importante per la Calabria, non solo dal punto di vista potenziale, ma anche per le possibilità in termini di attrazione degli investimenti che può generare. Fintanto che il Porto di Gioia Tauro sarà un porto quasi esclusivamente di transhipment, saremo più esposti a decisioni come quelle che oggi contestiamo e, soprattutto, avremo un porto che produce per la Calabria molta meno ricchezza di quella che invece potrebbe produrre.

Per questo è importante che questo tema sia centrale. Mi piacerebbe che la decisione che oggi assume il Consiglio regionale, cioè di firmare all'unanimità una mozione a difesa del porto, sia comunque l'avvio di una discussione che il Consiglio regionale - anche qui senza differenze di appartenenza - dovrebbe continuare a svolgere nel corso dei prossimi mesi per creare le condizioni affinché l'area retroportuale di Lamezia possa allocare investimenti da parte di imprese nazionali e multinazionali che pian piano trasformino questo porto da porto di transhipment quasi esclusivo, come oggi, in un porto dove le merci vengono scaricate per essere lavorate.

A volte qualcuno mi ha contestato che parlo troppo del Porto di Gioia Tauro, ma io sono convinto che potrebbe essere davvero un motore straordinario per lo sviluppo di tutta la regione, per cui sono davvero felice che il Consiglio regionale oggi abbia deciso di assumere una decisione all'unanimità su questo tema.

Mi auguro che non sia l'ultima, ma che sia l'inizio, anche in Consiglio regionale, di una discussione su questo tema che, per la verità, io stesso già da un paio d'anni sto cercando di animare anche nel dibattito nazionale.

PRESIDENTE

Grazie, Presidente. Passiamo quindi alla votazione. Pongo in votazione la mozione. La mozione è approvata all'unanimità con l'autorizzazione al coordinamento formale.

 

(Il Consiglio approva)

(È riportata in Allegati)

Mozione numero 67/12^ di iniziativa del consigliere Alecci, recante: “Diffusione delle tecniche salvavita: disostruzione delle vie aeree”

PRESIDENTE

Passiamo alla mozione numero 67/12^ di iniziativa del consigliere Alecci, recante: “Diffusione delle tecniche salvavita: disostruzione delle vie aeree”. Prego, collega.

ALECCI Ernesto Francesco (Partito Democratico)

Grazie, signor Presidente, cercherò di essere rapido. Avendo partecipato, qualche settimana fa, a dei corsi di BLSD per l'utilizzo dei defibrillatori - penso che molti di noi, se non tutti, abbiamo partecipato a questi corsi di primo soccorso -ne ho compreso l'importanza. In quell'occasione, parlando con alcuni pediatri, mi hanno spiegato che, nelle scuole, ma più in generale su tutto il territorio nazionale, ogni anno, purtroppo, vengono a mancare circa 50 bambini a causa dell'ostruzione delle vie aeree È un numero enorme se pensiamo che ogni anno 50 bambini, spesso entro i tre anni, perdono la vita per soffocamento; cinquecento bambini a livello europeo. In Italia, mille bambini finiscono in ospedale per questo motivo. Allora, insieme a questi pediatri, abbiamo pensato di presentare una mozione che potesse impegnare in qualche modo la Giunta a sollecitare l’insegnamento di queste tecniche di disostruzione, che sono molto semplici, soprattutto all'interno delle scuole - sono i luoghi in cui, attraverso le mense scolastiche, la maggior parte dei bambini, fino ai 9 -10 anni, pranzano durante la giornata - effettuando dei corsi di formazione aperti non solo agli insegnanti, ma anche ai genitori dei bambini che frequentano queste scuole.

Quindi, si tratta di un intervento abbastanza banale, molto semplice. Tra l'altro ci sono decine di associazioni sul territorio calabrese capaci di erogare questi corsi di formazione - durano non più di un quarto d'ora, venti minuti – che potrebbero salvare, sicuramente salveranno, la vita di tanti bambini, non solo all'interno delle scuole, ma anche durante la vita quotidiana, nelle proprie abitazioni.

Credo che a molti di noi sia successo a tavola, anche con adulti, di imbattersi in persone che, purtroppo, durante il pranzo o la cena rischiano il soffocamento per pezzi di cibo ingerito.

Quindi, in realtà è una mozione dal contenuto molto semplice, ma che può avere una ricaduta comunque importante. Grazie.

PRESIDENTE

Grazie, collega Alecci. Pongo in votazione la mozione. La mozione è approvata.

 

(Il Consiglio approva)

(È riportata in Allegati)

Mozione numero 70/12^ di iniziativa delle consigliere Straface, Mannarino, De Francesco e Gentile, recante: “Azioni da adottare per contrastare il preoccupante fenomeno della violenza di genere e in merito all'istituzione di un percorso di tutela per le vittime di violenza e ai loro figli”

PRESIDENTE

Passiamo alla mozione numero 70/12^ iniziativa dei consiglieri Straface, Mannarino, De Francesco, Gentile, recante: “Azioni da adottare per contrastare il preoccupante fenomeno della violenza di genere e in merito all'istituzione di un percorso di tutela per le vittime di violenza e ai loro figli”

Prego, collega Straface.

STRAFACE Pasqualina (Forza Italia)

Grazie, Presidente. Questa è un percorso che è stato condiviso con il Comitato Donne reggine. Si tratta di azioni da adottare per contrastare il preoccupante fenomeno della violenza di genere, istituendo, quindi, un percorso di tutela per le vittime di violenza e ai loro figli. È una mozione che abbiamo voluto presentare noi donne consigliere del centrodestra nella figura della sottoscritta e delle colleghe Mannarino, De Francesco e Gentile.

Premesso che: la violenza di genere è una grave violazione dei diritti umani e della libertà individuale in tutte le sue sfere, personale, lavorativa ed economica, oltreché rappresentare un grave problema culturale; i bambini e i ragazzi orfani a seguito di un crimine domestico costituiscono il volto nascosto della violenza di genere. È facile dimenticarsi di loro quando si affronta il tema della violenza sulle donne. Invece violenza di genere vuoi dire, il più delle volte, violenza sui più piccoli, sul loro immaginario, sulle loro certezze, sul loro mondo emotivo, affettivo e psichico. In definitiva sul loro presente e sul loro futuro; si tratta di un fenomeno complesso del quale non si conosce la reale dimensione e che lo Stato, nella sua accezione generale, ha il dovere di contrastare sul piano culturale, normativo e giudiziario, adottando, come prevede l'articolo 19 della Convenzione Onu sui diritti dell'infanzia e adolescenza, del 1989, "ogni misura legislativa, amministrativa, sociale ed educativa per tutelare il fanciullo contro ogni forma di violenza", per evitare che questi ragazzi siano orfani tre volte, per la perdita di entrambi i genitori e per l'indifferenza dello Stato;

preso atto che le cronache recenti, suffragate dai dati dell'Istat e dell'Osservatorio per la sicurezza contro gli atti discriminatori (OSCAD), raccontano di un preoccupante aumento in ambito nazionale e regionale, sia delle denunce di atti di violenza di genere che di casi di femminicidio;

rilevato che la violenza contro le donne, il femminicidio e la discriminazione di genere pervadono ogni ambito della società contemporanea, senza limiti geografici e culturali;

ancora oggi, un numero elevato di donne è vittima di femminicidio per mano della controparte maschile, che purtroppo coinvolge irrimediabilmente anche i loro figli ed i familiari tutti;

tenuto conto che in ambito nazionale, il legislatore è intervenuto per fronteggiare tale delicata tematica mediante tutta una serie di normative e di leggi, che mi riservo di non leggere;

rilevato che la Regione Calabria ha, nel tempo, adeguato e poi rafforzato la propria normativa in materia di contrasto alla violenza di genere, alla tutela dei minori colpiti da tale dramma, attraverso l'approvazione delle seguenti leggi regionali: legge regionale del 12 novembre 2004, numero 28 (Garante per l’infanzia e l’adolescenza); legge regionale del 21 agosto 2007, numero 20 (Disposizioni per la promozione e il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà); legge regionale del 23 novembre 2016, numero 38 (Istituzione dell'Osservatorio regionale sulla violenza di genere); legge regionale 1 febbraio 2017, numero 2 (Istituzione dell'Osservatorio regionale per i minori); legge del 15 marzo 2022, numero 7 (Misure per il superamento della discriminazione di genere e incentivi per l'occupazione femminile);

considerato che: ai sensi della legge regionale numero 20 del 2007, la Regione Calabria, anche in attuazione della legge 4 aprile 2001, numero 154, e della legge dell'8 novembre 2000, numero 328, promuove e coordina iniziative per contrastare la violenza sessuale, fisica, psicologica ed economica, i maltrattamenti e le molestie, i ricatti a sfondo sessuale nei confronti delle donne in tutti gli ambiti sociali, a partire da quello familiare; riconosce e valorizza i percorsi di elaborazione culturale e le pratiche di accoglienza autonome, autogestite dalle donne, basate sulle relazioni tra donne, nonché le esperienze espresse localmente da enti, associazioni di volontariato e organizzazioni non lucrative di utilità sociale che abbiano tra i loro scopi essenziali la lotta alla violenza contro le donne e i minori, la sua prevenzione, la solidarietà alle vittime, che possono dimostrare di disporre di personale adeguato per i compiti predetti, che abbiano almeno tre anni di esperienza nello specifico settore; finanzia progetti antiviolenza che prevedono il sostegno, l'attivazione e la gestione di centri antiviolenza e accoglienza per donne vittime di violenza;

dato atto che la Regione Calabria è impegnata nel contrastare il fenomeno della violenza contro le donne e i loro figli, secondo linee comuni fissate a livello nazionale e internazionale nell'ambito delle quali si è dotata di propri strumenti normativi e di indirizzo, promuovendo la creazione di servizi e strutture di accoglienza, sostegno, assistenza e ospitalità delle vittime di violenza;

ritenuto necessario implementare, con urgenza, politiche, azioni e progetti finalizzati al contrasto del fenomeno del femminicidio e della violenza di genere, tutelando, nello specifico, tutti quei minori che sono interessati da tale dramma attraverso l'istituzione di un apposito fondo di solidarietà che permetta loro di poter godere di un contributo di spese per le cure mediche psicologiche e per il completamento del loro percorso formativo e di vita; tutto ciò premesso e considerato, si impegna il Presidente della Regione e la Giunta regionale: ad adottare ogni atto utile e necessario per rafforzare le politiche rivolte alla tutela dei minori interessati da episodi di femminicidio attraverso l'istituzione, nel bilancio della Regione Calabria, di un apposito capitolo denominato “Fondo di solidarietà ai minori vittime di violenza e di reato da femminicidio”, finalizzato al sostegno economico delle spese per le cure mediche psicologiche, per il sostentamento finanziario del loro percorso formativo di vita; a promuovere percorsi specifici per assicurare ai figli delle vittime di violenza domestica l'erogazione di borse di studio nonché per il finanziamento di iniziative di orientamento, di formazione e di sostegno per l'inserimento dei medesimi nell’attività lavorativa; favorire l'attività delle organizzazioni di volontariato coordinandola con quella dei servizi pubblici. Grazie.

PRESIDENTE

Grazie. Pongo in votazione la mozione. La mozione è approvata.

(Il Consiglio approva)

(È riportata in Allegati)

Mozione numero 71/12^ di iniziativa dei consiglieri Gentile, Straface, Mannarino e De Francesco, recante: “In ordine al Documento Zero o pass sanitario mondiale”

PRESIDENTE

Passiamo alla mozione numero 71/12^ d’iniziativa dei consiglieri, Gentile, Straface, Mannarino e De Francesco “In ordine al Documento Zero o pass sanitario mondiale”. Prego consigliera Gentile, ha facoltà di illustrarla.

GENTILE Katya (Forza Italia)

Grazie, signor Presidente. La mozione è relativa proprio all'entrata in vigore di questo pass sanitario mondiale, già approvato dalla Commissione europea a giugno con una forma di partenariato con l'organizzazione mondiale della sanità (OMS) e che dovrebbe entrare in vigore a novembre. Stavamo cercando di approfondire, con gli altri colleghi consiglieri anche dell'opposizione, considerando che la preoccupazione è quella della scadenza.

PRESIDENTE

La rinviamo, magari, alla prossima seduta di Consiglio.

GENTILE Katya (Forza Italia)

Sì, in maniera tale da, eventualmente, integrarla, anche, con il contributo di tutti gli altri.

PRESIDENTE

Assolutamente sì, va bene.

GENTILE Katya (Forza Italia)

Grazie.

(Il Consiglio rinvia)

Svolgimento interrogazioni ex art. 121 e 122 del Regolamento interno del Consiglio regionale

PRESIDENTE

Passiamo ora allo svolgimento delle interrogazioni, ex articolo 121 e 122 del Regolamento del Consiglio regionale.

In relazione alle interrogazioni ex articolo 121 del Regolamento interno, ricordo all'Aula che, ascoltata la risposta della Giunta, l'interrogante ha diritto di replicare per non più di tre minuti al fine di dichiarare se si ritenga o meno soddisfatto. Per le interrogazioni ex articolo 122 del Regolamento interno ricordo all'Aula che l'interrogante dispone di due minuti per illustrare l'interrogazione, la Giunta regionale dispone di tre minuti per la risposta e l'interrogante ha diritto di replica per non più di un minuto. Iniziamo con le interrogazioni a risposta immediata. Siccome il Presidente ha necessità di andare via per un impegno passiamo prima alle interrogazioni che lo riguardano.

Interrogazione a risposta immediata numero 139/12^ di iniziativa dei consiglieri Bruni, Bevacqua, Alecci, Billari, Iacucci, Mammoliti “Ristori Covid 19”

PRESIDENTE

Procediamo, quindi, con l'interrogazione numero 139/12^ dei consiglieri Bruni, Bevacqua Alecci, Billari, Iacucci e Mammoliti sui ristori COVID. Cedo la parola all'interrogante per l'illustrazione. Ha chiesto di intervenire il consigliere Laghi, ne ha facoltà.

LAGHI Ferdinando (De Magistris Presidente)

Grazie, Presidente, scusi. Volevo soltanto dire che la mia interrogazione a risposta scritta, la numero 136, ha avuto soddisfacimento nella risposta.

PRESIDENTE

Collega, va bene, poi, quando la tratteremo lo dichiarerà, non c'è problema, va bene. Prego consigliere Alecci, può illustrare l’interrogazione.

ALECCI Ernesto (Partito Democratico)

Signor Presidente, l'interrogazione si illustra da sé; quindi, attendiamo la risposta per poi replicare.

PRESIDENTE

Presidente, prego.

OCCHIUTO Roberto, Presidente della Giunta regionale

Si, però è utile che si dica qual è il senso dell'interrogazione, lo dico anche al consigliere Bevacqua che sta andando via.

Questa interrogazione, proposta dai consiglieri d'opposizione, riguarda i ristori COVID per le aziende che si occupano di sanità in regime privato convenzionato. Lasciatemi fare una battuta. Sto cercando di rafforzare, quanto più possibile, il settore pubblico della sanità in questa regione e l'assunzione di medici - avete visto anche l'effetto del concorso regionale che abbiamo fatto per i nostri ospedali - va in questa direzione; l'accelerazione sulla dotazione di tecnologie TAC e risonanze va in questa direzione, perché credo che un sistema equilibrato sia un sistema che rafforza il pubblico e che, poi, utilizza il privato convenzionato come supporto al pubblico per quello che quest’ultimo non riesce a fare. Però, allo stesso tempo, stiamo guardando, soprattutto, al rafforzamento del settore pubblico della sanità.

Certo, a differenza del passato, cerchiamo di dare certezza anche a quelli che fanno impresa nella sanità, per cui, abbiamo previsto, per esempio, la possibilità di fare con loro degli accordi triennali, in maniera tale che possano fare degli investimenti che vanno nella direzione della qualità. Infatti, se non dici a chi eroga prestazioni in regime privato convenzionato che può contare su un budget per tre anni, probabilmente, non gli fai assumere medici e comprare attrezzature capaci di qualificare questo servizio. Dico, però, che, quando abbiamo fatto questo, ho letto sulla stampa dichiarazioni rilasciate dagli stessi firmatari dell'interrogazione che dicevano: “Ah, ma si fanno provvedimenti che vanno nella direzione di farsi carico delle esigenze del privato”. Oggi mi trovo un'interrogazione a firma dei consiglieri Bevacqua e Amalia Bruni che dicevano queste cose, lamentandosi del fatto che la Regione non aveva dato ancora i ristori COVID alle aziende private. Per cui si illustra da sé, ma è giusto che venga illustrata, io l'ho illustrata.

Come sapete la normativa si fa carico di questo che è un diritto delle aziende private, nel senso che prevede che questi ristori COVID possano essere dati a condizione che, però, il sistema sanitario sia in equilibrio, perché, altrimenti, questi ristori COVID, con buona pace delle aziende sanitarie private, non devono essere dati loro. Quindi i ristori del 2020 assolutamente non devono essere dati alle aziende che fanno sanità privata in regime convenzionato perché nel 2020 il Sistema sanitario regionale era non era in equilibrio, c'era un disavanzo.

È vero, abbiamo un avanzo di amministrazione nel 2021 e nel 2022, quindi questi ristori potrebbero essere dati. La risposta alla interrogazione è la seguente: noi abbiamo trasferito le risorse alle Aziende sanitarie perché quantifichino la parte dei ristori che possono dare alle aziende private in ragione di una normativa nazionale, la normativa prevede che abbiano diritto al 90 per cento dei costi fissi. Le Aziende sanitarie, a volte, hanno difficoltà a quantificare quanto sia questo 90 per cento, stanno procedendo. Dopo l'accertamento definitivo dell'equilibrio di bilancio, che si è avuto per effetto dell'approvazione dei bilanci delle Aziende sanitarie, oggi, possono procedere, a condizione, appunto, che quantifichino la spesa; per cui non abbiamo difficoltà ad adeguarci a quello che dice la normativa. Trovo singolare che, a volte, si firmino atti di sindacato ispettivo che vanno in una direzione e, poi, quando il governo regionale fa dei provvedimenti che vanno in una direzione simile, forse anche più virtuosa, questi provvedimenti vengono contestati.

PRESIDENTE

Grazie, Presidente. Se vuole replicare, consigliere Alecci, per un minuto ne ha facoltà.

ALECCI Ernesto (Partito Democratico)

Non è una replica. Volevo spiegare perché si illustra da sé: il Partito Democratico ha un gruppo composto da sei componenti ed è la collega Bruni che si occupa, soprattutto, della sanità e oggi, per motivi familiari importanti, non può essere presente. Quindi, non ero sicuramente all'altezza di sostituirla su una materia nella quale non sono autocrate o non ho, non penso di avere, la scienza infusa; quindi, ho pensato bene di far sì che l'interrogazione si illustrasse da sé. Questo è il motivo.

Interrogazione a risposta immediata numero 140/12^ di iniziativa del consigliere Lo Schiavo “In merito al servizio SUEM di Sersale (CZ) dell’Alto Ionio e della Presila Catanzarese”

PRESIDENTE

Procediamo con l'interrogazione numero 140/12^, a firma del consigliere Lo Schiavo, in merito al servizio SUEM di Sersale, dell'Alto Ionio e della Presila catanzarese. Cedo la parola all'interrogante per l'illustrazione. Prego, ne ha facoltà.

LO SCHIAVO Antonio Maria (Gruppo Misto)

Si illustra da sé.

PRESIDENTE

Prego, Presidente.

OCCHIUTO Roberto, Presidente della Giunta regionale

L'interrogazione ha per oggetto il servizio SUEM di Sersale. I temi posti in questa interrogazione sono gli stessi che sono stati posti, credo, in più dichiarazioni alla stampa nel corso dei mesi; infatti, si parte proprio dalle notizie raccolte dalla stampa circa la criticità dei servizi sanitari afferenti a questo territorio nel catanzarese.

Il Commissario dell'Azienda sanitaria provinciale, Battistini, si è attivato per fornire al sottoscritto una risposta in ordine a quello che è stato prodotto per il comprensorio di Sersale. Per porre rimedio alla situazione del Servizio di emergenza urgenza dell'area provincia di Catanzaro, distretto Ionico, è stata tenuta, il 17 maggio, una riunione presieduta proprio da Battistini; alla riunione era presente il direttore del distretto sanitario e il rappresentante dei medici di Medicina generale.

Preso atto della carenza, soprattutto, dei medici di continuità assistenziale - come sapete, è una carenza che c'è in tutta Italia - si è stabilito di predisporre una nuova articolazione sperimentale dell'assistenza primaria che consenta un'estensione della durata temporale dei presidi sanitari. Inoltre, l'Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro sta per attingere da una graduatoria di autisti di ambulanze, già vigente in Regione, per procedere all'assunzione di altro personale e disporre, quindi, di un numero maggiore di mezzi di soccorso. Per inciso, vi comunico che a fine mese arriveranno 60 nuovi mezzi di soccorso, 60 nuove ambulanze, acquistate per tutta la regione dall'Azienda sanitaria provinciale di Cosenza, ed entro fine anno arriveranno altre 30 ambulanze che metteremo a disposizione, soprattutto, dei soccorsi primari. In questa regione il problema è che, spesso, molti mezzi devono essere utilizzati anche per i trasferimenti secondari all'interno delle Aziende sanitarie provinciali o fra un presidio ospedaliero e l'altro.

Nel corso di incontri del Commissario straordinario dell'ASP e di alcuni sindaci dell'aria è stata condivisa l’opportunità che, attesa la carenza di risorse, si possa ricorrere a potenziamenti mirati delle postazioni di soccorso in occasione di eventi particolari. L’interrogazione è di maggio, quindi la risposta preparata da Battistini era riferita a qualche giorno dopo l'interrogazione, gli ho chiesto, stamattina, di darmi qualche elemento in ordine alle altre attività che avesse messo in cantiere e vi posso comunicare che sono presenti a Sersale cinque infermieri, sei O.S.S. e due amministrativi, oltre a un direttore medico che viene dal distretto, è garantita l'assistenza domiciliare territoriale con tre infermieri, è stata progettata la messa a norma della nuova sala del telecomandato radiologico.

Il progetto è stato approvato ed è in firma di contratto specifico dei lavori, i lavori sono previsti per novembre, c'è stata una fornitura di arredi, quindi lettini, nuove poltrone per prelievi, alcuni già arrivati, c'è stato un ammodernamento informatico con nuovi PC, ordinati a luglio su Consip, l'arrivo è previsto a giorni. Sono state ripristinate le prestazioni specialistiche ambulatoriali di dermatologia, endocrinologia, ortopedia, pneumologia, cardiologia, malattie metaboliche, neurologia, oculistica e otorinolaringoiatria. Due volte a settimana c'è il punto prelievo di sangue che verrà aumentato a tre sedute, in concomitanza con l'aumento dei tecnici di laboratorio a Soverato. Quindi, c'è una importante attività di potenziamento che si sta facendo in questa zona e nella provincia di Cosenza.

Devo dire che, questo, è uno degli esempi nei quali l'attenzione del territorio e anche dei rappresentanti politici del territorio è utile perché, in ragione di questa attenzione che si chiedeva di rivolgere a questo presidio, sono state poste in essere molte attività che sono quelle che vi ho illustrato.

Consentitemi, però - non è il caso di questa interrogazione né degli interroganti che hanno rivolto queste domande al Commissario - una riflessione: a volte io credo che, rispetto alle critiche che si muovono e che hanno per oggetto il governo della sanità in Calabria, si difetti di onestà intellettuale. Può essere una mia sensazione, però, l'ho detto nei giorni scorsi in un paio di occasioni: “Facciamo finta che il sistema sanitario calabrese sia esso stesso un paziente”. Allora, il Sistema sanitario calabrese, che io ho preso in cura da due anni, dopo 12 anni di commissariamento, era stato ridotto in una condizione di coma profondo da 12 anni di commissariamento. Io ho preso in cura un paziente che era in coma. Questo paziente l'ho risvegliato. So che all'interno di questo Consiglio regionale ci sono anche dei medici, dovrebbero sapere che, quando un paziente si risveglia dal coma e da un coma di 12 anni, c'è bisogno di un periodo di riabilitazione intensiva, poi di un periodo di riabilitazione estensiva. Quando, a volte, anche da chi fa il medico e questo sistema lo conosce, io registro delle critiche nei confronti di questa gestione commissariale che, magari, in passato non erano state mosse alle precedenti gestioni commissariali, mi viene il dubbio che qualcuno ritenga che un paziente, che è stato in coma per 12 anni e che è stato risvegliato, possa diventare da un giorno all'altro un atleta capace di fare i 400 metri ostacolo perché qualcun altro usa la bacchetta magica. Non è così.

Vi vorrei tranquillizzare in ordine al fatto che io la bacchetta magica non ce l'ho. Però, come sono riuscito a risvegliare questo paziente, riuscirò a porlo fuori dalla riabilitazione intensiva o semintensiva, con buona pace di chi ritiene invece che si possano fare i miracoli. I miracoli non si possono fare! Ci vuole invece tanto lavoro, tanta determinazione per fare quello che è possibile fare e lo faremo. Questo paziente forse lo porteremo nella condizione di poter deambulare, camminare tranquillamente anche se è stato in coma per così tanti anni.

PRESIDENTE

Grazie, Presidente. Interviene per replica il collega Lo Schiavo.

LO SCHIAVO Antonio Maria (Gruppo Misto)

Grazie, Presidente, intanto per la risposta che lei mi ha dato. Ovviamente arriva dopo un bel po’ di tempo e rischia anche di non essere d'attualità, però diamo a quella comunità un segnale di attenzione nella risposta che mi ha dato.

Lei dice di essere riuscito a risvegliare da un coma che durava 12 anni la sanità calabrese. Forse si è svegliata dal coma, Presidente, però non solo non cammina, ma ancora non risponde. Siamo alla fase in cui forse non è in coma, ma sicuramente ancora non riesce a dare risposte. Questo non a causa dell'abnegazione e dell'impegno che lei ci mette. Nessuno pretende i miracoli e sono contento che lo diciamo perché in questo modo i cittadini calabresi sanno che le cose sono sempre più complesse di come appaiono e che non possono risolversi nell'arco di poco tempo con bacchette magiche. Però, ancora la sanità rimane il problema vero dei calabresi, la grande questione centrale dei diritti negati ai calabresi; quindi, bene fa, Presidente, a dedicare ogni energia a questo settore.

Arriveranno le ambulanze, ma devono arrivare anche i medici. Noi abbiamo bisogno di ambulanze che viaggino assieme a medici, a personale medico che non sia costretto a fare dei turni, anche contra legem, che non sia costretto a dover supplire delle carenze che, come lei diceva, durano da anni.

Noi abbiamo bisogno di una rivoluzione nella sanità che non si fa ovviamente dalla sera alla mattina. Abbiamo bisogno di investimenti, di risorse, di risorse pubbliche. Siamo ancora nella fase del commissariamento, quindi abbiamo un compito ingrato: dover fare ribilanciare i conti come ogni commissariamento deve fare, ma nello stesso tempo noi abbiamo la necessità anche di programmare, di investire, di puntare sul futuro.

 Presidente, l'ho già detto in quest'Aula: le cose che mi chiedono di più i cittadini sono cose elementari, non sono dei favori, è la salvaguardia di diritti. Quando a Sersale mi chiedono l'ambulanza o mi chiedono in vari territori di potere garantire tempi certi nelle liste d'attesa, mi stanno chiedendo l'attuazione di un diritto costituzionale. Noi abbiamo una sfida enorme davanti a noi e qui dobbiamo remare tutti assieme nella stessa direzione. Certo, a un certo punto noi dovremmo fare anche un'analisi scientifica dei risultati prodotti. Forse è ancora troppo presto, però dovremmo ragionare con dati e numeri alla mano; dovremmo ragionare su quelli che sono i risultati di Azienda Zero e se questa creatura, che noi abbiamo messo in atto, comincia a produrre i suoi risultati; dovremmo ragionare su come far ritornare alla normalità le Aziende sanitarie provinciali che oggi sono molte di queste commissariate; addirittura commissariate con presenze di Generali ai loro vertici.

La presenza di Generali ai vertici delle Aziende sanitarie calabresi dimostra come in questa regione per tanto tempo, per troppo tempo, sia mancata la normalità. Noi dobbiamo ritornare alla normalità e, quindi, io spero che il paziente, che oggi si è risvegliato, in poco tempo riesca anche ad esercitare le funzioni minime, basilari, quelle vitali e che riesca a dare una risposta ai calabresi. Grazie a lei, Presidente.

Interrogazione a risposta immediata numero 143/12^ di iniziativa del consigliere Mammoliti “Richiesta delle OO.SS in merito alla convocazione del Tavolo Istituzionale Servizio Idrico Integrato”

PRESIDENTE

Passiamo all'interrogazione numero 143/12^ di iniziativa del consigliere Mammoliti, recante “Richiesta delle organizzazioni sindacali in merito alla convocazione del Tavolo istituzionale servizio idrico integrato”. Vi prego però di rispettare i tempi: due minuti per la domanda; tre minuti, Presidente, per la risposta. Altrimenti non facciamo in tempo neanche per mezzanotte. Prego, consigliere Mammoliti.

MAMMOLITI Raffaele (Partito Democratico)

Grazie, Presidente. Utilizzerò anche meno del tempo che mi spetta, per una ragione politica molto semplice. Ognuno di noi, anche quando le mozioni vengono firmate in gruppo, elabora il contenuto dell'interrogazione, ma, pur prendendo atto della convocazione odierna del Consiglio e dell'aver inserito all’ordine del giorno questi punti di interrogazione, si tratta di interrogazioni che non sono state di fatto evase, perché, se fossero state evase nei tempi previsti dal Regolamento, probabilmente, non saremmo qui a discutere di queste problematiche. Il contenuto di questa interrogazione, però, credo che sia stato sinceramente accolto.

Non mi voglio prendere del tutto il merito, ma voglio ringraziare il presidente Occhiuto che ha prestato l'attenzione necessaria perché nell'interrogazione veniva chiesto, in merito alla problematica dell'importantissimo obiettivo della riforma del servizio idrico integrato, di coinvolgere le organizzazioni sindacali che, debbo dire la verità e debbo dare atto, sono state non solo già convocate ma, da quello di cui sono a conoscenza, mi risulta che anche domani ci sia un’ulteriore convocazione; quindi posso considerarmi soddisfatto perché il contenuto di questa interrogazione è stato pienamente colto. Grazie, Presidente.

PRESIDENTE

Prego, signor Presidente della Giunta.

OCCHIUTO Roberto, Presidente della Giunta regionale

Di fatto ha risposto il consigliere Mammoliti, cioè le organizzazioni sindacali sono state coinvolte. Brevemente, ne approfitto per dare un'ulteriore informativa al Consiglio regionale in ordine alle questioni che pure erano poste nella interrogazione e che riguardano, sostanzialmente, l'attuazione e la riforma che questo Consiglio regionale, su impulso del governo regionale, ha prodotto quando si è costituita Arrical. Ormai Arrical è la base dei comuni aderenti per poter diventare il soggetto che sarà governato dai comuni stessi; quindi, è mia intenzione e del governo regionale restituire questo soggetto ai comuni, ora che i comuni hanno aderito, affinché possano avere la governance del sistema. Da qui a qualche settimana saranno indette le elezioni per i vertici di Arrical. Nel contempo, siamo impegnati affinché Sorical sia posta nella condizione di poter svolgere pienamente la sua funzione.

Come sapete, sono andato a Bruxelles, lì ho avuto il disco verde alla Commissione europea per poter dotare Sorical di finanza utile a realizzare tutte le attività. Ho incontrato l'amministratore delegato di Enel, incontrerò anche ai vertici di FMS, che è il fondo governativo tedesco che ha in pegno alcune quote di Sorical, perché l'idea è quella di arrivare ad un piano di ristrutturazione che metta Sorical nella condizione di poter assolvere al suo compito, senza i vincoli che oggi la normativa le pone in capo per via appunto della legge fallimentare e del piano di rientro a suo tempo approvato. Si sta andando, quindi, velocemente nella direzione tracciata e i comuni saranno, oltre alle organizzazioni sindacali, sicuramente protagonisti di questo processo, perché a breve governeranno, appunto, l'autorità che è Arrical.

PRESIDENTE

Grazie, Presidente.

Interrogazione a risposta immediata numero 150/12^ di iniziativa del consigliere Mammoliti “In merito alla fuoriuscita di percolato dalla discarica di Scala Coeli”

Interrogazione a risposta immediata numero 151/12^ di iniziativa dei consiglieri Tavernise, Afflitto “Sversamento di percolato nel fiume Nicà dalla discarica ubicata in località Pipino nel Comune di Scala Coeli”

PRESIDENTE

Passiamo all'interrogazione numero 150/12^ di iniziativa del consigliere Mammoliti, in merito alla fuoriuscita di percolato dalla discarica di Scala Coeli.

MAMMOLITI Raffaele (Partito Democratico)

Grazie, Presidente. Anche qui, per recuperare tempo naturalmente, mi rifaccio al contenuto dell'interrogazione. Naturalmente, vorrei anche conoscere, rispetto agli interventi che verranno illustrati, quali sono state le attività realizzate a seguito della rimozione del percolato e se l'ARPACAL, così come aveva anche annunciato, ha svolto una verifica sull'accaduto, insieme al Dipartimento, quale azione si è messa in campo e, soprattutto, vorrei capire quali sono le conseguenze e le ricadute sull'ambiente e sulle falde acquifere a causa di quello che è accaduto nella discarica di Scala Coeli. Grazie.

PRESIDENTE

Risponde il Presidente della Giunta regionale. Prego.

OCCHIUTO Roberto, Presidente della Giunta regionale

Presidente, mi pare che siano due le interrogazioni sullo stesso argomento. Se vuole rispondo a questa interrogazione, intendendo rispondere anche alla successiva.

PRESIDENTE

Sì, l’interrogazione a firma dei consiglieri Tavernise e Afflitto è sullo stesso argomento.

OCCHIUTO Roberto, Presidente della Giunta regionale

Quindi, se il consigliere Afflitto lo ritiene, potrei rispondere ad entrambe ora e, per il suo tramite, dare loro anche il documento che il Dipartimento competente ha preparato perché io potessi rispondere e che ricostruisce tutte le vicende e tutte le attività che sono state svolte subito dopo il disastro provocato dalla fuoriuscita del percolato qualche mese fa, lì, a Scala Coeli. Sono state eseguite diverse misure in fase emergenziale, intraprese per la messa in sicurezza del sito di discarica e del contesto territoriale e ambientale interessato all'evento.

Si comunica che sono in corso le attività di verifica in merito allo stato ambientale del sito inerente alla discarica. E, pertanto, ogni valutazione di competenza non può prescindere dai dati scientifici risultanti dai monitoraggi, dai cambiamenti, dalle analisi eseguite appunto da ARPACAL di cui, consigliere Mammoliti, ancora si attendono gli esiti definitivi. Le valutazioni finali in merito alle procedure da porre in essere per il ripristino ambientale dei siti interessati avverranno di concerto con gli organi di controllo e a seguito dello studio intrapreso circa l'eventuale superamento delle soglie di contaminazione delle matrici ambientali indagate. Come sapete, su questo tema, peraltro, c'è anche un lavoro che sta facendo la Procura della Repubblica, per cui noi saremo attenti sia ai risultati delle valutazioni che ARPACAL ha già fatto sia ai risultati delle valutazioni che la Procura dovesse fare.

Vi anticipo quella che è un'indicazione di governo che noi vorremmo dare: avendo disposto il raddoppio del termovalorizzatore di Gioia Tauro, che è una cosa che non piace ad alcuni di voi, come al consigliere Laghi - ho visto che è sobbalzato quando l'ho detto - noi, in prospettiva, non abbiamo bisogno di discariche. Per cui il mio personale orientamento è quello di limitare quanto più possibile il proliferare di discariche nella nostra regione e di fare in modo che le autorità preposte svolgano i controlli quanto più stringenti possibili sulle discariche in esercizio che devono rispettare tutti i valori ambientali previsti dalla legge.

PRESIDENTE

Grazie, Presidente. Collega Afflitto, penso che il Presidente della Giunta abbia risposto anche alla sua interrogazione che, pertanto, consideriamo evasa. Interviene, per replica, il consigliere Mammoliti. Ne ha facoltà.

MAMMOLITI Raffaele (Partito Democratico)

Grazie, Presidente. Intervengo molto brevemente. È chiaro che poi vedremo i risultati, in attesa dell'evoluzione che ci sarà su queste problematiche, però, intanto, c'è la necessità dell'immediatezza. E sull'immediatezza bisogna dire che l'intervento è stato svolto, il percolato è stato rimosso, anche se sembrerebbe che la Bieco abbia svolto delle analisi di cui ancora l'esito non si conosce, mentre, giustamente, il Presidente parlava anche delle analisi effettuate dall'ARPACL. Prendo atto dell'interessamento in maniera positiva, ma vorrei che su questa problematica, per l'importanza dal punto di vista sia ambientale sia delle conseguenze anche sulle falde acquifere, ci fosse, così come è stato puntualmente riportato dal Presidente, tutta l'attenzione e l'impegno necessario. Grazie.

PRESIDENTE

Grazie.

Interrogazione a risposta immediata numero 162/12^ di iniziativa del consigliere Mammoliti “Sulla mancata assegnazione dei medici cubani al Pronto soccorso dell'Ospedale di Vibo Valentia”

PRESIDENTE

Passiamo all’interrogazione, sempre a firma del collega Mammoliti, sulla mancata assegnazione dei medici cubani al Pronto soccorso all'Ospedale di Vibo Valentia. Consigliere Mammoliti, ha facoltà di illustrarla.

MAMMOLITI Raffaele (Partito Democratico)

Grazie, Presidente, anche se, di fatto, questa interrogazione è in parte superata. Però, Presidente, io la seguo molto, in maniera anche abbastanza appropriata, nei suoi interventi e negli impegni che sta dispiegando sulla problematica della sanità calabrese e io ho avuto modo di dire, Presidente, secondo il mio modesto punto di vista, c'è una discrasia molto stridente tra l'orientamento, le direttive e i provvedimenti che lei assume a livello regionale e quanto si verifica poi nella ricaduta del governo della sanità territoriale.

Mi assumo la responsabilità di quello che dico e ho presentato atti, provvedimenti e iniziative. Questa credo che sia una di quelle che, in maniera paradigmatica, dimostra come esista, caro Presidente, questa discrasia con l'input che indica lei, in qualità di Commissario, sui temi della sanità.

Quando lei ha annunciato la presenza dei medici cubani a Vibo in un'intervista, in una dichiarazione sulla stampa, in maniera molto chiara si evinceva che nell'ospedale di Vibo Valentia bisognava collocare questi medici cubani, tre al Pronto soccorso e uno in ortopedia. Guarda caso, arrivo a Vibo, vado a salutare i medici cubani senza nessun invito - mi hanno insegnato questo dal punto di vista istituzionale - e, quella mattina, non so per decisione di chi, quei tre medici vanno a finire nei reparti; quei medici che dovevano essere, come lei opportunamente aveva giustamente annunciato, al Pronto soccorso che bisogna potenziare e rafforzare - lo condivido e lo sostengo, Presidente – perché è la prima linea. Oggi, sembrerebbe che di quei tre, almeno due sono ritornati al Pronto soccorso.

Quindi, caro Presidente, io sono molto attento sui provvedimenti che lei in maniera appropriata sta introducendo nella sanità, però le ribadisco di prestare attenzione, perché sugli input che lei manda al governo dei territori della sanità territoriale c'è una discrasia che non sempre va nella direzione che lei indica. Grazie, Presidente.

PRESIDENTE

Prego, Presidente.

OCCHIUTO Roberto, Presidente della Giunta regionale

Riporto i numeri: i medici cubani a Serra San Bruno - parlo quindi di tutta l'Azienda sanitaria provinciale di Vibo a Serra San Bruno - lavorano autonomi nel Pronto soccorso; a Tropea lavorano affiancati in Pronto soccorso e saranno valutati per la loro autonomia nella prossima settimana; a Vibo sono impegnati prevalentemente in Terapia intensiva, ma questo consente ad altri medici di Vibo di poter fare turni in Pronto soccorso con la prestazione aggiuntiva.

Consigliere Mammoliti, lei ricorderà che, quando io in quest'Aula ho parlato della mia decisione di prendere i medici cubani, ci fu una levata di scudi, non solo in quest'Aula, ma dappertutto, io fui messo all'indice dalla comunità scientifica medica nazionale, i sindacati, gli Ordini dei medici mi attaccarono per questa decisione; oggi, questa mia decisione viene salutata come una decisione positiva che anche altre Regioni vorrebbero intraprendere.

Faccia attenzione, però, consigliere Mammoliti, i medici che hanno lavorato a Reggio Calabria sono lì da 7-8 mesi e, pure in una regione complicata come la Calabria, pure in una regione giustamente attenta alla qualità dei servizi offerti, non c'è stata una sola protesta da parte dei pazienti sulla qualità dei medici che hanno lavorato negli Ospedali di Reggio Calabria per diversi mesi.

Perché questo? Perché abbiamo utilizzato anche dei protocolli che ci hanno consentito l'inserimento di questi medici nel modo più appropriato. I medici cubani non vengono mandati in Pronto soccorso dal giorno in cui vengono nell'Azienda sanitaria o nell'Ospedale; si verifica che abbiano intanto la capacità per relazionarsi e poi vanno nel Pronto soccorso. Così è stato anche a Vibo Valentia. Così vorrei che fosse per gli altri medici che potremmo prendere, sempre da Cuba, e che potrebbero aiutarci nell’Emergenza-Urgenza.

Potremmo anche pensare di utilizzare questi medici per rendere medicalizzate le ambulanze che prendiamo, facendo in modo, però, che questi medici, quando non sono impegnati nei soccorsi per il sistema Emergenza-Urgenza, possano, per esempio, prendersi in carico 30, 40 cronici e possano fare quelle prestazioni assistenza territoriale che, purtroppo, il nostro sistema sanitario non riesce a erogare.

Quindi, sì, si sta ragionando anche nella direzione di rendere ulteriormente utile l'apporto dei medici cubani. Lei diceva che forse non c'è una corrispondenza fra l'azione che io faccio e le azioni dei dirigenti sul territorio. Prima, forse, nell'intervento di risposta che ho fatto al consigliere Lo Schiavo, dicevo che manca la capacità amministrativa e che il sistema è in coming, anche perché non c'è un tessuto amministrativo.

Lei, consigliere Mammoliti, come il consigliere Lo Schiavo, proviene da una provincia dove, anche all'interno dell'Azienda sanitaria provinciale, c'è la necessità di approfondimenti in ordine a eventuali infiltrazioni, così come c'è stata in moltissimi comuni della provincia. Allora lei mi diceva: “Si mettono i generali”. Sì, soprattutto in alcune realtà, forse è utile che ci sia un generale che ha anche competenze in materia sanitaria perché ha governato la sanità militare e che deve avere in qualche modo la possibilità di verificare che pratiche del passato, che hanno seriamente compromesso la funzionalità amministrativa di un'Azienda come quella di Vibo, non si ripetano.

Ho fiducia nel fatto che la presenza di questi dirigenti può essere un argine verso fenomeni che dobbiamo insieme debellare.

Quindi, sì, sono estremamente convinto della bontà della scelta, quando per esempio per l’azienda sanitaria provinciale di Vibo ho scelto un generale con grandi competenze mediche. La legge mi imporrebbe di nominare Commissari; la legge io l'ho fatta modificare perché, quando mi sono insediato, potevo soltanto nominare i Commissari.

Ho chiesto al Parlamento nazionale di modificare la norma e oggi posso nominare sia Commissari sia direttori generali. Laddove ci sono le condizioni per nominare un direttore generale e per restituire normalità alla gestione dell'Azienda sanitaria, lì è giusto nominare un direttore generale; laddove, invece, ci sono problemi di diverso genere, forse lì è utile tenere un Commissario.

Qualche sua collega l'altra volta diceva: “Ah, ma bisogna dare continuità alla gestione e bisogna nominare i direttori generali delle aziende”. Se non fosse stato perché l'ho chiesto io, direttori generali nelle aziende oggi non se ne potevano nominare perché quella norma l’ho chiesta io al Parlamento e al Governo ed è stata approvata. Ora abbiamo la possibilità di nominare il direttore generale ed il Commissario. Questo si fa laddove è possibile farlo.

“Ci vogliono medici”, diceva prima qualcuno - non so se lei o il consigliere Lo Schiavo -, “non bastano le ambulanze, ci vogliono medici”.

Ho sempre rispetto di quello che dice il consigliere Lo Schiavo, generalmente certe volte riesce a essere molto meno banale: è normale che ci vogliono medici, ma ci vogliono medici in tutta Italia, non ci vogliono medici solo in Calabria. Anzi, siamo riusciti, nell'ultima settimana - l'ho detto qualche giorno fa - a fare qualcosa per la prima volta in Calabria: abbiamo fatto un concorso unico, attraverso il modello di Azienda Zero, perché il deficit di capacità amministrativa che ho nel Dipartimento e a valle nelle Aziende lo devo colmare in qualche modo e lo devo colmare con Azienda Zero. Se non avessimo fatto Azienda Zero, non avremmo potuto fare il concorso unico per i medici, non avremmo potuto fare l'acquisto centralizzato dei mezzi dell'Emergenza-Urgenza. Certo, non l'abbiamo fatto con Azienda Zero perché Azienda Zero ancora non ha gli uffici del personale per fare tutte queste cose, ma l'abbiamo fatto con questo modello, nel senso che è Azienda Zero ad averlo disposto e l'abbiamo voluto fare facendo in modo che Azienda Zero si avvalesse di un'altra azienda, che facesse il suo lavoro. Se non avessimo costruito questo modello, non l'avremmo fatto e fra 10 giorni non avremmo avuto le 60 ambulanze, fra tre mesi non avremmo avuto le 100 ambulanze, non avremmo avuto nemmeno il concorso di cui vi ho parlato; un concorso, che era stato fatto per 220 posti, ha avuto 440 domande a Catanzaro. Una cosa mai successa in Calabria, una cosa che difficilmente succede anche nel resto d'Italia. Perché l'abbiamo fatto? Perché siamo stati più bravi? Non io, ma evidentemente il generale che l'ha fatto è stato più bravo perché ha utilizzato tutte le innovazioni legislative degli ultimi mesi, quelle del decreto bollette, e ha fatto un concorso finalmente attrattivo, aperto anche agli specializzati.

Vogliamo dirne un'altra? Abbiamo finanziato 85 borse di specializzazione. Mai successo anche questo in Calabria! Quindi abbiamo avuto più domande dei posti messi a bando. È chiaro che servono i medici, ma stiamo lavorando per superare queste criticità. E lo stiamo facendo, appunto, avendo risvegliato il paziente, a cui facevo riferimento prima, abbiamo cominciato a - stia tranquillo, siano tranquilli i consiglieri dell'opposizione - a farlo camminare come mai ha fatto nei 12 anni precedenti.

PRESIDENTE

Prego, collega Mammoliti, può replicare.

MAMMOLITI Raffaele (Partito Democratico)

Grazie, Presidente. Naturalmente prendo atto dei contenuti della risposta e di quanto è avvenuto, però vorrei ricordarle, Presidente, veramente con grande merito e senza ragionamenti dietrologici che non mi appartengono, che lei è molto abile.

Comprendo il profilo della risposta che ha voluto dare, perché, come dice lei, agiamo in un terreno molto delicato: l'ASP di Vibo è stata già sciolta per infiltrazioni nel passato, c'è poco da fare. Bisogna tenere bene in mente anche le indagini giudiziarie che sono in corso su quell'ASP, ma, proprio per questa ragione, io la inviterei a valutare le interrogazioni propositive che noi facciamo alla sua attenzione perché la vorremmo anche aiutare; non è tanto per porre il problema, ma per ricostruire quell'obiettivo positivo che si vuole infondere nella sanità. Debbo dare atto che la partecipazione al concorso di tanti medici credo che sia finalmente un segnale molto positivo; è un lavoro complicato, difficile, però credo che sia un primo segnale.

Finisco, Presidente. Il problema non è tanto il Commissario. Politicamente sono contrario alla gestione dei Commissari generali, prefetti e via dicendo, perché, se dopo 13 anni siamo in quelle condizioni è anche perché ci sono stati molti generali, comandanti dei carabinieri, e via dicendo. Ma il punto lì è che noi abbiamo un Commissario part time, Presidente, lei lo sa. Abbiamo un Commissario che viene una volta alla settimana. Nomini un generale pure, ma nomini un generale che viene tutta la settimana per prestare l'attenzione dovuta a quella problematica della sanità che richiede una grandissima appropriata attenzione, Presidente. E poi, infine - e chiudo, ma senza nessuna polemica, perché a me interessa il risultato - quei medici, Presidente, venivano da un corso intensivo dell'Unical; quindi, se erano stati bravi al corso intensivo dell'Unical e li avete mandati a Serre al Pronto soccorso e li avete mandati a Tropea al Pronto soccorso, è possibile che solo quelli che dovevano andare al Pronto soccorso di Vibo non erano stati così bravi da superare questo corso intensivo? Grazie, Presidente.

Interrogazione a risposta immediata numero 166/12^ di iniziativa del consigliere Mammoliti “Sulla sospensione, da parte dell'ASP di Vibo Valentia, del servizio di trasporto delle persone sottoposte a trattamento di emodialisi”

PRESIDENTE

Procediamo con l’interrogazione, sempre a firma del collega Mammoliti, la numero 166/12^ “Sulla sospensione da parte dell'ASP di Vibo del servizio di trasporto delle persone sottoposte a trattamento di emodialisi”.

MAMMOLITI Raffaele (Partito Democratico)

Intervengo, brevemente, anche qui, Presidente, rifacendomi naturalmente al contenuto dell'interrogazione. Questo disservizio che di fatto si è determinato, Presidente, in linea con le riflessioni che le ho, in maniera molto puntuale e garbata, sottoposto, si è determinato una situazione nella quale una Convenzione, sottoscritta con la Croce Rossa e l'ASP di Vibo, non tiene conto delle linee guida che lei aveva emanato con un DCA qualche giorno prima. Quando le dico che c'è una discrasia tra la sua impostazione regionale e le ricadute incongruenti che si verificano in chi governa la sanità vibonese, non è una presa di posizione politica pregiudiziale, ma è una constatazione di merito costante, quotidiana, che faccio sulla base di questi provvedimenti, di questi atti amministrativi che si approvano e che determinano poi dei disservizi che, se evitati, consentirebbero di fare bene al territorio e soprattutto agli ammalati. Grazie, Presidente.

PRESIDENTE

Prego, Presidente.

OCCHIUTO Roberto, Presidente della Giunta regionale

L'ASP di Vibo non ha mai sospeso il servizio di trasporto pazienti dializzati nell'ambito territoriale di competenza, nel rispetto della normativa di settore, con particolare riferimento proprio al DCA, a cui lei faceva riferimento, il 191 del 2023; l'Azienda mi ha risposto dicendo che “è consapevole della circostanza che il trasporto per le cure dialitiche, essendo parte della cura, deve essere garantito a tutti i pazienti, ma al tempo stesso attiene alla discrezionalità del rapporto medico-paziente stabilire se, per beneficiare delle medesime cure, il paziente possa usufruire di un mezzo dell'Azienda sanitaria e/o messo a disposizione dall'Azienda stessa, ovvero voglia accedere alle sedute dialitiche con mezzo proprio, potendo chiedere il ristoro delle spese sostenute, che è determinato su parametri precisi”.

Il trasporto dei dializzati non è legato alla condizione fisica del paziente, bensì alla patologia e, come tale, deve essere considerato parte integrante della cura e quindi un LEA, in quanto tale, mai sospeso dall'Azienda sanitaria provinciale di Vibo. Infine, appare opportuno segnalare come assolutamente non possa essere confusa, come sembra essere fatto nell'interrogazione, la garanzia dell'erogazione dei Livelli essenziali di assistenza con la modalità di programmazione dell'erogazione individuale degli stessi.

Al riguardo l'ASP di Vibo non ha dunque disatteso l'applicazione del DCA a cui lei faceva riferimento, consigliere Mammoliti, rimandando ai singoli la scelta sulle modalità di trasporto, attesa altresì la valenza positiva sul piano psicologico nonché sociale della possibilità di autodeterminarsi nella scelta e, soprattutto, dell'autonomia nello spostamento.

Con riferimento alla scelta aziendale di sottoscrivere una convenzione tra l'Azienda sanitaria provinciale di Vibo e la Croce Rossa, si rinvia all'iter logico giuridico di cui all'atto deliberativo conseguente di approvazione e adozione della Convenzione attualmente vigente. Ma glielo faremo avere nel caso. Ad ogni buon conto appare opportuno precisare che i pazienti dializzati nell'ASP di Vibo Valentia sono 18 e che ad oggi i trasporti programmati, effettuati in esecuzione della Convenzione, sono stati soltanto due.

Ecco, questa è la risposta a questa interrogazione. Però, siccome ho letto e ho dato una risposta un po’ noiosa, ne approfitto per tornare su quello che diceva prima consigliere Mammoliti in ordine al fatto che i medici cubani in qualche Ospedale vanno in Pronto soccorso dopo qualche giorno, in qualche Ospedale dopo qualche settimana, non tutti hanno la stessa propensione ad apprendere le lingue.

Pensi, consigliere Mammoliti, che ogni mattina alle 7 seguo un corso online per migliorare il mio inglese e, poiché ho un gigantesco problema di pronuncia, probabilmente lo faccio con meno profitto di come lo farebbe lei.  Capita anche ai cubani.

Interrogazione a risposta immediata numero 138/12^ di iniziativa del consigliere Lo Schiavo “In merito ai lavori sul tratto autostradale A2 Pizzo-Sant'Onofrio

PRESIDENTE

Grazie, Presidente. La liberiamo perché sono finite le interrogazioni che la riguardavano, quindi, passiamo all'interrogazione numero 138/12^ a firma del consigliere Lo Schiavo “In merito ai lavori sul tratto autostradale A2 Pizzo - Sant'Onofrio”.

LO SCHIAVO Antonio Maria (Gruppo Misto)

Mi rifaccio al contenuto dell'interrogazione. Si illustra da sé.

PRESIDENTE

Risponde il Presidente della Giunta regionale.

OCCHIUTO Roberto, Presidente della Giunta regionale

Presidente, rispondo io. Il tratto autostradale a cui fa riferimento l'interrogazione è uno dei due tratti autostradali che, come sapete, fu inaugurato nel 2016 da chi aveva necessità di inaugurare la nuova autostrada, ma, invece, non era stato effettivamente rifatto. L'altro tratto autostradale è quello fra Cosenza e Altilia.

Su questo tratto autostradale, l'ANAS sta intervenendo con importanti risorse, purtroppo solo di manutenzione ordinaria e straordinaria, e i lavori sono ancora più complicati quando insistono su viadotti.

Nel bilancio di ANAS sono previsti altri 400 milioni di euro di risorse per ulteriori interventi nella direzione di manutenere questo tratto autostradale. Abbiamo più volte insistito con ANAS affinché, soprattutto nelle fasi più complicate, quelle dell'esodo turistico, questo tratto non fosse interessato da lavori. ANAS lo ha fatto perché, come ha visto, nella scorsa estate questo tratto è stato completamente liberato. Sia chiaro che, quando si smonta un cantiere, non si fanno i lavori e poi si rimonta successivamente, tutto questo periodo va recuperato nei lavori di manutenzione programmati.

Quindi, c'è sicuramente un'attenzione costante da parte del governo regionale affinché l’ANAS continui nei lavori di manutenzione.

Il mio auspicio è che si trovino le risorse in prospettiva per completare l'opera – ripeto, fu inaugurata, ma non completata, nel 2016 – e per completare davvero l'autostrada A2, rifacendo completamente il tratto fra Cosenza e Altilia e il tratto fra Pizzo e Sant'Onofrio.

Sul tratto fra Cosenza e Altilia, la progettazione c'era, invece sul tratto fra Pizzo e Sant'Onofrio la progettazione di ANAS non c'è, quindi, dobbiamo invitarla anche a intervenire per dotarsi di una progettazione riferita, appunto, a questo tratto.

PRESIDENTE

Grazie, Presidente. Prego, collega Lo Schiavo, può replicare.

LO SCHIAVO Antonio Maria (Gruppo Misto)

Intanto, ringrazio il Presidente per avermi risposto personalmente, ma ovviamente questa interrogazione era stata presentata nel periodo estivo di forte traffico autostradale.

Purtroppo, sarò banale due volte oggi, ma anche qui, se i mezzi di accesso alle nostre strutture e alle nostre mete di villeggiatura comportano gravi disagi per il transito stradale agli automobilisti turisti, inevitabilmente, ne risente l'immagine della Calabria.

Devo dare atto, per onestà intellettuale, che nel periodo estivo è stata data una parziale soluzione a questo problema, così come devo dare atto che su questo tema ovviamente non è competente il Presidente della Giunta regionale, ma dobbiamo esercitare una pressione mediatica più forte e più incisiva possibile per sollecitare ANAS a intervenire con urgenza su questi tratti autostradali.

Certamente, non sarà la mia interrogazione a cambiare il corso degli eventi, ma sicuramente su questi temi teniamo l'attenzione alta e, quindi, nonostante tutto, sono contento della risposta perché i riflettori non devono chiudersi su questo problema.

So di nuovi cantieri imminenti, perché quello è un tratto autostradale che percorro continuamente - lei lo conosce bene, conosce quello tra Cosenza e Altilia, non devo aggiungere altro - per cui manteniamo alta l'attenzione sui cantieri della nostra rete autostradale.

Ferme restando le competenze di ANAS, dobbiamo – ripeto – tenere il fiato sul collo perché davvero il sistema dei trasporti calabresi è centrale nello sviluppo di questa regione, non soltanto per il turismo, ma per tanti cittadini pendolari che si muovono continuamente in questa regione.

La mobilità è al centro della qualità della vita e, quindi, continuerò a essere banale e a presentare interrogazioni su questi temi.

Interrogazione a risposta immediata numero 146/12^ di iniziativa del consigliere Mammoliti “In merito all’emergenza cinghiali”

PRESIDENTE

Passiamo all'interrogazione numero 146/12^ di iniziativa del consigliere Mammoliti “In merito all'emergenza cinghiali”.

Cedo direttamente la parola all’assessore Gallo per la risposta, senza l’illustrazione perché penso che il problema trattato sia noto.

GALLO Gianluca, Assessore all’agricoltura, risorse agroalimentari e forestazione

Signor Presidente, colleghi consiglieri. Rispondo, naturalmente, ad una interrogazione che costituisce un tema di straordinaria attualità, non soltanto nella nostra regione, ma nell'intero Paese, perché l'emergenza dei cinghiali ha colpito, appunto, l'intero Paese.

Da molti anni a questa parte, tutti gli assessori regionali all’agricoltura hanno posto al Governo centrale questa problematica, ma spesso anche per questioni di natura ideologica non si è intervenuto.

L'unica azione che ci è stata consentita è quella del selecontrollo e in Calabria abbiamo svolto tantissimi corsi affinché tanti cacciatori diventassero selecontrollori, ma questo, naturalmente, non ha diminuito l'incidenza dei cinghiali. A questo si è aggiunta un’emergenza ulteriore, quella della peste suina africana per la Provincia di Reggio Calabria e, rispetto a questa situazione - peraltro, elimina anche la possibilità delle attività venatorie, se non attraverso i selecontrollori, con la girata ad 8 e con almeno 3 cani - abbiamo iniziato una serie di attività che dovranno portare all’eradicazione in Provincia di Reggio della presenza degli ungulati e nelle altre Province ad un controllo della specie, con una diminuzione del numero dei cinghiali.

Abbiamo elaborato un PRIU (Piano Regionale Interventi Urgenti), approvato dall'ISPRA, che prevede 84.000 abbattimenti per quest'anno; abbiamo rinnovato il disciplinare per la caccia al cinghiale chiedendo alle squadre di aumentare il numero degli abbattimenti: del 50 per cento per coloro che hanno superato nell'anno precedente i 100 capi; del 100 per cento e almeno 50 capi per coloro che non hanno superato i 100 capi. Abbiamo consentito alle squadre di fare gemellaggi, abbiamo previsto che le zone bianche possano essere assegnate alle squadre di caccia che hanno territori contigui; abbiamo chiesto ed ottenuto dal presidente Occhiuto che si firmasse un’ordinanza che creasse la filiera della carne al cinghiale, per cui probabilmente individueremo delle celle frigorifere di prossimità, oltre quelle che abbiamo già da tempo dato agli ATC (Ambiti Territoriali di Caccia), per fare in modo che gli animali abbattuti, in attesa della verifica sanitaria, possano essere collocati in queste celle frigorifere per poi essere avviati alla costituzione della filiera.

Inoltre, stiamo per prevedere anche la possibilità, almeno per gli agricoltori a seguito dell'azione di selecontrollo, nel caso in cui ci siano abbattimenti, dell'interramento delle carcasse che non è assolutamente un elemento secondario.

Nei prossimi giorni, per l'ennesima volta, sarà in Calabria - e abbiamo chiesto che sia in Provincia di Reggio Calabria - il Commissario per la peste suina africana che dovrà elaborare, insieme a noi, il Piano per l'eradicazione della specie ungulata, perché gli abbattimenti per i suini ci sono stati in maniera massiva per chi avesse nelle aree rosse degli allevamenti da suini e, pertanto, ci sarà un Piano per l'eradicazione dei cinghiali nelle aree rosse, quindi nella Provincia di Reggio Calabria, sperando che il virus non si estenda.

In conclusione, si tratta di un’emergenza straordinaria a livello nazionale che riguarda tutte le regioni e tutto il Paese, che, naturalmente, è di natura anche economica, perché molti sono i danni che la Calabria e tutte le regioni stanno pagando per l’attività degli ungulati con il rischio di abbandono di intere aree, soprattutto interne, e poi è un'emergenza anche per la pubblica incolumità perché stanno aumentando i sinistri, in alcuni casi anche mortali. Rappresenta, poi, una gravissima emergenza sanitaria che costituisce un pericolo per gli esseri umani, perché non si tratta di una zoonosi - la peste suina africana, al contrario della tubercolosi, non è trasmissibile all'uomo - ma in ogni caso è un problema di natura sanitaria importante, perché, comprendete, potrebbe essere di nocumento per la filiera suinicola e anche del settore dei salumi e della ‘nduja, che per noi sono produzioni di pregio e di qualità e che hanno un fatturato per la nostra regione di almeno 150 milioni di euro all'anno. Quindi, naturalmente non si tratta del prosciutto di Parma, ma è, comunque, un’economia per la nostra provincia e per la regione.

PRESIDENTE

Grazie, assessore Gallo. Cedo la parola al consigliere Mammoliti per la replica.

MAMMOLITI Raffaele (Partito Democratico)

Grazie, Presidente. Dovrei poter svolgere il mio intervento per tre minuti, poiché mi sono limitato non illustrando l'interrogazione, consentitemi almeno, Presidente, di esporre alcune considerazioni.

PRESIDENTE

Può replicare, allora, per quattro minuti.

MAMMOLITI Raffaele (Partito Democratico)

Sicuramente, di meno. Sinceramente, do atto all'Assessoredel suo lavoro perché, come sa, abbiamo svolto insieme qualche iniziativa in qualche Comune, nel quale, purtroppo, come ha visto l'assessore, un ottantenne è stato aggredito in maniera molto grave.

Sono d'accordo, assessore, che ci sono una serie di interventi e che c'è una straordinarietà che ha colpito l'intero Paese che, naturalmente, si ripercuote con una serie di danni sull’agricoltura e sui piccoli imprenditori: l’aumento dei sinistri, la pericolosità sulla sicurezza, il problema sanitario della peste suina. Mi permetto di dire questo, Assessore: comprendendo la difficoltà nella quale bisogna agire, bisogna avere un approccio – non soltanto in Calabria ma nel Paese – rispetto alla dimensione straordinaria che questo aspetto ha assunto, perché purtroppo, a volte, ho la sensazione che non tanto in Calabria, ma a livello nazionale, si stia agendo con provvedimenti ordinari rispetto a una problematica che, invece, è diventata assolutamente d'emergenza e straordinaria.

Grazie, Presidente.

Interrogazione a risposta immediata numero 147/12^ di iniziativa del consigliere Tavernise “Disservizi dei treni-navetta per le coincidenze con il Frecciarossa Sibari-Bolzano”

PRESIDENTE

Passiamo all’interrogazione numero 147/12^ di iniziativa del consigliere Tavernise, “Disservizi ai treni navetta per le coincidenze del Frecciarossa Sibari – Bolzano”.

Cedo la parola al consigliere Tavernise per l’illustrazione.

TAVERNISE Davide (Movimento Cinque Stelle)

Grazie, Presidente. In breve. È stato istituito tre anni fa il treno Frecciarossa Sibari Bolzano. Ora, lo scorso anno, nel mese di settembre, per favorire i passeggeri e i pendolari della costa ionica, con un accordo stipulato nell'aprile 2021 tra l’Autorità trasporti della Calabria e Trenitalia, la Regione Calabria ha istituito un servizio treno navetta da e per Sibari, per garantire le coincidenze. Ora, senza rileggere tutta l’interrogazione, assessore Staine, purtroppo, su questo treno navetta spesso e volentieri ci sono dei ritardi e, quindi, molti passeggeri rimangono a piedi con il rischio che questo servizio non sia funzionale a trasportare i passeggeri da Crotone fino alla stazione di Sibari. Soprattutto nei mesi estivi mi sono pervenute diverse segnalazioni a tal proposito.

È chiaro che è un'interrogazione, presidente Mancuso, presentata a giugno, per la quale la risposta sta arrivando a fine ottobre, però ormai siamo qui e la discutiamo. Grazie.

PRESIDENTE

Cedo la parola all’assessore Staine. Ha tre minuti per la risposta.

STAINE Emma, Assessore alle politiche sociali e traporti

Consigliere Tavernise, grazie per la sua interrogazione alla quale desidero rispondere anche perché le sue interrogazioni sempre puntuali mi danno l'occasione per illustrare quello che stiamo facendo sui trasporti, soprattutto sulla tratta ionica.

Dopo un attento confronto con la Direzione regionale Calabria di Trenitalia tengo a precisare che i treni in oggetto, il regionale 5646 e il regionale 12979, non sono da considerarsi come navette, ma treni regionali a tutti gli effetti, come previsto nel contratto di servizio, e valutati, consigliere Tavernise, secondo il criterio di tutto il servizio regionale.

La programmazione, poi, è stata confermata nei diversi cambi di orario, incluso quello dello scorso dicembre 2022 che ha visto la riprogrammazione dell'intera offerta secondo il modello dell'orario cadenzato e senza alcuna compensazione straordinaria, perché sono stati gestiti all'interno del contratto di servizio.

Nello specifico, con riferimento al mese di maggio 2023, si evidenzia che il treno R5646 direzione nord, ha registrato un unico caso di ritardo, determinato da un guasto di linea e, dunque, non è stata garantita la connessione con il Frecciarossa.

Il treno regionale 12979, sempre nel mese di maggio 2023, ha registrato ritardo in 8 giornate con un tempo inferiore ai 13 minuti e mezzo, esattamente solo nei casi in cui ha dovuto attendere il Frecciarossa per Sibari in arrivo oltre l'orario stabilito. Quando il Frecciarossa ha superato la soglia di ritardo indicata, oltre 13 minuti, il treno regionale - non un treno navetta, tendo a sottolinearlo, perché nella trasportistica occorre essere precisi, - è partito senza aspettare i viaggiatori perché lo stesso treno ha una sua frequentazione specifica, non legata solo al Frecciarossa, dunque, ci sono i viaggiatori che attenderebbero per un tempo non quantificabile il treno regionale previsto su altri punti di percorrenza.

In tutti i casi di ritardo del treno Frecciarossa, i viaggiatori hanno usufruito di riprotezione di tutte le stazioni con un'organizzazione in capo alla direzione business alta velocità di Trenitalia sia con il ricorso a treni successivi sia a bus sostitutivi, senza nessun costo aggiuntivo per la Regione.

Quando accadono queste cose, mi premuro di chiamare la Direzione di Trenitalia e sto attenta perché le segnalazioni giungono per prima a me, così come è avvenuto nel giorno indicato da lei, consigliere Tavernise, il 17 giugno, quando gli 8 viaggiatori che proseguivano in direzione Crotone sono stati portati a destinazione con un bus sostitutivo, organizzato e a carico della direzione business alta velocità.

Questi sono i dati in nostro possesso. Inoltre, emerge uno scarso utilizzo del servizio ferroviario in questione, con una media inferiore a 10 passeggeri. Ulteriormente, lo slittamento in avanti di orario o l'aumento della fascia di tolleranza causerebbe un'ulteriore e significativo incremento dei costi.

È mio dovere essere molto attenta alla valutazione del rapporto tra costi e benefici, non perché sia mia intenzione penalizzare un determinato territorio, che è quello ionico, anzi mi pare, ed è evidente agli occhi di tutti, che da quando sono Assessore in questa Giunta, sulla linea ionica, abbiamo inserito tre nuovi Blues proprio perché sapevamo dei ritardi atavici che c'erano in quella linea.

Quindi, è evidente il fatto che, grazie alla prospettiva politica di questo governo regionale, stiamo investendo sulla rete di trasporto pubblico con mezzi moderni ed efficienti, così come in iniziative che tendono allo scopo della sostenibilità.

Siamo convinti che questa sia una strategia vincente che non solo migliorerà la qualità di vita dei nostri cittadini in termini di servizi, ma che avrà anche un impatto positivo sulle riduzioni di emissione CO2.

Il secondo treno, che abbiamo inaugurato a luglio, è il primo in Italia a zero emissioni, il Blues, questo sì per cancellare i ritardi più gravi che sono quelli della politica.

Questa è una risposta tecnica e spero di essere stata esaustiva, consigliere Tavernise, poi, se mi permette, le vorrei precisare con molta umiltà, visto che siamo della stessa generazione, che credo, quando si parla di trasporti o, in generale, quando si parla della politica calabrese, che i calabresi meritino una visione. I politici si possono dividere in due categorie: la prima è quella dei politici che decidono di far rimanere un segno in questa regione - credo che questa Giunta stia rispondendo con i fatti – e la seconda, invece, è quella dei politici che non hanno un'ottica lunga, una visione di ampio respiro; quest’ultima è la politica degli slogan e dei post sui social che, purtroppo, però, in una regione in cui serve tanto coraggio, non ha vita lunga.

Quindi, il mio suggerimento, appunto perché appartiene a una nuova generazione, consigliere Tavernise, è che, quando si parla di trasporti, di sanità o delle grandi decisioni di questa Regione, lei cerchi di lasciare il segno, perché i post sui social lasciano il tempo che trovano.

PRESIDENTE

Immagino che il consigliere Tavernise voglia replicare. Ne ha facoltà.

TAVERNISE Davide (Movimento Cinque Stelle)

Grazie, Presidente e assessore Staine.

Mi fa piacere che sia molto attenta e sia sul pezzo, però sa - me l'ha ricordato prima il presidente Mancuso - in quest'Aula è vero che c'è una maggioranza, ma dovete accettare che ci sia anche un'opposizione, altrimenti ci trasferiamo tutti nella Striscia di Gaza e comanda soltanto una Nazione.

Purtroppo, assessore Staine - lei lo sa meglio di me - ultimamente non sto nemmeno mandando comunicati stampa, le mando direttamente una Pec facendole proposte, magari come quella che le ho fatto sul trasporto verso l'aeroporto di Crotone.

Se lei vuole che lasciamo il segno. Servono giusto 2-3 minuti in più anche solo per la risposta alla Pec di un consigliere regionale, sarebbe anche una buona azione di una politica che vuol lasciare il segno, altrimenti poi gli slogan che vengono dall'opposizione, vengono poi recepiti anche dalla maggioranza. Grazie.

PRESIDENTE

Grazie, collega Tavernise. Riprendiamo, collega Mammoliti. Ha chiesto di intervenire il Presidente della Giunta regionale. Ne ha facoltà.

Sull’ordine dei lavori

OCCHIUTO Roberto, Presidente della Giunta regionale

Presidente, siccome ho visto che tra le interrogazioni a risposta scritta, ce n'è una che ha presentato il consigliere Alecci e sulla quale non avrei l'obbligo di rispondere, però ho letto la risposta ed è semplicemente una risposta tecnica. Se lei e il Consiglio lo consentiste, potrei integrare oralmente quella risposta tecnica con un giudizio politico sulla questione che il consigliere Alecci ha posto.

PRESIDENTE

Va bene. Lei vuole integrare la risposta scritta.

OCCHIUTO Roberto, Presidente della Giunta regionale

Però, siccome io devo andare a Crotone, la cortesia che chiedo, a lei e al Consiglio, è di invertire l'ordine.

Interrogazione a risposta scritta numero 172/12^ di iniziativa dei consiglieri Alecci, Bevacqua “Discarica Giammiglione

PRESIDENTE

Prego, può rispondere sull'interrogazione numero 172/12^ di iniziativa dei consiglieri Alecci e Bevacqua sulla “Discarica di Giammiglione”.

Prego, Presidente.

(Interruzione del consigliere Alecci)

Risponde il Presidente, poi lei si dichiara soddisfatto o meno, perché è una interrogazione a risposta scritta, non va illustrata, non è come le altre. Presidente, prego.

OCCHIUTO Roberto, Presidente della Giunta regionale

L’interrogazione che i consiglieri Alecci e Bevacqua hanno posto al governo regionale riguarda, appunto, la discarica di Giammiglione, che è una discarica di rifiuti pericolosi, speciali.

La risposta che il Dipartimento ha preparato e che io ho trasmesso come mia risposta è, appunto, una risposta tecnica, però io su questo tema non voglio evitare di esprimere un orientamento politico del governo regionale.

L'indirizzo di governo che la Giunta regionale sta dando agli Uffici della Regione è quello di ridurre quanto più possibile l'utilizzo di discariche, sia di discariche tradizionali sia, soprattutto, di discariche di rifiuti speciali o pericolosi.

Questa discarica produrrebbe utili per i proponenti, probabilmente, nell'ordine di centinaia di milioni di euro nei prossimi 3 o 4 anni.

È vero che io ho ereditato una Regione nella quale le procedure amministrative, le conferenze di servizio, tutte le procedure propedeutiche ad assumere decisioni in ordine all'apertura delle discariche erano state già fatte, quindi dobbiamo trovare un punto di equilibrio tra le istanze di chi propone discariche in questa Regione - avendo avuto dai governi regionali precedenti delle pronunce tendenzialmente favorevoli - e questo orientamento politico di governo regionale che, sostanzialmente, mi fa dire che la Calabria non ha bisogno di questi insediamenti.

Quindi dal punto di vista dell'indirizzo di governo la Giunta regionale ha trasmesso queste indicazioni agli Uffici, si tratta di fare le cose come vanno fatte in un ordinamento come il nostro, dove ogni decisione deve essere sostenuta da percorsi amministrativi ineccepibili.

Però, siccome la risposta era, appunto, soltanto tecnica, ho voluto integrare questa risposta con quella che è l'opinione del governo regionale; poi, è evidente, le opinioni devono essere compatibili con i percorsi amministrativi.

PRESIDENTE

Grazie, Presidente. Collega Alecci, la prego di attenersi ai tempi, perché abbiamo tantissime altre interrogazioni da discutere. Prego.

ALECCI Ernesto Francesco (Partito Democratico)

Non sono 50 le interrogazioni, come diceva, sono 20, però saremo veloci, ci mancherebbe altro. Intanto, innanzitutto, ringrazio il Presidente per la risposta.

Mi tranquillizza molto questa sua presa di posizione, perché quella della gestione dei rifiuti e, soprattutto, l'individuazione dei territori per le discariche è una pagina buia della nostra Regione.

Crotone - mi piace dare questo dato perché è significativo - ha un fattore di pressione – per fattore di pressione si intendono le tonnellate di rifiuti in proporzione ai metri quadrati della provincia - pari a 6 mila; quindi, i rifiuti presenti negli impianti nella provincia di Crotone danno un fattore o indice di pressione di 6 mila, nella provincia di Catanzaro di 3 mila, nella provincia di Reggio Calabria di 2 mila, nelle province di Vibo e di Cosenza 1800. Questo ci fa capire, in maniera chiara, che oggi la provincia di Crotone è quella, dal punto di vista ambientale e della quantità di rifiuti che vengono accolti, più martoriata.

Ricordo anche che questa discarica, che purtroppo potrebbe ricevere rifiuti speciali anche industriali da tutta la Regione Calabria, appesantirebbe anche il traffico veicolare sulla Strada Statale 106, perché transiterebbero camion da tutta la Calabria per arrivare in quest'area centrale, in cui già ne arrivano numerosi perché c'è un'altra discarica privata che è la Columbra, che oggi continua ad ospitare rifiuti anche speciali e che ha ospitato finanche i rifiuti provenienti da Napoli; quando Napoli viveva nell'emergenza rifiuti, i rifiuti della città di Napoli venivano portati in Calabria, ahimè, nella provincia di Crotone.

Quindi il fattore di pressione ci dice che ciò non è possibile, però, quello che mi preoccupa è il Consiglio di Stato che nella sua sentenza, dando ragione all'imprenditore, dichiara che: “Le previsioni regionali sono restrittive rispetto a quanto previsto dalla pianificazione regionale”. Cioè, si intendeva che questa discarica potesse essere solo al servizio dell'area SIN di Crotone, la Pertusola; il Consiglio di Stato dice che è troppo restrittiva e, quindi, può accogliere i rifiuti provenienti da tutta la Calabria perché la pianificazione regionale prevede questo.

Credo, allora, che la pianificazione regionale sia frutto della volontà politica e mi auguro che l'impegno sia quello di modificare l'individuazione dei territori capaci di accogliere oggi, ancora, rifiuti perché – ripeto - la provincia di Crotone non lo merita; è diventata la discarica regionale.

Ho accolto anche di buon grado l'idea che il concerto di Capodanno, probabilmente, si farà nella città di Crotone; ben venga un segno di attenzione verso una delle province che vive gravi disagi.

Un'annotazione simpatica, visto che lei è appassionato di droni: eviterei che nel veglione ci siano dei droni che si alzano, Presidente, perché a poche centinaia di metri dalla piazza dove si ballerà c'è l'area dell'ex Pertusola, un'area industriale abbandonata proprio sulle spiagge di fronte al mare, non sarebbe una bella immagine inquadrarla per la Calabria. Grazie.

PRESIDENTE

Grazie.

Interrogazione a risposta immediata numero 153/12^ di iniziativa del consigliere Mammoliti “In merito alla presunta violazione della legge sulla parità di accesso agli organi di amministrazione da parte di Lameziaeuropa spa”

PRESIDENTE

Passiamo all’interrogazione numero 153/12^ di iniziativa del consigliere Mammoliti, “In merito alla presunta violazione della legge sulla parità di accesso agli organi di amministrazione da parte di Lameziaeuropa spa”.

Risponde l’assessore Varì. Prego.

VARÌ Rosario, Assessore allo sviluppo economico e attrattori culturali

Grazie, Presidente, onorevoli consiglieri, colleghi della Giunta.

Con questa interrogazione il consigliere Mammoliti interroga il governo regionale in merito alla presunta violazione della legge sulla parità di accesso agli organi di amministrazione da parte della società Lameziaeuropa, partecipata da FINCALABRA.

A seguito della sua interrogazione, consigliere Mammoliti, il Dipartimento sviluppo economico ha interessato della questione FINCALABRA che, a sua volta, si è rivolta naturalmente a Lameziaeuropa.

Lameziaeuropa ha - per il tramite del collegio sindacale della medesima società - dichiarato che non sussistono i presupposti per l'applicazione del DPR numero 251 del 2012, atteso che non si riscontrano le condizioni di cui all'articolo 2359, comma 1 e 2, del Codice civile, perché, leggo testualmente il verbale del Collegio sindacale: “Non si realizzano i presupposti di cui al DPR 251 del 30/11/2012, poiché nessun azionista avente soggettività pubblica possiede una partecipazione superiore al 50 per cento del capitale sociale. Non si realizzano peraltro né un'influenza dominante, in assenza di composizioni para-sociali oppure convenzioni contrattuali, né il cosiddetto controllo di fatto, poiché la volontà decisionale nelle assemblee di Lameziaeuropa è esclusivamente raggiunta quando prevale la somma dei voti favorevoli espressi dagli azionisti partecipanti. L'articolo 2359 è chiaro nella sua espressione letterale e negli effetti voluti; non si fa riferimento alla prevalenza nella base sociale di azionisti che abbiano soggettività pubblica, ma alla posizione di ciascun azionista, in relazione all'esercizio di controllo esplicabile da chi disponga della maggioranza dei voti esercitabili nell’assemblea ordinaria. La mera titolarità pubblica della maggioranza di capitale è, da sola, elemento estraneo all'articolo 2359”.

Ciò precisato, consigliere Mammoliti, il Dipartimento sviluppo economico proporrà a FINCALABRA di avviare un'interlocuzione con i soci per la sottoscrizione di un accordo finalizzato all'applicazione del principio di equilibrio di genere nella composizione degli organi di amministrazione e di controllo.

Del resto, consigliere Mammoliti, mi sembra chiara quella che è l'indicazione di governo da parte di questa Amministrazione regionale, sia lato Consiglio sia lato Giunta.

Lei, che è un consigliere attento, certamente, non potrà aver dimenticato la circostanza che per iniziativa della Giunta regionale, su proposta della Vicepresidente della Giunta, l'anno scorso, questo Consiglio ha approvato la legge numero 7 del 2022 a tutela della parità di genere. Così come il governo regionale in più occasioni ha dimostrato attenzione a questa problematica; ricordo, ad esempio, che il mio assessorato, Assessorato allo sviluppo economico, ha pubblicato, come primo bando pubblico nel 2022, quello relativo all'imprenditoria femminile, grazie al quale sono state premiate le imprese a compagine sociale femminile con un capitale veramente considerevole, perché c'era un fondo perduto di 400 mila euro.

Così come devo evidenziare che nei bandi che sono di prossima pubblicazione - quello relativo a impianti e macchinari è già in pre-informazione e quindi potrà verificare la circostanza -- tra i criteri di ammissibilità dei partecipanti viene premiata la presenza femminile nella compagine sociale. Grazie, Presidente.

MAMMOLITI Raffaele (Partito Democratico)

Grazie, Presidente. Intervengo molto brevemente. Ho ascoltato, assessore Varì, la sua risposta e debbo dire  che l'articolo 33 dello Statuto di Lameziaeuropa - non il mio Statuto o una mia interpretazione - di fatto contraddice questo. L'articolo 33 dello Statuto di Lameziaeuropa è molto chiaro e dice che in caso di nomina del Consiglio di amministrazione almeno un terzo dei suoi componenti dovrà appartenere al genere meno rappresentato. Ora, senza nulla togliere giustamente alle azioni che state mettendo in campo, prendo atto sul piano politico, tuttavia, che a prescindere dalla normativa, lei si è dichiarato disponibile a fare questo accordo e garantire l'esigibilità del principio di genere a prescindere dal riferimento normativo. Grazie, Presidente.

PRESIDENTE

Grazie.

Comunicazioni sulle interrogazioni a risposta scritta numero 90/12^, 130/12^, 136/12^, 137/12^, 144/12^, 152/12^, 154/12^, 171/12^

PRESIDENTE

Proseguiamo con le interrogazioni a risposta scritta, ex articolo 121.

Nelle more della convocazione sono pervenute le risposte scritte da parte della Giunta regionale alle seguenti interrogazioni sulle quali si chiede all'interrogante se vuole intervenire: numero 90/12^ a firma del consigliere Bevacqua: “Contratto di servizio con Trenitalia”; numero 130/12^, di iniziativa del consigliere Tavernise: “Completamento della strada Sila-mare”; numero 136/12^ di iniziativa del consigliere Laghi: “In merito alle condizioni della segnaletica nel tratto stradale e autostradale che conduce alla Città di Castrovillari (CS)”; numero 137/12^ di iniziativa del consigliere Tavernise: “Difesa della costiera e ricostruzione del litorale di Crosia nella frazione di Mirto”; numero 144/12^ a firma del consigliere Lo Schiavo: “In merito agli interventi sul torrente Murria e al ripristino dell'omonimo bacino irriguo”; numero 152/12^ di iniziativa del consigliere Billari: Completamento e attivazione infrastruttura della diga sul fiume Metramo”; numero 154/12^ a firma del consigliere Tavernise: “Elettrificazione della linea ferroviaria ionica” - consigliere, se non l'ha ricevuta, mi preoccuperò a fargliela pervenire; numero 171/12^ di iniziativa del consigliere Tavernise: “Bonifica del SIN ‘Crotone-Cassano-Cerchiara”.

Gliela faccio pervenire, senz'altro. Grazie, la seduta è tolta.

 

La seduta termina alle 17,48

 

Allegati

Congedi

Hanno chiesto congedo: Billari e Bruni.

(È concesso)

Annunzio di proposte di legge e loro assegnazione a Commissioni

Sono state presentate alla Presidenza le seguenti proposte di legge di iniziativa dei Consiglieri regionali:

De Nisi e Graziano “Modifica dei confini territoriali dei Comuni di Filadelfia, Francavilla Angitola e Polia della provincia di Vibo Valentia” (PL n. 230/12^).

È stata assegnata alla prima Commissione - Affari istituzionali, affari generali e normativa elettorale per l’esame di merito e alla seconda Commissione - Bilancio, programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero per il parere finanziario.

Mancuso, Comito e Caputo “Recepimento e applicazione della normativa nazionale in materia di riconoscimento dei maggiori oneri derivanti dall’emergenza COVID-19 sostenuti dagli erogatori privati accreditati, nel triennio 2020-2022” (PL n. 231/12^).

È stata assegnata alla terza Commissione - Sanità, Attività sociali, culturali e formative per l’esame di merito e alla seconda Commissione - Bilancio, programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero per il parere finanziario.

Alecci “Istituzione del Servizio di psicologia scolastica” (PL n. 232/12^).

È stata assegnata alla terza Commissione - Sanità, Attività sociali, culturali e formative per l’esame di merito e alla seconda Commissione - Bilancio, programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero per il parere finanziario.

 Mattiani “Modifiche e integrazioni all’articolo 4 della legge regionale 10 luglio 2008, n. 22 “Istituzione del Garante della Salute della Regione Calabria”” (PL n. 233/12^).

È stata assegnata alla prima Commissione - Affari istituzionali, affari generali e normativa elettorale per l’esame di merito e alla seconda Commissione - Bilancio, programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero per il parere finanziario.

 Mancuso, Crinò, Comito, Graziano, Gelardi, De Nisi, Laghi, Neri, Lo Schiavo, Bevacqua “Premialità nelle procedure di aggiudicazione di contratti pubblici per le imprese resistenti alla criminalità organizzata” (PL n. 234/12^).

È stata assegnata alla prima Commissione - Affari istituzionali, affari generali e normativa elettorale per l’esame di merito, alla seconda Commissione - Bilancio, programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero per il parere finanziario e alla Commissione speciale contro il fenomeno della ‘ndrangheta, della corruzione e dell’illegalità diffusa per il parere di cui all’art. n. 66, comma 2 del Regolamento Interno del Consiglio regionale della Calabria.

 Gentile “Modifiche all’articolo 11 della legge regionale 15 marzo 2023, n.12 (Disposizioni per la realizzazione, il riconoscimento, la valorizzazione e la promozione dei Cammini di Calabria)” (PL n. 235/12^).

È stata assegnata alla sesta Commissione - Agricoltura e foreste, Consorzi di bonifica, Turismo, Commercio, Risorse naturali, Sport e Politiche giovanili per l’esame di merito e alla Seconda Commissione - Bilancio, programmazione economica e attività produttive, affari dell’Unione europea e relazioni con l’estero per il parere finanziario.

Comito, Crinò, De Nisi, Graziano, Gelardi, Neri “Interventi normativi sulle leggi regionali n. 12/2023 n. 14/2023, n. 25/2020, n. 28/2018, n. 22/2023, n. 24/2023, n. 8/2023, n. 19/2002, n. 45/2012, n. 25/2023, n. 32/1996, n. 36/2023, n. 37/2023, n. 39/2023, n. 19/2009, n. 42/2017 e disposizioni normative” (PL n. 236/12^).

È stata assegnata alla prima Commissione - Affari istituzionali, affari generali e normativa elettorale per l’esame di merito e alla seconda Commissione - Bilancio, programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero per il parere finanziario.

Annunzio di proposte di provvedimento amministrativo e loro assegnazione a Commissioni

È stata presentata alla Presidenza la seguente proposta di provvedimento amministrativo di iniziativa della Giunta regionale:

“Rendiconto esercizio 2022 dell’Ente per i Parchi Marini Regionali (EPMR) - (Deliberazione C.R. n. 500 del 26.09.2023)” (PPA n. 137/12^).

È stata assegnata alla seconda Commissione - Bilancio, programmazione economica e attività produttive, affari dell’Unione europea e relazioni con l’estero per l’esame di merito.

È stata presentata alla Presidenza la seguente proposta di provvedimento amministrativo di iniziativa dell’Ufficio di Presidenza:

“Bilancio di previsione 2023-2025 del Consiglio Regionale della Calabria: assestamento e variazioni - (deliberazione U.P. n. 49 del 4.10.2023)” (PPA n. 139/12^).

Sono state presentate alla Presidenza le seguenti proposte di provvedimento amministrativo di iniziativa dei Consiglieri regionali:

Gelardi, Graziano, Tavernise, Bevacqua, Comito, Crinò, De Nisi, Laghi, Lo Schiavo, Neri “Modifiche al Regolamento interno del Consiglio regionale della Calabria” (PPA n. 136/12^).

È stata assegnata alla quinta Commissione - Riforme per l’esame di merito.

Alecci “Proposta di legge al Parlamento concernente: “Modifiche e integrazioni al DPR 22 dicembre 1986, n. 917 (Testo unico delle imposte sui redditi)”” (PPA n. 138/12^).

È stata assegnata alla seconda Commissione - Bilancio, programmazione economica e attività produttive, affari dell’Unione europea e relazioni con l’estero per l’esame di merito.

Richiesta parere della Commissione consiliare competente

La Giunta regionale ha trasmesso, per il parere della competente Commissione consiliare, la deliberazione n. 499 del 26 settembre 2023, recante:

“Modifiche alla D.G.R. n. 503 del 25 ottobre 2019 relativa a “Riorganizzazione dell’assetto istituzionale del sistema integrato degli interventi in materia di servizi e politiche sociali. Legge 8 novembre 2000, n. 328 e Legge regionale 26 novembre 2003, n. 23 e ss.mm.ii. e s.m.i””.

(Parere numero 30/12^).

È stato assegnato alla terza Commissione consiliare permanente.

Trasmissione decreto dirigenziale

Il Dipartimento Sviluppo Economico ed Attrattori Culturali, Osservatorio Regionale delle Attività Estrattive (O.R.A.E.) ha trasmesso il Decreto Dirigenziale n. 13269 del 20.09.2023 concernente:

“Autorizzazione, ai sensi dell’art. 26 della L.R. 40/2009, per l’apertura di una nuova cava per la coltivazione e il recupero ambientale di una cava di calcarenite sita in località Fratte del Comune di Isola di Capo Rizzuto (KR)”.

(Parere numero 31/12^).

È stato assegnato alle seguenti Commissioni consiliari permanenti: alla sesta, alla seconda e alla quarta.

Parere favorevole su deliberazione

La Terza Commissione consiliare, nella seduta del 28 settembre 2023, ha espresso parere positivo in ordine alla deliberazione della Giunta regionale n. 499 del 26 settembre 2023, recante:

“Modifiche alla D.G.R. n. 503 del 25 ottobre 2019 relativa a “Riorganizzazione dell’assetto istituzionale del sistema integrato degli interventi in materia di servizi e politiche sociali. Legge 8 novembre 2000, n. 328 e Legge regionale 26 novembre 2003, n. 23 e ss.mm.ii. e s.m.i””.

(Parere numero 30/12^).

Ritiro proposta di legge da parte dei consiglieri proponenti

Con nota pervenuta in data 25 settembre 2023, i consiglieri regionali De Nisi e Graziano, hanno ritirato la proposta di legge n. 194/12^, recante:

“Modifica dei confini territoriali dei Comuni di Filadelfia, Francavilla Angitola e Polia della provincia di Vibo Valentia”.

Con nota pervenuta in data 4 ottobre 2023, i consiglieri regionali Mancuso, Caputo e Comito, hanno ritirato la proposta di legge n. 120/12^, recante:

“Riconoscimento dei maggiori oneri derivanti dall’emergenza COVID-19 sostenuti dagli erogatori privati accreditati, nel triennio 2020-2022, e liquidazione dei conseguenti ristori economici”.

Sottoscrizione proposta di legge regionale

La proposta di legge n. 202/12^, d’iniziativa del consigliere regionale Straface, recante:

“Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 12 febbraio 2016, n. 2 (Istituzione del Registro tumori di popolazione della Regione Calabria)”, è stata sottoscritta anche dai Consiglieri regionali Mannarino, Raso e Laghi.

La proposta di legge n. 223/12^, di iniziativa dei consiglieri regionali Molinaro, Gelardi, Mancuso, Raso, recante:

“Interventi per il trasferimento dei crediti fiscali derivanti dall’efficientamento energetico del patrimonio edilizio”, è stata sottoscritta anche dai Consiglieri regionali De Francesco e Mattiani.

La proposta di legge n. 160/12^, di iniziativa del Consigliere regionale Laghi, recante:

“Norme in materia di valorizzazione delle aree verdi e delle formazioni vegetali in ambito urbano”, è stata sottoscritta anche dai Consiglieri regionali Raso, Straface, De Francesco, De Nisi, Lo Schiavo.

La proposta di legge n. 227/12^, di iniziativa dei Consiglieri regionali Mancuso, Cirillo, recante:

“Cimiteri per animali d’affezione”, è stata sottoscritta anche dal Consigliere regionale Gentile.

Promulgazione di legge regionale

In data 27 settembre 2023, il Presidente della Giunta regionale ha promulgato le sottoindicate leggi regionali e che le stesse sono state pubblicate telematicamente sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria n. 211 del 27 settembre 2023:

1) Legge regionale n. 40 del 27 settembre 2023, recante: “Modifiche e integrazioni della legge regionale 24 maggio 2023, n. 22 (Norme in materia di aree protette e sistema regionale della biodiversità)”;

2) Legge regionale n. 41 del 27 settembre 2023, recante: “Modifica della legge regionale 6 maggio 2022, n.13 (Strutture residenziali per minori e giovani adulti sottoposti a procedimento penale ovvero in esecuzione di pena)”.

In data 29 settembre 2023, il Presidente della Giunta regionale ha promulgato le sottoindicate leggi regionali e che le stesse sono state pubblicate telematicamente sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria n. 214 del 29 settembre 2023:

1) Legge regionale n. 42 del 29 settembre 2023, recante: “Modifiche e integrazioni dell’articolo 39 della legge regionale 23 dicembre 2011, n. 47 (Collegato alla manovra di finanza regionale per l'anno 2012)”;

2) Legge regionale n. 43 del 29 settembre 2023, recante: “Modifiche e integrazioni della legge regionale 25 novembre 1996, n. 32 (Disciplina per l'assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica)”.

In data 3 ottobre 2023, il Presidente della Giunta regionale ha promulgato le sottoindicate leggi regionali e che le stesse sono state pubblicate telematicamente sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria n. 218 del 5 ottobre 2023:

1) Legge regionale n. 44 del 3 ottobre 2023, recante: “Disciplina regionale in materia di impianti radioelettrici ai fini di un efficace sviluppo delle reti di telecomunicazione in osservanza della tutela ambientale e sanitaria della popolazione”;

2) Legge regionale n. 45 del 3 ottobre 2023, recante: “Promozione del benessere degli animali d’affezione e prevenzione del randagismo”.

Relazione della Commissione speciale di Vigilanza sulla deliberazione della Corte dei conti Sezione di controllo per la Calabria

La Commissione speciale di Vigilanza ha trasmesso, ai sensi dell’art. 34, comma 3, lett. e) del R.I., la relazione sulla Deliberazione della Corte dei conti - Sezione regionale di Controllo per la Calabria n. 108/2023 avente ad oggetto:

“Relazione annuale sulla tipologia delle coperture finanziarie adottate nelle leggi regionali approvate nel 2022 e sulle tecniche di quantificazione degli oneri” (articolo 1, c. 2, del D.L. n. 174), approvata nella Seduta del 4 ottobre 2023, all’unanimità dei Gruppi consiliari presenti.

Emanazione di regolamento regionale

In data 27 settembre 2023, il Presidente della Giunta regionale ha emanato i sottoindicati regolamenti regionali e che gli stessi sono stati pubblicati telematicamente sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria n. 211 del 27 settembre 2023:

1) Regolamento regionale n. 8 del 27 settembre 2023, concernente: “Regolamento regionale di attuazione della legge regionale 5 novembre 2009, n. 40, ai sensi dell'art. 22 della legge regionale 24 febbraio 2023, n. 4”;

2) Regolamento regionale n. 9 del 27 settembre 2023, concernente: “Modifiche al regolamento regionale 9 aprile 2020, n. 2 - Regolamento di attuazione della legge regionale 12 ottobre 2012 n. 45 - gestione, tutela e valorizzazione del patrimonio forestale regionale”.

In data 29 settembre 2023, il Presidente della Giunta regionale ha emanato il sottoindicato regolamento regionale e che lo stesso è stato pubblicato telematicamente sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria n. 214 del 29 settembre 2023:

- Regolamento regionale n. 10 del 29 settembre 2023 concernente: “Modifiche al regolamento regionale 25 novembre 2019, n. 22 - Procedure di autorizzazione, accreditamento e vigilanza delle strutture a ciclo residenziale e semiresidenziale socioassistenziali, nonché dei servizi domiciliari, territoriali e di prossimità”.

Trasmissione di deliberazioni

La Giunta regionale ha trasmesso copia delle seguenti deliberazioni di variazione al bilancio di previsione finanziario 2023 - 2025:

1)    Deliberazioni della Giunta regionale dalla numero 494 alla numero 497 del 26 settembre 2023;

2)    deliberazioni della Giunta regionale dalla numero 519 alla numero 529 del 6 ottobre 2023;

3)    deliberazioni della Giunta regionale dalla numero 550 alla numero 564 del 13 ottobre 2023.

Interrogazioni a risposta scritta

Tavernise. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

-  in data 09 febbraio 2023 è stata presentata, a firma dell’interrogante, l’interrogazione a risposta scritta n. 120 “Rischio disimpegno per i Fondi Ue della Programmazione 2014-2020”, presentata a seguito della relazione annuale 2022 approvata con Delibera n. 1/2023 dalla Sezione di controllo per gli affari comunitari e internazionali della Corte dei conti, sui rapporti finanziari con l’Unione europea e l’utilizzazione dei Fondi comunitari, in cui emergevano criticità per quanto riguarda la gestione dei Fondi Comunitari per la Programmazione 2014-2020. In uno dei rilievi contenuti nella relazione, la Corte dei Conti osservava che “tenendo conto della tempistica per l’avvio dei bandi e per la valutazione ed esecuzione dei progetti, si ritiene possibile che il tempo per rispettare la cosiddetta regola “n+3” (prevista per il 2023) e per evitare il disimpegno automatico, possa non essere sufficiente”;

nella risposta del 24 febbraio 2023 alla citata interrogazione n.120, il Dipartimento Programmazione Unitaria forniva un quadro, al 31 dicembre 2022, dello stato di attuazione del POR Calabria FESR FSE 2014-2020. La spesa complessiva ancora da sostenere per garantire il completo assorbimento della quota comunitaria risultava essere di 776 milioni di euro. Ad un anno dalla chiusura del programma, quindi, risultava speso il 60 per cento delle somme complessive a disposizione. Considerato che: i dati pubblicati sul portale Cohesion Data della Commissione europea al 31 dicembre 2022 riportavano che la spesa certificata da Bruxelles era pari al 58 per cento, tra fondi Fers e Use. Per la Commissione europea rimanevano da spendere 942 milioni di euro entro il 31 dicembre 2023;

al 30 giugno 2023, sempre secondo i dati del portale della Commissione Europea Cohesion Data, la Regione Calabria risulta attestarsi al 67 per cento di spesa, un dato in crescita di nove punti percentuali rispetto a sei mesi prima, ma inferiore alle altre regioni italiane che si attestano mediamente su un target di spesa intorno all’80 per cento, con punte come la Puglia dove si è raggiunto il 104 per cento di spesa. La Regione Calabria, secondo Bruxelles, non ha speso risorse per 747 milioni di euro, a sei mesi dalla chiusura del programma. Tenuto conto che: alla chiusura della Programmazione 2014-2020 mancano solo tre mesi e aumenta il rischio di incorrere nel disimpegno automatico delle risorse che dovessero risultare eventualmente non utilizzate entro il 31 dicembre 2023;

a causa dei tempi tecnici delle procedure di rendicontazione e controllo vi è quasi sempre uno scarto tra spese certificate e spese effettivamente sostenute. Preso atto che: secondo il portale Cohesion Data della Commissione Europea sono state utilizzate risorse per circa 200 milioni nei primi sei mesi del 2023 ma mancano ancora 747 milioni di euro da spendere nei restanti sei mesi dell’anno;

tali dati confermano la gravità della situazione e mettono a rischio concreto la perdita di risorse importanti per la Calabria. Tutto ciò premesso e considerato interroga il Presidente della Giunta regionale

per sapere:

1. quali iniziative urgenti intende intraprendere la Regione Calabria per evitare il disimpegno delle risorse entro il 31 dicembre 2023 e per migliorare e accelerare i processi di impegno e di spesa delle somme messe a disposizione dall'Unione Europea;

2. qual è il dato reale di spesa del POR Calabria FESR FSE 2014-2020 e quali sono le principali attività da realizzare negli ultimi tre mesi del Programma per garantire il completo assorbimento entro la chiusura.

(173; 27/09/2023)

 

Tavernise. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

la Ferrovia Silana, che collega Cosenza a San Giovanni in Fiore, è una linea ferroviaria a scartamento ridotto di 950mm ricca di opere di ingegneria che generano ancora oggi l’attenzione degli studiosi di tutto il mondo e che attraversa borghi ricchissimi di storia e tradizioni. Si sviluppa nel cuore del Parco Nazionale della Sila, distaccandosi dalla linea per Catanzaro nella stazione di Pedace, 7 chilometri a sud di Cosenza. Rappresenta uno dei massimi esempi ancora esistenti di ingegneria ferroviaria in Italia. Difatti la linea, partendo da Cosenza, a 232 metri sul livello del mare, raggiunge il picco a San Nicola Silvana Mansio, tetto ferroviario d’Italia, la più alta stazione del nostro Paese in esercizio, con i suoi 1.406 metri di altezza, per poi ridiscendere a San Giovanni in Fiore, a quota 1.048 metri. Per superare tanto dislivello, di oltre 1.000 metri, la ferrovia si avvalse di soluzioni ingegneristiche al limite delle possibilità dell'epoca;

la Ferrovia Silana è rimasta interrotta nel 2011 ed è stata riaperta al traffico turistico solo nel 2016, anche grazie all’impegno dell’Associazione Ferrovie della Calabria, limitatamente alla tratta Moccone - Camigliatello e San Nicola - Silvana Mansio, con il “Treno della Sila”, iniziativa turistica di grande successo che circola praticamente tutto l’anno, salvo brevi periodi di interruzione. Il Treno della Sila è composto da una locomotiva risalente al 1926 modello 353 Borsig di fabbricazione tedesca e da una serie di carrozze completamente in legno perfettamente restaurate, che fanno parte di un lotto di veicoli costruiti a inizio Novecento dalla società milanese Carminati & Toselli. Da Pedace a Moccone e da San Nicola Silvana Mansio a San Giovanni in Fiore, invece, la linea non è stata ancora ripristinata. Considerato che: la legge 9 agosto 2017, n. 128 recante: “Disposizioni per l'istituzione di ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico o archeologico”, ha classificato, all’articolo 2, comma 2, la tratta Cosenza- San Giovanni in Fiore come tratta ferroviaria ad uso turistico, riconoscendone, per tale via, il rilevante pregio culturale, paesaggistico e turistico;

tale classificazione è stata poi ribadita dal decreto interministeriale del 17 maggio 2022, che, in attuazione della legge 128/2017, tutela 26 linee ferroviarie locali, e tra queste la Ferrovia Silana, a scopo turistico. Queste tratte ferroviarie potranno tornare in servizio o essere maggiormente utilizzate valorizzando i relativi territori, anche grazie ai fondi del Piano complementare al PNRR. Tenuto conto che: le ferrovie turistiche e treni storici rappresentano un’offerta di turismo che permette di immergersi nella storia, una nuova forma di turismo con effetti positivi sull’indotto dei territori da esse attraversate, in termini di promozione dei centri di interesse culturale, naturalistico ed enogastronomico e di opportunità di promozione e vendita di prodotti tipici;

un servizio di mobilità dolce ed ecosostenibile come quello della Ferrovia Silana non ha soltanto una valenza esclusivamente turistica. Il rilancio di tutta l'area silana attraverso questa iniziativa, si affianca, infatti, ad un'altra importantissima questione, ovvero la sicurezza di tutti coloro che vogliono raggiungere la Sila o che, al contrario, dalle zone montane devono raggiungere il capoluogo di Provincia Cosenza. Vista infatti la ben nota pericolosità della Strada Statale 107 Silana Crotonese, specie in inverno ed in presenza di precipitazioni nevose, la Ferrovia Silana potrebbe rappresentare un valido mezzo di trasporto alternativo alla gomma, per "intercettare" almeno una parte delle migliaia di persone che si spostano in auto su una delle strade più pericolose d’Italia, quella SS107 troppo spesso interrotta per manutenzione sui tanti viadotti e gallerie che la contraddistinguono. Preso atto che: nel 2017 è stato previsto un finanziamento per il ripristino della ferrovia storica della Sila, attraverso i fondi Por, nell’ottica di un rilancio turistico della Sila;

con delibera n. 148 del 4 aprile 2023, la Giunta regionale, rideterminando le destinazioni nell’ambito della dotazione finanziaria dell’Asse 6 Programma “Tutela e valorizzazione del patrimonio ambientale e culturale” ha rimodulato la cifra di 685.000 euro destinata ad iniziative relative al ripristino della funzionalità della Linea Pedace - San Giovanni in Fiore di cui all’Azione 6.8.3 ”Sostegno alla fruizione integrata delle risorse culturali e naturali e alla promozione delle destinazioni turistiche” del POC 2014/2020, spostandola sul potenziamento della Seggiovia Puntone Scirocco del comprensorio sciistico di Gambarie, su proposta del Comune di Santo Stefano in Aspromonte;

sul tema, il 7 agosto 2023, il Presidente Occhiuto ha dichiarato: “Abbiamo rimodulato quel finanziamento per evitare il disimpegno e lo abbiamo ‘riprotetto’, destinandolo a un progetto che era pronto a partire. Ma per il trenino della Sila le risorse ci sono, useremo finanziamenti spendibili in maggior tempo.”;

da interlocuzioni informali assunte presso l’Assessorato competente, l’Associazione Ferrovie della Calabria ha appreso che per il ripristino della tratta Pedace - Moccone occorrerebbe un impegno finanziario non sostenibile dalla Regione e che la linea non sarebbe “produttiva”. Pertanto la proposta dell'assessorato sarebbe quella di ripristinare come ferrovia turistica solo la tratta San Nicola Silvana Mansio - San Giovanni in Fiore e trasformare in ciclovia la tratta Pedace - Moccone. Tutto ciò premesso e considerato interroga il Presidente della Giunta regionale

per sapere:

1. tempistica e modalità per provvedere al reintegro delle originarie dotazioni finanziarie previste per il ripristino della funzionalità dei tratti Pedace - Moccone e San Nicola Silvana Mansio - San Giovanni in Fiore, secondo quanto previsto dalla D.G.R. 148/2023;

2. criteri e parametri utilizzati dall’Assessorato competente per la quantificazione delle spese da sostenere per il ripristino della tratta Pedace - Moccone e/o se esiste o meno uno studio di fattibilità che certifichi questi dati e valuti il ritorno economico della linea, in termini turistici e di mobilità rispetto alla pericolosità della Strada Statale 107 Silana Crotonese;

3. tempi e modalità di finanziamento e ripristino della Ferrovia Silana da Cosenza a San Giovanni in Fiore, nella sua interezza.

(174; 29/09/2023)

 

Tavernise. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

- l’aeroporto Sant’Anna di Crotone è situato a 15 km a sud della città di Crotone, lungo la SS 106, nel territorio comunale di Isola Capo Rizzuto. Si tratta del terzo aeroporto della Calabria, vocato a servire, per la sua ubicazione, non solo la provincia di Crotone, ma anche la Sibaritide e la fascia ionica delle province di Cosenza e Catanzaro;

- dopo un periodo di cessazione dell’attività nel 2016, a seguito del fallimento della società di gestione dell'aeroporto, lo scalo pitagorico, dopo essere passato nel 2017 alla gestione della Società Aeroportuale calabrese – S.A.CAL. SpA, ha riaperto alle operazioni di volo a novembre dello stesso anno. Con la successiva rinuncia dell'unica compagnia che vi volava, l’aeroporto, pur formalmente aperto, non è stato servito da nessun volo di linea fino all'estate 2018;

- Sacal ha reso noti i dati relativi all’estate appena trascorsa, che indicano una formidabile crescita del numero dei passeggeri (+52%) e dei movimenti aerei (+45%) dell’aeroporto crotonese rispetto al medesimo periodo dell’anno 2022. Considerato che: - dal mese di ottobre 2023 il vettore SkyAlps, aggiudicatario della gara sugli oneri di servizio sullo scalo pitagorico, garantirà per i prossimi tre anni due voli al giorno (uno di andata alle 7,30 e uno di ritorno alle 17,30) sulla tratta Crotone - Roma, che si aggiungono ai voli per Venezia, Milano e Bologna, gestiti dal vettore Ryanair;

- in data 2 ottobre 2023 dall’aeroporto Sant’Anna è decollato il primo aeromobile della compagnia SkyAlps con soli 37 passeggeri a bordo su una portata totale di 67. Le prenotazioni, per ora, si aggirano attorno alle 30 persone per volo, come reso noto dal General Director Aviation di SkyAlps. Tenuto conto che: - la distanza tra l’aeroporto Sant’Anna e la stazione FS di Isola Capo Rizzuto è di soli sei chilometri e mezzo, ma, allo stato, lo scalo ferroviario risulta chiuso, non essendo prevista alcuna fermata. Non esiste un collegamento bus navetta tra aeroporto e stazione ferroviaria né di Isola Capo Rizzuto né di Crotone;

- non esiste un sistema integrato di mobilità di prossimità, su ferro o gomma, che consenta di collegare lo scalo aeroportuale crotonese in maniera agevole e in tempi ragionevoli e certi ai territori che potrebbero potenzialmente fruire dei voli offerti (Sibaritide, fascia ionica cosentina e catanzarese, entroterra crotonese);

- l’Amministratore unico di Sacal, ------------, in una conferenza stampa tenutasi ai margini del primo volo diretto tra l’aeroporto di Crotone e quello di Roma Fiumicino, ha messo in evidenza la necessità di mettere in rete il Sant’Anna con gli altri collegamenti, in modo da renderlo punto di riferimento per tutta la Sibaritide: “Io davvero trovo assurdo che attualmente l’aeroporto non sia collegato con la stazione ferroviaria - ha detto - bisogna lavorare su questi aspetti e anche sul trasporto su gomma”. Anche riguardo Ryanair ---------- ha ammesso che il timore di poter perdere qualcuno dei voli attuali è reale: “Loro lavorano sui numeri. Se un volo non ha almeno il 90% dei posti disponibili occupati, la loro politica è di eliminarlo”. Ha anche evidenziato che i servizi di mobilità territoriale non possono essere garantiti dai vettori e neanche dalla società aeroportuale;

- lo scalo aeroportuale di Crotone è un’infrastruttura fondamentale per la mobilità dei territori serviti e il suo sviluppo rappresenta uno strumento formidabile per il rilancio e il potenziamento turistico del crotonese. L’investimento sull’aeroporto Sant’Anna potrebbe, però, rivelarsi vano se non si riuscirà a connettere quanto più rapidamente possibile la Sibaritide e tutta la Calabria del nord-est con lo scalo pitagorico. Preso atto che: - i vettori hanno necessità che sui voli da Crotone vi sia la sostenibilità economica per continuare a operare in questo aeroporto. È evidente che per rendere effettivamente operativo e utile alle necessità del territorio nonché commercialmente vantaggioso lo scalo aeroportuale crotonese, sia indispensabile creare le condizioni di mobilità idonee a garantire l’arrivo dell’utenza in coincidenza con gli orari di partenza e arrivo dei voli, soprattutto per i passeggeri della Sibaritide, che sono un bacino d’utenza fondamentale per lo scalo crotonese;

- l’aeroporto di Crotone potrebbe continuare a registrare numeri di transito in crescita, non solo durante il periodo estivo ma durante l’arco dell’intero anno, se si avessero collegamenti certi e veloci con la Sibaritide e la fascia ionica cosentina e catanzarese;

- è necessario incrementare il trasporto ferroviario e su gomma da e per l’aeroporto Sant’Anna di Crotone, al fine di rimuovere gli ostacoli che ne impediscono la piena fruizione e la efficiente gestione. Tutto ciò premesso e considerato interroga il Presidente della Giunta regionale

per sapere:

1. se e con quale tempistica la Regione Calabria intenda ristabilire la fermata presso la stazione ferroviaria di Isola Capo Rizzuto, da cui far partire un servizio di navetta con bus, da e per l’aeroporto di Crotone;

2. se e con quale tempistica la Regione Calabria intenda rimodulare orari e percorrenza dei treni regionali nella tratta tra Sibari e Isola Capo Rizzuto, prevedendo le fermate intermedie a Corigliano-Rossano, Cariati, Cirò, Crotone, in coincidenza con i voli in partenza e in arrivo da e nell’aeroporto Sant’Anna.

(175; 04/10/2023)

 

Mammoliti. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

- nelle scorse settimane e, in modo particolare, nelle giornate del 21 e del 22 settembre, la Provincia di Vibo Valentia è stata colpita da numerosissimi incendi. Roghi di vaste proporzioni si sono sviluppati nei Comuni di Vibo Valentia, Mileto, Ionadi, Ricadi, Spilinga, Drapia, Pizzo Calabro, Francavilla Angitola, Briatico, Parghelia, Zaccanopoli, Zungri e Maierato. In poco tempo, le fiamme hanno letteralmente distrutto migliaia di ettari di macchia mediterranea, giungendo a minacciare, seriamente, diversi centri abitati. In molti casi, a domare le fiamme ormai arrivate in prossimità delle abitazioni, sono stati gli stessi cittadini muniti di secchi d'acqua e tubi e, talvolta, Carabinieri ed agenti della Polizia giunti in soccorso. I vigili del fuoco non sempre sono riusciti a raggiungere i luoghi interessati dai roghi, in quanto impegnati, contemporaneamente, a spegnere incendi scoppiati in altri posti. A mero titolo esemplificativo: a Briatico e a Parghelia, le fiamme hanno lambito alcuni villaggi turistici, costringendo i bagnanti a lasciare la spiaggia;

a Drapia, intere pinete sono state carbonizzate e tutta la zona che circonda la “Cittadella di Padre Pio” è stata completamente devastata;

a Mileto, le fiamme hanno lambito le abitazioni del paese;

a Vibo Valentia, nella frazione di Bivona, ha preso fuoco la storica struttura che ospitava le sale ricevimenti ed il ristorante del Lido degli Aranci;

a causa delle fiamme nei pressi della linea ferroviaria, è stata bloccata la circolazione dei treni all'altezza della stazione di Vibo-Pizzo e sono state chiuse al transito la strada che collega Vibo Marina a Pizzo e la strada provinciale per Spilinga;

a Zaccanopoli, un incendio di vaste proporzioni ha lambito le abitazioni del paese e il cimitero;

nella fiumara della “Ruffa”, nel tratto ricadente nei comuni di Ricadi e di Spilinga, è bruciata quel poco di vegetazione che era scampata ad un altro grosso incendio scoppiato lo scorso mese di luglio. Ovunque risultano distrutti vigneti, uliveti, frutteti, ortaggi oltre che diversi casolari, stalle e altri ricoveri di animali domestici. I danni arrecati all'agricoltura, all'allevamento, alle aziende agrituristiche e alla flora e fauna selvatiche sono immani ed urge una loro quantificazione al fine di predisporre, prontamente, idonee misure di aiuto e di ristoro. Nel mese di giugno del 2022, il sottoscritto Consigliere, al fine di fronteggiare adeguatamente il fenomeno degli incendi estivi su tutto il territorio della Calabria, evidenziava, attraverso un'apposita interrogazione rivolta al Presidente della Giunta regionale e all'Assessore all'Agricoltura e Forestazione, la necessità di mettere in campo e sviluppare strategie di carattere preventivo che giudicava più efficaci e meno costose rispetto a quelle, pur importanti, basate, esclusivamente, su interventi ex post diretti a spegnere e/o ad arginare gli incendi già scoppiati. E fra le strategie di carattere preventivo auspicate, indicava, anzitutto, l'esigenza di un poderoso incremento delle risorse umane impiegate per presidiare, curare e gestire le aree boschive della Calabria. Quanto accaduto, nella Provincia di Vibo Valentia, nelle giornate del 21 e del 22 settembre, non fa altro che confermare l'anzidetta esigenza e denota come la pur condivisibile “strategia dei droni” messa in campo dall'attuale Governo regionale, senza un’adeguata manutenzione del territorio, non basti a vigilare e sorvegliare le aree boschive e rurali calabresi. Tutto quanto sopra premesso, si interroga il Presidente della Giunta regionale e l'Assessore competente in materia

per sapere:

1) se e quali utili e tempestive iniziative si intendono adottare per rafforzare un’azione di prevenzione al fine di fronteggiare, in modo efficace e risolutivo, il devastante fenomeno degli incendi estivi nella provincia di Vibo Valentia e in tutta la Calabria;

2) quali urgenti e idonee misure di aiuto e di ristoro dei danni subiti si intendono adottare in favore dei Comuni della Provincia di Vibo Valentia colpiti dagli incendi del 21 e del 22 settembre.

(176; 04/10/2023)

 

Mammoliti e Lo Schiavo. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

da più parti giungono segnalazioni che evidenziano una situazione molto problematica all'interno dei locali che ospitano la Farmacia territoriale dell'ASP di Vibo Valentia e che si traduce in gravi e quotidiani disagi nei confronti dell'utenza. In linea generale, fra le attività svolte dalle Farmacie territoriali vi è quella di fornire, alle persone affette da patologie gravi e/o croniche e/o rare, i medicinali necessari per la loro cura. E si tratta di medicinali che, per le loro specifiche caratteristiche e per i loro effetti sull'organismo umano, possono essere forniti solo in forza di appositi piani terapeutici rilasciati da medici specialisti nella disciplina medica attinente la patologia da trattare. Essendo frequentate, il più delle volte, da persone fragili e sofferenti e con problemi di salute particolari che, spesso, si traducono in situazioni di vita difficili e spiacevoli, le Farmacie territoriali dovrebbero essere luoghi ospitali ed accoglienti e dovrebbero essere strutturate in modo tale da erogare il loro servizio con continuità ed efficienza. A Vibo Valentia, accade, invece, che la Farmacia territoriale, alla quale fa riferimento e confluisce la popolazione dell'intera Provincia vibonese ogniqualvolta sussiste la necessità di ottenere la fornitura dei cosiddetti “medicinali da piano terapeutico”, ha sede all'interno di un locale, sito in via Protettì, che presenta, in tutto e per tutto, le fattezze di un vero e proprio “scantinato”. E si tratta di uno “scantinato” privo di sale di attesa per gli utenti (gli utenti sono costretti ad attendere il loro turno nel cortile esterno, disponendosi in lunghe file sotto il sole cocente in estate e sotto la pioggia ed il vento in inverno) e che è tenuto in condizioni igienico-sanitarie evidentemente inadeguate. Ma vi è di più. Infatti, accade, anche, che gli utenti, dopo aver sopportato lunghe code e snervanti attese, talvolta sotto l'azione delle intemperie, non ottengono, inspiegabilmente, i medicinali di cui hanno vitale bisogno oppure ne ottengono un quantitativo inferiore rispetto a quello prescritto nei piani terapeutici. La frequente mancata o insufficiente fornitura di medicinali, da parte della Farmacia territoriale dell'ASP di Vibo Valentia, alle persone affette da patologie gravi e/o croniche e/o rare, è ormai un fatto risaputo che, spesso, compare nella cronaca giornalistica quotidiana che si occupa della “malasanità” del vibonese. E l'anzidetta cronaca giornalistica ha, da ultimo, evidenziato, portandolo a conoscenza dell'opinione pubblica, lo sconcertante caso di un padre al quale la Farmacia territoriale dell'ASP di Vibo Valentia non ha fornito un medicinale “salva-vita”, necessario a scongiurare il rischio, reale, di morte del figlio, affetto da una grave forma di allergia alimentare, perché “non ne possedeva neppure una scatola”. Le gravissime criticità strutturali, igienico-sanitarie, organizzative e gestionali che si riscontrano nella Farmacia territoriale dell'ASP di Vibo Valentia e che si traducono, inevitabilmente, nel malfunzionamento della medesima, sono emblematiche di una Sanità che, nella Provincia di Vibo Valentia, è, ormai, letteralmente, “implosa” e che, chi la governa, non sembra, ad oggi, volerla riportare in un quadro di efficienza e civiltà. Tutto ciò premesso, si interroga il Presidente della Giunta Regionale Dott. Roberto Occhiuto, anche nella sua qualità di Commissario ad acta per l'attuazione del Piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario della Regione Calabria,

per sapere:

1) quali utili ed urgenti iniziative intende adottare, nell'immediatezza, al fine di eliminare le suesposte gravissime criticità esistenti nella Farmacia territoriale dell'ASP di Vibo Valentia;

2) se le anzidette utili ed urgenti iniziative sono rivolte, anche, a verificare la sufficienza del personale sanitario ed amministrativo operante nella Farmacia territoriale dell'ASP di Vibo Valentia.

(177; 05/10/2023)

 

Tavernise. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

- la promozione e la valorizzazione dei Cammini di Calabria e il riconoscimento dei cammini di interesse regionale è importante per promuovere lo sviluppo sostenibile del territorio, del patrimonio religioso, naturale e storico-agricolo-paesaggistico e delle tradizioni locali nonché la conoscenza, il recupero, la salvaguardia del patrimonio escursionistico regionale, anche al fine di sviluppare il turismo ecosostenibile e implementare l’offerta culturale, enogastronomica e turistica regionale;

- il Consiglio regionale nella seduta n. 23 del 10 marzo 2023 ha approvato la Legge Regionale 12/2023 recante: “Disposizioni per la realizzazione, il riconoscimento, la valorizzazione e la promozione dei Cammini di Calabria";

- tale legge, con l’obiettivo di valorizzare e sviluppare l’offerta culturale, enogastronomica e di accoglienza turistica calabrese, promuove una politica integrata di gestione e manutenzione del patrimonio naturale e storico-paesaggistico, di conoscenza delle tradizioni locali, dei prodotti enogastronomici, nonché la conoscenza, il recupero, la salvaguardia del patrimonio escursionistico regionale, per favorire lo sviluppo di un turismo ecosostenibile, i pellegrinaggi e diffondere la pratica dell’escursionismo e delle attività sportive e ricreative all’aperto in ottica smart tourism, utilizzando le nuove tecnologie per creare un’offerta turistica di tipo esperienziale e altamente personalizzabile con particolare attenzione ai temi dell’ambiente, dell’energia e della mobilità. Considerato che: - oltre la promozione territoriale, la Legge Regionale 15 marzo 2023, n. 12 ha l’intento di disciplinare la gestione dei cammini in capo ad associazioni ed enti in genere, che siano in possesso di particolari requisiti in ossequio alla serietà degli scopi prefissati. Tenuto conto che: - l’art.12 della Legge Regionale 15 marzo 2023, n. 12, nel termine di 180 giorni dalla sua entrata in vigore, dispone che la Giunta regionale, su proposta dell’assessore con delega in materia di turismo, di concerto con gli assessori con delega in materia di cultura, agricoltura e ambiente, emani il Regolamento di attuazione che deve disciplinare la materia. Preso atto che: - il termine fissato nell’art.12 per l’emanazione del Regolamento di attuazione della Legge è scaduto e ad oggi non risulta che sia stato emanato alcun Regolamento. Tutto ciò premesso e considerato interroga il Presidente della Giunta regionale

per sapere:

1. i motivi che hanno portato a disattendere il termine previsto per l’emanazione del Regolamento di attuazione della Legge Regionale 15 marzo 2023, n. 12;

2. la tempistica per la redazione ed emanazione del Regolamento, senza il quale non può esserci il pieno dispiegamento degli effetti giuridici e delle finalità e degli obiettivi contenuti nella Legge sui Cammini di Calabria.

(178; 06/10/2023).

Mozioni

Il Consiglio regionale, premesso che:

- la Commissione europea recentemente ha adottato un pacchetto di misure, denominato “Pronti per il 55%” (Fit for 55”, in inglese), finalizzate al contenimento dell’inquinamento climatico, che propone una serie di iniziative legislative per raggiungere entro il 2030 gli obiettivi del Green Deal europeo;

- in particolare, l’Unione Europea con tale pacchetto si propone di giungere alla riduzione delle emissioni di gas serra del 55 per cento (da qui il nome del pacchetto) rispetto ai livelli del 1990, avendo come obiettivo di arrivare alla "carbon neutrality" per il 2050. Considerato che: - tale normativa entrerà in vigore il prossimo 01 gennaio 2024 e, nel settore del trasporto marittimo, comporterà l’immediata applicazione di una tassazione aggiuntiva a carico degli armatori proprietari di navi con una stazza superiore alle cinquemila tonnellate;

- nello specifico, tale tassazione andrà a colpire le grandi navi portacontainer, utilizzate esclusivamente per coprire le lunghe tratte, in quanto, sfruttando la loro stazza oggi è possibile abbattere i costi di spedizione consentendo di caricare e trasportare molta più merce in un unico viaggio;

- nel pacchetto di misure “Fit for 55” è previsto che la nuova tassazione sia calcolata, oltre che in relazione alla tipologia di nave, anche in rapporto alla rotta ed alla distanza da questa percorsa, (infatti, è prevista l’applicazione del 100 % della tassazione se gli scali di partenza o destino sono ubicati in territorio comunitario ovvero, un abbattimento della tassazione del 50% se lo scalo di partenza o destino sono ubicati in territorio extra-Ue). Rilevato che: - l’applicazione del nuovo regime fiscale renderà, con ogni evidenza, più conveniente, per i grandi vettori marittimi, utilizzare porti di transhipment extraeuropei piuttosto che quelli comunitari, avendo come conseguenza una consistente perdita di competitività degli scali di transhipment europei, (a titolo esemplificativo, una nave proveniente da uno scalo extraeuropeo, attraverso il canale di Suez, potrà facilmente aggirare la tassazione al 100% approdando in un porto di trasbordo nordafricano e non più, come accade oggi a Gioia Tauro, prima di arrivare alla sua destinazione finale in Europa ed ancora, una nave di passaggio nel Mediterraneo, per raggiungere l’oceano atlantico o indiano, potrà eludere tale tassazione evitando di toccare i porti Ue). Tenuto conto che: - l’applicazione della direttiva Emission Trasfer System (ETS), la cui entrata in vigore è prevista per il 1° gennaio 2024, creerà, uno scenario molto preoccupante poiché nel breve termine comporterà, certamente, la perdita di competitività e di centralità degli scali italiani a partire da quello di Gioia Tauro, con un impatto negativo dal punto di vista economico, sociale ed occupazionale per l’intero sistema economico nazionale;

- l’applicazione della misura Eu-Ets rischia non solo di penalizzare i porti europei a vocazione transhipment, come il porto di Gioia Tauro, ma creerà una condizione di scarsa competitività per tutti i porti di trasbordo collocati all’intero del territorio comunitario;

- in Italia quasi il 28% di tutti i container movimentati ed il 77% di quelli trasbordati (magari su navi più piccole per raggiungere porti di dimensioni inferiori) passano da Gioia Tauro e che l’hub portuale calabrese dà lavoro a quasi seimila lavoratori, 1.600 direttamente e 4.000 indirettamente (secondo i dati dell’Autorità portuale);

- il porto di Gioia Tauro è evidentemente, uno tra i principali porti europei in virtù della sua capacità di accomodare le grandi navi portacontainer;

- imporre un tributo così esoso per i mercantili che scelgono di fare scalo nei porti europei del Mediterraneo, prima di approdare in quelli del Nord Europa o americani, appare una scelta illogica che riflette la distanza tra la visione burocratica dell’Europa e gli interessi reali dei Paesi aderenti ed al contempo, non garantisce nel complesso alcuna riduzione di gas nocivi per il nostro pianeta. Tutto ciò premesso e considerato

impegna la Giunta regionale

per quanto di competenza - a farsi portavoce presso il Governo nazionale e le competenti istituzioni comunitarie affinché vengano apportati i necessari correttivi alla normativa “Fit for 55” che rischia di arrecare danni irreversibili all’economia prodotta dall’infrastruttura portuale principale della nostra Regione e più in generale a tutte le infrastrutture portuali italiane oltre che all’economie del sistema sociale di tutti i paesi ospitanti analoghi realtà portuali.

(65; 04/10/2023) Comito, Mancuso, Neri, Gelardi, Crinò, De Nisi, Graziano

 

Il Consiglio regionale, premesso che:

- recentemente il Parlamento ha riconosciuto il rilievo dello sport, introducendo un nuovo comma all’art. 33 della Costituzione che recita “La Repubblica riconosce il valore educativo, sociale e di promozione del benessere psicofisico dell’attività sportiva in tutte le sue forme”;

- dai dati ISTAT emerge che la Calabria si piazza al penultimo posto nella classifica delle regioni rispetto all’attività sportiva, infatti il 58,4% della popolazione non pratica alcun tipo di sport;

- sempre più bambini risultano in sovrappeso o obesi e moltissimi trascorrono parecchio tempo davanti allo schermo di uno smartphone;

- la nuova normativa sullo sport induce le società e associazioni sportive a dotarsi di una adeguata organizzazione, più specialistica e professionale, con conseguenti spese e investimenti facendo, inevitabilmente, aumentare i costi riferiti all’iscrizione e alla partecipazione nei confronti dei praticanti;

considerato che: - dovrebbe essere compito primario delle istituzioni incentivare lo svolgimento di attività sportive in maniera concreta;

- la mancata pratica sportiva produce importanti ricadute anche dal punto di vista sanitario e sociale;

- molte famiglie calabresi, con numerosi figli e redditi bassi, non riescono a pagare le rette mensili per consentire a bambini e adolescenti di praticare sport;

- la Regione potrebbe intervenire nei confronti delle famiglie, sostenendo l’accesso alla pratica sportiva, quanto meno dei minori (da 5 a 17 anni), a fronte di un reddito al di sotto di una soglia ISEE da individuare;

- tale obiettivo risulterebbe coerente con il PR Calabria FESR/FSE 2021/2027, Priorità 4 Inclusione, Obiettivo specifico 12, Azione 4.l.1 che ha tra le sue finalità, tra l’altro, progetti di inclusione sociale (per esempio: progetti che sostengono la pratica sportiva di ragazzi/e in condizione di disagio socioeconomico);

impegna la Giunta regionale

- a sostenere il reddito delle famiglie al di sotto di una soglia ISEE da individuare, volto a promuovere l’accesso alla pratica sportiva per i minori favorendo anche, indirettamente, società e associazioni sportive con l’adesione di nuovi iscritti e tesserati.

(66; 12/10/2023) Alecci

 

Il Consiglio regionale, premesso che:

- un corpo estraneo può provocare una ostruzione parziale o completa delle vie aere con insufficiente passaggio d’aria e la necessità di un rapido intervento soccorritore;

- per le Linee guida del Ministero della Salute il soffocamento rappresenta “un problema rilevante di salute pubblica”, in quanto a esso sono da attribuirsi le principali cause di morte nei bambini di età inferiore ai 3 anni, anche se la quota di incidenti afferenti a tale fattispecie rimane elevata fino al quattordicesimo anno di età”, tale problematica, tuttavia, non esclude la popolazione adulta, con particolare riferimento agli anziani;

- si stima che in Europa, ogni anno, 500 bambini muoiano a causa del soffocamento, di cui 50 in Italia;

- le richiamate linee guida hanno evidenziato che in relazione alla quota degli incidenti per soffocamento in Italia negli ultimi anni è stato rilevato un “trend stabile (…) con circa 1.000 ospedalizzazioni all’anno, con conseguenti costi elevati associati alla diagnosi, al trattamento e alle eventuali sequele. Le stime più recenti, calcolate includendo i “quasi eventi” e gli episodi di minore gravità (che si sono risolti grazie all’intervento della famiglia, senza necessità di rivolgersi ai sanitari) mostrano come l’incidenza reale del fenomeno sia 50 – 80 volte superiore rispetto a quella dei ricoveri (circa 80.000 episodi stimati per anno in Italia), mentre tra il 60% e l’80% degli episodi di soffocamento risulta imputabile al cibo”. Preso atto che: - gli episodi di soffocamento oltre che dal cibo possono essere causati da corpi estranei;

-al riguardo il Progetto “Susy Safe” ha reso possibile l’attivazione di un registro di controllo per le lesioni causate da indigestione, aspirazione, inalazione o inserimento di corpi estranei nel quale vengono raccolti i dati provenienti da tutti i paesi, al fine di fornire un profilo di analisi di rischio per tutti i prodotti causanti il soffocamento, nella prospettiva di creare un sistema di controllo riguardo i casi di soffocamento nei giovani consumatori causati da prodotti mal progettati o mal confezionati;

- nel corso degli ultimi anni a livello internazionale molti giovani e associazioni professionali hanno profuso un forte impegno sul fronte della prevenzione del soffocamento causato da alimenti, elaborando specifiche linee di indirizzo rivolte alle famiglie e agli adulti responsabili della cura dei bambini (es. educatori), con particolare riferimento a coloro i quali prestano servizio presso mense (scolastiche, centri estivi, ecc.) frequentate da bambini;

- le Linee guida ERC 2021 su Basic Life Support and Defribillation basate sul Consenso Scientifico Internazionale sulla Rianimazione Cardiopolmonare (ILCOR) con Raccomandazioni sul Trattamento (CoSTER) del 2020, comprendono: il riconoscimento dell’arresto cardiaco;

l’allertamento dei servizi di emergenza;

le compressioni toraciche;

le ventilazioni;

la defibrillazione semiautomatica esterna con DAE;

la misurazione della qualità della RCP;

le nuove tecnologie;

la sicurezza;

l’ostruzione delle vie aeree del corpo estraneo. Considerato che: - la manovra di Heimlich è una tecnica di primo soccorso finalizzata a rimuovere un’ostruzione delle vie aeree, particolarmente indicata per risolvere in modo rapido i casi di soffocamento;

una manovra efficace ma non abbastanza conosciuta e diffusa nei risvolti operativi;

- alla luce dei dati epidemiologici sopra richiamati che vedono in particolare nei bambini i più colpiti dell’ostruzione delle vie aeree con conseguente perdita della o insorgenza dei danni anossici, si rende necessario rendere sempre più diffusa la conoscenza e la preparazione all’esecuzione delle giuste manovre di disostruzione, con particolare riferimento alla manovra di Heimlich.

impegna la Giunta regionale

ad attivarsi per promuovere le attività finalizzate a divulgare, mediante specifiche campagne informative e protocolli d’intesa con le istituzioni scolastiche, la pratica delle manovre di disostruzione, con particolare riferimento alla manovra di Heimlich, presso quanti operano a stretto contatto con i bambini, sia nel mondo della scuola che del tempo libero.

(67; 20/10/2023) Alecci

 

Il Consiglio regionale, premesso che:

- la direttiva (UE) 2023/959, recante modifica della direttiva 2003/87/CE, ha ampliato l'ambito di applicazione del sistema EU ETS estendendo gli obblighi derivanti dalla direttiva 2003/87/CE alle emissioni prodotte dal trasporto marittimo;

- l’assegnazione di quote e gli obblighi di restituzione si applicano alla totalità (100%) delle emissioni delle navi che effettuano tratte in partenza da un porto di scalo sotto la giurisdizione di uno Stato membro e in arrivo in un porto di scalo sotto la giurisdizione di uno Stato membro, e delle navi all'interno di un porto di scalo sotto la giurisdizione di uno Stato membro. Le emissioni delle navi che effettuano tratte tra un porto sotto la giurisdizione di uno stato membro e un porto al di fuori della giurisdizione di uno stato membro, si conteggiano invece solo al 50%” (Articolo 3 octies bis, Ambito di applicazione per le attività di trasporto marittimo);

- la direttiva riguarda le navi con una stazza di più di 5mila tonnellate e, pertanto, colpisce maggiormente i porti con più del 65% di traffico in transhipment, cioè trasbordo, dove da navi enormi con migliaia di container, si caricano navi più piccole;

- Il Porto Gioia Tauro è proprio questo tipo di porto, con un movimento che a fine 2023 raggiungerà i 4 milioni di Teu;

- in Italia quasi il 28% di tutti i container movimentati ed il 77% di quelli trasbordati (magari su navi più piccole per raggiungere porti di dimensioni inferiori) passano da Gioia Tauro e che l'hub portuale calabrese dà lavoro a quasi seimila lavoratori, 1.600 direttamente e 4.000 indirettamente;

- è evidente che, in relazione settore transhipment, tutti i porti mediterranei che vi operano debbano sottostare alle medesime regole;

- pur tenendo presente la fondamentale lotta al cambiamento climatico e alla riduzione delle emissioni di gas serra, è assolutamente indispensabile salvaguardare l'operatività della principale struttura portuale calabrese, giacché le azioni propedeutiche alla tutela dell’ambiente e utili a mitigare gli effetti del riscaldamento globale non possono e non devono ignorare i tempi e i modi per evitare che la transizione energetica si tramuti in tragedia economica e sociale;

- ribadendo la necessità di fare fronte comune con i lavoratori, le imprese portuali, le organizzazioni di settore, i sindacati e tutte le istituzioni, al fine di sostenere ogni iniziativa si ponga a difesa della competitività della struttura portuale di Gioia Tauro;

impegna la Giunta regionale

ad attivarsi in tutte le sedi istituzionali affinché, in relazione alla procedura di recepimento della Direttiva di cui trattasi, il Parlamento italiano:

- non penalizzi il Porto di Gioia Tauro rispetto agli altri porti mediterranei specializzati in traffico in transhipment, con particolare riferimento a quelli di Port Said, Tangeri e nord africani in genere;

- garantisca al Porto di Gioia Tauro quelle pari condizioni di mercato indispensabili ad assicurarne la competitività;

- consideri la possibilità di utilizzare i fondi provenienti dalla tassazione prevista dal sistema ETS per finanziare la conversione di navi inquinanti e l’ammodernamento delle flotte;

- predisponga un sistema premiale per quelle navi che effettuano più scali nei nostri porti nazionali.

(68; 23/10/2023) Bevacqua, Alecci, Billari, Bruni, Iacucci, Mammoliti

 

Il Consiglio regionale, premesso che:

- La Commissione europea recentemente ha adottato un pacchetto di misure, denominato “Pronti per il 55%” (Fit for 55", in inglese), finalizzate al contenimento dell'inquinamento climatico, che propone una serie di iniziative legislative per raggiungere entro il 2030 gli obiettivi del Green Deal europeo;

- in particolare, l'Unione Europea con tale pacchetto si propone di giungere alla riduzione delle emissioni di gas serra del 55 per cento (da qui il nome del pacchetto) rispetto ai livelli del 1990, avendo come obiettivo di arrivare alla "carbon neutrality" per il 2050;

- pur tenendo presente la fondamentale lotta al cambiamento climatico e alla riduzione delle emissioni di gas serra, è assolutamente indispensabile salvaguardare l'operatività della principale struttura portuale calabrese, giacché le azioni propedeutiche alla tutela dell'ambiente e utili a mitigare gli effetti del riscaldamento globale non possono e non devono ignorare i tempi e i modi per evitare che la transizione energetica si tramuti in tragedia economica e sociale. Considerato che: - tale normativa entrerà in vigore il prossimo 01 gennaio 2024 e, nel settore del trasporto marittimo, comporterà l'immediata applicazione di una tassazione aggiuntiva a carico degli armatori proprietari di navi con una stazza superiore alle cinquemila tonnellate;

- nello specifico, tale tassazione andrà a colpire le grandi navi portacontainer, utilizzate esclusivamente per coprire le lunghe tratte, in quanto, sfruttando la loro stazza oggi è possibile abbattere i costi di spedizione consentendo di caricare e trasportare molta più mercé in un unico viaggio;

- nel pacchetto di misure "Fit for 55" è previsto che la nuova tassazione sia calcolata, oltre che in relazione alla tipologia di nave, anche in rapporto alla rotta ed alla distanza da questa percorsa, (infatti, è prevista l'applicazione del 100 % della tassazione se gli scali di partenza o destino sono ubicati in territorio comunitario ovvero, un abbattimento della tassazione del 50% se lo scalo di partenza o destino sono ubicati in territorio extra-Ue). Rilevato che: - l'applicazione del nuovo regime fiscale renderà, con ogni evidenza, più conveniente, per i grandi vettori marittimi, utilizzare porti di transhipment extraeuropei piuttosto che quelli comunitari, avendo come conseguenza una consistente perdita di competitività degli scali di transhipment europei, (a titolo esemplificativo, una nave proveniente da uno scalo extraeuropeo, attraverso il Canale di Suez, potrà facilmente aggirare la tassazione al 100% approdando in un porto di trasbordo nordafricano e non più, come accade oggi a Gioia Tauro, prima di arrivare alla sua destinazione finale in Europa ed ancora, una nave di passaggio nel Mediterraneo, per raggiungere l'oceano atlantico o indiano, potrà eludere tale tassazione evitando di toccare i porti Ue). Tenuto conto che: - l'applicazione della direttiva Emission Trasfer System (ETS), la cui entrata in vigore è prevista per il 1° gennaio 2024, creerà, uno scenario molto preoccupante poiché nel breve termine comporterà, certamente, la perdita di competitività e di centralità degli scali italiani a partire da quello di Gioia Tauro, con un impatto negativo dal punto di vista economico, sociale ed occupazionale per l'intero sistema economico nazionale;

- l'applicazione della misura Eu-Ets rischia non solo di penalizzare i porti europei a vocazione transhipment, come il porto di Gioia Tauro, ma creerà una condizione di scarsa competitività per tutti i porti di trasbordo collocati all'intero del territorio comunitario;

- in Italia quasi il 28% di tutti i container movimentati ed il 77% di quelli trasbordati (magari su navi più piccole per raggiungere porti di dimensioni inferiori) passano da Gioia Tauro e che l'hub portuale calabrese dà lavoro a quasi seimila lavoratori, 1.600 direttamente e 4.000 indirettamente (secondo i dati dell'Autorità portuale);

- il porto di Gioia Tauro è evidentemente, uno tra i principali porti europei in virtù della sua capacità di accomodare le grandi navi portacontainer;

- imporre un tributo così esoso per i mercantili che scelgono di fare scalo nei porti europei del Mediterraneo, prima di approdare in quelli del Nord Europa o americani, appare una scelta illogica che riflette la distanza tra la visione burocratica dell'Europa e gli interessi reali dei Paesi aderenti ed al contempo, non garantisce nel complesso alcuna riduzione di gas nocivi per il nostro pianeta. Tutto ciò premesso e considerato

impegna la Giunta regionale

per quanto di competenza - a farsi portavoce presso il Governo nazionale e le competenti istituzioni comunitarie affinché vengano apportati i necessari correttivi alla normativa "Fit for 55" che rischia di arrecare danni irreversibili all'economia prodotta dall'infrastruttura portuale principale della nostra Regione e più in generale a tutte le infrastrutture portuali italiane oltre che all'economie del sistema sociale di tutti i paesi ospitanti analoghi realtà portuali. - Che la normativa non penalizzi il porto di Gioia tauro rispetto agli altri porti del Mediterraneo fuori dall'area UÈ al fine di salvaguardare in via principale l'occupazione del territorio.

(69; 23/10/2023) Mancuso, Comito, Neri, Gelardi, Crinò, De Nisi, Graziano, Bevacqua, Talerico, Laghi, Tavernise, Lo Schiavo

 

Il Consiglio regionale, premesso che:

- la violenza di genere è una grave violazione dei diritti umani e della libertà individuale in tutte le sue sfere, personale, lavorativa ed economica, oltreché rappresentare un grave problema culturale;

- i bambini e i ragazzi orfani a seguito di un crimine domestico costituiscono il volto nascosto della violenza di genere. È facile dimenticarsi di loro quando si affronta il tema della violenza sulle donne. Invece violenza di genere vuoi dire il più delle volte violenza sui più piccoli, sul loro immaginario, sulle loro certezze, sul loro mondo emotivo, affettivo e psichico. In definitiva sul loro presente e sul loro futuro;

- si tratta di un fenomeno complesso del quale non si conosce la reale dimensione e che lo Stato, nella sua accezione generale, ha il dovere di contrastare sul piano culturale, normativo e giudiziario, adottando, come prevede l'articolo 19 della Convenzione Onu sui diritti dell'infanzia e adolescenza del 1989, "ogni misura legislativa, amministrativa, sociale ed educativa per tutelare il fanciullo contro ogni forma di violenza", per evitare che questi ragazzi siano orfani tre volte, per la perdita di entrambi i genitori e per l'indifferenza dello Stato. Preso atto che: - le cronache recenti, suffragate dai dati dell'Istat e dell'Osservatorio per la sicurezza contro gli atti discriminatori (OSCAD), raccontano di un preoccupante aumento in ambito nazionale e regionale, sia delle denunce di atti di violenza di genere che di casi di femminicidio;

- gli ultimi dati disponibili in ambito nazionale risalgono al 2020, anno in cui, secondo alcune stime, gli orfani di femminicidio erano 169 in totale, di cui il 39,6% minorenni (67 su 169), il 32,5% (55 su 169) è rimasto orfano anche del padre che si è tolto la vita dopo il femminicidio;

- nella società calabrese risultano permanere nelle relazioni di genere, anche tra i più giovani, rapporti conflittuali che sfociano spesso in azioni violente;

- nel complesso le statistiche nazionali danno in aumento le segnalazioni di maltrattamenti, abusi, fino al preoccupante fenomeno di femminicidio che rappresentano sicuramente il dramma più forte per i minori interessati;

- per una vera azione di prevenzione è fondamentale educare all'uguaglianza tra donne e uomini, ed in generale tra le persone, al rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali a partire dall'infanzia e proseguendo fino all'età adulta.

Rilevato che - la violenza contro le donne, il femminicidio e la discriminazione di genere pervadono ogni ambito della società contemporanea, senza limiti geografici e culturali;

- ancora oggi, un numero elevato di donne è vittima di femminicidio per mano della controparte maschile, che purtroppo coinvolge irrimediabilmente anche i loro figli ed i familiari tutti;

tenuto conto che: - in ambito nazionale, il legislatore è intervenuto per fronteggiare tale delicata tematica mediante:

> la legge 8 novembre 2000 n. 328, (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali), ed in particolare l'articolo 20 che prevede la ripartizione, da parte dello Stato, delle risorse del Fondo Nazionale per le politiche sociali finalizzato alla promozione e al raggiungimento degli obiettivi di politica sociale;

> la legge 4 aprile 2001 n. 154, (Misure contro la violenza nelle relazioni familiari), che ha introdotto nuove misure volte a contrastare in maniera incisiva i casi di violenza all'interno delle mura domestiche, modificando sia l'ordinamento penale che civile;

> la legge 27 giugno 2013, n. 77, (Ratifica ed esecuzione della Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, fatta a Istanbul l'11 maggio 2011 (13G00122) con la quale l'Italia ha ratificato e dato esecuzione alla Convenzione sulla prevenzione e il contrasto alla violenza sulle donne e alla violenza domestica adottata ad Istanbul, dal Consiglio d'Europa, l'11/05/2011;

> il decreto-legge 14 agosto 2013 n. 93 (Disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere, nonché in tema di protezione civile e di commissariamento delle province), che, all'articolo 5, prevede l'adozione di un "Piano d'azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere", e in particolare il comma 2, lettera d), stabilisce di "potenziare le forme di assistenza e di sostegno alle donne vittime di violenza e ai loro figli attraverso modalità omogenee di rafforzamento della rete dei servizi territoriali, dei centri antiviolenza e dei servizi di assistenza alle donne vittime di violenza";

> la legge 11 gennaio 2018, n. 4, (Modifiche al codice civile, al codice penale, al codice di procedura penale e altre disposizioni in favore degli orfani per crimini domestici) che contiene una serie di disposizioni rivolte ai figli minorenni e maggiorenni economicamente non autosufficienti, della vittima di un omicidio commesso dal coniuge (anche se separato o divorziato), dal partner di un'unione civile (anche se cessata) o da persona che è o è stata legata da relazione affettiva e stabile convivenza;

> la legge 19 luglio 2019, n. 69 (Modifiche al Codice penale, al Codice di procedura penale e altre disposizioni in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere) denominata Codice rosso.

Rilevato che: la Regione Calabria ha nel tempo adeguato e poi rafforzato la propria normativa in materia di contrasto alla violenza di genere e alla tutela dei minori colpiti da tale dramma attraverso l'approvazione delle seguenti leggi regionali:

> legge regionale 12 novembre 2004, n. 28 (Garante per l'infanzia e l'adolescenza);

> legge regionale 21 agosto 2007, n. 20 (Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà);

> legge regionale 23 novembre 2016, n. 38 (Istituzione dell'Osservatorio regionale sulla violenza di genere);

> legge regionale 1 febbraio 2017, n. 2 (Istituzione dell'Osservatorio regionale per i minori);

> legge 15 marzo 2022, n. 7 (Misure per il superamento della discriminazione di genere e incentivi per l'occupazione femminile}.

Considerato che: ai sensi della legge regionale n. 20/2007, la Regione Calabria, anche in attuazione della legge 4 aprile 2001, n. 154 (Misure contro la violenza nelle relazioni familiari) e della legge 8 novembre 2000, n. 328, (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali): > promuove e coordina iniziative per contrastare la violenza sessuale, fisica, psicologica e/o economica, i maltrattamenti, le molestie e i ricatti a sfondo sessuale nei confronti delle donne in tutti gli ambiti sociali, a partire da quello familiare;

> riconosce e valorizza i percorsi di elaborazione culturale e le pratiche di accoglienza autonome e autogestite delle donne basate sulle relazioni tra donne, nonché le esperienze e le competenze espresse localmente da enti, associazioni di volontariato e organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS), che abbiano, tra i loro scopi essenziali, la lotta alla violenza contro le donne e i minori, la sua prevenzione, la solidarietà alle vittime e che possono dimostrare di disporre di personale adeguato per i compiti predetti e almeno tre anni di esperienza nello specifico settore;

> finanzia progetti antiviolenza che prevedono il sostegno, l'attivazione e la gestione dei "centri antiviolenza" e delle "case di accoglienza" per donne vittime di violenza.

Dato atto che: - la Regione Calabria è impegnata nel contrasto al fenomeno della violenza contro le donne e ai loro figli, secondo linee comuni fissate a livello nazionale e internazionale nell'ambito delle quali si è dotata di propri strumenti normativi e di indirizzo, promuovendo la creazione di servizi e strutture di accoglienza, sostegno, assistenza e ospitalità delle vittime di violenza.

Ritenuto necessario implementare con urgenza politiche, azioni e progetti finalizzate al contrasto del fenomeno del femminicidio e della violenza di genere tutelando, nello specifico, tutti quei minori che sono interessati da tale dramma, attraverso l'istituzione di un apposito Fondo di solidarietà che permetta loro di poter godere di un contributo spese per le cure mediche e psicologiche e per il completamento del loro percorso formativo e di vita;

tutto ciò premesso e considerato

impegna la Giunta regionale e il Presidente della Regione

1) ad adottare ogni atto utile e necessario per rafforzare le politiche rivolte alla tutela dei minori interessati da episodi di femminicidio, attraverso l'istituzione, nel bilancio della Regione Calabria, di un apposito capitolo denominato: "Fondo di solidarietà ai minori vittime di violenza e di reati da femminicidio", finalizzato al sostegno economico delle spese per le cure mediche e psicologiche e per il sostentamento finanziario del loro percorso formativo e di vita;

2) a promuovere percorsi specifici per assicurare, ai figli delle vittime di violenza domestica, l'erogazione di borse di studio, nonché il finanziamento di iniziative di orientamento, di formazione e di sostegno per l'inserimento dei medesimi nell'attività lavorativa;

3) favorire le attività delle organizzazioni di volontariato, coordinandole con quelle dei servizi pubblici.

(70; 23/10/2023) Straface, Mannarino, Gentile, De Francesco

 

Il Consiglio regionale, premesso che:

- studi scientifici hanno già dimostrato ed ancora stanno provando la natura artificiale del Covid-19 e le connessioni della ricerca con apparati militari;

- il prof. __________ (professore di Microchirurgia and Microtecnologie all'Aston University di Birmingham, e in Micro e Nano Tecnologie, presso la BIB, Brunel University, di Londra. Direttore di Nano Medicina, all'Amity University di New Delhi, India, Vice Primario alla Kamineni Institute of Medical Sciences, Hyderabad, India. Presidente della World Academy of Biomedical Sciences and Technologies WABT Accademia sotto l'egida dell'INSULA/UNESCO), Presidente dell'ICET/lnternational Council for Engineering and Technologies, Presidente WABIT - World Association of Bio Info Technologies. Presidente BioMiNT (WABT) - Micro and NanoTechnologies in BioMedicine) è un profondo conoscitore dei retroscena dietro le sperimentazioni e la seguente comparsa del virus, ha fatto affermazioni gravi circa la realtà della sperimentazione con i virus al Senato della Repubblica;

- il prof. ......... in detto intervento ha spiegato con estrema chiarezza e lucidità quali sono i piani futuri dell'OMS per il tramite del c.d. Documento Zero o pass sanitario mondiale che diventerà esecutivo a novembre del corrente Anno se gli Stati non faranno qualcosa per modificarlo. In particolare, il Documento obbliga i Paesi ad accettare qualsiasi agenda dei vaccini proposta dall'OMS, indipendentemente dalla volontà politica dei singoli Paesi;

- ad oggi, detto Documento è già stato approvato in via preliminare dalla UÈ, senza che siano stati preventivamente consultati gli Stati membri o il Parlamento Europeo;

- solo dopo il prossimo mese di novembre l'OMS comunicherà quali sono i vaccini obbligatori, per cui in forza di detto accordo l'OMS potrà imporre agli Stati le proprie decisioni, rendendo obbligatorie le vaccinazioni che meglio riterrà, subordinando il rilascio di un green pass mondiale, in merito al quale la Commissione Europea già si è dichiarata favorevole, al fine di poter viaggiare;

- - ciò rappresenta una vera e propria dittatura scientifica mondiale ed è un attacco evidente, non solo alla sovranità di ciascun Stato sovrano, quanto anche, se non soprattutto, un attacco diretto a ciascun cittadino;

- l'OMS, anche se è un'Agenzia delle Nazioni Unite, oggi viene finanziata maggiormente da privati e nella fattispecie dalle Case farmaceutiche, il Prof. ........ nell'intervento al Senato della Repubblica ha spiegato come si vorrebbe modificare lo statuto dell'OMS, cambiando la sua mission. Ritenuto che:

1. i Trattati internazionali, in forza di quanto sancito dagli artt.1 e 54 della Costituzione, non possono violare i principi fondamentali della Costituzione italiana;

2. detti Trattati internazionali non possono essere interpretati o applicati in modo da ridurre o limitare i diritti fondamentali riconosciuti dalla Costituzione italiana;

3. i diritti umani fondamentali garantiti dalla Costituzione hanno un'importanza superiore rispetto ai Trattati internazionali;

4. i Trattati internazionali non possono intaccare l'indipendenza e la sovranità dello Stato italiano, in quanto l'Italia mantiene il diritto di adottare decisioni autonome che riguardano gli affari interni del proprio Paese, anche se potrebbero andare in conflitto con i trattati internazionali;

5. le materie riservate alla legge nazionale non possono essere modificate o regolate da Trattati internazionali senza una specifica legge di attuazione;

6. l'interpretazione e l'applicazione dei Trattati internazionali devono avvenire sempre nel rispetto dei principi costituzionali, quali la democrazia, lo Stato di diritto e la tutela dei diritti fondamentali;

ciò premesso e ritenuto si

impegna la Giunta regionale e il Presidente ad attivarsi presso il Governo e il Parlamento affinché manifestino una ferma e netta opposizione alla cessione della sovranità sanitaria all'OMS, il cui perfezionamento della procedura di adesione scadrà il prossimo Novembre 2023, ritenendo non negoziabili i diritti sottostanti, nemmeno parzialmente, dovendo la loro tutela rimanere nella piena disponibilità dei singoli Stati, a tutela dei diritti fondamentali dei loro cittadini, ed i invita il Governo della Repubblica Italiana ad assumere ogni e più opportuna iniziativa tesa alla modifica, financo alla non adesione, finalizzata alla riserva di sovranità a tutela dei diritti fondamentali dei cittadini.

(71; 23/10/2023) Gentile, Straface, De Francesco, Mannarino

 

Risposta scritta ad interrogazione

È pervenuta risposta scritta alle seguenti interrogazioni:

Mammoliti. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

- L'Ospedale di Serra San Bruno è stato, per decenni, un punto di riferimento assolutamente fondamentale dell'ASP di Vibo Valentia. - La sua realizzazione, in quanto finalizzata a rendere concretamente fruibile il servizio sanitario provinciale da parte di un ampio bacino di utenza (oltre quarantamila persone), ha rappresentato una vera e propria conquista di civiltà per la quale si sono battute, negli anni Sessanta e Settanta, le forze politiche e sociali che, all'epoca, erano maggiormente rappresentative sul territorio dell'allora provincia di Catanzaro.

- L'Ospedale di Serra San Bruno ha, infatti, consentito, alla numerosa popolazione dei comuni montani che ruotano attorno a Serra San Bruno, di beneficiare dell'assistenza sanitaria essenziale che, in mancanza di detto ospedale, sarebbe stato estremamente difficile garantire. E ciò in quanto Serra San Bruno e gli altri comuni vicini sono situati in zone montuose, molto distanti e mal collegate alla città di Vibo Valentia e al relativo ospedale cittadino.

- Non a caso l'ospedale di che trattasi nacque anche sotto la spinta dello scalpore che, in seno all'opinione pubblica, era stato suscitato da diversi casi di persone decedute nel lungo, tortuoso e, durante la stagione invernale, pressoché impercorribile, tragitto per raggiungere l'Ospedale di Vibo Valentia. Purtroppo, ormai da qualche anno, l'Ospedale di Serra San Bruno è interessato da un lento e inesorabile processo di decadimento che non sembra voler cessare. Infatti, l'anzidetto nosocomio presenta rilevanti carenze di organico, oltre che strumentali e strutturali, rispetto alle quali poco o nulla è stato, finora, fatto in termini di individuazione e successiva applicazione di misure effettivamente risolutive. In particolare, gravissime carenze di personale medico-sanitario si registrano nei reparti di Pronto Soccorso, di Chirurgia, di Radiologia e di Medicina. A dette carenze di personale, si accompagna, poi, la disorganizzazione dei reparti nei quali i pochi medici rimasti si trovano a gestire “situazioni limite” in condizioni di scarsa sicurezza ed esponendosi, spesso, alle “aggressioni” degli utenti esasperati dalle lunghe attese e dalla mancanza di prestazioni sanitarie efficienti. Infine, su tutta questa, a dir poco, drammatica situazione, aleggia, anche, il dubbio che l'Ospedale di Serra San Bruno possa, da qui a breve, essere privato del suo importantissimo ruolo di presidio posto a servizio dei numerosi comuni montani situati nelle vicinanze e che, ove questo dubbio dovesse trasformarsi in certezza, resterebbero, letteralmente, “tagliati fuori” nella fruizione, efficace ed efficiente, del servizio sanitario provinciale per ovvie ragioni legate alla distanza che li separa dall'ospedale di Vibo Valentia e dagli altri ospedali della provincia e alla deficitaria viabilità. Tutto quanto sopra premesso, si interroga il Presidente della Giunta regionale, anche nella sua qualità di Commissario ad acta per l'attuazione del Piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario della Regione Calabria:

per sapere:

1) se, nel Programma Operativo Sanitario Regionale, è stata prevista la conferma dell'Ospedale di Serra San Bruno quale ospedale cosiddetto di “montagna”;

2) quali utili e tempestive iniziative si intendono adottare per garantire, nell'immediatezza, i livelli essenziali di assistenza sanitaria.

(70; 26/07/2022)

(Risposta)

 

Bruni, Bevacqua e Tavernise. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

- in data 14 dicembre 2021 veniva approvata la Legge Regionale n. 32 con la quale si è provveduto all’Istituzione dell’ente di governance della sanità regionale calabrese denominata “Azienda per il governo della sanità della Regione Calabria - Azienda Zero” attribuendo a questa tutta una serie di competenze di governo del sistema sanitario;

- “Azienda Zero” è un ente del Servizio sanitario regionale dotato di personalità giuridica di diritto pubblico e di autonomia imprenditoriale, tecnica, gestionale e contabile;

- tale azienda è istituita al fine di perseguire la programmazione, la razionalizzazione, l'integrazione e l'efficientamento, nonché il controllo direzionale e gestionale dei servizi sanitari, sociosanitari e tecnico-amministrativi del Servizio sanitario regionale. Tenuto conto che: - dall’istituzione del nuovo ente di governance ad oggi si sono alternati diversi interventi politici e legislativi con rimandi normativi e modifiche di articoli e commi. In particolare, sono state approvate già ben quattro leggi volte a modificare l’originario impianto normativo del dicembre 2021 per come di seguito indicate:

- la legge regionale 2 marzo 2022, nr. 4 ha apportato una serie di modifiche sostanziali – e non semplici passaggi tecnici - alla l.r. 32 del 2021 per come segnalate dal Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro per gli Affari regionali e le autonomie, per renderla maggiormente intellegibile ed evitare problemi interpretativi, modifiche che, con ogni evidenza, il governo ha chiesto in cambio della decisione benevola di non impugnare la legge istitutiva. In alcuni casi si tratta di refusi o di chiarimenti interpretativi. In altri proprio no. Come nel caso della cosiddetta norma di salvaguardia, che ha lo scopo di «garantire le prerogative spettanti al commissario ad acta fino al termine del periodo di commissariamento, nonché a salvaguardare l’applicazione delle norme nazionali». La norma specifica che fino a quando sarà in atto il commissariamento sono «fatte salve, nell’attuazione della presente legge, le competenze attribuite al Commissario ad acta». La seconda aggiunta prevede che la legge su Azienda zero si applichi «laddove non in contrasto con quanto disposto dal decreto-legge 10 novembre 2020, n. 150 (il “Decreto Calabria”, ndr). Con tutta evidenza il governo si è voluto tutelare mettendo i paletti all’Azienda zero e richiamando la centralità del commissario;

- la legge regionale 1 marzo 2022 nr. 1 è intervenuta assegnando ad Azienda zero tutto il sistema regionale dell’emergenza urgenza 118 ed elisoccorso e il numero unico di emergenza 112;

- la legge regionale 6 maggio 2022, n. 12 ha meglio precisato i compiti con riferimento al numero unico di emergenza 112;

- la legge regionale 7 luglio 2022, n. 21 ha modificato l’art. 12 della l.r. 32 del 2021 prevedendo la nomina di un Commissario straordinario di Azienda Zero. Preso atto che: - con DCA nr. 59 del 24 maggio 2022 è stato approvato il Piano Operativo regionale degli Investimenti relativi alla Missione 6 “Salute” del PNRR;

- con DCA nr. 60 del 24 maggio 2022 sono state disciplinate, in conformità a quanto previsto dalla legge regionale 15 dicembre 2021, n.32, le attività necessarie per garantire il funzionamento e i tempi di attuazione di Azienda zero prevedendo un percorso realizzativo in due fasi: • la prima fase ridisegnando il sistema e il processo di accentramento di competenze e risorse professionali;

- la seconda fase avviando la riallocazione di queste tra Dipartimento Tutela della Salute e Servizi Sociali e Socio Sanitari e Azienda Zero;

- con DCA nr. 61 del 24 maggio 2022 è stato nominato il prof. ............. quale Commissario straordinario di Azienda zero, con decorrenza dall’1/6/2022 per la durata di 12 mesi, prorogabili di ulteriori 12 mesi, prevedendo un compenso omnicomprensivo corrispondente al 90% del compenso spettante al Direttore Generale delle aziende sanitarie della Regione Calabria, unitamente al rimborso delle spese di missione sostenute in ragione dell’incarico e liquidate secondo le misure e le modalità previste per i Dirigenti generali della Regione Calabria;

- tale nomina è stata legittimata successivamente con l’approvazione della Legge regionale 7 luglio 2022, n. 21, che ha modificato l’art. 12 della l.r. 2021 numero 32 inserendo il “1-bis ‘Il Commissario straordinario di Azienda Zero, nelle more della definizione dell'organizzazione necessaria, esercita le funzioni di cui alla presente legge per il tramite del Dipartimento Tutela della salute e delle sue articolazioni amministrative nonché delle Aziende del Servizio sanitario regionale”. Tutto ciò premesso e considerato interrogano il Presidente della Giunta regionale

per sapere:

1. se la mancata attivazione di Azienda Zero ha generato una condizione di stallo, nonché confusione tra competenze aziendali e competenze del Dipartimento Salute, soprattutto in riferimento a quelle competenze trasferite al nuovo Ente del servizio sanitario regionale;

2. quando e come Azienda Zero entrerà in funzione;

3. il perché la Giunta non abbia ancora emanato la DGR atta a specificare il funzionamento e i tempi di attuazione dell'Azienda Zero.

(71; 27/07/2022).

(Risposta)

 

Mammoliti. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

- nel corso della seduta del Consiglio regionale del 30 agosto u.s. il Presidente della Giunta regionale ha reso un’informativa sull'accordo per la fornitura di servizi medici e sanitari di cui al D.C.A. 87 del 17 agosto 2022;

il D.C.A. 87 del 17 agosto 2022 prevede, in ragione della grave carenza di personale medico nelle aziende sanitarie provinciali ed in quelle ospedaliere e considerata la difficoltà a reperirlo per le vie ordinarie, un accordo transnazionale con la Comercializadora de Servicios Medicos Cubanos S.A. (CSMC S.A.) con l’attivazione di procedure di distacco internazionale per la fornitura di medici da utilizzare a copertura del fabbisogno;

nel corso di detta informativa il Presidente della Giunta, nello stigmatizzare la condotta di società e agenzie per l’intermediazione di lavoro che, a suo dire, nel fornire medici ai sistemi sanitari regionali porrebbero in essere un’azione speculatrice distorcendo il mercato e ancora evidenziando aspetti che richiederebbero l’attenzione della magistratura;

vale la pena ricordare che senza lo spirito di abnegazione di tutto il personale sanitario, da premiare e valorizzare, che è stato ed è in prima linea nella difesa del diritto alla salute e nella lotta al covid 19, il nostro sistema socio-sanitario sarebbe sprofondato in una crisi irreversibile dalle conseguenze devastanti, ciononostante, come ammesso dallo stesso Presidente, buona parte di detto personale non ha ancora ricevuto le previste indennità covid;

nel corso, poi, di una video intervista il Presidente della giunta regionale, rispondendo alle domande di un cronista, a proposito della gestione dei concorsi da parte delle aziende ospedaliere e sanitarie, ha affermato che esistono centri di potere amministrativi e dirigenti del personale che “fanno i concorsi non che servono ai cittadini, ma che servono a loro”;

da ultimo, sempre in riferimento alla mancanza di medici e alla difficoltà di reclutamento, come sottolineato da alcune organizzazioni sindacali, parrebbe che molti medici del sistema sanitario regionale svolgerebbero funzioni amministrative anziché mediche. Tutto ciò premesso, il sottoscritto Consigliere regionale interroga il Presidente della Giunta regionale, anche nella sua funzione di Commissario ad Acta per l'attuazione del Piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario della Regione Calabria,

per sapere:

1. quali azioni coerenti intenda mettere in atto per fare piena luce, e/o eventualmente sottoporre a altre sedi competenti l’attività di intermediazione da parte di Cooperative private in merito ai contenuti delle sue affermazioni. 2. se, alla luce delle dichiarazioni rese in merito a comportamenti di alcuni dirigenti del personale di A.S.P. e A.O., quali utili e tempestivi provvedimenti intenda adottare al fine di porvi rimedio;

3. se non ritenga opportuno porre in essere un’azione di verifica e monitoraggio per rilevare se e quanto personale medico svolge mansioni amministrative.

(77; 05/09/2022).

(Risposta)

 

Bruni. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

- la Legge regionale n. 33/2021, “Razionalizzazione e miglioramento dell’offerta assistenziale nel territorio regionale”, a seguito dell’intesa tra Commissario ad Acta per l’attuazione del Piano di Rientro nella Regione Calabria e l’Università degli Studi “Magna Graecia” di Catanzaro, stabilisce che l’Azienda Ospedaliera “Pugliese Ciaccio” sia incorporata nell’Azienda Ospedaliera-Universitaria “Mater Domini”;

- “entro dodici mesi dall’entrata in vigore della legge succitata sono definiti i rapporti tra la Regione Calabria e Università degli Studi “Magna Graecia” di Catanzaro in materia di attività integrate di didattica, ricerca ed assistenza, mediante Protocollo d’Intesa ai sensi dell’articolo 1 del D.lgs. 517/1999 sottoscritto dal Commissario ad Acta per l’attuazione del Piano di Rientro della Regione Calabria e dal rettore dell’Università”;

- l’art. 2 comma 3 della Legge Regionale n. 33/2021 stabilisce che “le attività prodromiche alla definizione del testo del Protocollo d’Intesa siano svolte da una Commissione tecnica paritetica composta da due delegati del Commissario ad Acta per l’attuazione del Piano di Rientro nella Regione Calabria e da due delegati del rettore dell’Università, che partecipano alla Commissione a titolo gratuito. I Commissari straordinari dell’Azienda Ospedaliera “Pugliese Ciaccio” di Catanzaro e dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Mater Domini” trasmettono senza indugio i dati e le notizie richiesti dalla Commissione tecnica per lo svolgimento delle funzioni ad essa devolute”. Considerato che: - ai sensi dell’art. 3 comma 1 “la fusione per incorporazione disposta dalla legge 33/21 diviene efficace il giorno successivo alla pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria del Protocollo d’Intesa” e che dal giorno successivo cessano di diritto gli organi delle due Aziende. Tenuto conto che: - il Decreto legislativo 21 dicembre 1999, n. 517 pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 12 gennaio 2000 (Disciplina dei rapporti fra Servizio Sanitario Nazionale ed Università, a norma dell’articolo 6 della legge 30 novembre 1998, n. 419) all’art. 1 regola i rapporti tra Servizio Sanitario Nazionale e Università ed in particolare, al comma 3, prevede che “i protocolli d’intesa di cui al comma 1 stabiliscono altresì, anche sulla base della disciplina regionale di cui all'articolo 2, comma 2-sexies, lettera b), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, criteri generali per l'adozione, da parte del Direttore Generale delle Aziende di cui all'articolo 2, degli atti normativi interni, ivi compreso l'atto aziendale previsto dall'articolo 3”;

- il DPCM 24 maggio 2001 contempla le “Linee guida concernenti i Protocolli di Intesa da stipulare tra Regioni e Università per lo svolgimento delle attività assistenziali delle università nel quadro della Programmazione nazionale e regionale ai sensi dell'art. 1, comma 2, del decreto legislativo 21 dicembre 1999, n. 517” e, in particolare, disciplina all’art. 2 l’“Integrazione delle attività assistenziali didattiche e di ricerca”. Preso atto che: - la “Commissione tecnica paritetica Regione-Università” deve svolgere le attività prodromiche alla definizione del testo del Protocollo d’Intesa Università Magna Graecia e Regione Calabria;

- da più notizie di stampa, e in particolare dall’organizzazione sindacale CISL MEDICI, si è appreso della presenza di un altro tavolo parallelo, coordinato dal Commissario di Azienda Zero e costituito dagli attuali management delle due Aziende Ospedaliere, che sembrerebbe debba occuparsi dell’organizzazione della futura Azienda “Dulbecco”, valutando addirittura accorpamenti e soppressioni di strutture anche in base alla presenza di direttori, FF o prossimi al pensionamento;

- le due Aziende che si fonderanno tramite incorporazione della Azienda “Pugliese Ciaccio” nella A.O.U. “Mater Domini” presentano significativi debiti pregressi, che peserebbero sul Bilancio della futura Azienda Ospedaliera Universitaria “Dulbecco”. Tutto ciò premesso e considerato interroga il Presidente della Giunta regionale

per sapere:

1. lo stato dell’arte delle attività svolte dalla “Commissione tecnica paritetica Regione-Università”;

2. se corrisponde al vero la notizia appresa dalla stampa, in particolare dall’organizzazione sindacale CISL MEDICI, ovvero l’esistenza di un altro tavolo parallelo coordinato dal Commissario di Azienda Zero, ed eventualmente, qualora fosse confermata, sapere quali obiettivi si prefigge il tavolo in questione ed in base a quali disposizioni lo stesso sia stato costituito;

3. quali siano i debiti pregressi delle due Aziende interessate alla fusione per incorporazione della Azienda “Pugliese Ciaccio” nella A.O.U. “Mater Domini” ed il relativo ammontare;

4. quali azioni si intendono portare avanti per risanare gli eventuali debiti pregressi della futura “Azienda Ospedaliera Universitaria “Dulbecco”.

(78; 06/09/2022).

(Risposta)

 

Laghi. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

- sia il Piano europeo contro il cancro (febbraio 2021) che il Piano nazionale della prevenzione 2020-2025 (PNP) sottolineano la centralità e la fondamentale rilevanza della prevenzione e della diagnosi precoce;

- dai dati dell’ultimo rapporto AIOM-AIRTUM “I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2021”, pubblicato ad ottobre 2021 sul sito del Ministero della Salute e presentato all’Istituto Superiore di Sanità, emerge che i tumori – nel 2021 – siano stati la causa di morte per 100.200 uomini e 81.100 donne benché si registri una riduzione dei tassi di mortalità di circa il 10% negli uomini e dell’8% nelle donne tra il 2015 e il 2021;

- sempre nel citato report AIOM-AIRTUM, la Rete nazionale dei registri dei tumori, dei sistemi di sorveglianza e del referto epidemiologico per il controllo sanitario della popolazione rappresenta uno strumento fondamentale nella lotta contro il cancro, e che per realizzarla sono stati stanziati tre milioni di euro da ripartire fra le Regioni per la creazione dei registri regionali dei tumori, che alimenteranno la Rete nazionale;

considerato che - la legge 22 marzo 2019, n. 29, istituisce e disciplina la Rete nazionale dei registri dei tumori e dei sistemi di sorveglianza nonché il referto epidemiologico per il controllo sanitario della popolazione che, attraverso la raccolta, lo scambio, l’analisi e lo studio dei dati si propone, in particolare, finalità di “prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione, programmazione sanitaria, verifica della qualità delle cure, valutazione dell'assistenza sanitaria” (lett. b, comma 1, articolo 1) nonché ulteriori obiettivi tesi alla promozione ed al progresso della ricerca, alla sorveglianza epidemiologica, al monitoraggio dei fattori di rischio su tutto il territorio nazionale;

- seppure in attesa di ulteriori provvedimenti di attuazione da parte dello Stato, le Regioni sono chiamate ad assicurare con la massima tempestività, efficienza e sistematicità l’invio dei dati anche attraverso una gestione corretta dei registri tumori;

atteso che - la Regione Calabria ha istituito il registro tumori della popolazione con legge regionale 12 febbraio 2016, n. 2, la quale prevede nello specifico:

a) la creazione della Rete dei registri tumori, per come individuati nella DGR n. 289 del 25 marzo 2010 e nello specifico Cosenza/Crotone, Catanzaro/Vibo Valentia e Reggio Calabria nonché le sub articolazioni di Vibo Valentia e Crotone (articolo 1);

b) il Centro di coordinamento dei Registri tumori con compiti di supporto per l’accreditamento all’AIRTUM dei registri e di interventi ed azioni rivolte alla prevenzione, diagnosi e studi relativi all’impatto sull’ambiente del cancro (articolo 2);

c) l’adozione di un regolamento regionale, in particolare per disciplinare il trattamento dei dati, nel rispetto della normativa vigente in materia (articolo 3);

posto che - sulla base dei dati rilevati dal sito AIRTUM, delle informazioni e delle ricerche effettuate, nonché del confronto con gli operatori del settore emergono, all’interno della Regione Calabria, diverse e preoccupanti criticità nel sistema di gestione dei registri che di seguito si riportano:

a) disomogeneità nella raccolta dei dati da parte dei referenti dei registri delle Asp preposte;

b) non operatività del Centro di coordinamento regionale;

c) mancata adozione del regolamento regionale, fondamentale per la gestione ed il trattamento di dati sensibili;

d) difficoltà nel reperimento e nella gestione dei flussi informatici di anatomia patologica e dei dati di mortalità;

- I Registri tumori consentono di ottenere indicatori certi e che l'individuazione del tasso di prevalenza e di incidenza delle neoplasie può permettere di pianificare interventi preventivi, tuttavia, i dati relativi alla Regione Calabria vengono per lo più trasmessi con un ritardo che li rende sostanzialmente non idonei ad essere utilizzati per le finalità di prevenzione per cui sono stati istituiti i registri. Per quanto sopra esposto, considerata l’estrema delicatezza e importanza della tematica in questione, nell’ottica della salvaguardia della salute pubblica,

per sapere:

se - il Presidente della Giunta regionale, anche in qualità di Commissario alla Sanità, sia a conoscenza di quanto evidenziato e se ritenga di dover intervenire urgentemente per rendere pienamente operativo il Registro regionale dei tumori;

- quali iniziative intenda intraprendere per rendere trasparenti, efficienti, nonché tempestive le attività dei centri che operano a livello provinciale all’interno delle Aziende Sanitarie calabresi.

(81; 20/09/2022).

(Risposta)

 

Lo Schiavo. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

- costituisce un fatto notorio quello della piaga dell'emigrazione sanitaria dalla Calabria, e nello specifico l'impatto della cosiddetta migrazione sanitaria medico-chirurgica e riabilitativa dei minori residenti in Calabria: condizione che determina costi economici, umani e sociali rilevanti;

- le patologie motivo di ricovero sono prevalentemente le malattie neuro-psichiatriche (18,64%), le malformazioni congenite (14,57%), metaboliche/immunologiche (7,67%) e onco-ematologiche (5,68%): patologie che presuppongono l'assistenza presso una struttura ospedaliera con un reparto valido ed efficiente di Neuropsichiatria infantile;

- con nota prot.101/ist/2020 a firma del dott. ---------- della Direzione generale della digitalizzazione del sistema informativo sanitario e della statistica, in riscontro a puntuale richiesta delle associazioni Codacons ed Articolo 32, il ministero della Salute ha reso noto che "per quanto riguarda l'attività ospedaliera si comunica inoltre che nella Regione Calabria non risultano attivi reparti ospedalieri di Neuropsichiatria infantile";

preso atto che: - con comunicato del 03/08/2022 è stato reso noto l'accordo tra Regione Calabria e Bambino Gesù per potenziare la rete pediatrica e contenere la migrazione sanitaria e si è così provveduto a rendicontare che "sono stati oltre 7.500 i bambini calabresi a raggiungere il Bambino Gesù di Roma per cure mediche, ma fortunatamente solo il 15% di questi pazienti - poco più di 1000 - ha avuto bisogno di un ricovero. La stragrande maggioranza delle prestazioni (12.049 su 13.195) ha riguardato visite ambulatoriali, esami diagnostici o day hospital. Per la trasferta a Roma, il viaggio, il vitto, la permanenza, i giorni di lavoro persi, la stima della spesa per le famiglie ammonta complessivamente a circa 5 milioni di euro". Considerato che - Tale accordo ha certamente un impatto importante ma al tempo stesso non può costituire l'unica forma di assistenza specialistica ai pazienti pediatrici della regione;

- le famiglie calabresi ancora oggi sono costrette a sopportare veri e propri "viaggi della speranza" anche per meri controlli di routine;

il personale medico si scontra con carenze strutturali e di personale, l'offerta regionale per i pazienti con malattie neurologiche ad oggi è pressoché inesistente se si considera che per tali piccoli pazienti le patologie richiedono approcci multidisciplinari la cui assenza e/o inidoneità di fatto impedisce che la loro presa in carico sia effettiva e totale, mancando un sistema capace di fare rete;

per sapere:

1) se il Presidente della Regione Calabria, in qualità di commissario ad acta del settore sanitario in Calabria, non ritenga opportuno, per il perseguimento dell'obiettivo della tutela dell'effettività del diritto alla salute, procedere alla immediata creazione in Calabria di un reparto ospedaliero e/o universitario di Neurologia pediatrica e di neuropsichiatria infantile;

2) se non ritenga opportuno adottare gli atti amministrativi e aziendali idonei a definire anche l'offerta territoriale dei servizi della Neuropsichiatria infantile (Npi), considerato che la complessità degli interventi di ambito rende necessario un costante lavoro di integrazione tra la rete degli operatori interna al servizio, la rete locale esterna al servizio, la rete di collegamento tra Centri ospedaliero-universitari e servizi territoriali, secondo il modello Hub-Spoke;

3) quali misure intenda porre in essere affinché si regolamenti l'effettiva presa in carico da parte del Sistema sanitario regionale, dei pazienti con patologie neurologiche pediatriche laddove gli stessi siano presi in cura a livello specialistico da un ospedale extraregionale;

4) quali misure intenda adottare al fine di garantire la continuità e la qualità dell'assistenza e riabilitazione dei pazienti con patologie neurologiche pediatriche o neuropsichiatriche infantili anche in relazione al carico enorme che di fatto ad oggi ricade in via quasi esclusiva sulle famiglie.

(83; 29/09/2022).

(Risposta)

 

Bevacqua. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

- la Giunta regionale, con deliberazione n. 441 del 30 settembre u.s. ha approvato misure urgenti per ridurre l’impatto sull’utenza dell’incremento tariffario dei servizi affidati a Trenitalia S.p.A.;

- la Giunta regionale, con deliberazione n. 274 dell’1 luglio 2019 aveva approvato la struttura tariffaria e l’importo delle tariffe dei servizi di trasporto pubblico locale;

- la Giunta regionale, con deliberazione n. 277 dell’1 luglio 2019 aveva approvato le regole relative all’integrazione tariffaria e gli indicatori di qualità per l’applicazione del metodo del price-cap;

- la materia inerente la politica tariffaria è regolata dal “Contratto di servizio per il trasporto pubblico ferroviario di interesse regionale e locale”, approvato con delibera n. 23 del 2 dicembre 2019 dell’ente di governo del trasporto pubblico locale, ARTCal;

- l’articolo 14, comma 3 del predetto accordo prevede che la Regione, inoltre, stabilisce gli incrementi tariffari per la durata contrattuale, definiti nell’allegato 4 al presente Contratto;

- il successivo comma 4 prevede che le Parti si danno reciprocamente atto che l’adeguamento di cui al precedente comma 3, contribuisce all’equilibrio economico del presente Contratto e, pertanto, qualora la Regione intervenga per non effettuarli, ARTCal compenserà con i meccanismi di cui alla Matrice dei rischi l’importo corrispondente all’aumento atteso – anno per anno;

tale importo non è considerato nel calcolo di cui all’art. 8, comma 3, lettera a);

- l’allegato 4b prevede, tra l’altro, che entro il 1° agosto 2020 e, comunque non prima di quattro mesi dalla comunicazione da parte di ARTCal delle tabelle delle tariffe, Trenitalia adotterà il nuovo sistema tariffario, di cui alle deliberazioni Giunta regionale n. 274/2019 e n. 277/2019;

- allo scopo ARTCal invierà, entro il 15 marzo 2020 la tabella delle tariffe da implementare nel sistema di vendita di Trenitalia, riservandosi di aggiornarla entro 30 giorni dalla consuntivazione ISTAT dell’indice NIC e dal calcolo degli indicatori che intervengono nel metodo del price cap;

- in particolare, le tariffe dovranno essere adeguate progressivamente in tre fasi:

a) a decorrere dal 1° agosto 2024, fino al termine del periodo contrattuale, si applicherà integralmente la tariffa a regime;

b) dal 1° agosto 2022 al 31 luglio 2024 si applicherà la tariffa calcolata in ragione di una tariffa base calcolata come media pesata: • della tariffa base applicabile al momento della sottoscrizione del presente Contratto, con peso 1;

- dalla tariffa base applicabile a regime, con peso 2;

c) dal 1° agosto 2020 al 31 luglio 2022, si applicherà la tariffa calcolata in ragione di una tariffa base calcolata come media pesata: • della tariffa base applicabile al momento della sottoscrizione del presente Contratto, con peso 2;

- della tariffa base applicabile a regime, con peso 1. - in tutte le tre fasi è sempre previsto l’adeguamento tariffario annuale all’inflazione, come definito nella successiva sezione “adeguamento inflattivo e price cap”. Le tariffe aggiornate dovranno essere trasmesse dall’ARTCal entro il 30 giugno;

- le integrazioni tariffarie di cui alle citate delibere regionali entreranno in vigore quando la Regione avrà messo a disposizione degli operatori di trasporto pubblico gli adeguati sistemi organizzativi e tecnologici individuati.

Considerato che: - il Contratto di servizio risulta analitico in ogni sua previsione, dettagliando minuziosamente le varie scadenze relative agli adeguamenti tariffari e che, pertanto, le stesse erano note al competente Dipartimento da tempo, si evidenzia con ciò una carenza di scambio informativo tra la struttura burocratica e gli organi di direzione politica;

- ARTCal, istituita dalla legge regionale 31 dicembre 2015, n. 35, con il conferimento di funzioni fondamentali in materia di trasporto pubblico locale, a tutt’oggi non è entrata pienamente in funzione risultando, dopo 7 anni, retta ancora da un Commissario;

tutto ciò premesso e considerato interroga il Presidente della Giunta Regionale e l’Assessore alla Mobilità

per sapere:

se e in quale data Trenitalia abbia comunicato alla Regione e all’ARTCal l’aumento tariffario;

se vi sia stato un provvedimento di approvazione dei predetti aumenti da parte degli organi interessati;

se gli incrementi si riferiscono esclusivamente a quanto riportato nella delibera della Giunta regionale o gli stessi siano il portato di un aumento inflattivo;

quali provvedimenti intendano adottare per evitare il ripetersi di situazioni quale quella verificatasi recentemente e, infine, quale utile azione intendano intraprendere per favorire con urgenza la costituzione degli organi di governance di ARTCal.

(90; 13/10/2022).

(Risposta)

 

Mammoliti. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

- nel Comune di Cirò Marina, cittadina che conta 15.000 abitanti, esiste una sola guardia medica o, come più correttamente viene definita oggi, servizio di continuità assistenziale;

- è bene ricordare come la guardia medica rappresenti il servizio che, in assenza del medico di famiglia, garantisce l'assistenza medica di base per situazioni che rivestono carattere di indifferibilità, cioè per quei problemi sanitari per i quali non si può aspettare fino all'apertura dell'ambulatorio del proprio medico curante o pediatra di libera scelta, in ragione di ciò il servizio dovrebbe essere attivo nelle ore notturne e nei giorni festivi e prefestivi;

- detto servizio a Cirò Marina funziona, ormai da troppo tempo, a singhiozzo: assai spesso, specie nel periodo estivo quando la cittadina vede raddoppiare la propria popolazione, non si riesce a coprire tutti i turni e i cittadini sono costretti a rivolgersi alle guardie mediche dei paesi vicini o, addirittura, a recarsi a Crotone presso il pronto soccorso dell’unico ospedale della provincia che dista oltre 40 km;

- appare del tutto chiaro che la situazione descritta rappresenti una grave lesione del diritto alla salute dei cittadini cirotani che si vedono privati di un servizio essenziale per la loro salute;

- lo scorso 29 agosto si è svolta a Cirò Marina, di fronte il Poliambulatorio che ospita la guardia medica, una partecipata manifestazione per porre l’attenzione sul problema descritto;

- a indurre gli organizzatori ad indire la manifestazione è stato il decesso di un pensionato che, come raccontato anche da numerosi quotidiani, recatosi presso la locale postazione di guardia medica per un malore, ha trovato ad attenderlo non un medico, ma un cartello che invitava quanti avessero bisogno del medico a rivolgersi ai paesi viciniori;

- secondo quanto sostenuto dal responsabile del distretto unico dell’Asp di Crotone, esiste una oggettiva difficoltà a reperire medici, nonostante siano stati banditi concorsi, pubblicati sul bollettino regionale, contattati medici neolaureati, pubblicati avvisi per reperire professionisti esterni, anche in pensione;

- lo stesso dirigente del distretto ha, poi, evidenziato come i pochi medici che hanno risposto all’avviso hanno scelto i paesi più piccoli, rifiutando sistematicamente Cirò Marina;

- alla base di tali rifiuti ci sarebbero sostanzialmente due ragioni: da una parte il fatto che la popolazione di Cirò Marina nel periodo estivo si raddoppi, raggiungendo i 30.000 abitanti e, dunque, sottoponendo i medici in servizio presso la guardia medica ad un super lavoro, dall’altra le ripetute aggressioni subite dai medici in servizio;

- già nel 2019, infatti, l’ASP di Crotone comunicava alla Commissione Straordinaria, che allora amministrava il Comune di Cirò Marina, della difficoltà di garantire il servizio di guardia medica per le ripetute intimidazioni e vessazioni subite dai medici di turno;

- oggi, da quanto si apprende, ad assicurare il servizio, sono due medici di cui uno è un medico di base in pensione che, con spirito di sacrificio e dedizione, continua a lavorare ma, nonostante ciò, molti turni rimangono scoperti. Tutto quanto sopra premesso, il sottoscritto Consigliere regionale interroga il Presidente della Giunta, anche nella funzione Commissario ad Acta per l'attuazione del Piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario,

per sapere:

- se è a conoscenza della situazione in cui versa il servizio di continuità assistenziale del comune di Cirò Marina;

- se e quali tempestivi provvedimenti intenda adottare per porvi rimedio.

(94; 28/10/2022).

(Risposta)

 

Laghi. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

- Il decreto ministeriale 28 maggio 1999, n. 329 stabilisce che l’HiV rientra tra quelle “condizioni e malattie croniche e invalidanti che danno diritto all’esenzione dalla partecipazione al costo per le correlate prestazioni sanitarie incluse nei livelli essenziali di assistenza”;

- la circolare prot. n. 35203-04/08/2022-DGPRE, sulla base dei criteri concordati con le Regioni, ha regolamentato il piano di distribuzione della seconda tranche di donazione del vaccino antivaiolo Jynneos da parte della Commissione Europea e, sulla base della ripartizione territoriale indicata nel predetto Piano, risultano essere assegnate n. 220 fiale di vaccino alla regione Calabria;

- la circolare ministeriale n. 35365 del 5 agosto 2022 dispone, altresì, la vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie gratuita per le categorie di soggetti ad alto rischio con età superiore a 18 anni, tra le quali rientrano le PLWHIV, che costituiscono uno dei gruppi prioritari da sottoporre a vaccinazione Considerato che: - l’Associazione Arcigay Cosenza ha ricevuto segnalazioni da parte degli associati circa difficoltà ad ottenere informazioni riguardanti modalità e tempi relativi alla somministrazione del vaccino in questione da parte dell’ASP di Cosenza;

- sul sito istituzionale dell’Azienda non emergono informazioni in ordine allo stato di attuazione della campagna vaccinale da parte del Dipartimento di Prevenzione dell’Asp di Cosenza;

- l’autorizzazione d’emergenza data dall’AIFA per il vaccino scade il 31/12/2022;

per sapere:

come la Regione Calabria abbia organizzato la somministrazione delle 220 dosi assegnate del vaccino contro il vaiolo delle scimmie e, in particolare, quali siano le iniziative assunte a tal proposito da parte dell’ASP di Cosenza.

(98; 14/11/2022).

(Risposta)

 

Laghi. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

-  Il percorso di definizione del modello calabrese della Rete delle Case della Salute si inserisce nel percorso di "rientro" economico finanziario del sistema sanitario regionale e nella conseguente riorganizzazione delle tre reti assistenziali, ospedaliera, territoriale e dell'emergenza-urgenza;

-  Il D.P.G.R. n. 18 del 22.10.2010 ha previsto il riassetto del servizio sanitario regionale, programmando la riconversione di 12 strutture ospedaliere che con successivo D.P.G.R. n. 34 del 6 maggio 2011 e in funzione della tipologia assistenziale attribuita sono state denominate CAPT (Centri di Assistenza Primaria Territoriale) e che, in seguito, la Regione ha previsto di collocarvi le sedi delle Case della Salute;

•la D.P.G.R n. 135 del 21.12.2011 la Regione Calabria ha individuato le sedi dove realizzare la Rete Regionale delle Case della Salute;

•la D.G.R. n. 647 del 29.12.2017, a valere sulla dotazione finanziaria prevista dalla D.G.R. n. 40/2016 (PAC 2007/2013), pari a € 49.315.529,20, con la quale è stata approvata la nuova scheda salvaguardia n. 4 “Rete Regionale Case della Salute”, ha confermato la realizzazione delle Case della salute all’interno dei comuni di San Marco Argentano, Cariati, Mesoraca, Chiaravalle, Scilla e Siderno;

•in seguito a molteplici differimenti, il finanziamento per la realizzazione dei progetti relativi alla Rete Regionale delle Case della Salute impegna, in ultima istanza, risorse afferenti all’azione 9.3.8 del POR CALABRIA FESR FSE 2014/2020 per un ammontare massimo di € 48.952.332,43;

•il D.C.A. n. 59/2022 per la Regione Calabria, denominato “Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR)- Missione 6 - Componenti 1 e 2 - Approvazione del Piano Operativo Regionale – PNRR”, prevede la realizzazione di n. 60 Case della Comunità, di cui n. 14 Hub e n. 46 Spoke;

considerato che: •le “Case della Comunità Hub” dovranno essere dotate di attrezzature tecnologiche, al fine di garantire: parità di accesso, prossimità territoriale e qualità dell'assistenza alle persone, indipendentemente dall’età e dal loro quadro clinico, mediante l'attivazione, lo sviluppo e l'aggregazione di servizi di assistenza primaria e la realizzazione di centri di erogazione dell'assistenza, efficienti sotto il profilo sanitario, funzionale ed energetico, per una risposta multiprofessionale;

•la Casa della Salute è una "struttura polivalente e funzionale in grado di erogare materialmente l'insieme delle cure primarie, di garantire la continuità assistenziale e le attività di prevenzione;

sede pubblica dove trovano allocazione, in uno stesso spazio fisico, i servizi territoriali che erogano prestazioni sanitarie e sociali;

luogo di prevenzione e promozione della salute e del benessere sociale";

•l’assistenza sanitaria erogabile dalle strutture “Case della Comunità Hub” e “Case della Salute” risulta, in pratica, equipollente ed entrambi i modelli si riferiscono a bacini di utenza di circa 50.000 abitanti;

•i siti identificati dal menzionato Piano Operativo Regionale per la realizzazione delle Case della Comunità Hub non coincidono con quelli afferenti al progetto della Rete Regionale delle Case della Salute;

•il recente D.M. 77/2022 non annovera tra i modelli di assistenza territoriale le “Case della Salute”;

considerato, altresì, che: •l’Ambito Territoriale Sociale-Assistenziale N. 2 del distretto Sanitario Esaro-Pollino dell’ASP di Cosenza censisce una popolazione di circa 50.000 abitanti;

•il D.C.A. n. 59/2022 identifica il Comune di Roggiano Gravina come unica sede di “Casa della Comunità Hub” per l’Ambito Territoriale Sociale-Assistenziale N. 2 del distretto Sanitario Esaro-Pollino;

•nel territorio di Roggiano Gravina non sono censite strutture assimilabili all’ex Ospedale “L. Pasteur” – sito nel comune di San Marco Argentano - o che possano essere allestite tempestivamente per assolvere alla funzione di “Casa della Comunità Hub” nei termini previsti dal PNRR;

•la realizzazione della Casa della Salute presso l’ex Ospedale “L. Pasteur” è inserita negli obiettivi e nelle scelte regionali fin dalla "Programmazione unitaria 2007-2013” nonché confermata dal D.P.G.R n. 135 del 21.12.2011 ed atti successivi;

•la sede dell’ex Ospedale Civile “L. Pasteur” a San Marco Argentano rappresenta da diversi decenni il riferimento sanitario primario dell’omonimo Ambito Territoriale di competenza e risulta dotata di una struttura che si sviluppa su 4 piani rialzati ed 1 piano seminterrato, per una superficie totale di 8.152 mq che risulta solo parzialmente utilizzata;

•sono state impegnate risorse pari a 8.149.648,89 euro, afferenti alla realizzazione della Rete Regionale Case della Salute, destinate all’ammodernamento dell’ex Ospedale Civile “L. Pasteur” per il quale i Progetti di fattibilità tecnico-economica sono stati approvati dall’ASP di Cosenza con Deliberazione n. 1290 del 29 luglio 2022;

Interroga il Presidente della Giunta regionale, anche nella qualità di Commissario ad acta per l’attuazione del Piano di rientro,

per sapere:

•se l’attuazione della Rete Regionale Case della Salute risulti compatibile con l’attuazione del Piano Operativo Regionale;

•quale impatto avrà sulla realizzazione del progetto originario la mancata inclusione delle strutture afferenti alla Rete delle Case della Salute tra le Case di Comunità Hub previste per la Regione Calabria;

•se la previsione di una Casa della Comunità Hub presso il Comune di Roggiano Gravina sia alternativa o aggiuntiva alla realizzazione della Casa della Salute presso l’ex Ospedale Civile di San Marco Argentano per l’Ambito Territoriale Sociale-Assistenziale n. 2 del distretto Sanitario Esaro-Pollino.

(104; 16/12/2022).

(Risposta)

 

Mammoliti. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

- da notizie di stampa, si apprende che, da alcuni mesi, nell'aeroporto di Lamezia Terme, si verificano gravi disfunzioni nell'espletamento del servizio di assistenza delle persone con ridotta mobilità (PRM). Le persone con ridotta mobilità (indicate con l'acronimo “PRM”) sono tutti quei soggetti che, per ragioni legate a disabilità fisiche e/o mentali e/o all'età, presentano delle limitazioni, più o meno gravi, nelle capacità motorie e che, pertanto, per soddisfarne le specifiche esigenze, necessitano di un'attenzione particolare e di un adattamento del servizio che viene comunemente fornito a tutti i passeggeri. Più precisamente, la società che gestisce l'aeroporto (nella specie si tratta della SACAL S.p.A. “Società Aeroportuale Calabrese”) deve assicurare, ai passeggeri che presentano una ridotta mobilità, un'assistenza sia nella fase del viaggio che riguarda la partenza sia in quella che riguarda l'arrivo. Nella fase della partenza, il passeggero con ridotta mobilità deve essere accolto, in aerostazione, da personale specializzato che lo assiste durante il check-in, lo accompagna ai controlli di sicurezza e, poi, fino al gate d'imbarco. Nella fase di arrivo, il passeggero con ridotta mobilità deve essere accolto all'atterraggio e, quindi, accompagnato al controllo dei documenti, al ritiro dei bagagli e all'esterno dell'aerostazione fino al mezzo scelto per raggiungere la destinazione desiderata. In entrambe le anzidette fasi del viaggio, possono essere utilizzati, se necessari, strumenti (quali sedie a rotelle e macchinari elevatori) per facilitare la salita e la discesa sull'aereo e dall'aereo nonché il trasporto a terra. L'assistenza sopra descritta è espressamente prevista da specifiche normative nazionali e comunitarie che si ispirano al fondamentale principio della non discriminazione nella elargizione di un servizio al pubblico. Ebbene, soprattutto sulla stampa locale, compaiono, ormai da alcuni mesi, articoli che denunciano il malfunzionamento del servizio di che trattasi. La causa di detto malfunzionamento andrebbe ricercata nella grave carenza di organico. Il numero degli operatori addetti all'espletamento del servizio sarebbe, cioè, estremamente esiguo e, in ogni caso, insufficiente a soddisfare le molteplici richieste di assistenza. Nei momenti di maggiore afflusso di passeggeri all'aeroporto, pare che la SACAL S.p.A., per sopperire alle carenze di organico, abbia, addirittura, fatto ricorso all'impiego del personale (già, di per sé, numericamente ridotto) in servizio presso la postazione del pronto soccorso aeroportuale che, di conseguenza, sarebbe rimasta, per lungo tempo, sguarnita, nonché all'impiego del personale addetto al servizio di pulizia dello scalo. L'impiego del personale in servizio presso la postazione del pronto soccorso aeroportuale e di quello addetto al servizio di pulizia dello scalo, oltre ad essere, evidentemente, inopportuno ed inadeguato in quanto prestato da soggetti del tutto privi di una specifica formazione, non avrebbe, in ogni caso, evitato i paventati ritardi che si sarebbero, comunque, verificati accumulandosi sull'intera programmazione dei voli giornalieri. Tutto quanto sopra premesso, considerato l'approssimarsi delle vacanze natalizie che determineranno un notevole incremento del numero dei passeggeri, considerato, altresì, che la gestione di SACAL S.p.A. è tornata in capo alla Regione Calabria che, direttamente ed indirettamente, possiede e controlla la maggior parte delle azioni dell'anzidetta società, si interroga il Presidente della Giunta regionale ed il competente Assessore,

per sapere:

- quali utili ed urgenti iniziative intende adottare per eliminare, in tempi brevi, le descritte disfunzioni nel servizio di assistenza dei passeggeri con ridotta mobilità prestato all'interno dell'aeroporto di Lamezia Terme.

(107; 20/12/2022).

(Risposta)

 

Mammoliti. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

-  La crisi economica scatenata dall’emergenza sanitaria da COVID 19 prima e lo scoppio della guerra in Ucraina poi rischiano di soffocare l’economia italiana e ancora di più, la già debole economia calabrese;

in questo contesto emergono con forza le difficoltà della Calabria, dove da una parte assistiamo al crescere del numero dei lavoratori precari e dall’altra all’aumento degli inoccupati con una preoccupante impennata degli inattivi o, come vengono definiti oggi con un acronimo inglese, dei NEET, cioè di persone che non studiano, né lavorano né ricevono una formazione;

il sito Openpolis rileva, infatti, come il fenomeno dei neet appare particolarmente impattante nelle regioni del mezzogiorno, nel 2020, a fronte di una media nazionale del 23,3% nella fascia 15-29 anni, spiccano i dati di Sicilia (37,5%), Calabria (34,6%) e Campania (34,5%);

di fronte a questi dati così preoccupanti, coerentemente con quanto previsto dal programma GOL, dal Piano straordinario di potenziamento dei centri per l’impiego e dal Piano strategico nazionale sulle Nuove Competenze (PNC), appare non più rinviabile la costruzione di un vero e proprio piano per il lavoro che da una parte contribuisca al superamento del precariato e dall’altro si rivolga a quanti un lavoro non ce l’hanno o non ce l’hanno più e a quanti, addirittura, hanno rinunciato a cercarlo;

le ingenti risorse previste dal PNRR e dalla nuova programmazione comunitaria, con la loro corretta e puntuale spesa, offrono un’opportunità importante che non può andare sprecata;

il Consiglio regionale con la legge regionale 28 dicembre 2021, n. 42 recante “Modifiche e integrazioni alla legge regionale 25 giugno 2019, n. 29 (Storicizzazione risorse del precariato storico)” ha segnato un importante, ma non risolutivo, punto per il superamento del precariato calabrese;

nel corso della stessa seduta che ha visto l’approvazione della Legge citata, il Consiglio regionale ha votato all’unanimità un ordine del giorno, proposto dal sottoscritto consigliere, che impegnava la Giunta regionale, entro novanta giorni e attraverso il necessario coinvolgimento delle Organizzazioni Sindacali, a definire un quadro completo dell’insieme dei lavoratori precari della Regione Calabria e, contestualmente, alla elaborazione di un piano straordinario del lavoro, attraverso gli strumenti e le risorse disponibili, al fine di assorbire gli attuali e residui bacini di precariato e attuare coerenti politiche attive del lavoro anche nei confronti degli inoccupati;

ad oggi, da quanto è dato sapere, il percorso di redazione di tale Piano non è stato avviato. Tutto ciò premesso, il sottoscritto Consigliere regionale interroga il Presidente della Giunta regionale e l’Assessore con delega al Lavoro

per sapere:

1. se la Giunta regionale ha dato seguito al deliberato del Consiglio del 23 dicembre 2021;

2. quali utili e appropriate iniziative intenda intraprendere per la puntuale applicazione del citato ordine del giorno.

(108; 20/12/2022).

(Risposta)

 

Tavernise. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

- oltre quattromila tirocinanti calabresi, hanno svolto, da oltre un decennio, e stanno svolgendo servizio nella Pubblica amministrazione: in Tribunali, scuole, servizi per i beni culturali, Comuni;

- in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, in data 22 gennaio 2015 è stato raggiunto l’accordo relativo alle “Linee guida per i tirocini di orientamento, formazione e inserimento/reinserimento finalizzati all'inclusione sociale, all'autonomia delle persone e alla riabilitazione”, recepito dalla Regione Calabria con DGR n. 472 del 29 ottobre 2018;

- nel 2019, a seguito di avvisi pubblici rivolti a soggetti pubblici e privati interessati ad avviare percorsi per la realizzazione di tirocini di inserimento sociale (TIS) rivolti a disoccupati ex percettori di mobilità in deroga, tutti i soggetti appartenenti a tale categoria sono stati inseriti in progetti TIS. Considerato che: - la DGR n. 410 del 01 settembre 2022 prevede che il tirocinio possa essere prorogato oltre il limite dei due anni “in seguito all’attestazione della sua necessità da parte del servizio pubblico che ha in carico la persona e non più di una volta per un massimo di 24 mesi”. Nella delibera, vista la scadenza dei percorsi di tirocinio precedentemente avviati, si dispone che il dipartimento lavoro debba avviare le interlocuzioni necessarie con gli enti ospitanti per prorogare gli stage per ulteriori 12 mesi. Non solo, si invita anche ad avviare “ogni altro atto necessario a dare impulso alla prosecuzione dei percorsi per un’ulteriore annualità” coinvolgendo i centri per l’impiego e a reperire le risorse finanziarie necessarie per la copertura di tale operazione. I Tis, quindi, dovrebbero proseguire in continuità, senza alcuna interruzione man mano che i percorsi nei 458 enti interessati termineranno. Tenuto conto che: - i tirocinanti hanno acquisito competenze professionali importanti nel corso dei numerosi anni di servizio, lavorando presso gli enti ospitanti, il cui organico è, nella maggior parte dei casi, sottodimensionato. Questi enti, soprattutto gli enti locali, riescono a garantire i servizi essenziali ai propri cittadini proprio grazie al contributo dei tirocinanti;

- nonostante tale importante contributo professionale presso gli enti ospitanti, i tirocinanti vivono in uno stato costante di precarietà e non hanno diritto a nessun trattamento previdenziale e contributivo. Gli stage, infatti, non hanno alcun valore ai fini pensionistici, dunque tutti questi soggetti non solo sono e rimangono a rischio di esclusione sociale, ma stanno anche costruendo enormi buchi nella loro storia previdenziale che avranno effetti deleteri al momento di andare in pensione. Preso atto che: - la condizione di precariato riguardante i tirocinanti, persone per lo più over 50 per le quali in tutti questi anni la politica non è riuscita a trovare una soluzione che non fosse un tirocinio reiterato nel tempo, persiste da troppi anni e non è più procrastinabile un serio un drastico cambiamento di rotta sulle politiche del lavoro, anche e soprattutto in vista della scadenza dei tirocini. Tutto ciò premesso e considerato Interroga il Presidente della Giunta regionale

per sapere:

quali iniziative intenda intraprendere la Regione Calabria per risolvere, entro il termine di scadenza della proroga, tale situazione di precarietà e riconoscere la dignità che questi lavoratori meritano, anche attraverso politiche volte a portare alla stabilizzazione delle posizioni lavorative dei tirocinanti e con il coinvolgimento dei ministeri competenti.

(127; 22/03/2023).

(Risposta)

 

Tavernise. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

- la strada Mirto Crosia-Longobucco, nota anche come strada Sila-mare, risulta essere un’infrastruttura strategica per i cittadini residenti nelle zone dello Ionio cosentino e per i comuni dei medesimi territori in quanto, una volta ultimata, consentirà di collegare in sicurezza e in tempi brevi le aree interne dell’altopiano silano con la fascia costiera ionica cosentina;

- l’idea di disegnare una via alternativa alla statale 177 che da Rossano si inerpica in Sila nasce a cavallo tra gli anni ’50 e ’60 del secolo scorso, nell’ambito di un ragionamento sviluppato attorno alla bonifica del Trionto. Un ventennio più tardi la bonifica del fiume – a valle – viene appena accennata, sperperando 50 miliardi di lire in quello che doveva essere il progetto della diga sul torrente Laurenzano, affluente del Trionto, per placare la sete degli abitanti e delle produzioni agricole a valle, in tubazioni, scavi, condotte idriche abbandonate a sé stesse ed ancora oggi ben visibili;

- la costruzione dell’opera, con una spesa complessiva che finora supera gli 80 milioni di euro, è stata avviata negli anni 90 con l’esecuzione di un primo lotto di lavori a valle dell’abitato di Longobucco. Sono stati poi realizzati il secondo lotto e il terzo lotto e, successivamente, con l’Accordo di Programma 2002-2006: “Sistema delle infrastrutture di trasporto”, il primo stralcio dell’originario progetto del IV lotto, garantendo la viabilità fino al ponte sul Trionto posto in località Destro. La prima parte della strada, per un tratto di undici chilometri, viene inaugurata nel 2015. È in via di completamento il IV lotto II stralcio, finanziato con le risorse FSC 2007/2013 di cui alla Delibera CIPE numero 62 del 03 agosto 2011 (“Individuazione ed assegnazione di risorse ad interventi di rilievo nazionale ed interregionale e di rilevanza strategica regionale per l'attuazione del piano nazionale per il sud”), lungo circa sei chilometri che dalla località Destro giunge al ponte di Cropalati. La consegna dei lavori di questo lotto era prevista per il 2018, poi via via prorogata fino a marzo 2023. Da Cropalati, poi, deve essere ultimato il V lotto, quello finale, per arrivare a Mirto Crosia e ricongiungersi alla SS 106 ionica. Il progetto per questo ultimo tratto è stato affidato ad Anas, individuato come soggetto attuatore e il costo è di 21,80 milioni di euro. Considerato che: le risorse economiche per il completamento di questa strada, a valere sul Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014-2020, sono disponibili e il completamento dell’opera è inserita nello strumento attuativo Piano Pluriennale Anas 2016 – 2020. Tenuto conto che: - al momento l’andamento dei lavori risulta nuovamente intermittente e c’è profonda incertezza sui tempi di consegna dei lavori riguardanti il quarto lotto secondo stralcio e di completamento dell’ultimo quinto lotto, affidato ad Anas, da Cropalati fino a Mirto Crosia e la SS106. Ciò determina ulteriori e ormai costanti disagi per la cittadinanza. Preso atto che: - la strada Sila-mare è fondamentale per l’ammodernamento e la sicurezza dei collegamenti delle aree interne con le zone costiere. Il completamento dell’asse Mirto Crosia-Longobucco riuscirebbe a collegare le sponde dello Ionio di Corigliano-Rossano con il Parco nazionale della Sila in meno di 20 minuti e ne aumenterebbe l’attrattività e la competitività anche e non solo sotto il profilo turistico: accorciare le distanze significa abbattere tempi di percorrenza e costi di trasporto. Una leva fondamentale per il progresso dell’intera regione. Tutto ciò premesso e considerato interroga il Presidente della Giunta regionale

per sapere:

se la Regione Calabria sia a conoscenza delle criticità emerse e quali iniziative intenda assumere per dare impulso al completamento dell’intera opera, accelerando la consegna dei lavori relativi al quarto lotto secondo stralcio e avviando una tempestiva interlocuzione con Anas per conoscere l’esatto cronoprogramma degli interventi relativi al quinto lotto.

(130; 27/03/2023).

(Risposta)

 

Laghi. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

- la mancanza di una adeguata installazione e manutenzione della segnaletica stradale, sia orizzontale che verticale, compromette inevitabilmente la sicurezza stradale oltre a creare disservizi alla circolazione (lavoratori, vettori, turisti, automobilisti in genere);

- il decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo codice della strada), all’art 37, Capo II, disciplina l’apposizione e la manutenzione della segnaletica stradale, ripartendo le rispettive competenze;

- la Direttiva del Ministero dei lavori pubblici del 24 ottobre 2000, relativa alla corretta e uniforme applicazione delle norme del codice della strada in materia di segnaletica e criteri per l’installazione e la manutenzione, richiama al punto 1.3 la “Relazione tra cura della strada e incidentalità stradale” e nello specifico, che: “Numerosi sinistri stradali derivano dall'assenza di segnaletica, dall'inadeguatezza della stessa rispetto alle condizioni della strada e del traffico, dalla sua tardiva o insufficiente percepibilità, dalla collocazione irregolare, dall'usura dei materiali o dalla mancata manutenzione”;

considerato che: - a seguito di numerose segnalazioni pervenute relativamente alla carenza di segnaletica stradale, orizzontale e verticale, funzionale al raggiungimento della Città di Castrovillari (CS), sia dalle uscite autostradali di riferimento che dalle strade provinciali;

e che: - in ragione di ciò, in data 5 novembre 2022, si è proceduto a interessare la Provincia di Cosenza, relativamente al tratto di competenza, nonché la sezione Anas Spa competente per territorio, per il tratto autostradale di riferimento;

- con la Provincia di Cosenza si sono tenuti degli incontri istituzionali sottesi alla pronta e rapida risoluzione della problematica, per cui a stretto giro si cantiereranno i relativi lavori;

- nonostante reiterati solleciti (il primo in data 20.02.2023;

il secondo, rivolto anche alla sezione regionale nonché alla direzione nazionale, in data 14.04.2023) l’Anas Spa è rimasta silente;

preso atto: - che risulta urgente e improcrastinabile un intervento istituzionale sotteso alla interlocuzione con Anas Spa, funzionale all’adeguamento della cartellonistica stradale, sia orizzontale che verticale, idonea al raggiungimento della Città di Castrovillari (CS);

s’interroga la Giunta regionale

per sapere:

1) quali iniziative intenda assumere per garantire la funzionale presenza di adeguata segnaletica stradale nel tratto di riferimento sopra indicato;

2) quali iniziative sono state, o saranno assunte al fine di garantire un’adeguata segnaletica stradale su tutto il territorio regionale, sia di competenza delle singole provincie che di competenza di Anas Spa.

(136; 08/05/2023).

(Risposta)

 

Tavernise. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

-  la costa della Calabria rappresenta un patrimonio di inestimabile valore ambientale e rischia di subire rilevanti impatti dai cambiamenti climatici. Il fenomeno dell’erosione costiera, infatti, secondo il rapporto “Spiagge 2022” di Legambiente, interessa 278,8 chilometri del nostro litorale, pari al 60,9% delle coste basse sabbiose calabresi. L’area di spiaggia erosa è stimata in 6,5 milioni di metri quadrati. L’ordine di grandezza del fenomeno erosivo ha comportato, data anche la particolare morfologia delle coste della nostra regione, la perdita di almeno 200 chilometri di coste basse negli ultimi 30 anni con un arretramento medio di circa 25 metri, che ha indirettamente prodotto un incremento delle coste alte nel periodo considerato di circa 150-200 chilometri (coste basse che sono diventate coste alte per la scomparsa della spiaggia);

per lo studio del litorale calabrese, affetto da notevoli problemi di erosione costiera, già nel 2014 il Dipartimento Lavori Pubblici e Infrastrutture e l'Autorità di Bacino Regionale hanno predisposto un “Master Plan degli interventi di mitigazione del rischio di erosione costiera in Calabria”, approvato il 22 luglio 2014 con la Delibera n. 1 del Comitato Istituzionale. Le finalità degli interventi in esso contenuti sono state oggetto dell'Accordo di Programma Quadro (APQ) “rafforzato” denominato "Difesa del Suolo ed Erosione delle Coste" siglato tra la Regione Calabria, il Ministero dello Sviluppo Economico ed il Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare, a fronte della dotazione finanziaria assegnata con la delibera CIPE n. 87/2012. Successivamente è stato poi adottato il “Piano di Bacino Stralcio di Erosione Costiera” (PSEC), approvato l’11 aprile 2016 con la Delibera n. 4 del Comitato Istituzionale;

nel Master plan la costa calabrese è suddivisa in 21 macroaree, tra le quali l’Area 3 che corrisponde al tratto costiero compreso tra Rossano e Cariati nel territorio della provincia di Cosenza e precisamente comprendente i seguenti comuni: Corigliano Rossano (a sud-est di Capo Trionto), Crosia, Calopezzati, Pietrapaola, Mandatoriccio, Scala Coeli, Cariati. Sono stati così individuati gli interventi afferenti ai litorali di Rossano (località Pantano Martucci), Crosia (località Pantano e Centofontane) e Cariati, mediante i quali sono state previste opere trasversali alla linea di riva accompagnati da ripascimenti di spiaggia. Considerato che: il litorale di Crosia, nella frazione di Mirto, dove è stato rilevato un forte fenomeno erosivo che ha causato la quasi totale scomparsa della spiaggia in località Pantano e la riduzione della stessa in località Centofontane, ha subito un intenso sviluppo, diventando un’importante località balneare e dalle grandissime potenzialità di attrazione del turismo. Caratterizzato da spiaggia sottile e, in alcuni tratti, senza duna costiera a causa del fenomeno di antropizzazione, presenta una delle situazioni a maggior rischio della fascia jonica. Il processo erosivo in atto è tuttora in progressione, con decine di metri in meno rispetto alla linea di riva del 1957. Molte abitazioni sono state ormai raggiunte dal mare e a rischio scalzamento, senza che siano presenti opere di difesa organica del litorale. Tenuto conto che: con la Delibera di Giunta Regionale n. 355 del 31 luglio 2017 avente ad oggetto “Programma di interventi per la difesa del suolo” a valere su risorse Por Calabria FESR FSE 2014/2020 e con la Delibera di Giunta Regionale n. 160 del 13 maggio 2016 avente ad oggetto "Patto per lo sviluppo della Regione Calabria. Attuazione degli interventi prioritari e individuazione delle aree di intervento strategiche per il territorio" si definiscono gli obiettivi generali della programmazione regionale in materia di difesa del suolo;

nell'allegato alla Deliberazione n. 355/2017 dal titolo "Documento Programmatico Difesa del Suolo" sono definiti e pianificati gli interventi di mitigazione del rischio di erosione costiera e protezione dei litorali e sono individuati 19 interventi, a valere sui fondi di cui all’Azione 5.1.1 del POR Calabria FESR FSE 2014-2020, per un importo complessivo finanziato pari e € 65.424.795,93. Gli obiettivi dell’Azione 5.1.1 “Interventi di messa in sicurezza e per l’aumento della resilienza delle infrastrutture nei territori più esposti a rischio idrogeologico e di erosione costiera” prevedono la messa in sicurezza di 42 km di costa entro il 2023. Il piano finanziario dell’Azione 5.1.1 è stato poi rimodulato con Deliberazione della Giunta Regionale n. 488 del 14 ottobre 2022 per oltre 77 milioni di euro;

tra questi interventi è previsto il “Progetto Difesa Costiera. Intervento integrato per il completamento delle opere di difesa costiera tra Capo Trionto e la Foce del fiume Nicà”. In particolare, per il litorale di Crosia, nella frazione di Mirto, in località Pantano e in località Centofontane, si tratta di fronteggiare l'esteso fenomeno erosivo in atto mediante la realizzazione di pennelli e del ripascimento di spiaggia con versamento di materiale proveniente dagli scavi per l’imbasamento dei pennelli e dalla scolmatura dell’alveo del fiume Trionto. Preso atto che: la località Centofontane del Comune di Crosia è stata già interessata da un primo intervento di ripristino dell’equilibrio costiero e di ripascimento della spiaggia. Iniziato nel 2009 e concluso nel 2014 e finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale nel Programma Por Conv FESR Calabria relativo alla programmazione 2007-2013, è riuscito a far recuperare, in alcuni tratti, anche 80 metri di spiaggia;

nonostante la grande disponibilità di risorse, il progetto di difesa costiera e ricostruzione del litorale di Crosia non è ancora stato avviato mentre in località Pantano continua a sussistere il problema dell'accesso alle abitazioni lambite dalle acque dello Ionio (molte di queste residenze estive) che non sono più raggiungibili anche a causa della degradazione della strada realizzata a ridosso della scogliera;

senza un’accelerazione dei tempi si potrebbe andare incontro ad un possibile disimpegno delle risorse finanziarie, essendo queste relative alla programmazione 2014-2020. I notevoli ritardi nella cantierizzazione degli interventi, inoltre, possono vanificare l'efficacia delle opere visto che, a distanza di anni, la situazione dei luoghi potrebbe trovarsi diversa, con peggioramenti che richiederebbero interventi e risorse aggiuntive rispetto a quanto previsto nel 2017. Tutto ciò premesso e considerato interroga il Presidente della Giunta regionale

per sapere:

1. quali iniziative stia assumendo la Regione Calabria per rimuovere gli ostacoli che fino ad ora hanno impedito l’avvio e il veloce completamento di interventi urgenti e necessari come quello di difesa costiera e ricostruzione del litorale di Crosia, nella frazione di Mirto;

2. se intende attivarsi, a fronte dell’emergenza erosione costiera, per conoscere la situazione dei vari interventi previsti dalla Delibera di Giunta Regionale n. 355 del 31 luglio 2017, l’attuale effettiva disponibilità delle risorse, ottenere precise indicazioni sul cronoprogramma degli interventi da attuare in favore delle spiagge calabresi, raggiungere gli obiettivi della Linea di Azione 5.1.1 del Por Calabria 2014-2020, con la messa in sicurezza al 31 dicembre 2023 di 42 chilometri di costa.

(137; 10/05/2023).

(Risposta)

 

Lo Schiavo. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

• la “Cipolla rossa di Tropea Calabria Igp” è un’eccellenza nel campo gastronomico calabrese, ed è stata iscritta all’elenco europeo delle “Denominazioni di origine e indicazioni geografiche protette” il 28 marzo 2008 con Reg. CE n. 284/2008 della Commissione;

• la “Cipolla rossa di Tropea Calabria Igp”, grazie al lavoro di valorizzazione e tutela del medesimo Consorzio, ormai in essere da diversi anni, rappresenta con successo in Italia e all’estero il meglio dell’agroalimentare calabrese;

• le principali zone di coltivazione sono riferibili ai comuni del Vibonese e che il territorio di Briatico rappresenta una delle principali aree produttive;

• tale area, per l’approvvigionamento idrico, ha fatto riferimento nel corso degli anni al bacino idrico del torrente Murria;

• l’acqua del torrente Murria negli ultimi tempi è stata compromessa da residui fognari che ne hanno inficiato l’uso per l’irrigazione dei campi;

• da diversi mesi, i produttori hanno lanciato l’allarme rispetto all’approvvigionamento idrico dei campi dettato dall’impossibilità di accedere al suddetto bacino irriguo;

• per sopperire a dette carenze idriche, anche grazie all’intervento della Regione, sono stati eseguiti interventi sul torrente Murria allo scopo di realizzare una serie di bypass utili a rimettere in funzione il bacino irriguo con acqua non contaminata;

• che lo stesso bacino necessita di interventi di bonifica;

considerato che: • gli agricoltori, riuniti nel Comitato Murrìa, avevano lanciato l’allarme circa la modalità dei lavori in essere sul torrente, a loro giudizio approntati in modo tecnicamente discutibile;

• le recenti e violente piogge hanno divelto e danneggiato i tubi necessari alla realizzazione dei by-pass e quindi ripristino della vasca irrigua;

• secondo il “Comitato Murria” la stagione di produzione della Cipolla rossa di Tropea Calabria Igp nella zona di Briatico risulta già compromessa ed è a rischio anche quella dei prossimi anni;

• bisogna dunque intervenire, e con una certa urgenza, a porre rimedio ai notevoli danni economici causati ai produttori dall’alluvione verificatasi nei giorni scorsi;

• non è concepibile che nella esecuzione di lavori così urgenti e delicati non si sia tenuta in considerazione una probabile piena del torrente e non siano state messe in atto azioni a tutela delle infrastrutture in corso di realizzazione;

preso atto che: • risulta urgente e improcrastinabile un intervento istituzionale a sostegno degli agricoltori e per la salvaguardia della salute pubblica nell’agro di Briatico;

si interroga la Giunta regionale

per sapere:

1) quali iniziative urgenti intenda assumere per il ripristino delle opere realizzate sul torrente Murria al fine di scongiurare la grave carenza idrica per le coltivazioni della “Cipolla rossa di Tropea Calabria Igp”;

2) quali interventi di bonifica sono previsti sul bacino idrico per rendere l’acqua conforme e salubre per l’irrigazione e riportare all’effettiva operatività il bacino stesso;

3) quali interventi di sostegno economico si intendono attivare a tutela delle imprese agricole ed ortofrutticole della zona, danneggiate dagli eventi su esposti, onde evitarne il fallimento.

(144; 13/06/2023).

(Risposta)

 

Billari. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che:

- la diga sul fiume Metramo, fonte di rifornimento idrico importante per i cittadini e gli agricoltori della Piana di Gioia Tauro, non è mai entrata in funzione, nonostante l’opera sia stata collaudata nel 2013;

- per essere pienamente funzionante ed efficiente la diga necessita di opere di completamento che riguarderebbero oltre alla rete di distribuzione delle acque per irrigare i terreni agricoli e fornire acqua potabile al territorio della Piana di Gioia Tauro, anche la realizzazione di due centrali idroelettriche a valle della diga, per la produzione di energia rinnovabile;

- la Regione Calabria, secondo recenti dichiarazioni ufficiali di alcuni dei suoi rappresentanti, ha espresso la volontà di portare l'opera a compimento avendo a disposizione le somme necessarie per finanziare il completamento della rete di distribuzione delle acque e la realizzazione degli impianti di produzione energetica. Considerato che: - la diga è una delle più importanti infrastrutture d’Europa, con un alto valore strategico, il cui pieno funzionamento, con le opere di completamento da realizzare, non solo aiuterebbe a sopperire alle ataviche carenze idriche, ma avrebbe anche delle ricadute eccezionali per il territorio in termini economici con enormi prospettive di sviluppo e quindi di impiego in diversi settori: energetico, industriale, agricolo, ambientale e turistico;

- il completamento di questa importante infrastruttura rappresenta ormai un fatto di civiltà, non è più accettabile, infatti, che nell’attuale contesto politico economico europeo ci siano ancora realtà, come la nostra regione, dove non si riesce a fornire un servizio essenziale come l'approvvigionamento idrico;

- l’inconfutabile emergenza climatico ambientale, con i conseguenti rischi di estrema siccità e di desertificazione, impone come urgenti e pressanti delle soluzioni, così come potrebbe rappresentare questa infrastruttura, almeno per buona parte del territorio calabrese;

- malgrado gli impegni assunti e i proclami fatti dai rappresentanti dell’attuale amministrazione regionale, la diga sul Metramo rischia di diventare l'ennesima promessa non mantenuta e l’ennesimo sperpero di danaro pubblico soprattutto se, come dichiarato, le somme per il completamento dell’infrastruttura sono disponibili e tuttavia non vengono utilizzate. Tanto premesso e considerato il sottoscritto consigliere regionale interroga il Presidente della Giunta regionale per conoscere:

per sapere:

- le cause che ancora oggi impediscono il funzionamento dell’infrastruttura della diga sul fiume del Metramo;

- se, rilevati eventuali impedimenti, sono state avviate le procedure necessarie per superarli e ultimare i lavori di canalizzazione, e di tutte le parti progettate e non realizzate, per rendere pienamente efficiente l’opera una volta messa in funzione e andare così oltre i proclami rispettando i bisogni del territorio e cogliendo tutte le opportunità che questa realtà offre.

(152; 28/06/2023).

(Risposta)

 

Tavernise. Al Presidente della Giunta regionale.

Premesso che: