CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA
Seduta n. 11 del 10/11/2020 - Diretta testuale e streaming



DIRETTA DALL'AULA - 11^ SEDUTA

di martedì 10 novembre 2020

Presidenza del Presidente Domenico TALLINI

  

Il Presidente dà avvio ai lavori con la lettura e l'approvazione dei verbali delle due sedute precedenti.

Comunicazioni all'Aula.

Interviene il Presidente TALLINI Domenico (Forza Italia) dà lettura di una lettera fatta pervenire al Consiglio da parte del consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico) (esprime rammarico per non poter essere presente alla seduta odierna, dato che si è reso necessario prolungare il periodo di riposo a seguito del Covid. A tal proposito, ricorda, il Covid non è affatto uno scherzo e nessuno può prevederne gli effetti sull'organismo che ne viene colpito. Raccomanda un serio approccio nella gestione dell'epidemia).

Il consigliere NERI Giuseppe (Fratelli d Italia) chiede l'inserimento della Proposta di Provvedimento Amministrativo " Convalida del Consigliere regionale Antonio Andrea Billari ai sensi degli articoli 18 e 19 del Regolamento interno del Consiglio regionale ".

Il Presidente mette ai voti l'inserimento all'ordine del giorno. Il Consiglio approva.

Il consigliere MANCUSO Filippo (Lega Salvini) chiede l'inserimento all'ordine del giorno il bilancio di previsione 2020-2022 del Consiglio Regionale della Calabria.

Il Presidente pone ai voti l'inserimento all'ordine del giorno. Il Consiglio approva.

Interviene il consigliere PITARO Francesco (Misto) (ricorda all'Aula che il Consiglio è in regime di prorogatio e pertanto devono essere posti in discussione provvedimenti urgenti ed indifferibili per evitare la cosiddetta capitatio benevolentiae. Gli atti inseriti all'ordine del giorno, a parte il provvedimento sulla preferenza di genere, non possono essere messi in discussione. Il Consiglio con 21 punti all'ordine del giorno è finalizzato a fare campagna elettorale. Annuncia la partecipazione ai lavori solo per l'approvazione della proposta sulla preferenza di genere, annuncia voto contrario al punto sull'intitolazione della Cittadella in quanto contrario alla legge).

Interviene il consigliere TASSONE Luigi (Partito Democratico) (comunica che garantirà la presenza solo per l'approvazione delle proposta di legge sulla preferenza di genere, approvata la quale, ritiene necessario prendere atto della morte della presidente Santelli ed evitare l'approvazione di altri provvedimenti. Annuncia l'abbandono dell'Aula sua del gruppo subito dopo l'approvazione della legge sulla doppia preferenza).

Interviene il Presidente TALLINI Domenico (Forza Italia) (rammenta che in sede di conferenza dei Capigruppo si era deciso sulla predisposizione di un ordine del giorno che, fino alla data della presa d'atto, poteva essere integrato con i provvedimenti in itinere. Il presupposti, di cui all'intervento Pitaro, ritiene siano applicabili a fine legislatura ordinaria, non nella circostanza che si sta vivendo. Ritiene che i provvedimenti in discussione non contengano connotati elettoralistici, ma sono tesi a dare risposte alla Calabria).

Interviene il consigliere PITARO Francesco (Misto) (tiene a precisare che ogni suo intervento è stato caratterizzato dalla rivendicazione del rispetto delle regole e che la norma, precedentemente dallo stesso richiamata, prevede che l'evento interruttivo determina il regime di prorogatio)

Interviene il Presidente Tallini

Interviene il consigliere NERI Giuseppe (Fratelli d Italia) (richiama l'intervento di Pitaro, ritiene che non si incorra nella condizione evidenziata dallo stesso, in quanto, ancora non esiste un documento formale sulla presa d'atto della morte della presidente Santelli)

Interviene il consigliere DI NATALE Graziano (Io Resto in Calabria) (in un momento particolare della legislatura e della vita del Paese si sarebbe aspettato un maggior senso di responsabilità. I lavori sono iniziati con cinque ore di ritardo, dichiara, il Consiglio ha il dovere di porre attenzione prioritariamente ai bisogni dei cittadini ed all'emergenza. Provvedimento sulla preferenza di genere a parte, nessuno dei punti posti all'ordine del giorno dell'odierna seduta riveste il connotato dell'indifferibilità ed urgenza. Non esiste, invece, alcun atto che riguardi l'emergenza e l'apertura delle terapie intensive. Ritiene che la competenza del Consiglio, d'ora in poi, debba riguardare la gestione dell'emergenza e degli atti indifferibili).

Interviene il Presidente Tallini (tiene a precisare che il ritardo è imputabile al lavoro che viene effettuato fuori dall'Aula).

Interviene il consigliere MANCUSO Filippo (Lega Salvini) (ritiene l'accusa sull'inserimento illegittimo dei provvedimenti all'ordine del giorno ingiusta, considerato che i provvedimenti hanno seguito l'iter ordinario. Dà lettura delle date di presentazione dei provvedimenti).

Interviene il consigliere IRTO Nicola (Partito Democratico) (chiede che senso abbia indicare le date, rammenta che il primo provvedimento della legislatura porta la sua firma e se il criterio da seguire fosse stato quello cronologico quel provvedimento avrebbe già dovuto essere evaso. Comunica che il PD voterà solo il provvedimento sulla preferenza preferenza di genere. La presa d'atto della morte della presidente Santelli, in ottemperanza alla normativa vigente, avrebbe dovuto essere inserita al primo punto all'ordine del giorno)

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Casa delle libertà) (ritiene che la posizione espressa dal consigliere Irto vada rispettata. La prima proposta di legge presentata è quella a sua firma, ma tiene a precisare che è stata posta in discussione in prima Commissione e che è stata accantonata per consentire il recepimento dei rilievi del legislativo)

Interviene il consigliere NERI Giuseppe (Fratelli d Italia) (in contrapposizione a quanto asserito dal consigliere Irto, ritiene che, in punta di diritto, la trattazione dei provvedimenti indifferibili ed urgenti èsubordinata all'approvazione di un atto formale di presa d'atto della morte della Presidente Santelli)

Interviene il consigliere GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) (considera quello che si sta tenendo un comportamento per nulla gratificante. Ritiene non si possa arrivare ad una seduta con un ordine del giorno non condiviso, sembrerebbe un assalto alla diligenza e considera l'inserimento all'ultimo punto all'ordine del giorno della morte della Presidente strumentale. L'inserimento all'ordine del giorno dei provvedimenti prevederebbe la maggioranza dei due terzi. Chiede venga posta ai voti la proposta sulla preferenza di genere, si prenda atto della morte della presidente Santelli e si chiuda la seduta. Dei provvedimenti all'ordine del giorno, conclude, sola la legge sulla doppia preferenza è indifferibile e urgente)

Interviene il Presidente Tallini (ribadisce che in sede di Conferenza dei capigruppo aveva garantito che si sarebbe assunto la responsabilità sulla composizione dell'ordine del giorno. La fine legistatura precedente ha visto l'inserimento di provvedimenti non a sfondo elettoralistico, ma, addiritura, ad personam. Il momento è eccezionale, dichiara, abbiamo il dovere di agire; la minoranza, nel merito dei provvedimenti, potrà evidenziare se gli stessi abbiano caratteristiche elettoralistiche).

Interviene il consigliere Guccione (chiede che senso abbia l'inserimento della proposta abrogativa delle primarie)

Interviene il Presidente (la proposta di abrogazione era finalizzata ad evitare impedimenti e lungaggini e pervenire all'indizione delle elezioni regionali il prima possibile. Il Consiglio dei Ministri ha stabilito che le elezioni possono essere previste a partire dal 10 febbraio, i consiglieri di maggioranza hanno firmato una richiesta, all'indirizzo del presidente Spirlì, con la quale si chiede di indire le elezioni per il 14 febbraio 2021)

Interviene il consigliere IRTO Nicola (Partito Democratico) (rammenta che l'ordine del giorno della scorsa legislativa veniva sempre concordato ed approvato all'unanimità. Rammenta, inoltre, che la decisione della data spetta alla presidenza della Giunta di concerto con la presidenza del Consiglio e della Corte d'Appello e che la minoranza non può che adeguarsi)

Interviene il consigliere AIETA Giuseppe (Democratici Progressisti - Calabria) (invita il Presidente ad essere imparziale nella gestione dell'Aula e a non parlare a nome della maggioranza. La potestà legislativa del Consiglio deve limitarsi all'emergenza pandemica. Oggi, dichiara, invece dell'inseriremento di provvedimenti all'ordine del giorno che si sono succeduti fino alla mezzanotte di ieri, sarebbe stato opportuno l'inserimento dell'ordinanza di riconversione di degenza ordinaria. In linea col partito democratico, precisa che il suo gruppo voterà la preferenza di genere ed abbandonerà l'Aula)

Interviene il Presidente Tallini (replica ad Aieta e precisa che il Consiglio ha dedicato una seduta ad hoc all'emergenza Covid e che l'Aula sarà sempre pronta ad affrontare, su richiesta di ogni consigliere, la problematica. La vergogna dovrebbe essere di chi ha nominato a capo della sanità persone incapaci, dichiara)

Interviene il consigliere GRAZIANO Giuseppe (Unione di Centro) (secondo quanto deciso dal Governo e, dunque dal partito PD e LEU in cui si riconosce la minoranza, la Calabria è bloccata e l'obiettivo è quello di rinviare le elezioni. Il Governo vorrebbe rinviare le elezioni, chiede se si voglia dare ai Calabresi risposte o, piuttosto, rimanere inerti fino alla data delle elezioni. I provvedimenti all'ordine del giorno, a dispetto di quanto fatto in passato da altri, non hanno assolutamente caratteristiche elettoralistiche, dichiara. Sarebbe opportuno proseguire con la discussione dei punti, trattandosi di provvediemnti che la Calabria asspetta).

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Casa delle libertà) (è giusto rammentare quanto avvenuto a fine legislatura, quando l'opposizione ha sostenuto una maggioranza inesistente per l'approvazione di provvedimenti importanti. Oggi la maggioranza c'è e intende proseguire per dare risposte. Il Governo, al contrario, annaspa sulla nomina del Commissario alla sanità, sanità che è stata occupata manu militare. La Presidenza ha tentato, democraticamente, il coinvolgimento della minoranza per l'indicazione di una data per le elezioni. Rimanda al mittente le accuse di incapacità di gestire la sanità, ritiene si debba andare al voto subito e la richiesta al presidente Spirlì va nel senso di mettere in atto tutte le azioni finalizzate all'indizione delle votazioni per il 14 febbraio 2021. In realtà, il PD ci porterà al voto non prima del maggio 2021)

Interviene il consigliere GIANNETTA Domenico (Forza Italia) (comprende il tentativo di ritornare sul punto emergenza. Rammenta che il Governo, nel tentativo di superare il problema sorto con le dimissioni di Cotticelli ha creato maggiore imbarazzo con la nomina di Zuccatelli. Ma è di tutta evidenza, dichiara, come ogni tentativo fatto dalla minoranza di addossare colpe alla maggioranza gli si ritorca contro)

Interviene il consigliere AIETA Giuseppe (Democratici Progressisti - Calabria) (ritiene che sarebbe opportuno votare innanzitutto la convalida del consigliere Billari).

Il Presidente pone ai voti l'ordine del giorno proposto dal consigliere Neri:

Proposta di Povvedimento Amministrativo n. 77 recante: " Convalida del Consigliere regionale Antonio Andrea Billari ai sensi degli articoli 18 e 19 del Regolamento interno del Consiglio regionale "

Il Consiglio approva.

Il Presidente Tallini richiama il primo punto all'ordine del giorno

Interviene il consigliere IRTO Nicola (Partito Democratico) (si complimenta per la condivisione del progetto di legge: con grande ritardo storico, ma si arriva con una proposta condivisa. Ringrazia il dibattito esterno che ha fortemente contribuito e stimolato quanto oggi si sta verificando. Bisogna agire per consentire la rappresentanza di genere in ogni ambito).

Interviene il consigliere SAINATO Raffaele (Forza Italia) (ringrazia la consigliera Sculco, e ricorda che la proposta in discussione è stata sollecitata fortemente dalla presidente Santelli).

Interviene il consigliere SCULCO Flora (Democratici Progressisti - Calabria) (esprime grande emozione per la scomparsa della presidente Santelli, ricorda le sue doti personali ed umane. Il tema che ha entusiasmato entrambe, dichiara, è quello della doppia preferenza, già presentata e non andata a buon fine nella legislatura precedente. Oggi si pone fine ad una lunga via crucis, è stato un cammino irto di ostacoli e resistenze, finalmente si giunge in Aula ed oggi si è in condizione di pervenire all'approvazione di un provvedimento che offre la possibilità ad una parte della società fino ad oggi esclusa. Bisogna riconoscere anche per le battaglie fatte nella precedente legislatura in favore della partecipazione di genere in ambiti precedentemente ad appannaggio principarmente maschile. Le donne hanno smesso di stare in disparte e deciso di fare parte della politica istituzionale di questa Regione).

Interviene il consigliere ANASTASI Marcello (Io Resto in Calabria) (ricorda la presidente Santelli, una delle tante donne che si sono impegnate in politica e che hanno sempre combattuto. Oggi si vive un momento storico, ringrazia coloro i quali si sono attivati per raggiungere questo obiettivo. E' un momento di riscatto per le donne calabresi, le donne continuano a manifestate la loro genialità e peculiarità per il bene di tutti. Esprime il favore per la proposta).

Interviene il consigliere MINASI Clotilde (Lega Salvini) (oggi, finalmente, si può gioire per il raggiungimento di un obiettivo per troppo tempo e da più parti tentato. La legge agevolerà l'accesso alle cariche elettive, senza che questo assuma le caratteristiche di una setta).

Interviene il consigliere PITARO Francesco (Misto) (la normativa calabrese si adegua alla normativa europea e nazionale. Chiaro che se si considera il grave ritardo con cui si è giunti, ci sarebbe poco da festeggiare. Trattasi di un atto dovuto, si volta pagina, ma non è sufficiente, si dovrebbe sopperire alla mancata attuazione dell'art. 37 sulla parità uomo/donna nell'ambito del lavoro).

Interviene il consigliere PIETROPAOLO Filippo Maria (Fratelli d Italia) (in una condizione normale, la legge non avrebbe avuto ragione di esistere per quello che le donne rappresentano. Rammenta di militare in un partito al cui vertice c'è una donna, Giorgia Meloni, ed anche in ambito regionale il vertice è occupato da una donna, Wanda Ferro, senza dover mensionare la presidente Santelli. L'auspicio è che le donne partecipino con passione alla vita politica della Regione, senza che siano funzionali all'elezione dei maschi).

Interviene il consigliere GIANNETTA Domenico (Forza Italia) (annuncia voto a favore. Il momento è storico, il percorso è stato tortuoso ed è finalizzato all'adeguamento alla normativa nazionale. L'auspicio è che non si debba ricorrere ad una norma per garantire l'uguaglianza. Il 2020 ha registrato la presidenza della Regione al femminile ed è arrivata dove i suoi predecessori non sono arrivati. I correttivi legislativi devono essere finalizzati al superamento di un gap culturale che vede le donne soccombere allo strapotere maschile che spesso è scaduto in violenza contro le stesse).

Interviene il consigliere PITARO Vito (Jole Santelli Prersidente) (il momento è solenne, dichiara. Manifesta la propria perplessità ad intervenire con un'argomentazione che si pone in difformità alla norma che, pertanto, potrebbe essere impopolare, ma per onestà mentale ritiene di dover manifestare seri dubbi su una legge che ritiene legge vergognosa e mortifica soprattutto le donne che fanno politica. Ritiene che, oggi, la compianta presidente Santelli avrebbe avuto seri dubbi sulla legge che si sta per approvare. La politica si fa per passione, le donne capaci, che hanno la passione per la politica, emergono a prescindere, senza essere mese a riparo da riserve, dichiara).

Interviene il consigliere MANCUSO Filippo (Lega Salvini) (ritiene che le donne rappresentino un valore aggiunto in ogni ambito. Il sistema elettorale rischia di rappresentare una mortificazione. Le preferenze multiple sono state eliminati per evitare le scalate elettorali, il rischio è che attraverso la parità di genere si prefiguri una forma di sfruttamento. Sarebbe stato opportuno evitare la doppia preferenza e l'abbinamento uomo/donna)

Il Presidente pone ai voti gli articoli della proposta di legge 55/11:

art. 1 - approvato all'unanimità
art. 2 - approvato all'unanimità
art. 3 - approvato all'unanimità
art. 4 - approvato all'unanimità
art. 5 - approvato all'unanimità
art. 6 - approvato all'unanimità

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso con autorizzazione coordinamento formale

Il Consiglio approva all'unanimità.

Il Presidente inserisce il secondo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.50/11^ di iniziativa della Giunta regionale recante: ' Piano di Azione e Coesione (PAC) 2007/2013. Approvazione del Piano Finanziario, del differimento del termine per la conclusione degli interventi e delle schede nuove operazioni '  

Il consigliere NERI Giuseppe (Fratelli d Italia) chiede di accorpare le PPA ai punti 2, 5 e 6 all'ordine del giorno per omogeneità di argomento.

Il Presidente mette ai voti la proposta. Il Consiglio approva.

Il consigliere Neri illustra i punti.

Il Presidente pone ai voti la PPA 50/11

Il Consiglio approva all'unanimità.

Il Presidente pone ai voti la PPA 51/11

Il Consiglio approva all'unanimità.

Il Presidente pone ai voti la PPA 54/11

Il Consiglio approva all'unanimità.

L'Assessore alle Politiche agricole e sviluppo agroalimentare, Politiche sociali e per la famiglia, avv. Gianluca Gallo chiede l'inserimento all'ordine del giorno di due proposte di provvedimento amministrativo relativi all'ARCEA, n. 76/XI e n. 71/XI.

Il Presidente mette ai voti l'inserimento. Il Consiglio approva.

Il consigliere MANCUSO Filippo (Lega Salvini) chiede l'inserimento di una proposta di legge sul "Riconoscimento della legittimità del debito fuori bilancio derivante da prestazione professionale, in assenza del preventivo impegno di spesa, ai sensi dell'articolo 73, comma 1, lett. e) del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, e successive modifiche" e di una proposta di provvedimento amministrativo recante "Approvazione del Bilancio Consolidato del Gruppo di Amministrazione Pubblica del Consiglio regionale della Calabria per l'esercizio 2019 - D.lgs. 23 giugno 2011, n. 118 e ss.mm.ii. "

Il Presidente pone ai voti le proposte, il Consiglio approva l'inserimento.

Interviene il consigliere MANCUSO Filippo (Lega Salvini)

Interviene il consigliere PIETROPAOLO Filippo Maria (Fratelli d Italia) (ritiene opportuno emendare la norma nel senso di prevedere la sospensione solo per le prossime elezioni regionali)

Interviene il Presidente (ritiene che l'emendamento debba anche prevedere che in futuro, chi volesse usufruire dell'istituto delle primarie debba farlo a proprie spese e non gravare sul bilancio regionale)

Interviene il consigliere MINASI Clotilde (Lega Salvini) (concorda con la proposta emendativa sia del consigliere Pietropaolo che dal Presidente)

Interviene il consigliere SAINATO Raffaele (Forza Italia) (chiede, rivolgendosi all'assessore al Bilancio, se la norma sia finanziata, in tal caso chiede che le risorse vengano destinate ad affrontare l'emergenza covid)

Interviene l'Assessore al Bilancio e Politiche del personale, dott. Francesco Talarico (precisa che la norma non è finanziata e che qualora si volessero prevedere le primarie dovrebbero essere individuate le risorse).

Interviene il Presidente Tallini che illustra l'emendamento relativo ai costi delle eventuali primarie

Il Presidente pone ai voti gli articoli:

emendamento
emendamento art.1, accolto
art.1, per come emendato, approvato
art.2, approvato
art.3, approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso per come emendata, con autorizzazione al coordinamento formale

Il Consiglio approva.

Interviene il consigliere PIETROPAOLO Filippo Maria (Fratelli d Italia) per chiedere una breve sospensione dei lavori. Il Consiglio approva.

La seduta è sospesa

Il Presidente pone ai voti la proposta

Il Consiglio approva.

Il Presidente pone ai voti la proposta

Il Consiglio approva.

Il Presidente pone ai voti gli articoli:

emendamento al titolo, intervengono il consigliere Mancuso e l'assessore Gallo, accolto
emendamento all'art.1, accolto
art.1, per come emendato, approvato
art.2, approvato
art.3, approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso per come emendata.

Il Consiglio approva con autorizzazione al coordinamento formale.

Il Presidente pone ai voti gli articoli:

art.1 - approvato
art.2 - approvato
art.3 - approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso con autorizzazione al coordinamento formale

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il decimo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n.56/11^ di iniziativa dei Consiglieri V. PITARO,L. TASSONE recante: ' Istituzione Consorzio Costa degli Dei '  

Interviene il Presidente Tallini

Il consigliere PITARO Vito (Jole Santelli Presidente) illustra il punto

Interviene il consigliere PIETROPAOLO Filippo Maria (Fratelli d Italia)

Il Presidente pone ai voti gli articoli:

art. 1 - approvato
art. 2 - approvato
art. 3 - approvato
art. 4 - approvato
art. 5 - approvato
art. 6 - approvato
art. 7 - approvato
art. 8 - approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso con autorizzazione al coordinamento formale

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce l'undicesimo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n.50/11^ di iniziativa del Consigliere F. MANCUSO recante: ' Disciplina delle Associazioni Pro Loco '  

Il consigliere MANCUSO Filippo (Lega Salvini) illustra il punto

Il Presidente pone ai voti gli articoli:

art. 1 - approvato
art. 2 - approvato
art. 3 - approvato
art. 4 - approvato
art. 5 - approvato
art. 6 - approvato
art. 7 - approvato
art. 8 - approvato
art. 9 - approvato
art. 10 - approvato
art. 11 - approvato
art. 12 - approvato
art. 13 - approvato
art. 14 - approvato
art. 15 - approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso con autorizzazione al coordinamento formale

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il dodicesimo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n.63/11^ di iniziativa del Consigliere C. MINASI recante: ' Modifiche ed integrazioni alla l.r. 36/2008, alla l.r. 47/2011 e 47/2018 '  

Interviene il consigliere MINASI Clotilde (Lega Salvini) che illustra il provvedimento

Il Presidente pone ai voti gli articoli:

emendamento all'art.1 di cui al prot. 22861, il consigliere Mancuso illustra l'emendamento - accolto
emendamento all'art.1 di cui al prot. 22892, il consigliere Mancuso illustra l'emendamento - accolto
art. 1, per come emendato - approvato
art. 2 - approvato
art. 3 - approvato
art. 4 - approvato
art. 5 - approvato
art. 6 - approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso per come emendata con autorizzazione al coordinamento formale

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il tredicesimo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n.58/11^ di iniziativa dei Consiglieri D. GIANNETTA, M. ANASTASI recante: ' Norme per l'utilizzo dei farmaci nelle strutture pubbliche e private '  

Il consigliere GIANNETTA Domenico (Forza Italia) illustra la proposta

Il Presidente pone ai voti gli articoli:

art. 1 - approvato
art. 2 - approvato
art. 3 - approvato
art. 4 - approvato
art. 5 - approvato
art. 6 - approvato
art. 7 - approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso con autorizzazione al coordinamento formale

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il quattordicesimo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n.17/11^ di iniziativa della Giunta regionale recante: ' Promozione dell'istituzione delle comunità energetiche da fonti rinnovabili '  

Il consigliere MOLINARO Pietro Santo (Lega Salvini) illustra il provvedimento

Interviene il consigliere RASO Pietro (Lega Salvini) (ringrazia l'assessore De Caprio per il lavoro fatto che rappresenta una opportunità anche per i Comuni)

Il Presidente pone ai voti gli articoli:

art. 1 - approvato
art. 2 - approvato
art. 3 - approvato
art. 4 - approvato
art. 5 - approvato
art. 6 - approvato
art. 7 - approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso con autorizzazione al coordinamento formale

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il punto 15 all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n.47/11^ di iniziativa del Consigliere P. MOLINARO recante: ' Modifica dell'articolo 23 della legge regionale 12/10/2012, n. 45 '  

Il consigliere MOLINARO Pietro Santo (Lega Salvini) illustra il provvedimento

Il Presidente pone ai voti gli articoli:

art. 1 - approvato
art. 2 - approvato
art. 3 - approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso con autorizzazione al coordinamento formale

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il punto 16 all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n.48/11^ di iniziativa del Consigliere P. MOLINARO recante: ' Modifica dell'articolo 17 della legge regionale 23/07/2003, n. 11 '  

Il consigliere MOLINARO Pietro Santo (Lega Salvini) illustra il provvedimento

Interviene il consigliere GIANNETTA Domenico (Forza Italia) che illustra un emendamento

Il Presidente pone ai voti gli articoli:

emendamento, accolto
art. 1 - approvato
art. 2 - approvato
art. 3 - approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso per come emendata con autorizzazione al coordinamento formale

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il punto all'ordine del giorno:

Ordine del giorno a firma dei Consiglierei Tallini, Esposito, Minasi, Neri, Paris e Crinò 'Medici ex condotti';   

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Casa delle libertà) che illustra l'OdG

Il Presidente pone ai voti l'OdG

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il punto all'ordine del giorno:

Mozione n.40/11^ di iniziativa del Consigliere M. ANASTASI recante: "Riconoscimento dell'Eccidio di Rizziconi come unica strage nazista in Calabria"

Il punto non viene trattato per assenza del proponente

Il Presidente inserisce il punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n. 74 recante " Bilancio di previsione 2020-2022 del Consiglio Regionale della Calabria: assestamento e variazioni "

Il consigliere MANCUSO Filippo (Lega Salvini) illustra la proposta

Il Presidente pone ai voti la proposta

Il Consiglio approva.

Interviene il consigliere DE CAPRIO Antonio (Forza Italia) chiede l'inserimento di una mozione Abolizione pagamento tassa di concessione regionale agenzie di viaggio, che illustra

Il Presidente pone ai voti la richiesta di inserimento. Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n. 71 recante " Rendiconto esercizio 2019 dell'Agenzia Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura (ARCEA) "

Il consigliere MORRONE Luca (Fratelli d Italia) illustra la proposta

Il Presidente pone ai voti la proposta

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n. 76 recante " Bilancio di previsione 2020 - 2022 dell'Agenzia Regione Calabria per le Erogazioni In Agricoltura (ARCEA) "

Interviene il consigliere MORRONE Luca (Fratelli d Italia)

Il Presidente pone ai voti il provvedimento

Il Consiglio approva.

Il Presidente pone ai voti la proposta

Il Consiglio approva.

Il Presidente pone ai voti gli articoli:

art. 1 - approvato
art. 2 - approvato
art. 3 - approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso con autorizzazione al coordinamento formale

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il punto all'ordine del giorno:

Mozione n. 47 recante Abolizione pagamento tassa di concessione regionale agenzie di viaggio - anno 2021

Interviene il consigliere DE CAPRIO Antonio (Forza Italia) che illustra la mozione

Il Presidente pone ai voti la Mozione

Il Consiglio approva.

Il Presidente propone inversione dei due punti rimasti e inserisce il punto:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.69/11^ di iniziativa D'Ufficio recante: " Presa d'atto dell'intitolazione della Cittadella regionale al Presidente della Regione Calabria, On. Avv. Jole Santelli "

Interviene il consigliere MANCUSO Filippo (Lega Salvini) che illustra la presa d'atto da sottoporre al Consiglio

Interviene il Presidente TALLINI Domenico (Forza Italia) (vuole condividere l'ondata emotiva che ha interessato l'intero Paese per la dipartita della presidente Santelli. Tanta ammirazione e considerazione si è registrata in direzione del Presidente. Il Nome della Santelli è divenuto emblema dell'amore e dell'attaccamento alla Calabria ed alle sue istituzioni, come dimostrato in tutta la sua vita. L'Aula prende atto del recepimento da parte della Giunta regionale della volontà espressa dal Consiglio regionale nella sua interezza. A chi avrebbe voluto denominare diversamente la Cittadella, risponde che, quando la storia si impone, nulla si può obiettare)

Il Presidente pone ai voti il PPA 69/11

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.70/11^ di iniziativa D'Ufficio recante: " Presa d'atto della morte del Presidente della Giunta regionale (articolo 60, comma 2 del Regolamento interno del Consiglio regionale) "

Interviene il consigliere MANCUSO Filippo (Lega Salvini) che illustra il provvedimento

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Casa delle libertà) (la perplessità avuta al momento della proposta di intitolazione è stata immediatamente fugata con la lettura delle motivazioni. La forza dimostrata nell'affrontare la malattia e nel dedicare gli ultimi mesi della sua vita alla Calabria deve essere d'insegnamento. La determinazione dimostrata nel voler rappresentare un reale cambiamento deve essere di monito a chi continuerà ad amministrare la Calabria)

Interviene il consigliere DE CAPRIO Antonio (Forza Italia) (la Calabria ha perso un meraviglioso presidente. Personalmente, dichiara, ho perso un'amica. Non è semplice per la Calabria prendere atto della dipartita di un presidente che è entrata a gamba tesa sul governo regionale ed ha lasciato il segno. Ringrazia il consigliere Sculco di essere rimasta in Aula. Il ricordo va ad una grande donna ed ad un grande politico di questa terra).

Interviene il consigliere CAPUTO Pierluigi (Jole Santelli Presidente) (difficicile frenare le emozioni per quello che Jole Santelli ha rappresentato come donna, politico e amministratore della Calabria. Donna coraggiosa che ha messo da parte la malattia per dare il suo aiuto alla Calabria. In tutto il suo agire si èbattuta per le pari opportunità. In suo nome, dichiara, dovremo farci carico delle problematiche con lo stesso impeto che avrebbe caratterizzato il suo agire)

Interviene il consigliere GIANNETTA Domenico (Forza Italia) (Jole avrebbe preferito essere ricordata per la sua vitalità per i rapporti personali e umani che andavano oltre le appartenenze. Questo ha determinato un'empatia che è andata oltre i confini regionali. La cronaca di questi giorni che a causa delle dimissioni del Commissario Cotticelli ha messo in risalto problematiche ataviche e comportamenti riprorevoli, contrasta e si oppone a quanto di positivo della calabria la Santelli avrebbe voluto far emergere. Oggi bisogna agire nel suo ricordo, onorando la sua memoria ed il messaggio che ha voluto dare)

Interviene il consigliere GRAZIANO Giuseppe (Unione di Centro) (intendo soffermarmi e parlare di Jole proiettandola nel futuro che immaginava, dichiara. Tra i talenti che le erano propri vi era il corraggio, coraggio nell'affrontare una lunga malattia, nell'imporsi da parlamentare e nell'affrontare la sfida che poteva essere rappresentata dal governare la Calabria. La particolare propensione al bello, quello che voleva far emergere della Calabria. Dalle prime battute della storia amministrativa, si era prefigurato un reale cambiamento per la Calabria grazie alla sua capacità di costruire di guardare oltre. Tocca a noi, conclude, coltivare il seme che ha piantato).

Interviene il consigliere SAINATO Raffaele (Forza Italia) (mi associo, dichiara, a quanto sin qui espresso dai consiglieri. Il miglior modo per ricordare Jole, dichiara, è, però, fare quadrato ed arrivare alle elezioni, buttare il cuore oltre l'ostacolo ed affrontare le problematiche con lo stesso piglio. Chi oggi non è in Aula, dichiara, non è neanche tra la gente. Bisogna dare risposte ai cittadini seguendo la strada da lei tracciata).

Interviene l'Assessore alle Politiche agricole e sviluppo agroalimentare, Politiche sociali e per la famiglia, avv. Gianluca Gallo. (ritiene sia stato giusto intitolare il palazzo della Regione non per l'onda emozionale che investito tutti, ma per la figura di altro profilo istituzionale che la Presidente Santelli ha rappresentato. Ricorda i ruoli rivestiti ed il forte tratto caratteriale che ha impresso.

,

,

Il Presidente pone ai voti la proposta

Il Consiglio approva.

Il Presidente, esaurito l'ordine del giorno, dichiara chiusa la seduta.

La seduta è tolta.