CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA
Seduta n. 13 del 28/11/2020 - Diretta testuale e streaming



DIRETTA DALL'AULA - 13^ SEDUTA

di sabato 28 novembre 2020

Presidenza del Vice Presidente Luca MORRONE

Vedi elenco consiglieri/assessori

  

Il Presidente dà avvio ai lavori con la lettura e l'approvazione del verbale della seduta precedente.

Comunicazioni all'Aula.

Il Presidente inserisce il primo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.81/11^ di iniziativa d'Ufficio recante: " Elezione del Presidente del Consiglio regionale "

Il Presidente illustra le modalità di voto.

Iniziano le procedure di voto.

Il Presidente comunica l'esito della votazione:
presenti e votanti 25
hanno votato Arruzzolo 19
schede bianche 6

Il Presidente Morrone proclama eletto Presidente del Consiglio il consigliere ARRUZZOLO Giovanni (Forza Italia).

(Presidenza del Presidente Giovanni Arruzzolo)

Interviene il Presidente ARRUZZOLO Giovanni (Forza Italia) (ringrazia per il favore accordatogli, garantisce il proprio operato nell'interesse generale e nell'assoluta imparzialità ed equità. Auspica unità e collaborazione, indeboliti dall'assenza della presidente Santelli, che già tanto aveva fatto per dare nuovo impulso alla calabria, in presenza di una epidemia senza precedenti, ritiene doveroso rimboccarsi le maniche ed operare senza ricerca di alibi. Auspica che il consigliere Tallini possa dimostrare la propria innocenza, esprime, nel contempo, fiducia nella Magistratura e nel suo operato. La crisi del tessuto economico, l'emergenza sanitaria sono problematiche che vanno affrontate da subito, dichiara. Necessario, all'interno del fenomeno emergianziale, individuare e cogliere gli spunti positivi. Fino alla data di espletamento delle elezioni, la mission di tutti è quella di infondere speranza ai calabresi, maggiornza ed opposizione che devono deporre le asce di guerra ed operare per rappresentare degnamente il territorio. Conclude augurando buon lavoro a tutti. Informa l'Aula che la Corte di Appello ha dato il parere positivo alla richiesta di espetamento delle elezione in data del 14 febbraio 2021)

 

,

Il Presidente inserisce il secondo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n.65/11^ di iniziativa della Giunta regionale recante: ' Primo provvedimento di variazione al bilancio di previsione 2020-2022 approvato con la legge regionale 30 aprile 2020 n. 3, ai sensi dell'art. 51, comma 1, del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 '  

L'assessore al Bilancio e Politiche del personale, dott. Francesco Talarico relaziona sul punto (poche le variazioni perchè poche le risorse disponibili.. La prima variazione riguarda l'indizione delle elezioni e le somme impegnate che saranno nell'ordine di 7 milioni di euro. La seconda variazione riguarda il decreto Calabria e la messa a disposizione del personale nel numero di 25 unità per l'ammontare di 500.000,00 €. Con la nomina del Commissario Longo si può dar corso al reperimento del personale che lo affianchi. La Terza variazione riguarda il Consiglio, rigurda la migrazione tra capitoli e non comporta un aumento di risorse. La quarta variazione riguarda il finanziamento della legge 5 del 2008 che, per un errore di quantificazione dovranno essere impegnati 1.391.000,00 €. La quinta, il finanziamento di Arcea per 300.000,00 €. Nei prossimi giorni sarà necessario pervennire al'approvazione di ulteriori 2 punti perchè indifferibili e urgenti: il bilancio di previsione e il DEF, come raccomandato dalla Corte dei Conti nel giudizio di parifica. Il giudizio di parifica sembrerebbe aver accolto positivamente le azioni avviate ed parziale cambiamento di rotta, grazie all'atteggiamento volontariamente positivo dei comuni, ma anche grazie all'azione coattiva da parte dei dipartimenti della Regione. Purtroppo il bilancio di previsione risentirà delle minori entrate a causa della crisi da Covid-19 che ha interessato le imprese ed i privati. Il bilancio di previsione dovrà essere approvato entro il 31 dicembre per come sollecitato dalla Corte d'Appello, i dipartimenti della Giunta stanno lavorando assiduamente acchè questo possa verificarsi).

(Presidenza del Vicepresidente Luca Morrone)

Interviene il consigliere ANASTASI Marcello (Io Resto in Calabria) (rivolge gli auguri al Presidente per l'incarico assunto e che si rende necessario per non lasciare nulla al caso, considerato il momento storico e la crisi da Covid in atto. Ritiene, comunque, utile chiedere un parere sulla legittimità dell'operato del Consiglio, relativamente alla elezione del presidente per come richesto dal consigliere Guccione nella precedente seduta. Relativamente alla predisposizine dei bandi subordinati al Click day ritiene che, proprio per il metodo non diffusissimo, siano state create diseguaglianze. Chiede attenzione nei confronti degli operatori dei distributori di carburante, dei venditori ambulanti e di tutti gli operatori addetti al disbrigo delle pratiche automobilistiche, dei produttori agrumicoli, dei tirocinanti che aspettano di essere stabilizzati - 6500 persone dimenticati dalla Regione. Pone l'attenzione sugli alluvionati della provincia di Crotone, chiede, inoltre, di prendere in considerazione la possibilità di pervenire alla detassazione degli studenti universitari).

Il Presidente risponde che le problematiche di cui alle richiesta Anastasi sono già all'ettenzione della Giunta, quindi pone ai voti gli articoli:

art. 1 - approvato
art. 2 - approvato
art. 3 - approvato
art. 4 - approvato

Il Presidente, preso atto del parere favorevole del Collegio dei Revisori dei Conti, pone ai voti la proposta nel suo complesso con autorizzazione al coordinamento.

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il terzo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.75/11^ di iniziativa della Giunta regionale recante: ' Rendiconto esercizio 2019 dell'Ente per i Parchi Marini Regionali (EPMR) '  

Il consigliere GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) chiede il rinvio dei rimanenti punti all'ordine del giorno per un ulteriore approfondimento di merito.

Il Presidente precisa che per alcuni provvedimenti debbono essere approvati entro il 30 novembre.

Interviene il consigliere NERI Giuseppe (Fratelli d Italia) (in ordine ai provvedimenti in discussione, precisa che trattasi di rendiconti degli enti strumentali o enti subregionali la cui approvazione è propedeutica alla predisposizione del bilancio consolidato)

Interviene il consigliere GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) (ribadisce quanto detto in precedenza)

Interviene il consigliere MANCUSO Filippo (Lega Salvini) (trattandosi di rendiconti del 2019 e che si riferiscono alla gestione precedente, ritiene superfluo prevedere un ulteriore approfondimento)

Interviene il consigliere DI NATALE Graziano (Io Resto in Calabria) (porge gli auguri al Presidente, nel merito dei provvedimenti in discussione ritiene vada fatta una breve riflessione, trattasi di un vulnus, dichiara, quella odierna non è una gestione ordinaria, ma eccezionale, dunque è necessario stabilire cosa possa essere fatto. Necessario stabilire le prorità, dunque, legittima la richiesta di Guccione di fermarsi per un ulteriore approfondimento. Dà lettura delle previsioni di legge che attengono alle materie di competenza del Consiglio nella gestione straordinaria. Necessario dare priorità all'emergenza, alla situazione sanitaria, in caso contrario, annuncia l'abbandono dell'Aula)

Interviene il consigliere DE CAPRIO Antonio (Forza Italia) (in contrapposizione a quanto detto dal consigliere Di Natale durante un'intervista rilascialla a La7, ritiene che gli ospedali da campo rappresenteranno la salvezza per tante vite umane. Parlare della riapertura degli ospedali sarebbe ipocrita perchè si sa essere impossibile a causa della mancanza di personale e delle misure di sicurezza. Invece di accampare pretese conclude, che la minoranza si debba adoperare acchè il Govermo pervenga alla modifica del DM 70 ed annulli il debito della sanità).

(Presidenza del Vicepresidente Luca Morrone)

Interviene, per fatto personale, il consigliere DI NATALE Graziano (Io Resto in Calabria) (invita il consigliere De Caprio di farsi carico, responsabilmente, delle dichiarazioni fatte. Precisa che nell'intervista rilasciata ha detto di essere favorevole agli ospedali da campo, ma che gli stessi non possano rappresentare la soluzione definitiva, ma una soluzione tampone. Il Consiglio regionale ha competenza in ambito sanitario che è quella di indirizzo, ognuno si assumerà le responsabilità delle dichiarazioni e del proprio operato).

Interviene il consigliere GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) (ribadisce che il Consiglio è congedato dallo scorso 10 novembre e gli atti da approvare debbano essere indifferibili ed urgenti. Rammenta che il centrodestra nella scorsa legislatura ha garantito la maggioranza al governo Oliverio e che gli atti posti in discussione in prossimità del voto senza il supporto della minoranza non avrebbero potuto essere approvati. Annuncia l'abbandono dell'Aula della minoranza. Ove si volesse affrontare la problematica sull'emergenza sanitaria, annuncia la propria disponibilità, auspica la previsione una seduta aperta alla presenza del nuovo Commissario e del Direttore generale del Dipartimento salute).

(Presidenza del Presidente Giovanni Arruzzolo)

Interviene il consigliere SAINATO Raffaele (Forza Italia) (rivolge gli auguri al Presidente Arruzzolo per la sua elezione. Prende atto che dall'inizio della legislatura la minoranza ha abbandonato sistematicamente l'Aula, a dimostrazione della difficoltà di prendere posizioni che potrebbero mettere in evidenza le responsabilità del Governo. Sarebbe opportuno che chi è politicamente vicino interloquisse col Governo sull'emergenza sanitaria. Nel merito della discussione sugli ospedali da campo, ritiene essere una discussione superflua poichè sostiene che l'epidemia si affronti a casa. L'ospedale da campo dovrebbe essere a supporto delle strutture sanitarie per ovviare a ciò che non è stato fatto. Si porti una proposta concreta, dichiara, e si dica al Governo che l'amministrazione commissariale è stata un'amministrazione scellerata. La Calabria non è soltanto 'ndrangheta, c'è anche un problema di conti. Oggi non serve spostare l'asse per evitare che si affrontino gli argomenti all'ordine del giorno, oggi servono risposte perchè è quello che chiedono i cittadini, prosegue, ci sarà un tempo anche per la campagna elettorale, conclude).

Interviene il consigliere IRTO Nicola (Partito Democratico) (formula i migliori auguri di buon lavoro al Presidente. I Calabresi hanno la percezione di una Giunta in quarantena che con Riparti Calabria 1 e Riparti Calabria 2 ha registrato un vero fallimento in ordine alla concretezza nell'affrontare i problemi determinati dalla pandemia e nel dare ristoro alle attività chiuse. Si chiedono risposte al Governo... chiede a De Caprio quale sia il ruolo dei consiglieri e se anche in questo caso siano "di passaggio". L'assestamento di oggi poteva correggere alcune lacune che, di fatto, esistono e che hanno negato il sostegno sperato ai calabresi. Le risorse ci sono, serve la capacità di usarle proficuamente. Sull'indifferibilità dei provvedimenti bisogna intendersi, dichiara, nella scorsa legislatura si fece un programma e si stabilì all'unanimità cosa doveva essere posto in trattazione, invita il presidente Arruzzolo a seguire quell'esempio. La minoranza non darà il proprio apporto a provvedimenti con finalità elettoralistiche. Sulla data delle elezioni precisa che la minoranza non ha notizia. Il coinvolgimento della minoranza, prosegue, deve riguardare anche i provvedimenti all'ordine del giorno delle Commissioni, per evitare l'approvazione di atti che minino alla credibilità delle istituzioni. Il PD, continua, ha chiesto che i punti all'ordine del giorno siano rinviati per un maggiore approfondimento, in caso contrario, la minoranza abbandonerà l'Aula. I Calabresi chiedono serietà, concretezza e credibilità, conclude)

Interviene il Presidente precisa che l'inserimento dei punti all'ordine del giorno è stato approvato all'unanimità dalla Conferenza dei Presidenti dei Gruppi consiliari

Interviene il consigliere NERI Giuseppe (Fratelli d Italia) (si rivolge polemicamente al consigliere Irto, ritiene superfluo il suo intervento in ordine a cosa sia legittimo fare. In riscontro alla rischiesta dei consiglieri Di Natale e Guccione ritiene che quanto esitato dalla Corte Costituzionale vada contestualizzato e gli atti indifferibili ed urgenti debbano essere connaturati all'Organo cui si riferiscono. I rendiconti sono propedeutici alla crezione del bilancio consolidato ed a mettere l'Ente in regola, pertanto atti indifferibili e urgenti).

Interviene, per fatto personale, il consigliere IRTO Nicola (Partito Democratico) (le precisazioni fatte dal consigliere Neri sono inutili, e le scuse non richieste sono una palese ammissione di colpa. Richiama l'attenzione del consigliere Neri sulla circostanza che, nella legislatura precedente, quando lo stesso sedeva tra i gruppi della maggioranza, il metodo utilizzato era stato dallo stesso condiviso).

Interviene il consigliere DE CAPRIO Antonio (Forza Italia) (parafrasando quanto prcedentemente detto dal consigliere Irto, precisa che serietà, concretezza e credibilità dovrebbero portare a sapere che la sanità non rientra tra le competenze del Consiglio).

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Casa delle libertà) (Guccione ha chiesto un maggiore approfondimento, non ha detto che trattasi di provvedimenti non rientranti tra quelli urgenti ed indifferibili, dunque approvabili, considerato, pertanto, che che in sede di Conferenza dei Presidenti dei Gruppi consiliari sono stati condivisi all'unanimità, si può procedere alla loro approvazione, dichiara. Riprende il concetto di indifferibilità e urgenza, richiama e porta ad esempio alcuni provvediemnti approvati nella precedente legislatura. Il dibattito si è spostato sulle necessità dei Calabresi, continua, sembrerebbe strumentale la richiesta di soluzione di problematiche per come prospettate dal consigliere Anastasi come se fosse tutto di facile soluzione. Purtroppo il Consiglio non può essere determinante in materia di sanità, la cronaca di questi giorni induce a pensare che una soluzione definitiva non voglia essere individuata da parte del Governo tantonche Miozzo sembrerebbe non essere stato incaricato della gestione commissariale perchè lo stesso ha chiesto, quale condicio sine qua non, l'azzeramento del debito. Il nuovo Commissario ha poteri assoluti in ambito sanitario, tutti quelli previsti dal famigerato Decreto Calabria. Gli ospedali di campo sono necessari e solo dopo l'epidemia si potrà discutere e metterli in discussione. La Giunta non è stata inoperosa anche in assenza del commmissario ha fatto quanto nelle proprie possibilità. Sui ristori si può eccepire, forse, la tempistica, ma non la ratio dell'intervento. Necessario stemperare gli animi, l'antipolitica è cambiata, l'emergenza ha modificato i parametri e la percezione dei comportamenti. Possibili le convergenze tra maggioranza ed opposizione, importante chiarire i passaggi di quello si dovrà fare da ora e fino alle elezioni, conclude)

Interviene il consigliere CRINO´ Giacomo Pietro (Casa delle libertà) (richiamo ad un obbligo di verità e di buona memoria, dichiara. Con riferimento alle valutazioni di carattere giuridico, rammenta che il 20 novembre 2019 il consigliere Irto, allora Presidente del Consiglio, dava atto di essere entrati in regime di prorogatio e venivano approvati una sfilza di rendiconti analoghi agli attuali e nomine importanti).

Il Presidente pone ai voti la proposta

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il quarto punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.78/11^ di iniziativa della Giunta regionale recante: ' Rendiconto esercizio 2019 dell'Agenzia per la Protezione dell'Ambiente della Calabria (ARPACAL) '  

Interviene il consigliere NERI Giuseppe (Fratelli d Italia) che relaziona sul punto

Il Presidente pone ai voti la proposta

Il Consiglio approva.

Il Presidente pone ai voti la proposta

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il sesto punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.82/11^ di iniziativa della Giunta regionale recante: ' Rendiconto esercizio 2019 dell'Azienda Territoriale Edilizia Residenziale Pubblica Regionale (ATERP Calabria) '  

Interviene il consigliere PARIS Nicola (Unione di Centro) che illustra il punto

Il Presidente pone ai voti la proposta

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il settimo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.83/11^ di iniziativa della Giunta regionale recante: ' Rendiconto esercizio 2019 dell'Istituto regionale per la comunità Arbereshe di Calabria '  

Il consigliere NERI Giuseppe (Fratelli d Italia) svolge un'unica relazione per il presente punto e per i due successivi in considerazione dell'omogenietà di contenuto.

Il Presidente pone ai voti la proposta

Il Consiglio approva.

Il Presidente, esaurito l'ordine del giorno, dichiara chiusa la seduta.

La seduta è tolta.