Sentenza del 21/07/2022 n. 851, Responsabilità della P.A.

 

Secondo la ricostruzione effettuata dalla giurisprudenza della Corte di cassazione e da quella amministrativa, in caso di declaratoria di illegittimità costituzionale di una legge regionale, per violazione della potestà legislativa statale, ovvero di una legge statale, deve escludersi una responsabilità per "illecito costituzionale", che sia rilevante sul piano risarcitorio, in quanto, essendo la funzione legislativa espressione di un potere politico, incoercibile e sottratto al sindacato giurisdizionale, rispetto ad esso non possono configurarsi situazioni giuridiche soggettive dei singoli, protette dall'ordinamento.

Infatti, occore ricordare che la funzione legislativa è per definizione "libera nei fini", salvi i limiti costituzionali, per cui un eventuale danno - a differenza di quanto avviene di fronte all'azione amministrativa e di quanto previsto per la responsabilità dello Stato italiano nell'ipotesi di violazione del diritto dell'Unione europea da parte del legislatore - non può essere definito "ingiusto" e, dunque, dare luogo al risarcimento.

 

A cura dlel'Area Processo Legislativo e Assistenza Giuridica - Ufficio Raccordo Settori

 

,