IX^ LEGISLATURA

 

RESOCONTO INTEGRALE

___________

 

39.

 

SEDUTA DI MARTEDI’ 26 GIUGNO 2012

 

PRESIDENZA DEL PRESIDENTE FRANCESCO TALARICO E DEL VICEPRESIDENTE ALESSANDRO NICOLÒ

 

Presidenza del Presidente Francesco Talarico

La seduta inizia alle 12,30

PRESIDENTE

La seduta è aperta, si dia lettura del verbale della seduta precedente.

Giovanni NUCERA, Segretario Questore

Legge il verbale della seduta precedente.

(E’ approvato)

Comunicazioni

PRESIDENTE

Legge le comunicazioni.

(Sono riportate in allegato)

Annunzio di interrogazioni e mozioni

Giovanni NUCERA, Segretario Questore

Legge le interrogazioni e le mozioni presentate alla Presidenza.

(Sono riportate in allegato)

Sull’ordine dei lavori

PRESIDENTE

Finite le comunicazioni possiamo dare il via al primo punto all’ordine del giorno.

Ha chiesto di parlare l’onorevole Dattolo. Ne ha facoltà.

Alfonso DATTOLO

Presidente, come tutti sappiamo il 30 giugno scade la proroga relativa alla liquidazione di Arssa ed Afor. E’stata già calendarizzata una apposita seduta di Consiglio regionale il 3 agosto per l’approvazione della proposta di legge della Giunta regionale con il contributo che verrà dato dalla Conferenza dei capigruppo.

Chiedo di inserire all’ordine del giorno la proposta di proroga del commissariamento dei due enti Arssa e Afor al 31 dicembre 2012, nell’attesa, chiaramente, di approvare questa proposta.

PRESIDENTE

Non ci sono interventi, possiamo votare l’inserimento della proposta all’ordine del giorno.

(Il Consiglio approva)

Onorevole Imbalzano, prego.

Candeloro IMBALZANO

Presidente, intervengo per chiedere l’inserimento all’ordine del giorno di uno dei tanti bilanci – per la verità approvato da tempo – di “Calabria lavoro ” che, di fatto, blocca l’attività dell’ente rispetto ad altri bilanci che dovremo approvare dalla prossima seduta di Consiglio regionale.

È giunta questa sollecitazione in quanto è stato licenziato dalla Commissione da almeno 40 giorni, chiedo venga inserito all’ordine del giorno a margine dei primi due punti

PRESIDENTE

L’onorevole Imbalzano chiede l’inserimento all’ordine del giorno del bilancio di previsione 2012 di Azienda Calabria Lavoro” che è stato già approvato in Commissione.

Non ci sono obiezioni, pongo in votazione la richiesta di inserimento all’ordine del giorno.

(Il Consiglio approva)

Ha chiesto di parlare l’onorevole Chiappetta. Ne ha facoltà.

Gianpaolo CHIAPPETTA

Presidente, ho da fare una duplice richiesta. La prima: interpretando il pensiero di coloro i quali hanno dato già il parere in Commissione, chiedo l’inserimento, a margine dei lavori relativi all’assestamento di bilancio, di una proposta di legge a firma, a suo tempo, del sottoscritto e dei colleghi Nucera e Salerno, riguardante l’attuazione del comma quarto dell’articolo 118 della Costituzione sulla sussidiarietà orizzontale.

Proposta di legge esaminata ed approvata alla unanimità sia dalla terza che dalla seconda Commissione.

La seconda richiesta che faccio, Presidente, è di inserimento all’ordine del giorno dei lavori odierni di questa seduta di un apposito ordine del giorno a firma del sottoscritto, in qualità di capogruppo del Pdl, e degli altri capigruppo di maggioranza: i colleghi Dattolo, Serra e Bilardi, relativo ad una serie di problematiche che, come maggioranza, abbiamo ritenuto di porre all’esame dell’Aula in maniera preventiva rispetto a quella che sarà la discussione sull’assestamento di bilancio.

Si tratta, Presidente, di problematiche che hanno occupato la scena politica negli ultimi mesi rispetto alle quali - naturalmente se l’Aula procederà all’approvazione dell’ordine del giorno – sarà mia cura relazionare.

È per la valenza e la densità dei contenuti di questo ordine del giorno che ne chiedo non solo l’inserimento, Presidente, ma che possa anche essere discusso ed approvato anche dai colleghi della minoranza ancor prima dell’inizio della discussione relativa all’assestamento di bilancio.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Censore. Ne ha facoltà.

Chiedo ai consiglieri di fare silenzio perché l’impianto di amplificazione non funziona bene e non si riesce ad ascoltare l’intervento dei colleghi in Aula.

Bruno CENSORE

Presidente, onorevoli colleghi, anche noi come Partito democratico abbiamo presentato un ordine del giorno che riguarda alcune criticità che questa Regione sta affrontando.

Partendo da questo assestamento che non dà risposte alle criticità ed alle emergenze, abbiamo predisposto un ordine del giorno attraverso il quale chiediamo che la Giunta si impegni – visto che in questo assestamento non lo fa – sulle politiche sociali che, chiaramente, si trovano in una situazione di difficoltà dal punto di vista della inclusione sociale, delle disabilità, soprattutto per le famiglie meno abbienti.

Nella discussione sottolineeremo che su questo argomento c’è attenzione anche da parte della Conferenza episcopale calabrese, delle organizzazioni sindacali, delle strutture accreditate, dei dipendenti.

Secondo noi l’impegno della Giunta deve riguardare anche: le spettanze dei lavoratori Lpu ed Lsu, gli stipendi dei lavoratori delle Comunità montane, gli emolumenti dei lavoratori forestali, il problema del precariato in generale, quello dei lavoratori delle Comunità montane, il problema degli stagisti.

Chiediamo, quindi, che si impegni in maniera seria e definitiva, perché non possiamo assistere a continue aspettative disattese.

Chiediamo un impegno solenne, non solo formale, ma anche sostanziale, affinché queste categorie sociali abbiano una risposta affermativa, certa e sicura. Grazie.

PRESIDENTE

Votiamo l’inserimento all’ordine del giorno della proposta dell’onorevole Chiappetta. Illustrerà l’ordine del giorno quando arriveremo al punto.

(Il Consiglio approva)

Pongo in votazione l’inserimento dell’ordine del giorno presentato dall’onorevole Censore, ma non ne ho copia…

(Interruzione)

E’ stato presentato l’ordine del giorno dell’onorevole Censore? Stamattina agli uffici? Se lo recuperiamo, possiamo porre in votazione la richiesta di inserimento all’ordine del giorno dell’onorevole Censore.

(Il Consiglio approva)

Ha chiesto di parlare l’onorevole Aiello. Ne ha facoltà.

Ferdinando AIELLO

Presidente, solo per far rilevare all’Aula che il collega Chiappetta ha chiesto la discussione e quindi l’inserimento all’ordine dei lavori di un ordine del giorno che impegna la Giunta in più punti.

Ho sentito parlare del welfare, dei gruppi appartamento, di casa-famiglia, Rsa e quant’altro, però vede, Presidente, se discutiamo questo ordine del giorno dopo gli emendamenti, gran parte degli emendamenti - anche i miei – vanno nella direzione dei punti toccati dal collega Chiappetta.

Bisogna capire come procedere nei lavori, altrimenti - per quanto mi riguarda - non si può considerare superata la discussione e l’impegno preso, se prima non si capisce come ci poniamo con questo ordine del giorno.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Talarico. Ne ha facoltà.

Domenico TALARICO

Presidente, si tratta di un ordine del giorno sulla situazione della casa di cura “Madonna della Catena” di Laurignano in Dipignano. Tra i firmatari figurano il capogruppo del Pdl, Chiappetta, il consigliere Orsomarso oltre a numerosi colleghi del centro-sinistra - quelli presenti in sala prima che iniziassero i lavori.

L’ordine del giorno vuol richiamare l’attenzione della Giunta regionale, oltre a chiedere il suo impegno e quello del Presidente, al fine di superare la decisione di tagliare il 60 per cento dei posti letto della terapia intensiva, valorizzando il patrimonio di professionalità e di competenze specialistiche acquisite da questa importante struttura sanitaria sita in Laurignano nel comune di Dipignano.

Una struttura che dispone di 130 posti letto e vanta la presenza di reparti ospedalieri di eccellenza nel campo della neurologia, neurochirurgia, ortopedia, oncologia, oltre che medicina interna e rianimazione. Si tratta di una struttura con 170 dipendenti che ospita mille ricoveri l’anno.

L’ordine del giorno di questa mattina ha lo scopo di impegnare la Presidenza della Giunta regionale ad attuare tutte le iniziative utili al salvataggio della struttura e a garantire continuità nei servizi prestati ai numerosi utenti provenienti anche da altre regioni. Grazie.

PRESIDENTE

Prego i colleghi di far silenzio altrimenti non si capisce nulla.

Pongo in votazione la richiesta di inserimento di questo ordine del giorno all’ordine del giorno.

(Il Consiglio approva)

Discuteremo poi nel merito.

Ha chiesto di parlare l’onorevole Giordano. Ne ha facoltà.

Giuseppe GIORDANO

Grazie, Presidente, l’ordine del giorno è relativo alla questione, ormai tornata prepotentemente alla ribalta, della costruzione della centrale a carbone di Saline Ioniche.

L’ordine del giorno fa l’excursus della vicenda di questi ultimi quattro anni in cui il Consiglio e la Giunta regionale si sono fermamente opposti alla ennesima costruzione che distruggerebbe il territorio non solo di un’area ma della Calabria intera.

Voglio ricordare due cose fondamentali: il Piano energetico regionale non prevede il carbone tra le varie fonti di energia, vi sono state varie pronunce e nell’ultimo question time di gennaio l’assessore Pugliano ha confermato la netta contrarietà della Giunta regionale al carbone.

Alla luce dell’ultimo parere VIA e del decreto che ha consentito fino al momento una riattivazione di questa procedura, chiediamo, con l’ordine del giorno sottoscritto da numerosi colleghi, che la Presidenza della Giunta regionale, in conformità alla mozione approvata da questo Consiglio il 16 novembre 2010 alla unanimità, compia tutti gli atti consequenziali per bloccare l’iter che è stato riattivato dalla procedura VIA.

Questo ordine del giorno è condiviso da numerosi colleghi di maggioranza e di minoranza. Ne chiedo, pertanto, l’inserimento all’ordine del giorno.

PRESIDENTE

L’onorevole Giordano ha chiesto l’inserimento dell’ordine del giorno sulla centrale a carbone di Saline.

L’onorevole Nucera ha predisposto un ordine del giorno simile. Le do la parola così lo illustra, poi procederemo con l’inserimento.

Giovanni NUCERA

Presidente, trattiamo sempre lo stesso tema: Saline Ioniche e la centrale a carbone.

Visto che ci sono più ordini del giorno, sarebbe opportuno fare un momento di sintesi e trovare una linea di indirizzo che il Consiglio regionale deve confermare, considerati i precedenti che non sto qui a ripetere perché lo faremo nel corso del dibattito.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’inserimento dell’ordine del giorno proposto dal consigliere Giordano e dell’ordine del giorno proposto dal consigliere Nucera.

Quando arriveremo alla discussione si vedrà se sono argomenti simili oppure no.

(Il Consiglio approva)

Non ci sono altri commenti preliminari. Prego i colleghi di prendere posto così procederemo con i punti all’ordine del giorno.

Proposta di legge numero 330/9^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Approvazione Rendiconto Generale relativo all'Esercizio Finanziario 2011”

PRESIDENTE

Il primo punto all’ordine del giorno recita Proposta di legge numero 330/9^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Approvazione Rendiconto Generale relativo all'Esercizio Finanziario 2011”.

L’onorevole Imbalzano, relatore, ha facoltà di svolgere la relazione.

Candeloro IMBALZANO, relatore

Signor Presidente, onorevoli colleghi, la Commissione consiliare che ho l’onore di presiedere nella seduta del 14 giugno, dopo un attento ed approfondito dibattito, ha approvato a maggioranza il rendiconto generale della Regione per l’esercizio finanziario 2011.

Come è noto il rendiconto è un documento contabile che mostra i risultati ottenuti da tutte le operazioni di gestione in un determinato esercizio. E’ un mezzo di cognizione che permette di conoscere in che modo ed in che misura si sono realizzate le previsioni di bilancio. Consente, inoltre, di esprimere un giudizio sull’operato degli amministratori e sulla loro professionalità.

Da questo punto di vista il giudizio sulla gestione del Presidente Scopelliti è nettamente positivo ed in linea con tutti i parametri legislativi vigenti.

Premesso che i dati analizzati sono stati per lo più considerati al netto delle contabilità speciali, in quanto esse non rappresentano effettive risorse gestite dalla Regione, ma esprimono entrate ed uscite per conto di terzi o contabilizzazioni di semplici movimenti finanziari interni generati da eventi compensativi, è necessario precisare - come è dettagliatamente indicato nella relazione al bilancio di previsione 2011 – che le risultanze contabili esaminate rispecchiano sia le politiche di contenimento della spesa intraprese dall’amministrazione regionale fin dall’anno 2010, legge regionale numero 22 del 2010, sia i tagli ed i trasferimenti statali disposti con legge numero 122 del 2010 che hanno inciso su gran parte dei fondi normalmente trasferiti dallo Stato per 170 milioni circa, sia le nuove regole per il patto di stabilità 2011/2013. L’obiettivo 2011 è meno 12,3 per cento sul fronte degli impegni e di meno 14,3 per cento sul fronte dei pagamenti che impediscono di spendere le risorse per lo sviluppo e per gli investimenti accumulati negli ultimi anni. Infine, espone la situazione derivante dai debiti pregressi della sanità la cui copertura grava sul bilancio regionale.

Al fine di tener conto di quanto precedentemente espresso la Giunta regionale ha dettato precise linee di indirizzo in ordine alla priorità nella realizzazione delle politiche di spesa, nonché alle misure da porre in essere per garantire il rispetto delle principali regole di finanza pubblica tra cui quelle derivanti dagli obiettivi posti con il patto di stabilità e di crescita.

In termini numerici, brevemente, atteso che gli obiettivi programmatici per l’anno 2011 erano pari a 1. 195. 987 migliaia di euro in termini di pagamenti e di 1. 471. 949 euro in termini di impegni, si rileva come grazie al rispetto delle disposizioni contenute nella delibera di Giunta regionale numero 388 dell’11 agosto 2011 dall’opera di contenimento delle spese poste in essere nel corso dell’intero esercizio finanziario 2011 ne è disceso il rispetto degli obiettivi del patto di stabilità 2010 per le spese correnti e per le spese in conto capitale sia in termini di pagamenti che di impegni.

Infatti, la Regione Calabria ha certificato, nel rispetto dei termini di legge, il rispetto del patto di stabilità stesso, in quanto ha sostenuto pagamenti per 1.168.435 migliaia di euro ed impegni pari a 1.464.278 sempre espressi in migliaia di euro, 872 mila euro di parte corrente e 591 migliaia di euro di parte capitale.

In definitiva il risultato di amministrazione, ovvero l’avanzo di amministrazione del 2011 si chiude con un saldo positivo di circa 4 miliardi 928 milioni 391 mila 835 euro. Con un incremento rispetto allo stesso risultato del 2010 pari a 795 milioni di euro.

La gestione di competenze e quelle dei residui hanno inciso positivamente sul saldo positivo finanziario rispettivamente per euro 566 mila 481.522 euro e per euro 228 milioni 766. 876 euro.

Concludo sottolineando che l’approvazione del rendiconto è avvenuta nel rispetto dei termini rigorosamente previsti dalla legge regionale numero 8 del 2002 e questo non può che andare a merito dell’assessore al bilancio, Mancini, e della intera maggioranza. Grazie.

PRESIDENTE

La relazione è stata completata, penso non ci siano interventi su questo argomento. Possiamo mettere in votazione il rendiconto per l’esercizio 2011.

Ha chiesto di parlare l’onorevole Mirabelli. Ne ha facoltà.

Rosario Francesco Antonio MIRABELLI

Presidente, credo che le due cose siano intimamente connesse. Questo è un assestamento del bilancio in rapporto allo stato previsionale. Come facciamo a fare il rendiconto del 2011, non siamo al consuntivo 2012, scusate…

PRESIDENTE

Questo è il rendiconto 2011. Ha fatto la relazione, è il resoconto dell’anno passato e dobbiamo approvare questo prima di passare all’assestamento.

Le darò poi la parola sull’assestamento, dove ci saranno questioni di merito. Questo è il consuntivo.

Possiamo procedere con la votazione dell’articolato.

Pongo in votazione l’articolo 1.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 2.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 3.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 4.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 5.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 6.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 7.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 8.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 9.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 10.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 11.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 12.

(E’ approvato)

Pongo in votazione il rendiconto nel suo complesso.

(Il Consiglio approva a maggioranza)

(E’ riportato in allegato)

Proposta di legge numero 350/9^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Assestamento del bilancio di previsione della Regione Calabria per l'esercizio finanziario 2012 e del bilancio pluriennale 2012-2014 a norma dell'articolo 22 della legge regionale 4 febbraio 2002 numero 8”

PRESIDENTE

Si passa, adesso, al secondo punto all’ordine del giorno che recita: Proposta di legge numero 350/9^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Assestamento del bilancio di previsione della Regione Calabria per l'esercizio finanziario 2012 e del bilancio pluriennale 2012-2014 a norma dell'articolo 22 della legge regionale 4 febbraio 2002 numero 8”.

(Interruzione)

Il rendiconto di cui al punto precedente è approvato a maggioranza, penso che non ci sia bisogno di dirlo. E’ un rendiconto del 2011, a gestione della maggioranza, la minoranza, quindi, vota contrario.

Ritorniamo al secondo punto all’ordine del giorno. L’onorevole Imbalzano, relatore, ha facoltà di svolgere la relazione.

Candeloro IMBALZANO, relatore

Signor Presidente, onorevoli colleghi, la Commissione bilancio, nella seduta del 21 giugno, ha approvato a maggioranza la proposta di legge, di iniziativa della Giunta regionale, relativa all’assestamento del bilancio di previsione 2012 e del bilancio pluriennale 2012-2014 della Regione. Con questo provvedimento, che consegue all’approvazione del rendiconto consuntivo 2011, sono state determinate le definitive risultanze contabili dei seguenti valori: residui attivi e passivi, i flussi finanziari in entrata ed in uscita; quindi, la gestione della cassa e l’avanzo di amministrazione. Nella impostazione che emerge dalla dettagliata relazione allegata al documento la Giunta regionale ha sottolineato che le variazioni apportate al bilancio preventivo 2012 sono state ottenute mediante il riaccertamento dei residui attivi e passivi che ha consentito alla Regione di ridurre i propri debiti in misura maggiore rispetto ai crediti. Da questo consegue un avanzo di amministrazione, definitivo, alla chiusura dei conti, pari a circa 4 miliardi 928 milioni di euro, di cui, come è noto, soltanto 19 milioni di euro circa sono in libera disponibilità. Sul versante delle spese, l’Esecutivo regionale ha sottolineato, ancora una volta, la rigidità delle nuove regole che dovranno portare a ridurre il complesso delle spese finali, sia in termini di impegno sia in termini di pagamento per il 2012, in modo da ottemperare alle disposizioni del Patto di stabilità. Con queste premesse la manovra di assestamento che ne è scaturita non poteva che essere mirata e qualificante. Infatti, nonostante la limitatezza delle risorse liberate, si sono privilegiati settori altamente sensibili e strategici come la sanità, il sociale, il trasporto pubblico locale, il precariato, a dimostrazione della estrema sensibilità del Governo regionale verso le fasce deboli ed il territorio più marginalizzato. Da questo punto di vista è stato raccolto il grido di allarme della Chiesa calabrese di una rinnovata lotta contro tutte le povertà e per alleviare l’enorme disagio sociale, pur nella piena consapevolezza che la stagione in corso consente margini di manovra assai limitati. Non a caso si sono destinati 6 milioni 175 mila euro al settore dei trasporti pubblici locali, fruiti soprattutto da studenti, da lavoratori e da chi vive in condizione di maggiore indigenza. Anche le risorse destinate al precariato per 4,5 milioni di euro e gli impegni assunti in questa fase verso le realtà socio-sanitarie per 3,2 milioni di euro vanno in questa direzione. Voglio aggiungere, peraltro, che lo stesso ordine del giorno, annunciato dal collega Chiappetta e che ritengo politicamente solenne, non il solito ordine del giorno che si presenta in fase di assestamento di bilancio, impegnerà la Giunta regionale nella manovra di fine estate e confermerà questo orientamento di forte responsabilità dell’Esecutivo, della maggioranza e -vorrei dire- dell’intero Consiglio regionale. Ci aspettiamo, naturalmente, osservazioni anche troppo facili da muovere in questa fase, stante la carenza di risorse ed a fronte di esigenze ben più grandi da parte dei colleghi della opposizione. Credo che, al di là dei possibili aggiustamenti, vada sottolineato il notevole impegno del Presidente Scopelliti di garantire, per la prima volta, il pagamento degli stipendi grazie ai risultati soddisfacenti di comparti come la sanità le cui ricadute positive cominceranno a manifestarsi già a partire dai prossimi mesi. Questa è, quindi, una fase di passaggio, un 2012 difficile e complicato a tutti i livelli. E’ per questi motivi che sottoponiamo all’Aula un documento contabile con la consapevolezza che l’Esecutivo e la maggioranza si sono fatti carico di scelte, comunque, difficili e coraggiose. Grazie.

PRESIDENTE

Grazie all’onorevole Imbalzano per la relazione, la parola all’assessore Mancini per la relazione della Giunta regionale.

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio, programmazione e fondi europei

Grazie, signor Presidente. Colleghi, il Presidente della Commissione, l’onorevole Imbalzano, ha relazionato in maniera egregia sulla traiettoria tecnica dell’assestamento di bilancio che l’Assemblea è chiamata, oggi, a discutere e, mi auguro, ad approvare. A me tocca, seppur rapidamente, inquadrarlo in una dinamica più propriamente politica. L’amministrazione, guidata dal Governatore Scopelliti, soprattutto in questo momento di crisi economica, si è ispirata al principio della serietà; un principio che ci occupa e ci riguarda in tutti i campi ma ci ispira, soprattutto, in quello che riguarda la gestione delle risorse pubbliche. La serietà in questo campo deve guidare tutti coloro i quali si occupano della gestione delle risorse pubbliche, soprattutto in questo momento di crisi. L’abbiamo sempre fatto fin dall’avvio del nostro lavoro e lo abbiamo fatto anche nella definizione dell’assestamento di bilancio, partendo dall’applicazione di una regola tanto semplice quanto, purtroppo, troppo spesso, in passato disattesa: che nessuna nuova spesa, cioè, può essere prevista senza previa verifica dell’entrata corrispettiva. E’ una regola che guida ogni buon padre di famiglia ed è una regola che, in questa fase, tutti noi tentiamo e ci sforziamo di applicare in ogni provvedimento che riguarda le risorse pubbliche. Nessuna nuova spesa, quindi, può esser prevista senza previamente verificare la copertura finanziaria e l’esistenza della corrispettiva entrata in bilancio. Questo principio lo abbiamo applicato, questa regola l’abbiamo fatta nostra. Il nostro obiettivo è, quindi, quello di continuare nel lavoro complesso e complicato -ma che stiamo seguendo con buoni risultati- e volto ad arrivare ad un risanamento dei conti regionali che ci deve portare e che ci porterà al pareggio di bilancio nel 2014. E’ questa la sfida ed insieme a questa sfida, naturalmente, il nostro obiettivo è quello di aggredire – mi fa piacere che qui le forze di maggioranza e di opposizione abbiano avuto la capacità di trovare un punto importante di sintesi– le emergenze sociali ed occupazionali presenti nella nostra difficile e complessa, e tante volte aspra, regione. Per farlo abbiamo dirottato – lo sottolineo – il 60 per cento e passa delle risorse dei 19 milioni di euro previsti nell’assestamento e risultanti dai saldi positivi dell’amministrazione per le politiche sociali. Il 60 per cento di questa manovra va al sociale, il resto lo abbiamo stanziato per dare risposte al comparto dei trasporti, a quello della protezione civile, a quello dell’ambiente: puntiamo a pulire e presentare al meglio le nostre spiagge e le nostre coste. Abbiamo tentato, poi, di dare risposte al turismo ed al comparto della cultura………

Purtroppo, non c’è un euro per l’impianto dei microfoni. Se non si fa silenzio, però, non si sente niente.

PRESIDENTE

Prego gli onorevoli consiglieri, al fine di assicurare lo svolgimento dei lavori, di prendere posto.

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio, programmazione e fondi europei

Grazie, signor Presidente. Questa è l’impalcatura che l’amministrazione ha voluto alla manovra di assestamento. Consapevoli, poi, della necessità di guadagnare altre risorse, da destinare a tutte le esigenze presenti sul territorio, abbiamo, anche qui, posto attenzione alla sfida di arginare e a sconfiggere l’evasione fiscale, con una norma ad hoc inserita nel provvedimento. Abbiamo previsto un meccanismo che ci consentirà di recuperare risorse fin dal mese di settembre che, da una parte, libereranno il Patto di stabilità e, dall’altra, saranno messe in circolo per continuare l’opera importante che l’amministrazione sta facendo per dare risposte al territorio. Su questo punto, più volte, onorevolmente, è intervenuto il Governatore Scopelliti che, in prima persona, sta portando avanti la battaglia sulla sanità e sui risparmi di quel comparto, al fine di destinare, rispetto ad altre emergenze, una serie di risorse, risparmiando da quel comparto, indirizzandole in altri.

Abbiamo, poi, l’altra partita collegata ai derivati che sta venendo a compimento, che sta facendo passi in avanti che definirei positivi e che, ci auguriamo, possa portare altre risorse, altro fieno in cascina, all’interno delle casse regionali che consentiranno - queste tre partite, queste tre importanti battaglie che ci vedono protagonisti - entro la fine dell’anno, anche attraverso un’altra variazione di bilancio che, probabilmente, nel mese di settembre, offriremo alla valutazione del Consiglio regionale, di chiudere tutte quelle emergenze sociali ed occupazionali che, storicamente, negli ultimi mesi dell’anno, ogni anno, occupavano e preoccupavano tante famiglie di calabresi. Si sta avviando un lavoro importante ed utile per offrire risposte tranquillizzanti a tutti quei settori che, storicamente, – non è una novità di questi anni – hanno occupato e preoccupato tante famiglie di calabresi. Però -ed è questa l’ultima riflessione che consegno all’Aula- seppur sinteticamente abbia tracciato tutti piani che vedono impegnata l’amministrazione guidata dal Governatore Scopelliti, ogni nostro sforzo per reperire nuove risorse per, poi, destinarle alle esigenze dei calabresi rischia di essere vano se dovesse perdurare la legislazione tanto ingiusta quanto iniqua che fa riferimento al Patto di stabilità.

Vedete, già l’anno scorso lo abbiamo detto - il Governatore Scopelliti, molto più autorevolmente di me, l’ha fatto presente alla opinione pubblica calabrese e nazionale –: oggi, viviamo in un contesto in cui tanti di noi dicono e pongono attenzione alla consistenza numerica di capitoli di bilancio, preoccupandosi se quella consistenza numerica sia parametrata rispetto al fabbisogno di quel comparto; pochi, però, si interrogano, una volta prevista la somma in bilancio, sulla effettiva possibilità della nostra Regione e del sistema delle Regioni, della possibilità, poi, di poter spendere quella somma e quelle risorse. Oggi, purtroppo, e non soltanto oggi – l’anno scorso è stato drammatico – ci troviamo in un contesto in cui la Calabria ed i calabresi, pur avendo nelle casse delle Regioni risorse importanti, non sono, e non siamo, nelle condizioni di spendere queste risorse per dare e per rispettare, perché una Istituzione deve rispettare le regole e le norme che sottendono al sistema nazionale, istituzionale e comunitario che sono state previste. Questo è il dramma, e rispetto a questo dramma, il Governatore, il Vicepresidente e tutti quanti noi, stiamo portando avanti, dal punto di vista tecnico e politico, tutta una serie di battaglie. Oggi, qui, chiediamo in questa, che è la massima sede istituzionale calabrese, di far sì che alla nostra voce si aggiunga la voce di tutte le forze politiche, di tutte le forze sociali, di tutte le organizzazioni datoriali, anche quella autorevolissima della Conferenza episcopale che ha fatto sentire la propria voce, limitando il suo ragionamento sulla allocazione delle risorse nei capitoli di bilancio. Quello è un aspetto ma non è una visione completa delle dinamiche che vive la nostra terra che, purtroppo, si trova davanti al presupposto ed al paradosso di lavorare per guadagnare risorse in più, senza avere in pieno la possibilità di poter spendere quelle risorse in più.

Presidenza del Vicepresidente Alessandro Nicolò

Seppur ci si possa dividere sulla allocazione delle risorse perché, legittimamente, forse, dall’opposizione possono attenzionare alcuni capitoli piuttosto che altri, e questo è legittimo, però, se poi vogliamo uscire dal confronto tra le parti, anche liberandolo dalla strumentalità che, a volte anima questo confronto, ritengo, quindi -e concludo il mio intervento- che, oggi, scriveremmo una pagina importante del confronto democratico della nostra regione se tutti noi, tutti quanti insieme, comprendessimo, fino in fondo, e spiegassimo ai nostri cittadini e ci impegnassimo, tutti quanti insieme, a far sì che questa camicia di forza, tanto ingiusta quanto iniqua, rappresentata dal Patto di stabilità, sia cambiata, corretta e modificata fino a consentire alla nostra terra di spendere tutte quante le risorse che sono le risorse dei calabresi. Vi ringrazio.

PRESIDENTE

Grazie all’assessore Mancini. Dopo la relazione dell’assessore al ramo si apre la discussione.

Ha chiesto di parlare l’onorevole Mirabelli. Ne ha facoltà.

Rosario Francesco Antonio MIRABELLI

Signor Presidente, signori consiglieri, questo è un punto all’ordine del giorno abbastanza importante e delicato. Capisco l’appello dell’assessore a non dividerci o, comunque, a non avanzare, pretestuosamente, richieste su questo o su quel capitolo. Su questo concordo con lei, assessore, non è su questo che bisogna dividerci; dato, però, che questo è un momento importante di verifica e di analisi, soprattutto, della situazione finanziaria, dello strumento più importante che ha la Regione - il proprio bilancio – ed è il momento dell’assestamento del bilancio, è ovvio che dobbiamo entrare in profondità ed evidenziare alcune particolarità. Non possiamo non evidenziare, innanzitutto, caro assessore, che, senza partigianeria alcuna, questo è un assestamento di bilancio – visto il contesto generale della grossa precarietà economica e finanziaria – che non possiamo, certamente, considerare esaustivo. In questo bilancio sappiamo benissimo che molti capitoli di spesa che erano stati previsti deficitari all’origine, quindi, al bilancio di previsione, restano, fondamentalmente tali sia per quanto riguarda le strutture socio-sanitarie, che lamentano l’ira di Dio, sia per quanto riguarda la questione dei trasporti, delle Comunità montane, dell’Afor e via dicendo, a dimostrazione, quindi, che questo è un bilancio, strutturalmente, di per sé –forse neanche per colpa vostra, almeno in parte– debole. Un bilancio, cioè, ingessato, bloccato, già a monte, da spese consolidate, che presenta un avanzo di amministrazione dovuto ad economie su risorse trasferite dalla Unione europea allo Stato, che, comunque, hanno tutte vincoli di destinazione e che, in fin dei conti, danno, esclusivamente, in questa fase, solo una quota libera e disponibile di 19 milioni di euro e qualcosa.

Una miseria rispetto alla necessità, non solo delle emergenze, ma anche di dover andare a verificare e coprire spese che già consideriamo, scusatemi, di una certa entità. La quota discrezionale da riallocare è una parte misera e piccola, né tanto meno si può andare in discussione su questi pochi milioni di euro per cercare di tirare su questo o su quel capitolo! Iniziamo a capire, allora, che con 19 milioni non si fanno certamente i miracoli ma si resta, comunque, sempre in una profonda precarietà e, aggiungo, che questo fatto evidenzia chiaramente che questo è un bilancio che, in fin dei conti, in questo momento particolare, nasce da che cosa? Nasce dalla unione del conto patrimoniale - che è la sommatoria del conto patrimoniale e finanziario con quello immobiliare – insieme al riaccertamento dei residui attivi e passivi. Cosa ne scaturisce? Scaturisce, in primis, che, andando a verificare i residui attivi, notiamo, come al solito, perché è capitato anche l’anno scorso, una perdita di residui attivi su una quota importante della Regione Calabria, che è la quota inerente alle tasse, ai tributi, all’Irap, alle accise, cioè, su quella quota di denaro che dovrebbe essere la parte ordinaria del bilancio come entrata, in quanto è il proprio gettito fiscale. In questa fase notiamo una perdita dei residui attivi di 55 milioni di euro, dove constatiamo che l’Irap va a decrementarsi, riconfermando il dato negativo dell’anno scorso, e che altre tasse ed altri tributi risultano sempre negativi, e questo al di là del mancato introito, perché nella sommatoria, li portano in competenza negativa e anche in cassa negativa.

Il dato più importante indica, fondamentalmente, una Regione che ha una struttura economicamente un po’ debole, dove l’impresa è troppo marginale e non riesce a stare sul mercato. Un calo del genere determina esclusivamente una perdita di posti di lavoro e una chiusura di impresa. Nel 2011 abbiamo avuto 4. 200 imprese che hanno chiuso, di cui 1. 200 nel settore commerciale, a fronte di una rinascita di 3 mila. Capisco che non è un problema che si può addebitare alla Giunta regionale ma questo deve essere, comunque, un momento importante attraverso il quale bisogna capire cosa porre in essere in maniera bipartisan, costruttivamente, non per andare a fare una guerra di appartenenza. Sarebbe ben poco. La necessità, quindi, di capire che cosa e quali strumenti dare all’impresa. Per cui, caro Presidente - lei che ha una origine rivoluzionaria, come il sottoscritto - bisogna puntare, in tutti i modi, non solo ad aumentare e amplificare la spesa sui fondi comunitari, tirandola all’estrema ratio possibilmente, ma sarà bene anche rimodulare, se fosse possibile, il Por, per cercare, quanto meno, di andare verso la qualità della spesa e, allo stesso tempo, cercare di capire, soprattutto, a fronte del problema principale dell’impresa calabrese, che riguarda la difficoltà di poter accedere a fondi e finanziamenti bancari, se la Regione, con tutti gli enti locali e con tutto il mondo bancario calabrese, possa unirsi, insieme a questi, per creare una nuova banca calabrese. Perché, a fronte di una Bce che dà l’uno per cento dei finanziamenti alle banche, notiamo che, di quell’uno per cento, nulla arriva alle famiglie e alle imprese, in quanto le stesse banche del nord ed europee finiscono per ricomprare i titoli di Stato, andandoci a guadagnare il 5 e il 6 per cento. E’ ovvio che bisogna avere uno scatto di reni e cercare di modificare il tutto perché questo momento non è solo un momento di tipo ragionieristico ma deve essere un momento di analisi e di riapprofondimento, in modo tale da poter – nel vero senso del termine – cercare di dare un giusto taglio.

Dove è la responsabilità della Giunta? Nel contenimento dei costi. Anche oggi abbiamo visto che c’è stata una proroga sulla questione della liquidazione dell’Afor. E’ una situazione ridicola! Questi erano enti che, già nei primi sei mesi della vostra attività, avrebbero dovuto essere affrontati, proprio per contenere queste spese; sono spese fisse, di diverse centinaia di milioni di euro, che non servono e non portano a niente. La necessità, allora, di andare a delle riforme strutturali che avessero riguardato il Piano dei trasporti, sapendo che c’erano i tagli dello Stato, la questione dell’Afor e dell’Arssa e -perché no?- anche andare all’accorpamento degli enti. Faccio un invito al Presidente Scopelliti; ne ho fatto prima un altro, non so se mi ha ascoltato, Presidente, dato che le do il merito della forza rivoluzionaria che appartiene ad un mondo, che conosciamo bene, che è quello di farsi promotori di un pool bancario calabrese, mettendo insieme anche gli enti privati, ed in più, le dico, anche altro: deve tagliare i rami secchi. Deve togliere alla Regione queste incombenze, questi lacciuoli, questi pesi che sono tutte quelle quote nelle varie società compartecipative fallimentari perché dobbiamo far tesoro di ogni minimo euro; ormai, non possiamo più pensare di poter sperperare o sprecare o lasciare le cose come stanno! Mi riferisco anche all’accorpamento degli enti: che senso ha avere 5 Asi dove si pagano 5 Presidenti, 5 direttori, 5 consigli di amministrazione, 15 revisori dei conti? Uno sperpero inutile. Basta accentrarli e cercare di renderli produttivi. Lo stesso vale per l’Afor: va subito attuata la legge per renderla produttiva. Per non parlare delle strutture socio-sanitarie! Parliamoci chiaramente -e concludo-, Presidente: sulle strutture socio-sanitarie, caro Presidente Scopelliti, va rifatto un ragionamento approfondito perché queste sono strutture di fondamentale importanza, soprattutto in un momento così delicato e di grande disagio economico. Vi pare normale - al di là se la Giunta regionale è questa, quella di prima o un’altra ancora – che una quota per il pagamento di queste rette deve poggiare esclusivamente sul sociale, sapendo che il sociale ha anche altri compiti e non ha la forza, poi, di poter corrispondere? Perché anche nel bilancio di previsione, nonostante questo incremento minimo di 3 milioni e 200, invece dei 40 milioni che servono a coprire quello che toccherebbe, per legge, a queste strutture, abbiamo messo 15 milioni di euro. Altro che assestamento! Dovremmo fare, caro ex sindaco Caputo, come mi insegni, molte variazioni per cercare di poter rimpinguare giustamente questo capitolo; allora, perché non andare a monte? Ecco la necessità delle riforme strutturali. Ricollochiamo la questione delle strutture socio-sanitarie, anche perché debbono adempiere a compiti, più che sociali, soprattutto sanitari, visto che imponiamo loro l’acquisizione di determinate figure professionali che hanno dei costi e che non sono solo figure di tipo sociale ma sono mediche e paramediche. Ricollochiamo una maggiore quota o, addirittura, integriamole completamente - visto che pare che, prima o poi, si risolverà la questione della sanità - nell’alveo naturale che è quello del settore della sanità, in modo tale da poter garantire lo stipendio ed il pagamento. Ecco, queste erano i punti che avrei voluto evidenziare. Concludo, caro Presidente, dicendo che paghiamo lo scotto di essere partiti con una grande euforia -vi conosciamo, ed era anche giusto e doveroso, conoscendo abbastanza i soggetti ed avendo vinto in quel modo. Era ovvio, ma si è perso molto tempo perché, strutturalmente, proprio per non arrivare a questa situazione deficitaria, anche oggi, nell’assestamento del bilancio, era necessario attuare rigorose politiche di contenimento dei costi strutturali, soprattutto negli enti strumentali e sub-governativi regionali e, nello stesso tempo, rilanciare le riforme strutturali per quegli enti che non possono più passivamente assorbire risorse. Grazie.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole De Gaetano. Ne ha facoltà.

Antonino DE GAETANO

Signor Presidente, onorevoli colleghi, credo che questo assestamento ci lasci molto perplessi. Perplessi perché – come diceva il collega Censore nel suo intervento durante la fase preliminare – lascia scoperte una serie di poste in bilancio che creeranno molti problemi nella nostra regione.

Vorrei chiedere all’assessore Mancini e al Presidente Scopelliti come mai non ci sono i soldi per pagare le spettanze degli Lsu e degli Lpu fino a fine anno, del precariato calabrese in genere finanziato dalla Regione, dei forestali; vorrei anche chiedere come intende la Giunta coprire queste risorse per pagare questi stipendi da qui a fine anno.

Di solito l’assestamento si fa una volta sola durante l’anno ed è veramente la prima volta che avviene in Calabria che con l’assestamento non si mettano in bilancio i soldi necessari per coprire fino a fine anno le spettanze di questi precari e dei forestali.

Dai calcoli che abbiamo fatto – non siamo matematici, ovviamente – nella migliore delle ipotesi si arriverà al 30 settembre. Credo che, veramente, in questo momento di grossa difficoltà a livello nazionale e di difficoltà in Calabria, non prevedere le spettanze per questi lavoratori e lavoratrici sia veramente un delitto; lo dico non per una critica strumentale alla Giunta ma per tentare di trovare una soluzione.

Noi, come Partito Democratico, siamo veramente preoccupati che da qui a qualche mese ci siano in Calabria forti e forti proteste, giuste proteste. Se il bilancio non copre queste poste in Calabria ci sarà sicuramente una grossa difficoltà; parliamo di migliaia e migliaia di persone che sono già in grosse difficoltà e che andranno a gravare ancora di più sul tessuto economico e sociale della nostra regione.

Credo, Presidente Scopelliti e assessore Mancini, che dobbiamo trovare, dovete trovare una soluzione. Noi lanciamo un grido di allarme. Abbiamo presentato col collega Principe e con tutto il gruppo un ordine del giorno che va in questa direzione. Non possiamo, in questo momento, in Calabria aggiungere questa grossa difficoltà e credo veramente, colleghi, che non possiamo non dar risposte in questo momento.

Il secondo punto: sulle politiche sociali credo che abbiamo fatto un ennesimo passo indietro.

Fuori ci sono i “gruppi appartamento” che stanno protestando e che, da qui a poco, secondo la Conferenza dei vescovi calabresi, chiuderanno, creando grosse difficoltà alle politiche sociali ed all’assistenza nella nostra Regione.

La Conferenza episcopale calabrese non credo sia un organismo di parte, ma pone dei problemi concreti sul tappeto e chiede alla maggioranza, alla vostra maggioranza, di risolvere questi problemi.

Noi, come opposizione, abbiamo il compito di sollevarli e di cercare di dare una voce a questo grido di dolore che viene dalla Calabria e questo lo faremo fino in fondo e saremo anche disponibili a votare dei provvedimenti, degli emendamenti che possano consentire di superare questi problemi.

Su questi due punti credo che oggi, come Consiglio regionale, abbiamo la possibilità di dare una risposta concreta altrimenti l’antipolitica sommergerà tutti indistintamente, maggioranza e minoranza.

Noi dobbiamo dare risposte, non possiamo oggi lasciare le cose come avete previsto in questo assestamento di bilancio.

Lasciatemi anche fare una critica. Non ho mai visto in questi anni – è la seconda legislatura per me – durante l’assestamento di bilancio la maggioranza proporre un ordine del giorno per risolvere i problemi.

Da che mondo e mondo la maggioranza per risolvere i problemi ha uno strumento che è l’assestamento di bilancio! Non si è mai visto che per risolverli si presenti un ordine del giorno dicendo “i problemi li risolviamo non ora ma dopo”. Questo non si è mai visto; veramente, è la prima volta che avviene in Calabria ma – penso - in tutto il Paese. E’ la prima volta che si ricorre ad un ordine del giorno quando c’è uno strumento ad hoc che è quello dell’assestamento e del collegato all’assestamento.

Questa scelta ci lascia basiti ed io chiedo ai colleghi di maggioranza di fare uno sforzo. Noi abbiamo presentato emendamenti vari come opposizione ma anche altri colleghi di maggioranza lo hanno fatto. Facciamo uno sforzo per risolvere i problemi della Calabria.

Su questi punti: lavoro/forestali, precariato Lsu e Lpu, lavoratori dei Parchi nazionali, lavoratori ex Telcal, lavoratori ex Sial, avevamo approvato, circa due mesi fa, un ordine del giorno, votato alla unanimità, dove si dava mandato alla Vicepresidente Stasi di organizzare un tavolo di concertazione per far ripartire l’anagrafe dell’ex Sial.

Dopo due mesi è lettera morta, niente è stato fatto. Anche su questo vorremmo avere delle risposte; parliamo di 56 persone, uomini e donne, che da mesi non lavorano più.

Dobbiamo capire una cosa: se gli ordini del giorno che si approvano in Consiglio regionale hanno un senso li presentiamo ma se se vengono approvati ed alla fine rimangono lettera morta è inutile presentarli e che facciamo i consiglieri regionali. Non ha più senso. Quest’Aula non ha più senso di esistere se i suoi deliberati approvati non sono portati avanti.

Si tratta di un deliberato approvato alla unanimità, Presidente Nicolò. Chiedo che la Presidenza si faccia carico di questa problematica e su questo ho presentato anche una interrogazione. E’ impossibile che dopo due mesi la Vicepresidente Stasi non convochi i sindacati per discutere come risolvere il problema.

Sui punti relativi al precariato in generale, ai forestali ed alle politiche sociali, credo che questo Consiglio regionale oggi debba dare una risposta. E voi come maggioranza, che ormai governate da due anni, siete costretti a dare una risposta, dovete dare una risposta alla Calabria. Come vedete non poniamo punti astratti ma concreti che riguardano lavoratori e lavoratrici in carne ed ossa.

Concludo, perché non voglio farla lunga. Come gruppo del Partito democratico, riteniamo che l’assestamento si potesse evitare perché nella sostanza non contiene niente. Non ci sono modifiche di legge, non mettete i soldi per pagare queste poste di bilancio, avete messo soltanto le risorse per la commemorazione di Mattia Preti, cosa importante e che richiede sicuramente una attenzione da parte della Calabria, ma credo che ci fossero altre emergenze più importanti da risolvere.

Penso che questo sia veramente un assestamento deludente e ci auguriamo che possa essere modificato mediante l’approvazione dell’articolato. Noi, come gruppo del Partito democratico, non faremo sconti, come ha detto il nostro Presidente Principe, e lavoreremo per migliorarlo punto su punto. Siamo ovviamente e veramente delusi da come questa maggioranza sta portando avanti le politiche economiche e sociali in Calabria.

Per questo credo che, ovviamente, il nostro voto sarà contrario ma - come dicevo prima - ci auguriamo che nel corso della seduta ci possano essere dei miglioramenti a cui daremo il nostro contributo, così come abbiamo sempre fatto in questi anni.

Caro Presidente, mi auguro quindi che alla fine di questa seduta almeno l’assessore Mancini risponda sui punti delicati che ho illustrato, perché la Calabria aspetta delle risposte concrete. Su questo, come Partito democratico, non faremo nessuno sconto.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Censore. Ne ha facoltà.

Bruno CENSORE

Grazie, Presidente. Intervengo sull’assestamento dopo averne seguito i lavori in Commissione e dopo che in Commissione ci siamo espressi in maniera fortemente critica e con un voto negativo.

Oggi voglio fare un ragionamento che, chiaramente, non vuol essere sempre lo stesso stereotipo che un rappresentante di opposizione interpreta per il ruolo che riveste e che chiaramente lo differenzia rispetto a chi governa, a chi fa le scelte, a chi fa la programmazione, a chi coordina le azioni per lo sviluppo.

Noi pensiamo che questo bilancio per essere seri ed equilibrati, ma anche per essere realisti e veri sia fallimentare. Esprimiamo un giudizio che non è di parte, ma che riflette le realtà; un giudizio, quindi, che riflette la realtà è vero e, nello stesso tempo, è rigoroso e se serve anche duro, perché noi partiamo dal fatto che questo assestamento che presentate oggi rappresenta un bilancio di mezzo, quasi metà legislatura. Può esser letto anche come una sintesi della vostra azione di governo, come un rendiconto per valutare l’incisività delle vostre politiche e della vostra azione di governo, per vedere e valutare come voi avete affrontato le criticità e le emergenze di questa regione.

Si tratta di un bilancio rispetto al quale non potete più addebitare le responsabilità a chi c’era in passato, perché governate da due anni e già deve essere visibile e tangibile la vostra azione. Chiaramente, siamo consapevoli che voi avete fatto l’assestamento in uno scenario che è cambiato dal punto di vista istituzionale e dal punto di vista della competenza delle Regioni. Lo ricordava anche l’assessore: Regioni che sono obbligate a raggiungere il pareggio di bilancio entro il 2012, con risorse sempre più scarse.

Però, al di là di questo, noi non vediamo nessuno sforzo, non vediamo un sussulto ma solo una manovra – lo diceva pure il collega Mirabelli – ingessata e che mobilita risorse molto ma molto esigue.

Se noi andiamo a guardare l’assestamento, ci chiediamo se questa riallocazione, al di là di quella inerente le risorse vincolate che ammontano ad oltre 40 milioni di euro, sia dovuta al Patto di stabilità o ad una inefficienza, perché questa riallocazione riguarda i fondi Por, riguarda i fondi della sanità e altre risorse importanti.

Su questo, chiaramente, aspetteremo una risposta. Questa finanziaria, quindi, mobilita risorse per 19 milioni con l’aggiunta di nuove spese per quasi 1 milione 200 mila euro. Una finanziaria incapace ed inconsistente dal punto di vista della possibilità di destinare risorse alle tante questioni che ricordava molto bene il collega De Gaetano e che noi abbiamo riportato in un ordine del giorno che, guarda caso, ha molto in comune con l’ordine del giorno presentato dalla maggioranza e illustrato in Aula dal collega Chiappetta.

Faceva bene il collega De Gaetano a dire che non ci sono le risorse per coprire tre mensilità dei lavoratori forestali. Ricordava bene che non ci sono le garanzie per la continuità degli emolumenti dei lavoratori Lpu ed Lsu. Ricordava, pure, che mancano dei soldi per svariate categorie di precariato e di lavoratori delle comunità montane, le risorse per gli “esodati” volontari della Regione.

Siamo innanzi ad un intoppo, ad una situazione di incapacità a dare risposte, siamo di fronte a dei buchi nel bilancio regionale, buchi ai quali voi cercate di mettere delle toppe che, però, non bastano più, perché siete voi stessi nella relazione a stimare il fabbisogno ed a dire cosa serve. Stimate un fabbisogno, per le questioni di questa Regione, di 200 milioni di euro. Ebbene rispetto a 200 milioni di euro voi rispondete con appena 19 milioni di euro che vanno a rifinanziare leggi regionali importanti. Sì! l’assessore Mancini ricordava che il 60 per cento va alle politiche sociali e il resto va alla protezione civile, all’ambiente, al turismo e alla cultura, ma se noi andiamo a vedere gli appostamenti non sono sufficienti; ad esempio, rispetto all’ambiente - mi limito a non citare la cifra altrimenti cadrei nel ridicolo - come si può fronteggiare il problema ambientale e le criticità del mare con risorse così esigue?!

Il paradosso viene dalle vostre stesse parole, dalle vostre stesse enunciazioni. Avete stimato questo fabbisogno ed avete detto che ci sono delle macchie, dei buchi in questo bilancio, ma quando avete presentato il bilancio preventivo avevate detto che con l’assestamento avreste risolto tutte le questioni emergenziali calabresi. Oggi ascoltiamo ed anzi abbiamo letto sulla stampa che vi preparate ad un altro assestamento, con il quale risolverete le questioni utilizzando un’alchimia che in contabilità non esiste.

Fate promesse da marinaio!

Forse perché ci sono le elezioni politiche volete fare un po’ di clientela e adesso non avete tirato fuori le risorse che tirerete fuori al momento giusto, alla bisogna.

Chiaramente i calabresi l’hanno capito ed oggi vi presentate in Aula un bilancio inemendabile.

Noi per responsabilità e per senso di governo non abbiamo proposto alcun emendamento perché è un bilancio così risicato che nemmeno la normale procedura emendativa consente di presentare degli emendamenti. Che avremmo dovuto fare? Presentare un emendamento per sottrarre 100 mila euro da un appostamento per portarlo ad un altro? E’ una cosa ridicola.

Pensiamo che ci debba essere un cambio di passo e lo abbiamo scritto anche nell’ordine del giorno che abbiamo presentato. Abbiamo detto che bisognava liberare risorse e riqualificare una volta per tutte questo bilancio.

Assessore Mancini, ho letto il resoconto di quel che tu hai detto in Commissione e cioè “che queste sono le entrate e parimenti questa è la spesa”. Una forza di governo non deve certificare solo questo ma deve liberare le risorse e vedere come, attraverso la revisione delle leggi che voi avete più volte annunciato e quindi tramite le riforme, liberare risorse per garantire i servizi ai calabresi.

Lo chiedeva pure il collega Mirabelli: dove sono queste riforme che voi avete sbandierato nel vostro programma di governo e che in occasione di ogni bilancio ribadite che farete?

Oggi abbiamo assistito da parte del capogruppo dell’Udc, Dattolo, alla presentazione di una proposta di legge per consentire l’ennesima proroga di Arssa e Afor. Proroga alla quale noi non daremo, chiaramente, un voto positivo.

C’è, quindi, una situazione grave e difficile di fallimento che voi dovete confermare. Anzi la certificate con le vostre parole. C’è una esperienza di governo che non va bene e non voglio esser cattivo.

Questo non lo dice Censore che è un rappresentante della opposizione e quindi è un rappresentante di un partito che deve solo vigilare, stimolare, controllare o magari urlare alla luna, lo dicono le organizzazioni sindacali e le rappresentanze della sanità privata che hanno utilizzato una pagina a pagamento sul Quotidiano della Calabria per dire che voi avete disatteso gli impegni che con loro avete assunto. Lo dice la Chiesa che vi ha bacchettato.

E’ vero che in questo assestamento avete messo il 60 per cento di queste risorse a favore delle politiche sociali ma è una risposta esigua rispetto ai bisogni di questa regione, ed è una risposta esigua rispetto ai vostri propositi.

Se ricordate, nel primo bilancio di previsione di questa legislatura avevate allocato 10 milioni per rispondere alla povertà. E dov’è l’emendamento, assessore, di cui avevate parlato in Commissione dicendo che era a firma congiunta di maggioranza e minoranza a favore delle case-famiglia? C’era stato un vostro impegno già nell’altro bilancio. Chiamo i colleghi di maggioranza che in Commissione hanno portato avanti una battaglia a favore di questo emendamento: i colleghi Morrone e Nucera. Nella sua relazione io non ho visto aperture rispetto a questo.

In questo bilancio non c’è una risposta adeguata alle politiche sociali, alla inclusione sociale, alla disabilità.

Siete inadeguati!

Non lo dico io, ma il Presidente di Confindustria che non è certo vicino alle mie posizioni. Lo ha detto una volta nel criticarvi per quanto riguarda i bandi per il turismo e vi ha detto che se non avrà risposte – finisco – adirà le vie legali.

E’ una manovra che non ci soddisfa, che non fa crescere la Calabria, soprattutto in un momento difficile, in un momento congiunturale in cui c’è la crisi. Quindi, è un bilancio - per ripetere una parola che tutti diciamo – asfittico, senza respiro.

Noi da parte nostra, nell’interesse dei calabresi, vi chiediamo un sussulto, uno scatto che va nella direzione di dar risposte serie a questa terra. Non possiamo fare la politica del “poi”: oggi prendo l’impegno per domani.

La Calabria è stanca e da voi aspettiamo una risposta concreta e decisa perché la Calabria è una straordinaria terra con un immenso patrimonio caratterizzato da capitale umano di valore, con un patrimonio paesaggistico e ambientale ed è necessario che questo patrimonio sia messo a valore; per questo, come Partito Democratico, esprimiamo un no e quindi un dissenso a questa vostra politica che è fallimentare e che è fatta di impegni disattesi. Grazie.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Orsomarso. Ne ha facoltà.

Fausto ORSOMARSO

Grazie, Presidente. Il quasi comizio del collega Censore richiamava al clima di campagna elettorale e d’altronde leggevo, qualche giorno fa, sui giornali che qualche giovane dirigente del Partito democratico consigliava al suo Partito, che non riesce a fare le primarie per gli uomini, per lo meno di fare le primarie per le idee.

Penso sia calzante in questo dibattito; collega Censore, lei ha detto tante cose giuste e penso che l’assessore Mancini in primis, in un momento straordinario non tanto per la Calabria ma per il mondo, cerchi di mettere in campo le giuste politiche di bilancio e di programmazione. Insomma, la Giunta Scopelliti e penso anche noi della maggioranza possiamo sempre augurarci, attraverso gli ordini del giorno, che sono da stimolo, e la consuetudine degli incontri e delle riunioni, di migliorare il nostro lavoro.

Nessuno è perfetto e noi abbiamo la convinzione che si possa far meglio e di più. Però, da un partito importante come il Partito democratico, fatte salve le primarie delle idee, pensiamo che possa rappresentare una nota stonata per le problematiche serie che ci sono e che vengono da lontano. Se penso alle problematiche della cosiddetta quota sociale, nel bilancio del Presidente Loiero mancavano 30 milioni non i 20 che oggi si riducono a 16 nell’assestamento; c’è grande preoccupazione e condivisione di chi come noi continua a visitare - perché lo fa da sempre come scelta di vita – le case famiglia, settore in cui interviene e in cui trovano ristoro gran parte degli anziani o chi ha problematiche serie per quanto riguarda il sociale.

Va da sé che è ovvio noi si possa migliorare. Ad esempio, su quello che abbiamo realizzato nella prima fase, cioè le risorse di 15 milioni, accelerare da un punto di vista burocratico - che è un problema storico di questa Calabria –, migliorare l’efficienza della nostra azione.

Credo, invece, che per quanto riguardi il giudizio sul bilancio, se si è forze politiche serie, non si possa parlare come cittadini comuni che non sono informati sulle dinamiche politiche, sociali ed economiche dell’intero Stato. Al di là di tutti gli sforzi - e tanti ne ha fatto l’assessore Mancini nel redigere questo assestamento di bilancio e quindi la maggioranza di governo - noi guardiamo con grande interesse a quel che accadrà il 28 giugno in Europa con i leader europei. Questo è il dibattito serio.

E se penso alla Calabria, alla mia Calabria, alla nostra Calabria, in riferimento a problematiche che evidenziava anche il collega De Gaetano, relativamente ai forestali e quant’altro, problematiche ataviche, noi ci auguriamo che ci sia la possibilità di non computare nel Patto di stabilità gli investimenti, che ci sia data la possibilità di rilanciare tutta una serie di azioni.

Un altro tema centrale, disonesto culturalmente, intellettualmente e politicamente lo riscontro quando si dice “Scopelliti ha fallito”; ricordo queste espressioni non oggi, a due anni, quindi al giro di boa necessario, ma appena ci siamo insediati; ancora doveva insediarsi questo governo regionale, questo governatore, e già si parlava di fallimento annunciato.

Va da sé che commemorare Mattia Preti significa non morire da un punto di vista culturale ma, nel frattempo, si cerca di far fronte ad emergenze sociali di una portata rilevante, specie quando c’è personale importante che non percepisce lo stipendio da circa dieci mesi.

Un ulteriore assestamento a settembre non è mai stato ipotizzato in questi anni, grazie ad un lavoro serio; la cosiddetta spending review che i tecnici tentano di realizzare a livello nazionale non è mai stata fatta in nessuna Regione. Penso si possa dire oggi a chi ci ascolta, ai calabresi, senza autoassolverci su problemi che rimangono sul campo e su cui bisogna confrontarsi, che una quota parte trova spazio in questo assestamento e da settembre ci sarà, grazie ai risparmi sulla sanità, la vera spending review; questa classe di governo anziché fare scelte che consentissero un periodo di stagione di tranquillità, di normalità, ha previsto una razionalizzazione finanche nei centri di potere, riducendo i consigli di amministrazione da 5 unità a 3, i Collegi dei revisori da 3 a 1. Questo è il dato di fatto, questa è la storia reale. Poi, se vogliamo fare i comizi, parliamoci addosso.

Allora, la vera grande responsabilità sta nel dire le cose, con grande umiltà, valutando, eventualmente, gli errori della nostra azione di governo che possono esserci sempre; non abbiamo capacità idolatrici per cui devo necessariamente dire che “tutto va bene, madama la marchesa”.

Spero che la valutazione finale sul nostro operato arrivi alla fine dei cinque anni - noi ci auguriamo dieci - perché continuiamo a pensare che sia da guardare positivamente un governo regionale che comincia a realizzare dei risparmi; si parla di 38 milioni di euro da percepire sulla sanità a settembre, da mettere in quota parte, se non ho capito male, nei trasporti, nei settori della sanità e del sociale.

Ritengo che questo sia l’unico messaggio serio che oggi possiamo affidare ai calabresi, chiedendo, alla politica di guardare alla Calabria e soprattutto ai suoi giovani.

Ho consigliato – e continuerò a farlo quotidianamente – al Presidente Scopelliti che le cariatidi, siano esse politiche o siano esse manageriali di tutti i livelli, della Confindustria, del sindacato, non vadano più ascoltate ed uno spazio nuovo, importante, serio bisogna, quindi, darlo a chi non ha cognomi illustri affinché sia dato loro spazio nella dinamica economica e sociale di questa Calabria.

L’unica cosa che mi sento di dire – e spero non risulti anche questo in toni comiziali – è che rimangono aperte delle questioni e l’onorevole Mancini le conosce fino in fondo e cerca di dimensionarsi mettendo la faccia sulle problematiche; però, noi possiamo dire ai calabresi, con l’ulteriore assestamento che si potrà realizzare a settembre, che il massimo che si doveva fare negli anni d’oro noi l’abbiamo già fatto in questi due anni, perché la spending review su sanità, su trasporti, sui consigli di amministrazione noi l’abbiamo già realizzata, poi ci sarà una seconda fase che riguarderà anche tagliare i carrozzoni inutili.

Se Dio vuole, se ci sarà una congiuntura positiva, – tra l’altro quella è la vera politica internazionale più coerente e più importante – attueremo una politica per la crescita che andrà in sintonia con le nostre politiche di rigore, ma il messaggio serio da trasferire, nonostante l’ulteriore sacrificio di questa manovra è che tutto quello che andava fatto è stato già fatto.

Noi avremo, in prospettiva, tre anni di discesa, in cui la programmazione che avviene nel campo delle politiche sociali abitative dell’assessore Gentile, della cultura, delle attività produttive – io ringrazio l’assessore Caridi che si spende in tutte le province senza pensare a territori che sono di tipo elettorale – darà il massimo, nonostante i sacrifici e la spending review seria.

Quindi, nel sostenere con forza questo assestamento di bilancio e il lavoro dell’assessore Mancini – che ringraziamo – dico di guardare con fiducia al futuro, un futuro che non dipende soltanto da noi e dalla nostra azione di classe dirigente attenta, intelligente e puntuale ma anche dalla capacità dell’opposizione di non puntare su argomenti populistici: “non si pagano le persone…”.

Se non si è d’accordo sulle scelte, bisogna incalzare la macchina burocratica che deve funzionare di più, si deve puntare sull’efficienza di una programmazione perché, onorevole Censore, la quota residua che si dà alla protezione civile per intervenire sul mare non pulito appartiene più o meno a quel gran numero di sindaci, molti targati Pd, che non è stato capace, con i 38 milioni di euro messi nella programmazione per intervenire sul mare, nemmeno di fare un bando; esiste solo un Comune nella provincia di Cosenza – che io ricordo – quello di Bonifati che ha attirato queste risorse. Da una parte bisogna spendere bene i fondi Por e dall’altra chiediamo di intervenire su un problema atavico.

Penso, quindi, che, se noi dovessimo fallire, sia giusto che la classe dirigente italiana, compresa quella calabrese, ci metta la faccia ed abbia il coraggio di non ripresentarsi più all’opinione pubblica. Questo è il tema vero. Noi, mettendoci la faccia, diciamo che due anni difficili sono passati e la spending review seria l’abbiamo realizzata.

Guardo con fiducia – e se non dovesse essere così, vorrà dire che questo centro-destra, il governo Scopelliti avrà fallito e noi insieme a lui – ed auspico che arrivino tre anni in cui, con il contributo anche dell’Europa e del nostro stato produttivo, la Calabria possa trovare la propria ragion d’essere.

In Calabria non esiste la dinamica nazionale e internazionale con una sua fisionomia, non si sa se è regione turistica, non si sa se è regione ad attività produttive. Questo penso sia il messaggio da trasmettere: si discute delle cose serie, consapevoli delle problematiche che rimangono sul campo e certi che si possa trasmettere fiducia ai calabresi, perché sono programmati gli interventi; è stata già annunciata un’ulteriore manovra correttiva: siamo solidali con chi soffre, ognuno potrà farlo anche personalmente nella dinamica che appartiene alla propria vita privata, però lanciare un messaggio che si discuta delle cose serie.

Riforme ne abbiamo fatte tante. Mi auguro che i bilanci futuri e tutta la programmazione, soprattutto dei fondi Por, possano lenire questioni importanti e soprattutto possano caratterizzarci come Regione normale, cosa che non è stata in 40 anni di regionalismo.

PRESIDENTE

Per l’opposizione ha chiesto di intervenire l’onorevole Ciconte. Ne ha facoltà.

Vincenzo Antonio CICONTE

La manovra finanziaria presentata dalla Giunta regionale, su cui il Consiglio è chiamato ad esprimersi, è una semplice operazione contabile basata sul riaccertamento dei residui attivi, passivi ed in perenzione amministrativa, che tenuto conto della riallocazione obbligatoria di fondi vincolati, Por, sanità, altri fondi statali, rende disponibili appena 19,3 milioni di euro. Si tratta di una somma modestissima, una semplice goccia d’acqua nello stagno assolutamente insufficiente a fornire qualsiasi risposta convincente alle tante ed annose questioni aperte in Calabria: mi riferisco alle migliaia di precari in attesa di stabilizzazione; alle tante strutture socio-assistenziali che rischiano la chiusura; al sistema dei trasporti, i cui tagli non solo incidono sul mantenimento dei posti di lavoro, ma privano tantissimi cittadini di uno dei servizi essenziali; ai lavoratori idraulico-forestali, per i quali non esiste la copertura per il regolare pagamento per l’intero anno dei loro salari; ai circa 400 dipendenti delle comunità montane, che già da mesi non percepiscono lo stipendio.

Quelli citati sono solo alcuni casi, ma potrei continuare nell’elenco delle emergenze. La drammaticità della situazione richiederebbe un maggiore impegno, una maggiore capacità programmatica e riformatrice, per mettere ordine nel complesso sistema istituzionale calabrese e soprattutto per semplificare e rendere più produttivi e meno costosi i vari enti e fondazioni regionali.

Invece, nulla di tutto ciò, assistiamo solo all’enunciazione di proclami, a dichiarazioni di buona volontà, mentre niente accade, tutto rimane come prima, caro onorevole Orsomarso, a causa di problemi esistenti all’interno della maggioranza, che impediscono il varo di qualsiasi progetto di riforma, cosicché, a distanza di oltre due anni dall’avvio dell’attuale legislatura, la sanità rimane commissariata, non esiste alcun progetto di riforma dell’organizzazione sanitaria regionale e non viene garantita la piena integrazione tra politiche sociali e politiche sanitarie. Non si discute il Piano regionale dei trasporti, non è stata approvata la riforma dell’Arssa e dell’Afor, non è stata presentata alcuna proposta di riorganizzazione e di integrazione del sistema della formazione professionale con quello scolastico.

Mi limito solo a questi pochi esempi, ma potrei continuare. Non mancano, però, le iniziative roboanti, i proclami, per ultimo la parata a Cosenza con il Presidente del Senato, Schifani, sull’Unione dei Comuni. Solo buoni propositi, ma nulla di concreto, semplici iniziative propagandistiche volte a condizionare l’opinione pubblica, mentre occorrerebbe altro. L’attenzione della Giunta regionale nei confronti del sistema calabrese delle autonomie locali è scarsa o quasi inesistente, prova ne è il fatto che, a distanza di oltre cinque anni dall’istituzione del Consiglio regionale delle autonomie locali, legge regionale numero 1 del 5 gennaio 2007, questo importante organismo costituzionale non si era ancora insediato; inoltre, nel bilancio della Regione, nessun incentivo è previsto per la costituzione dell’Unione dei Comuni.

Basta, perciò, con la propaganda, occorre passare ai fatti. Solo un’incisiva politica riformatrice, fondata sul rigore delle scelte, sulla semplificazione e riduzione dei vari enti strumentali della Regione può smuovere le acque, liberare risorse per dare risposte ai bisogni dei cittadini calabresi.

La manovra che ci è stata presentata non compie nessuno sforzo in tale direzione, non risolve alcun problema, per cui non può ottenere il consenso del gruppo Progetto democratico, a nome del quale esprimo voto contrario.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Pacenza. Ne ha facoltà.

Salvatore PACENZA

Grazie, Presidente. E’ stato definito opportunamente, quello che andiamo oggi a votare, un bilancio di serietà. Mi pare che l’affermazione fosse dell’assessore Mancini al quale come è stato detto va dato il riconoscimento e il ringraziamento per l’impegno ed il risultato raggiunto rispetto ad una condizione estremamente difficile e di difficoltà che viene da lontano e non solo, relativa alla nostra regione.

Mi sembra che ci sia un nodo centrale sul quale dover discutere, dopo aver ascoltato gli interventi dei colleghi della opposizione che, obiettivamente, fanno il loro lavoro e mettono in campo quello che un consigliere di opposizione deve fare.

Credo che onestà intellettuale voglia ed imponga che una serie di informazioni, che sono state fornite in quest’Aula, debbano avere delle precisazioni, delle sottolineature perché si rischia di dare un messaggio sbagliato ai calabresi che devono essere informati nel bene e nel male su cosa si va oggi ad approvare e quali sono le condizioni nelle quali questo bilancio di assestamento va ad essere approvato.

E’ stata più volte sottolineata l’entità della cifra, circa 20 milioni, 19 milioni 300 mila euro, rispetto ai quali l’assessorato e tutta la maggioranza ha dovuto prendere delle decisioni di intervento. Ebbene, questi interventi sono stati calibrati in quei settori che in questo momento rappresentano e determinano una serie di emergenze nella nostra regione.

Si parlava prima di strutture socio-assistenziali. Ebbene, chi è che non sa, nei nostri vari territori, quali difficoltà esistono all’interno di queste strutture? Chi non sa e chi non condivide il compito sociale che svolgono all’interno dei nostri territori queste strutture? Chi non sa quanto importante sia dar respiro economico e finanziario a queste strutture?

Ebbene, una parte di questo assestamento di bilancio è stato dedicato proprio a questo problema. Sappiamo bene che non è esaustivo l’intervento. Vi è stata una quantificazione che ha sostanzialmente identificato, in circa 20 milioni complessivi, la cifra che servirebbe per pareggiare in questo momento le esigenze di queste strutture.

Capite bene che non è un intervento che è possibile consumare in un’unica soluzione. Capite bene che esiste quell’aspetto centrale che forse è stato volutamente messo da parte, caro assessore Mancini, che è il Patto di stabilità.

Mi sa che diversi interventi, volutamente o perché conveniva non menzionarlo, hanno dimenticato che, pur eventualmente in presenza di risorse finanziarie disponibili, c’è questo benedetto Patto di stabilità che limita fortemente l’intervento dell’amministrazione regionale.

Ed in base a questo sono sicuro che il dipartimento ha ragionato e si è rapportato con i problemi. E gli interventi oltre a quelli socio-assistenziali hanno riguardato i trasporti, il turismo, la protezione civile e l’ambiente. Interventi che non devono essere confusi - come ho sentito poc’anzi da parte di un collega di opposizione - con l’esaurimento dell’intervento in un settore.

Si parlava dell’ambiente e sicuramente 500 mila euro sono pochi, ma non è quello l’intervento relativo all’assestamento del bilancio, che risolve il problema dell’ambiente.

Diceva bene il collega Orsomarso quando faceva riferimento ai 38 milioni di euro messi a disposizione dei comuni di tutta la Calabria e rispetto ai quali vi è stato un intervento sicuramente non incisivo da parte dei Sindaci a cui era indirizzata questa tipo di soluzione strutturale relativamente ad un contesto che tutti quanti conosciamo esser critico nella nostra regione.

Per cui l’ordine del giorno presentato dal capogruppo del mio partito, onorevole Chiappetta, va proprio in questa direzione. Va nel senso, ovviamente, di sapere e di conoscere adeguatamente quello che è attualmente il vulnus e le carenze in settori strategici della nostra regione.

L’ordine del giorno serve ad impegnare la Giunta su problemi ancora aperti e rispetto ai quali anche noi sappiamo che non vi è stato un intervento, ovviamente non per volontà politica ma perché le condizioni finanziarie in questo momento non lo hanno permesso.

Abbiamo raccolto anche quelli che sono stati gli stimoli che vengono al di fuori della politica. Il Presidente Scopelliti ha risposto allo stimolo che la Conferenza episcopale calabra ha inviato alla politica e quindi all’amministrazione regionale.

Ben vengano questi stimoli e questi atteggiamenti propositivi perché, evidentemente, è un impegno che deve essere consumato insieme fra la politica e quello che le gira intorno, in questo caso la Chiesa che ha un atteggiamento propositivo e del quale, ovviamente, abbiamo intenzione di tenere assolutamente conto.

Chiudo con quello che ricordava poc’anzi l’onorevole Orsomarso perché mi sembra – nel ragionamento politico che abbiamo oggi affrontato – fondamentale. La spending review questa Regione l’ha avviata da un po’ di tempo a questa parte. Si attendono, stiamo attendendo, ormai sono prossimi i risultati di questa revisione ed i risultati, i rendiconti anche di tipo ragionieristico-finanziario di questo intervento di revisione porteranno ad aver a disposizione fondi da utilizzare opportunamente in quei settori che oggi sono stati ampiamente discussi e dibattuti da quest’Aula. Grazie.

PRESIDENTE

Grazie, onorevole Pacenza. Ha chiesto di parlare l’onorevole Giordano. Ne ha facoltà.

Giuseppe GIORDANO

Grazie, Presidente. Il mio sarà un intervento sintetico per non ripetere quella che è stata una coralità di giudizi e di analisi che, oggi, ci vedono discutere di un assestamento che rappresenta il suggello di due anni in cui questa amministrazione ha sancito un fallimento totale rispetto ai bisogni della Calabria.

La cartina di tornasole di quel che sto dicendo è il troppo frettoloso voto del rendiconto di gestione. Un rendiconto di gestione dove i parametri, gli indicatori sono impietosi. Un aumento dei residui attivi che si sono formati nel 2011 superiore di 56 punti; 7 punti del valore globale rispetto ai residui provenienti dagli esercizi precedenti. Lo stesso piano dei pagamenti che doveva servire ad inquadrare una direttrice per rispettare il patto di stabilità.

Se da un lato fa rientrare, nel rispetto dei parametri di un Patto che è stato definito come un cappio per questa Regione e per tutti gli enti locali, dall’altro lato sancisce anche qui una incapacità di rispondere rispetto ai pagamenti in termini di competenza, quindi una incapacità di affrontare e di aggredire i veri sprechi, le vere questioni sulle quali questo Governo in due anni non ha inteso incidere.

Delle riforme strutturali che potevano servire a liberare risorse copiose per dare risposte ad una Calabria che sta boccheggiando, sta scivolando.

La questione degli Lsu e degli Lpu che è stata ricordata da qualche collega che mi ha preceduto e quella del welfare che sta diventando esplosiva in questa Regione: a fronte di un fabbisogno stimato in 35 milioni di euro il bilancio ne aveva individuato la metà.

Noi nel bilancio avevamo visto giusto e avevamo lanciato un allarme. Ricordo dai banchi della maggioranza qualche collega capogruppo che oggi è sui banchi della Giunta che disse: risolveremo il problema in fase di assestamento.

Ebbene l’assestamento è il secondo momento fondamentale di una politica che non ha saputo darsi un programma, una strategia per affrontare i veri nodi di questa Regione.

La movimentazione di questo fabbisogno è di 19 milioni di euro. Abbiamo voluto fare degli emendamenti, ma non di spesa, il classico assalto alla diligenza o il tipico emendamento dal sapore populistico per dire risolviamo noi i problemi della opposizione della Calabria.

Abbiamo voluto anche proporre delle operazioni “chirurgiche”, delle scelte politiche precise che vanno nella direzione di rispondere ai veri problemi di una Calabria che sta scivolando – ed è dire poco – rispetto a questioni che possono essere risolte e supportate da altro tipo di intervento.

Gli emendamenti vanno a ridurre le azioni non strategiche e anche quelle dove ci sono dei programmi di spesa ai quali si possono agganciare, quali i Pisl. Abbiamo voluto incidere sul sociale, abbiamo voluto dare una risposta ai gruppi appartamento e alle case famiglia con un emendamento che è stato giudicato coralmente e positivamente dalla intera Commissione e che, tra l’altro, abbiamo condiviso con il collega Aiello.

Abbiamo voluto dare un segnale e l’appello che facciamo è questo: valutare bene le nostre proposte. Sono proposte possibili che anche con poche risorse riescono a dare risposte immediate, a risolvere problemi immediati di questa regione. Questo è l’invito che mi sento di fare alla Giunta e al Governatore che mi sta ascoltando, all’assessore Stillitani che, tra l’altro, è la persona più direttamente interessata da queste questioni.

Voglio ricordare anche un’altra questione che affrontammo più volte nel bilancio e durante i question time: quello delle vittime e dei familiari degli incidenti sui luoghi di lavoro. Ricordo l’appello che l’assessore fece al Consiglio.

Oggi, assessore, ho proposto degli emendamenti che vanno a recuperare in settori non strategici dove non produrrebbero nessuno squilibrio né di carattere finanziario né di carattere di risposta sociale.

Ebbene, assessore, faccio anche a lei questo appello di valutare bene queste nostre proposte perché sono risposte che possono risolvere problemi a cui, voi stessi, vi siete più volte appellati.

Concludo dando purtroppo un giudizio che non è per partito preso o perché siamo della opposizione, non avremmo fatto gli emendamenti se non avessimo voluto dare un taglio anche proposito, di stimolo e collaborativi.

Purtroppo il giudizio complessivo di questo assestamento ma che poi è la sommatoria, la risultante di politiche di questi due anni e mezzo, è negativo.

Ci appelliamo affinché si inizi ad invertire la tendenza, e soprattutto l’appello lo rinnovo rispetto ad una chiave di lettura che non deve essere un fuoco di sbarramento alle proposte che abbiamo fatto ma che vengano valutate per l’effettiva incidenza che queste nostre idee possono fare per risolvere i problemi della Calabria.

PRESIDENTE

Grazie, onorevole Giordano. Ha chiesto di parlare il capogruppo del Pdl, onorevole Chiappetta. Ne ha facoltà.

Gianpaolo CHIAPPETTA

Intervengo perché non vi sono altri colleghi iscritti a parlare non perché io possa concludere i lavori, perché i lavori li dichiara conclusi il Presidente del Consiglio. Io e lei, Presidente, che non siamo alla prima nomina, sappiamo bene quali sono le regole dell’Aula ed i Regolamenti.

Grazie, Presidente, per avermi concesso la parola. Cercherò, nei limiti di quelle che saranno le mie riflessioni e le mie osservazioni, di essere il più sintetico possibile.

Ho ascoltato con grande attenzione gli interventi di tutti i colleghi qui in Aula, sia di maggioranza che di minoranza, e devo dire la verità, dopo aver ascoltato i colleghi Pacenza ed Orsomarso, avrei potuto fare a meno di intervenire.

Tuttavia, caro Presidente, sulla base delle problematiche che oggi ci accingiamo ad esaminare da cui poi discenderà il voto finale, anche sulla base degli interventi che ci sono stati, voglio fare anche io qualche considerazione.

E parto non da lontano altrimenti contraddirei quello che ho detto un attimo fa. Credo che sia opportuno partire da quella che è la criticità che in questo momento sta vivendo il Paese a livello nazionale e le cui ripercussioni negative vi sono naturalmente anche a livello regionale.

Ho ascoltato gli interventi degli ultimi colleghi ed, in particolare, del collega Giordano. Ho segnato quando dice “tentiamo di risolvere noi la situazione calabrese”.

Vede, caro collega Giordano - e lei lo sa bene perché siamo colleghi, fra l’altro, non solo in Consiglio ma anche nell’apposita Commissione consiliare che è quella delle attività sociali - noi stiamo tentando, sia pure nelle ristrettezze del periodo che stiamo vivendo e delle difficoltà che non sono soltanto di ordine economico, di tentare di risolvere le criticità, le disfunzioni, le anomalie e la situazione difficile che il Paese sta vivendo. Naturalmente non abbiamo la presunzione di ritenere di avere la bacchetta magica.

Ciò che noi stiamo tentando di fare, e devo dire la verità anche in alcuni frangenti con l’apporto collaborativo, significativo, rilevante e positivo - così come si verifica spesso per come lei sa anche in Commissione sanità -, da parte della minoranza alla quale riconosciamo, come maggioranza, un ruolo importantissimo e fondamentale.

Tuttavia, credo che si debbano chiamare le cose per nome e per cognome anche per avere la serietà e la credibilità di soggetti istituzionali così come quella che, sono certo, ciascuno di noi ha in questo Consiglio regionale.

E se proprio vogliamo parlare di criticità, di anomalie, di disfunzioni e di cose che non vanno sarebbe anche facile per noi partire da tutto quello che non è andato soprattutto negli ultimi anni per poter dire “noi stiamo tentando di aggiustare quello che con grande semplicità non si era tentato di fare in passato”.

Mi dispiace che non sia in Aula il collega De Gaetano perché quando evidenzia una serie di criticità che, a suo parere, si sarebbero create in questi due anni, la domanda che gli si potrebbe rivolgere è “perché queste cose non sono state fatte nei 5 anni in cui ha governato il centro-sinistra?”.

Ma nello spirito collaborativo e costruttivo che credo debbano avere tutte le forze politiche presenti in Consiglio regionale, atteso anche il momento particolare, non voglio assolutamente scendere in polemica perché, altrimenti, tradirei quello che ho detto in premessa. Tuttavia, caro Presidente e cari colleghi, qualcosa bisogna pur dirla.

In questo quadro complessivo che è stato sapientemente ed anche esaustivamente illustrato dai relatori di maggioranza - e mi riferisco sia al Presidente della Commissione bilancio, Imbalzano, che all’assessore al ramo, Giacomo Mancini -, sono convinto che non si possa non partire dal fatto ed evidenziare che questo quadro complessivo, nazionale e quindi anche generale, sia aggravato almeno da tre fattori che nell’ordine sono: la riduzione dei trasferimenti dello Stato centrale, i debiti pregressi della sanità e - vedete, cari colleghi - un particolare non trascurabile è il terzo aspetto che l’assessore Mancini ha fatto bene ad evidenziare in Aula ossia il rispetto del patto di stabilità rispetto al quale non si può derogare né in relazione a quelle che sono le risorse che devono essere mobilitate né, tanto meno, soprattutto in considerazione della responsabilità che appartiene a chi si propone come classe dirigente di questa nostra Regione.

Presidente, relativamente al primo punto cercherò di essere il più sintetico possibile: vorrei richiamare l’attenzione da parte di tutte le forze politiche presenti in questo Consiglio regionale ed, anzi, aggiungo da parte di tutte le forze politiche responsabili presenti in questo Consiglio regionale, sulla riduzione dei trasferimenti da parte dello Stato centrale; infatti, solo nel recente passato, nel 2011, sono stati tagliati trasferimenti verso la Regione Calabria per circa 170 milioni di euro e nel 2012 per circa 190 milioni di euro. Somme che, si comprende bene erano assolutamente indispensabili per finanziare il fabbisogno corrente non coperto da risorse autonome.

Sul punto vi è da dire - vedete non lo dico per vincolo e adesione alla maggioranza - che la Giunta regionale guidata dal Presidente Scopelliti e la maggioranza che la sorregge, hanno agito in maniera preventiva e con oculatezza, perché - anche qui a me preme rimarcarlo e lo vorrei ricordare ai colleghi - con l’approvazione della legge regionale numero 22 del 2010, intitolata “Misure di razionalizzazione della spesa pubblica”, si è proceduto ad una generale riduzione delle spese di funzionamento del sistema regionale sia della amministrazione regionale in senso stretto che anche del sistema pubblico per così dire allargato ossia società, enti, aziende ed agenzie che fanno riferimento alle agenzie regionali.

Il secondo punto che ho richiamato in premessa riguarda i debiti pregressi della sanità.

Tralascio per amor di patria quel che si è verificato nell’ultimo quinquennio e lo faccio ancora una volta non per spirito polemico ma solo per evidenziare la storicità di alcuni dati che non possono non essere considerati riferimenti dai quali partire. Tralascio tutto quello che è stato, ma dico che sicuramente anche i debiti pregressi della sanità ed in particolare i 400 milioni del prestito statale destinato alla copertura del disavanzo e anche l’enorme mole di pignoramenti subita sia nel 2011 che nel 2012, non potevano non appesantire quella che è anche, poi, la problematica delle risorse da indicare nel bilancio.

Infine, il rispetto del patto di stabilità, e qui, assessore Mancini, credo che sia opportuno rimarcare qualche aspetto in più. Nel 2010, malgrado un obiettivo programmatico di spesa abbastanza penalizzante, 1.420 milioni, il patto di stabilità è stato rispettato, cosa che è passata sotto silenzio. Così come è passato sotto silenzio – e lo voglio evidenziare – che in questi due anni di consiliatura del Presidente Scopelliti, le due manovre di bilancio, le cosiddette leggi finanziarie, a differenza di quello che è accaduto in 40 anni di regionalismo, sono state approvate nelle scadenze previste ed anche l’assestamento di bilancio viene ad essere approvato – oggi è il 26 giugno – entro la data del 30 giugno prevista dalle norme regolamentari.

Credo che questo – il mantenimento del rispetto del patto di stabilità – sia costato uno sforzo organizzativo notevole che ha evitato, di fatto, il dissesto finanziario dell’Ente poiché, come sappiamo tutti anche chi non si intende di bilancio, se non si fosse rispettato il patto di stabilità, si sarebbe dovuto versare all’entrata del bilancio statale, entro 60 giorni, l’importo corrispondente alla differenza tra il risultato registrato e l’obiettivo programmatico pre-determinato.

Tralascio, naturalmente, di parlare della manovra nel dettaglio perché sia il Presidente della Commissione bilancio che l’assessore al ramo hanno avuto la possibilità di poterla illustrare esaustivamente e sinteticamente nel dettaglio.

A me interessa, poi, evidenziare – giusto perché qualcuno lo ha ripreso nelle sue osservazioni e lo ha fatto il collega De Gaetano, lo ha fatto il collega Censore, lo ha fatto anche il collega Giordano – la necessità – e mi avvio alla conclusione, Presidente – di questo ordine del giorno che è stato approntato dalla maggioranza e che qualcuno ha definito un ordine del giorno per risolvere i problemi dei quali in 40 anni di regionalismo non c’era mai stata traccia.

Avevo chiesto al Presidente Talarico ad inizio dei lavori di questa seduta consiliare che si potesse discutere, rappresentare e si potesse – speravo – approvare questo ordine del giorno prima ancora dell’inizio della discussione sull’assestamento di bilancio. Perché, vedete, questo ordine del giorno, che come maggioranza abbiamo presentato all’attenzione e all’esame di tutte le forze politiche presenti in Consiglio regionale, non è un manifesto politico, non sono dichiarazioni di intento ma sono considerazioni esplicitate attraverso tre fra le diverse problematiche che affliggono la Regione Calabria e che, a nostro parere, meritano attenzione. Così come la meriteranno non solo per essere inserite in questo apposito ordine del giorno ma soprattutto perché le stesse possono essere oggetto di specifica trattazione in sede di un ulteriore assestamento di bilancio, che si prevede possa venire alla luce fra settembre e ottobre.

Vedete, se questo assestamento di bilancio sarà possibile, lo sarà anche e soprattutto per una rigorosa azione di risanamento dei conti della sanità che potrebbe mobilitare delle risorse finalizzandole a quelle che, a nostro parere, sono considerate le emergenze fra le emergenze calabresi.

Non c’è da meravigliarsi se prima ancora della presentazione all’Aula di questo ordine del giorno il sottoscritto, nella sua qualità di capogruppo del Popolo della libertà, ha chiesto anche alle forze politiche responsabili presenti in questo Consiglio regionale di non far mancare il sostegno a questo documento che, ripeto, non è un documento politico e non è una dichiarazione di intenti ma è un cronoprogramma rispetto a quelle che sono le criticità tra le emergenze calabresi da sottoporre come Consiglio regionale. L’invito lo rivolgo ancora di più alle forze presenti in Consiglio regionale ed è indirizzato al suo Presidente, al Presidente Scopelliti e alla Giunta affinché si tenga conto, in sede di questo ulteriore assestamento di bilancio, di dare priorità a queste fra le priorità e le emergenze calabresi.

Quali sono queste emergenze fra le emergenze calabresi? Noi ne abbiamo indicate tre fra le tante.

La prima. Di recente abbiamo adottato un provvedimento legislativo, ad onor del vero votato anche dalle forze di maggioranza, che, attraverso una interpretazione aderente a quella che è la realtà legislativa, ha favorito in passato il personale del Consiglio regionale, il personale della Giunta e della Regione Calabria rispetto alla politica degli esodi incentivanti.

Allora, qual è la prima priorità che abbiamo inserito in questo ordine del giorno? Quello di verificare e di far verificare alla Giunta regionale la possibilità che questo esodo incentivante possa essere assunto anche nei confronti di quelle categorie che, a causa del piano di rientro, in precedenza non ne hanno potuto beneficiare, vale a dire il personale sanitario e parasanitario in forza presso le aziende sanitarie provinciali e le aziende ospedaliere della Calabria sì da poter creare condizioni di parità di trattamento e di equità rispetto a coloro che ne hanno beneficiato in passato.

La seconda: l’incremento delle risorse per finanziare i servizi socio-sanitari e in particolare gli interventi a favore delle famiglie bisognose e dei minori sottoposti a provvedimento dell’autorità giudiziaria. Vorrei ricordare che anche in sede di apposita Commissione consiliare si è registrata l’unanimità di consensi rispetto a questa decisione importante e che vedete, non c’è dubbio che si debba, poi, scontrare con la carenza di liquidità e con quelle che sono le criticità anche di ordine economico-finanziario.

Il terzo elemento che è stato inserito è quello che molto sinteticamente abbiamo definito programma stage vale a dire la possibilità di creare le condizioni affinché la Giunta regionale possa attivare tutti i canali ritenuti idonei – sulla base anche di quella che è la legislazione precedente – perché coloro i quali ne hanno beneficiato possano continuare questa esperienza che è stata gratificante per i ragazzi stessi che si sono impegnati presso le diverse amministrazioni e per impedire, come in passato, la famosa fuga dei cervelli dalla regione Calabria.

Questo e non altro è il senso dell’ordine del giorno rispetto al quale continuo a ritenere che sarà possibile – almeno me lo auguro – un provvedimento di condivisione da parte dell’intero Consiglio regionale. Ecco perché, Presidente, naturalmente il voto favorevole del Popolo della libertà è assolutamente in linea con le cose che ci siamo detti.

Dico un’ultima cosa – senza alcun intento polemico – a proposito anche del fatto che, come maggioranza abbiamo chiesto l’inserimento all’ordine del giorno di un apposito provvedimento legislativo per poter prorogare il riferimento temporale della scadenza degli organi commissariali dell’Arssa e dell’Afor.

E a chi dai banchi della minoranza ha addebitato a questa maggioranza il fatto che ancora si è costretti a fare le prove, vorrei ricordare che, per espressa volontà del Presidente Scopelliti già concretizzatesi in una apposita seduta del Consiglio regionale già prevista per il prossimo 3 agosto, questa maggioranza ha il coraggio e l’ardire di voler procedere alle riforme. Vorrei ricordare - e anche questo lo dico senza spirito polemico – che in una notte del 2007 in occasione del varo di una finanziaria, nottetempo, si è introdotto un meccanismo legislativo con il quale si era tentato di procedere alla liquidazione di questi due enti.

Siamo ancora qui ed ancora il problema esiste. Grazie.

PRESIDENTE

Grazie all’onorevole Chiappetta che ha svolto l’ultimo intervento programmato in elenco.

La parola al Governatore per le conclusioni.

(Interruzione)

Implicitamente si voleva significare che si trattava dell’ultimo intervento previsto per i consiglieri regionali, non conclusivo del dibattito perché il dibattito lo conclude il Governatore.

Lei era qui e poteva chiedere la parola ed io l’avrei iscritta a parlare, ma poiché è consuetudine “giocare in Aula, questo non è permesso.

Comunque, le do la parola.

Sandro PRINCIPE

Presidente, intanto la inviterei ad usare una terminologia adeguata all’altezza di quest’Aula. Per quanto mi riguarda ho sempre preso sul serio gli impegni istituzionali. Forse altri sono abituati ai giochi di cui lei parla e, quindi, nel momento in cui si vive, in un contesto in cui avvengono queste cose, si ha l’impressione che anche altri facciano lo stesso.

Chiedo scusa se non ho sentito l’avviso ma in un’Assemblea di queste caratteristiche ritengo che su un documento di questa importanza non si possano sollevare problemi formali.

La nostra opinione è stata già magistralmente assunta dai colleghi che mi hanno preceduto e, quindi, ho bisogno di poco tempo per inquadrare la posizione del gruppo del Partito democratico. Evito di scendere in polemiche un tantino velenose perché ci sono colleghi che si presentano con un tratto di disponibilità, ma poi infilano sempre nel dibattito qualche stilettata, a mio avviso, fuori luogo, perché se ancora a metà della legislatura andiamo a fare puntualmente i conti con il passato recente o più lontano soprattutto in materia di sanità, vuol dire che non abbiamo capito il momento che attraversiamo.

Noi votiamo contro perché riteniamo l’assestamento non solo assolutamente inadeguato e posso anche convenire con l’assessore Mancini che i numeri sono quelli e quindi quando si parla di numeri l’adeguatezza o meno è derivata dalla costanza dei numeri – ma noi mettiamo in discussione un problema di metodologia. L’inadeguatezza è assoluta considerate le problematiche che affliggono la regione in modo pressante, dal trasporto pubblico locale al problema della forestazione e su questo ci ritorno per un attimo, ancora, la stabilizzazione degli Lsu e degli Lpu, il comparto sociale che langue.

Tutti siamo d’accordo con i vescovi, anche se facciamo parte di un partito in cui è fortemente presente la componente cattolica ma anche quella laica, plaudiamo all’appello dei Vescovi, prendiamo atto che il sostegno alle famiglie, al disagio sociale, alla disabilità e ai disoccupati dovrebbe essere prioritario; non comprendiamo perché non si metta in piedi uno studio con i fondi Fse per l’assegno minimo garantito. Anche di queste cose si parla, per non aggiungere la questione degli stagisti.

In questo momento a fronte di tutte queste questioni ed in un quadro generale di finanza locale che vede la fine della finanza derivata, noi non possiamo più discutere di finanza derivata perché, partendo dalle Regioni per arrivare all’ultimo dei comuni, tutti i governi ed in particolare l’ultimo provvedono a fare dei tagli terribili che rischiano di mettere a tacere le istanze sociali più profonde e più avvertite.

Se questo è, l’assestamento di bilancio era l’occasione, a metà della legislatura, per partire con un nuovo ragionamento prendendo atto che la finanza derivata è finita e per verificare cosa la Regione possa fare in termini di entrate e in termini di scelta.

Perché se è vero che il bilancio regionale è ingessato, è altrettanto vero che si possano liberare risorse da capitoli che noi riteniamo meno urgenti e concentrare queste risorse sulle scelte che abbiamo fatto. Noi non voteremo l’ordine del giorno dei capigruppo della maggioranza perché, vedete, in quell’ordine del giorno ci sono già delle scelte come impegno per il Governatore e per la Giunta regionale senza che si sia fatta questa discussione.

Cioè, se noi non rivediamo la struttura del bilancio e non rimoduliamo seriamente il Programma operativo regionale, non avremo mai una capacità di fare programmazione e di scegliere gli obiettivi.

Assessore Mancini, noi abbiamo presentato un ordine del giorno che mira a questo risultato, cioè noi chiederemo una seduta ad hoc del Consiglio regionale, in autunno, preceduta da un lavoro serio della Commissione competente, e lì misureremo gli obiettivi e gli indirizzi, i risultati che vogliamo raggiungere e le priorità.

Quando la coperta è stretta e si tira escono fuori i piedi, si coprono i piedi ed esce fuori mezzo busto. Allora, in quel momento subentra la politica. Se queste sono le disponibilità da un lato si tenta di aumentare le entrate. Io non voglio far il tecnico perché non lo sono né sono in grado di dire se le entrate possono essere aumentate, ma, certamente, poiché è evidente che la finanza derivata è finita, dobbiamo fare un ragionamento serio sulle entrate ed, insieme a questo, vedere di fare delle scelte.

Riteniamo, per esempio, che l’impegno per il sociale debba essere prioritario. Chiedo scusa, crediamo che i problemi della famiglia, del disagio, della disoccupazione siano centrali? Allora le risorse che vengono liberate da capitoli che noi non riteniamo prioritari si concentrano sui capitoli che noi riteniamo prioritari e in questo caso anche questo bilancio con fondi regionali che sono insufficienti può dare delle risposte alle istanze dei cittadini.

La stessa cosa deve avvenire per quanto riguarda il Programma operativo regionale.

Assessore Mancini, la stimo e poiché credo nella gioventù, noi che abbiamo un percorso lungo alle spalle dobbiamo augurarci che nei prossimi lustri ci siano giovani che prendano questo testimone e che galoppino per dare una speranza alla Calabria dal Mezzogiorno.

Ma i comunicati sui successi con i tavoli europei servono a poco se poi non hanno un seguito concreto nelle questioni. Penso che anche il Por vada rimodulato e questo è il ragionamento serio che noi facciamo di opposizione rigorosa a questo provvedimento, ma, allo stesso tempo, come partito e gruppo che avendo una cultura di governo suggerisce anche un percorso sul quale siamo pronti a confrontarci, un percorso che vede la riforma strutturale del bilancio sulla base degli obiettivi che vogliamo raggiungere.

Dobbiamo fare una discussione per stabilire dove vogliamo arrivare e stabilito dove vogliamo arrivare in due-tre-quattro settori, su questo concentriamo le risorse straordinarie e vediamo come sostenere le risorse ordinarie anche con il Por.

Guardate, quando si parla di disagio, di famiglie, di disabilità e di disoccupazione … io non so come utilizzate il Fondo sociale europeo. Noi che abbiamo scritto il Por e voi che, fino ad oggi, non lo avete mai sostanzialmente contestato, sappiamo che ci sono una serie di filiere che possono sostenere questi progetti.

Il nostro voto contrario viene accompagnato dalla presentazione di questo ordine del giorno che, al contrario di quello presentato dal consigliere Chiappetta, non indica già gli obiettivi perché, dal nostro punto di vista, può sembrare presuntuoso indicare degli obiettivi fin quando non si fa quel riesame di natura tecnica per verificare le disponibilità concrete che ci sono.

Noi chiediamo alla Giunta regionale di avviare una riforma strutturale del bilancio e di dirci la sua opinione sulla rimodulazione del Por e soprattutto del Fse per quanto riguarda il sostegno al sociale, di fare una sessione abbastanza approfondita nella Commissione competente in cui ci sarà il confronto istruttorio fra le parti politiche e, poi, arrivare in Consiglio regionale.

Del resto ci avete annunciato che a settembre ci sarà un altro assestamento. Che tipo di assestamento vogliamo fare? Un altro assestamento similare a questo e forse con qualche risorsa in più magari indirizzata a nostre fantasie oppure approfittiamo dell’occasione per una riforma seria del settore finanziario?

Ho concluso, ma voglio aggiungere due questioni. Una che riguarda una norma operativa dell’articolato e che riguarda il quarto centenario della nascita di Mattia Preti.

Cari amici del governo, non discuto il merito perché mi sono interessato di cultura e capisco che le grandi mostre hanno una pregnanza, anche se su Mattia Preti avrei fatto un altro discorso. Avrei portato una mostra di Mattia Preti a Roma perché in Calabria chi ha pensato a questo dovrebbe sapere che ci sono almeno 30-40 dipinti di Mattia Preti.

Noi abbiamo, viceversa, l’esigenza di valorizzare la nostra cultura a livello internazionale con una mostra di valorizzazione romana, con un itinerario calabrese che poteva dare anche un riscontro in termini turistici.

Ma non voglio parlare nel merito, voglio parlare delle finanze. E a proposito delle finanze non entro nel quantum perché so che le grandi mostre costano. Però, Santa Madonna, mi volete spiegare perché questa mostra si deve fare con fondi ordinari? Cioè, noi appostiamo, mi pare, 25 mila euro sull’esercizio attuale e sull’esercizio 2013 andiamo ad utilizzare fondi rinvenienti da decreti non eseguiti e che riguardano quasi tutte spese ordinarie; se sbaglio vorrei essere corretto.

Allora, perché, assessore Mancini, non liberare questi 775 mila euro dando un segnale alla spesa sociale che è molto attesa e per quanto riguarda Mattia Preti fare la mostra con i fondi europei?

Guardate, che i fondi europei consentono di fare le mostre e, peraltro, nel Programma operativo regionale su questo punto abbiamo inserito delle filiere ad hoc.

Ho concluso e finendo faccio soltanto una raccomandazione per un confronto più attivo con il Governo centrale. A Roma c’è questa strana maggioranza, ma di questa strana maggioranza, finché dura, vogliamo tentare quanto meno di approfittarne?

Seguivo l’altro giorno un dibattito televisivo e c’era quell’amministratore spagnolo, il quale diceva “soprattutto il Mezzogiorno ha bisogno di sburocratizzare come tutta l’Italia, ha bisogno di infrastrutture e di sicurezza ed ha bisogno di sgravi” e questo è un vecchio pallino di chi parla.

Allora, il Governatore Scopelliti e per quanto ci riguarda come Partito democratico siamo pronti a sostenere queste filiere anche perché sulla Calabria presenteremo una mozione con primo firmatario l’onorevole Bersani.

Ma vogliamo discutere con il ministro Passera, che è ministro alle infrastrutture e sviluppo, di Autostrada del Sole o costringeremo il mio collega Guccione ad una estenuante cura dimagrante nell’accompagnare i giornalisti per far vedere i disagi che i calabresi soffrono per l’autostrada Salerno-Reggio Calabria?

E’ possibile che abbiamo approvato alla unanimità un ordine del giorno sulla strada statale 106 e sono arrivati miseri 33 milioni? Gioia Tauro langue, il Presidente Monti ha un grande prestigio in Europa e noi non riusciamo ad ottenere nulla in materia di sgravi fiscali e contributivi?

Sotto questo profilo, come Partito democratico calabrese presente in questo Consiglio regionale e Partito democratico presente in Parlamento, abbiamo già attivato i nostri leader e siamo pronti a fare questa battaglia perché l’Europa riprenderà se riprendono i Paesi periferici. E noi, purtroppo, pare che siamo anche diventati Paese periferico. Ma questo Paese periferico rinasce se si fanno politiche serie meridionaliste e, nell’ambito del Mezzogiorno, per la Calabria.

Presidenza del Presidente Francesco Talarico

PRESIDENTE

Non ci sono altre richieste di intervento. La parola al Presidente Scopelliti per la conclusione del dibattito sull’assestamento per poi proseguire con l’articolato e gli emendamenti.

Prego, Presidente Scopelliti.

Giuseppe SCOPELLITI, Presidente della Giunta regionale

Grazie, Presidente. Pochi minuti, poi dovrò lasciare l’Aula perché – come già annunciato – è prevista una riunione su temi importanti che vanno dalla sanità al trasporto pubblico locale col Presidente Monti e quindi dovrò partire.

Dagli interventi e dagli spunti che sono stati posti dai colleghi consiglieri, con maggiore determinazione da parte dei colleghi della minoranza, ovviamente, emergono una serie di criticità che sono quelle che abbiamo più volte evidenziato.

Purtroppo, questa situazione ce la siamo presa in carico e dobbiamo riuscire a dare una risposta ad un bisogno grande della comunità calabrese.

Abbiamo a disposizione 19 milioni di euro. Se la Regione avesse messo 1 milione di euro per fare iniziative culturali, se avesse messo 2 milioni di euro per fare gli eventi ed i concerti sul territorio, se avesse fatto questo tipo di scelte, che servono a dare un minimo di vivacità ai territori, gli eventi culturali possono avere anche una certa rilevanza, ma queste spese avrebbero potuto apparire, in questo momento, non necessarie.

Si potrebbe dire: “Ma qui avete utilizzato risorse che forse era meglio destinare ad altri comparti”. Per garantire che cosa? Per garantire quello che abbiamo voluto e fortemente ricercato, cioè la possibilità di dare uno stipendio a fine mese ai lavoratori. Allora una parte di queste risorse sono state destinate per i servizi sociali, socio-sanitari e socio assistenziali e tutta una serie di precari, quindi a garantire la continuità ed assicurare una risposta.

Abbiamo messo i soldi per i trasporti anche perché, altrimenti, anche lì si inceppa un meccanismo positivo che è quello della occupazione.

Quindi abbiamo fatto uno sforzo giusto che, ovviamente, non vuole il plauso dell’Aula e la condivisione totale ma vuol dare, quanto meno, l’idea di capire, di comprendere e di accettare che questa è una scelta che abbiamo fatto e che forse è la più corretta.

Fermo restando che abbiamo anche accolto il messaggio della Conferenza episcopale, giusto, riguardo le politiche sociali, ma c’è un problema, qui stiamo dicendo che non ci sono i soldi. Cioè, qui parliamo di una cosa molto seria: non ci sono soldi, che è una cosa diversa dall’avere le risorse finanziarie e investirle male.

C’ è chi non fa politica,ma a volte neanche un consigliere regionale riesce a capire cosa diciamo sul tema specifico, ma non è una offesa, c’è una distrazione, forse non tutti fanno vita attiva all’interno dei civici consessi. Un consigliere provinciale o comunale non è che per forza debba avere certezza e competenza su tutto. Ma dico: capisco chi ci vede dall’esterno e dice “però, bisognerebbe far di più per le politiche sociali”.

Saremmo i primi a poter e voler fare queste cose perché quanto meno avremmo anche un riscontro, che non è quello elettorale ma è quello di dare serenità alle famiglie. Siccome teniamo alla famiglia che per quanto ci riguarda è un grande riferimento sul territorio, daremo risposta alla famiglia. Quindi dentro la famiglia alle persone e quindi daremo, comunque, alla collettività un segno di buona amministrazione.

Così non è, purtroppo, perché non ci sono le risorse. Il presupposto su cui dobbiamo, tutti, fondare il nostro impegno è il fatto che non ci sono risorse da poter impegnare.

L’assestamento di 19 milioni di euro va in questa direzione proprio perché sono 19 milioni di euro le risorse disponibili da poter investire. Altra cosa è prender atto e gli assessori lo sanno perché è stato chiesto al Presidente “Guardate, non ci sono soldi per gli assessorati perché tutto ciò che stiamo garantendo è pagare gli stipendi dei dipendenti per i prossimi mesi, o per i precari o per i lavoratori che a vario titolo e varia forma hanno competenze e dipendenze dirette o indirette dalla Regione”.

Questo è stato fatto. Altra cosa è dire che grazie all’azione giusta o non giusta, accettata o non condivisa, per carità, che stiamo mettendo in campo dei soldi che sono il risultato di tasse aggiuntive che noi calabresi paghiamo per colmare il buco della sanità del passato e questo per precisarlo perché a volte alcuni colleghi ci hanno tacciato di pessima amministrazione dicendo che facciamo pagare la super tassa ai cittadini calabresi. La super tassa l’abbiamo fatta pagare, purtroppo, perché nel 2009 nell’ultimo bilancio di riferimento ci siamo trovati un disavanzo della sanità di 259 milioni di euro, perché anche a guardare le cronache di queste settimane e di questi giorni, non entriamo nel merito –non entro nel merito - perché questo era il modello ed il modo in cui si amministrava, sicuramente, la sanità.

259 milioni di euro. Se nei prossimi giorni ufficializzeremo che da 259 milioni di euro il disavanzo nella sanità scende sicuramente sotto i 130 milioni di euro, dopo i consuntivi, vuol dire che abbiamo risparmiato la metà. Almeno il 50 per cento e dico che arriveremo a risparmiare quasi il 60 per cento del disavanzo in un anno e mezzo, dal 31 dicembre 2011.

Questo cosa significa? Che se il Tavolo Massicci, che si terrà a fine mese di luglio, ci autorizzerà, quella quota parte che i cittadini calabresi hanno messo in campo di somme aggiuntive per il disavanzo della sanità, quella che non ci servirà, se ci darà l’autorizzazione, significa che potremo avere a disposizione 25-30 milioni di euro che ci daranno la possibilità di pagare i restanti 10 milioni di euro nei trasporti, i 10 milioni di euro che possono servire all’agricoltura per Arcea e quindi stipendi e così via. Ancora la possibilità di pagare gli Lsu e gli Lpu, i precari in genere, i Why Not fino al 31 dicembre; la possibilità di pagare i servizi socio-sanitari e socio-assistenziali forse per la prima volta nella storia interamente tutti nell’annualità 2012, questa è la nostra aspirazione.

Non dico che noi riusciremo a far questo. Ma questa amministrazione, oggi, nel momento in cui i servizi socio-sanitari o i socio-assistenziali non percepivano i soldi quando i soldi c’erano; nel momento in cui gli Lsu e gli Lpu non venivano pagati e venivano pagati fino ad ottobre perché i soldi venivano mandati nell’annualità successiva, nel momento in cui i forestali vengono pagati fino ad ottobre, come abbiamo fatto, nell’ultima annualità, perché non avevamo i soldi per pagarli se non attraverso una serie di iniziative della anticipazione del bilancio sull’annualità successiva, tutto questo ha portato la Calabria ad avere delle difficoltà. Se riusciremo, nel nostro sforzo, rispettando il patto di stabilità, che è il vero grande limite che oggi abbiamo, significa pagar tutti e superando ottobre significa avere, forse, qualcosa come 15-20 milioni di euro almeno, se mettiamo dentro i forestali arriviamo a 50 milioni di euro di capacità di spesa.

Se non riusciremo a rispettare il parametro del patto di stabilità e quindi il tetto di spesa, potremmo fare una cosa eccezionale, cioè dare la garanzia e la certezza che a fine mese, al 31 dicembre 2012 tutti coloro che hanno a che fare direttamente o indirettamente con la Regione Calabria e che sono dipendenti a vario titolo potranno avere lo stipendio. Non è un impegno personale ma è, però, l’impegno che la Giunta, che questa amministrazione, e spero che questo Consiglio assume per dare tranquillità e serenità alle famiglie calabresi.

Questa è la differenza e quindi speriamo che i 25-30 milioni di euro che potremo recuperare dall’impegno del Tavolo Massicci, con una variazione di bilancio, si potranno poi devolvere all’interno dei vari settori per assolvere questo tipo di impegno nei confronti delle comunità.

Penso che se riusciremo a far questo avremo fatto un’opera straordinaria. Cioè, oggi ci stiamo veramente preoccupando del disagio sociale perché, poi, al di là di tutto quello che si può fare in più, sicuramente, oggi ci stiamo preoccupando di quello che potrebbe essere il disagio sociale aggiuntivo.

Cioè, quando una famiglia non arriva a fine mese e non ha la certezza di due mensilità di stipendio, che sono novembre e dicembre, si aggiunge il disagio. Se, invece, noi riusciamo a darle la serenità ed uno stipendio avremo fatto una grande cosa.

Questo è quello che cercheremo di fare, non che faremo e lo dico per chi ci ascolta perché non ne abbiamo la certezza. Però recuperare questi soldi – speriamo di poterlo fare – significa alimentare il territorio attraverso questo tipo di impegno.

In questo si riassume la nostra scelta e la nostra volontà, cioè riuscire a recuperare risorse che, speriamo, ci vengano autorizzate dal prossimo Tavolo Massicci in modo da avere una possibilità in più da metter in campo.

Ovviamente, poi, insieme a questo credo che tutti – e poi lo faremo ormai da qui a settembre – c’è la stagione delle riforme dove contiamo con uno sforzo collettivo e corale di poter individuare la possibilità di ulteriori tagli nelle società partecipate a vario titolo, le società enti sub-regionali e così via, in modo da procedere anche lì ad un taglio delle spese, ma soprattutto a rendere queste società più dinamiche e più produttive per il sistema Calabria. E quello che vogliamo cercare di ottenere come obiettivo e come risultato di buona amministrazione e quindi per dare un segno positivo.

Quindi questa è la linea, la condotta che cercheremo di portare avanti consapevoli di un fatto: oggi, con questo assestamento diamo risorse alle famiglie, garantiamo gli stipendi, e col futuro intervento ci occuperemo del disagio sociale, delle politiche sociali e di quello che effettivamente era un po’ il richiamo della Conferenza episcopale, che non era solo la preoccupazione della Conferenza episcopale, ma anche la nostra perché abbiamo il compito di governare e quindi di ricercare gli strumenti coadiuvati; stimolo questo tipo di interventi, ci muoveremo in questa direzione e cercheremo di intervenire in maniera forte ed incisiva proprio per risolvere i problemi che, oggi, vengono vissuti dalle famiglie e dai lavoratori.

Questa è la nostra idea. Poi questo non significa - ed ho chiuso – non parlare di pianificazione e di futuro, non parlare di prospettiva e di capacità di investimento perché qualcuno potrebbe dire “Scopelliti sta facendo un discorso da qui al 31 dicembre”.

Noi stiamo facendo un discorso da qui al 31 dicembre per governare le situazioni di difficoltà perché abbiamo un vantaggio rispetto alle altre Regioni, guardate, e lo dico perché secondo me è molto importante e lo abbiamo visto nei trasporti e continueremo a vederlo nei trasporti nel lavoro fatto prima dal collega Orsomarso e oggi dal collega Fedele.

Altre Regioni che sono virtuose sono costrette a tagliare i servizi, un vantaggio lo abbiamo e ce lo dobbiamo giocare fino in fondo ed è qui la capacità di tutti di convergere.

Abbiamo dimostrato sulla sanità e sui trasporti, lo dimostreremo su mille altri fronti laddove effettivamente riconosceremo che, ed andremo a capire, c’è un dispendio di risorse inutili. Se noi tagliamo gli sperperi, possiamo garantire i servizi a differenza di altre Regioni.

Bisognerà mettere in campo una azione di concertazione e di condivisione perché è chiaro che a qualcuno farà male l’azione che metteremo in campo e basta guardare quel che accade sulla sanità. Quando tagli in un anno e mezzo 130 milioni di euro e anche più, forse a qualcuno avrai sottratto e quindi si scatena quello che viviamo in Calabria, quello che in prima persona e con altri colleghi viviamo, una aggressione feroce da parte di alcune componenti, di alcune frange, di alcuni settori.

Rimettiamo al centro l’impegno vero e reale della politica che è quello rivolto al cittadino, alla collettività, che è quello rivolto a 2 milioni e 50 mila abitanti che sono i cittadini di questa grande regione. Questa è la differenza rispetto a quelli che si preoccupavano, invece, dei 5-10 mila che potevano avere i privilegi. E’ una visione diversa della politica.

Tendiamo ad andare incontro ai bisogni della collettività calabrese, ci riusciremo? Non ci riusciremo? Faremo demagogia o no? Questo lo dirà il tempo ma sicuramente il nostro intento, il nostro obiettivo, e questo assestamento ne è la riprova grazie all’apporto e all’impegno di tutti gli assessori, con in testa l’assessore Mancini, che hanno lavorato alacremente per la stesura di questo documento finanziario. Questo è il nostro obiettivo e speriamo che questa sia anche la vostra chiave di lettura perché riteniamo che questo sia oggi l’obiettivo più importante da perseguire in Calabria.

Poi dicevo c’è il Piano per il sud. Ribadisco che questi sono fondi Fas non sono fondi extra, ogni tanto leggiamo che qualche collega dice alla stampa: i fondi Fas non ci sono e la Regione si è fatta fregare i fondi Fas dal Governo.

No, i fondi Fas sono i Fondi per il sud. Quindi, dovremmo fare i titoli con le scritte: “Fondi per il sud - Fondi Fas” così qualcuno si sintonizza sulla diversità dell’approccio e della visione delle risorse.

I fondi Fas sono quelli dell’Università, sono quelli destinati al Piano per il sud, sono quelli destinati all’ambiente e quindi alla mitigazione del rischio, agli interventi sulla depurazione, alla salvaguardia delle coste e così via. Questi sono tutti fondi Fas e saranno tutti quelli che arriveranno visto che c’è, comunque in itinere, anche qualcosa di ulteriormente importante ed interessante.

Da una parte c’è l’impegno a garantire, diciamo così, l’opportunità ai cittadini di avere una risposta rispetto ai problemi quotidiani e dall’altra la pianificazione della programmazione che non abbiamo abbandonato, perché a questi grandi interventi si vuol legare la nostra azione che guarda ad un elemento di qualità per meglio affrontare il futuro e per costruire, ovviamente, una opportunità seria ed importante per il domani di tutta la Calabria.

PRESIDENTE

Grazie al Presidente Scopelliti per la conclusione del dibattito sull’assestamento. Possiamo passare rapidamente agli emendamenti.

Chiedo ai colleghi di prendere il blocco degli emendamenti, così procediamo rapidamente alla illustrazione e poi ai pareri della Giunta e del relatore.

Il primo emendamento protocollo 29111 è a firma dell’onorevole Guccione e così recita: “Al fine di consentire continuità di funzionamento e di gestione alla Casa di Riposo ex Onpi, oggi Casa Serena, nel comune di San Lucido e garantire gli stipendi dei 28 lavoratori che da marzo non percepiscono lo stipendio <Viene trasferita la somma di euro 700.000,00 al Comune di San Lucido per le finalità sopra enunciate a valere sul capitolo 62010213 Upb 6. 2. 01. 06>”.

Prego, onorevole Guccione.

Carlo GUCCIONE

Questo emendamento è frutto di un ordine del giorno che è stato presentato in Consiglio regionale il 24 maggio ed è stato approvato alla unanimità, in quanto prevede il trasferimento delle risorse destinate alla gestione dell’ex Onpi, risorse nazionali, che erano state precedentemente abrogate con un provvedimento del Consiglio regionale che ha teso a sfoltire le leggi regionali e c’era stato un errore. Questo permette la gestione della Casa di riposo ex Onpi, oggi Casa Serena, di San Lucido che è gestita dal Comune con personale che proviene dall’ex Onpi e dalla Regione.

L’ordine del giorno era presentato dai colleghi Chiappetta, Scalzo, Censore, Domenico Talarico, Serra, Gallo, Guccione e tanti altri ed è stato approvato alla unanimità.

Se oggi non approviamo questo emendamento, il rischio è che il 2 luglio il Comune di San Lucido non potrà approvare il bilancio d’esercizio. C’è stato un escamotage nella riunione della Commissione, perché il Presidente del Collegio dei revisori dei conti si è preso la responsabilità sub giudice di dare parere favorevole per l’approvazione del bilancio, aspettando la decisione del Consiglio regionale per quanto riguarda questo emendamento e questo impegno preso solennemente dall’Aula del Consiglio regionale.

Questo è un provvedimento una tantum, che deve permettere al Comune di San Lucido la possibilità di approvare il bilancio, perché è in itinere un accordo stipulato il 2 novembre 2011, un tavolo tra la Regione Calabria, il Comune di San Lucido e la casa di riposo ex Onpi, un protocollo d’intesa che è già in fase molto avanzata, che prevede di fatto la non partecipazione più della Regione di somme destinate alla gestione di questa casa di cura.

Da questo punto di vista, io credo che il Consiglio regionale, rispetto all’impegno preso circa un mese fa, non possa sottrarsi per impedire che non solo il Comune di San Lucido possa approvare il suo bilancio e quindi proseguire la sua legislatura, ma anche a chi oggi usufruisce dei servizi sanitari offerti dalla casa di cura, cioè 24 pazienti possono continuare ad avere l’assistenza necessaria.

PRESIDENTE

Parere del relatore?

Candeloro IMBALZANO, relatore

Negativo.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

Sarò rapido, però voglio entrare nel merito della vicenda, anche perché è stata qui sollevata dall’onorevole Guccione attraverso questo emendamento, però ha occupato l’Aula – come, tra l’altro, è stato ricordato – con un ordine del giorno approvato all’unanimità.

Sulla materia nel suo complesso, l’assestamento ha disposto la cifra di 1 milione e 350 mila euro, su richiesta – che è stata condivisa – dell’assessore Stillitani. E’ evidente che, di questa somma, una parte andrà all’ex Onpi, sarà inoltrata, indirizzata all’ex Onpi rispetto alle valutazioni che poi faranno gli uffici.

Il suggerimento che la Giunta si permette di dare è quello di ritirare l’emendamento, perché sarà poi la struttura amministrativa, sulla scorta delle indicazioni che proverranno anche dall’assessore Stillitani, che affronterà e aggredirà il problema stanziando una somma in quota parte.

Carlo GUCCIONE

Posso, Presidente? L’assessore Mancini mi ha posto una domanda e vorrei rispondere.

PRESIDENTE

Se vuole aggiungere qualcosa, rapidamente, però.

Carlo GUCCIONE

Io potrei anche addivenire alla richiesta dell’assessore Mancini e quindi ritirare l’emendamento, ma con l’impegno che la somma da erogare al Comune di San Lucido, che conosce bene la quantità l’onorevole Stillitani, per impedire che ci sia il commissariamento e quindi le elezioni anticipate nel Comune di San Lucido e gestire questa fase emergenziale fino all’espletamento dell’accordo, sia congrua e necessaria affinché questo passaggio ci sia.

L’assessore Stillitani ha pure i rendiconti che il Comune di San Lucido gli ha trasmesso, quindi è chiaro che, se c’è questo impegno dell’assessore e dell’assessore Stillitani, l’emendamento lo ritiro, se no chiedo il voto per appello nominale.

PRESIDENTE

Assessore Mancini, prego.

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

Onorevole Guccione, l’impegno non è che l’ha preso l’Aula, però io chiederei una correzione o un rinvio al coordinamento formale o una correzione in fine di seduta. Ecco, il collega Stillitani faceva presente che ci sono una serie di dettagli tecnici da configurare poi nel testo che sarà approvato definitivamente e poi diventerà norma di legge, per poter dare seguito agli intendimenti che l’Aula condivide.

Quindi, se lei lo ritira…

(Interruzione)

Esatto, perfetto.

Carlo GUCCIONE

Cosa c’entra il coordinamento formale per la formulazione della quantità delle risorse!

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

Perché lei individua un capitolo che non è quello dal quale poter prelevare la somma, è un altro capitolo.

(Interruzione)

No, il capitolo – mi spiega il collega Stillitani – non è questo.

(Interruzione)

Forse ha cambiato idea, non lo so, me lo stava dicendo adesso!

Francesco Antonio STILLITANI, assessore al lavoro e alle politiche sociali

Il capitolo da cui si preleva è quello destinato all’assistenza socio-sanitaria, per cui quello che bisogna decidere è se ridurre la quantità di risorse destinate alle strutture socio-sanitarie a favore dell’ex Onpi, che è una struttura socio-assistenziale che, eventualmente, grava su altro capitolo.

Quindi il problema su cui bisogna decidere è ridurre lo stanziamento destinato dall’assestamento alle strutture socio-sanitarie a favore dell’ex Onpi e di quanto.

Con questa formulazione, chiedo che si voti l’emendamento per appello nominale.

PRESIDENTE

Mi sembra che l’onorevole Guccione avesse chiesto un impegno da parte della Giunta su questa situazione. Non so se riusciamo, se può essere intesa come una raccomandazione alla Giunta, allora evitiamo di votare e quindi di procedere.

Assessore Stillitani, prego.

Francesco Antonio STILLITANI, assessore al lavoro e alle politiche sociali

Su questo emendamento l’impegno può essere preso, almeno a mio avviso, solo se questa imputazione ricade sul capitolo espresso nell’emendamento, eventualmente non per l’intera cifra, perché credo che l’intera cifra sia un po’ eccessiva, anche in considerazione del fatto che ormai siamo al mese di luglio, quindi quella è una cifra che può attenere ad un costo annuale.

Ritengo che, se l’importo è ridotto mantenendo un’imputazione su quel capitolo, il discorso possa essere fatto.

PRESIDENTE

Non ho capito molto, assessore.

Francesco Antonio STILLITANI, assessore al lavoro e alle politiche sociali

…700 mila euro è l’impegno annuale, diventerebbe anche difficile poter devolvere da luglio a dicembre…

(Interruzione)

Perfetto, prendendo per buona l’imputazione sul capitolo dell’emendamento.

PRESIDENTE

Prego, assessore Mancini.

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

Vorrei evitare che ci si incartasse. Siccome c’è la volontà politica di affrontare questo problema, perché questa volontà politica si tramuti in atto amministrativo e legislativo, occorre, partendo dal suo emendamento, calibrarlo rispetto ai capitoli.

Allora, se l’onorevole è d’accordo, le chiederei di stralciare, formularlo dal punto di vista tecnico, noi andiamo avanti con i lavori e dopo, se formulato nella maniera corretta, lo votiamo e lo approviamo.

Carlo GUCCIONE

Va bene, proseguiamo in questo modo. Quindi, per il momento, la pratica è sospesa?

PRESIDENTE

Quindi accantoniamo questo emendamento e lo riformuliamo?

Proseguiamo con il prossimo emendamento, protocollo 29112, a firma dell’onorevole Giordano: “Alla tabella 1 (variazione tabella C) richiamata dall’articolo 7 della presente proposta di legge sono apportate le seguenti variazioni:

“La dotazione di euro 100 mila all’Upb 2. 2. 04. 08 capitolo 22040816 (promozione dei prodotti agro-alimentari calabresi) è soppressa e contestualmente è aumentata del medesimo importo la dotazione all’Upb 6. 2. 01. 06 capitolo 62010213 (fondo regionale per le prestazioni socio-sanitarie)”.

Prego, onorevole Giordano.

Giuseppe GIORDANO

Questo emendamento fa parte di una serie di emendamenti che ho definiti, nell’intervento generale sull’assestamento, di chirurgia costruttiva, vale a dire che abbiamo individuato il capitolo del fondo regionale per le prestazioni socio-sanitarie, che è del tutto insufficiente, per essere incrementato. Ecco, in questo emendamento specifico l’incremento è di 100 mila euro rispetto al capitolo della promozione dei prodotti agro-alimentari calabresi. Ha anche una ragione, perché siamo ormai al giro di boa del 2012, sono risorse non impegnate, non spese, quindi ritengo che sia prioritario il concentramento – come diceva il Presidente Scopelliti – perché poi, uno a uno, diremo esattamente dove abbiamo individuato le risorse; in questo caso, le individuiamo in un capitolo che certamente non è prioritario rispetto al fondo che è il vero allarme di questa regione delle prestazioni socio-sanitarie.

Questo è il senso dell’emendamento.

PRESIDENTE

Se ho visto bene, anche gli altri riguardano cose simili, quindi li possiamo accorpare tutti? Ho visto che sono altri argomenti, però riguardano sempre prestazioni socio-sanitarie. Va bene.

Parere della Giunta?

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

Visto che li accorpiamo, il parere è contrario per una serie di motivi, che vanno in sussistenza del fatto che le risorse siano state impegnate, del fatto che gli assessori competenti ritengono prioritario quelle voci. Quindi il parere è contrario.

PRESIDENTE

Parere del relatore?

Candeloro IMBALZANO, relatore

Contrario.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 29112.

(E’ respinto)

Emendamento protocollo numero 29114 a firma dell’onorevole Giordano: “Alla tabella 1 (variazione tabella C) richiamata dall’articolo 7 della presente proposta di legge è apportata la seguente variazione:

“a) La dotazione di euro 600 mila all’Upb 5. 2. 01. 06 capitolo 3132104 (attività di spettacolo) è soppressa e contestualmente è aumentata del medesimo importo la dotazione all’Upb 6. 2. 01. 06 capitolo 62010213 (fondo regionale per le prestazioni socio-sanitarie)”.

Prego, onorevole Giordano.

Giuseppe GIORDANO

Presidente, sarò velocissimo. Questo emendamento è sempre per incrementare il fondo per le prestazioni socio-sanitarie, a valere su un capitolo che riguarda le attività di spettacolo.

Io ho ascoltato il Presidente Scopelliti che ha detto, dieci minuti fa: “Non abbiamo incrementato i capitoli, non abbiamo realizzato voci di spesa per lo spettacolo”. Ecco, questa è la rappresentazione plastica di quello che è accaduto, cioè c’è una voce che riguarda lo spettacolo, per cui ritengo che sia priorità, indifferibile ed urgente rispondere ai bisogni del welfare calabrese, piuttosto che a voci di spesa che non sono strategiche e tutti – mi pare – dagli interventi che hanno voluto esporre, l’hanno evidenziato. A meno che non ci siano ritrosie in quest’Aula, ritengo che sia spontanea quantomeno una valutazione rispetto alla direzione in cui vuole andare questo emendamento.

Per cui, Presidente, poiché è un discorso specificatamente tecnico-amministrativo, vorrei intervenire anche brevemente per esporli.

PRESIDENTE

Parere della Giunta? Contrario. Parere del relatore? Contrario.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 29114.

(E’ respinto)

Emendamento protocollo numero 29115 a firma dell’onorevole Giordano: “La dotazione finanziaria all’Upb 5. 2. 01. 06 capitolo 52010253 (spese per la costituzione e per il sostegno alle attività della fondazione Film Commission) è ridotta di euro 400 mila, contestualmente è aumentata del medesimo importo la dotazione all’Upb 6. 2. 01. 06 capitolo 62010213 (fondo regionale per le prestazioni socio-sanitarie)”.

Parere del relatore? Contrario. Parere della Giunta? Contrario.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 29115.

(E’ respinto)

Emendamento protocollo numero 29116 a firma dell’onorevole Giordano: “La dotazione finanziaria all’Upb 2. 2. 01. 04 capitolo 22010416 (spese legge regionale riordino dell’organizzazione turistica) è ridotta di euro 150 mila, contestualmente è aumentata del medesimo importo la dotazione all’Upb 6. 2. 01. 06 capitolo 62010213 (fondo regionale per le prestazioni socio-sanitarie)”.

Parere della Giunta?

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

Contrario, le risorse sono già impegnate.

PRESIDENTE

Parere del relatore?

Candeloro IMBALZANO, relatore

Contrario, però voglio ricordare, a proposito di questi emendamenti, che verrà discusso un ordine del giorno presentato dall’onorevole Chiappetta che si fa carico, per quanto riguarda i servizi socio-sanitari, quindi il settore del sociale in generale, quindi in qualche modo questo parere momentaneo è legato, in ogni caso, all’approvazione di quell’ordine del giorno.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 29116.

(E’ respinto)

Emendamento protocollo numero 29117 a firma dell’onorevole Giordano: “Alla tabella 2 richiamata dall’articolo 7 della presente proposta di legge è apportata la seguente variazione:

“La riduzione di euro 500 mila della dotazione all’Upb 1. 2. 04. 02 capitolo 1004102 (manifestazioni per la promozione e l’immagine dell’ente Regione) viene portata ad euro 900 mila e, contestualmente, è aumentata di euro 400 mila la dotazione all’Upb 6. 2. 01. 06 capitolo 62010213 (fondo regionale per le prestazioni socio-sanitarie)”.

Giuseppe GIORDANO

Presidente, su alcuni voglio intervenire, voglio esporli. Gli altri emendamenti, velocissimamente andavano sempre sul fondo per le prestazioni socio-sanitarie.

Su questo emendamento voglio fare un appello alla Giunta: significa ridurre il capitolo per le manifestazioni per la promozione dell’immagine dell’ente Regione, per incrementare le prestazioni socio-sanitarie. Voglio capire il motivo per il quale questo emendamento è rigettato tout court.

(Interruzione)

No, non sono somme impegnate, assessore.

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

Sì, le risorse sono impegnate, ci sono qui gli uffici che lo certificano.

PRESIDENTE

Parere del relatore? Contrario. Parere della Giunta? Contrario.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 29117.

(E’ respinto)

Emendamento protocollo numero 29118 a firma dell’onorevole Giordano: ““La dotazione finanziaria all’Upb 2. 2. 01. 04 capitolo 6133103 (spese per l’incentivazione dell’afflusso turistico in Calabria) è ridotta di euro 800 mila e, contestualmente, è aumentata del medesimo importo la dotazione all’Upb 6. 2. 01. 06 capitolo 62010213 (fondo regionale per le prestazioni socio-sanitarie)”.

Parere della Giunta?

(Interruzione dell’onorevole Giordano)

Però ha detto che ne vuole illustrare uno. Sono tutti gli stessi! Lei vuole destinare… Mi sembra che l’assessore abbia già spiegato che sono somme impegnate, c’è una motivazione tecnica. Ho capito l’emendamento che è stato presentato. Lei ha detto “ne voglio illustrare qualcuno”, adesso li illustra tutti!

Giuseppe GIORDANO

Questo emendamento, sempre sullo stesso capitolo “prestazioni socio-sanitarie”, è 800 mila euro a valere sulle spese per l’incentivazione dell’afflusso turistico in Calabria.

Voglio ricordare che questo Consiglio ha approvato il Piano per il turismo sostenibile con una massa enorme di risorse finanziarie ed altri strumenti, compresi i Por, che vanno nella stessa direzione. Quindi ritengo che si possa reperire una parte di queste risorse per le prestazioni socio-sanitarie.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

Il parere è contrario, perché anche su questo capitolo la quasi totalità delle risorse è impegnata.

PRESIDENTE

Parere del relatore?

Candeloro IMBALZANO, relatore

E’ contrario, con le motivazioni riferite dall’ordine del giorno presentato dall’onorevole Chiappetta.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 29118.

(E’ respinto)

Emendamento protocollo numero 29119 a firma dell’onorevole Giordano: “La dotazione finanziaria all’Upb 2. 2. 03. 02 capitolo 6132102 (spese per la partecipazione diretta della Regione e contributi a manifestazioni fieristiche) è ridotta di euro 150 mila e, contestualmente, è aumentata la dotazione all’Upb 6. 2. 01. 06 capitolo 62010213 (fondo regionale per le prestazioni socio-sanitarie)”.

Parere della Giunta?

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

Contrario per lo stesso motivo, essendo le risorse impegnate.

PRESIDENTE

Parere del relatore? Contrario. Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 29119.

(E’ respinto)

Emendamento protocollo numero 29120 a firma dell’onorevole Giordano: “La dotazione finanziaria all’Upb 2. 2. 04. 03 capitolo 22040306 (spese per le attività del Consorzio per il bergamotto) è ridotta di euro 150 mila e, contestualmente, è aumentata la dotazione all’Upb 6. 2. 01. 06 capitolo 62010213 (fondo regionale per le prestazioni socio-sanitarie)”.

Parere della Giunta?

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

Contrario. Anche qui si tratta di risorse impegnate, quindi l’emendamento è senza copertura finanziaria.

PRESIDENTE

Parere del relatore? Contrario. Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 29120.

(E’ respinto)

Emendamento protocollo numero 29121 a firma dell’onorevole Giordano: “La dotazione finanziaria all’Upb 1. 2. 01. 01 capitolo 1002111 (spese per le indennità di trasferta e rimborso spese per le missioni del personale addetto alle segreterie particolari del Presidente e degli assessori) è ridotta di euro 100 mila e, contestualmente, è aumentata la dotazione all’Upb 6. 2. 01. 03 capitolo 62010210 (fondo di solidarietà regionale per le famiglie vittime di incidenti mortali sul luogo di lavoro)”

(Interruzione)

Prego, onorevole.

Giuseppe GIORDANO

Questo emendamento, invece, è sul capitolo del fondo della solidarietà per le famiglie vittime di incidenti mortali sul luogo di lavoro, 100 mila euro reperiti dal capitolo 1002111, che sono le spese di indennità di trasferta e rimborso per le missioni del personale delle segreterie degli assessori e del Presidente, 100 mila euro per un capitolo che è stato giudicato dall’assessore più volte insufficiente, a fronte delle centinaia di domande pervenute per una legge approvata nel 2008 e diventata operativa da qualche mese.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

Anche qui, mi dispiace, ma le risorse sono già impegnate e per quelle non impegnate esistono dei contratti in essere. Quindi l’emendamento risulta, di fatto, senza copertura finanziaria, per cui il parere è contrario.

PRESIDENTE

Parere del relatore?

Candeloro IMBALZANO, relatore

Contrario, con le motivazioni della Giunta.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 29121.

(E’ respinto)

Emendamento protocollo numero 29124 a firma dell’onorevole Giordano: “Alla tabella 1 (variazione tabella C) richiamata dall’articolo 7 della presente proposta di legge è apportata la seguente variazione:

“La dotazione di euro 150 mila all’Upb 5. 2. 01. 01 capitolo 52010113 (Progetto Magna Grecia) è ridotta di euro 100 mila e, contestualmente, è aumentata del medesimo importo la dotazione all’Upb 6. 2. 01. 02 capitolo 62010210 (fondo di solidarietà regionale per le famiglie vittime di incidenti mortali sul luogo di lavoro)”.

Prego, onorevole Giordano.

Giuseppe GIORDANO

Questo emendamento va sempre sul fondo di solidarietà per le famiglie delle vittime di incidenti mortali sul luogo di lavoro. Questa volta viene presa la posta da un capitolo che è il progettoMagna Grecia” e questa volta con certezza posso dire che non c’è nessun impegno e nessuna spesa già raggiunta. Sugli altri sono convinto che gli impegni di spesa non ci sono, quindi voglio confutare anche quello che ha detto poco fa l’assessore, ma su questo, perché è un capitolo di istituzione con la Tabella C.

Quindi vi invito, anzi su questo chiederei anche la votazione per appello nominale.

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

Onorevole Giordano, qui non stiamo giocando a palline. Rispetto agli emendamenti sui quali mi sono espresso dicendo che manca la copertura finanziaria perché le risorse sono impegnate, vi è il semplice motivo che la copertura finanziaria manca perché le risorse sono impegnate ed è facilmente constatabile.

Qui, è vero – ha ragione lei – le risorse ci sono, perché sono state previste in questo assestamento. L’assessore Caligiuri e la Giunta ritengono questa allocazione di risorse per il progetto “Magna Grecia” prioritario, di conseguenza a me spetta il dovere di esprimere il parere contrario.

PRESIDENTE

Parere del relatore? Contrario. Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 29124.

(E’ respinto)

Emendamento protocollo numero 29125 a firma dell’onorevole Giordano: “La dotazione finanziaria all’Upb 1. 1. 01. 02 capitolo 1002108 (spese relative a forme collaborative per l’esercizio delle funzioni degli organi di direzione politica) è ridotta di euro 100 mila e, contestualmente, è aumentata del medesimo importo la dotazione all’Upb 6. 2. 01. 02 capitolo 62010210 (fondo di solidarietà regionale per le famiglie vittime di incidenti mortali sul luogo di lavoro)”.

La parola all’onorevole Giordano.

Giuseppe GIORDANO

Prendiamo atto che le priorità sono altre e non sono né le prestazioni socio-sanitarie né, tantomeno, le famiglie delle vittime di incidenti sul lavoro, è un dato assodato da questa seduta, da queste votazioni.

Quest’altro emendamento è sempre per incrementare questo fondo di solidarietà. Io mi appello, perché – se le mie memorie non sono confuse – in quest’Aula, quando la legge è diventata operativa a favore delle vittime degli incidenti sui luoghi del lavoro, ci fu una levata di scudi da parte di tutto il Consiglio per impegnarsi ad avere risorse, per rendere questa legge credibile nei confronti di una Calabria che ha sofferto e che attendeva questa risposta da tantissimi anni. Io non aggiungo altro. Ricordo anche le parole dell’assessore Stillitani: “Se in un capitolo ci sono delle somme impegnate, si può trovare una soluzione per dare comunque una risposta”.

Questo è quello che chiedo, quindi una valutazione un tantino più ponderata e più attenta rispetto alle cose dette in quest’Aula per tantissime sedute.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

Sì, ricordo al collega che tanto sono prioritarie le politiche socio-sanitarie, che questa amministrazione ha stanziato nel provvedimento che stiamo votando 1 milione e 350 mila euro per questa materia e per questo comparto.

Sull’emendamento il parere è contrario, perché le risorse sono quasi tutte impegnate e ci sono contratti in essere. Se poi, onorevole Giordano, la prossima volta ha l’amabilità di confrontarsi prima con gli uffici, noi le spieghiamo prima le risorse impegnate e quelle non impegnate sulle quali lei, certamente e legittimamente, potrà presentare proposte emendative.

PRESIDENTE

Parere del relatore? Contrario. Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 29125.

(E’ respinto)

Emendamento protocollo numero 29127 a firma dell’onorevole Giordano: “La dotazione finanziaria all’Upb 2. 2. 01. 04 capitolo 2210413 (spese per la sottoscrizione di apposite convenzioni con la competente società ferroviaria per l’apertura di sportelli di informazioni ed accoglienza turistica) è ridotta di euro 100 mila e, contestualmente, è aumentata del medesimo importo la dotazione all’Upb 6. 2. 01. 02 capitolo 62010210 (fondo di solidarietà regionale per le famiglie vittime di incidenti mortali sul luogo di lavoro)”.

Prego, onorevole Giordano.

Giuseppe GIORDANO

Voglio ricordare all’assessore Mancini che abbiamo sempre messo sul tavolo un confronto e una volontà, mai demagogica, di risolvere i problemi e di portare proposte concrete. Oggi c’è una volontà, che è quella di chiudere ad ogni tipo di proposta, ad ogni tipo di confronto costruttivo. Di questo prendiamo atto e prendiamo pure atto che le risorse che lei dice sulle prestazioni socio-sanitarie sono insufficienti, manca il 50 per cento in questa regione. Non credo che sarebbero qui da stamattina i rappresentanti, tutti gli attori del welfare calabrese, che sono venuti a vedere quello che decide oggi quest’Aula. Oggi, quest’Aula sta realizzando un tonfo e lo sta facendo fare alla Calabria che soffre. Questo mettiamocelo in testa, assessore Mancini.

E non è vero, perché io confronterò capitolo per capitolo, millimetricamente, tutte le risorse disponibili. Io la sfido perché lo farò e sono convinto che risorse da reperire ce ne sono e tante, così come vi ho invitato a fare anche una controproposta: non si risolvono con gli ordini del giorno le questioni della Calabria, gli ordini del giorno servono per differire e prendere tempo; ci vogliono impegni. Questo rappresenta la cifra di un fallimento politico. Questo è quanto oggi, in quest’Aula, il pubblico è stato costretto a vedere.

Queste sono le questioni, assessore Mancini, e in Commissione abbiamo avuto un confronto anche costruttivo. Mi pare che oggi ci sia una chiusura netta, ne prendiamo atto, certamente questa è la cifra del vostro fallimento.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

Il parere della Giunta è contrario, anche perché poi la Giunta non risponde al pubblico presente, risponde agli elettori calabresi che sono leggermente di più del pubblico presente!

Io ho spiegato all’onorevole Giordano, in sede di Commissione, come l’approccio che ha seguito nella definizione di questi emendamenti, sia positivo, salvo, però – gli ho detto e le mie parole sono agli atti della Commissione, può consultare adesso, come dice lei, millimetricamente le può consultare – previa verifica del fatto che le risorse siano o meno impegnate. Le verifiche sono state fatte.

Mi dispiace, le sono amichevolmente vicino per questo, non ci sono, sono state impegnate le risorse e per questo, essendo il suo lavoro privo di copertura finanziaria, a me, alla Giunta non resta che esprimere il parere contrario, nel massimo rispetto per la sua persona e per l’azione che porta avanti.

PRESIDENTE

Parere del relatore? Contrario. Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 29127.

(E’ respinto)

Emendamento protocollo numero 29183 a firma degli onorevoli Aiello F. , Giordano, Mirabelli: “Nell’ambito dell’allocazione delle risorse finanziarie per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali, di cui all’unità previsionale di base 6. 2. 01. 02 dello stato attuale di previsione della spesa, il capitolo 62010203, finalizzato a finanziare i servizi socio-assistenziali a favore dei minori sottoposti a provvedimenti dell’Autorità giudiziaria (ai sensi della legge regionale numero 21 del 1996 e dell’articolo 36 della legge regionale numero 23 del 2003), è incrementato di euro 850 mila. Tale somma è trasferita dal capitolo 4331103 della stessa Upb)”.

Prego, onorevole Aiello.

Ferdinando AIELLO

Questo emendamento ha una storia, voglio ricordare ai colleghi dell’Aula che sono due anni che discutiamo nel merito di questo emendamento e discutiamo di un pezzo di welfare importante. Lo dico perché l’altro giorno, in Commissione bilancio, presieduta in maniera brillante da parte dell’onorevole Imbalzano, i colleghi anche di maggioranza su questo erano d’accordo e lo dico anche perché col mio autorevole Presidente, Nazzareno Salerno, abbiamo incontrato più volte queste realtà e ci siamo detti favorevoli alla risoluzione di questo problema.

Questo emendamento, poi, è figlio di un ordine del giorno votato all’unanimità, quindi chiedo alla maggioranza, ai colleghi consiglieri di mantenere un impegno che tutti quanti abbiamo assunto in Aula a dicembre dell’anno scorso.

Quindi non vado più a spiegare il tipo di servizio, che è quello che viene fatto all’interno dei nostri territori, dico solo che, se riconosciamo la bontà di questo intervento – e sono sicuro che è così – i colleghi non possono che votare a favore di questo emendamento.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Salerno. Ne ha facoltà.

Nazzareno SALERNO

Intervengo su questo emendamento perché è un tema che abbiamo affrontato più volte in Commissione all’unanimità, maggioranza e minoranza, ma che è stato anche oggetto di approfondimento anche qui in Aula in precedenti sedute.

E’ un problema molto serio, in un momento delicatissimo, dove il disagio sociale è alle stelle. Non v’è dubbio che ci sono delle ristrettezze di carattere economico e vorrei anche ribadire un attimo al collega Giordano che anche lui in Commissione, assieme a noi, ha affrontato queste problematiche e su questi problemi lo invito ad evitare di fare un po’ di demagogia, ma di cercare di concretizzare e sai benissimo che siamo tutti d’accordo per cercare di risolvere questi problemi, cioè in Commissione da parte del gruppo di maggioranza abbiamo condiviso all’unanimità questa problematica per cercare di trovare una soluzione.

Io vorrei collegarmi all’emendamento del collega Aiello. Lui ha presentato questo emendamento, ma abbiamo noi rappresentato come Commissione questa problematica anche al Presidente Scopelliti, il quale è stato molto sensibile a questo, e mentre quest’Aula stava svolgendo i lavori, abbiamo avuto anche un incontro con il Presidente Scopelliti e l’assessore Stillitani.

Ora invito un attimo l’Aula a ragionare su questo emendamento, magari formulandolo in maniera più tecnica, adeguandolo a quelle che sono le reali esigenze; poi la formula tecnica la possiamo trovare, un subemendamento, un coordinamento formale, quello che sarà. Certa è una cosa: qua abbiamo le case famiglia e i gruppi appartamento che vivono una situazione molto difficile, a partire dal problema delle rette che non sono adeguate, ma su questo l’assessore ha assicurato che si sta effettuando uno studio e che, a breve, ci sarà il risultato di questo studio e conosceremo come verranno determinate le nuove rette.

In virtù di questo, io chiedo all’Aula, quindi all’assessore Stillitani, per quanto di competenza anche all’assessore Mancini, di dedicare un importo di 500 mila euro, proprio in virtù dell’adeguamento delle rette che si andrà a fare da qui a breve, da mettere a disposizione sia delle case famiglia sia dei gruppi appartamento, con l’impegno di reperire poi, a settembre, al prossimo assestamento, la rimanente cifra mancante e, comunque, portare avanti una battaglia per il sociale.

Capisco le difficoltà dell’assessore Stillitani, il quale si trova ad operare in carenza di fondi.

Troviamo un attimo questa soluzione tecnica, è una proposta che io voglio fare all’Aula, condividendo appieno la sostanza dell’emendamento del collega Aiello, che poi, collega Chiappetta, abbiamo già discusso in Commissione e cerchiamo di concretizzarla per dare una prima risposta, non una soluzione al problema, perché non è una soluzione, è una prima risposta.

E’ vero, qui nel pubblico ci sono i rappresentanti di queste case famiglia, quindi esprimono effettivamente una situazione di grave difficoltà. Abbiamo il problema dei minori che sono sottoposti a misure del tribunale.

Guardate, se non riusciamo a garantire i servizi in Calabria, rischiamo poi di andare a pagare il servizio fuori in altre regioni, dove rischiamo che i costi diventino quattro volte di quelli pagati in Calabria.

Quindi è un problema molto serio ed invito l’Aula su questo a riflettere e ad assumere una determinazione in merito. Non lo so, poi troviamo la soluzione come coordinamento formale o come subemendamento sulla proposta che ho fatto nell’intervento.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Imbalzano. Ne ha facoltà.

Candeloro IMBALZANO, relatore

Intervengo perché, come Presidente della Commissione bilancio, voglio ricordare all’Aula che c’è stato un dibattito molto accorato, molto responsabile in sede di discussione dell’assestamento. Anch’io devo dire che condivido la sostanza dell’emendamento, abbiamo preso anche un impegno in questa direzione, ritenendo che tutto il sociale, ma in questo caso i gruppi appartamento e le case famiglia necessitano già da questa fase un’attenzione particolare.

Per cui non spiego le motivazioni del perché di questo atteggiamento che non è solo il mio personale, ma è di tutta la seconda Commissione.

Condivido – dicevo – sostanzialmente la proposta fatta dal collega Salerno, quindi anch’io chiedo all’Aula, in qualche modo, e al collega Aiello, intanto, di riformulare la proposta e all’Aula una particolare sensibilità.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’assessore Mancini. Ne ha facoltà.

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

Vorrei dire ai proponenti, ai firmatari, a coloro i quali sono intervenuti, gli illustri onorevoli, che dal punto di vista politico – per come mi conferma l’onorevole Stillitani – c’è la volontà della Giunta di addivenire a portare avanti e a realizzare l’impegno preso in Commissione e che ha riferito precisamente e puntualmente il Presidente della Commissione, nonché relatore, onorevole Imbalzano.

Per come è avvenuto con l’emendamento precedente, chiederei un attimo di accantonarlo, così da consentire all’assessore Stillitani, insieme agli uffici, di riformularlo in una maniera che renda l’emendamento approvabile e tecnicamente con copertura finanziaria.

PRESIDENTE

Quindi possiamo fare la dichiarazione di voto sull’emendamento.

(Interruzione)

Siccome l’assessore Mancini chiede di accantonarlo un attimo per verificarlo.

(Interruzione)

Prego, onorevole Nucera.

Giovanni NUCERA

Intervengo per confermare anch’io la disponibilità piena che già in Commissione si era raggiunta sulla natura di questo emendamento.

Mi pare che la soluzione adottata sia dal proponente, l’onorevole Aiello, che ha trovato il consenso un po’ di tutta la Commissione consiliare, sia da parte della maggioranza e quindi la soluzione che il governo testé propone e che aveva già rimarcato in Commissione, sia una via percorribile nel brevissimo tempo, perché abbiamo qui anche il governo, la Giunta, c’è l’assessore incaricato.

Giudico non opportuno creare uno stop con queste letture populiste di molti emendamenti, che non hanno significato di essere ripetuti perché ogni consigliere sa bene qual è la natura e la somma disponibile del bilancio, per cui non perdiamo tempo a parlare di emendamenti che sono inutili rispetto al fabbisogno reale di cassa che la Regione in questo momento ha. Noi dobbiamo concentrare l’attenzione su questo emendamento perché diventi emendamento che è frutto, tra l’altro, di un ordine del giorno approvato all’unanimità in Commissione. C’ è già una linea di direttiva, per cui diventi momento di attenzione particolare e quindi concretizzazione, per dare una risposta a un bisogno reale che noi stiamo avvertendo nelle case famiglia e nei gruppi appartamento.

Condivido la proposta avanzata dalla Giunta, il metodo che si sta mettendo in atto e ritengo che su questa linea sicuramente ci sarà un’approvazione all’unanimità di questo emendamento, perché è un bisogno che tutti quanti avvertono.

PRESIDENTE

La parola all’onorevole Gallo.

Gianluca GALLO

Signor Presidente, onorevoli colleghi, intervengo anch’io a nome del gruppo Udc su questo emendamento presentato dal collega Aiello, perché la storia di questo emendamento prende corpo anche attraverso una serie di incontri avuti in sede di terza Commissione, l’ultimo – mi pare – quando la terza Commissione è stata in trasferta presso l’Asp di Vibo. In quella sede tutti i gruppi, peraltro, abbiamo condiviso l’esigenza di copertura finanziaria sui gruppi appartamento e sulle case famiglia e un’esigenza più generale, come ci ricorda anche l’assessore Stillitani, ma in questo caso, probabilmente, l’emergenza è ancora più stringente.

Per cui credo che l’emendamento vada sicuramente sostenuto, così come hanno detto anche i colleghi di maggioranza, col voto di maggioranza, perché altrimenti sarebbe respinto, perché è una sensibilità che noi abbiamo accumulato in una serie di incontri avuti proprio sull’argomento.

Pertanto il voto favorevole del gruppo Udc su questo emendamento, fermo restando che le esigenze nella nostra regione, soprattutto nel terzo settore, sono tante e quindi bisognerà trovare adeguata copertura finanziaria per tute le esigenze. Per intanto, il gruppo Udc vota favorevolmente su questo emendamento.

PRESIDENTE

Possiamo raccogliere la proposta di accantonarlo questo emendamento. Deve intervenire sull’argomento? Onorevole Giordano, prego.

Giuseppe GIORDANO

Intervengo perché prendo atto e saluto con soddisfazione questa inversione di tendenza su un emendamento del quale sono anch’io proponente insieme ai colleghi Aiello e Mirabelli. Gallo ha fatto bene a ricordare l’excursus che ci ha visto in terza Commissione, in sede di discussione e poi, addirittura, di incontro presso la Prefettura di Vibo, farci carico unanimemente della questione dei gruppi appartamento e delle case famiglia.

Quindi sono d’accordo per trovare una soluzione e differire l’esame finale dell’emendamento, perché con questa decisione si dà una risposta fondamentale ed importante.

Voglio ricordare ai colleghi – che mi conoscono bene – che gli emendamenti prima esposti in maniera accorata avevano solo il senso di affrontare questioni sulle quali tutti, in Commissione e in quest’Aula, si sono espressi univocamente. Questo è il senso degli emendamenti dei quali abbiamo discusso e questo sarà il senso dei restanti emendamenti che mi pregerò, ancora una volta, di illustrare a quest’Aula.

Intanto, annunciando il voto favorevole del nostro gruppo, saluto con favore la decisione e quindi l’accoglimento da parte della Giunta di questo emendamento.

PRESIDENTE

Possiamo, quindi, accantonare l’emendamento per poi riprenderlo successivamente.

Prima di procedere, l’emendamento Guccione che era stato sospeso precedentemente, c’è una nuova formulazione che leggo: “Alla Tabella C della legge finanziaria, lo stanziamento di cui all’articolo 34 della legge 23/2003 è incrementato di euro 300 mila, da destinare, con apposita nota al capitolo di bilancio 4331103, al Comune di San Lucido per garantire la continuità del funzionamento e della gestione del Comune della casa di riposo ex Onpi, oggi “Casa Serena”. Alla relativa copertura si provvede con la contestuale riduzione dello stanziamento di cui all’articolo 49 della legge 23/12/2011, per euro 300 mila”.

Questo è l’emendamento così riformulato. Parere del relatore? Favorevole. Parere della Giunta? Favorevole.

Pongo in votazione l’emendamento così riformulato.

(E’ approvato)

Emendamento protocollo numero 29113 a firma dell’onorevole Giordano: “Il comma 2 dell’articolo 6 della proposta di legge è abrogato e la relative dotazione finanziaria di euro 100 mila è utilizzata per aumentare la dotazione all’Upb 6. 2. 01. 06 capitolo 62010213 (fondo regionale per le prestazioni socio-sanitarie)”.

La parola all’onorevole Giordano.

Giuseppe GIORDANO

Questa è un’abrogazione del comma 2 dell’articolo 6, so con certezza che le risorse sono disponibili – se l’assessore Mancini mi ascolta – per cui lo invito a valutare l’emendamento.

PRESIDENTE

La parola all’assessore Mancini.

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

Sì, onorevole Giordano, così come abbiamo valutato positivamente quello precedente che era anche a sua firma, valutiamo negativamente questo, non perché non ci siano le risorse – perché ci sono – ma perché l’onorevole Aiello insiste sulla priorità di questa allocazione prevista nella manovra di assestamento.

PRESIDENTE

Parere del relatore? Contrario. Parere della Giunta? Contrario.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 29113.

(E’ respinto)

Emendamento protocollo numero 29031 a firma dell’onorevole Imbalzano: “Attesa l’ineludibile necessità di assicurare continuità operativa al funzionamento del Centro regionale per le epilessie (costituito con legge regionale numero 38 del 1996) attualmente in essere presso l’Unità operativa del reparto di neurologia degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria e stante l’alto livello scientifico e la positiva ricaduta per il sistema della salute calabrese, in quanto costituisce un freno all’emigrazione sanitaria in altre regioni, si propone la concessione di un finanziamento di euro 300 mila.

Alla relativa copertura finanziaria si provvede con la quota in libera disponibilità dell’avanzo di amministrazione di cui all’articolo 9.

Tale importo dovrà essere impegnato anche per le annualità finanziarie 2013 e 2014”.

Candeloro IMBALZANO, relatore

L’emendamento è stato trasferito, non ritirato, in quell’ordine del giorno proposto dall’onorevole Chiappetta, per assicurare continuità operativa al funzionamento di questo Centro regionale per le epilessie, che – ricordo – è stato costituito con legge regionale numero 38 del 1996 e che non solo va mantenuto per l’alto livello scientifico di questo centro regionale, ma soprattutto perché frena l’emigrazione sanitaria in altre regioni.

Quindi l’emendamento è stato – ripeto – trasferito in quell’ordine del giorno, di fatto è ritirato.

Presidenza del Vicepresidente Alessandro Nicolò

PRESIDENTE

Emendamento protocollo numero 29090 a firma dell’onorevole Vilasi, che è simile a quello dell’onorevole Imbalzano, quindi si ritiene assorbito dall’ordine del giorno presentato dall’onorevole Chiappetta.

Emendamento protocollo numero 29169 a firma degli onorevoli Chiappetta, Bilardi, Dattolo, Serra: “All’articolo 6 della proposta di legge numero 350/9^ è aggiunto il seguente comma:

1. L’esenzione di cui all’articolo 2 bis della legge regionale 7 agosto 2002, numero 30, decorre dall’annualità 2009.

1a. Le organizzazioni non lucrative di utilità sociale, entro 30 giorni dall’entrata in vigore della presente legge, presentano apposita istanza al competente dipartimento bilancio e tributi della Regione, documentando il possesso dei requisiti per l’esenzione dal tributo secondo la disciplina prevista dall’articolo 2 bis della legge regionale 7 agosto 2002, numero 30.

1b. Con apposito provvedimento del dirigente generale del dipartimento bilancio che dispone l’ammissione all’esenzione di cui al comma 1 del presente articolo, vengono anche revocate eventuali sanzioni comminate per il mancato pagamento del tributo relativo alle annualità 2009/2010.

1c. Agli oneri derivanti dalle minori entrate conseguenti l’attuazione del comma 1 del presente articolo, quantificati in euro 50 mila, si tiene conto in sede di predisposizione ed approvazione della legge finanziaria per l’esercizio 2013”.

Lo illustra l’onorevole Chiappetta.

Gianpaolo CHIAPPETTA

Presidente, colleghi, la ratio di questo emendamento – che viene illustrato da me, ma è firmato anche dagli altri colleghi capigruppo di maggioranza – va ricercata nella necessità di sanare il mancato pagamento dei bolli – per intenderci, la tassa di proprietà – per le ambulanze delle associazioni di volontariato per le annualità precedenti al 2011, anno in cui – per come si ricorderà – sono entrate in vigore le modifiche apportate alla legge regionale 7 agosto 2001, che hanno consentito per questo particolare tipo di automezzi e per queste particolari finalità che svolgono questi automezzi e quindi le associazioni di volontariato a partire dal 2011…

Numerose associazioni di volontariato che svolgono questo servizio hanno, infatti, evidenziato e rimarcato che, a causa delle difficoltà economiche in cui operano, confidando nell’esenzione del pagamento della tassa automobilistica, che poi invece è avvenuta in un’epoca successiva rispetto a quella che avevano previsto, non avevano, per gli anni di cui l’emendamento tratta, provveduto ad adempiere agli obblighi fiscali.

Ecco perché con questo emendamento, tenuto conto anche del fatto che l’ammontare complessivo è un importo veramente poco consistente, si chiede che possa essere esaminato favorevolmente dall’Aula e votato.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

La Giunta invita l’onorevole Chiappetta e gli altri presentatori dell’emendamento a ritirarlo, in quanto la materia è già regolamentata da una legge regionale che abbiamo recentemente votato.

Per rispondere positivamente alle finalità che ha poc’anzi espresso l’onorevole Chiappetta, non occorre una modifica alla legge, ma un atto amministrativo che gli uffici attiveranno immediatamente.

Quindi la risposta all’oggetto dell’emendamento è positiva. Rispetto alla forma, c’è l’invito al ritiro, in quanto basta un atto amministrativo che sarà, a breve, definito.

PRESIDENTE

Parere del relatore?

Candeloro IMBALZANO, relatore

Analogo a quello della Giunta.

PRESIDENTE

La parola all’onorevole Chiappetta.

Gianpaolo CHIAPPETTA

Considerando quello che ha evidenziato l’assessore Mancini rispetto all’individuazione di un percorso amministrativo che, di fatto, sostituisce il potere legislativo, procedo sicuramente anche in nome e per conto degli altri colleghi al ritiro, evidenziando quello che dovrà essere poi il percorso amministrativo per facilitare quanto si era chiesto con l’emendamento.

PRESIDENTE

Pertanto l’emendamento protocollo numero 29169 è ritirato.

Emendamento protocollo numero 29028 a firma dell’onorevole Imbalzano: “Per consolidare il ruolo istituzionale di grande importanza nell’ambito del Servizio sanitario regionale, della sicurezza sociale e della solidarietà, si propone la concessione di un finanziamento di euro 210 mila a favore dell’Associazione Lilt Calabria”.

Prego, onorevole Imbalzano.

Candeloro IMBALZANO, relatore

Questo è ritirato, però con preghiera di inserimento nell’ordine del giorno a prima firma onorevole Chiappetta.

PRESIDENTE

L’emendamento protocollo numero 29028 è ritirato.

Salvatore PACENZA

Giusto per sottolineare l’importanza di questo impegno, perché ci riferiamo alla Lega…

(Interruzione)

Sì, l’emendamento di cui ha parlato l’onorevole Imbalzano, l’importanza dell’impegno che lei ha preso, cioè di differirlo con l’ordine del giorno Chiappetta, perché stiamo parlando di una somma che era stata destinata per legge, negli anni scorsi, alla Lega sui tumori. Era una cifra stabilita di 210 mila euro.

Non si vuole prendere impegno di tipo finanziario, ma l’impegno, quantomeno, di porla nell’ordine del giorno, per dare una risposta alle sezioni calabresi della Lega per la lotta ai tumori.

PRESIDENTE

Grazie, onorevole Pacenza, il suo intervento era riferito all’emendamento 29028.

Emendamento protocollo numero 29029 a firma dell’onorevole Imbalzano.

Candeloro IMBALZANO, relatore

E’ ritirato.

PRESIDENTE

Emendamento protocollo numero 29030 a firma dell’onorevole Imbalzano.

Candeloro IMBALZANO, relatore

E’ ritirato.

PRESIDENTE

Emendamento protocollo numero 29126 a firma dell’onorevole Giordano: “Nell’ambito dell’allocazione delle risorse finanziarie all’Upb 5. 2. 01. 02 capitolo 52010258 (contributi una tantum in favore di Comuni, fondazioni, associazioni, istituti culturali per interventi in materia di promozione culturale, legge regionale 15 giugno 2008, numero 15) dello stato di previsione della spesa, l’importo di euro 50 mila è destinato al circolo culturale “Rhegium Julii” per le attività programmate per l’anno 2012”.

Prego, onorevole Giordano.

Giuseppe GIORDANO

Questo emendamento è relativo al premio “Rhegium Julii”, che ha 45 anni di attività, riguarda un’allocazione di 50 mila euro ed è una finalizzazione, nell’ambito della stessa posta 52010258, che sono i contributi una tantum in favore di fondazioni, associazioni e istituti culturali istituiti con la legge regionale numero 15 del 2008, quindi con questo emendamento proponiamo che venga destinata la somma di 50 mila euro per un premio internazionale e prestigiosissimo come quello “Rhegium Julii” che, in assenza di risorse, rischierebbe di chiudere.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

Il parere è contrario. Questa volta le risorse non sono impegnate, ma il capitolo al quale fa riferimento l’onorevole Giordano, purtroppo, è un capitolo vecchio che non è stato finanziato nel bilancio 2012.

Quindi l’emendamento risulta senza copertura finanziaria, di conseguenza il parere è contrario.

PRESIDENTE

Parere del relatore?

Candeloro IMBALZANO, relatore

Stante la mancata capienza dell’Upb, purtroppo non può essere accolto.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 29126.

(E’ respinto)

Emendamento protocollo numero 29135 a firma dell’onorevole De Masi: è ritirato.

Emendamento protocollo numero 29137 a firma dell’onorevole De Masi: è ritirato.

Emendamento protocollo numero 29210 a firma dell’onorevole Orsomarso: “Art. xx. Al fine di assicurare copertura alle spese di funzionamento della Sial Servizi S. p. A. è autorizzata per l’esercizio finanziario 2012 la spesa di euro 90 mila, con allocazione all’Upb 2. 2. 04. 04 dello stato di previsione della spesa del bilancio medesimo.

Ai relativi oneri si fa fronte con corrispondente riduzione delle risorse allocate al capitolo 23010614 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2012”.

Prego, onorevole Orsomarso.

Fausto ORSOMARSO

In parte si commenta da sé, riguarda i costi di funzionamento delle società su cui si è andati a fare un grande lavoro di riduzione, ad oggi si lavora soltanto su fondi Por, quindi costi esigui rispetto all’abbattimento di Cda e di tanti altri costi relativi anche a personale. Per il resto si commenta da sé.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

Il parere è favorevole, non essendoci aggravi di risorse, essendo a saldo zero ed avendo ricevuto l’assenso dai colleghi competenti per materia delle due diverse società.

PRESIDENTE

Parere del relatore? Favorevole. Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 29210.

(E’ approvato)

Emendamento protocollo numero 29266 a firma dell’onorevole Imbalzano: “Per aggiornamento e mantenimento “Osservatorio mercato del lavoro” mirato al rafforzamento piattaforma informatica, ritenuta tra le prime in assoluto in Italia, si propone la concessione di un finanziamento di euro 100 mila a favore di Calabria Lavoro”.

Prego, onorevole Imbalzano.

Candeloro IMBALZANO, relatore

L’emendamento è mirato a rafforzare la piattaforma informatica dell’ “Osservatorio Mercato del lavoro”, quindi di un contributo a favore di “Calabria Lavoro”, ovviamente per esigenze comprensibili, chiedo che venga inserito nell’ordine del giorno a prima firma Chiappetta, quindi l’emendamento viene trasferito in quell’ordine del giorno, almeno chiedo che venga trasferito.

PRESIDENTE

L’emendamento illustrato dall’onorevole Imbalzano è assorbito dall’ordine del giorno formulato dall’onorevole Chiappetta.

Emendamento protocollo numero 29136 a firma dell’onorevole De Masi: ritirato.

Emendamento protocollo numero 29170 a firma degli onorevoli Chiappetta, Bilardi, Dattolo, Serra: ritirato.

Emendamento protocollo numero 29224 a firma dell’onorevole Franchino: “All’articolo 6 aggiungere il comma 6.

Al comma a) dell’articolo 23 della legge regionale numero 11 del 2003 sono soppresse le parole “indipendentemente dal beneficio fondiario”.

Lo illustra l’onorevole Franchino.

Mario FRANCHINO

Questa è una norma illegittima e riguarda una tassa che è un furto, a danno di tanti cittadini e di tanti contadini che non conoscono neanche lontanamente l’azione di bonifica e di miglioramento dei consorzi, infatti riguarda l’articolo 23, comma 1, lettera a) della legge regionale numero 11 del 2003, sugli avvisi di pagamento emessi dal Consorzio di bonifica di Trebisacce a carico dei proprietari di terreni agricoli ricadenti nel comprensorio, indipendentemente dal godimento o meno di benefici riconducibili all’attività di bonifica.

Ora, Presidente, per essere la legge regionale vigente ed efficace, non può che essere in linea con la normativa statale che disciplina la materia e che, al riguardo, l’articolo 59 del Regio decreto 215 del 1933 stabilisce che “i consorzi di bonifica, per l’adempimento dei loro fini istituzionali, hanno il potere di imporre contributi alle proprietà consorziate”, laddove per proprietà consorziate sono definite le proprietà degli immobili che traggono beneficio dalla bonifica.

Su questa questione non bisogna farla lunga, perché ovviamente non vi sono le condizioni per il pagamento di questa tassa. I proprietari di immobili agricoli ed extra-agricoli che sono situati nell’ambito di un comprensorio di bonifica o – come viene definito – perimetro di contribuenza, acquisiscono la qualità di consorziati contribuenti con l’iscrizione degli immobili stessi nel perimetro di contribuenza, risultando dall’approvazione di un Piano di classifica di cui al successivo articolo 23 della legge.

Detto questo, la norma contestata eleva al rango di vera e propria tassa fondiaria tale contributo che, svincolato dal beneficio conseguente la bonifica, diventa un onere dovuto per il solo fatto di possedere la qualità di proprietario di bene immobile ricadente nel comprensorio. Il pagamento viene richiesto per il solo fatto di risultare proprietario nel catasto consortile. In tal modo questa norma in esame, in violazione della legge, eleva il Consorzio al rango di soggetto con potestà tributaria, al pari dello Stato e della Regione, assegnando allo stesso un potere in positivo totalmente assimilabile a quello fiscale, che invece non gli spetta, perché l’imposizione contributiva riconosciutagli è solo finalizzata al recupero delle spese sostenute per le attività di bonifica e per il conseguimento dei fini istituzionali, da intendersi quali spese di funzionamento.

A conclusione – molto in sintesi, perché la storia è molto lunga e vi sono polemiche estreme anche in alcuni lembi del territorio calabrese, soprattutto in questi giorni – di quanto sopra, poiché appare evidente la necessità di correggere tale norma che è palesemente illegittima, ecco perché si chiede con questo emendamento l’abrogazione della medesima.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

Giacomo MANCINI, assessore al bilancio ed alla programmazione

La Giunta non vuole entrare nel merito della proposta ed invita l’onorevole Franchino, il presentatore, al ritiro perché nell’assestamento noi non abbiamo previsto un collegato normativo e, di conseguenza, tutte le norme sono di carattere finanziario, perciò l’inserimento di una norma di carattere normativo non è previsto dai Regolamenti della nostra Assemblea.

La strada che legittimamente l’onorevole Franchino può seguire è quella di presentare una proposta di legge che abbia un suo corso, un suo iter nei tempi previsti dal Consiglio regionale.

Mario FRANCHINO

Io trovo qui, negli emendamenti, il penultimo degli emendamenti a firma degli onorevoli Chiappetta, Bilardi e Dattolo, che è stato ritirato, però lo trovo qui. E’ un invito che lei fa a ritirarlo, che io respingo, perché se su questa questione c’è la volontà di poter ridiscutere, c’è piena disponibilità al ritiro, altrimenti resta in piedi in quanto è una volontà soggettiva quella del ritiro e siccome è qui presente anche sul piano ordinamentale – come dice lei – io ritengo di non ritirarlo, se non per il fatto che la Giunta possa assumere un impegno per discutere tale norma.

PRESIDENTE

Parere del relatore?

(Interruzione)

No, lo dico io, è inammissibile perché va a modificare una legge che non interagisce con l’assestamento. Intanto, il parere del relatore?

Candeloro IMBALZANO, relatore

Nel merito, può essere anche condivisibile – lo dico all’onorevole Franchino – però ho davanti l’articolo 22 della legge di contabilità, che dice: “In sede di assestamento, non possono essere inserite norme di carattere ordinamentale, a meno che le stesse non abbiano riflessi di carattere finanziario”.

Quindi è chiaro che le cose che diceva l’onorevole Mancini non possono che essere condivisibili, per cui può essere presentata una proposta di legge a parte.

PRESIDENTE

La parola all’onorevole Magno.

Mario MAGNO

Sull’argomento volevo rassicurare l’onorevole Franchino che già in quarta Commissione è in discussione una proposta di legge già presentata sull’argomento, per cui anche questa problematica avrà un’apposita discussione nel contesto di quello che è l’iter legislativo di questa proposta di legge, che mi sembra sia presentata dal gruppo Italia dei valori.

PRESIDENTE

Sempre in merito all’argomento, Ha chiesto di parlare l’assessore Trematerra. Ne ha facoltà.

Michele TREMATERRA, assessore all’agricoltura e alla forestazione

Volevo aggiungere qualche brevissima considerazione. A parte il fatto che si rinvita il consigliere Franchino al ritiro, in quanto in questo assestamento di bilancio – come diceva l’assessore Mancini – non sono previste norme di carattere ordinamentale, quindi fatto tecnico, ma al di là del fatto tecnico, l’onorevole Franchino ha posto una questione che – come diceva anche l’onorevole Magno – è già presente una proposta di legge nella quarta Commissione in cui si discuterà di questo argomento.

Io vorrei semplicemente dire che capisco bene che viviamo in un momento particolare, per cui qualunque tributo, qualunque tassa il cittadino si vede recapitare, c’è una sorta di atteggiamento da parte dello Stato in genere di una tassazione eccessiva, per cui ciascuno ritiene, quando è possibile, anche verificare se quello che è dovuto è dovuto, se è quello che non è dovuto uno non lo vuole pagare, quindi ci sono moltissimi contenziosi. Nella questione in particolare, però, a me risulta– ma di questo, come ho già detto in più occasioni, mi sto facendo rappresentare dai vari Presidenti dei consorzi che stano emettendo i ruoli, in quanto avendo fatto una riforma dei consorzi ed avendo fatto un Piano industriale, avevano previsto l’immissione di ruolo proprio per l’auto-sostenibilità dei consorzi – come sapete, i consorzi di bonifica non percepiscono alcuna risorsa da parte della Giunta regionale e del Consiglio, ma devono cercare, attraverso l’auto-sostenibilità economica, attraverso l’emissione dei ruoli, di poter sopravvivere.

Non mi risulta che i ruoli emessi riguardino il miglioramento fondiario, sono semplicemente ruoli emessi per quanto riguarda – se non vado errato – il comma a) di un articolato di cui adesso non ricordo, sinceramente, esattamente qual è la norma, ma si riferisce solamente ad un tributo dovuto in quanto facente parte del Consorzio. Quindi non c’è, non è un tributo che si paga per avere un servizio.

Quando noi faremo, alla fine di questo iter di riforma, i piani di classifica, quindi sapremo con certezza quel territorio, quel terreno come è stato classificato, allora sì che ci saranno anche i tributi rispetto ai piani di classifica, ma comunque c’è una proposta dell’onorevole Giordano – se non vado errato – che giace in quarta Commissione e penso che la Commissione farà tutte le audizioni e tutta la discussione necessaria per affrontare appieno questo argomento, perché a mio avviso si sta montando eccessivamente su una questione che, secondo me, va vista con particolare attenzione perché rischieremmo, approvando una norma del genere, di mettere in ginocchio questi consorzi, che devono cercare, attraverso l’auto-sostenibilità economica, di rimanere in piedi.

PRESIDENTE

La parola all’onorevole Franchino.

Mario FRANCHINO

Non condivido le affermazioni dell’assessore, così come dell’onorevole Imbalzano, perché – ripeto – questi emendamenti, questi ultimi due non dovevano essere protocollabili. Ecco il motivo per cui c’è questo emendamento, in quanto c’era anche l’altro. So bene che un assestamento di bilancio riguarda altre cose.

Detto questo, non so se in quarta Commissione, della quale faccio parte, si stia discutendo. Nell’ultima seduta era all’ordine del giorno, ma per motivi miei sono andato via prima e quindi non conosco la discussione successiva alle questioni che quel giorno, io presente, abbiamo affrontato. Detto questo, però l’emendamento, probabilmente, riguarda anche questa legge che io non ho avuto modo di guardare, di studiare, di leggere, però chiedo che su questa questione vi sia una discussione a prescindere da quella che ci sarà nella quarta Commissione, perché in questi giorni – e questo è vero – non solo ai Comuni montani inseriti nel bacino di contribuenza, nel perimetro di contribuenza sono già arrivate le bollette, le cartelle da parte di Equitalia, ecco il motivo per cui ritengo importante e immediata la discussione, a prescindere poi da quello che ci sarà.

Guardi, è una discussione importante perché vi sono cittadini, ma anche associazioni di categorie, provinciali e regionali, che hanno la necessità di riportare nel giusto alveo questa discussione ed anche molti consiglieri regionali non solo dei territori, consiglieri regionali che a questi territori non appartengono, questa discussione la stanno sostenendo con molta forza e determinazione.

Ecco il motivo per cui chiedo di discutere anche in tempi brevi, con un’apposita Commissione, magari bipartisan – come si dice – per poter affrontare il problema.

PRESIDENTE

Sulle precisazioni dell’onorevole Franchino, il parere della Giunta?

(Interruzione)

Prego, onorevole Dattolo.

Alfonso DATTOLO

A parte il fatto che, a volte, mi è sembrato quasi di capire che forse conviene più presentare qualche emendamento dai banchi della minoranza che da quelli della maggioranza, da quello che stava emergendo, visto che ci dovrete ringraziare della possibilità che vi stiamo dando in questo contesto di fare più politica voi dai gruppi dell’opposizione, che noi dalla maggioranza che facciamo le proposte e presediamo i lavori, prendo atto di questo e vi faccio i complimenti per aver portato a casa più risultati voi dall’opposizione che noi dalla maggioranza!

(Interruzione)

Stavo facendo questa precisazione. Volevo solamente dire all’onorevole Franchino, perché penso che anche in quarta Commissione le proposte messe all’ordine del giorno non guardino i colori politici, quindi proprio nell’ultima seduta avevamo affrontato questo problema con il relatore del provvedimento, che era il primo firmatario, cioè il collega Giordano, proprio perché non siamo insensibili né alle problematiche che arrivano sulle proposte della minoranza, né tantomeno a quelle che sono le problematiche che oggi il collega Franchino ha voluto sottolineare. Prendendo spunto, proprio per questo che ci eravamo ripromessi in Commissione di fare delle audizioni col dipartimento, anche con le organizzazioni dei consumatori, con l’Urbi, per cercare di affrontare il problema nella sede opportuna che è la Commissione.

Quindi pensavo che il collega Franchino lo avrebbe ritirato, ecco perché avevo chiesto di farlo, non tanto per ragioni di opportunità o meno, perché poi è giusto che ognuno faccia la propria parte, ma proprio perché era stato proprio nell’ultima seduta Commissione che questo argomento era stato inserito all’ordine del giorno. Dico che siamo interessati alla problematica e sicuramente nelle prossime sedute con le audizioni porteremo avanti e sentiremo anche le ragioni sia delle categorie, sia soprattutto – come diceva il dipartimento – quelle dell’assessore.

Mario FRANCHINO

Presidente, io dico al Presidente Dattolo, intanto, che non si tratta di portare a casa risultati politici e prendo atto della discussione che, almeno in questo momento apprendo, è stata già fatta in parte in Commissione. Io non c’ero, siamo arrivati ad un certo punto in Commissione, dopodiché…

(Interruzione)

No, non lo ritiro.

(Interruzione)

No, non è ammissibile.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 29224.

(E’ respinto)

(Interruzione dell’onorevole Franchino)

Si è pronunciata l’Aula. Lei ha posto problemi di ordine burocratico, in merito si è pronunciata l’Aula. Lei mi deve dire se ritira o non ritira. Lei non ritira l’emendamento ed io l’ho messo ai voti: è stato respinto.

Passiamo alla discussione dell’articolato.

(Interruzione dell’onorevole Franchino)

Per cortesia, onorevole Franchino, quando le do la parola, lei parla!

(Interruzione dell’onorevole Franchino)

Quando le darò la parola, interverrà!

Passiamo ad esaminare l’articolato in merito all’assestamento di bilancio di previsione.

 Pongo in votazione l’articolo 1.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 2.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 3.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 4.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 5.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 6.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 7.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 8.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 9.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 10.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 11.

(E’ approvato)

Pongo in votazione il testo dell’assestamento di bilancio 2012 nel suo complesso così come emendato.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in allegato)

Proposta di legge numero 352/9^ di iniziativa del consigliere Dattolo ed altri, recante: “Modifica all'articolo 25 della legge regionale 13 giugno 2008, numero 15”

PRESIDENTE

Sono pervenuti al tavolo della Presidenza degli ordini del giorno. Li mettiamo in discussione secondo la cronologia.

L’ordine del giorno reca: “Proposta di legge numero 352/9^ di iniziativa del consigliere Dattolo ed altri, recante: “Modifica all'articolo 25 della legge regionale 13 giugno 2008, numero 15”.

Prego, onorevole Dattolo, ha facoltà di illustrarla.

Alfonso DATTOLO, relatore

Si tratta – come ho annunciato all’inizio – di una doverosa proroga in mancanza di una legge di riordino degli enti in liquidazione, Arssa e Afor, di cui si chiede lo slittamento dal 30 giugno al 31 dicembre, per ragioni procedurali anche legate allo status dei lavoratori.

Quindi su questo chiederei un voto unanime, perché stiamo discutendo, stiamo portando avanti, ci sono le proposte che sono in Commissione, per cui, visto che c’è stata anche una Conferenza dei capigruppo in cui è stata profondamente illustrata e soprattutto recepito da parte di tutti i colleghi l’obiettivo di fare questa riforma che ha bisogno anche di numeri qualificati, di conseguenza chiedo che questo provvedimento possa essere votato all’unanimità.

PRESIDENTE

Si passa all’esame dell’articolato della proposta di legge 352/9^.

Pongo in votazione l’articolo 1.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 2.

(E’ approvato)

Chiede di parlare per dichiarazione di voto l’onorevole Censore. Ne ha facoltà.

Bruno CENSORE

Già nel mio intervento precedente, noi del gruppo del Partito democratico avevamo espresso il voto contrario a questa proroga del commissariamento, perché riteniamo che l’azione riformatrice è già notevolmente in ritardo rispetto alla data di inizio della legislatura, perché pensiamo che sia urgente addivenire ad una riforma, perché la forestazione è un settore da mettere a produttività e anche perché ci sono delle situazioni che non sono più tollerabili, come quella sorveglianza idraulica, dove ci troviamo in una situazione di illegalità.

Con queste motivazioni noi votiamo contro la proroga, ma auspichiamo che questa annosa vicenda arrivi presto a soluzione.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’assessore Trematerra. Ne ha facoltà.

Michele TREMATERRA, assessore all’agricoltura e alla forestazione

Devo dire che mi dispiace molto che il gruppo del Pd, a nome e per bocca dell’onorevole Censore, abbia dichiarato il suo voto contrario a questo provvedimento, mi dispiace perché noi stiamo cercando – come è normale che sia – su un testo di riforma che riguarda due enti strumentali importantissimi per la Calabria, uno che si riferisce alla montagna e più in generale forestazione e l’altro che si riferisce, invece, all’Agenzia di sviluppo dell’agricoltura calabrese, essendo l’agricoltura uno dei veri motori economici del nostro territorio, abbiamo aperto un tavolo di discussione, perché riteniamo come maggioranza che questi provvedimenti vanno approvati con una maggioranza qualificata, abbiamo dato la disponibilità ad unificare il testo, per fare in modo che sia la parte che riguarda lo Statuto che quella che riguarda l’aspetto di carattere ordinamentale abbiano necessità di avere un voto non a maggioranza, ma un voto qualificato.

Quindi stiamo andando in questa direzione, abbiamo calendarizzato per giorno 3 agosto il dibattito su queste riforme dell’Afor e dell’Arssa, abbiamo dei tavoli tecnici aperti anche con i partiti dell’opposizione. Mi sarei aspettato su questo provvedimento, proprio in virtù di tutto questo iter che stiamo cercando di portare avanti, per creare le condizioni di una maggiore agibilità e di una riforma che sia la più altamente condivisa, da parte del gruppo del Pd un voto favorevole alla proroga, in quanto insieme si sta lavorando per fare questo provvedimento. Non capisco, oggi, questo voto di diniego a cui, obiettivamente, non riesco a dare un’interpretazione.

PRESIDENTE

La parola all’onorevole Dattolo.

Alfonso DATTOLO, relatore

Io vorrei invitare il collega Censore, che parlava a nome del gruppo del Pd, ad interrogarsi su questa posizione, ma interrogarsi in termini molto semplici: se ha idea di cosa può succedere nello status di questi lavoratori, visto che abbiamo sempre parlato, oggi, delle difficoltà oggettive che ci sono, immaginarsi cosa può significare non andare in un regime di proroga. Non è tanto perché non si vuole affrontare il problema – questo vorrei che fosse chiaro a un partito che dice che ha a cuore le classi dei lavoratori –, io ritengo che non c’è nessuna sottovalutazione del problema.

Volevo solo ricordare al collega Censore che immagino che, in quelle otto precedenti proposte di proroghe, ci sia stata l’unanimità da parte di chi oggi è alla minoranza e ieri era alla maggioranza, proprio per un senso di rispetto verso le aspettative di due comparti che sono stati anche, in un certo qual senso, in maniera definita un po’ impropria, liquidati senza avere una prospettiva, ai quali oggi si sta cercando di dare seguito.

Non c’è nessuna intenzione di farne una questione politica, perché – ripeto – abbiamo discusso in sede di Conferenza dei capigruppo e il collega Principe può testimoniare che ha chiesto espressamente uno slittamento per cercare di addivenire ad una soluzione condivisa, perché per passare questa riforma non bastano i 30 voti della maggioranza, ma ci vogliono due terzi dei consiglieri, che per l’esattezza sono 34.

Cosa vogliamo dire con questa situazione? Che c’è già una preclusione nel voler affrontare questa discussione. Se l’auspicio è quello di affrontare il tema dell’Arssa e dell’Afor, del loro riordino, con le premesse di questa pregiudiziale di voto contrario per quanto riguarda la proroga, ritengo che state già gettando le basi perché questa riforma non venga portata avanti, e di questo ognuno poi si deve assumere le responsabilità.

Per cui chiederei, una volta tanto, uno sforzo da parte delle minoranze perché rivedano la loro posizione e di essere, in un certo qual senso, predisposte ad un lavoro comune, perché altrimenti questo già significa porre premesse negative per la futura discussione che ci dovrà essere il 3 agosto.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Principe. Ne ha facoltà.

Sandro PRINCIPE

Signor Presidente, io penso che l’intervento del collega Censore non sia stato letto nel modo giusto. Noi siamo delle persone che stanno con i piedi per terra.

(Interruzioni)

Se, cortesemente, le discussioni le fa fare fuori dall’Aula!

La dichiarazione del collega Censore non è stata letta nel modo giusto da parte dei colleghi della maggioranza, nel senso che noi non siamo delle persone che stanno nelle nuvole, ma cerchiamo di stare con i piedi per terra, quindi non è che non ci rendiamo conto che la scadenza del 30 giugno deve essere necessariamente prorogata, cioè non vorremmo che il vostro sentire portasse a questa conclusione, che naturalmente non fa parte della nostra impostazione. Noi vogliamo rimarcare con un voto contrario una responsabilità politica della maggioranza, egregio assessore Trematerra, perché siamo a giugno del 2012, sono passati due anni e due mesi dall’inizio della legislatura.

Io so già quale sarà la risposta, dice: “Ma, cosa avete fatto voi del centro-sinistra tra giugno 2007 e marzo 2010?!”. Non è che l’evoluzione storica di questa Regione deve rincorrere inadempienze, perché se nella storia futura noi ricorriamo a questo per giustificare l’attualità delle nostre inadempienze, non andiamo da nessuna parte.

In questo momento c’è una nuova legislatura, c’è una nuova maggioranza, ci dovete consentire di prendere atto che, ad oggi, sulla volontà riformatrice in materia di Arssa e di Afor la maggioranza di centro-destra ha fallito. Questa è la ragione del no, che è una sottolineatura, a nostro avviso, di una defaillance di tipo politico.

Detto questo, l’assessore Trematerra non si deve meravigliare del comportamento del Pd, perché sa che il nostro comportamento è molto dialogante, pur avendo noi delle questioni di principio alle quali non vogliamo venire meno. Se ricorda l’assessore Trematerra, nella Conferenza dei capigruppo proprio noi abbiamo evitato un tavolo dei capigruppo per affrontare questa questione, perché abbiamo detto che è una questione troppo delicata, mettiamo a studiare chi capisce di queste cose, poi ogni gruppo elabora una sua idea e queste idee si confrontano, per quanto ci riguarda, prima con il sindacato e dopo con il governo.

Voglio dire che mi auguro che, dopo questa proroga che voterete stasera, entro la fine dell’anno riusciamo a trovare una quadra riformatrice. Per noi non mancherà, nel giro di quindici giorni vi presenteremo le nostre idee di massima che, però, vedono una rigidità abbastanza marcata sul privilegio dell’istituzione Agenzia, ne discuteremo. Se ci sono le condizioni sulla base dei princìpi di arrivare a punti di contatto, non ci tireremo indietro, altrimenti trasformeremo questo appunto di indirizzo in un articolato e presenteremo una proposta di legge.

Per cui da parte nostra continua una visione di un’opposizione che vuole essere, ad un tempo, rigorosa, ma anche pregna di cultura di governo e il voto di stasera non c’entra affatto, perché vuole rimarcare questo ritardo che è nelle cose, non c’è bisogno che ci costringa ad aggiungere altro.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Talarico. Ne ha facoltà. Pregherei di mantenere il suo intervento, poiché siamo in dichiarazione di voto, nei termini prescritti dal Regolamento.

Domenico TALARICO

Io esprimo il parere contrario di Italia dei valori rispetto alla richiesta di proroga venuta da parte della maggioranza, il che non significa che siamo chiusi al dialogo con la maggioranza su una questione così importante, d’altronde abbiamo dimostrato sia in Commissione che in altre sedi di voler dialogare ed, eventualmente, arrivare ad una soluzione condivisa, però vorrei ricordare al consigliere Dattolo che sono ben due anni che discutiamo di Afor, di Arssa, di Comunità montane e il tutto ha dei riflessi puntuali sulle politiche di bilancio della Regione. Non è un caso che in diverse occasioni si parla di questi enti come di enti che assorbono gran parte del bilancio regionale e che dalla loro riorganizzazione si libererebbero risorse importanti per venire incontro ad altre esigenze.

Per cui il nostro rifiuto ha il significato di uno stimolo nei confronti della maggioranza a fare presto e a rispettare l’ennesima scadenza che la stessa maggioranza si è data. Lo dobbiamo non a quest’Aula, ma ai lavoratori che attendono davvero questa riforma, non solo quelli dell’Arssa e dell’Afor, ma anche i tanti lavoratori delle Comunità montane, che ad ogni occasione sono costretti a chiedere ulteriori aggiunte sul bilancio dell’ente per far fronte al pagamento degli stipendi; lo dobbiamo alla montagna calabrese, alle foreste calabresi, all’agricoltura calabrese.

Per cui la nostra indisponibilità ha questo valore, non di chiusura al dialogo e al confronto, ma uno stimolo vero a che si faccia presto, si faccia soprattutto bene. Abbiamo fatto conoscere anche le nostre opinioni sia all’assessore Trematerra che ad altri in sede di Commissione, per cui non considerate questo gesto come una sorta di indisponibilità al dialettico confronto tra maggioranza e opposizione.

D’altronde al consigliere Dattolo – parlo con lui perché è intervenuto e ha avuto l’onere di fare la proposta – dico che noi non facciamo parte di questa maggioranza che, nel cuore della notte, cancellò l’Arssa e l’Afor e diventò improvvisamente maggioranza riformatrice. Quelle riforme, evidentemente, non ci piacciono, vogliamo riforme che abbiano una prospettiva, un senso, che abbiano soprattutto ragionevolezza.

Quindi ci auguriamo che la strada intrapresa possa davvero concludersi al più presto. Per queste ragioni diciamo no e considerate il nostro no un ulteriore stimolo a fare in fretta.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Bova. Ne ha facoltà.

Giuseppe BOVA

Io parlo come minoranza perché esprimo una valutazione differente, cioè non vanno ideologizzate, dal mio punto di vista, le posizioni e sento il bisogno di motivarlo in Aula.

Vedete, nella passata riunione del Consiglio io, assieme agli altri gruppi di minoranza, consapevolmente ho rifiutato di partecipare ad una seduta che sulle questioni del lavoro, secondo me, in accordo con gli altri gruppi di minoranza, aveva fatto uno spot, così come, alla fine di questo dibattito, voterò no, voterò contro l’assestamento. Su questo punto, però, annuncio un voto di astensione. Perché? Perché prendo atto che il capogruppo dell’Udc, dopo che l’assessore dell’Udc aveva dichiarato a tutti i gruppi, quindi anche a quelli di minoranza, ha ribadito la disponibilità a misurarsi su quella che è, nella dimensione calabrese, una delle riforme delle riforme, questa richiesta io la vedo come una conferma

A me non sembra giusto nascondermi dietro il dito, per me questo atteggiamento è da apprezzare. Mi astengo, prendo atto, voglio verificare e mi auguro che a questo corrisponda una volontà di misurarsi nel merito, anche perché le riforme, quelle vere, non possono durare una sola stagione e quindi non come veti contrapposti.

Veda, onorevole Dattolo, una sola osservazione le faccio: pur avendo ascoltato, io capisco, sono stato quello che ha proposto anni fa che nello Statuto le riforme non passassero a maggioranza semplice e l’ho fatto di proposito, perché a volte – questo al di là delle maggioranze, anche a livello nazionale abbiamo avuto cattivi esempi, addirittura di leggi ad personam – su questioni impegnative noi vogliamo… ma una volta che voi vi misurate con questo problema, mica c’è il gioco delle parti! Io lo sottolineo e lo apprezzo, sfido me stesso, tutti noi e voi a fare sul serio.

In qualche modo, voi correggete una logica, secondo me quella sì, supponente di una maggioranza che pensava di poter fare tutto da sé. Voi la state correggendo ed io lo voglio sottolineare. E’ solo una dichiarazione di intenti, niente di più, ma la dichiarazione di intenti va presa positivamente. Non è che qualcuno mi proibisce di dirlo esplicitamente, perché c’è qualcuno, un padre più grande fuori, che mi dice “tu devi votare sempre contro” o “tu devi votare sempre a favore”! Diversamente, le posizioni sono speculari sia di chi vota sempre a favore, sia di chi vota sempre contro, perché gli uni e gli altri sono inadeguati a fronteggiare situazioni più complicate e più difficili. E anche i muri sanno che, se tutto viene forzato a trovare una soluzione entro i primi di agosto, questa soluzione difficilmente si potrà trovare.

Quindi, se realisticamente si prende atto, io lo voglio sottolineare. E che cosa chiarisco? Che dopodomani, non solo perché non lo potete fare, nessuno si presenta a dire che la maggioranza si è ricompattata, “bandista”, perché io leggo questa proroga non come una proroga qualsiasi, il prendere atto che non solo non si può fare, ma non si vuole fare come maggioranza.

Io l’apprezzo e con questo ragionamento – vi prendo in parola e ve lo ricorderò – mi astengo, cioè accogliendo questo tipo di impostazione, per essere chiari. Qui non solo bisogna fare presto, ma bisogna fare bene e noi non abbiamo precedenti che fanno bene.

Mi dice Nicola Adamo che lui è d’accordo con questa impostazione, non ha difficoltà, ma io ritengo che nemmeno l’onorevole Tripodi si differenzierà, eccetera. Quindi, in qualche maniera, è paradossale; anche se siamo un misto, siamo un gruppo. Fa male alla salute? No, siamo adulti e vaccinati e ci assumiamo la responsabilità delle posizioni. Non c’è nessuno che ci può dire “è proibito”. Attenzione, quello che dico non è solo valido da un punto di vista formale, perché formalmente non solo la Costituzione della Repubblica, ma anche lo Statuto della Regione Calabria – e non poteva che essere così – dice che noi rispondiamo alla nostra coscienza, con buona pace di chi, intelligenti pauca,hic Rhodus, hic salta, per ora dichiariamo intenti.

Come vedete, se qualcuno un domani dirà – a me è capitato più di una volta – che siamo d’accordo con l’Udc su cose più impegnative, non può dire che ci siamo svegliati una mattina e qualcuno ce lo ha consigliato vivamente. Noi abbiamo un’impostazione che sulle cose più importanti non vede eccezioni quando è possibile; se poi diventa anche sull’impostazione ordinaria una cosa che regge, ad maiora, con i tempi che corrono, mi auguro che i punti di convergenza aumentino senza paraocchi ideologici e non diminuiscano. Lo vedo, anche se è debole e insufficiente, comunque come un segno positivo e così lo sottolineo. Va bene, Dattolo? Questa è la mia posizione e così mi esprimo.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Guccione. Ne ha facoltà.

Carlo GUCCIONE

Trovandomi d’accordo con l’onorevole Censore e l’onorevole Principe, intervengo solo per sottolineare una questione, che è questa: si vuole approvare la riforma di Arssa ed Afor? Bene, io mi aspetto dall’onorevole Trematerra – che prenderà da qui a poco la parola – che dica l’iter i tempi dei passaggi nella Commissione e la fissazione della seduta del Consiglio regionale con l’unico punto all’ordine del giorno “Riforma Arssa ed Afor”. Solo così si fa, si fa in modo trasparente, istituzionale, nelle Commissioni prima e in Aula dopo. Io mi auguro che questo iter avvenga tutto nel mese di luglio. Invece di soffermarci se votiamo contro o a favore, siccome tutti quanti siamo così impegnati a trovare una soluzione dopo anni di continue proroghe, io mi auguro che l’onere della proposta spetti alla Giunta.

Oggi qui siamo a segnalare di nuovo il problema, che siamo costretti a votare una proroga, e non è sicuro che da qui fino al 31 dicembre si riesca ad approvare la riforma.

E’ la sfida riformista che vogliamo lanciare alla maggioranza e alla responsabilità nostra di accettare questa sfida. Questo è il problema.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Principe. Ne ha facoltà.

Sandro PRINCIPE

Io ero un po’ distratto mentre parlava il collega Guccione, ma per ristabilire la verità rispetto alle riunioni della Conferenza dei capigruppo, ritengo che, se l’onorevole Guccione ha l’amabilità di leggersi i verbali, rileverà questo e quindi il suo intervento lo reputo determinato da un difetto di comunicazione, perché proprio chi parla si è rifiutato di assegnare alla Conferenza dei capigruppo un ruolo istruttorio. C’è il Presidente Talarico, ci sono i dirigenti, ci sono i colleghi, c’è l’assessore. Questa questione era stata ventilata, ma chi parla si alzò per dire: “Io sono contrario assolutamente al fatto che la Conferenza dei capigruppo diventi un collettivo istruttorio in sostituzione di quelli che sono i compiti istituzionali della Commissione”

Per cui noi abbiamo concordato – Presidente, è bene che questo si dica con chiarezza –, addirittura abbiamo rifiutato un primo tavolo di confronto fra i capigruppo per dire “ogni gruppo studia, si confronta con il governo, dopodiché il governo, sulla base di questo confronto, tirato fuori una proposta, se ci sono le condizioni, che va al vaglio della Commissione.

Quindi mi pare che siamo stati, ad un tempo, attenti a dare un contributo serio, collettivo, meditato ed approfondito, ma nello stesso tempo siamo stati rigidamente impegnati a rispettare quelli che sono i compiti dei vari organi del Consiglio regionale.

E’ bene che questo chiarimento sia stato fatto pubblicamente, perché questa è una regione anche dove il “marciapiede” ha un grande ruolo e noi dobbiamo diventare una regione un po’ più matura culturalmente e cercare di dare, magari, migliori comunicazioni, ma nello stesso tempo di essere lineari.

PRESIDENTE

Sempre per dichiarazione di voto, ha chiesto di parlare l’onorevole Orsomarso.

Fausto ORSOMARSO

Presidente, mi basta e mi bastava l’intervento dell’assessore Trematerra e della sua azione di riforma e penso che anche nella gestione ancora oggi commissariale si denotino, tutto sommato, delle inversioni di tendenza.

Io penso che lo spirito riformista, vuoi per essere distante, e su questo intervengo, dove la Calabria è di “ marciapiedi”, notando anche una differenziazione e forse è bene espressa nell’astensione che guarda a questa riforma da Bova, non si ravvisa, quindi non so se sono intervenuti quattro rappresentanti del Partito democratico, se si parlano, se, come e in che modo coniugano lo spirito di poter partecipare, nei modi, nei tempi e nei luoghi più opportuni a migliorare una legge di riforma di questi enti che l’assessore Trematerra sta mettendo in campo.

Solo per sottolineare, ancora una volta, questa anomalia che è poco comprensibile all’opinione pubblica, quindi richiamare tutti a una maggiore responsabilità, portando – come è giusto e doveroso che sia, per legge, quindi anche per il contributo che è dovuto alla minoranza – la migliore contribuzione in termini di idea, un lavoro che l’assessore Trematerra sta ben facendo, per cui a nome – penso, c’è il mio capogruppo del Pdl – dell’intero gruppo del Pdl, c’è il nostro voto favorevole a questo provvedimento.

PRESIDENTE

La parola all’assessore Trematerra.

Michele TREMATERRA, assessore all’agricoltura e alla forestazione

La mia non vuole essere una replica perché non mi sembra il caso, vorrei solamente dire all’onorevole Principe che non mi sarei sicuramente limitato in una risposta nel dire che, “siccome voi non l’avete fatta per tre anni, noi per due, siete più responsabili voi e meno noi”, assolutamente, non sarebbe né nella mia forma né nel mio costume. Chi amministra la cosa pubblica si deve prendere l’onore e l’onere di portare avanti quelli che sono processi di riforma che riguardano due enti così importanti. Mi pare che anche l’atteggiamento che noi abbiamo condiviso nella Conferenza dei capigruppo anche con i capigruppo di minoranza sia proprio quello di lavorare insieme, perché – come diceva poc’anzi l’onorevole Bova – le riforme non appartengono a una stagione, ma appartengono alla Regione e non ad una parte della maggioranza.

Per cui, forte di questo atteggiamento, ho accolto favorevolmente la proposta che veniva proprio dall’onorevole Principe, quando abbiamo deciso di creare una proposta unica sia sulla parte ordinamentale – e ci ritorno – sia sulla modifica statutaria, per garantire alle minoranze che, alla fine, questo provvedimento, se sarà votato – come io spero – ad ampia maggioranza, sarà perché tutti ci crediamo.

Quindi quell’accoglimento nella Conferenza dei capigruppo significava l’avvio di un processo di confronto che c’è già stato, fra l’altro, ecco perché la mia meraviglia rispetto al voto, non fosse altro perché, se fossimo in un altro contesto, come è già successo con l’onorevole Guccione, quando già a giugno del 2010, mi chiedeva conto delle riforma dell’Afor e dell’Arssa, giustamente, dopo un mese dall’inizio della legislatura.

Io e il dipartimento e come Giunta abbiamo immaginato come dovrebbe essere questo impianto riformatore. Su questo siamo disponibili ad un confronto, non nelle segrete stanze, perché lo stiamo facendo qui in quest’Aula, oggi, ma lo dobbiamo fare nelle Commissioni competenti. C’è la volontà, da parte nostra, di accogliere tutto ciò che può migliorare questa proposta di legge. Ovviamente io ritengo che, siccome siamo qua dentro per fare questa attività, un mese di lavoro sodo possa bastare, dopo tutto l’iter che c’è stato e dopo tutto il confronto che c’è stato a mezzo stampa, attraverso convegnistica, sappiamo tutti di che cosa stiamo parlando.

Ritengo, quindi, che sicuramente il 3 agosto, che è la data che la Conferenza dei capigruppo – mi sembra – abbia fissato per la riforma di questi enti strumentali, sia il momento in cui questo Consiglio deve decidere cosa vuole fare di questi enti strumentali. Io non sono disponibile – questo lo dico all’Aula e alla Calabria – ad andare oltre questa data. Se è necessario, lavoriamo 24 ore al giorno, ma noi dobbiamo dare certezza a 10 mila lavoratori che stanno aspettando da noi le risposte. Noi abbiamo una piattaforma, su questa ci confronteremo, la miglioreremo se è necessario, la modificheremo se è necessario, ma il 3 agosto dobbiamo avere il coraggio di venire in quest’Aula, al cospetto dei calabresi, a dare conto del lavoro che stiamo facendo.

PRESIDENTE

Pongo in votazione la legge nel suo complesso.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportata in allegato)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 174/9^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Bilancio di previsione di Azienda Calabria Lavoro per l'esercizio finanziario 2012”

PRESIDENTE

L’ordine del giorno reca la proposta di provvedimento amministrativo numero 174/9^ di iniziativa della Giunta regionale: “Bilancio di previsione di Azienda Calabria Lavoro per l'esercizio finanziario 2012”.

E’ relatore l’onorevole Imbalzano, che ha facoltà di intervenire.

Candeloro IMBALZANO, relatore

Il bilancio di previsione di “Azienda Calabria Lavoro” per l’esercizio finanziario 2012 è stato discusso ampiamente nella Commissione che presiedo, è stato sviscerato in tutti gli aspetti ed è stato approvato a maggioranza.

L’ora è tarda, io lo propongo all’approvazione di questo Consiglio regionale, demandando agli organi di “Calabria Lavoro” la puntuale applicazione delle prescrizioni, osservazioni e raccomandazioni formulate dal Collegio dei revisori dei conti, dai dipartimenti regionali competenti, dalla Giunta regionale e, ovviamente, dalla Commissione consiliare stessa.

PRESIDENTE

Pongo in votazione il bilancio di previsione di “Azienda Calabria Lavoro”.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in allegato)

Proposta di legge numero 285/9^ di iniziativa dei consiglieri Nucera, Chiappetta, Salerno, recante: “Attuazione del comma 4 dell’articolo 118 della Costituzione sulla sussidiarietà orizzontale”

PRESIDENTE

L’ordine del giorno reca la proposta di legge numero 285/9^ di iniziativa dei consiglieri Nucera, Chiappetta, Salerno: “Attuazione del comma 4 dell’articolo 118 della Costituzione sulla sussidiarietà orizzontale”.

E’ relatore l’onorevole Salerno, che ha facoltà di intervenire.

Nazzareno SALERNO, relatore

Questa proposta di legge è stata discussa in Commissione, è stata approvata all’unanimità, non comporta spesa, pertanto invito l’Aula a pronunciarsi favorevolmente. E’ un provvedimento molto importante, l’onorevole Nucera è il primo firmatario di questo provvedimento, che la Commissione ha esaminato nell’immediatezza, anche perché è una proposta di legge molto interessante.

PRESIDENTE

Non ci sono interventi per dichiarazione di voto, pertanto si passa all’esame dell’articolato.

Pongo in votazione l’articolo 1.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 2.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 3.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 4.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 5.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 6.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 7.

(E’ approvato)

Pongo in votazione la legge nel suo complesso.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportata in allegato)

Ordine del giorno di iniziativa dei consiglieri Chiappetta, Bilardi, Dattolo, Serra: “In ordine alla necessità di risoluzione di alcune problematiche da porre come prioritarie in sede di programmazione degli interventi regionali”

PRESIDENTE

Il punto successivo è l’ordine del giorno di iniziativa dei consiglieri Chiappetta, Bilardi, Dattolo, Serra, “In ordine alla necessità di risoluzione di alcune problematiche da porre come prioritarie in sede di programmazione degli interventi regionali”, di cui do lettura:

“Premesso che:

sono emerse, nel corso della legislatura, alcune problematiche relative a diverse situazioni che, per la loro importanza, necessitano una celere trattazione ed una rapida soluzione;

tali situazioni riguardano in particolare: l'estensione della risoluzione anticipata del rapporto di lavoro, di cui all'art. 13 della legge regionale numero 34 del 2010, anche al personale del servizio sanitario regionale; l'incremento delle risorse per finanziare i servizi socio-assistenziali, tra gli altri, gli interventi a favore delle famiglie e dei minori sottoposti a provvedimenti dell'Autorità Giudiziaria; e la garanzia della prosecuzione degli interventi previsti dall'art. 3 della legge regionale 12 novembre 2004 numero 26 e s. m. i. e dell'art. 1 comma 6 della legge regionale 22 novembre 2010 numero 32 afferenti al “Programma stage”.

1) Estensione della risoluzione anticipata del rapporto di lavoro, di cui all'art. 13 della legge regionale numero 34 del 2010, anche al personale del servizio sanitario regionale.

Premesso che:

è stata approvata la legge regionale 11 giugno 2012, numero 24 “Modifiche e integrazioni all'articolo 13 della legge regionale 29 dicembre 2010”, con cui sono state apportate delle modifiche all'articolo 13 della legge regionale numero 34 del 2010, al fine di rendere operativa la normativa prevista e relativa alla risoluzione anticipata del rapporto di lavoro dei dipendenti regionali anche in seguito alle innovazioni legislative succedutesi nel tempo (tra cui: il c. d. Decreto “Salva Italia e il c. d. Decreto Milleproroghe, con cui sono state apportate alcune modifiche ed integrazioni all'art. 24 del Decreto “Salva Italia”);

ai sensi del comma 15 dell'art. 13 della legge regionale numero 34 del 2010, il personale del servizio sanitario della Regione rimane escluso dall'applicazione dei benefici previsti nell'art. 13 e relativi alla risoluzione anticipata del rapporto di lavoro;

gli interventi posti in essere per dare attuazione al Piano di rientro hanno già consentito di avviare a soluzione parte delle complesse criticità del servizio sanitario regionale, dimostrando la fondatezza dell'analisi e l'efficacia delle metodologie e soluzioni individuate dal Presidente della Giunta regionale, nella sua qualità di Commissario ad acta per l'attuazione del Piano di rientro dai disavanzi del settore sanitario della Regione Calabria, conseguenzialmente, e si sono evidenziati gli effetti positivi degli interventi strutturali adottati in termini di efficienza ed economicità del sistema sanitario regionale;

da tali importanti risultati ne potrebbe discendere un possibile sostanziale superamento delle condizioni che avevano precedentemente indotto il legislatore regionale ad escludere il personale del servizio sanitario regionale dai benefici normati dalla legge regionale 29 dicembre 2010 numero 34, art. 13, ed è, quindi, da considerare presumibilmente concreta la possibilità per la Regione di conseguire una minore spesa di bilancio connessa proprio all'esodo anticipato del personale appartenente al comparto sanità;

potrebbe, pertanto, essere inserita nel testo normativo dell'art. 13 della legge regionale numero 34 del 2010 una norma con la quale si determina l'estensione dei benefici ai dipendenti del servizio sanitario regionale, tramite un procedimento complesso finalizzato a prefigurare: l'entità effettiva degli oneri di spesa e l'individuazione di un contingente di dipendenti sulla base, non solo, del possesso dei requisiti ai sensi della normativa vigente, ma anche nel rispetto dell'esigenza di non creare disfunzioni, in particolare, ai servizi sanitari della Regione;

il procedimento conseguente, sottoposto alla puntuale verifica del Commissario ad acta per l'attuazione del Piano di rientro dai disavanzi del settore sanitario della Regione Calabria, nonché all'acquisizione di un parere vincolante dei ministeri vigilanti, consentirebbe al Consiglio regionale di autorizzare le aziende sanitarie ad emanare i provvedimenti attuativi.

2) Incremento delle risorse per finanziare i servizi socio-sanitari, in particolare gli interventi a favore delle famiglie bisognose e dei minori sottoposti a provvedimenti dell'Autorità Giudiziaria ed al “Centro Regionale per le Epilessie”.

Premesso che:

in un momento di profonda crisi economica e sociale quale quella che il Paese sta attraversando, sono le fasce più deboli a risentire con maggiore incidenza gli effetti negativi, ed in particolare le famiglie bisognose e i minori;

appare indispensabile, proprio per venire incontro a tali situazioni di forte disagio sociale, garantire un'adeguata copertura finanziaria e quindi consentire la concreta realizzazione degli interventi rivolti alle famiglie in difficoltà e in favore dei minori sottoposti a provvedimenti dell'Autorità Giudiziaria ed al “Centro Regionale per le Epilessie”, atteso il suo alto livello scientifico e l'effettivo freno che il medesimo istituto ha costituito avverso l'emigrazione sanitaria;

è, dunque, necessario provvedere ad un adeguato incremento della dotazione finanziaria dell'unità previsionale di base afferente “Servizi ed attività socio- assistenziali e socio-sanitarie”, al fine di poter effettuare un'idonea programmazione dell'intervento regionale e assicurarne, quindi, la piena operatività, soprattutto in riferimento agli interventi in favore delle famiglie bisognose e dei minori sottoposti a provvedimenti dell'Autorità giudiziaria ed al succitato Centro regionale per le epilessie.

3) “Programma stage”.

Premesso che:

si ritiene necessario non disperdere il patrimonio di conoscenza acquisito dai circa 350 giovani laureati calabresi del “Programma Stage” che, a partire dal 2008, prestano la loro attività all'interno delle pubbliche amministrazioni della nostra regione (Province, Comuni, Università, ecc. ) e il cui reclutamento è stato effettuato attraverso un concorso regionale per titoli, che prevedeva quali ineludibili requisiti quello di avere conseguito la laurea con il massimo dei voti e quello di possedere ulteriori titoli qualificativi di “eccellenza” (specializzazioni, dottorati. . . );

i contratti di collaborazione tra gli “stagisti” e le pubbliche amministrazioni sono prossimi alla scadenza (31 agosto 2012);

la legislazione che ha istituito il progetto (Legge regionale 12 novembre 2004 numero 26, come integrata e modificata dall'art. 5 della legge regionale 19 aprile 2007 numero 8) era stata intuita come rimedio alla “fuga dei cervelli”, proprio a sottolineare la necessità di trattenere le giovani generazioni meritevoli all'interno della nostra regione;

diverse sono state le p. a. locali che hanno aderito all'iniziativa legislativa richiamata e che, sulla base di contratti (in prevalenza di collaborazione) a tempo determinato della durata di un anno, hanno potuto usufruire delle alte professionalità e delle prestazioni lavorative dei giovani stagisti;

la maggior parte dei contratti stipulati dalle amministrazioni fruitrici scadrà il prossimo 31 agosto 2012 e tale situazione comporterà, inevitabilmente, la rinuncia all'impiego di tali eccellenze, con l'effetto di un duplice nocumento per la regione, dovuto sia alla vanificazione dell'esperienza in corso e all'inevitabile dispendio dell'investimento regionale all'uopo attuato, sia alla definitiva perdita di tali eccellenze che, rebus sic stantibus, saranno costrette a devolvere la propria professionalità ed i frutti dell'investimento attuato dalla Regione, presso altri territori, italiani ed esteri;

nell'attuale legislatura è stata approvata una legge ad hoc (Legge regionale numero 32 del 22 novembre 2010) dedicata alla non dispersione del patrimonio di conoscenza già acquisito dai giovani impegnati nel “Programma Stage 2008”;

in particolare, il comma 6 dell'art. 1 della legge regionale numero 32 del 2010, statuisce che: “La Regione si impegna, altresì, ad incentivare, da parte di soggetti pubblici e privati nei confronti degli stagisti, la realizzazione di percorsi integrati (anche individuali) di orientamento, di alta formazione e di inserimento occupazionale, con risorse provenienti dai fondi comunitari strutturali”;

tale disposto (di cui gli stagisti a gran voce, con ripetuti sit in ed appelli agli organi di governo regionali, reclamano l'attuazione) detta, allo stato, la soluzione più idonea per garantire (seppur certamente non in via stabile) la non vanificazione dell'esperienza in corso e la continuità dello svolgimento delle politiche occupazionali cui la normativa richiamata sostanzialmente mira;

risulterebbe opportuno, quindi, evitare la dispersione del patrimonio professionale di soggetti già reclutati meritocraticamente e congruamente formati nelle pp. aa. finitrici e consentire alle amministrazioni ed alle imprese calabresi di arricchire, attraverso un processo innovativo, la propria attività;

impegna il Presidente, on. Giuseppe Scopelliti e la Giunta regionale

a voler intraprendere ogni azione utile per la concreta soluzione delle problematiche sopra richiamate: l'applicazione dell'art. l3 della legge regionale numero 34 del 2010 anche al personale del servizio sanitario regionale; l'incremento delle risorse finanziare per i servizi socio­sanitari da destinare, in particolare, agli interventi in favore delle famiglie bisognose, di quei minori che sono sottoposti a provvedimenti dell'Autorità Giudiziaria ed al “Centro Regionale per le epilessie”; le iniziative concernenti i giovani che hanno preso parte al “Programma stage”, di cui dall'art. 3 della legge regionale 12 novembre 2004 numero 26 e s. m. i. e dell'art. 1 comma 6 della legge regionale 22 novembre 2010 numero 32.

E’ infatti, di prioritaria importanza che la soluzione di queste problematiche avvenga nell'ambito della programmazione degli interventi che, a partire dai prossimi mesi, caratterizzeranno l'agenda politica regionale”.

La parola all’onorevole Chiappetta.

Gianpaolo CHIAPPETTA

Grazie, Presidente, ma si parla dell’ordine del giorno ampiamente dibattuto in sede di discussione dell’emendamento, quindi credo sia opportuno metterlo soltanto ai voti.

PRESIDENTE

Nessuno chiede di intervenire, pertanto pongo in votazione l’ordine del giorno in discussione.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in allegato)

Ordine del giorno di iniziativa dei consiglieri Principe, Censore, Guccione, Battaglia, Maiolo, Amato, Sulla, De Gaetano, Franchino, Scalzo: “In ordine ad una sessione straordinaria del Consiglio per verificare l’ammontare della spesa regionale connessa all’intera legislazione

PRESIDENTE

Do lettura dell’ordine del giorno

“Il Consiglio regionale

premesso che

il Consiglio regionale è chiamato ad esprimersi sull'assestamento di bilancio 2012 che ormai rappresenta metà percorso di questa legislatura;

siamo in presenza di una modifica sostanziale della finanza regionale e che inderogabili processi di equilibrio finanziario e nazionale si sono scaricate sulle regioni e sull'intero sistema delle autonomie locali;

processi economici e finanziari in atto vedono sempre meno la disponibilità di finanza derivata per come si era strutturata negli anni;

ciò imprime una innovata capacità delle politiche delle entrate autonome ed una finanza locale rigorosa e virtuosa;

con questa manovra il governo regionale non affronta alcuna emergenza sociale: lavoratori LPU- LSU, stagisti, stipendi dei lavoratori delle Comunità Montane, emolumenti dei lavoratori forestali, lavoratori in mobilità, precariato, politiche sociali, esodati volontari;

si continua con la politica delle toppe e l'assestamento proposto è lo specchio di una vera e propria asfissia finanziaria;

impegna

la Giunta regionale ad indire una sessione straordinaria del Consiglio che impegni in primis la Commissione bilancio a verificare l'intera legislazione di spesa regionale, le politiche di entrata autonoma, la verifica dell'intero fabbisogno, l'andamento ordinario e le eventuali rimodulazioni del POR che non possono che avvenire in un quadro di coordinamento generale”.

La parola all’onorevole Censore.

Bruno CENSORE

Intanto, abbiamo espresso un voto contrario al precedente ordine del giorno illustrato dall’onorevole Chiappetta, capogruppo del Popolo della libertà, perché ne abbiamo presentato uno diverso che è coerente con l’impostazione che abbiamo tenuto oggi in Consiglio regionale rispetto all’assestamento di bilancio.

Quest’ordine del giorno riguarda alcuni punti salienti che per noi sono cruciali, affinché ci sia un’azione chiara da parte del Presidente della Giunta regionale; noi affermiamo che il Presidente debba riferire in Consiglio regionale, dopo l’attivazione anche in Commissione di una sessione straordinaria, per vedere la sussistenza delle risorse, per verificare la legislazione, per verificare le entrate e quindi anche poi, necessariamente, la rimodulazione del Por su questioni che noi riteniamo importanti, come l’emergenza sociale, i lavoratori Lpu-Lsu, gli stagisti, gli stipendi dei lavoratori delle Comunità montane, gli emolumenti dei lavoratori forestali, la questione dei lavoratori in mobilità, il precariato, le politiche sociali, gli esodati volontari, l’estensione dei benefici previsti dal decreto “Salva Italia” per la risoluzione anticipata del rapporto di lavoro ai dipendenti regionali del settore sanitario, il sostegno alle famiglie, alle disabilità e alle migliaia di disoccupati.

Quindi, dato che in questo assestamento non c’era posto per la soluzione, non si sono trovate le risorse per la soluzione di questi problemi; attraverso quest’ordine del giorno chiediamo questa sessione straordinaria del Consiglio, previo un esame istruttorio nella Commissione bilancio.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’ordine del giorno in discussione.

(Il Consiglio non approva)

(Interruzione)

E’ stato respinto a maggioranza. Se avesse voluto, avrebbe potuto chiedere la votazione per appello nominale.

Ordine del giorno di iniziativa dei consiglieri Guccione, Talarico D. , Censore, Giordano, Mirabelli, Tripodi, De Gaetano, Bruni, Ciconte ed altri: “In ordine al completamento dei lavori dell’Autostrada SA – RC

PRESIDENTE

Si passa adesso all’ordine del giorno di iniziativa dei consiglieri Guccione, Talarico D. , Censore, Giordano, Mirabelli, Tripodi, De Gaetano, Bruni, ed altri, “In ordine al completamento dei lavori dell’Autostrada SA – RC”, di cui do lettura:

“Il Consiglio regionale

premesso che:

a tutt'oggi le risorse disponibili per finanziare gli interventi in esecuzione sull'Autostrada Sa-Rc, di prossimo avvio e in fase di appalto, ammontano a 7.443 miliardi di euro;

per il completamento dell'intera rete autostradale sono ancora necessari circa 3,100 miliardi di euro relativi a 12 interventi progettati e in corso di progettazione, di cui cinque riguardano l'ammodernamento di 58,600 km di autostrada quasi tutti ricadenti nel tratto calabrese, mentre sette si riferiscono a nuovi svincoli richiesti dalle comunità locali ed inizialmente non previsti;

gran parte degli interventi in corso di progettazione o progettati ma non finanziati ricadono nel tratto calabrese della Sa-Rc (Macrolotto n. 4 - parte prima - "Cosenza/Rogliano", importo pari a 588. 519 milioni di euro; Macrolotto n. 4 - parte seconda - "Rogliano/Viadotto Stupino", importo pari a 437,780 milioni di euro; Macrolotto n. 4 - parte seconda, stralcio secondo - "Viadotto Stupino/Altilia", importo pari a 343 milioni di euro; Macrolotto n. 3 - parte quarta - "Morano-Frascineto" importo pari a 598 milioni di euro; Macrolotto compreso tra il km 337,800 (svincolo di Pizzo Calabro incluso) e il km 348,600 (svincolo di Sant'Onofrio incluso), importo pari a 799,280 milioni di euro, nuovo svincolo Cosenza-Sud, importo pari a 168 milioni di euro; nuovo svincolo Laureana di Borrello, importo pari a 38,087 milioni di euro; nuovo svincolo di Sant'Eufemia d'Aspromonte, importo pari a 20 milioni di euro, nuovo svincolo di Rende, importo pari a 34,181 milioni;

la mancanza di risorse necessarie al completamento definitivo della Sa-Rc, in particolare per i tratti ricadenti nel territorio calabrese che assommano a 58,600 km, alcuni in fase di progettazione, altri già progettati ma a tutt'oggi non ancora finanziati;

il mancato completamento di questi tratti impedisce e impedirà ancora per lunghi anni ai cittadini calabresi e italiani di fruire al meglio della più importante rete autostradale del Mezzogiorno e dell'Italia, con gravi ricadute negative sulla già fragile economia calabrese e sul turismo;

si rende assolutamente necessaria da parte del Presidente della Giunta regionale della Calabria, onorevole Giuseppe Scopelliti, un'iniziativa istituzionale urgente, forte ed energica, capace di indurre il Governo nazionale ed il Presidente del Consiglio Monti a reperire immediatamente i circa 3 miliardi di euro mancanti, necessari a scrivere finalmente la parola "fine" al completamento dei lavori della Sa-Rc, prioritaria a qualsiasi altra infrastruttura, compreso il Ponte sullo Stretto“.

Prego, onorevole Guccione.

Carlo GUCCIONE

Per quanto riguarda quest’ordine del giorno, a tutt’oggi, per il completamento definitivo della A3 e in particolare per la definizione dei progetti e dei finanziamenti per 58,600 metri del tracciato della Salerno-Reggio Calabria, mancano ancora, così come riferito da fonti dell’Anas, 3,100 miliardi di euro.

Da questo punto di vista, credo che ci sia la necessità che il Consiglio regionale e il Presidente della Giunta regionale, l’onorevole Scopelliti, chiedano al Presidente del Consiglio Monti e al ministro Passera la finanziabilità del tracciato della A3 che riguarda la regione Calabria. Noi non possiamo tollerare che, ancora oggi, nel 2012 ci siano 58 chilometri che in parte non sono stati, addirittura, progettati e che mancano totalmente del finanziamento. Si tratta della più grande infrastruttura viaria che collega la Calabria e il Mezzogiorno al resto del Paese.

Da questo punto di vista, bisogna impegnare il Governo Monti affinché nel decreto Sviluppo preveda le risorse necessarie al completamento della A3.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’ordine del giorno in discussione.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in allegato)

Ordine del giorno di iniziativa dei consiglieri Talarico D. , Chiappetta, Orsomarso, Guccione Aiello F. ed altri: “In ordine alle iniziative finalizzate a scongiurare la chiusura della Casa di cura Madonna della Catena di Laurignano di Dipignano (CS)

PRESIDENTE

Siamo all’ordine del giorno di iniziativa dei consiglieri Talarico D. , Chiappetta, Orsomarso, Guccione ed altri, “In ordine alle iniziative finalizzate a scongiurare la chiusura della Casa di cura Madonna della Catena di Laurignano di Dipignano (CS)”, di cui do lettura:

“Il Consiglio regionale

premesso che

la Casa di Cura Madonna della Catena, con sede a Laurignano di Dipignano in provincia di Cosenza, è una struttura sanitaria operante nel campo delle terapie neuro-riabilitative, di recupero e riabilitazione funzionale;

negli anni tale struttura si è distinta come polo d'eccellenza nella riabilitazione intensiva neurologica, motoria, oncologica, uroginecologica, per la lungodegenza medica e la riabilitazione estensiva;

i posti letto di cui la struttura dispone sono 137, cui hanno avuto accesso pazienti provenienti dai reparti ospedalieri per acuti (neurologie, neurochirurgie, ortopedie, oncologie, reparti di geriatria, reparti di medicina interna nonché rianimazione) sia regionali che extraregionali;

la struttura ha sempre operato in questi anni al massimo della capienza dei reparti, arrivando anche a circa 1000 ricoveri l'anno;

negli ultimi anni, tuttavia, una serie di fattori ne hanno determinato la crisi ed a farne le spese sono stati essenzialmente i suoi 170 dipendenti, tra personale medico, paramedico ed amministrativo, che recentemente sono stati protagonisti di forme anche inusuali di lotta, con evidenti rischi per la loro incolumità;

da quasi due anni, per i limiti del management aziendale, l'erogazione degli stipendi non è più avvenuta in modo regolare, con ritardi anche di molti mesi nella corresponsione degli stessi;

attualmente sarebbero 10 le mensilità arretrate;

in questo quadro, già pesantemente segnato da una situazione a limite del collasso, la paventata ipotesi che la Regione Calabria si accingerebbe a tagliare il 62% dei posti letto della terapia intensiva, qualora trovasse conferma in atti concreti, porterebbe, come gli stessi operatori della Casa di cura e le rappresentanze sindacali hanno fatto rilevare, al tracollo definitivo della struttura;

la domanda di prestazioni rivolta alla struttura è sempre stata superiore alla media regionale, come dimostrano le cifre sul suo fatturato annuo (circa 10 milioni);

la crisi della struttura è perciò riconducibile esclusivamente a ragioni di natura amministrativa e gestionale e non certo alla qualità e alla quantità delle prestazioni effettuate da personale altamente qualificato, peraltro in ambienti fisici indiscutibilmente idonei;

la struttura rappresenta, come da più parti è riconosciuto, un punto di eccellenza per l'intero sistema sanitario calabrese;

invita la Giunta regionale:

ad assumere, di concerto con le organizzazioni sindacali di categoria, le iniziative necessarie atte a scongiurare il ridimensionamento ovvero la chiusura della Casa di cura Madonna della Catena di Laurignano di Dipignano, soprassedendo alla decisione di tagliare oltre il 60% dei posti letto della terapia intensiva, valorizzandone il patrimonio di professionalità e di competenze specialistiche, nondimeno le acquisizioni tecnico- scientifiche che ne hanno fatto un polo d'eccellenza, nell'ambito della riorganizzazione del sistema sanitario regionale”.

Prego, onorevole Talarico.

Domenico TALARICO

L’ordine del giorno è stato, in realtà, cofirmato dai consiglieri Chiappetta, Orsomarso, Guccione ed altri, cioè consiglieri che erano presenti in Aula prima dell’inizio dei lavori. Si tratta della casa di cura “Madonna della Catena” con sede in Laurignano, che è una struttura sanitaria operante nel campo delle terapie neuroriabilitative, di recupero e riabilitazione funzionale. E’ una casa di cura cosiddetta di eccellenza, con 137 posti letto e 170 dipendenti.

Con l’ordine del giorno chiediamo al Presidente della Giunta regionale e alla Giunta di assumere, di concerto con le organizzazioni sindacali dei lavoratori e con i sindaci del territorio, le iniziative volte a scongiurare il preannunciato ridimensionamento della casa di cura che comporterebbe la diminuzione del 62 per cento di posti letto attualmente a disposizione della struttura, vanificando, a questo punto – se ciò dovesse realizzarsi – l’esistenza stessa della struttura e i servizi che la stessa presta ad un’utenza non solo regionale, ma anche proveniente da altre regioni.

Con quest’ordine del giorno impegniamo ulteriormente la Giunta a scongiurare ciò che oggi viene paventato da più parti.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’ordine del giorno in discussione.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in allegato)

Ordini del giorno unificati di iniziativa dei consiglieri Nucera e Giordano: “In ordine alla realizzazione della centrale a carbone di Saline Joniche

PRESIDENTE

Sono pervenuti al tavolo della Presidenza due ordini del giorno inerenti la stessa materia, presentati dagli onorevoli Giordano e Nucera.

Do lettura del primo ordine del giorno a firma dei consiglieri Giordano, De Masi, Principe, Aiello F. , Ciconte, Mirabelli, Loiero, Guccione, Talarico D. , Tripodi, Bova, Censore, Maiolo, Amato, De Gaetano, Sulla, Battaglia, Scalzo, Serra, Franchino:

“Il Consiglio regionale

premesso che

il Piano Energetico Regionale (PEAR) approvato con deliberazione del Consiglio regionale numero 315 del 14 febbraio 2005 fa assoluto divieto dell’utilizzo dei carbone ai fini energetici;

lo sviluppo economico del territorio regionale può ottenersi con attività alternative all’utilizzo delle fonti fossili, attività imperniate sullo sviluppo delle fonti rinnovabili e sulla promozione di iniziative manifatturiere nel settore delle fonti rinnovabili e dell'efficienza energetica;

più specificatamente con deliberazione numero 98 del 9 febbraio 2005, la Giunta regionale ha stabilito di non fornire ulteriore intesa in sede di Conferenze dei servizi indette dal Ministero delle attività produttive, oggi sviluppo economico, e dal Ministero dell'ambiente per la realizzazione di centrali termoelettriche sul territorio regionale, ritenendosi sufficiente il numero delle cinque autorizzazioni già rilasciate dal Ministero delle attività produttive quale partecipazione al sistema Paese;

i vari governi regionali che si sono succeduti hanno espresso in modo netto la propria contrarietà ai progetto di costruzione di una centrale termoelettrica alimentata a carbone nel territorio di Saline Ioniche da parte della società SEI;

già con delibera 686 del 6 ottobre 2008 la Giunta regionale ha stabilito di non accordare l’intesa prevista delle leggi numero 55 del 2002 e numero 392 del 2004, al procedimento amministrativo avviato dal Ministero dello sviluppo economico sull’opera centrale termoelettrica a carbone da circa 1.320 megawatt e da ubicarsi nel comune di Montebello Ionico (Reggio Calabria), proposto dalla società Saline energie ioniche S. p. A. ;

nella seduta consiliare del 15 novembre 2010 la massima assise regionale approvava all’unanimità una mozione con la quale si proponeva di impegnare il Presidente Scopelliti e la Giunta regionale ad attivarsi presso il Ministero dello sviluppo economico, per impedire la realizzazione di centrali termoelettriche e a carbone sul territorio della Regione Calabria, nel rispetto di quanto previsto da! vigente Piano energetico regionale;

la stessa Giunta regionale attraverso l’assessore al ramo, onorevole Francesco Pugliano, in sede di risposta ad interrogazione immediata confermava durante la seduta del consiglio del 16 gennaio 2012 la posizione contraria della Giunta regionale ad ogni ipotesi di realizzazione sul sito della ex Liquichimica di Saline Ioniche di una centrale a carbone:

in data 15 giugno 2012, a seguito della procedura autorizzativa avviata dalla società SEI, il Presidente del Consiglio dei Ministri, tenuto conto dei contrasti di pareri del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare e del Ministero per le attività culturali, sulla base di quanto previsto dall’articolo 5, comma 2, lettera c-bis, della legge numero 400 del 1988, con decreto ha stabilito la compatibilità ambientale e l’autorizzazione al successivo esercizio relativamente al progetto proposto dalla società SEI spa, concernente la realizzazione di una centrale termoelettrica alimentata a carbone da ubicarsi nella località saline Ioniche nel comune di Montebello Ionico;

tutto ciò premesso impegna

il Presidente e la Giunta regionale ad opporsi, sulla base di quanto già deliberato in via amministrativa all’iter autorizzativo finalizzato alla realizzazione della centrale termoelettrica alimentata a carbone sul territorio di Saline Ioniche e contestualmente ad impugnare in via di urgenza presso gli organi giurisdizionali il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri indicato in premessa al fine di evitare che lo stesso, trascorsi i termini di legge, diventi definitivo ed inoppugnabile”.

È stato presentato un ordine del giorno a firma del consigliere Nucera inerente la stessa materia, si propone la loro unificazione.

La parola all’onorevole Nucera.

Giovanni NUCERA

E’ un ordine del giorno che va nella direzione opposta a ciò che ha già deciso il Governo, concedendo un’autorizzazione o un nullaosta di impatto ambientale per la realizzazione della centrale a carbone di Saline Ioniche.

Mi sono permesso di ripercorrere un po’ la storia di questa vicenda che, ormai, ha dei caratteri anche grotteschi e trova i primi oppositori proprio nella gente che vive nel territorio direttamente interessato, ma ancora di più nella coscienza di quanti – e non bisogna essere incalliti ecologisti – considerano questa tecnologia ormai ampiamente superata per produrre e generare energia diversa, elettrica e via dicendo, non solo per l’impatto ambientale, che è abbastanza forte, ma anche per la vocazione naturale di quel territorio dell’area ionica, che è turistica, portata di più ad utilizzare le risorse naturali che ha, cioè il territorio agricolo, l’ambiente, posto al meglio, essendoci là vicino anche un’oasi faunistica, il clima particolare di cui dispone, mentre l’uomo – ed è molto bravo l’uomo nel realizzare questi contrasti – invece di valorizzare la ricchezza reale che ha, tende a porre prima il fallimento della Liquichimica, ora una centrale a carbone.

Noi diciamo che è giusto, per chi ha questa vocazione naturale, avanzare progetti e programmi di questa natura, ma contemporaneamente diciamo che quello non è il luogo adatto, ideale per la realizzazione di una centrale a carbone.

Quindi non c’è un pregiudizio sulle persone e più che mai sull’opera che si vuole realizzare, su questo possiamo pure discutere, ma c’è una necessità, un’opportunità di spostare in altri siti, in altri luoghi questo tipo di intervento, che certamente contraddice con la natura e con il posto.

Ora, non bisogna fare sforzi, né l’Aula è chiamata ad esprimere chissà su quali grandi sistemi, la regione Calabria è una regione che esporta l’energia – forse l’unica cosa che esporta – quindi è ricca già di per sé di energia e non ha bisogno di energie ulteriori. Non vi cito dati, non vi cito numeri, sarebbero superflui.

La Regione Calabria, fra le altre cose, si è già espressa e non oggi, non ieri, ma già da tempo su questa materia, si è espressa quando nel 2004 il Governo Chiaravalloti approvò il Piano energetico regionale, dicendo che nei territori della Calabria non saranno mai impiantati centrali a carbone; si è espressa nel 2008 – mi pare – quando il governo Loiero, all’unanimità, approvò una mozione prima in Aula e poi una legge che non considerava il territorio regionale compatibile con la richiesta avanzata dalla società costruttrice; ma si è espressa ancora di più, recentemente, quando nel 2010 il governo Scopelliti, questo governo regionale, all’unanimità, con un ordine del giorno si è espresso in maniera negativa ulteriormente, raccomandando anche al Governo nazionale di considerare il valore, per quella che è la competenza della Regione Calabria, di quella espressione di voti in termini positivi.

Oggi rimarchiamo questo concetto e tendiamo a fare esaltare il valore in sé del significato di un rifiuto politico da parte del Consiglio regionale e mi fa piacere che ci sia stata anche una mozione presentata dalla minoranza, oltre che dalla maggioranza, proprio perché su questi temi noi dobbiamo essere fortemente concordi e non divisi da pregiudizi di tipo ideologico.

Allora, dire di no alla centrale a carbone oggi – il mio intervento è brevissimo, proprio perché i fatti sono conosciuti, la storia è conosciuta, le motivazioni sono conosciute – significa, sostanzialmente, rafforzare l’idea che la Calabria ha e vuole mantenere inalterata quella che è la propria vocazione naturale, fatta di tutela dell’ambiente, di valorizzazione del paesaggio, della necessità di recuperare posti di lavoro e non certo attraverso l’intossicazione dei territori, dei paesi, delle persone e così via, e vuole soprattutto rilanciare la sua costa, così come ha fatto, attraverso un master-plan sulla portualità che in quell’area individua, oltre alla presenza del porto di Reggio Calabria e di Locri, anche la possibilità di realizzare su Saline e su Bovalino delle darsene, dei punti di approdo di tipo turistico, quindi rilanciare la vocazione turistica.

Pertanto sottopongo al voto, se è del caso anche trovando momenti di sintesi e di definizione con la minoranza, l’ordine del giorno da me presentato, proprio con lo spirito di chi è consapevole che questa regione, coerentemente con quanto ha fatto fino ad oggi, rifiuta il carbone come elemento di disturbo rispetto alla propria vocazione naturale.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Giordano. Ne ha facoltà.

Giuseppe GIORDANO

Anche il nostro ordine del giorno, sottoscritto dall’intera minoranza e da alcuni consiglieri di maggioranza, ripercorre le tappe; due questioni fondamentali, il Piano energetico regionale vigente, la pronuncia unanime, ferma e decisa di questa Regione nel 2008 attraverso il Governo regionale e il Consiglio regionale, nel 2010 il 16 novembre una mozione nella quale confluirono diverse mozioni presentate da tutti i gruppi regionali, che si tradusse in un definitivo – sottolineo definitivo – no alla centrale di Saline, no al carbone, perché, in quella seduta, il Consiglio regionale ha detto no al carbone in Calabria. Questo è bene che lo ricordiamo in maniera chiara.

Per quello che riguarda quella pronuncia, è una pronuncia definitiva quella del 16 novembre, non stiamo tornando indietro.

Oggi perché chiediamo al Consiglio, alla Giunta e al Presidente Scopelliti l’impegno? A fronte dell’autorizzazione che il Ministero ha rilasciato circa la valutazione di impatto ambientale, si impone una presa di posizione da parte della Regione Calabria che sia conforme a quanto stabilito il 16 novembre 2010. In conformità con quel voto, oggi con quest’ordine del giorno che condivide i passaggi che ha fatto il collega Nucera, ricordando tutto il valore alternativo dei progetti di quell’area della provincia di Reggio Calabria e dell’intera regione Calabria rispetto alla vicenda, quindi, oggi, l’impegno che l’Aula assume è indirizzato al Presidente della Giunta perché si opponga, conformemente alle decisioni già espresse il 16 novembre 2010, quindi ad impugnare in via d’urgenza, prima che il decreto Via diventi definitivo, presso gli organi giurisdizionali il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri e quindi a proseguire nelle attività amministrative, per mettere parola fine, per dire che questa Regione è conseguente alle scelte già fatte, dice no al carbone e dice no alla costruzione della centrale di Saline Ioniche, dice sì a uno sviluppo alternativo sul quale questo Consiglio, unanimemente, è stato d’accordo.

PRESIDENTE

La parola all’onorevole Chiappetta.

Gianpaolo CHIAPPETTA

Intervengo solo per esprimere una considerazione di carattere generale rispetto a quest’ordine del giorno presentato dai colleghi della minoranza, illustrato in Aula dal collega Nucera, perché sono assolutamente convinto della necessità che debba essere ribadita con forza la posizione già espressa in più di una occasione -ha fatto bene il collega Giordano ad evidenziarlo-. Fra l’altro, è ripreso anche in quest’ordine del giorno, laddove si parla dell’approvazione con delibera del Consiglio regionale del Piano energetico regionale calabrese (PER), così come è stato anche ribadito con atti amministrativi – leggo sempre qui, per come è riportato nell’ordine del giorno – con delibere assunte dalle diverse Giunte regionali che si sono succedute nel corso degli anni. Anche sulla base di questo ultimo provvedimento assunto a livello governativo, nazionale, ritengo che non si possa non esprimere la più ferma contrarietà rispetto allo stesso, che per la complessità della questione – lo vorrei ricordare così per come è stato fatto anche negli interventi che mi hanno preceduto – non è solo riferito alla specificità di un territorio, nel caso in specie quello di Saline Ioniche, ma anche alla specificità di altri territori, del territorio regionale calabrese. Credo che, Presidente, – e ripeto – esprimendo il convinto sostegno rispetto alla posizione precedentemente espressa dall’Aula all’unanimità, che, appunto perché siamo in sede di conclusione dei lavori –mi sembra che questo sia l’ultimo punto all’ordine del giorno–, si è registrata, di fatto, una sorta di “rompete le righe”; per come vediamo, non ci sono né i colleghi della maggioranza, né i colleghi della minoranza, mancando anche il Presidente della Giunta regionale che naturalmente non potrà fare altro che confermare la posizione espressa precedentemente. Credo che di quest’ordine del giorno, Presidente, e chiedo anche al collega Nucera, che ha apposto la sua firma, si possa procedere alla trattazione nella prossima seduta del Consiglio regionale, alla presenza di tutte le forze politiche presenti in Consiglio regionale e, soprattutto, anche alla presenza del Presidente della Giunta regionale.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Bova. Ne ha facoltà.

Giuseppe BOVA

Spero di aver capito bene, onorevole Chiappetta, perché temevo che esprimesse una posizione del tipo “non c’è niente di nuovo” e spero che, la prossima volta, non sarà questa la posizione del Pdl o, peggio, dell’intera maggioranza perché se afferma – quello che ha detto lo voglio ribadire, in maniera che l’Aula ascolti – “siccome questo è un fatto impegnativo, voglio che sia tutto il Consiglio, nella pienezza dei suoi ranghi istituzionali e politici, a ribadire una posizione”, questa è una posizione che capisco; se, invece dice – lo dico ora, in maniera da anticipare una mia posizione, qualora questa diventerà quella del Pdl – “ma abbiamo detto tutto e non dobbiamo dire più niente”. A quel punto mi sembrerebbe, se fosse una farsa, quel tipo di sceneggiata che abbiamo apprezzato in televisione, qualche anno fa, di un celeberrimo comico italiano di rilievo internazionale, qual era Totò. Vi ricordate Totò? A un certo punto racconta che arriva uno e dice “Pasquale, ah”, lo prende a schiaffi. “E tu?”. “Niente, vediamo questo dove vuole arrivare”. E lui, altri schiaffi e pedate. “E tu?” domandava l’altro, la spalla. “Vediamo questo dove vuole arrivare”. E lui schiaffi, pedate e così via. Se uno dice non abbiamo bisogno di ribadire, lo immaginerei, nel migliore dei casi, come quella situazione di Totò che, alla fine, sapete come concludeva? Dice: “E tu?”. “Io niente, e che sono Pasquale!”. Caro Chiappetta, qui Pasquale diventeremmo non solo tutti noi, ma i calabresi e, in particolare, quelli che abitano in quelle aree perché, in questo momento, una parte dell’opinione pubblica -quasi tutti!- pensa e tende a dire in giro: “è inutile che vi muovete, perché la centrale a carbone si farà”. Di fronte a una scelta gratuita e sbagliata, un atteggiamento di indifferenza, di silenzio, a questi livelli, sarebbe, quindi, come dire “ci siamo salvati l’anima, però che volete? Quello che si vuole lì si riesce a fare!”. Con Governi politici ben più forti di questo, anni fa, quando ancora non era fallita la prima Repubblica, abbiamo fatto rimangiare decisioni assunte e accordi internazionali conclusi per quanto riguardava Gioia Tauro; eppure eravamo in un’altra fase, in cui una parte prevalente degli italiani pensava che la crescita, e anche in Calabria, potesse andare avanti quasi senza limiti accompagnata ad una crescita dell’occupazione industriale – e, in qualche maniera, ci vendevano un impianto energetico –. Ora non c’è un cavolo! Vedete, altri Paesi che pure sono stati riferimento nel mondo, anni fa, è vero che hanno fatto una scelta sbagliata e pericolosa, che ora stanno pagando, però una parte del miracolo giapponese è figlio della scelta arrischiata di fare, in un Paese fortemente sismico, la scelta del nucleare. Ora la pagano ma anni fa questo ha consentito ai giapponesi, assieme a notevoli capacità imitative, di andare come il vento, perché pagavano l’energia a costi assai più bassi. Qui non c’è niente, proprio nulla! Subirlo significa accettare un rapporto di tipo coloniale, o peggio, e a scanso di equivoci – quello che penso lo dico – perché i signori di queste multinazionali pensano di potersi comprare la politica e le istituzioni. Il silenzio diventerebbe, quindi, obiettivamente, complicità. “Ma allora a noi che viene?”. Intanto, Gioia Tauro è la dimostrazione, quando ci dicevano che volevamo interrare il porto, che non c’era niente, che qualcosa di molto meglio si poteva fare; preservarlo, se non deturpa e non inquina il territorio; è, comunque, un giacimento e una risorsa. Sottovalutarlo, quindi, a questo livello – lo dico senza tema di smentita – diventa una complicità. Ovviamente sono d’accordo con lei, onorevole Chiappetta, se ho capito bene, che stavolta non ci si può limitare solo a ribadire posizioni in maniera solenne. Vedo lì l’onorevole Sulla, il quale, in qualità di assessore alle attività produttive della Calabria, ha partecipato ad una conferenza di servizi in cui ha motivato il no della Regione Calabria. Rispetto ad un atto di questo genere, bisogna, ovviamente, non solo ribadire le posizioni, ma fare qualcosa in più, onorevole Nucera; non basta più un semplice ordine del giorno in cui si ribadiscono le vecchie posizioni, occorre impugnare quella decisione e, dall’altro, coinvolgere i livelli istituzionali territorialmente interessati fino ai cittadini, per far capire che qui non siamo Pasquale e non accettiamo di esserlo! Detto questo, solo su una cosa sono d’accordo: onorevole Chiappetta, – e vorrei che mi ascoltasse – formalmente l’ha detto in maniera positiva, ma basta che lei e un altro si alzi e chieda il numero legale per verificare che questa Assemblea non può votare un ordine del giorno. Sono d’accordo su questo punto – mi ha capito? –voglio sentire il Presidente Scopelliti, voglio sentire l’assessore Caridi, ovviamente, vorrò risentire lei e gli altri gruppi politici, perché è vero che, fino a ieri, abbiamo lavorato assieme. Voglio verificare che ci sia, sperando che su questo punto ci sia ancora una convergenza oggi e domani. Per queste ragioni sono d’accordo che non sia quest’Aula a votarlo stasera, ma nella prossima seduta del Consiglio regionale, anticipandolo come primo punto all’ordine del giorno, in cui ognuno non si salva l’anima. Ho anticipato le posizioni: uomo avvisato, mezzo salvato! Non venite a dirmi che, siccome l'altro ieri l’abbiamo detto, non è più necessario. Se fate così, dico che le cose avranno preso una brutta piega, perché quella posizione sciagurata sarebbe di obiettiva complicità con chi pensa che qui ci può fare la pipì addosso! Perché c’è un problema anche di dignità, non solo di posizioni politiche, perché, in un’Italia in cui l’unica cosa che sanno fare è tagliare, quando c’è bisogno di una discarica abusiva si pensa che la Calabria vada ancora bene!

Vi chiedo scusa, dico una cosa grave: è paradossale, perché loro signori fanno finta di combattere la ‘ndrangheta e, poi, la utilizzano per le cose peggiori quando serve come taxi. Se non va bene – e non va bene –, non va bene mai e non bisogna fare nessuna azione che forzi le regole democratiche e che, quindi, consenta ai prepotenti di valere per due. Vedete, non straparlo, ma ci sono momenti in cui stare zitti non si può e non si deve. Chiaro? Ho anticipato le posizioni, ma sono d’accordo che diventi il primo punto da trattare della prossima seduta. Onorevole Giordano, ci siamo capiti? Non insista, per favore, perché stasera sarebbe come salvarsi l’anima, far finta che siamo d’accordo ed ottenere di differenziarsi su questioni di lana caprina. Li voglio vedere in faccia e voglio capire se sulla sostanza sono d’accordo. Alcuni giorni non fanno la differenza, perché domani, se votassimo stasera, ammesso e concesso – perché non ci credo, stasera le posizioni sono diversificate – farebbero cantare vittoria e scrivere ai giornali e ad altri che “quattro gatti erano!” e pur essendo quattro gatti, non diamone l’alibi – se mi consente, come consiglio –, perché “la gatta prescialora faci i figghi orbi”. Non “simu gatti e mancu prescialori!”. Va bene.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Principe. Ne ha facoltà.

Sandro PRINCIPE

Sono d’accordo non solo nel merito – ed evito di parlarne anche in ragione di quello che sto per dire – ma sotto il profilo ordinatorio dei lavori dell’Assemblea. Questa è una questione troppo delicata per chiuderla stasera in un’Aula semivuota, a mio avviso non daremmo una buona impressione e si sottolineerebbe un aspetto di chi, al limite, privilegia la forma sulla sostanza. Siccome la questione è molto seria, molto delicata, non possiamo che privilegiare la sostanza.

Per cui rinuncio all’intervento nel merito, ma insisto sulla proposta Bova di mettere la questione al primo punto all’ordine del giorno della prossima seduta, in modo da fare una discussione che sia utile per la Calabria, per il suo ambiente e per le sue prospettive di crescita.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Tripodi. Ne ha facoltà.

Pasquale Maria TRIPODI

Presidente, sono disponibile pure ad accettare il ragionamento del rinvio fatto dall’onorevole Chiappetta, però ad una condizione che va verificata, perché non vorrei che con una nuova normativa la Regione esprima il diniego che è di carattere politico, onorevole Giordano senza considerare i processi interni di impugnazione, non vorrei che dopo 30 giorni si prescrivessero, visto che il decreto è stato emanato il 15 di giugno e la seduta è il 16 luglio.

Allora andiamo a verificare questo percorso, perché altrimenti tutto diventa una presa in giro, perché non vorrei che ci soffermassimo sull’aspetto politico e tralasciassimo quello più importante, ovvero di tipo procedurale giuridico.

Su questo chiedo un impegno formale della Presidenza del Consiglio regionale a verificare, puntualmente, il percorso di natura giuridico-amministrativa, per evitare che poi il Consiglio regionale possa solamente dal punto di vista formale esprimere un diniego, che non serve a niente!

Vorrei ricordare, a me stesso e agli autorevoli colleghi, che hanno già parlato, che questa questione era già chiusa per quanto riguarda il dibattito in Consiglio regionale, abbiamo sentito la responsabilità di acquisire un ulteriore parere, ma rispetto ad un parere VIA che il Governo ha dato in autonomia. E non ci possono essere sempre verifiche su un fatto già accertato.

Allora siamo disposti al rinvio, con l’impegno della Presidenza del Consiglio regionale che verifichi puntualmente l’iter amministrativo.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Giordano. Ne ha facoltà.

Giuseppe GIORDANO

Presidente, concludo questo giro di interventi offrendo la mia disponibilità, che tra l’altro raccoglie le dichiarazioni dei colleghi che hanno sottoscritto l’ordine del giorno e che mi sono pregiato di presentare, quindi faccio una puntualizzazione che è delicata e alla quale non rinuncio.

La disponibilità è espressa nella direzione che il collega Tripodi ha detto poc’anzi, e cioè di una verifica precisa dei termini, perché non vorremmo il 16 luglio parlare di aria fritta! Le chiedo e chiedo al capogruppo del Pdl, onorevole Chiappetta – lo chiedo in chiave politica, così come si rende garante l’onorevole Principe, capogruppo del Partito democratico e lei, attraverso il Presidente del Consiglio regionale – di verificare i termini, perché ove fossero 30 giorni i termini per l’impugnativa, chiedo che la seduta si tenga entro una settimana o ancora prima da oggi. E’ una questione vitale per la Calabria, non possiamo scherzare.

A me dispiace che oggi, da quest’Aula, manchi l’80 per cento dei colleghi, lo dico senza remore, Presidente, mi dispiace che si sia arrivati ad avere un’Aula con 7, 8, 10, 15, quanti saremo, consiglieri. Chiedo un impegno formale.

Sono disponibile al rinvio, perché è una discussione politica che guarda al futuro e al presente di questa regione, ma si tratta di decisioni conformi a quello che il Consiglio regionale ha stabilito il 16 novembre, cioè la parola fine al carbone in Calabria. Su questo non si torna indietro.

Allora, Presidente, la disponibilità nostra dei sottoscrittori c’è, con l’impegno preciso, categorico – e se qualcuno ha qualcosa da dire, la dica adesso – che nell’ipotesi di termini precisi sulla prescrizione dell’impugnativa, la seduta si tenga fra una settimana a partire da oggi.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Battaglia. Ne ha facoltà.

Demetrio BATTAGLIA

 Intervengo alla luce della dichiarazione del collega Tripodi e poi anche del collega Giordano.

Quello che devono fare il Presidente del Consiglio e l’intero Ufficio di Presidenza, a prescindere dalla scadenza dei termini, è un atto obbligato perché questa Assemblea, dal punto di vista della decisione politica e anche sotto la forma normativa, sia pure della mozione – ora non ricordo quale – ha già dato una indicazione precisa. Se il Presidente o l’Ufficio di Presidenza, a prescindere da altri atti, non segue quell’indicazione, si pone e si potrebbe porre – e si porrà – un problema di rapporto di fiducia tra il Consiglio e l’intero Ufficio di Presidenza, il quale Ufficio di Presidenza, per procedere ad una eventuale impugnativa o comunque ad atti amministrativi, ha solo delle procedure interne amministrative da rispettare, non ha altro e, rispetto a quello che già il Consiglio ha deliberato, l’Ufficio di Presidenza, come atto dovuto, sia in ragione del rapporto fiduciario, ma anche in ragione di quella mozione che è prevista nei Regolamenti e negli Statuti, ha solo l’obbligo di eseguirla rispetto ad eventi nuovi che ci sono stati.

Quindi, da questo punto di vista, credo, sulla base di un ragionamento corretto, che non dovremmo avere preoccupazioni sugli atteggiamenti dell’intero Ufficio di Presidenza, non solo del Presidente, perché altrimenti si porrebbe un problema non del Consiglio regionale, ma dell’intero Ufficio di Presidenza a poter continuare ad esercitare il suo ruolo.

Quindi ritengo che, da questo punto di vista, nessun margine ha l’Ufficio di Presidenza su eventuali scadenze. Ha fatto bene il collega Tripodi a ricordarlo, il collega Giordano a riprenderlo, perché così, tra l’altro, non c’è nemmeno una giustificazione che vada ad intaccare gli atti amministrativi che loro dovranno fare. Nessuna giustificazione hanno o potranno portare a questo Consiglio.

Detto questo, penso che, alla luce di questo ragionamento, si possa discutere con un’Assemblea più ampia e composta del problema, per ripetere – credo – salvo modifiche di orientamento – da parte nostra non c’è nessuna modifica – da parte di tutti i colleghi, per ribadire all’unanimità quanto già fatto in passato.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare l’onorevole Nucera. Ne ha facoltà.

Giovanni NUCERA

Presidente, non vorrei che il Pasquale di turno – come diceva poco fa l’onorevole Bova – fosse l’Ufficio di Presidenza, perché non è disponibile a prendere schiaffi, anche perché è un Ufficio regolato per legge, con specifiche competenze, procedure da seguire e competenze varie.

Per cui l’Ufficio di Presidenza mi sembra un po’ difficile che possa superare la volontà del Consiglio, che qui, ringraziando a Dio, è l’organo supremo del rapporto istituzionale. Per cui questa volta Pasqualino non c’entra nulla! Ma l’intervento fatto dal collega Bova è di tutto rispetto, perché è da considerare – così mi verrebbe da dire, così parlò Zarathustra, ma non è questo il tema – con piena realtà, proprio per la serietà dell’argomento posto in essere e proprio per le motivazioni addotte anche dal collega capogruppo Chiappetta, l’opportunità che un momento di riflessione molto più forte debba essere preso, perché se azione il Consiglio regionale deve assumere, deve essere corale e non fatta da quest’Aula, che non ha neanche il numero legale per poter deliberare. E chi vi dice è stato il promotore dell’ordine del giorno, per cui è scevro, caro Presidente, da qualsiasi condizionamento di parte. Mi sembra che, al di là di quella che può essere la spinta populistica di qualcuno, ci sia una volontà da parte di questo Consiglio di riconfermare gli atti già consumati, di affrontare questo tema il 16 luglio, perché siamo al di là di tutto anche nei tempi convenevoli, ma c’è una determinazione, se questo è, e ci deve essere, deve essere, senza dubbio, compito della maggioranza avvisare l’assessore competente – che stasera è assente – e dire anche dell’esito di questa coda di dibattito che si è fatto in Aula in questo momento.

Per cui riaggiornare l’argomento, fermo restando che i due ordini del giorno rimangono in piedi aprendo ad ulteriori contributi, riaggiornare la discussione mi sembra un atto di onestà anche istituzionale che tutti quanti possiamo condividere perché, ripetendo il tema – mi permetto di dire, sempre col permesso del mio capogruppo – l’intervento del collega Bova mi pare sia da cogliere a piene mani, proprio per l’impegno e le risposte che dobbiamo dare a una questione così importante.

PRESIDENTE

Si recepisce la volontà del Consiglio di differire questo punto all’ordine del giorno, per cui, non essendovi altri punti, la seduta è tolta. Il Consiglio sarà convocato a domicilio.

La seduta termina alle 18,12

 

Allegati

Annunzio di proposte di legge e loro assegnazione a Commissioni

E’ stata presentata alla Presidenza la seguente proposta di legge di iniziativa della Giunta regionale:

“Assestamento del bilancio di previsione della Regione Calabria per l’esercizio finanziario 2012 e del bilancio pluriennale 2012-2014 a norma dell’articolo 22 della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8 - (delibera G.R. n. 276 del 15.6.2012)” (P.L. n. 350/9^)

E’ stata assegnata alla seconda Commissione consiliare - Bilancio programmazione economica e attività produttive.

(Così resta stabilito)

Sono state presentate alla Presidenza le seguenti proposte di legge di iniziativa dei consiglieri:

Talarico D. – “Valorizzazione della disciplina sportiva del Rafting e delle attività ad essa correlate” (P.L. n. 346/9^)

E’ stata assegnata alla terza Commissione consiliare - Attività sociali, sanitarie, culturali e formative – ed alla seconda - Bilancio programmazione economica e attività produttive – per il parere.

(Così resta stabilito)

Talarico D., Dattolo – “Prevenzione e salvaguardia dal rischio gas radon” (P.L. n. 347/9^)

E’ stata assegnata alla quarta Commissione consiliare – Assetto e utilizzazione del territorio – protezione dell’ambiente – ed alla seconda - Bilancio programmazione economica e attività produttive – per il parere.

(Così resta stabilito)

Bilardi – “Affidamento in gestione impianti sportivi di proprietà degli Enti Pubblici del territorio regionale” (P.L. n. 348/9^)

E’ stata assegnata alla terza Commissione consiliare - Attività sociali, sanitarie, culturali e formative.

(Così resta stabilito)

Pacenza – “Misure per la certificazione energetica degli edifici” (P.L. n. 349/9^)

E’ stata assegnata alla quarta Commissione consiliare – Assetto e utilizzazione del territorio – protezione dell’ambiente.

(Così resta stabilito)

De Masi, Giordano, Talarico D. - “Norme in materia di pluralismo informatico, sulla adozione e la diffusione del software libero” (P.L. n. 351/9^)

E’ stata assegnata alla prima Commissione consiliare - Affari, istituzionali e affari generali – ed alla seconda - Bilancio programmazione economica e attività produttive – per il parere.

(Così resta stabilito)

Dattolo - “Modifica all’articolo 25 della legge regionale 13 giugno 2008, n. 15” (P.L. n. 352/9^)

E’ stata assegnata alla seconda Commissione consiliare - Bilancio programmazione economica e attività produttive – per il parere.

(Così resta stabilito)

Parere favorevole su deliberazioni

La seconda Commissione consiliare, con nota n. 28966 del 21 giugno 2012, ha comunicato che nella seduta del 21 giugno 2012 ha espresso parere favorevole, con osservazioni, alla deliberazione della Giunta regionale n. 219 del 14 maggio 2012, recante: “Legge regionale 23 dicembre 2011, n. 47, articolo 47 <Sistema di incentivazione per lo sviluppo dell’Area di Gioia Tauro> - Approvazione Piano” (Parere n. 42)

Promulgazione di leggi regionali

In data 11 giugno 2012, il Presidente della Giunta regionale ha promulgato le sotto indicate leggi regionali. Le stesse sono state pubblicate sul supplemento straordinario n. 7 del 15 giugno 2012 al B.U.R. n. 10 dell’1 giugno 2012:

Legge regionale 11 giugno 2012, n. 21, recante: “Tutela, valorizzazione e promozione del patrimonio linguistico dialettale e culturale della Regione Calabria”;

Legge regionale 11 giugno 2012, n. 22, recante: “Modifiche alla legge regionale 14 agosto 2008, n, 29, recante: Norme per orientare e sostenere il consumo di prodotti agricoli anche a chilometri zero”; .

Legge regionale 11 giugno 2012, n. 23, recante: “Modifiche alla legge regionale 26 febbraio 2010, n. 8”;

Legge regionale 11 giugno 2012, n. 24, recante: “Modifiche ed integrazioni all’articolo 13 della legge regionale 29 dicembre 2010, n. 34 “Provvedimento generale recante norme di tipo ordinamentale e procedurale (Collegato alla manovra di finanza regionale per l’anno 2011). Articolo 3, comma 4, legge regionale n. 8/2002”.

In data 22 giugno 2012, il Presidente della Giunta regionale ha promulgato la sotto indicata legge regionale. La stessa è stata pubblicata sul supplemento straordinario n. 2 del 22 giugno 2012 al B.U.R. n. 11 del 16 giugno 2012:

Legge regionale 22 giugno 2012, n. 25, recante: “Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 19 ottobre 2009, n. 35 e s.m.i. “Procedure per la denuncia, il deposito e l’autorizzazione di interventi di carattere strutturale e per la pianificazione territoriale in prospettiva sismica”.

Emanazione di Regolamento regionale

In data 11 giugno 2012, il Presidente della Giunta regionale ha emanato il sotto indicato regolamento regionale. Lo stesso è stato pubblicato sul supplemento straordinario n. 7 del 15 giugno 2012 al B.U.R. n. 10 dell’1 giugno 2012:

Regolamento regionale n. 4 dell’11 giugno 2012 concernente: “Modifica art. 21 del Regolamento regionale n. 8 del 29.12.2011”.

Interrogazioni a risposta immediata

De Masi, Giordano, Talarico D. Al Presidente della Giunta regionale. Per sapere – premesso che:

dagli organi di stampa si apprende che nell’ambito di una convention tenutasi presso l’auditorium Casalinuovo, in occasione del recente turno elettorale amministrativo di Catanzaro, il Presidente della Giunta regionale “ha detto di aver deciso di stanziare 5 milioni di euro per la ristrutturazione dello stadio Ceravolo”;

in data 29 marzo l’assessore regionale Tallini, a seguito di un incontro avuto con l’assessore regionale al bilancio ed alla programmazione nazionale e comunitaria, ha diffuso un comunicato nel quale si apprende che “I cinque milioni di euro pubblicamente promessi dal Presidente della Regione, Scopelliti, per la ristrutturazione dello stadio Ceravolo di Catanzaro non erano, come qualcuno aveva insinuato, né una promessa da marinaio, né tanto meno una promessa preelettorale, bensì una concreta realtà” (www.catanzaroinforma.it);

dallo stesso sito si apprende che la somma da destinare alla ristrutturazione dello Stadio comunale di Catanzaro verrebbe reperita dalla riprogrammazione delle quote residue rinvenienti dal Fondo di sviluppo e coesione 2000/2006, relative alla Calabria;

il centro-sinistra catanzarese aveva, a suo tempo, sottolineato come queste affermazioni potessero rappresentare meri proclami pre-elettorali;

su il Quotidianoweb.it, in data 22 maggio 2012, il Sindaco di Catanzaro ha ribadito che “per il completamento di questi lavori e per ottemperare a tutte le richieste della Lega Pro e a quelle previste per rispettare le normative sulla sicurezza, sarà fondamentale attingere al fondo di 5 milioni di euro messi a disposizione dal Presidente Scopelliti”;

in tale occasione il Sindaco di Catanzaro ha aggiunto che provvederà “personalmente a sollecitare gli uffici della Regione affinché la somma necessaria per questa tranche di interventi sia messa a disposizione dell’amministrazione comunale”;

altri impianti sportivi, quali lo Stadio di Crotone e quello di Reggio Calabria, pur ospitando eventi di maggiore importanza e più ampia risonanza, risultano essere ugualmente obsoleti e, pertanto, meritevoli di ristrutturazione;

non si riescono a comprendere, se la notizia dovesse risultare verosimile, i criteri utilizzati dalla Giunta regionale per destinare fondi regionali ad una struttura sportiva anziché ad altre ugualmente obsolete -:

i criteri utilizzati dalla Giunta nella destinazione dei fondi regionali ad una struttura sportiva anziché ad altre ugualmente obsolete;

se il Presidente della Giunta regionale intenda finanziare la ristrutturazione di altri impianti sportivi, quali lo Stadio di Crotone e quello di Reggio Calabria, ugualmente fatiscenti.

(255; 11.06.2012)

Giordano. Al Presidente della Giunta regionale nella qualità di commissario delegato per la Regione Calabria. Per sapere - premesso che:

si apprende dagli organi di stampa che a causa di ritardi e/o inadempienze burocratiche imputabili al comune di Gioia Tauro, si appalesa il rischio di perdere congrui finanziamenti statali disposti con ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri, n. 3918 del 18 gennaio 2011, destinati, fra gli altri, alle vittime dell’alluvione verificatasi in data 2 novembre 2010 nella cittadina gioiese;

il Sindaco del comune, Bellofiore, in recenti dichiarazioni ha stigmatizzato i facili allarmismi e ha rassicurato la cittadinanza sull’iter burocratico, evaso regolarmente secondo i dettami previsti dall’ordinanza del Commissario delegato che stabilisce direttive per l’istruttoria delle richieste di accesso ai contributi, e che, pertanto, a breve i finanziamenti previsti saranno erogati;

numerosi cittadini, molti dei quali aderenti al comitato Valle Amena, paventano, al contrario, che sulla base di una deliberazione della Corte dei Conti, n. 21 del 22 marzo 2012, vi siano state carenze nella procedura amministrativa e per tale motivo hanno avanzato una richiesta di chiarimento al primo cittadino senza, però, ottenere alcun riscontro;

sulla questione lo stesso sottosegretario, onorevole Franco Torchia, ha avuto modo in passato di sollecitare i vari comuni interessati agli eventi alluvionali ad “attrezzarsi adeguatamente con tecnici preparati per evitare non solo lungaggini burocratiche, ma anche di perdere delle risorse importanti”;

la comunità gioiese giustamente pretende di essere informata sugli sviluppi della vicenda ponendo fine così a legittime preoccupazioni sul futuro dei finanziamenti, essenziali per un adeguato ristoro dei danni subiti e per un recupero del tessuto urbano e produttivo -:

quale sia lo stato attuale dell’iter burocratico riguardante l’assegnazione dei fondi statali per le vittime dell’alluvione del 2 novembre 2010, con particolare riferimento al comune di Gioia Tauro;

se effettivamente sono state riscontrate delle carenze o inadempienze nel carteggio documentale inviato dal suddetto comune di Gioia Tauro ,

ove sussistano delle problematiche, quali iniziative si intendono intraprendere per evitare che vengano persi i finanziamenti governativi finalizzati agli interventi a favore della comunità gioiese.

(256; 14.06.2012)

Giordano, De Masi, Talarico D. Al Presidente della Giunta regionale e all’assessore alla cultura. Per sapere – premesso che:

la Corte Costituzionale con sentenza n. 147/2012, depositata il 07/06/2012, ha dichiarato illegittimo l’articolo 19, comma 4, del d.l. n. 98 del 2011 convertito, con modificazioni, dalla legge n. 111 del 2011;

nel censurare la legge in questione, dichiarandone l’illegittimità costituzionale, la Corte ha ribadito la prevalenza delle norme regionali in materia di dimensionamento scolastico sulle corrispondenti norme statali che esautoravano di fatto le competenze della Regione in materia di accorpamenti scolastici. In sostanza, secondo la legge censurata non sarebbe spettato più alle Regioni decidere di programmare le autonomie scolastiche sul territorio e valutare gli eventuali accorpamenti tenendo conto delle condizioni geografiche, socio-economiche e storiche del territorio, nonché della situazione dell’edilizia scolastica;

nello specifico la Corte ha osservato come “è indubbio che la disposizione in esame incida direttamente sulla rete scolastica e sul dimensionamento degli istituti, materia che, secondo la giurisprudenza di questa Corte (sentenze n. 200 del 2009, n. 235 del 2010 e n. 92 del 2011), non può ricondursi nell’ambito delle norme generali sull’istruzione e va, invece, ricompresa nella competenza concorrente relativa all’istruzione; la sentenza n. 200 del 2009 rileva, in proposito, che il dimensionamento della rete delle istituzioni scolastiche» è «ambito che deve ritenersi di spettanza regionale». Trattandosi di ambito di competenza concorrente, allo Stato spetta soltanto di determinare i principi fondamentali, e la norma in questione non può esserne espressione. L’aggregazione negli istituti comprensivi, unitamente alla fissazione della soglia rigida di 1.000 alunni, conduce al risultato di ridurre le strutture amministrative scolastiche ed il personale operante all’interno delle medesime, con evidenti obiettivi di risparmio, ma, in tal modo, essa si risolve in un intervento di dettaglio, da parte dello Stato, in una sfera che, viceversa, deve rimanere affidata alla competenza regionale;

con deliberazione n. 47 del 10 febbraio 2012 la Giunta regionale, sulla base della normativa censurata dall’organo costituzionale, ha approvato un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle rete scolastica e della programmazione formativa che ha determinato la chiusura in Calabria di circa 100 scuole, da 506 si è passati a 406 istituzioni scolastiche, con la conseguente soppressione di circa 900 posti di lavoro tra dirigenti scolastici, docenti, collaboratori scolastici e personale amministrativo, con un coinvolgimento in primo luogo dei precari;

a seguito della sentenza della Corte Costituzionale diversi comuni della Calabria hanno deliberato di revocare i precedenti provvedimenti in tema di dimensionamento scolastico chiedendo, nel contempo, agli enti sovracomunali di assumere le relative determinazioni che salvaguardino le istituzioni scolastiche -:

se la Giunta regionale intenda procedere ad una revisione del piano di riorganizzazione e razionalizzazione della rete scolastica e della programmazione formativa approvato con deliberazione n. 47 del 10 febbraio 2012 procedendo alla revoca di quest’ultima;

se, conseguentemente la Giunta regionale , sulla base della deliberazione del Consiglio regionale n. 48 del 4/08/2010 avente ad oggetto “indirizzi regionali per la programmazione della rete scolastica e dell’offerta formativa della Regione Calabria per il quinquennio 2011/2012, 2015/2016 e della sentenza della Corte Costituzionale richiamata in premessa, intenda avviare una nuova programmazione della rete scolastica, con il coinvolgimento delle Province e dei Comuni, che tenga conto delle reali esigenze dei territori sui quali insistono le istituzioni scolastiche, nonché degli stessi operatori scolastici;

quali iniziative, in caso affermativo, si intendono intraprendere per velocizzare l’iter amministrativo, stante le molteplici competenze istituzionali, affinché il nuovo piano regionale possa essere operativo per l’annualità scolastica 2012/2013.

(257; 14.06.2012)

Guccione. Al Presidente della Giunta regionale. Per sapere – premesso che:

con delibera n. 329 del 23.04.03 la Giunta Regionale della Calabria, nelle more che la Commissione all’uopo istituita formulasse una proposta di rilancio/risanamento del Consorzio di Bonifica della Piana di Sibari e della Media Valle del Crati, all’epoca impossibilitato ad operare per difficoltà economiche e debitorie, ha nominato un Commissario Straordinario nella persona del dott. Antonio Giummo;

con Delibera n. 503 del 17.07.2004, in ottemperanza ai risultati di detta Commissione, che ha fornito un’ampia e dettagliata documentazione corredata da numerosissimi allegati sulla situazione funzionale, economica e patrimoniale del Consorzio evidenziando un’esposizione debitoria di circa 220 milioni di euro, con la possibilità di definire a stralcio le varie pendenze con una spesa di circa 75 milioni di euro e con un conseguente risparmio di circa 145 milioni di euro, la Giunta Regionale della Calabria ha autorizzato il dott. Antonio Giummo a procedere, quale Commissario ad acta, alla liquidazione di ogni posizione debitoria con le risorse che si sarebbero rese disponibili;

con Delibera n. 1082 del 28.12.2004, la Giunta regionale della Calabria ha impegnato la somma di 22 milioni e 500 mila euro, quali risorse rinvenienti dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali per il l’attuazione del Piano di Risanamento del Consorzio dì Bonifica Sibari-Crati (giusta Delibera della Giunta Regionale n. 503/04) ed ha rinnovato al dott. Giummo l’incarico di Commissario Straordinario dello stesso Consorzio fino al 31.12.2005;

con Delibera n. 572 del 19.06.05 la Giunta regionale della Calabria ha nominato il dott. Salvatore Gargiuli Commissario Straordinario del Consorzio di Bonifica della Piana di Sibari e della Media Valle del Crati;

con legge regionale n.12 del 20.11.2006, art.1, ai fini della definitiva liquidazione del Consorzio di Bonifica della Piana di Sibari e della Media Valle del Crati, il Commissario liquidatore è stato autorizzato all’accensione di un mutuo per l’importo residuo della situazione debitoria rappresentata dal medesimo Commissario in euro 36 milioni;

con le Delibere n. 362 e 459 del 2010 la Giunta regionale della Calabria ha nominato Commissario Liquidatore del Consorzio di Bonifica della Piana di Sibari e della Media Valle del Crati il dott. Domenico Bilotta che, con nota del 05.06.2012, ha informato il Presidente e i componenti della Commissione Speciale di Vigilanza regionale che la somma di 36 milioni di euro, stanziata con legge regionale n.12 del 2006 per la definitiva liquidazione del Consorzio di Bonifica della Piana di Sibari e della Media Valle del Crati, non era in grado di far fronte alla massa debitoria e alla chiusura definitiva del Consorzio perché, allo stato, i debiti risultavano essere di 155.235.966,12 euro e, quindi, di gran lunga superiori alla cifra individuata per la definitiva liquidazione dell’Ente;

considerato che:

il Consorzio di Bonifica Sibari-Crati è stato prima commissariato e poi posto in liquidazione con Delibera n. 329 del 23.04.03 della Giunta Regionale della Calabria e che la stessa Giunta, con Delibera n. 503 del 17.07.04, ha preso atto delle conclusioni della Commissione costituita ad hoc per l’esame della situazione debitoria dell’Ente, quantificata in una somma di circa 220 milioni di euro;

con Delibera n.1082 del 28.12.2004 sono stati utilizzati 22 milioni e 500 mila euro dalle risorse rinvenienti dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali per l’attuazione del Piano di Risanamento del Consorzio Sibari-Crati;

con Delibera n.572 del 13.06.2005 “Provvedimenti straordinari per la gestione della crisi del Consorzio della Piana di Sibari e della Media Valle del Crati” è stato nominato Commissario Straordinario del Consorzio il dott. Salvatore Gargiulo;

con legge regionale n. 12 del 2006 “Liquidazione del Consorzio di Bonifica della Piana di Sibari e della Media Valle del Crati”, all’articolo 1 si afferma che “per la definitiva liquidazione del Consorzio della Piana di Sibari e della Media Valle del Crati il Commissario Liquidatore è autorizzato all’accessione di un mutuo per l’importo residuo della situazione debitoria rappresentato dal medesimo Commissario di 36 milioni di euro”;

con le delibere n. 362 e 459 del 2010 la Giunta regionale della Calabria ha nominato Commissario Liquidatore del Consorzio di Bonifica della Piana di Sibari e della Media Valle del Crati il dott. Domenico Bilotta che ha trasmesso una nota del 05.06.2012 al Presidente e ai componenti della Commissione Speciale di Vigilanza del Consiglio Regionale della Calabria da cui si evince che i 36 milioni della Legge 12 del 2006 che dovevano servire alla definitiva liquidazione del Consorzio di Bonifica non erano sufficienti a coprire il debito poiché esso ammonta a 155.235.966,12 euro -:

quali provvedimenti urgenti si intendono adottare per porre fine ad una vicenda che si trascina da oltre nove anni e che, fino ad oggi, ha visto dissipare ingenti risorse pubbliche per la liquidazione del Consorzio Sibari-Crati che, a tutt’oggi, non è stato ancora definitivamente liquidato e per il quale addirittura, il Consiglio Regionale della Calabria ha approvato la Legge Regionale n. 12 del 2006, per la definitiva liquidazione attraverso l’accensione di un mutuo per 36 milioni di euro per poi accertare, attraverso la nota del Commissario liquidatore, dott. Domenico Bilotta, che la liquidazione definitiva del Consorzio non potrà mai avvenire, nonostante le somme stanziate dal Consiglio regionale, perché i debiti risultano essere pari a 155.235.966,12 euro e, perciò, di gran lunga superiori ad essi. Un fatto scandaloso che deve essere immediatamente chiarito e sanato, di cui devono essere verificate e individuate fino in fondo tutte le responsabilità e il cui peso economico non può ulteriormente gravare sulle tasche dei calabresi.

(259; 15.06.2012)

Talarico D., De Masi, Giordano. Al Presidente della Giunta regionale e all’assessore ai trasporti. Per sapere – premesso che:

S.A.CAL. S.p.A. è una società partecipata della Regione Calabria, che ne detiene il 10 per cento delle quote azionarie (il 68,27% è detenuto da enti pubblici ed il rimanente da soci privati);

la stessa società, nel settembre del 2009, ha ottenuto la gestione totale dell’aeroporto di Lamezia Terme per una durata quarantennale, con funzioni di Gestore ed Handler in base alla convenzione numero 45 dell’11 settembre 2007;

in base all’articolo 705 del codice della navigazione S.A.CAL., in qualità di Gestore aeroportuale, è tenuta ad organizzare “l’attività aeroportuale al fine di garantire l’efficiente ed ottimale utilizzazione delle risorse per la fornitura di attività e di servizi di livello qualitativo adeguato, anche mediante la pianificazione degli interventi in relazione alla tipologia di traffico”, a fornire “tempestivamente notizie all’Enac, alla società Enav, ai vettori e agli enti interessati in merito a riduzioni del livello del servizio ed a interventi sull’area di movimento dell’aeroporto, nonché alla presenza di ostacoli o di altre condizioni di rischio per la navigazione aerea nell’ambito del sedime di concessione” e “assicura i controlli di sicurezza su passeggeri, bagagli e merci, conformemente alle disposizioni vigenti”;

l’aeroporto di Lamezia Terme è aperto 24 ore su 24 fungendo da aeroporto alternato per diversi voli internazionali;

lo stesso è base dell’elicottero del 118 ed è spesso utilizzato per voli collegati ai servizi ospedalieri;

dopo la mezzanotte e sino al mattino successivo non è disponibile personale idoneo e sufficiente a fornire i servizi di handling (L’insieme dei servizi svolti in aeroporto finalizzati a fornire assistenza a terra a terzi, vettori, utenti di aeroporto);

nello stesso arco temporale non è prevista la presenza di personale addetto ai controlli di sicurezza al punto da rendere difficoltoso, se non impossibile, l’ingresso in area doganale del personale addetto al controllo dell’agibilità della pista con l’introduzione di elementi di rischio connessi all’atterraggio e decollo degli aeromobili utilizzati per il servizio postale, per voli ospedale, in situazioni di emergenza o dirottati da altri aeroporti limitrofi;

il decollo e l’atterraggio degli aeromobili per i servizi di cui sopra sarebbe comunque garantito anche in assenza della necessaria assistenza a terra;

l’insufficienza di personale addetto ai servizi di handling ha determinato in più di una occasione la disponibilità di un numero molto limitato di stalli da assegnare ad aeromobili che necessitavano di dirottare sullo scalo di Lamezia Terme a seguito della chiusura improvvisa di aeroporti limitrofi, inducendo gli stessi ad atterrare altrove -:

quali iniziative si intendono assumere per il potenziamento dei servizi e delle attività afferenti il controllo di sicurezza sulla pista dell’aeroporto di Lamezia Terme, stante la carenza di personale nell’ambito di che trattasi;

se non si ravvisi la necessità di intervenire tempestivamente per garantire un innalzamento dei livelli di sicurezza nelle ore notturne, superando le deficienze evidenziate in premessa.

(261; 18.06.2012)

Talarico D., De Masi, Giordano. Al Presidente della Giunta regionale e all’assessore ai trasporti. Per sapere – premesso che:

la S.A.CAL. S.p.A., società partecipata della Regione Calabria, che nel settembre del 2009, ha ottenuto la gestione totale dell’aeroporto di Lamezia Terme per una durata quarantennale, con funzioni di Gestore ed Handler in base alla convenzione numero 45 dell’11 settembre 2007, ha indetto una gara d’appalto per l’esecuzione dei seguenti lavori: “Prolungamento della pista di 600 metri in testata 28 (est) con adeguamento della rete di raccolta acque meteoriche; nel tratto interessato dal prolungamento, realizzazione di una nuova recinzione aeroportuale e di strade perimetrali, spostamento di una strada provinciale e di due canali consortili”;

ad aggiudicarsi i lavori è stata la società SEAS Srl;

attualmente i lavori di che trattasi sono sospesi -:

le motivazioni che hanno indotto la società vincitrice dell’appalto per il prolungamento della pista di volo ad interrompere i lavori;

se l’interruzione dei lavori è legata a problemi di esproprio o abbattimento di edifici abusivi;

se e quando i lavori di che trattasi è previsto che riprendano e quali i loro tempi di ultimazione.

(262; 18.06.2012)

Talarico D. Al Presidente della Giunta regionale. Per sapere – premesso che:

la casa di cura “Madonna della Catena”, sita in Dipignano, località Laurignano, svolge da anni una meritoria attività socio-sanitaria rivolta ad un’utenza provinciale e regionale, registrando circa 1000 tra ricoveri intensivi, estensivi, lungodegenza e in Day Hospital per un fatturato di circa 10 milioni di euro annui;

dai suddetti dati si evince che la domanda di prestazioni rivolta alla struttura è superiore alla media regionale, pertanto si può affermare che la crisi della struttura è riconducibile esclusivamente a ragioni di natura amministrativa e gestionale e non certo alla qualità e alla quantità delle prestazioni effettuate da personale qualificato e di eccellenza, in ambienti fisici indiscutibilmente idonei;

per quanto sopra detto, la struttura in questione rappresenta un punto di eccellenza per il sistema sanitario calabrese;

il perdurare della crisi e un’eventuale chiusura rappresenterebbe un danno enorme per la sanità calabrese, per i 170 dipendenti che vi lavorano a diverso titolo e per l’economia del comprensorio;

qualsiasi possibilità di “salvataggio” della struttura è legata al mantenimento dei posti letto in essere-:

se la paventata ipotesi relativa al taglio del 62 per cento dei posti letto della riabilitazione intensiva è fondata e quali iniziative intenderebbe prendere per evitare tale sciagurata ipotesi.

(263; 18.06.2012)

Interrogazione a risposta scritta

Aiello F. Al Presidente della Giunta regionale e all’assessore alle politiche sociali. Per sapere - premesso che:

l’UE, con decisione del 14 settembre 2011, ha proclamato il 2012 anno europeo dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra generazioni;

in tale ambito la UE ha invitato tutti gli stati membri a promuovere un confronto tra gli attori coinvolti tenendo conto delle esperienze dell’anno europeo della lotta e all’esclusione sociale (2010) e dell’anno europeo delle attività di volontariato che promuovono la cittadinanza attiva (2011);

scopo dell’iniziativa UE vuole essere tra gli altri promuovere una cultura che sedimenta su una società per tutte le età e favorire così la cooperazione tra generazioni diverse l’UE ha già dato corso ad una serie di iniziative tese a promuovere azioni di sensibilità sulle strategie per l’occupazione, l’istruzione per gli adulti, la salute pubblica, e la società dell’informazione;

è possibile, al fine di poter sostenere azioni di promozione e di sistema a favore dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra generazioni, attingere a specifici programmi finanziari -:

quali azioni sono previste per l’anno in corso - se previste dalla Regione Calabria, a favore delle politiche della terza età in generale, e sul tema promosso dall’UE sull’invecchiamento attivo in particolare;

inoltre, se, nel quadro dei programmi esistenti, come il Fondo Sociale Europeo, sono state previste specifiche linee di interventi progettuali a favore delle politiche sull’invecchiamento attivo,

se la Regione Calabria ha aderito alla Rete Seven (Seven European Volunteers Exchange Network) e, inoltre, se sono state elaborate azioni progettuali all’interno del programma Think Future Volunteer Together finanziato dalla Commissione Europea.

(258; 15.06.2012)

De Gaetano. Al Presidente della Giunta regionale e alla Vicepresidente della Giunta regionale. Per sapere – premesso che:

gli ex dipendenti della SIAL Servizi S.p.a., società in house della Regione Calabria, sono stati licenziati nel 2009 dopo 5 anni di servizio presso le Asl della Regione Calabria;

nonostante nelle successive finanziarie della Regione Calabria siano stati recuperati fondi per il proseguimento del progetto, lo stesso non è mai stato avviato;

il 29.02.2012 è scaduta la mobilità che costituisce l’unica fonte di reddito: questi lavoratori svolgono un’opera fondamentale per la nostra regione;

il Consiglio regionale il 30 marzo scorso ha approvato all’unanimità una mazione che prevedeva di istituire un tavolo istituzionale in tempi strettissimi tra il dipartimento Sanità, Agricoltura ed i sindacati allo scopo di far ripartire il progetto “Servizio Anagrafe Zootecnica” assorbendo tutto il personale altamente qualificato -:

i motivi per cui ancora il tavolo non è stato convocato, chiedendo al contempo in tempi strettissimi di adempiere alla mozione del 30 marzo 2012 permettendo ai lavoratori di tornare a svolgere la propria attività, fondamentale per la Calabria.

(260; 14.06.2012)

Mozioni

Il Consiglio regionale,

premesso che:

la Sclerodermia è una rara malattia cronica del tessuto connettivo caratterizzata da fibrosi della cute, dei vasi sanguigni e di organi e sistemi quali cuore, polmoni, reni, apparato gastroenterico, articolazioni e muscoli. Malgrado ciò, la maggior parte delle persone affette da questa malattia può condurre normalmente una vita piena e produttiva;

la Regione Calabria è oggi una delle poche regioni italiane che non ha ancora riconosciuto a questa suddetta malattia lo status di malattia rara;

il riconoscimento dello status di “malattia rara” alla sclerosi sistemica progressiva (Sclerodermia), apre nuove possibilità di ricerca e sperimentazione e permette ai malati di beneficiare di cure non previste dal protocollo per la cura di questa malattia;

il Dm Sanità del 18/05/2001, n. 279, ha approvato il Regolamento di istituzione della rete nazionale delle malattie rare;

la Deliberazione di Giunta regionale del 4 agosto 2003, n. 610, ha istituito la Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi e la terapia delle malattie rare;

la Deliberazione di Giunta regionale del 30 maggio 200, n. 389, ha approvato il Progetto regionale di Istituzione ed attivazione del Registro Regionale delle Malattie Rare (RRMR);

la Deliberazione di Giunta regionale del 20 maggio 2011, n. 178, ha aggiornato la rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi e la terapia delle malattie rare;

impegna la Giunta regionale e il Presidente a far si che la Regione Calabria:

riconosca lo status di “malattia rara” alla sclerosi sistemica progressiva (Sclerodermia);

vengano attivati dal punto di vista riabilitativo presso i centri di cura i seguenti servizi:

educazione alimentare supportata dall’assistenza di un nutrizionista;

supporto psicologico ai pazienti e loro familiari o caregivers;

supporto fisioterapico del distretto cranio-mandibolare e degli arti superiori ed inferiori;

supporto di un medico specialista in podologia e in chirurgia vascolare per le complicanze posturali ed ischemiche agli arti inferiori;

supporto ed insegnamento delle tecniche di camouflage.

(66; 19.06.2012) De Masi, D. Talarico, Giordano

Il Consiglio regionale

premesso che

il Consiglio regionale è chiamato ad esprimersi sull’assestamento di bilancio 2012 che ormai rappresenta metà percorso di questa legislatura;

siamo in presenza di una modifica sostanziale della finanza regionale e che inderogabili processi di equilibrio finanziario e nazionale si sono scaricate sulle regioni e sull’intero sistema delle autonomie locali;

processi economici e finanziari in atto vedono sempre meno la disponibilità di finanza derivata per come si era strutturata negli anni;

ciò imprime una innovata capacità delle politiche delle entrate autonome ed una finanza locale rigorosa e virtuosa;

con questa manovra il governo regionale non affronta alcuna emergenza sociale: lavoratori LPU- LSU, stagisti, stipendi dei lavoratori delle Comunità Montane, emolumenti dei lavoratori forestali, lavoratori in mobilità, precariato, politiche sociali, esodati volontari;

si continua con la politica delle toppe e l’assestamento proposto è lo specchio di una vera e propria asfissia finanziaria;

impegna

la Giunta regionale ad indire una sessione straordinaria del Consiglio che impegni in primis la Commissione bilancio a verificare l’intera legislazione di spesa regionale, le politiche di entrata autonoma, la verifica dell’intero fabbisogno, l’andamento ordinario e le eventuali rimodulazioni del POR che non possono che avvenire in un quadro di coordinamento generale.

(67; 26.06.2012) Principe, Censore, Guccione, Battaglia, Maiolo, Amato, Sulla, De Gaetano, Franchino, Scalzo

Il Consiglio regionale

premesso che:

da tempo è in itinere, da parte della Società Svizzera “Repower Group”, attraverso la consociata “SEI” Saline energie ioniche, un progetto per la realizzazione a Saline Joniche, nell’area precedentemente occupata dalla “Liquichimica Biosintesi”, ormai dimessa, ed adiacente il porto, di un impianto per la produzione di energia elettrica che prevede l’utilizzazione di carbone come combustibile per alimentarla;

nei giorni scorsi con apposito Decreto la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha espresso parere favorevole sulla compatibilità ambientale dell’impianto;

secondo il progetto annunciato da SEI, la Centrale svilupperà, a pieno regime, una potenza pari e 1320 MWe nominali;

la Regione Calabria presenta da tempo un saldo elettrico positivo, così come certificato dallo stesso gestore della rete elettrica nazionale che nei suoi dati statistici assegna alla Calabria un surplus positivo di oltre 4.200 GWh/anno;

per l’Area di Saline Joniche, secondo il Piano regionale di turismo sostenibile approvato dal Consiglio regionale nei mesi scorsi, è stata riconosciuta l’alta vocazione turistica del territorio, per il quale lo stesso Piano prevede interventi e sostegni di promozione e valorizzazione culturale, economica e ambientale del territorio;

lo scorso 15 novembre, il Consiglio regionale ha approvato una mozione relativa proprio all’accoglimento, da parte della Regione Calabria, di proposte di localizzazione di centrali termoelettriche a carbone sul territorio regionale. In quella mozione, approvata e condivisa da tutti i gruppi consiliari si impegnava la Giunta regionale ed il Presidente ad attivarsi presso il Ministero dello Sviluppo Economico, per impedire la realizzazione di centrali termoelettriche a carbone sul territorio della Regione Calabria nel rispetto di quanto previsto dal PEAR, il Piano Energetico regionale, approvato con Deliberazione del Consiglio regionale n. 315 del 14.02.2005 nel quale è stato previsto l’assoluto divieto dell’utilizzo del carbone ai fini energetici.

la Giunta regionale della Calabria, così come già ribadito nella mozione n. 17 del 15 novembre 2010, con deliberazione n. 98 del 9.02.2005, ha stabilito di non fornire ulteriore intesa in sede di conferenze di servizi indette dal Ministero delle Attività Produttive (oggi Sviluppo Economico) e dal Ministero dell’Ambiente per la realizzazione di centrali termoelettriche sul territorio regionale, ritenendosi sufficiente il numero delle cinque autorizzazioni già rilasciate dal Ministero delle Attività Produttive, quale partecipazione al “Sistema Paese”;

già con deliberazione n. 686 del 6 ottobre 2008 la Giunta Ragionale ha stabilito di non accordare l’intesa prevista dalle leggi n. 55/02 e n. 239/04 al procedimento amministrativo avviato dal Ministero dello Sviluppo Economico sull’opera “Centrale termoelettrica a carbone da circa 1320 MWe, da ubicarsi nel Comune di Montebello Jonico (RC)”, proposto dalla società Saline Energie Joniche Spa (SEI SpA);

per un’analoga iniziativa promossa dall’ENEL Produzione SpA per la riconversione a carbone della centrale termoelettrica di Rossano (CS), in sede di conferenza dei servizi presso il Ministero dello Sviluppo Economico, la Regione ha manifestato il motivato dissenso alla realizzazione dell’opera;

il Piano Energetico Regionale (PEAR) approvato con Deliberazione del Consiglio regionale n. 315 del 14.02.2005 fa assoluto divieto dell’utilizzo del carbone ai fini energetici; lo sviluppo economico del territorio regionale può ottenersi con attività alternative all’utilizzo delle fonti fossili, attività imperniate sullo sviluppo delle fonti rinnovabili e sulla promozione di iniziative manifatturiere nel settore delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica;

per l’area di Saline Ioniche, così come per l’intera costa ionica reggina, la Giunta Regionale è impegnata nella valorizzazione e promozione del territorio a fini turistici, incrementando la ricettività e la portualità;

nel piano della portualità regionale, in corso di definizione da parte della Giunta regionale, per la costa ionica reggina, essendo considerata, come grandissima parte del litorale ionico e tirrenico calabrese, ad altissima potenzialità turistica, è stata prevista la realizzazione di un porto turistico a Locri e di una Darsena a Bovalino, che assieme alla struttura di Saline Joniche farebbero dell’intera area un polo strategico della nautica da diporto del nostro Paese;

la Giunta regionale, con il Piano di sviluppo per il turismo sostenibile, e tanti altri provvedimenti di legge relativi alla valorizzazione, promozione e tutela del territorio, sotto il profilo naturalistico, culturale e sociale, come valore di crescita economica;

invita la Giunta regionale ed il suo Presidente

ad intervenire con i mezzi consentiti dalla legge per impedire la realizzazione di un’opera assolutamente contraria alle scelte vocazionali individuate per le aree interessate e totalmente contraria al rifiuto espresso dalla nostra Regione all’utilizzo del carbone nel proprio territorio.

(68; 26.06.2012) Nucera

Proposta di legge numero 330/9^, recante: “Approvazione Rendiconto Generale relativo all’Esercizio Finanziario 2011” (Del. n. 186)

Art. 1

Approvazione del rendiconto generale

1. Il Rendiconto Generale - Conto Finanziario e Conto del Patrimonio della Regione Calabria per l’esercizio finanziario 2011, è approvato con le risultanze esposte negli articoli seguenti.

Art. 2

Conto Finanziario

1. Il Conto Finanziario della Regione Calabria per l’esercizio 2011, che forma parte integrante della presente legge, è approvato con le risultanze di cui agli articoli seguenti.

Art. 3

Entrate di competenza

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       Valori in euro

1. Il totale delle entrate accertate nell’esercizio finanziario 2011 per la

competenza propria dell’esercizio stesso è stabilito, quale risulta dal Conto

Consuntivo del Bilancio, in                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                6.321.087.698,22

delle quali riscosse e versate                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               4.799.192.249,67

rimaste da riscuotere e versare                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         1.521.895.448,55

2. Il movimento di cassa in entrata (capitoli 6103102, 6103104), per

operazioni di tesoreria verificatesi nell’esercizio finanziario 2011 è stabilito,

quale risulta dal Conto Consuntivo del Bilancio, in                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  549.085.342,88

Art. 4

Spese di competenza

1. Il totale delle spese impegnate nell’esercizio finanziario 2011 per la

competenza propria dell’esercizio stesso è stabilito, quale risulta dal Conto

Consuntivo del Bilancio, in                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             5.754.606.176,05

delle quali pagate                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               4.800.653.379,16

rimaste da pagare                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   953.952.796,89

2. Il movimento di cassa in uscita (capitoli 9103102, 9103104), per

operazioni di tesoreria verificatesi nell’esercizio finanziario 2011 è stabilito,

quale risulta dal Conto Consuntivo del bilancio, in                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   461.016.067,70

Art. 5

Riepilogo entrate e spese di competenza

1. Il riepilogo generale dei risultati delle entrate accertate e delle spese di competenza dell’esercizio finanziario 2010 risulta così definito:

ENTRATE

TITOLO 1 - Entrate derivanti da tributi propri della Regione, dal gettito dei

tributi erariali e quote di essi devoluti alla Regione                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 4.132.979.664,48

TITOLO 2 - Entrate derivanti da contributi e trasferimenti di parte corrente

dello Stato, dell’Unione Europea e di altri soggetti                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   402.274.828,31

TITOLO 3 - Entrate extratributarie                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    36.426.038,21

TITOLO 4 - Entrate derivanti da alienazioni di beni patrimoniali, da

Trasformazione di capitale, da riscossione di crediti e da trasferimenti in

conto capitale                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    658.503.703,901

TITOLO 5 -Entrate derivanti da mutui, prestiti ed altre operazioni creditizie                                               458.518.088,41

TITOLO 6 -Entrate per contabilità speciali                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   612.385.374,90

TOTALE                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                6.321.087.698,22

SPESE

Area di intervento 1 - Servizi Generali                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          306.400.272,26

Area di intervento 2 - Sviluppo economico                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   515.871.812,22

Area di intervento 3 - Uso e salvaguardia del Territorio                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         483.477.369,98

Area di intervento 4 - Istruzione -Formazione professionale e Lavoro                                                                                                                                                                                                                             292.678.883,27

Area di intervento 5 - Attività culturali, sportive, ricreative e del culto                                                                                                                                                                                                                              13.960.370,09

Area di intervento 6 - Servizi della persona                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               3.476.939.514,10

Area di intervento 7 - Difesa civile e sicurezza                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            13.063.717,75

Area di intervento 8 - Oneri non ripartibili                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      39.808.861,48

Area di intervento 9 - Contabilità speciali                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     612.385.374,90

TOTALE                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            5.754.606.176,05

RIEPILOGO

ENTRATE                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              6.321.087.698,22

SPESE                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    5.754.606.176,05

Saldo della competenza dell’esercizio 2011                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  566.481.522,17

Art. 6

Residui attivi dell’esercizio 2010 e precedenti

1. I residui attivi alla chiusura dell’esercizio finanziario 2010 risultavano

determinati dal Conto Consuntivo del bilancio                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        . 565.624.896,83

dei quali riscossi e versati nell’esercizio 2011                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             805.625.378,96

eliminati per minore accertamento                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      35.518.829,59

riaccertati per maggiore accertamento                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

rimasti da riscuotere                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             4.724.480.688,28

Art. 7

Residui passivi dell’esercizio 2010 e precedenti

1. I residui passivi alla chiusura dell’esercizio finanziario 2010 risultavano

determinati dal Conto consuntivo del bilancio in                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    1.578.213.327,00

dei quali pagati nell’esercizio 2011                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   400.835.881,04

eliminati per economie                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           24.748.098,73

eliminati per perenzione                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       239.537.607,33

rimasti da pagare                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     913.091.739,90

Art. 8

Residui attivi alla chiusura dell’esercizio 2011

1. I residui attivi alla chiusura dell’esercizio finanziario 2011 risultano stabiliti

dal Conto consuntivo del bilancio nelle seguenti somme:

Somme rimaste da riscuotere sulle entrate accertate per la competenza

propria dell’esercizio 2011 (art. 3)                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 1.521.895.448,55

Somme rimaste da riscuotere sui residui degli esercizi precedenti (art. 6)                                                                                                                                                                                                                     4.724.480.688,28

RESIDUI ATTIVI AL 31.12.2011                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              6.724.480.688,28

Art. 9

Residui passivi alla chiusura dell’esercizio 2011

1. I residui passivi alla chiusura dell’esercizio finanziario 2011 risultano stabiliti

dal Conto consuntivo del bilancio nelle seguenti somme:

Somme rimaste da riscuotere sulle spese impegnate per la competenza propria

dell’esercizio 2011 (art. 4)                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   953.952.796,89

Somme rimaste da pagare sui residui degli esercizi precedenti (art. 7)                                                                                                                                                                                                                             913.091.739,90

RESIDUI PASSIVI AL 31.12.2011                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            1.867.044.536,79

Art. 10

Situazione di cassa

1. Il fondo di cassa dell’esercizio finanziario 2011 è determinato in euro 549.060.235,36 come risulta dai seguenti elementi

Fondo di cassa al 31.12.2010                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              145.731.866,93

RISCOSSIONI

In conto competenza                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          4.799.192.249,67

In conto residui                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       805.625.378,96

TOTALE                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      5.604.817.628,63

PAGAMENTI

In conto competenza                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           4.800.653.379,16

In conto residui                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       400.835.881,04

TOTALE                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      5.201.489.260,20

Art. 11

Risultati della situazione finanziaria

1. Il saldo finanziario positivo per l’esercizio 2011 è accertato in euro 4.928.391.835,40 come risulta dai seguenti elementi

Fondo di cassa al 31.12.2011                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           549.060.235,36

RESIDUI ATTIVI

da riscuotere per la competenza 2011                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         1.521.895.448,55

da riscuotere per gli anni precedenti                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              4.724.480.688,28

TOTALE                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      6.246.376.136,83

RESIDUI PASSIVI

da pagare per la competenza 2011                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    953.952.796,89

da pagare per gli anni precedenti                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      913.091.739,90

TOTALE                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      1.867.044.536,79

 

AVANZO DI AMMINISTRAZIONE AL 31.12.2011                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      4.928.391.835,50

Art. 12

Conto patrimoniale

1. E’ approvato il Conto generale del patrimonio della Regione Calabria per l’esercizio finanziario 2011, allegato alla presente legge.

2. La consistenza delle attività finanziarie e patrimoniali alla chiusura

dell’esercizio finanziario 2011 risulta stabilito in euro                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          .412.120.019,81

3. La consistenza delle passività finanziarie e patrimoniali alla chiusura

dell’esercizio finanziario 2011 risulta stabilita in euro                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          3.576.547.342,76

4. L’eccedenza delle attività sulle passività

al 31 dicembre 2011 risulta di euro                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            5.0835.572.647,05

Proposta di legge numero 350/9^, recante: “Assestamento del bilancio di previsione della Regione Calabria per l’esercizio finanziario 2012 e del bilancio pluriennale 2012-2014 a norma dell’articolo 22 della legge regionale 4 febbraio 2002 n. 8” (Del. n. 187)

Articolo 1

(Residui attivi e passivi)

1. Sulla base della ricognizione dei residui attivi e passivi effettuata a norma degli articoli 41 e 52 della legge regionale 4 febbraio 2002, n.8 (Ordinamento del bilancio e della contabilità della regione Calabria), e dei dati definitivi risultanti dal rendiconto generale dell’esercizio finanziario 2011, approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 164 del 26 aprile 2012, è disposto l’aggiornamento dei dati presunti relativi ai residui attivi e passivi riportati rispettivamente negli stati di previsione dell’entrata e della spesa del bilancio per l’esercizio finanziario 2012, approvati con l’articolo 3 della legge regionale 23 dicembre 2011, n. 49 (Bilancio di previsione della Regione Calabria per l’anno finanziario 2012 e bilancio pluriennale per il triennio 2012/2014), come di seguito specificato:

a) il totale dei residui attivi delle unità previsionali di base (UPB) al 10 gennaio 2012, al netto delle contabilità speciali, risulta essere rideterminato definitivamente da euro 6.436.388.791,10 ad euro 6.094.389.983,98;

b) il totale dei residui attivi delle contabilità speciali al 10 gennaio 2012 risulta essere determinato definitivamente in euro 151.986.152,85;

c) il totale dei residui passivi delle UPB al 10 gennaio 2012, al netto delle contabilità speciali, risulta essere rideterminato definitivamente da euro 2.346.972.601,12 ad euro 1.769.117.485,05;

d) il totale dei residui passivi delle contabilità speciali al 10 gennaio 2012 risulta essere determinato definitivamente in euro 97.927.051,74.

2. Le differenze tra l’ammontare dei residui definitivi determinati al 10 gennaio 2012 e l’ammontare dei residui presunti riportato negli stati di previsione dell’entrata e della spesa del bilancio per l’esercizio finanziario 2012, approvato con la citata legge regionale n. 49/2011, sono indicate a livello di UPB nelle allegate tabelle “A” e “B”, prima colonna.

3. Il fondo di cassa presso il Tesoriere al 1° gennaio 2012 risulta essere determinato in euro 549.060.235,36.

Articolo 2

(Saldo finanziario alla chiusura dell’esercizio 2011)

1. Per effetto degli aggiornamenti di cui all’articolo 1, il saldo finanziario positivo alla chiusura dell’esercizio finanziario 2011 risulta essere determinato definitivamente in euro 4.928.391.835,40.

2. Il predetto saldo è utilizzato per come di seguito specificato:

- euro 3.300.895.397,48 per la reiscrizione in bilancio delle economie di spesa dell’esercizio 2011 finanziate con fondi assegnati con vincolo di destinazione così come indicato nella parte A dell’allegato 1 al bilancio (prima colonna);

- euro 1.246.321.236,65 per la copertura del fondo pluriennale vincolato di cui ai capitoli 83010301, 83010302, 83010304, 83010305 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2012 così come indicato nella parte A dell’allegato 1 al bilancio (seconda colonna);

- euro 326.284.416,39 per la copertura dei residui perenti così come indicato nella parte B dell’allegato 1 al bilancio;

- euro 54.890.784,88 per la copertura di spese finanziate con la quota di disponibilità residua, così come indicato nella parte C dell’allegato 1 al bilancio (prima e seconda colonna).

Articolo 3

(Bilancio annuale - Stato di previsione dell’entrata e della spesa)

1. Nello stato di previsione di competenza e di cassa delle UPB della parte entrata e della parte spesa del bilancio per l’esercizio finanziario 2011, approvato con legge regionale n. 49/2011, sono introdotte le variazioni di cui alle allegate tabelle “A” e “B”, seconda e terza colonna.

2. Le variazioni di competenza di cui al comma 1 comprendono le economie di spesa derivanti dal riaccertamento di residui passivi ed in perenzione amministrativa inerenti stanziamenti di spesa finanziati da assegnazioni con vincolo di destinazione, che sono riprodotte nel bilancio 2012 attraverso l’allegato 1 alla citata legge regionale 23 dicembre 2011, n. 49, che viene riformulato, rispetto alla stesura precedente, nei termini di cui al documento allegato alla presente legge.

3. Le variazioni di competenza di cui al comma 1 comprendono inoltre le modifiche apportate agli stanziamenti di bilancio con le disposizioni di cui ai successivi articoli.

Articolo 4

(Riversamento diretto dei proventi derivanti da controllo fiscale)

1. In coerenza con quanto previsto dall’articolo 9 del decreto legislativo 6 maggio 2011, n. 68, i proventi derivanti dalle attività di controllo, liquidazione delle dichiarazioni e accertamento, accertamento con adesione, conciliazione giudiziale e contenzioso tributario, concernenti l’imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) e l’addizionale regionale all’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF), sono riversati direttamente in apposito conto corrente presso la Tesoreria regionale.

2. La Giunta regionale è autorizzata a stipulare un apposito atto convenzionale con l’Agenzia delle Entrate, ai sensi ed in attuazione dell’articolo 10, comma 4, del decreto legislativo n. 68/2011.

3. Le somme di cui al comma 1 comprendono gli importi dovuti a titolo di IRAP e di addizionale all’IRPEF, nonché i relativi interessi e sanzioni.

4. In coerenza con quanto previsto dall’articolo 9, comma 2, del decreto legislativo n. 68/2011, una quota del gettito riferibile al concorso della Regione nella attività di recupero fiscale in materia di imposta sul valore aggiunto (IVA), commisurata all’aliquota di compartecipazione prevista dall’articolo 4 del medesimo decreto legislativo n. 68/2011, è riversata direttamente in apposito conto corrente presso la Tesoreria regionale secondo le modalità e procedure da definire con atto integrativo alla convenzione di cui al comma 2 o con specifico atto convenzionale con l’Agenzia delle Entrate.

5. Ai fini di cui al precedente comma, la Regione concorre all’attività di recupero fiscale principalmente mediante segnalazione di dati e notizie desunti da fatti certi e indicativi di capacità contributiva a fini IVA dei soggetti operanti o aventi beni nel proprio territorio.

Articolo 5

(Rimodulazione delle spese autorizzate con il bilancio 2012)

1. Alle autorizzazioni di spesa disposte con la tabella A di cui all’articolo 1 della legge regionale 23 dicembre 2011, n. 48, recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale 2012 e pluriennale 2012-2014 (Legge finanziaria)”, sono apportate le variazioni di cui al prospetto 1 allegato alla presente legge.

2. Alle autorizzazioni di spesa disposte con la tabella C di cui all’articolo 2 della legge regionale 23 dicembre 2011, n. 48, recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale 2012 e pluriennale 2012-2014 (Legge finanziaria)”, sono apportate le variazioni di cui al prospetto 2 allegato alla presente legge.

3. Alle UPB e capitoli differenti da quelli di cui ai commi 1 e 2 finanziati con le risorse autonome, sono apportate le modifiche indicate nel prospetto 3 allegato alla presente legge.

Articolo 6

(Nuove autorizzazioni di spesa)

1. Al fine di garantire la prosecuzione di almeno una parte delle funzioni e dei compiti in materia ambientale conferiti alla Regione ai sensi dell’articolo 70 del decreto legislativo 31 dicembre 1998, n. 112 e non più finanziati dallo Stato, è autorizzata per l’esercizio finanziario 2012 la spesa di euro 500.000,00 allocata all’UPB 3.2.01.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2012.

2. La Giunta Regionale è autorizzata a sottoscrivere un protocollo d’intesa con il Comitato scientifico dell’Expo Milano 2015 e l’Istituto universitario di Studi Superiori di Pavia per la realizzazione in Calabria di due Programmi di Master internazionali EXPO (PMIE) su tematiche inerenti lo sviluppo urbano e la pianificazione del territorio. Alla relativa copertura finanziaria, quantificata in euro 100.000,00 si provvede con le risorse allocate all’UPB 3.2.02.03 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2012.

3. Al fine di garantire il cofinanziamento a carico del bilancio regionale del progetto “Calabria friends” volto alla diffusione della lingua italiana presso la popolazione straniera regolarmente presente in regione, già finanziato per l’importo di euro 99.986,00 dal Ministero dell’Interno -Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione - è autorizzata per l’esercizio finanziario 2012 la spesa dì euro di 22.302,00 allocata all’UPB 6.2.01.06 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2012.

4. Lo stanziamento di euro 100.000,00 allocato, ai sensi dell’articolo 4, comma 4, della legge regionale 26 febbraio 2010, n. 8, al capitolo 72030105 dello stato di previsione della spesa del bilancio per l’esercizio finanziario 2012, è interamente destinato all’erogazione di un contributo al Museo della ‘Ndrangheta per le attività di promozione della cultura della legalità e di contrasto alla criminalità La Giunta regionale è autorizzata ad apportare le conseguenti variazioni al documento tecnico di cui all’articolo 10 della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8.

5. Al fine di garantire la copertura parziale di una parte delle funzioni e dei compiti in materia di salute umana e veterinaria di cui alla legge n. 210/1992, conferiti alla Regione ai sensi del decreto legislativo 31 dicembre 1998, n. 112 e non più finanziati per l’intera quota dallo Stato, è autorizzata per l’esercizio finanziario 2012 a carico del bilancio regionale la spesa di euro 508.891,61 allocata all’UPB 6.1.02.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio medesimo.

6. Al fine di assicurare la copertura delle spese di funzionamento della SIAL Servizi SPA, società a capitale interamente pubblico partecipata dalla Regione Calabria, è autorizzata per l’esercizio finanziario 2012 la spesa di euro 90.000,00 con allocazione alla UPB 2.2.02.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2012. Alla relativa copertura si fa fronte con la contestuale riduzione delle risorse allocate all’UPB 2.3.01.06 (capitolo 23010614) dello stato di previsione della spesa del bilancio medesimo.

Articolo 7

(Programma di eventi per la celebrazione del IV centenario della nascita di Mattia Preti)

1. La Giunta Regionale è autorizzata ad organizzare “Il Programma di eventi per la celebrazione del IV centenario della nascita di Mattia Preti”.

2. Le attività di cui al precedente comma sono realizzate nel biennio 2012-2013 per un costo complessivo di euro 800.000,00 di cui euro 25.000,00 per l’esercizio finanziario 2012 ed euro 775.000,00 per l’esercizio finanziario 2013, allocati all’UPB 5.2.01.02 dello stato di previsione della spesa dei rispettivi bilanci 2012 e 2013.

3. L’articolo 5, comma 6, della legge regionale 17 agosto 2005, n. 13 è abrogato.

Articolo 8

(Bilancio pluriennale)

1. Nella parte entrata e spesa del bilancio pluriennale 2012-2014, approvato con l’articolo 12 della legge regionale 23 dicembre 2011, n. 49, sono introdotte, per il triennio 2012~2014, le variazioni di cui alle annesse tabelle “A” e “B” del bilancio pluriennale.

Articolo 9

(Copertura finanziaria)

1. Alla copertura finanziaria delle disposizioni contenute nella presente legge, laddove non diversamente stabilito, sì provvede, per la quota parte corrispondente, con la quota libera dell’avanzo di amministrazione così come rideterminato a seguito delle operazioni di riaccertamento dei residui attivi e passivi di cui all’articolo 3.

2. La Giunta regionale è autorizzata ad apportare le necessarie modifiche ed integrazioni al documento tecnico di cui all’articolo 10 della legge regionale 8/2002.

Articolo 10

(Pubblicazione)

1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

(Tabelle)

Proposta di legge numero 352/9^, recante: “Modifica all’articolo 25 della legge regionale 13 giugno 2008, n. 15” (Del. n. 188)

Art. 1

1. All’articolo 25 della legge regionale 13 giugno 2008, n. 15, per come modificato dalle leggi regionali n. 44/2008, n. 29/2009, n. 58/2009, n. 18/2010, n. 34/2010, n. 18/2011 e n. 47/2011, l’espressione “entro il 30 giugno 2012” è sostituita dalla seguente: “entro il 31 dicembre 2012”.

Art. 2

1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Proposta di provvedimento amministrativo numero 174/9^, recante: “Bilancio di previsione di Azienda Calabria Lavoro per l’esercizio finanziario 2012” (Del. n. 189)

“Il Consiglio regionale

vista la delibera di Giunta regionale n. 159 del 26 aprile 2012;

premesso che:

-                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               la legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8 recante “Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria”, all’articolo 57, comma 3, dispone che i bilanci degli Enti, delle Aziende e delle Agenzie regionali sono presentati entro il 10 settembre di ogni anno ai rispettivi Dipartimenti della Giunta regionale competenti per materia che, previa istruttoria conclusa con parere favorevole, li inviano ‘entro il successivo 20 settembre al Dipartimento “Bilancio e Patrimonio” per la definitiva istruttoria di propria competenza;

-                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               la Giunta regionale entro il 15 ottobre trasmette i bilanci al Consiglio regionale per la successiva approvazione entro il 30 novembre, a norma dell’articolo 54, comma 5, lettera b) dello Statuto;

considerato che con decreto del Commissario di Azienda Calabria Lavoro n. 104 del 8 settembre 2011 è stato approvato il progetto di bilancio di previsione della medesima Azienda per l’anno 2012, che si allega al presente atto per farne parte integrante e sostanziale;

tenuto conto che il Collegio dei Revisori dei conti dell’Azienda, nella seduta del 8 settembre 2011, ha espresso parere favorevole all’approvazione del bilancio di previsione 2012, che si allega al presente atto per farne parte integrante e sostanziale, raccomandando di:

-                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               provvedere alla eventuale variazione dell’avanzo di amministrazione presunto dopo l’approvazione del Rendiconto dell’esercizio 2011;

-                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               utilizzare l’avanzo di amministrazione solo dopo l’approvazione del Conto Consuntivo 2011.

rilevato che il Dipartimento competente “Lavoro, Politiche della famiglia, formazione professionale, cooperazione e volontariato”, con nota n. 92107 del 14 marzo 2012, ha espresso parere favorevole all’approvazione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2012, che si allega al presente atto per farne parte integrante e sostanziale;

considerata la relazione istruttoria del Dipartimento Bilancio -Settore “Bilancio e programmazione economico-finanziaria, risanamento finanziario” che ha trasmesso le proprie osservazioni con nota con nota n. 117693 del 2 aprile 2012, con le seguenti prescrizioni e raccomandazioni:

-                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               di utilizzare la somma allocata al capitolo 24010002 delle entrate dell’Azienda (euro 800.000,00) nei limiti di euro 700.000,00 nelle more dell’approvazione dell’assestamento del bilancio da parte dell’Ente;

-                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                di verificare l’effettiva esigibilità di tutti i residui attivi iscritti in bilancio; di riaccertare i residui passivi al fine di verificarne la sussistenza; di adeguare i sistemi contabili interni alle norme sulla redazione del bilancio degli Enti ed organismi strumentali e delle Aziende della Regione contenute nel decreto legislativo n. 118/2011;

-                                                                                                                                                                                                                                                                                 &n