CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA
Seduta n. 48 del 01/02/2018 - Diretta testuale e streaming



DIRETTA DALL'AULA - 48^ SEDUTA

di giovedì 1 febbraio 2018

Presidenza del Presidente Nicola IRTO

 

Il Presidente dà avvio ai lavori con la lettura e l'approvazione del verbale della seduta precedente

Comunicazioni all'Aula

Interviene l'Assessore alle Infrastrutture, prof. Roberto Musmanno (relaziona sulla proposta che interviene sull'organizzazione di ArtCal, ne illustra lo stato dell'arte e gli elementi di oggettiva difficoltà che hanno messo a rischio il suo funzionamento e che, con la proposta indiscussione, si intendono superare. Non ritiene che ArtCal rappresenti un "carrozzone" e, considerarla tale, dichiara, è frutto di pregiudizi. Illustra in maniera dettagliata i costi di gestione).

Interviene il consigliere ORSOMARSO Fausto (Misto) (fa una breve digressione per mettere in risalto alcune emergenze in ambito sanitario. Nel merito del punto in discussione... tutto, dichiara, può trasformarsi in "carrozzone", ma non può negarsi la necessità di pervenire all'approvazione della norma. Reputa importante supportare il lavoro avviato, annuncia voto a favore)

Il Presidente pone ai voti gli articoli:
Interviene il consigliere GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) per dichiarazione di voto (c'è un tentativo maldestro di costruire nuovi "carrozzoni", dichiara, ed è supportato dalle stesse ragioni che hanno dato vita in passato ad una miriade di altri carozzoni. Sulla necessità di effettuare i controlli sui percorsi degli autobus è stato messo in campo un sistema che ha dilapidato ingenti risorse. Ritiene siano stati traditi i presupposti della norma col rischio di avvio di un "assumificio". Non credo, dichiara, all'impossibilità di far funzionare la struttura in assenza di assunzione di personale. Dà lettura del parere negativo esitato dal Dipartimeno Bilancio. Annuncia voto contrario).

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico) per dichiarazione di voto (critica la posizione assunta dal consigliere Guccione. Ritiene doveroso difendere il provvedimento. La proposta nasce all'insegna dell'economicità ed efficienza del sistema trasporti, dichiara. Il funzionamento di ArtCal è stato messo a rischio dalla carenza di personale e la proposta deve essere accolta per raggiungere l'obiettivo che la legge si prefigge).

Interviene l'Assessore Roberto Musmanno (puntualizza come i rilievi del Dipartimento Bilancio siano stati determinati da questioni non attinenti alla norma in discussione e come la relazione sulla proposta abbia riscontrato il parere favorevole da parte della dott.ssa Buonaiuto, dirigente del Dipartimento Bilancio, presente in aula commissione. Diversi, dichiara, sono stati i tentativi per reperire personale interno, tre le manifestazioni di interesse andate parzialmente deserte. La Giunta regionale si è adoperata anche attraverso l'approvazione di una deliberazione che consentisse ai dipendenti di espletare le proprie funzioni in ambito ArtCal anche in assenza del nulla osta da parte del dirigente, ma ciò, evidentemente non ha sortito gli effetti sperati. Ritiene inaccettabili ed ingiustificate le illazioni sulle spese sostenute e sulle azioni messe in campo poichè, dichiara, tutte effettuate nel rispetto della legge ed i risultati assolutamente riscontrabili).

Interviene il consigliere ORSOMARSO Fausto (Misto) per dichiarazione di voto (conferma il voto a favore ad una norma che ritiene convincente. Ribadisce la necessità di dare risposte ai calabresi e ritiene assolutamente ingiustificabile ed incoerente il comportamento della maggioranza)

Interviene il consigliere GIUDICEANDREA Giuseppe (Democratici Progressisti) per dichiarazione di voto (encomiabile l'attività dell'assessore Musmanno. Non si può essere orgogliosi, come maggioranza, del "teatrino" messo in campo. Contesta la posizione assunta dal consigliere Guccione. Annuncia voto a favore).

Interviene il consigliere BOVA Arturo (Democratici Progressisti) per dichiarazione di voto (annuncia voto a favore. Stigmatizza il comportamento della maggioranza. Non ritiene dignitoso che, per problematiche interne ad un partito della maggioranza, venga tradito il consenso accordato dai cittadini. Si sta mettendo in discussione una proposta di cui, invece, dichiara, bisognerebbe essere orgogliosi).

art. 1 approvato
emendamento (prot.5152) all'art.2 (illustra il consigliere GIUDICEANDREA) accolto
art. 2, per come emendato, approvato
emendamento (prot.5153) all'art.3 (illustra il consigliere GIUDICEANDREA) accolto
art. 3, per come emendato, approvato
art. 4 approvato
art. 5 approvato
art. 6 approvato
art. 7 approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso, per come emendata.

Interviene il consigliere GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) per dichiarazione di voto (ribadisce il voto contrario sull'articolato e sulla proposta nel suo complesso. Il problema non riguarda la legge in discussione, dichiara, ma la gestione di ArtCal. Populismo, afferma, lo fa chi aveva garantito la gratuità della gestione. Il progetto satellitare non è stato fatto, è stata soltanto dotata la flotta dei satellitari che non funziona e l'assesssore Musmanno deve dire chiaramente quali interessi si stiano tutelando).

Interviene il consigliere GALLO Gianluca (Casa delle libertà) per dichiarazione di voto (annuncia il voto di astensione. Le perplessità espresse dal consigliere Guccione relativamente al parere esitato dal Dipartimento bilancio suggeriscono prudenza. La maggioranza è spaccata, ma prescindendo dal ruolo della minoranza, nell'interesse dei calabresi, spera che, l'obbligata pausa per l'approssimarsi delle elezioni politiche, possa portare a comportamenti costruttivi).

Interviene il Presidente della Giunta regionale, Mario OLIVERIO (una riflessione è necessari, afferma, per evitare mistificazioni ed evitare che problemi diversi possano distogliere dal merito della discussione. Opportuno affrontare il problema del funzionamento di ArtCal. La sfida era acquisire competenze di alto livello a costo zero, ma non è stato possibile. la proposta in discussione precede che il presidente abbia una indennità pari ai due terzi di quella dell'assessore ed essere coadiuvato da non più di sei membri, nessun carrozzone, dunque, dichiara. L'amministrazione regionale è impegnata sulla linea dello smantellamento dei carrozzoni - Calabria Etica. Calabresi nel mondo ne rappresentano un esempi tangibile. Il controllo satelliare è necessario per controllare e mettere a regime il settore. Quando si fa riferimento ad interessi oscuri, dichiara, bisogna avere il coraggio di essere puntuali e denunciare i fatti. Tre milioni di euro per gli apparecchi di bordo erano stati finanziati dalla giunta precedente che bene ha fatto, afferma, oggi era necessario metterli in funzione. La convenzione con l'Università della Calabria è di 270 mila euro, ma ad oggi, nulla è stato liquidato. E' grave, dichiara, sollevare polveroni e le mistificazioni rappresentano il viatico del sospetto, e non concepibile la mistificazione nell'attività politica. Il lavoro fatto è finalizzato a garantire il miglior servizio possibile. Rinnova il ringraziamento al prof. Musmanno per la grande e riconosciuta competenza e non sono ammissibili insinuazioni di sorta sul suo operato, continua. Per ciò che attiene all'esistenza o meno della maggioranza, esistono, puntualizza, gli strumenti per verificarlo ed, in assenza delle condizioni di governabilita, ridare la parola ai calabresi. In realtà conclude, nonostante lo scredito che si vuole gettare, si sta lavorando in silenzio e con fatica per invertire la tendenza. Ringrazia la maggioranza per l'apporto positivo dato)

Il Consiglio approva
(viene autorizzato il coordinamento formale)

Interviene il consigliere ORSOMARSO Fausto (Misto) (chiede l'inversione dei punti all'ordine del giorno, e l'inserimento in discussione, in via prioritaria, dell'Ordine del giorno sui lavoratori ex percettori di indennità di mobilità in deroga).

Interviene il consigliere ROMEO Sebastiano (Partito Democratico) (chiede che si prosegua con la trattazione delle proposte di legge così come stabilito dall'ordine del giorno; garantisce che si perverrà alla discussione degli altri punti in breve tempo).

Interviene il consigliere GALLO Gianluca (Casa delle libertà) sull'ordine dei lavori

Il Presidente inserisce il secondo punto all'ordine del giorno

Proposta di Legge n. 310/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: ' Norme in materia di artigianato. '  

Interviene il consigliere ROMEO Sebastiano (Partito Democratico) che illustra il provvedimento.

Interviene l'Assessore al Sistema della logistica, sistema portuale regionale e "sistema Gioia Tauro", prof. Francesco Russo (la proposta consente di avere un testo unico sull'artigianato. Il ruolo che assolve l'artigianato nella regione, dichiara, è assolutamente rilevante ed è certamente uno dei settori portanti della nostra economia, 140 mila iscritti nelle associazioni del settore ne sono la testimonianza. Lo strumento di maggiore enfasi oltre all'artigianato produttivo è l'artigianato tradizionale ed artistico. Trattasi, quella degli artigiani, di una categoria, purtroppo, spesso trascurata ma è quella cui nella vita vera ci si rivolge giornalmente. Cita la figura di San Giuseppe artigiano e, con i dovuti distinguo, quella di Supermario che la civiltà più tenologica erge come figura simbolo .. Cita, inoltre, la realta artigianale di Canolo e la visibilità mondiale che la stessa si è conquistata).

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico) (annuncia il voto a favore suo del gruppo PD. Una legge importante, dichiara, per un settore cardine. Ritiene esiguo il finanziamento che va impinguato per poter far fronte alle esigenze reali del settore)

Interviene il consigliere GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) (ritiene la legge importantissima e che va ad incidere su un settore nevralgico della regione. Giusto l'impianto ed impeccabile l'iter seguito attraverso la programmazione di una serie ddi audizioni. Le disponibilità di bilancio future dovrebbero essere messe a disposizione del settore poichè non è stata, ancora, agganciata la ripresa economica. Ringrazia l'assessore Russo per il lavoro fatto unitamente ai soggetti sindacali ed a tutti i rappresentanti di categoria).

Il Presidente pone ai voti gli articoli della proposta di legge 310/10^:

Interviene il consigliere ORSOMARSO Fausto (Misto) per dichiarazione di voto (annuncia voto di astensione suo e del consigliere Gallo poichè la discussione sulla proposta avrebbe dovuto essere più ampiamente discussa).

art. 1 approvato
art. 2 approvato
art. 3 approvato
art. 4 approvato
art. 5 approvato
art. 6 approvato
art. 7 approvato
art. 8 approvato
art. 9 approvato
art. 10 approvato
art. 11 approvato
art. 12 approvato
art. 13 approvato
art. 14 approvato
art. 15 approvato
art. 16 approvato
art. 17 approvato
art. 18 approvato
art. 19 approvato
art. 20 approvato
art. 21 approvato
art. 22 approvato
art. 23 approvato
art. 24 approvato
art. 25 approvato
art. 26 approvato
art. 27 approvato
art. 28 approvato
art. 29 approvato

Interviene l'assessore Francesco Russo

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso con autorizzazione al coordinamento formale

Il Consiglio approva

Il Presidente pone ai voti gli articoli della proposta di legge 316/10:

art. 1 approvato
art. 2 approvato
art. 3 approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso con autorizzazione al coordinamento formale

Il Consiglio approva

Interviene il consigliere ROMEO Sebastiano (Partito Democratico) (chiede l'inserimento all'ordine del giorno della PL n. 312 " Norme per la tutela dei diritti dei consumatori e degli utenti. ")

Il Presidente pone ai voti l'inserimento.

Il Consiglio approva

Interviene il consigliere NERI Giuseppe (Democratici Progressisti) che illustra il PPA 207/10

Il Presidente pone ai voti il provvedimento

Il Consiglio approva

Il Presidente inserisce il quinto punto all'ordine del giorno

Mozione n.110/10^ di iniziativa del Consigliere A. BOVA recante: "In merito al completamento della nuova trasversale delle Serre"

Interviene il consigliere BOVA Arturo (Democratici Progressisti) che illustra la Mozione

Interviene l'assessore alle Infrastrutture, prof. Roberto Musmanno

Il Presidente pone ai voti la Mozione

Il Consiglio approva

(Presidenza del Segretario Questore Neri)

Interviene il consigliere GALLO Gianluca (Casa delle libertà)

Interviene il consigliere ORSOMARSO Fausto (Misto) (non ci si ouò permettere la creazione di nuovo precariato, dichiara, ed è necessario costruire il lavoro vero. Il problema è un problema nazionale e se le risorse sono state individuate per affrontare il problema migrazione altrettanta attenzione bisognerebbe riservare ai cittadini italiani. Affida al presidente Oliverio, al quale riconosce grande sensibilità per la categoria dei lavoratori, ogni iniziativa utile, anche attraverso un confronto col Governo, per la soluzione definitiva del problema).

Interviene il consigliere GRECO Orlandino (Oliverio Presidente) (condivide il portato dell'Ordine del Giorno. Ricorda una serie di iniziative da lui assunte direttamente ed indirettamente, riconoscendo l'importanza dell'apporto dato dai lavoratori ai comuni. Bisogna dimostrare di essere calabresi per i calabresi, ma vi è la necessità di trattare la Calabria con la giusta attenzione da parte dell'amministrazione regionale e da parte del Governo, dando ai lavoratori ed ai comuni il giusto supporto. Indica una serie di atti propedeutici e finalizzati alla soluzione del problema: l'individuazione delle somme necessarie, nel bilancio regionale; il completamento della banca dati; l'aumento delle spettanze ad 800 euro; la rendicontazione dei percettori in deroga).

Interviene il Presidente della Giunta regionale, Mario OLIVERIO (ringrazia i firmatari dell'O.d. G per aver posto problemi di rilevante importanza che sono anche oggetto di una serie di iniziative da parte della Giunta regionale. Il problema del lavoro, dichiara, va messo al centro dell'attenzione dell'attività amministrativa attraverso una serie di interventi volti a sostenere l'impresa ed a spostare le risorse dai sistemi assistenziali a quelli produttivie, dichiara, segni di una inversione di tendenza, seppur timidi, sono stati registrati. Bisogna porre attenzione al quadro sociale in profonda sofferenza, assumere provvedimenti che attenuino la sofferenze e contrastino la disoccupazione e la povertà. Dall'incontro con i sindacati è scaturita la proposta di pervenire alla pubblicazione di un nuovo bando per i percettori di mobilità e la previsione di nuovi tirocini. Bisogna rilevare, però, dichiara che per i tirocini avviati, per i quali era stata prevista l'erogazione mensile di 800 euro, è stata riscontrata qualche difficoltà. La linea definita nell'incontro della giornata di ieri è quella di attivare bandi per un anno, consentendo la partecipazione anche a coloro i quali hanno partecipato precedentemente ad esclusione di coloro i quali hanno contratti in essere relativi a giustizia, scuola e ministero del beni culturale, ma solo perchè sono già partiti i progetti. Si è stabilito di allineare i nuovi tirocini a quelli della giustizia, scuola beni culturali e Garanzia Giovani per evitare disparità di trattamento. Il problema sono sempre le risorse, continua, ma si è preferito coprire un anno e non sei mesi. Un nuovo bando, prosegue, è volto alle imprese attraverso un bonus annuo per l'incentivazione delle assunzioni. Nell'incontro si è definito un programma per procedere alla fase esecutiva della pubblicazione dei bandi. Il percorso deve essere chiaro ed ilministero ha preteso l'istituzione della banca dati fino ad oggi inesistente e sono stati inventariate 200 mila posizioni. E' necessario spingere per la creazione dei posti di lavoro e l'uscita da precariato attraverso la creazione dei presupposti per la stabilizzazione così come avvenuto per i lavoratori LSU ed LPU per i quali è stata avviata la contrattazione a 26 ore per 36 mesi. Anche i comuni in dissesto, attraverso un'interlocuzione con la commissione del ministero dell'Interno, hanno avuto la possibilità di pervenire alla stabilizzazione. Tutto ciò, conclude, non può prescindere dalla predisposizione di una legge per incentivare la stabilizzazione attraverso l'individuazione di un percorso di inclusività )

Il Presidente pone ai voti l'ordine del giorno

Il Consiglio approva

Interviene il Presidente Oliverio che chiede inversione dei punti all'ordine del giorno.

Il Consiglio approva

(Presidenza del Presidente IRTO)

Il Presidente inserisce il punto all'ordine del giorno:

PL n. 312 " Norme per la tutela dei diritti dei consumatori e degli utenti. "

Il consigliere ROMEO Sebastiano (Partito Democratico) illustra la proposta

Interviene l'Assessore al Sistema della logistica, sistema portuale regionale e "sistema Gioia Tauro", prof. Francesco Russo (ritiene la legge importante ed utile e va a colmare un vuoto normativo, grande, soprattutto l'attesa degli operatore del settore)

Il Presidente pone ai voti gli articoli:

art. 1 approvato
art. 2 approvato
emendamento (prot.5713) all'art.3 accolto
art. 3, per come emendato, approvato
emendamento (prot.5716) all'art.4 accolto
art. 4, per come emendato, approvato
art. 5 approvato
emendamento (prot.5718) all'art.6 accolto
art. 6, per come emendato, approvato
art. 7 approvato
art. 8 approvato
art. 9 approvato
art. 10 approvato
art. 11 approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso per come emendata

Il Consiglio approva
(con autorizzazione al coordinamento formale)

Interviene il consigliere ARRUZZOLO Giovanni (Nuovo Centro Destra) (chiede l'inversione dei punti all'ordine del giorno)

Il Presidente pone ai voti al proposta di inversione.

Il Consiglio approva

Il Presidente pone ai voti la Mozione

Il Consiglio approva

Il Presidente inserisce il punto all'ordine del giorno

Ordine del giorno a firma del Consigliere Sergio 'Sull'adozione del sistema di monitoraggio flash (Flash Glucose Monitor), nel trattamento della malattia diabetica e le prospettive di utilizzo del presidio in fascia pediatrica';

Interviene il consigliere SERGIO Franco (Oliverio Presidente) che illustra l'OdG

Interviene il consigliere GIUDICEANDREA Giuseppe (Democratici Progressisti)

Il Presidente pone ai voti l'Odg

Il Consiglio approva

Il Presidente inserisce il punto all'ordine del giorno

Mozione n.109/10^ di iniziativa del Consigliere G. GALLO recante: "Sul riconoscimento del diploma in tecnico dei Servizi Sociali quale qualifica in operatore socio sanitario"

Interviene il consigliere GALLO Gianluca (Casa delle libertà) che illustra l'OdG

Il Presidente pone ai voti la proposta

Il Consiglio approva

Il Presidente inserisce il punto all'ordine del giorno

Ordine del giorno a firma del Consigliere Gallo 'Sul mancato riconoscimento della tredicesima mensilità e di altre somme nel computo dell'incentivo all'esodo regionale in favore dei lavoratori aderenti al Piano di incentivazione all'esodo dell'ARSSA';

Interviene il consigliere GALLO Gianluca (Casa delle libertà)

Il Presidente pone ai voti la proposta

Il Consiglio approva

Il Presidente, esaurito l'ordine del giorno, dichiara chiusa la seduta.

La seduta è tolta