X^ LEGISLATURA

 

RESOCONTO INTEGRALE

_________

n. 45

 

SEDUTA Di MARTeDI’ 19 DICEMBRE 2017

 

PRESIDENZA DEL PRESIDENTE NICOLA IRTO

E DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO CICONTE

 

 

Presidenza del Presidente Nicola Irto

 

La seduta inizia alle 15,13

 

PRESIDENTE

Dà avvio ai lavori invitando il Segretario questore a dare lettura del verbale della seduta precedente.

NERI Giuseppe, Segretario questore

Dà lettura del verbale della seduta precedente.

PRESIDENTE

Pone ai voti il verbale della seduta precedente che è approvato senza osservazioni.

Comunicazioni

PRESIDENTE

Dà lettura delle comunicazioni.

Sull’ordine dei lavori

PRESIDENTE

E’ stata formulata a questa Presidenza una proposta, da parte dei capigruppo, di invertire l’ordine del giorno, sostanzialmente i punti che vanno dal primo al quinto dell’ordine del giorno vanno dopo il diciannovesimo punto.

Quindi, trattiamo tutti i documenti tecnico contabili, i rendiconti e poi ripartiamo con quello che era il primo punto all’ordine del giorno.

Ha chiesto di intervenire il consigliere Gallo. Ne ha facoltà.

GALLO Gianluca (Casa delle libertà)

Presidente, chiedo l’inserimento all’ordine dei lavori di un ordine del giorno riguardante la questione che avevo preannunciato già nei giorni passati sulle offese rivolte ai medici calabresi dalla sindaca di Cascina. Com’è noto, ormai in tutto il Paese, lo scorso 12 dicembre la sindaca di Cascina, intervenendo in una trasmissione televisiva nazionale, ha dichiarato che i medici calabresi dovrebbero essere pagati di meno perché meno bravi di quelli di altre Regioni. Credo che unanime debba essere lo sdegno espresso dal Consiglio regionale della massima Assise regionale calabrese, che rappresenta anche tutti i medici calabresi, per queste frasi che sono palesemente ingiuriose e diffamatorie, che non tengono conto dell’abnegazione, della professionalità e del senso di responsabilità degli operatori sanitari calabresi, come ci sono tanti esempi nel Paese di medici calabresi che sono i migliori in assoluto. Per cui chiedo l’inserimento all’ordine dei lavori di un ordine del giorno che impegni la Giunta regionale ad assumere iniziative necessarie affinché venga tutelata la loro dignità.

Chiedo, ancora, Presidente, l’inserimento all’ordine dei lavori di un altro ordine il giorno sul mancato riconoscimento della tredicesima mensilità e di altre somme nel computo per l’incentivo all’esodo regionale in favore dei lavoratori aderenti al Piano di incentivazione all’esodo dell’ARSSA e di una mozione sul riconoscimento del diploma in tecnico dei servizi sociali quale qualifica in operatore socio-sanitario.

PRESIDENTE

Consigliere Gallo, li metteremo in discussione dopo la sessione di bilancio perché ci sono anche altri consiglieri che probabilmente hanno altre esigenze, quindi, vediamo dopo la sessione di bilancio perché oggi avevamo già un accordo con i capigruppo sull’ordine del giorno, che è già molto ampio, come ha visto.

GALLO Gianluca (Casa delle libertà)

Presidente, è anche vero che la riunione era convocata per le ore 10,00 ed ora siamo alle 15,30.

PRESIDENTE

Dovrebbe parlare un po’ di più col suo capogruppo perché con i capogruppo ci eravamo aggiornati alle 14,00, quindi, probabilmente, non le è arrivata la comunicazione. Grazie.

GUCCIONE Carlo (Partito Democratico)

Chiedo di intervenire per dichiarazione di voto sull’inversione dell’ordine del giorno.

PRESIDENTE

Benché non siamo in fase di votazione, il consigliere Guccione chiede di intervenire. Ne ha facoltà.

GUCCIONE Carlo (Partito Democratico)

Sono contrario ad invertire l’ordine giorno che prevede al primo punto l’informativa del Presidente della Regione sulla sanità in Calabria, perché la ritengo una questione centrale.

E’ sbagliato politicamente e istituzionalmente, rispetto a quello che è accaduto in queste settimane, la visita della ministra Lorenzin, non informare su una questione cruciale. Devo spiegare perché sono contrario all’inversione dell’ordine del giorno, perché è preliminare tutto questo: non solo è a rischio la salute, ma se i dati verranno confermati avremmo l’Irap e l’Irpef più alta d’Italia ed il blocco del turnover in sanità.

C’è una polemica, Presidente: il Governatore aveva deciso di incatenarsi; non si incatenerà più, mi pare che il commissariamento durerà per altri anni, come annunciato dalla ministra Lorenzin. Credo che su questo non si possa fare una telenovela, ritengo che si debba discutere subito di sanità e poi affrontare la questione bilancio. Ricordava il collega Gallo che abbiamo iniziato con 6 ore di ritardo rispetto all’orario previsto. Dovevano essere le 10,00 sono le 15,30. Respingo con fermezza questa melina che si sta facendo per impedire il dibattito sulla sanità in Consiglio regionale.

PRESIDENTE

Per dichiarazione di voto, chiede di intervenire il consigliere Gallo. Ne ha facoltà. Prego.

GALLO Gianluca (Casa delle libertà)

Io, invece, sono favorevole. Naturalmente è un escamotage questa modifica, ma voglio capire come mai, nel momento in cui si discute di sanità - e abbiamo da tempo deciso di fissare un punto all’ordine del giorno sulla sanità, che ormai stiamo rincorrendo da qualche settimana - oggi abbiamo una seduta di Consiglio regionale con 21 punti all’ordine del giorno, in cui questo tema, come diceva il collega Guccione, di fatto affoga. C’è, però, un consigliere regionale di maggioranza, che è il Presidente della Commissione sanità, che, quindi, è il più alto esponente della maggioranza in termini di sanità in assenza di un assessore delegato in materia sanitaria, che presenta, nel collegato alla finanziaria, un emendamento per l’istituzione dell’Azienda sanitaria unica regionale.

PRESIDENTE

Consigliere Gallo, intervenga sull’ordine dei lavori.

GALLO Gianluca (Casa delle libertà)

Eh lo so, Presidente, però il problema è una specie di questione pregiudiziale. Vogliamo capire come nel momento in cui dobbiamo discutere di sanità, in linea generale l’esponente più alto della maggioranza, credo d’accordo col Presidente, che non è in Aula in questo momento, presenti questo tipo di emendamento. Si vogliono cambiare le regole del gioco durante la partita e questo non si discute.

PRESIDENTE

Consigliere Gallo, la sua dichiarazione di voto, poi se ne discuterà. Votiamo per l’inversione dell’ordine del giorno. Chi è favorevole, chi è contrario. Abbiamo invertito, quindi, l’ordine del giorno.

Proposta di provvedimento amministrativo numero 194/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Rendiconti esercizio 2015 delle disciolte cinque Aziende Territoriali per l’Edilizia Residenziale Pubblica delle Province di Catanzaro, Cosenza, Reggio Calabria, Vibo Valentia e Crotone”

PRESIDENTE

Partiamo con la proposta di provvedimento amministrativo numero 194/10^, di iniziativa della Giunta regionale recante: “Rendiconti esercizio 2015 delle disciolte cinque aziende territoriali per l’edilizia residenziale pubblica delle province di Catanzaro, Cosenza, Reggio Calabria, Vibo Valentia e Crotone”.

Cedo la parola al relatore del provvedimento, consigliere Aieta. Prego.

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

Questa proposta, signor Presidente, che oggi proponiamo all’Aula per l’approvazione è stata licenziata all’unanimità dalla seconda Commissione nella seduta del 15 novembre scorso, ed è relativa ai rendiconti dell’esercizio 2015 delle disciolte cinque Aziende territoriali per l’edilizia residenziale pubblica della provincia di Catanzaro, Cosenza, Reggio Calabria, Vibo Valentia e Crotone e dell’Azienda territoriale per l’edilizia residenziale pubblica della Regione Calabria.

Alla seduta di Commissione hanno partecipato e relazionato intanto il Commissario unico regionale delle Ater calabresi, ingegner Mascherpa, il quale, fra l’altro, ha precisato che il censimento delle unità immobiliari volto ad accertare l’effettivo utilizzo da parte degli assegnatari, allo stato attuale, si attesta ad oltre il 60 per cento; la dottoressa Giannone, che è dirigente del settore politiche di edilizia abitativa, vigilanza e controllo Ater, nel confermare le prescrizioni espresse dal Collegio dei revisore dei conti, ha raccomandato di continuare l’azione diretta al recupero della morosità nei canoni di locazione; così come il rappresentante del dipartimento bilancio, dottor Buccafurri, che ha ribadito la raccomandazione di attuare quanto necessario per il recupero dei canoni pregressi.

Il Collegio dei revisori dei conti ha esaminato gli schemi di rendiconto delle disciolte Aterp, e con apposito verbale per ciascuna di essa, nell’esprimere parere favorevole per l’approvazione dei rendiconti, ha espresso una serie di prescrizioni e raccomandazioni valide per tutti e cinque i distretti: intanto continuare ad incentivare ed implementare l’azione diretta al recupero ed alla regolarizzazione della morosità nei canoni di locazione; rendere tempestiva la fase della riscossione dei canoni; procedere, ove possibile, alla vendita degli alloggi situati in condomini misti; procedere all’aggiornamento continuo del censimento di tutte le unità immobiliari.

Il dipartimento bilancio, con riferimento alle verifiche in materia di contenimento della spesa, ritiene necessario che il dipartimento infrastrutture, in quanto dipartimento che esercita la vigilanza sulle attività delle disciolte Aterp, nonché su un nuovo ente subentrato Aterp Calabria, adotti distinto provvedimento amministrativo, dando atto della verifica effettuata, indicando con precisione il rispetto dei limiti per ciascuna tipologia di spesa.

Per tutti e cinque i distretti, il dipartimento bilancio raccomanda all’Aterp Calabria di procedere alla corretta determinazione del Fondo crediti di dubbia esigibilità, in occasione della redazione del rendiconto 2016.

Il dipartimento bilancio ha eseguito per tutti e cinque i distretti apposita istruttoria e, nel ritenere che non sussistano elementi ostativi all’adozione da parte della Giunta regionale dei rendiconti per l’esercizio 2015 delle disciolte Aterp, ha rilevato che: sussiste la piena corrispondenza tra il saldo di cassa di cui al conto del bilancio 2015 e il conto del tesoriere; che sussiste continuità tra i residui finali dell’esercizio 2014 rispetto a quelli iniziali dell’esercizio 2015; che sussiste la quadratura delle poste contabili scritte nelle cosiddette “partite di giro”; che sussiste la dovuta corrispondenza tra i residui attivi e passivi finali alla data del 31/12/2015.

Non essendo stata eseguita la verifica sul rispetto dei limiti di cui alla normativa sul contenimento della spesa, la delibera di Giunta regionale demanda al dipartimento infrastrutture, lavori pubblici e mobilità l’avvio delle procedure necessarie alla puntuale verifica del rispetto dei limiti di cui, appunto, alla vigente normativa sul contenimento della spesa.

PRESIDENTE

C’è l’intervento della Giunta regionale? No, del proponente? Altri interventi? Passiamo all’esame e alla votazione del provvedimento che è approvato.

 

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in allegato)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 196/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Rendiconto esercizio 2016 dell’Azienda Territoriale Edilizia Residenziale Pubblica Calabria (Aterp Calabria)”

PRESIDENTE

Proposta di provvedimento amministrativo numero 196/10^, d’iniziativa della Giunta regionale recante: “Rendiconto esercizio 2016 dell’azienda territoriale per l’edilizia residenziale pubblica Calabria (Aterp Calabria)”.

Cedo la parola al consigliere Aieta per l’illustrazione del provvedimento.

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

Signor Presidente, per questo rendiconto valgono le raccomandazioni di cui al punto precedente per cui mi limito solo a dire che il Collegio dei revisori dei conti ha espresso parere favorevole, così come il dipartimento bilancio, il dipartimento vigilante, per cui valgono anche per tutti questi Organi le raccomandazioni che sono state rappresentate nell’approvazione rendiconto dell’esercizio 2015.

PRESIDENTE

Ci sono altri interventi? Allora passiamo all’esame ed alla votazione del provvedimento: che è approvato.

 

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in allegato)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 197/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Rendiconto esercizio 2016 – Azienda Calabria Lavoro”

PRESIDENTE

Proposta di provvedimento amministrativo numero 197/10^, di iniziativa della Giunta regionale recante: “Rendiconto esercizio 2016- Azienda Calabria Lavoro”.

Cedo la parola al consigliere Aieta per l’illustrazione del provvedimento. Prego.

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

La Giunta regionale al fine di consentire la redazione del bilancio consolidato della Regione Calabria con i propri enti ed organismi strumentali, con delibera numero 442 del 10 novembre del 2016, ha approvato le linee di indirizzo dedicate ai dipartimenti vigilanti, riguardanti sia le modalità sia i tempi per l’approvazione dei rendiconti degli enti strumentali.

Secondo le modalità e i tempi previsti, appunto, alla sopracitata deliberazione, la Giunta regionale demanda al dipartimento, che esercita la vigilanza sulle attività di Azienda Calabria Lavoro, ove non già effettuata, la verifica in ordine al contenimento delle spese al fine di evitare l’eventuale prescrizione di crediti a favore della Regione Calabria a seguito delle violazioni delle disposizioni normative e consentire l’acclaramento di eventuali responsabilità.

Il Collegio dei revisori dei conti ha espresso parere favorevole ed ha rilevato che l’Azienda non ha potuto rispettare i termini stabiliti all’articolo 57 comma 7 della legge regionale numero 8 del 2002 per i problemi incontrati nella gestione del software del sistema contabile.

L’organo di controllo ha raccomandato, altresì, di richiedere tempestivamente e formalmente al competente dipartimento regionale lo stanziamento annuale di tutte le somme occorrenti per il funzionamento dell’Azienda e di non utilizzare la quota disponibile l’avanzo di amministrazione applicato al bilancio di previsione 2017 fino a quando non sarà approvato dalla Giunta regionale il rendiconto dell’esercizio 2016.

Il dipartimento sviluppo economico ha espresso anch’esso parere favorevole ed il dipartimento bilancio, nell’istruttoria di competenza, ha rilevato che: sussiste la piena corrispondenza tra il saldo di cassa e il conto del tesoriere; che sussiste continuità tra i residui finale esercizio 2015 e quelli iniziali dell’esercizio 2016; che sussiste la quadratura delle poste contabili scritte, le cosiddette “partite di giro”.

Lo stesso dipartimento formula alcune raccomandazioni, cioè viene raccomandato all’Ente di provvedere alla correzione delle modalità di rilevazione contabile, allocando correttamente nelle partite di giro le ritenute e i corrispondenti versamenti degli oneri fiscali e previdenziali.

A conclusione della relazione istruttoria, il dipartimento bilancio ritiene possibile procedere alla trasmissione del rendiconto dell’Azienda per l’esercizio 2016 da parte della Giunta regionale e del Consiglio regionale, in tal modo esprimendo il proprio parere.

PRESIDENTE

Ci sono altri interventi? Allora passiamo all’esame e alla votazione del provvedimento che è approvato.

 

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in allegato)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 200/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Rendiconto esercizio 2016 - Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Calabria”

PRESIDENTE

Proposta di provvedimento amministrativo numero 200/10^, di iniziativa della Giunta regionale recante: “Rendiconto esercizio 2016 - Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Calabria”.

Cedo la parola al consigliere Aieta per l’illustrazione del provvedimento. Prego.

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

Signor Presidente, anche qui la Giunta regionale, al fine di consentire alla Regione Calabria la redazione del bilancio consolidato con i propri enti ed organismi strumentali entro la scadenza prevista dal decreto legislativo numero 118 del 2011, ha approvato le linee di indirizzo con delibera numero 442 del 10 novembre 2016.

Il revisore unico dei conti con verbale del 11 settembre 2017 ha rilasciato parere favorevole.

Il Comitato di indirizzo, con verbale del 13 novembre 2017, ha espresso parere favorevole; il dipartimento ambiente, a conclusione dell’istruttoria di competenza, nel rilevare il sostanziale rispetto delle misure di contenimento della spesa previste dalla vigente normativa, esprime parere favorevole. Il dipartimento bilancio rileva che l’Azienda ha provveduto ad effettuare il riaccertamento dei residui attivi e passivi, verificando, ai fini del rendiconto, le ragioni del loro mantenimento.

Il dipartimento ha verificato l’appostamento da parte dell’ente del fondo crediti di dubbia esigibilità, considerandolo adeguato ai fini dell’approvazione del rendiconto 2016. Avendo eseguito le verifiche, il dipartimento bilancio ritiene, appunto, di poter esprimere parere favorevole.

PRESIDENTE

Ci sono altri interventi? Allora passiamo all’esame e alla votazione del provvedimento che è approvato.

 

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in Allegato)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 201/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Rendiconti esercizio 2015 e 2016 dell’Azienda Calabria Verde”

PRESIDENTE

Proposta di provvedimento amministrativo numero 201/10^, di iniziativa della Giunta regionale recante: “Rendiconti esercizio 2015 e 2016 dell’Azienda Calabria Verde”. Consigliere Aieta, prego, può illustrare il provvedimento.

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

Quest’Azienda è un ente strumentale istituito con la legge regionale numero 25 del 2013, che svolge attività di gestione della forestazione e delle politiche della montagna. Il provvedimento, che oggi è in discussione, si compone della delibera di Giunta regionale, dei verbali del revisore unico dei conti, della relazione istruttoria al dipartimento bilancio e delle relazioni istruttorie del dipartimento agricoltura, d’intesa con il dipartimento Presidenza.

Per quanto riguarda il rendiconto 2015: il revisore unico dei conti con il verbale numero 4 del 22 novembre 2017 ha espresso parere favorevole all’approvazione del rendiconto 2015; il dipartimento agricoltura, d’intesa con il dipartimento Presidenza, ha espresso parere favorevole al rendiconto; il dipartimento bilancio, nell’istruttoria di competenza e a seguito dei controlli eseguiti, ha rilevato riguardo al computo del risultato di amministrazione 2015 degli errori, superati a seguito dell’adozione della delibera del Commissario straordinario che ha provveduto ad apportare le dovute rettifiche.

L’Azienda ha proceduto all’accertamento dei residui attivi e passivi, verificando, ai fini del rendiconto, le ragioni del loro mantenimento. A conclusione dell’attività istruttoria, il dipartimento bilancio ha rilevato che sussiste la piena corrispondenza tra il saldo di cassa e il conto del tesoriere; che sussiste la quadratura delle poste contabili iscritti nelle cosiddette “partite di giro”; che è stato adeguatamente rideterminato il risultato di amministrazione 2015, a seguito di alcune rettifiche apportate alla consistenza dei residui; che la determinazione del fondo pluriennale vincolato e del fondo crediti di dubbia esigibilità risulta formalmente corretta, sulla base delle risultanze contabili approvati dall’ente, alla data del 31.12.2015; che sussiste la corrispondenza tra i valori a residuo e quelli riportati nel conto del patrimonio.

Il dipartimento bilancio ha espresso, pertanto, parere favorevole, così il revisore unico dei conti col verbale numero 5 del 23 novembre 2017 ed il dipartimento agricoltura con alcune raccomandazioni riguardo al contenimento della spesa.

PRESIDENTE

Ci sono altri interventi? Allora passiamo all’esame e alla votazione del provvedimento che è approvato.

 

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in Allegato)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 190/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Aggiornamento degli elenchi contenenti i componenti del ‘Gruppo amministrazione pubblica’ e del ‘Gruppo Regione Calabria’ e approvazione del bilancio consolidato dell’anno 2016 della Regione Calabria – art. 66 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118”

PRESIDENTE

Passiamo alla proposte provvedimento amministrativo numero 190/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Aggiornamento degli elenchi contenenti componenti del Gruppo amministrazione pubblica e del Gruppo Regione Calabria e approvazione del bilancio consolidato dell’anno 2016 della Regione Calabria - articolo 66 del decreto legislativo 23 giugno 2011 numero 118.”

Prego, consigliere Aieta, può illustrare il provvedimento.

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

Questa proposta è stata licenziata a maggioranza dalla seconda Commissione nella seduta del 14 dicembre scorso; è relativa all’aggiornamento degli elenchi contenenti i componenti del Gruppo amministrazione pubblica e del Gruppo Regione Calabria ed all’approvazione del bilancio consolidato dell’anno 2016 della Regione.

Alla seduta della Commissione hanno partecipato il Vicepresidente della Giunta regionale, professor Viscomi, unitamente al direttore generale del dipartimento bilancio, dottor De Cello alla dirigente del settore bilancio, dottoressa Buonaiuto, ed a due membri del Collegio dei revisori dei conti.

Questo provvedimento, inizialmente, è stato approvato con una delibera di Giunta regionale, la 449 del 2017, in seguito rettificata con successiva delibera numero 487 del 2017, a seguito del giudizio di parifica ad opera della Corte dei conti su rendiconto 2016. Questo adempimento si rende necessario ai sensi della nuova normativa in materia di armonizzazione dei bilanci, finalizzata a leggere l’azione amministrativa degli enti territoriali nel suo insieme. Si richiede, pertanto, all’ente capogruppo la redazione del bilancio consolidato che rappresenti in modo veritiero e corretto la situazione finanziaria e patrimoniale, nonché il risultato economico della complessiva attività svolta dall’ente attraverso le proprie articolazioni organizzative.

Il bilancio consolidato, in particolare, ha la finalità di sopperire alle carenze informative valutative dei bilanci degli enti che perseguono le proprie funzioni anche attraverso enti strumentali e detengono rilevanti partecipazioni in società, fornendo una rappresentazione, anche di natura contabile, delle proprie scelte di indirizzo, pianificazione e controllo.

Lo stesso bilancio attribuisce all’amministrazione capogruppo un nuovo strumento per programmare, gestire e controllare con maggiore efficacia il proprio gruppo comprensivo di enti e società.

Il Collegio dei revisori dei conti con il verbale numero 184 del 6 dicembre 2017 ha espresso parere favorevole all’approvazione da parte del Consiglio regionale del bilancio consolidato esercizio 2016 della Regione Calabria.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il vicepresidente Viscomi. Ne ha facoltà. Prego.

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Grazie, Presidente. Solo per sottolineare questo momento dell’approvazione del bilancio consolidato: è il primo della Regione Calabria. Non si riduce soltanto ad un’applicazione di un vincolo normativo, ma probabilmente suggerisce alcune considerazioni: innanzitutto che lavorare insieme fa bene. Sembra una banalità ma se siamo arrivati a questo punto è perché c’è stata grande sintonia nel lavoro di approvazione dei rendiconti, e cioè più di 50 approvati nell’ultimo periodo tra dipartimento bilancio, Giunta regionale e Consiglio regionale, in modo particolare la seconda Commissione bilancio, alla quale va il mio ringraziamento, al presidente Aieta e, tramite lui, ai consiglieri di maggioranza e minoranza, ivi presenti.

Ma questa approvazione del bilancio consolidato significa anche, probabilmente, un punto di svolta nel modo stesso di intendere la Regione e cioè forse dovremmo iniziare, da ora in poi, a ragionare non in chiave separata e di compartimenti stagni: Azienda Calabria lavoro, Arpacal e chi più ne ha più ne metta, il famoso gruppo Regione o il gruppo amministrazione pubblica secondo degli argomenti di cui trattiamo, ma dovremmo iniziare a parlare in chiave di sistema pubblico nel suo complesso, e come in ogni sistema, ogni cosa che succede alla periferia si ripercuote anche sul centro e vale l’inverso. Il decreto 118 suggerisce a tutti noi un modo diverso di intendere, non solo la pubblica amministrazione, ma la stessa, lo stesso modo di operare nell’impegno politico quotidiano.

PRESIDENTE

Ci sono altri interventi? Allora, prendendo atto del parere del Collegio dei revisori dei conti, passiamo all’esame e alla votazione del provvedimento che è approvato.

 

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in allegato)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 206/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Presa d’atto della Decisione della Commissione europea C(2017)7520 final del 10 novembre 2017 di modifica del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 (FEASR) della Regione Calabria”

PRESIDENTE

Passiamo alla proposta di provvedimento amministrativo numero 206/10^ di iniziativa la Giunta regionale recante: “Presa d’atto della decisione della Commissione europea C(2017)7520 final del 10 novembre 2017 di modifica del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 (FEASR) della Regione Calabria.” Prego, consigliere Aieta, può illustrare il provvedimento.

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

Signor Presidente, si tratta, sostanzialmente, di una modifica che sottoponiamo all’Aula e che riguarda la decurtazione del 3 per cento delle risorse totali dei PSR di tutte le Regioni italiane a favore dei territori colpiti dal terremoto. Abbiamo ricevuto il parere favorevole dell’Autorità di gestione, vi è stato il voto unanime della Commissione, per cui può essere sottoposto all’Aula. Grazie.

PRESIDENTE

Ci sono altri interventi? Se non ci sono interventi, allora passiamo all’esame e alla votazione del provvedimento che è approvato.

 

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in allegato)

Proposta di legge numero 289/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio, ai sensi dell’art. 73 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118”

PRESIDENTE

Siamo all’esame della proposta di legge numero 289/10^, di iniziativa della Giunta regionale recante: “Riconoscimento della legittimità debiti fuori bilancio di cui alla lettera a) ed e) comma 1 dell’articolo 73, del decreto legislativo 23 giugno 2011, numero 118.” Prego, consigliere Aieta, può svolgere la relazione.

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

La Commissione ha esaminato sia i profili di merito sia le conseguenze di carattere finanziario derivanti dall’approvazione di questo provvedimento, che ha come obiettivo quello di riconoscere la legittimità dei debiti fuori bilancio della Regione Calabria derivanti da sentenze esecutive o altri titoli esecutivi, non ancora oggetto di procedure esecutive, acquisizione di beni e servizi in assenza del preventivo impegno di spesa.

Questo provvedimento si rende necessario per dare attuazione a quanto disposto dal decreto legislativo numero 118 del 2011, nel quale si riconosce al Consiglio regionale la legittimità attraverso, appunto, una legge dei debiti fuori bilancio derivanti da: sentenze esecutive; copertura disavanzi di enti, società ed organismi controllati; procedure espropriative o di occupazione d’urgenza; acquisizione di beni e servizi in assenza del preventivo impegno di spesa.

Nello specifico, il provvedimento si compone della delibera di Giunta regionale numero 503 del 31 ottobre 2017, che richiama i decreti dirigenziali contenenti gli elementi necessari per il riconoscimento dei debiti fuori bilancio, a cui sono allegati, unitamente al disegno di legge, la relazione di accompagnamento e le tabelle di dettaglio dei debiti che troverete nei vostri fascicoli.

Il disegno di legge si compone di quattro articoli. Su questa proposta i revisori dei conti hanno espresso parere favorevole con verbale numero 178 del 13 novembre 2017.

A questa Commissione hanno partecipato la dottoressa Cristiano del dipartimento bilancio, che ha illustrato il provvedimento, e il dottor Porcelli per il Collegio dei revisori dei conti, che ha espresso  il proprio parere favorevole.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Greco. Ne ha facoltà. Prego.

GRECO Orlandino (Oliviero Presidente)

Colleghi consiglieri, signor Presidente, intervengo su questo punto all’ordine del giorno perché, già nello scorso Consiglio regionale, avevo ribadito che non avrei votato altri provvedimenti inerenti al riconoscimento di debiti fuori bilancio. Chiaramente lo faccio non per votare contro, ma per lanciare un monito, peraltro contenuto anche nella relazione al bilancio che, da qui a breve, andremo ad approvare, in cui si dice che “ …un deciso cambio di passo da parte dell’amministrazione, che porti alla riduzione dei debiti fuori bilancio, derivanti da sentenze passate in giudicato, mediante azioni coordinate e rapide dei dipartimenti regionali e dell’avvocatura, nonché all’azzeramento dei debiti fuori bilancio connessi a spese effettuate senza preventivo impegno di spesa, al fine di ridurre in via progressiva i pignoramenti presso la tesoreria regionale, che hanno sottratto oltre 170 milioni di euro negli ultimi 5 anni”. Capite bene che questo è un punto estremamente delicato perché è un punto che consegna al voto del Consiglio regionale delle responsabilità, se consideriamo che siamo già a “n” sedute di Consiglio svolte in questo anno e abbiamo riconosciuto, fino ad oggi, quasi 4 milioni e 300 mila euro di debiti fuori bilancio.

Oggi dobbiamo capire che riconoscere; quindi, non votare in Consiglio regionale solo perché una legge ce lo indica, ma certamente non ce lo impone. Siamo pronti a farlo; sono pronto a farlo, ma attraverso un cambio forte, visibile e chiaro.

Non so quanti di voi sono entrati nel merito dei debiti fuori bilancio, ma è impensabile che possiamo riconoscere debiti fuori bilancio per 500 euro; è impensabile che possiamo riconoscere debiti fuori bilancio quando si dice pagamento rateo tredicesima mensilità, spettanti al momento della risoluzione del rapporto di lavoro; è impensabile che siamo qua a discutere e a votare debiti fuori bilancio; alcuni danno il senso anche di una cattiva gestione che negli anni si è perpetrata.

Allora oggi la responsabilità politica non può ricadere sulle spalle dei consiglieri o sulle spalle della Giunta regionale che propone. C’è una responsabilità, che è anche amministrativa, quando si dice riconoscimento della somma X per lo svolgimento del progetto obiettivo, cioè i dipartimenti fanno il progetto obiettivo senza la copertura finanziaria.

Andiamo avanti perché per quello che è scritto nel bilancio voglio mettere una linea, che deve essere la linea definitiva, per cui non torneremo nuovamente in Consiglio regionale a votare queste cose. E’ impensabile che si possa scrivere e noi votiamo “importo da corrispondere a titolo di interessi legali sulle somme versate 180 mila euro”, che sono somme che vengono tolte ai cittadini. Non è pensabile che, per esempio, ci sia un atto in cui ci si inventa e riconosciamo debiti fuori bilancio, proroga con decorrenza retroattiva. Non voglio elencarli tutti, ma devo dire che ho riletto un po’ tutti i debiti fuori bilancio riconosciuti, addirittura anche l’acquisto di una rivista sul bergamotto, cioè i dirigenti fanno acquisto senza copertura finanziaria e poi noi siamo qua a dover coprire e dover assumerci delle responsabilità politiche e anche personali, senza considerare che a questo se ne aggiungono altri esempi. Poi ci sono cose gravi. Si fanno gruppi di lavoro e dopo si paga, commissione tecnica… ce ne sono tanti. Ho avuto queste carte, leggo i bilanci e tento di arrivare in Consiglio regionale sempre con un minimo di cognizione. “Importo da corrispondere per l’acquisizione di un servizio di formazione”, pagamento ad ex dipendenti, c’è di tutto e di più. Non voglio continuare ad elencare una serie di atti, molti dei quali sono già stati, come dire, votati dal Consiglio regionale per spirito, per responsabilità, ma oggi dobbiamo con questa seduta di Consiglio regionale, nel rivotare il riconoscimento di questi debiti fuori bilancio, avviare quell’inversione di tendenza. Peraltro, è scritto nella legge di bilancio che andremo ad approvare e, quindi, cominciare a prendere cognizione di tutti i possibili debiti fuori bilancio che sono maturati negli ultimi anni.

I dirigenti, poi, devono assumersi responsabilità anche per quei debiti fuori bilancio che derivano da sentenze, perché poi non è vero che sono tutte sentenze, ci sono anche quote molto cospicue, legate a prestazioni, servizi, ma sulle sentenze i dirigenti devono assumersi le responsabilità, soprattutto se sono stati loro stessi a causarle, ad arrivare, attraverso transazioni, ad evitare interessi legali, interessi di mora e, soprattutto, ad evitare di ridurre anche il capitale in un momento come questo.

Chiedo a questo Consiglio regionale, naturalmente voterò a favore per senso di responsabilità, e chiedo alla Giunta regionale di avviare, anche dal punto di vista delle procedure, una serie di analisi e, se c’è dolo, anche provvedimenti disciplinari affinché questo Consiglio regionale non debba ripetere... Solo nel 2017 abbiamo votato tutti questi debiti fuori bilancio per cominciare a garantire e a dire che questa amministrazione è un’amministrazione efficiente e che nel controllo totale generale dell’azione dei dirigenti c’è da parte nostra una presa, come dire, rivoluzionaria.

Quindi voto, ma con l’impegno da parte della Giunta regionale che questa seduta di Consiglio regionale sia l’ultima nell’ambito del riconoscimento dei debiti fuori bilancio.

Presidenza del Vicepresidente Vincenzo Ciconte

PRESIDENTE

Ci sono altri interventi? Ha chiesto di intervenire il vicepresidente Viscomi. Ne ha facoltà.

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Grazie Presidente. Condivido al massimo le parole del consigliere Orlandino Greco, ma avrei preferito l’uso del verbo al passato anziché al presente e cioè i dirigenti che “hanno fatto” e che “hanno creato”, i dirigenti che “sono andati” in pensione che è molto difficile perseguire, anche in termini disciplinari. Sinteticamente, vorrei riassumere qui, nel condividere con voi la discussione che abbiamo fatto in Commissione bilancio e anche in Commissione vigilanza sulla questione dei debiti fuori bilancio e sulla presentazione continua di proposte di legge in Consiglio regionale.

Dobbiamo avere chiaro due fasi: la creazione del debito fuori bilancio e il riconoscimento del debito fuori bilancio. Nel debito fuori bilancio oggi chiamati ad approvare, ma anche nei pregressi, in realtà, si tratta di debiti storici, l’unico debito più recente è un debito fuori bilancio di 300 euro, ahimè, creato nel 2016, ma che è diventato debito fuori bilancio semplicemente perché c’è stato un errore di comunicazione fra i dipartimenti, avevano già spedito le carte alla Corte dei conti e quindi abbiamo preferito non suggerire, sollecitare cattive interpretazioni e lasciare le cose come stanno, ma tecnicamente poteva essere un debito fuori bilancio.

La questione del riconoscimento del debito fuori bilancio si lega alla questione dei pignoramenti, come abbiamo più volte detto, perché da quando mi arriva un decreto ingiuntivo, un qualunque altro titolo esecutivo, l’amministrazione ha 120 giorni per pagare, se supera i 120 giorni arriva di nuovo un altro precetto, gli interessi e tutto quanto ne segue, il doppio pignoramento, tutto quello che sappiamo; quindi l’obiettivo dell’amministrazione è pagare entro 120 giorni dal titolo esecutivo.  Quando non si hanno i soldi, appunto, per pagare con titolo esecutivo bisogna riconoscere il debito, ecco la necessità di intervenire, come diceva il consigliere, con il provvedimento legislativo.

Qui abbiamo davanti due possibilità: decidiamoci o facciamo una pluralità di interventi legislativi, per cui noi cerchiamo di mantenere i tempi nei 120 giorni, o facciamo un unico maxi provvedimento annuale, ma non rispetteremmo il termine dei 120 giorni. Al momento abbiamo preferito inviare al Consiglio man mano che arrivano e maturano gli atti sul debito fuori bilancio in modo tale da poter rispettare i 120 giorni, altrimenti ci pignorano la seconda volta per il mancato pagamento entro i termini. Sicuramente questo è un problema reale e che stiamo cercando di affrontare in tutti i modi possibili e immaginabili e devo dire la verità: stiamo cercando di controllare, e ci stiamo riuscendo al momento, la creazione dei debiti fuori bilancio.

I progetti obiettivo senza finanziamento se li sognano e dal mese di gennaio del prossimo anno entrerà in funzione un meccanismo informatico di gestione dei progetti obiettivo che stanno costruendo, da un mese e mezzo, insieme all’assistenza tecnico informatica, insomma al progetto Perseo, proprio perché sia non solo trasparente e conoscibile a tutti i cittadini che vanno sul sito e vedono chi sta facendo i progetti obiettivo, ma perché non ci sia nessun progetto obiettivo che possa partire se prima non è validato da tutti i punti di vista, compreso quello finanziario, quindi stiamo lavorando anche su questi profili.

Chiudo velocemente ribadendo l’impegno che avevo assunto credo in Commissione vigilanza. Avevo assunto due impegni: il primo è quello di chiedere alla segreteria di Giunta di non procedere alla registrazione di decreti di riconoscimento di debito fuori bilancio che non contengano una sintetica descrizione dei fatti che hanno portato al decreto, al riconoscimento del debito fuori bilancio, cioè il fatto per cui c’è il riconoscimento; non deve stare negli allegati, rendendo di difficile lettura tutta la partita, tutta la vicenda, ma deve essere inserita nel decreto di riconoscimento in modo tale che ognuno capisca immediatamente qual è il problema e da lì sia possibile facilmente risalire alle varie situazioni, anche di responsabilità, tenendo conto però che le carte sono già inviate alla procura della Corte dei conti ogni volta che viene riconosciuto un debito fuori bilancio; il secondo impegno che avevo assunto era quello di definire, e il dipartimento bilancio la stava definendo ieri, credo manchi soltanto la mia firma, ma ieri ero impegnato a preparare il bilancio odierno qui in Consiglio, una lettera circolare a tutti i Direttori generali per assumere loro stessi il controllo di questa partita dei debiti fuori bilancio, non soltanto attraverso l’esercizio dei dirigenti di settore, ma anche attraverso una verifica puntuale e costante dei Direttori generale medesimi.

Sono strumenti risolutivi? No, purtroppo no. Non sono strumenti risolutivi perché a giudicare dall’analisi di tutti i debiti fuori bilancio pregressi raramente c’è dolo, diciamo così, o volontà colpevole, il più delle volte c’è sciatteria amministrativa e il fare le cose senza rispettare le regole; in questo senso dà veramente fastidio, è considerazione amara quando si riconosce un debito fuori bilancio per una sciatteria amministrativa che invece poteva essere agevolmente superata con un po’ più di attenzione e di garbo amministrativo, quindi comprendo perfettamente le sue osservazioni, le abbiamo fatte già nostre e stiamo lavorando su questo profilo.

Chiedo al Consiglio di approvare le leggi man mano che le mandiamo perché questo ci consente formalmente di chiudere la procedura entro 120 giorni, è vero sempre che per legge se il Consiglio non approva, noi non siamo esonerati dalla possibilità comunque di pagare, perché assumiamo come Giunta la responsabilità di portare a compimento la legge nel periodo, nelle more in cui il Consiglio la deve approvare, quindi è come dire un’assunzione di responsabilità, anche qui collettiva, per risolvere un problema che è veramente significativo e grave, come dirò poi parlando del bilancio, ma che può risolversi soltanto se nella misura in cui ciascun dipendente della Regione Calabria si renda conto che non sta utilizzando risorse proprie, ma risorse pubbliche, che l’uso di risorse pubbliche deve  seguire un ordinato procedimento amministrativo.

PRESIDENTE

Passiamo alla votazione del provvedimento:

 

Articolo 1

(E’ approvato)

 

Articolo 2

(E’ approvato)

 

Articolo 3

(E’ approvato)

 

Articolo 4

(E’ approvato)

 

Passiamo alla votazione della legge nel suo complesso, con autorizzazione al coordinamento formale.

 

(Il Consiglio approva)

(È riportata in allegato)

Proposta di legge numero 301/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio di cui alle lettere a) ed e), comma 1, dell’articolo 73 del Decreto Legislativo 23 giugno 2011, n. 118 e s.m.i.”

PRESIDENTE

Proposta di legge numero 301/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio di cui alle lettere a) ed e), comma 1, dell’articolo 73 del decreto legislativo 23 giugno 2011, numero 218 e successive modificazioni e integrazioni”.

Prego, consigliere Aieta, può intervenire per l’illustrazione del provvedimento.

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

Signor Presidente, valgono le stesse raccomandazioni della proposta di legge che abbiamo appena approvato, si tratta di un importo complessivo di 21 mila euro e di euro 558 e su questa proposta c’è il parere dei Revisori dei conti e ovviamente del dipartimento bilancio. Grazie.

PRESIDENTE

La Giunta vuole intervenire? C’è qualche consigliere che vuole intervenire? No.

Passiamo alla votazione del provvedimento:

 

Articolo 1

(E’ approvato)

 

Articolo 2

(E’ approvato)

 

Articolo 3

(E’ approvato)

 

Articolo 4

(E’ approvato)

 

Passiamo alla votazione della legge nel suo complesso, con autorizzazione al coordinamento formale.

 

(Il Consiglio approva)

(È riportata in allegato)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 204/10^ di iniziativa dell’Ufficio di Presidenza recante: “Bilancio di previsione del Consiglio regionale per gli esercizi 2018-2020”

PRESIDENTE

Proposta di provvedimento amministrativo numero 204/10^ di iniziativa dell’Ufficio di Presidenza recante: “Bilancio di previsione del Consiglio regionale per gli esercizi 2018-2020”.

Prego, consigliere Neri, può intervenire per l’illustrazione del provvedimento.

NERI Giuseppe (Democratici Progressisti), relatore

Grazie, Presidente. Il bilancio di previsione del Consiglio regionale della Calabria per gli esercizi 2018-2019-2020 è stato redatto sulla base delle disposizioni e dei modelli previsti dal decreto legislativo 23 giugno 2011, numero 118, così come modificato ed integrato dal decreto legislativo 10 agosto 2014, numero 126.

Come l’esercizio precedente, il bilancio di previsione del Consiglio regionale ha durata triennale ed ha natura autorizzatoria per l’intero triennio, poiché gli stanziamenti di spesa rappresentano limiti di assunzione di impegni e sarà, pertanto, possibile impegnare iniziative previste su annualità successiva all’esercizio 2018, purché sussista, ovviamente, la copertura finanziaria della spesa.

Il bilancio di previsione dell’esercizio 2017 è redatto sia in termini di competenza che di cassa.

Le articolazioni del bilancio di previsione, sia per la parte entrate sia per quella delle spese, sono definite per legge e, pertanto, non sono modificabili.

Tali disposizioni di legge hanno lo scopo di assicurare maggiore trasparenza delle informazioni riguardanti il processo di allocazione e destinazione delle risorse pubbliche alle politiche settoriali nonché di garantire la confrontabilità dei dati di bilancio tra le diverse amministrazioni pubbliche.

Le entrate del bilancio di previsione sono suddivise per titoli, in base alla fonte di provenienza, e per tipologie, in base alla natura dell’entrata.

Le spese del bilancio di previsione sono articolate in missioni e programmi sulla base, rispettivamente, delle funzioni esercitate e degli aggregati omogenei di attività.

Le spese sono poi classificate per titoli sulla base della natura della spesa.

L’unità di voto in Consiglio regionale è costituita per l’entrata dalla tipologia e per la spesa dal programma. Rientrano nelle entrate per Trasferimenti correnti:

- le somme che la Giunta regionale trasferisce per il funzionamento il Consiglio regionale, che ammontano ad euro 58 milioni per ognuno degli esercizi compresi nel bilancio in corso di approvazione, come previsto per esercizio 2017;

- le somme trasferite dall’AGCOM per il finanziamento delle funzioni delegate al Corecom Calabria.

Gli stanziamenti per le spese sono stati quantificati sulla base dell’effettiva necessità dell’Assemblea legislativa. In particolare:

- gli stanziamenti previsti per le indennità dei consiglieri per i vitalizi degli ex consiglieri, corrispondono agli importi previsti a legislazione vigente;

- le spese per il personale e per il funzionamento dei gruppi consiliari sono stati quantificati sulla base della legge regionale 15 marzo 2002, numero 13;

- le spese per personale addetto alle strutture amministrative, e relativi oneri riflessi a carico del datore di lavoro, sono state stanziate sulla base dell’unità di personale effettivamente in servizio;

- le altre spese di funzionamento del Consiglio regionale sono quantificate sulla base delle obbligazioni giuridiche contratte e/o da contrarre per garantire il regolare mantenimento delle attività consiliari;

- le spese per funzioni delegate trovano copertura finanziaria nei contributi in entrata da parte dell’AGCOM.

Infine, la previsione di spesa rispetta i limiti previsti dall’articolo 6 del decreto legislativo 31 maggio 2010, numero 78, in materia di spesa per studi e incarichi di consulenza, relazioni pubbliche, convegni, mostre, pubblicità e rappresentanza, missione, attività di formazione, acquisto, manutenzione e noleggio autovetture nonché acquisto di mobili e arredi d’ufficio.

Sul presente provvedimento il Collegio dei revisori dei conti ha espresso parere favorevole con il proprio verbale numero 186 del 14/12/2017.

PRESIDENTE

Ci sono interventi da parte della Giunta o dei consiglieri? Prendiamo atto del parere del Collegio dei revisori dei conti e passiamo alla votazione del provvedimento che è approvato con autorizzazione al coordinamento formale.

 

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in allegato)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 203/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza della Regione Calabria (DEFR) per gli anni 2018-2020 (Paragrafo 6 del principio applicato della contabilità allegato 4.1 e art. 36 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118”

PRESIDENTE

Proposta di provvedimento amministrativo numero 203/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza della Regione Calabria per gli anni 2018-2020 (paragrafo 6 del principio applicato della contabilità allegato 4.1 e articolo 36 del decreto legislativo 23 giugno 2011 numero 118”.

Prego, consigliere Aieta, ha facoltà di illustrare la relazione.

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

Si tratta del Documento di Economia e Finanza della Regione Calabria per gli anni 2018/2020, approvato dalla Giunta regionale con delibera numero 292 del 30 giugno 2017, questo documento è stato, poi, aggiornato con deliberazione di Giunta, la numero 528, del 10 novembre 2017.

Su questo documento si è espresso il Consiglio delle autonomie locali, che si è insediato esprimendo, appunto, parere favorevole, così come la Commissione speciale di vigilanza e contiene il quadro congiunturale internazionale, nazionale e regionale, il contesto economico e i riflessi sulla finanza pubblica, il quadro di previsione delle entrate e di riferimento per la spesa, ed espone le linee programmatiche per il prossimo triennio.

E’ composto da due sezioni: la prima sezione e la seconda sezione, nelle quali appunto viene ricostruito il quadro della manovra correttiva di tutte le indicazioni economico-finanziarie della Regione Calabria.

PRESIDENTE

Ci sono interventi da parte della Giunta? Ha chiesto di intervenire il vicepresidente Viscomi. Ne ha facoltà.

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Presidente, vorrei proporre una presentazione sintetica dei 4 punti successivi all’ordine del giorno 16, 17, 18 e 19; facciamo una presentazione sintetica dell’intera manovra di bilancio, poi, farò degli approfondimenti sul collegato, sulla legge di stabilità, lì dove necessario, perché il documento di programmazione economico-finanziaria e la legge di bilancio in qualche misura si legano.

Quindi farei così, a meno che, approviamo ora il documento e vado avanti senza problemi, ditemi cosa fare.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Orsomarso, ne ha facoltà.

ORSOMARSO Fausto (Gruppo Misto)

In Commissione è ovvio che sui provvedimenti si è discusso e si è votato, l’unica cosa che chiedo e se facciamo qui in Aula il dibattito complessivamente, cioè siccome sta intervenendo l’assessore e sta facendo una relazione complessiva sulle tre-quattro leggi di bilancio che si legano, il dibattito lo facciamo sulla relazione dell’assessore e poi votiamo singolarmente o no? Questo volevo capire.

Siccome si legano ed io ho da dire sul Dpef, sul bilancio… facciamo una discussione unica, così interveniamo alla fine quando faremo la discussione.

 

Presidenza del Presidente Nicola Irto

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Presento la manovra, la sessione di bilancio, poi ogni singolo provvedimento sarà presentato dal consigliere Aieta. Se ci sono questioni specifiche, sul singolo provvedimento, si faranno sulla presentazione del singolo provvedimento. E’ l’unica soluzione, però io vi do il quadro completo della manovra in modo tale che ogni singolo provvedimento possa essere letto in un quadro generale, altrimenti non ci ritroviamo. Questo lo possiamo fare a partire anche dal prossimo punto all’ordine del giorno, cioè il Collegato, stabilità e bilancio e non sul documento di programmazione economica e finanziaria, se ritenete di dover discutere sul documento programmazione economica-finanziaria si può fare fin da subito.

Proverei a fare così: cercare di dare una lettura del bilancio, perché il documento di programmazione economico-finanziaria cioè le scelte strategiche di politica economica della Regione Calabria le do in qualche misura acquisite nei dibattiti precedenti, ma soprattutto devono, poi, trovare concretezza nel documento di bilancio.

Per essere sintetico e per lasciare più ampio spazio al dibattito tra i consiglieri, consentitemi di focalizzare l’attenzione su alcune questioni principali.

La prima questione la porrei in questi termini: un bilancio, dico una verità lapalissiana, è fatto di entrate e uscite, quindi forse è il caso di iniziare a guardare quali sono le entrate della Regione Calabria, e utilizzo, per ricapitolare sinteticamente le entrate, la tabella 2.1 del documento tecnico allegato al bilancio; a pagina 5 avrete modo di vedere che i 6 milioni di milioni, 6 miliardi di entrate, sono per la gran parte entrate vincolate: entrate per la sanità, 3 miliardi 641 milioni, costituiscono il 60,6 per cento delle entrate; Por e  Pac, 697 milioni, costituiscono l’11 per cento delle entrate; l’Fsc, 337 milioni; altri fondi vincolati, 420 milioni; entrate per mutui, 40 milioni; fondi pluriennali vincolati, 93 milioni; entrate libere da vincoli, esclusivamente 779 milioni e 550 mila euro.

Vorrei anche farvi notare che dalla tassa automobilistica entrano nelle risorse, nel budget della Regione Calabria, 185 milioni di euro e che dall’Irap non sanità, quota libera, incassiamo 446 milioni di euro, questo significa e dà spiegazione del perché il bilancio della Regione Calabria è vincolato, è ingessato. Ma credo renda anche evidente il fatto che il problema reale della Regione Calabria sono e rimangono le entrate e, in modo particolare, la questione delle entrate che vengono dai Comuni. In questa sede, ringraziando il Consiglio delle autonomie locali che, per la prima volta, ha formulato il proprio parere obbligatorio sul bilancio con una serie di emendamenti che in parte abbiamo recepito, vorrei ripetere quanto proposto al Cal stesso e cioè la necessità che vi sia un patto di lealtà tra Comuni e Regione. Perché se noi continuiamo ad iscrivere, come vedremo fra poco, nei fondi vincolati le risorse che difficilmente riusciamo a riscuotere dai Comuni per la tariffa idrica e per la tariffa dei rifiuti, questa quota libera da qui a qualche anno sarà sempre più ridotta.

Richiamo poi l’attenzione, invece, sempre sul documento tecnico, sulla tabella contenuta a pagina 13 che contiene la ripartizione delle risorse autonome, cioè di quei 779 milioni di cui possiamo liberamente disporre e sui quali siete chiamati a pronunciarvi.

Vorrei farvi notare le voci per macroaggregati di spesa, perché spesso parliamo del bilancio, ma abbiamo dei macroaggregati sui quali forse vale la pena ragionare. Il primo macroaggregato, che pesa il 25 per cento delle risorse libere, corrisponde alle spese di funzionamento di Giunta e Consiglio, i costi della macchina, i costi della politica e costi del patrimonio e così via, per un valore di 196 milioni 948 mila euro. Vorrei segnalarvi due elementi: il primo è la riduzione rispetto all’anno scorso nel bilancio previsionale del 3 per cento, che è già una cosa significativa mi pare di capire, ma ancora più significativa mi pare l’evoluzione di questa spesa negli ultimi anni; dal 2009 al 2017 abbiamo una riduzione di quasi 50 milioni di euro relativa a questo macroaggregato di spesa.

In questa Regione spesso si dice che spendiamo troppo, che spendiamo male, le altre Regioni pensano che la Regione Calabria spenda troppo per i costi della politica, della struttura. Con un minimo di orgoglio forse dovremmo dire che negli ultimi otto anni abbiamo tagliato su questo specifico macroaggregato di spesa almeno 50 milioni di euro, che non è poco.

Il secondo elemento che vorrei segnalarvi è la voce alla lettera i) oneri non ripartibili e accantonamenti, come vedete grava per il 16 per cento sulle risorse libere e ammonta a 124 milioni 548.564, questa è la voce di maggiore sofferenza per la Regione Calabria perché sono soldi che dobbiamo accantonare pur avendoli in portafoglio e dobbiamo accantonarli per il fondo dei crediti di dubbia esigibilità, cioè quei crediti dei Comuni, quei soldi dei Comuni che dovremmo avere, ma che in realtà abbiamo con molta fatica e con molto ritardo.

Abbiamo qui i fondi del rischio da contenzioso, Presidente; qualcuno tempo fa ha parlato di una vera e propria aggressione giudiziaria nei confronti della Regione Calabria, dalla quale spesso è difficile difendersi, ma dalla quale quando ci difendiamo riusciamo a riportare dei successi significativi, anche se spesso sottovalutati, ma sono 124 milioni; tanto più noi avremmo crediti verso soggetti terzi e tanto più questi crediti saranno di dubbia esigibilità, tanto più questa quota aumenterà, ecco perché c’è l’effetto reale di rischio, per i prossimi anni, se non si crea questo patto di lealtà nel pagamento della tariffa idrica e dei rifiuti tra comune e amministrazione regionale.

Abbiamo una terza voce di spesa significativa che ammonta al 15 per cento che sono i mutui della Regione e degli Enti locali, mutui ovviamente per spese di investimento e quindi ben vengano, ma sono cifre fisse per il sistema di contabilizzazione dei mutui; abbiamo, poi, i trasferimenti alle province che quest’anno, nel 2018, prevediamo in 14 milioni e 700 mila, cioè in una misura 34 per cento in più dell’anno scorso, proprio perché stiamo portando a conclusione, il processo di revisione dei rapporti dare/avere tra Regione-Provincia.

Chi di voi ha visto il giornale di stamattina, avrà letto che era riportato un incontro e una dichiarazione del Presidente della provincia di Crotone che diceva “non abbiamo nulla a pretendere dalla Regione”; dopo tanto tempo, tanti mesi, il Presidente della provincia di Crotone, che diceva “la Regione ci deve dare”, facendo i tavoli tecnici di confronto Regione e provincia è venuto fuori, che nulla deve dare la Regione alla provincia; ma questi tavoli tecnici sono stati voluti dall’amministrazione, dalla Giunta per porre definitivamente fine a tutte le polemiche connesse alla legge 34 e alla legge Delrio.

Abbiamo, poi, le spese per gli enti sub regionali che ammontano a 117 milioni, al 15 per cento di peso rispetto alle risorse libere; qui mi limito semplicemente a segnalare un elemento: abbiamo dovuto aumentare la quota per Calabria verde e per i Consorzi, escluso il trasferimento dello Stato di 130 milioni, per 56 milioni di euro. La riduzione dei trasferimenti centrali obbliga ovviamente ad un ampliamento delle risorse vincolate in sede regionale e c’è anche la necessità di un maggiore fabbisogno che speriamo di coprire con i fondi Pac e con i fondi Fas.

Per quanto riguarda le partecipate, che entrano anche esse in questo quadro, in questa voce di macro aggregato, spese per enti sub regionali, mi limito semplicemente a dire che abbiamo portato avanti in modo significativo il piano di razionalizzazione e, nonostante la delibera - il rapporto della Corte dei conti ha avuto un grande risalto mediatico - non erano presi in considerazione le decisioni più recenti della Giunta in attuazione della Madia.

Abbiamo un altro aggregato di spesa che segna, come dire, la sofferenza di questa Regione e l’abbiamo dovuto aumentare dell’11 per cento rispetto all’anno scorso e vale il 7 per cento delle risorse libere, sono i 55 milioni di euro per il precariato Lpu-Lsu, lavoratori ultracinquantenni che conoscete bene.

Abbiamo allo stesso tempo mantenuto a 91 milioni di euro il fondo per la sanità nelle politiche sociali che è un fondo, come dire, famelico, richiede notevoli risorse appunto perché il fabbisogno sociale, il disagio sociale ha carattere esponenziale.

Gli ultimi macroaggregati di spesa che voglio indicarvi sono le spese per le leggi sensibili cioè trasporti, diritto allo studio, protezione civile e sicurezza, che abbiamo in questo bilancio aumentato del 13 per cento rispetto all’anno scorso, destinando 44 milioni di questa, la quota più significativa. Da 27 l’abbiamo dovuto portare a 32 milioni 265.300, per i trasporti, per i motivi che già altre volte in quest’Aula sono stati discussi e, infine, abbiamo le spese per le altre leggi regionali, quelle della tabella C che sarà poi considerata nella legge di stabilità.

Abbiamo, rispetto all’anno scorso, incrementato dell’11,7 per cento le risorse disponibili e siamo arrivati a quasi 17 milioni; di questi 17 milioni credo che sia il caso di segnalare soltanto due elementi: i 4 milioni 962.550 destinati all’agricoltura e 5 milioni 200 destinati al turismo.

Perché ho voluto dire queste risorse, queste cifre? Per un motivo molto semplice, perché è vero le risorse libere che abbiamo disponibili sono poche, anche se quest’anno sono 779 rispetto alle 709 milioni di euro dell’anno scorso però, anche all’interno delle risorse libere, cerchiamo di definire degli indirizzi chiari e comprensibili, a noi stessi, ma soprattutto all’opinione pubblica. In questa prospettiva si evidenzia la riduzione di alcune spese che sono sempre meno tollerate all’opinione pubblica, le spese della macroarea per il funzionamento di Giunta e Consiglio e l’aumento significativo per il precariato per le altre leggi.

Sottolineo ancora che l’aumento più significativo è quello che riguarda il trasferimento alle province, questo perché siamo tutti consapevoli di una situazione di disagio in cui versano le province per l’incompiuta riforma Madia, ma su questo versante, come più volte abbiamo detto anche in Commissione con il presidente Franco Sergio e con i componenti la commissione, è urgente che il Consiglio regionale assuma le sue proprie autonome determinazioni sulla configurazione amministrativa del sistema Calabria.

Chiudo con queste piccole osservazioni che ho voluto fare, ben consapevole che il dibattito potrebbe essere lungo e approfondito, anche su temi che ho trascurato, ma consapevole anche che se ne è discusso in Commissione bilancio, in Commissione vigilanza e – ripeto - di fronte al Consiglio delle autonomie locali che per la prima volta ha esercitato la sua funzione costituzionale e istituzionale, come rappresentanza istituzionale degli enti locali, non come rappresentanza associativa; credo che siano sufficienti per dare il senso dell’iniziativa e dell’azione politica della Giunta.

PRESIDENTE

Ci sono altri interventi? Allora, prendiamo atto del parere favorevole del Consiglio delle Autonomie locali sul provvedimento e della relazione della Commissione speciale di vigilanza.

Passiamo all’esame ed alla votazione del provvedimento che è approvato con autorizzazione al coordinamento formale.

 

(Il Consiglio approva)

(È riportato in allegato)

Proposta di legge numero 302/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Provvedimento generale recante norme di tipo ordinamentale e procedurale. (Collegato alla manovra di finanza regionale per l’anno 2018)”

PRESIDENTE

Passiamo alla proposta di legge numero 302/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Provvedimento generale recante norme di tipo ordinamentale e procedurale. (Collegato alla manovra di finanza regionale per l’anno 2018).

La parola al consigliere Aieta per illustrare il provvedimento.

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

Sì, signor Presidente. Questo provvedimento è stato approvato dalla seconda Commissione nella seduta del 14 dicembre 2017. Come è noto a tutti, ai sensi del paragrafo 7 dell’allegato 4.1 del decreto legislativo numero 118 del 2011, con il Collegato possono essere disposte modifiche ed integrazioni a disposizioni legislative regionali aventi riflessi sul bilancio.

Questo disegno di legge si compone di 12 articoli e si conclude con gli articoli 11 e 12 relativi rispettivamente alla clausola di invarianza del provvedimento ed alla sua entrata in vigore. Il Consiglio delle Autonomie locali – tra l’altro insediatosi per la prima volta – nella seduta dell’11 dicembre 2017 ha espresso, con la deliberazione numero 2, un parere favorevole condizionato ad apportare alcune modifiche all’articolo 4 del disegno di legge. Queste modifiche sono state parzialmente accolte dalla Commissione con la conseguente modifica dell’articolo 4, come è stato evidenziato, per cui sottopongo all’Aula l’esame di questo disegno di legge.

PRESIDENTE

La parola al Vicepresidente della Giunta regionale.

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Intervengo soltanto per segnalare le modifiche apportate a seguito della richiesta del Consiglio delle Autonomie locali. Si tratta di modifiche che riguardano il potere della Regione di servirsi di commissari ad acta per la riscossione dei tributi e per stabilire la tempistica del versamento della tariffa dei rifiuti dai Comuni alla Regione.

Nel testo originario del Collegato era previsto il termine trimestrale per cui i Comuni erano tenuti a versare la tariffa alla Regione ogni tre mesi. I Comuni ed anche, formalmente, il Consiglio delle Autonomie locali ci hanno chiesto di stabilire un termine semestrale. Abbiamo accolto la proposta di modifica perché così l’attività amministrativa del Comune si riallinea con i tempi di versamento delle risorse alla Regione.

Il Consiglio delle Autonomie locali aveva chiesto anche altre due cose: di eliminare la possibilità di ricorrere a soggetti esterni alla Regione per la nomina a commissario ad acta ed, evidentemente, questa proposta non l’abbiamo condivisa per un motivo molto semplice perché non sempre i dipendenti o dirigenti regionali – anche perché i dirigenti regionali non ricevono alcun compenso per svolgere l’attività di commissario ad acta – sono disponibili ad andare all’esterno e, quindi, abbiamo mantenuto la possibilità di ricorrere a soggetti esterni, anche liberi professionisti, oltre che dipendenti pubblici.

Abbiamo, invece, accolto il suggerimento del Consiglio delle Autonomie locali relativamente al compenso del commissario ad acta che, come sapete, è a carico del Comune commissariato che subisce la sua attività. Noi avevamo previsto originariamente un compenso di tremila euro che è stato ridotto a duemila euro.

PRESIDENTE

Ci sono altri interventi? Passiamo all’esame ed alla votazione del provvedimento articolo per articolo.

Articolo 1.

(È approvato)

Articolo 2.

(È approvato)

Articolo 3.

(È approvato)

Passiamo all’articolo 4 relativamente al quale vi è stata la proposta avanzata dal Consiglio delle Autonomie locali di abrogazione della lettera b). Rammento che, ai sensi dell’articolo 90, comma 2, del Regolamento interno, qualora il Consiglio delle Autonomie locali esprima parere contrario o favorevole condizionato all’introduzione di modifiche specificatamente formulate e la Commissione competente non si adegui, sulle corrispondenti parti del progetto il Consiglio regionale delibera a maggioranza assoluta. Sottopongo a votazione, quindi, l’articolo 4 che non accoglie la proposta emendativa del Consiglio delle Autonomie locali, così come sostanzialmente già respinta nella dichiarazione del Vicepresidente.

Articolo 4.

(È approvato a maggioranza assoluta)

Articolo 5.

(È approvato)

Articolo 6.

(È approvato)

Articolo 7.

(È approvato)

All’articolo 8 sono stati presentati alcuni emendamenti. Iniziamo con l’emendamento protocollo numero 52247, a firma del consigliere Giudiceandrea, al quale cedo la parola per l’illustrazione.

GIUDICEANDREA Giuseppe (Democratici Progressisti)

Presidente, questo emendamento fa parte di un più corposo numero di emendamenti aventi ad oggetto una rivisitazione della funzione dell’Arpacal e dell’Artcal per cui chiederei di rimetterli di nuovo a ruolo in maniera tale che si possa realizzare una norma più corposa. Pertanto, vanno ritirati. Grazie.

PRESIDENTE

Quindi, l’emendamento è ritirato. Passiamo all’emendamento protocollo numero 52249, sempre a firma del consigliere Giudiceandrea.

GIUDICEANDREA Giuseppe (Democratici Progressisti)

Presidente, ritiro anche questo emendamento.

PRESIDENTE

L’emendamento è ritirato. Proseguiamo con l’emendamento protocollo numero 52248 sempre a firma del consigliere Giudiceandrea.

GIUDICEANDREA Giuseppe (Democratici Progressisti)

È ritirato anche questo.

PRESIDENTE

Allora, pongo in votazione l’articolo 8.

  approvato)

Articolo 9.

  approvato)

Articolo 10.

  approvato)

Articolo 10 bis.

  approvato)

Articolo 10 ter.

  approvato)

Articolo 10 quater.

  approvato)

Articolo 10 quinquies.

  approvato)

Articolo 10 sexies.

  approvato)

Articolo 10 septies.

  approvato)

Articolo 10 octies.

  approvato)

 

Dopo questo articolo sono stati presentati alcuni emendamenti: l’emendamento protocollo numero 52225, a firma del consigliere Bevacqua, che decade per assenza del proponente; l’emendamento protocollo numero 52044, a firma del consigliere Scalzo, che decade per assenza del proponente. Passiamo all’emendamento protocollo numero 52173, a firma del consigliere Giudiceandrea, al quale cedo la parola per l’illustrazione.

GIUDICEANDREA Giuseppe (Democratici Progressisti)

Grazie, Presidente. È semplicemente una richiesta di rinvio di un altro anno del termine per gli usi civici. Abbiamo realizzato il regolamento – ci sta lavorando alacremente anche la Giunta – però, nel frattempo, è intervenuta la legge nazionale alla quale il nuovo regolamento deve essere adattato  prima dell’approvazione per cui è necessario un rinvio. Si propone di fissare la data del 31 dicembre del 2018 anziché quella prossima del 2017.

PRESIDENTE

Il parere della Giunta?

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Il parere è favorevole.

PRESIDENTE

Quindi, pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 52173.

(È approvato)

Passiamo all’emendamento protocollo numero 50298, a firma dei consiglieri Neri e Battaglia. La parola al consigliere Neri per l’illustrazione.

NERI Giuseppe (Democratici Progressisti)

Grazie, Presidente, si tratta di un emendamento che avevamo già discusso in Commissione e che riguarda sostanzialmente il Piano di razionalizzazione della spesa. L’emendamento è, appunto,  finalizzato a garantire che i risparmi derivanti dal Piano di razionalizzazione e riqualificazione della spesa, adottato dall’Ente ai sensi dell’articolo 16 del decreto legge del 6 luglio 2011 numero 98, possono essere utilizzati per compensare le spese per i contratti di cui all’articolo 10 della legge regionale 13 maggio 1996 al fine di assicurare appunto il rispetto del limite del 50 percento della spesa per il lavoro flessibile. La disposizione, altresì, precisa che i risparmi indicati nel Piano di razionalizzazione utilizzabili per la compensazione sopra indicata sono deliberati dall’Ufficio di Presidenza e dalla Giunta per le rispettive competenze e sono ovviamente certificati dal Collegio dei revisori dei conti. Al comma 3 ulteriormente si precisa che per l’esercizio finanziario 2017 costituiscono risparmi utilizzabili per le finalità sopra indicate anche quelli realizzati in esercizi precedenti, comunque certificati dal Collegio dei revisori dei conti, che non siano già stati utilizzati per le finalità di cui all’articolo 16, commi 4 e 5. Ovviamente il presente emendamento ha natura ordinamentale e non comporta nuovi o maggiori oneri di spesa.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Il parere è favorevole.

PRESIDENTE

Non ci sono altri interventi. Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 50298, a firma dei consiglieri Neri e Battaglia.

  approvato)

Passiamo all’emendamento protocollo numero 52234, a firma del consigliere Neri. Prego, consigliere Neri.

NERI Giuseppe (Democratici Progressisti)

Presidente, l’emendamento è ritirato.

PRESIDENTE

Passiamo all’emendamento protocollo numero 52233, a firma del consigliere Neri. Prego, consigliere Neri.

NERI Giuseppe (Democratici Progressisti)

È ritirato anche questo.

PRESIDENTE

Passiamo all’emendamento protocollo numero 52197, a firma dei consiglieri Neri e Battaglia. Cedo la parola al consigliere Neri per l’illustrazione.

NERI Giuseppe (Democratici Progressisti)

Presidente, questo emendamento si ricollega al precedente per quanto riguarda la spesa per il lavoro flessibile costituendone, sostanzialmente, il completamento.

PRESIDENTE

Il parere della Giunta?

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Il parere è favorevole coerentemente con il precedente.

PRESIDENTE

Pongo ai voti l’emendamento protocollo numero 52197.

(È approvato)

Passiamo all’emendamento protocollo numero 52233, a firma del consigliere Neri. Prego, consigliere Neri.

NERI Giuseppe (Democratici Progressisti)

L’emendamento è ritirato.

PRESIDENTE

L’ultimo emendamento a questo articolo è l’emendamento protocollo numero 52301, a firma del consigliere Mirabello al quale cedo la parola per l’illustrazione.

MIRABELLO Michelangelo (Partito Democratico)

Presidente, onorevoli colleghi, l’emendamento in questione ha un obiettivo per la verità molto ambizioso che rappresenta un’idea che si è fatta strada nel corso di questi due anni e che riguarda una riorganizzazione complessiva della rete ospedaliera e dell’offerta sanitaria sul territorio regionale calabrese; questo attraverso una procedura che, nel rispetto della normativa e, quindi, dell’esistenza dei vincoli del Piano di rientro, effettua una sorta di atto di indirizzo alla Giunta regionale affinché venga costituita un’azienda sanitaria unica regionale che si occupi, in particolare, della rete territoriale e che sia organizzata su un modello dipartimentale e distrettuale con l’esaltazione del ruolo dei distretti ed, in particolare, con la centralità della medicina del territorio. Quest’ultimo aspetto, dall’esperienza derivante da questi anni di commissariamento, riteniamo e ritengo sia quello maggiormente trascurato e sul quale vanno rivolte le giuste attenzioni al fine di realizzare l’obiettivo di decongestionare gli ospedali calabresi – gli hub e gli spoke – e di realizzare una rete territoriale più efficiente e più vicina ai cittadini calabresi.

A fianco a questa operazione sull’azienda sanitaria unica regionale, si prevede anche la costituzione di aziende ospedaliere che ricomprendano al proprio interno tutti i presidi calabresi in modo tale da concentrare l’offerta sanitaria ospedaliera in una gestione che guarda alle Province ed ai territori, ma che si concentra dedicandosi unicamente su questa tipologia di offerta sanitaria.

Ovviamente su questo il Consiglio regionale ha un duplice ruolo. Con l’approvazione di questo emendamento questa sera si dà mandato alla Giunta regionale di approfondire il tema della realizzazione nel dettaglio di questi obiettivi indicando, però, alcuni parametri e alcune linee guida – se possiamo così definirle – a partire dal fatto che si fa questa scelta politica molto netta in direzione dell’azienda sanitaria unica, della distrettualizzazione della stessa e della costituzione delle aziende ospedaliere. In ogni caso si ristabilisce una centralità politica del Consiglio regionale nella misura in cui, comunque, la Giunta dovrà procedere alla redazione di un disegno di legge articolato ed organico che, ovviamente, ripasserà dalle Commissioni e dal Consiglio.

Ritengo, signor Presidente, che questa sia una fase politica importante in una stagione di discussione profonda in ordine alla necessità di riorganizzare la medicina e la sanità calabrese; la medicina del territorio e, soprattutto, la medicina ospedaliera e ritengo che questo strumento ci consenta di riavviare un percorso che, peraltro, non può prescindere – nel lungo periodo o nel breve periodo, come speriamo, ma, purtroppo, la fase che attraversiamo è nota a tutti ­– dalla fuoriuscita dal commissariamento e dalla riorganizzazione della sanità calabrese. Grazie, Presidente.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il presidente Oliverio. Ne ha facoltà.

OLIVERIO Gerardo Mario, Presidente della Giunta regionale

Presidente, intervengo brevemente innanzitutto per esprimere un apprezzamento nel merito di questo emendamento presentato dal consigliere Mirabello.

È un emendamento che pone una questione rilevante e di grande importanza sulla quale il Consiglio regionale deve cimentarsi perché non c’è dubbio che esiste un problema di riorganizzazione del sistema sanitario in tutta la sua articolazione relativamente, appunto, alla governance di questo importante settore. 

È chiaro che sulle problematiche che sono al centro della discussione oggi ritorneremo dopo con l’informativa sulla sanità, posta all’ordine del giorno della seduta odierna, che, per una ragione ovvia, ossia per la centralità che ha la questione del bilancio in una fase come questa, è stata posticipata successivamente a questa discussione. Questo mi esime dal ritornare sulle questioni di ordine generale, quindi, mi limiterò soltanto ad alcune considerazioni di merito su questa proposta del consigliere Mirabello.

Ritengo che si debba partire da un assunto: in Consiglio regionale giace una proposta di legge della prima Giunta da me presieduta che va, appunto, nella direzione della riorganizzazione del sistema sanitario regionale e che puntava all’istituzione di un’azienda unica regionale.

L’emendamento proposto dal consigliere Mirabello – che suggerisce la riorganizzazione del sistema sanitario attraverso un’azienda unica regionale e cinque aziende ospedaliere – è una proposta interessante che ritengo debba essere non soltanto oggetto di un approfondimento – perché credo che dobbiamo andare nella direzione di una riforma radicale dell’organizzazione del sistema e delle strutture sanitarie – ma, proprio per la sua portata, richiede un coinvolgimento dell’articolazione istituzionale della Calabria, delle forze sociali, degli operatori sanitari. 

Ringrazio il consigliere Mirabello e gli chiedo di ritirare questo emendamento con l’unico scopo che non è quello, appunto, di rinviare sine die o di non affrontare questo problema, ma, anzi, con l’impegno di assumere questa proposta come base di un grande confronto che bisognerà aprire – e che noi ci impegniamo ad aprire – con le forze sociali, con le organizzazioni rappresentative del mondo sanitario, con gli enti locali, in modo tale che entro fine gennaio si possa ritornare in Consiglio regionale con una proposta frutto di un coinvolgimento ed un approfondimento sviluppato, appunto, attraverso questo confronto.

È chiaro che i cardini di questo confronto devono essere ben delineati e la proposta del consigliere Mirabello li delinea. Non possiamo pensare di andare a briglie sciolte ad un confronto teso – magari in modo subdolo – alla riproposizione di articolazioni di gestione del sistema sanitario che non avrebbero senso. L’obiettivo deve essere quello di contenere la spesa, di razionalizzare gli strumenti di gestione e di governance del sistema sanitario e di rispondere in questo senso ad una migliore organizzazione dei servizi sul territorio perché l’obiettivo deve essere questo.

In altre realtà, proprio in questi ultimi anni, hanno sperimentato modelli organizzativi che rispondono a questa esigenza. Noi non dobbiamo avere nemmeno il timore, la timidezza o la preoccupazione di confrontarci con altre esperienze in modo tale da poter costruire una  riorganizzazione del sistema sanitario rispondente alle esigenze della Calabria: da una parte, quindi, riduzione dei centri decisionali e, dall’altra parte, articolazioni più aderenti al territorio.

Nella proposta del consigliere Mirabello in fondo c’è questo: c’è l’organizzazione di una azienda unitaria a livello regionale per quanto riguarda i servizi territoriali e l’organizzazione di cinque aziende ospedaliere per quanto riguarda i servizi ospedalieri. Bisognerà certo approfondire, però bisogna tenere conto che, nella costituzione dell’azienda unica dei servizi territoriali, non si spogliano i territori perché si assumono, per esempio, i distretti come dimensione comprensoriale territoriale a cui dare piena autonomia gestionale ed anche organizzativa ed economica.

Quindi, c’è un impianto che, secondo me, deve guidare il nostro lavoro nelle prossime settimane. E proprio perché questa è una proposta di grande importanza ed un passaggio importante riteniamo di doverla sottoporre ad un grande confronto con la Calabria. Ecco perché, sulla base di queste motivazioni ed esclusivamente di queste motivazioni, chiedo al consigliere Mirabello di ritirare questa proposta, ringraziandolo, appunto, per il lavoro che è contenuto in essa e, soprattutto, perché con essa riaccende l’attenzione su un tema cruciale e di fondamentale importanza per la sanità calabrese che non è altro rispetto a tutto quello che discuteremo da qui a poco quando discuteremo appunto sull’informativa relativa alle vicende che interessano la sanità calabrese.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Gallo. Ne ha facoltà.

GALLO Gianluca (Casa delle libertà)

Caro collega Mirabello, credo che devi prendere atto che la prossima volta non ti dovrai esporre perché il presidente Oliverio – che di fatto ha assunto la paternità di questo emendamento – ti ha lasciato solo e ti ha chiesto di ritirarlo.

L’altra sera, in una trasmissione televisiva, discutevamo della necessità di un confronto sulla sanità, di un confronto serrato che veda la massima Assise regionale occuparsi di questa materia perché noi siamo espressione del popolo calabrese che è il maggior interessato rispetto a questo argomento e a questa materia. E nel momento in cui stavamo rinviando però da qualche settimana l’ipotesi di discussione sulla sanità, si è millantato in quest’Aula – accettando e sfidando la maggioranza, l’opposizione, il Presidente del Consiglio regionale e tutti gli altri fino ad arrivare al Presidente del Consiglio dei ministri – di voler fare un confronto sulla sanità.

Caro collega Mirabello, – e io non me la prendo e non me la prendevo nemmeno prima con te – come rappresentante importante della maggioranza in quanto Presidente della Commissione sanità, ti viene sottoposta l’opportunità di sottoscrivere questo emendamento che oggi ti viene chiesto di ritirare.

Ebbene, manifesto immediatamente la contrarietà rispetto a questa ipotesi perché noi veniamo da esperienze devastanti in provincia di Cosenza. In una notte, nel 2006 – così come è stato per questo emendamento – su iniziativa del consigliere Adamo – c’era il governo Loiero –  si cancellarono le aziende sanitarie locali e si fecero le aziende sanitarie provinciali. I risultati furono devastanti: accentramento in quel di Cosenza per quanto riguarda la nostra provincia; diminuzione dei servizi sanitari in periferia e, oggi, c’è conferma in riferimento a tutto questo;  aumento della spesa.

Si millantava quell’emendamento e quella modifica legislativa come necessaria per diminuire le spese. A distanza di anni celebriamo il fallimento della sanità calabrese e il fallimento anche di quella riforma. Nel bilancio – considerato che siamo in questa sede  – dite che la mobilità passiva ormai in Calabria arriva – ed è una cifra ufficiale – a 325 milioni di euro. Bene, credo che questo risultato sia frutto di quella spoliazione, di quelle decisioni e mi meraviglio molto che il presidente Oliverio, che allora era Presidente della Provincia di Cosenza – io lo ricordo da sindaco di una città di quella provincia – e che contestò aspramente quella decisione del Governo regionale oggi ci dica, invece, di essere sostanzialmente favorevole rispetto ad una ipotesi di questa natura che non significa alimentare i campanilismi, ma significa semplicemente dire: “Attenzione! Rispetto a queste scelte nel passato abbiamo avuto risultati devastanti!”.

Allora, su questo noi discutevamo l’altra sera, collega Mirabello, della necessità di confrontarci. Prendo atto che stasera il Presidente parla della necessità di avviare un confronto serrato in quest’Aula su questi argomenti.

E no, però, collega Ciconte! Ora, dopo che noi abbiamo protestato, ci si dice che ci vuole questo dibattito e questo confronto su argomenti come la sanità, ma intanto al collega Mirabello era stato sottoposto questo emendamento che mi fa piacere con onestà il Presidente ha fatto proprio dal punto di vista politico perché ci dice che ce lo riproporrà e ce lo ripropinerà.

E, allora, credo che su questi argomenti bisogna avere un confronto. Noi manifestiamo la nostra contrarietà non per alimentare i campanilismi ma perché siamo consapevoli del fallimento di scelte di questa natura. E non mi si può dire che in altre regioni come ad esempio il Molise – peraltro guidata da un nostro conterraneo – c’è un’azienda unica!

Il Molise è una regione con 300 mila abitanti, la metà della provincia di Cosenza; non penso che questi possano essere millantati come risultati o come modelli di riferimento. Certo l’Emilia … ma l’Emilia ha valenze e valutazioni diverse da fare e noi dobbiamo recuperare gap storici nei confronti di queste Regioni. Non credo che questa sia la via giusta per cui prendo atto che il Presidente chiede al collega Mirabello – lasciandolo solo – di ritirare questo emendamento ma manifesto sin d’ora la mia contrarietà rispetto a questa ipotesi che è un’ipotesi devastante per la sanità calabrese, anche a nome del collega Cannizzaro.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Romeo. Ne ha facoltà.     

ROMEO Sebastiano (Partito Democratico)

Grazie, Presidente. Il consigliere Mirabello oggi centra un primo obiettivo che è quello di mettere nero su bianco l’idea di riorganizzazione del sistema sanitario, delle aziende e degli ospedali della nostra regione e lo fa attraverso un emendamento che condivido nel merito e riportando la discussione di merito all’interno dell’Aula del Consiglio regionale della Calabria e, quindi, della massima Assise elettiva chiamata a discutere di queste questioni.

Appena questo emendamento, presidente Irto, è stato inserito nel fascicolo degli emendamenti, noi abbiamo ascoltato dei rilievi: sono venuti da alcuni consiglieri i quali hanno subito detto, al di là del merito, che questi temi vanno approfonditi, vanno discussi e così via.

Giusto. Se si legge il provvedimento si vede che la proposta del consigliere Mirabello prevede un periodo di discussione, di approfondimento e di confronto per poi tornare all’esame del Consiglio regionale. Non era concepito né come un blitz né come una forzatura.

Il presidente Oliverio fa una cosa in più. Dice: “Assumiamo questo emendamento come testo base di indirizzo per questa discussione; entro fine gennaio, dopo un processo di ascolto – collega Gallo, tutti i colleghi insieme –, vedremo come si ritornerà in quest’Aula e si produrrà una riforma, a mio giudizio, irrinunciabile.

Perché dobbiamo polemizzare persino su questo? Questo polemizzare non svilisce la funzione e anche – se mi consentite – l’autorevolezza di quest’Aula? Perché? Oggi si apre un percorso. Il consigliere Mirabello non è solo perché il Partito democratico condivide in pieno questa ispirazione. Naturalmente verranno delle sollecitazioni, dei suggerimenti, delle osservazioni …

 

(Interruzione)

 

… collega Nicolò, ne è stato fatto uno, ne farà uno lei dopo di me, la ascolteremo …

Quindi, si apre, senza entrare nel merito, una fase importante di discussione che il presidente Oliverio ha circoscritto indicando una data finale che è quella di gennaio.

Stop! Pensiamo a come riempire questa fase di contributi positivi, di ascolto, di confronto e a produrre una riforma che, a nostro giudizio, è necessaria e irrinunciabile. Questo. Quindi, io ringrazio il collega Mirabello. So che, in questo mese, assieme agli altri, a tutti i colori i quali lo vorranno, farà un lavoro importante e, naturalmente, so già che ritirerà l’emendamento e gli auguro buon lavoro.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Orsomarso. Ne ha facoltà.

ORSOMARSO Fausto (Gruppo Misto)

Presidente, intervengo sul tema perché mi ero avvicinato prima rispetto alla discussione di quest’ipotesi dell’emendamento. Si è già dibattuto abbastanza. Non credo sia opportuno entrare nel merito, ma l’ha fatto denunciando l’allarme delle riforme perché  lo dico al capogruppo Romeo la lingua batte dove il dente duole! Il blitz, il blitz … sono parole che ascoltiamo e così anche la perentorietà di indicare la data di  gennaio!

Sono passati tre anni a proposito di riempire vuoti su riforme necessarie e su un confronto.

Quindi, trovo responsabile che si ritiri l’emendamento. Trovavo e trovo ancor più irresponsabile che, dopo che in Commissione bilancio abbiamo discusso per più settimane con diverse audizioni, con diversi emendamenti, la discussione su un tema così serio che deve passare, quindi, dall’esame in Commissione e quant’altro avvenga così.

Poi, non voglio offendere il lavoro del consigliere Mirabello, ma voglio dire che sono passati tre anni in cui si potevano ipotizzare riforme e nei quali c’è stato un confronto serrato tutto interno al Partito democratico che la Calabria ha subìto.

Quindi, intervengo per sottolineare quello che suggerivo al presidente Irto che ringrazio ed anche la sensibilità del presidente Oliverio che fa ritirare questo emendamento che coglievamo come una forte provocazione. Ci sarà tempo e luogo e penso che dopo si approfondirà con l’informativa sulla sanità. Meno male che lo stimolo di rientrare e, quindi, di farcelo avvertire come una provocazione, unitamente al fatto che l’abbiate ritirato, ci lascia tutti un po’ più tranquilli.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Ciconte. Ne ha facoltà.

CICONTE Vincenzo Antonio (Partito democratico)

Grazie, Presidente, credo che questo emendamento presentato dal presidente Mirabello sia importante. Perché è importante? Perché – come dicevano i consiglieri che mi hanno preceduto –  ha messo finalmente in piedi un meccanismo e ha cercato di ipotizzare un progetto di riforma della sanità.

Vorrei ricordare a tutti che c’è stato un tentativo anche nella precedente legislatura e lo vorrei ricordare ai consiglieri di opposizione che, all’epoca, come maggioranza, avevano presentato una riforma che, però, è rimasta nel cassetto del Presidente della Commissione sanità. Ricorderete bene! Quindi, sono convinto che è vero che è passato anche troppo tempo per non riformare la sanità.

Credo che il presidente Mirabello sia stato spinto da questa voglia di parlare finalmente dei problemi della sanità e di riformarla insieme anche ai consiglieri di opposizione perché ritengo che su questi argomenti si debba cercare di trovare una sintesi, di fare sintesi e cercare di trovare una soluzione.

E ha fatto bene il presidente Oliverio a dire che su questi argomenti – al di là che il testo rimarrà un testo base su cui discutere e confrontarsi dal basso – bisogna giustamente sentire tutte le associazioni, tutti gli ordini professionali, tutti i sindacati, tutte le Istituzioni –  e mi riferisco ai sindaci dei territori – per cercare di comprendere qual è il testo migliore da portare in Aula e cercare finalmente di modificare e riformare la sanità. 

Perché riformare la sanità? Perché, attenzione, bisogna partire da un presupposto elementare che le aziende ospedaliere non possono rimanere con l’azienda territoriale. Questo era un presupposto che avevamo già sancito tanti anni fa nella precedente legislatura quindi sono convinto che su questo tema siamo tutti d’accordo ossia che le aziende ospedaliere vanno aggregate mettendo insieme un ospedale hub e gli ospedali spoke, mettendo insieme il territorio che è vero un’azienda unica ma ne discuteremo se si può fare un’azienda unica territoriale o qualche azienda in più.

Quindi, da questa base, presidente Mirabello, è fondamentale ripartire per ragionare su queste tematiche che, secondo me, andranno verso la riduzione della spesa. Attenzione che abbiamo tanti direttori generali, sanitari e amministrativi e capi dipartimento. Capite bene che riducendo queste aziende e riducendo anche l’azienda territoriale andremo verso la riduzione della spesa cercando di migliorare i servizi e su quello noi ci confronteremo per cercare di dare alla Calabria una riforma sanitaria adeguata alle sue esigenze. Grazie.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Nicolò. Ne ha facoltà.

NICOLÒ Alessandro (Forza Italia)

Grazie, Presidente. Consigliere Ciconte, lei è un rappresentante di questa Assise che ha fatto anche un percorso e conosce le procedure, così come il Presidente che apprezzo per il suo intervento nel merito ed anche nel metodo. Quando si parla di riforme strutturali – come diceva bene il collega Orsomarso – occorre prestare attenzione alle procedure e consumare i giusti passaggi – anche quello della Commissione – per un dibattito attento. Non entro nel merito perché non è immaginabile farlo adesso dopo le dichiarazioni responsabili del presidente Oliverio di promuovere il ritiro di questo emendamento che è provocatorio. Mi dispiace per il presidente Mirabello che stimo, rispetto e apprezzo – ho avuto modo di farlo anche per le attività istituzionali rispetto al ruolo che egli ricopre – però noi oggi dobbiamo discutere di altro.

Premesso che è una proposta vostra,  discutibile, e non sappiamo se è buona o non è buona; lo vedremo dopo la politica dell’ascolto dei territori rispetto agli attori impegnati di cui dovremmo tenere conto, però - lo dico anche per le prossime iniziative che intendete promuovere - occorre un po’ di responsabilità istituzionale che in tante circostanze non è mancata e a volte, però, si vuole strumentalizzare come stasera e in questa circostanza.

Lei conosce le problematiche degli operatori sanitari anche di questo comparto che vive tante sofferenze per ragioni che conosciamo e non sto qui adesso a rappresentare o ad elencare.

Noi responsabilmente prendiamo atto della posizione del presidente Oliverio e siamo propensi a discutere, a ragionare e a confrontarci  in quelle sedi dove, poi, presenteremo le nostre proposte.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Guccione. Ne ha facoltà.

GUCCIONE Carlo (Partito Democratico)

Presidente, pensavo che, dopo aver deposto le catene, avremmo potuto iniziare a discutere nel merito della sanità in questa regione, riappropriandoci dei poteri che il Consiglio regionale ha nonostante il contesto commissariale. Così avevo valutato l’emendamento del collega Mirabello, della cui presentazione ieri sera ha avuto la sensibilità di informarmi, perché noi affrontiamo una questione sulla quale è chiaro che dobbiamo incominciare ad esercitare il nostro potere perché non possiamo gridare contro Roma. Dobbiamo – ripeto – cominciare ad esercitare i poteri che sono in capo alla Giunta ed al Consiglio regionale. Questo della riorganizzazione della sanità è un punto fondamentale e non possiamo scoprire all’ultimo momento che dobbiamo consultare le categorie e  tutto lo scibile umano.

Va bene. Non penso che questa sia stata una semplice iniziativa del collega Mirabello anche perché c’è un precedente. Qual è? Il precedente è che dal 20 marzo del 2015 c’è una proposta di legge della Giunta regionale che recita “Istituzione dell’azienda sanitaria ospedaliera unica regionale”.

Sono due anni e non si è avuto il tempo di consultare i cittadini, i territori, tutti gli attori sociali di questo nostro territorio. Basta ipocrisie perché, altrimenti, qua d’ipocrisia moriamo; muore il Consiglio regionale, muore la Calabria in particolare sulla sanità.

Allora, c’è la volontà politica di mettere mano in modo serio ai poteri di riforma che ha il Consiglio regionale in modo collegiale? Però, si stabilisca un percorso certo perché – ricordo­ – ancora aspetto l’informativa su Calabria verde e su altre questioni che avevamo posto e non sono arrivate. Assumiamo oggi noi insieme, all’unanimità del Consiglio regionale, la decisione che su questa materia entro 30 giorni arriviamo a discutere e a decidere con tutto il programma, tutto il percorso che voi volete mettere in campo? Affidiamo al Presidente della Commissione sanità, Mirabello, il compito di avviare una serie di audizioni su questa questione?

Rapidamente, entro 20 giorni, ed alla fine di queste audizioni veniamo in Consiglio regionale a fare dibattiti e a decidere. Questo è il punto, altrimenti il nostro ruolo viene svilito. Io vi dico che all’esterno quest’Aula viene percepita come un’Aula in cui la palestra è il dibattito e non è così poi! Allora, su questa questione della sanità dobbiamo assumerci la responsabilità e non possiamo rinviare le questioni sine die. Sono due anni che c’è questa proposta di legge che oggi il consigliere Mirabello richiama. Noi dobbiamo fare un’operazione: gli ospedali devono stare con gli ospedali e non possono stare nelle Asp. Lo diceva il consigliere Ciconte, dobbiamo fare un’azienda che si occupa soltanto dei servizi sanitari territoriali e noi abbiamo il potere per farlo.

Lo dice anche la Corte costituzionale! Nella delibera del 20 marzo del 2015 è citata una sentenza della Corte costituzionale che conferisce alla Regione questi poteri. Esercitiamoli!  Non giochiamo al rinvio sine die! Stabiliamo – se vogliamo essere seri – che su questa materia si dà mandato al Presidente della Commissione sanità di fare tutte le audizioni di questo mondo e che, entro 30 giorni, verrà convocata una seduta di Consiglio per decidere sull’ipotesi di istituzione dell’azienda unica regionale per quanto riguarda la materia sanitaria.

PRESIDENTE

Ci sono altri interventi. Ha chiesto di intervenire il consigliere Scalzo. Ne ha facoltà.

SCALZO Antonio (Partito Democratico)

Grazie, Presidente. Credo che l’emendamento e il lavoro fatto dal collega Mirabello costituisca un passaggio importante per la vita istituzionale e politica di questa consiliatura perché non vi è dubbio che in Calabria, da anni, con il commissariamento in materia di sanità, si è interrotta l’attività legislativa.

Il Consiglio è stato, di fatto, esautorato dai suoi poteri e, a distanza di sette anni, credo che il  commissariamento per il Piano di rientro dal deficit sanitario ­come molti altri commissariamenti   non abbia prodotto nessun risultato in termini di miglioramento della qualità dei servizi, della migrazione sanitaria e del miglioramento dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) nel territorio.

L’Italia ha un sistema sanitario che non è omologato per tutto il Paese; ci sono sistemi organizzativi diversi ma che funzionano. Non tutti hanno lo stesso modello eppure c’è la possibilità di scegliere e questo dobbiamo fare: scegliere quello più adeguato alla nostra regione, quello che tiene conto delle caratteristiche orografiche, demografiche e delle infrastrutture regionali.

E quel tipo di modello organizzativo dobbiamo calare. Facendo cosa?

Innanzitutto, sono d’accordo con il collega Guccione, sul fatto che dobbiamo dare mandato al collega Mirabello di avviare un lavoro che, in regime cosiddetto normale, sarebbe stato quello che avrebbe portato ad un passaggio quasi continuo, naturale, costante di processi legislativi in Commissione e, poi, Consiglio. Noi dobbiamo ripartire da questo, riappropriarci di questo ruolo ed individuare, innanzitutto – ripeto – il modello organizzativo più idoneo alle esigenze dei cittadini della nostra regione e su quello tornare in Aula e legiferare su un piano che guardi più alle esigenze dei cittadini, alla qualità dei servizi, al modello organizzativo che non a singole esigenze.

Su questo credo che ci sarà – e lo dico al collega Mirabello – non soltanto una condizione ma un supporto e un lavoro che intenderemo portare avanti per dare un contributo ed un sistema di cui la Calabria oggi ha bisogno. Noi – lo voglio dire anche ai colleghi dell’opposizione – se c’è una questione sulla quale dobbiamo tutti quanti avviare un percorso virtuoso è quella della tutela della salute perché sia quando si è in giro per la Calabria, ma soprattutto quando si è fuori da essa, nel Paese, fuori dal nostro Paese, non chiedono se uno è un consigliere di maggioranza o di minoranza ma chiedono come va la sanità nella propria regione.

Allora, credo che su questo lo sforzo vada fatto e oggi è un momento importante di un inizio che deve vedere un impegno forte, attraverso il quale credo che si possa voltare veramente pagina in questo settore che è quello della tutela della salute dei cittadini. Grazie.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Mirabello. Ne ha facoltà.

MIRABELLO Michelangelo (Partito Democratico)

Grazie, Presidente, intervengo velocemente prima per esprimere la mia disponibilità a ritirare l’emendamento e poi per fare due considerazioni velocissime. Intanto, mi pare che si sia raggiunto un obiettivo questa sera che è quello di mettere un punto su una discussione che parte dalla necessità di ridisegnare un modello organizzativo alternativo della sanità calabrese che passi attraverso un’idea di semplificazione e razionalizzazione. L’emendamento che ho proposto anziché essere considerato come un atto anche di coraggio politico – nella misura in cui c’era e c’è la consapevolezza di toccare un tema difficile, attraverso un emendamento al Collegato, in una fase difficilissima della stagione politica calabrese – è stato forse scambiato per una forma di sovraesposizione, di velleità o, addirittura, per un atto al quale sono stato chiamato perché mi sarebbe stato sottoposto. Nella mia storia, nella mia militanza politica all’interno di una coalizione, di un partito, le decisioni, le discussioni, le dinamiche si assumono, non vengono sottoposte.

Si è assunta una discussione che ha avuto ad oggetto un tema complesso, difficile, con tempi contingentati, nella consapevolezza che da stasera si possa aprire un percorso politico certo, con cadenze certe, in cui il Consiglio regionale – e ciascuno di noi sarà chiamato ad avere un ruolo specifico e preciso – è chiamato all’assunzione di una responsabilità. Si è assunto questo percorso non inventandolo in una notte, ma andando a riprendere un lavoro che non soltanto la Giunta regionale calabrese aveva già messo in campo – è stato ricordato con una delibera nel 2005 –  ma addirittura riprendendo ragionamenti e un lavoro che era stato oggetto di discussione nella scorsa legislatura da parte della coalizione di centro-destra.

Quindi, ritengo che la discussione si sia un po’ basata sulla considerazione che ha oscillato tra il troppo tardi e il troppo presto. È troppo tardi per farlo, era troppo presto per farlo; tra il troppo e il troppo poco. Ritengo, invece, che la ragione vera del nostro ruolo, di questo Consiglio, su questa materia sia quella di avviare una discussione che certo dovrà avere e avrà dei tempi contingentati e dei temi precisi perché se una cosa mi pare si sia assodata è proprio quella di iniziare a ragionare di separazione fra il territorio e gli ospedali, di distrettualizzazione della sanità territoriale, di migliore organizzazione della rete ospedaliera, di assunzione comune di una responsabilità, di un ruolo guida che all’interno del sistema sanitario regionale calabrese noi dobbiamo e possiamo rivendicare.

Su queste premesse, Presidente, confermo la volontà di ritirare l’emendamento e ovviamente riapriremo una discussione più ampia.

PRESIDENTE

L’emendamento è ritirato. Procediamo con l’esame del provvedimento.

Articolo 11

(È approvato)

Articolo 12

(È approvato)

Prendiamo atto del parere del Consiglio delle autonomie locali. Passiamo alla votazione della legge nel suo complesso, come emendata, con autorizzazione al coordinamento formale.

 

(Il Consiglio approva)

(È riportata in allegato)

 

Il provvedimento è approvato con autorizzazione al coordinamento formale, autorizzando il dipartimento bilancio ad apportare al testo di legge approvato tutte le modifiche necessarie conseguenti all’approvazione degli emendamenti.

Proposta di legge numero 303/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Legge di stabilità regionale 2018”

PRESIDENTE

Passiamo alla proposta di legge numero 303/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Legge di stabilità regionale 2018”. La parola al consigliere Aieta per l’illustrazione.

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

Con questo provvedimento oggi all’esame dell’Aula la Regione adotta la legge di stabilità regionale che, come previsto dall’articolo 36 del decreto legislativo 118 del 2011, contiene un quadro di riferimento finanziario per il periodo compreso nel bilancio di previsione. Essa contiene esclusivamente norme tese a realizzare effetti finanziari con decorrenza dal primo anno considerato nel bilancio di previsione. Questa legge di stabilità consta di 6 articoli nei quali vengono dettate disposizioni di carattere finanziario quali: finanziamento dei fondi speciali di parte corrente e di parte in conto capitale per l’approvazione di nuove leggi regionali; nuove autorizzazioni di spesa;  rifinanziamento di leggi regionali per il triennio 2018/2020. Nel testo del disegno di legge e relativi allegati, che sono le tabelle A) B) e C) sono elencate, nel dettaglio, le poste finanziarie. Si è espresso il Consiglio delle autonomie locali nella seduta dell’11 dicembre 2017 con la deliberazione numero 3 ed ha espresso parere favorevole. Alcune voci della legge di stabilità riguardano un contributo al quartiere di Arghillà, sito nel comune di Reggio Calabria, un contributo per il Forte Umbertino Siacci, un contributo al comune di Arena, un contributo al Planetarium di Reggio Calabria, un contributo all’Istituto Salesiano di Soverato, un contributo all’associazione donatori di sangue, un contributo al comune di Cassano, finalizzato a rendere completamente navigabile il canale degli Stombi a favore della portualità interna dei Laghi di Sibari e un contributo alla biblioteca istituita presso il Santuario di San Francesco di Paola per completare un lavoro già iniziato e inaugurato per la prima parte dal Presidente della Giunta regionale.

Ecco questo è in sintesi il provvedimento. Ovviamente hanno partecipato alla seduta della Commissione il professor Viscomi, il Collegio dei revisori dei conti, il dipartimento bilancio con il dottor De Cello e la dottoressa Bonaiuto.

PRESIDENTE

La parola al Vicepresidente della Giunta regionale.

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Intervengo soltanto per aggiungere due informazioni alla relazione puntuale del presidente Aieta: una che riguarda l’articolo 1, per sottolineare come il fondo per il finanziamento dei provvedimenti legislativi, che si prevede possano essere approvati nel 2018 e negli anni successivi, quest’anno è stato rideterminato in aumento ad un milione e seicentomila euro per il Fondo speciale destinato alle spese correnti, di cui 900 mila euro per il 2018, e un milione e duecentomila euro per il Fondo speciale destinato alle spese in conto capitale, di cui un milione di euro per l’esercizio finanziario 2018. Ripeto che si tratta delle risorse per il finanziamento dei provvedimenti legislativi che si prevede possano essere attuati. Poi, volevo semplicemente sottolineare l’articolo 2-bis laddove si prevede un’azione a favore del recupero e della donazione delle eccedenze alimentari, tema significativo su cui è intervenuto recentemente anche il Parlamento. Mi fa piacere ricordare che il capitolato di gara per il bar- ristorazione veloce della Cittadella, che è stato approvato un paio d’anni fa dai dipartimenti interessati, prevedeva, già allora, appunto, il recupero e la donazione delle eccedenze alimentari che dovessero residuare dalla predetta attività.

PRESIDENTE

Ci sono altri interventi? Ha chiesto di intervenire il consigliere Gallo. Ne ha facoltà.

GALLO Gianluca (Casa delle libertà)

Presidente, non abbiamo fatto interventi sugli altri punti all’ordine del giorno perché avevo compreso che ci fosse un tacito accordo generale per …

Sarebbe opportuno un unico dibattito su tutta questa materia, su tutti questi provvedimenti, anche per non ingolfare il dibattito all'interno del Consiglio e, come diceva il vicepresidente, che sta ben guidando l’assessorato al bilancio, il bilancio è un bilancio ingessato; lo conosciamo da anni, è un bilancio che non dà grandi prospettive, è un bilancio sul quale, però, in questi anni non si è inciso sufficientemente. Da alcune considerazioni che si leggono dagli allegati al bilancio ci si dice che in Calabria nel 2016 si sono registrati dei moderati aumenti del prodotto interno lordo (PIL) e dell'occupazione, una crescente attenzione rispetto alla gestione dei rifiuti urbani, delle Infrastrutture e dei servizi socio assistenziali. Nel 2016 il volume delle entrate totali accertate è stato pari a 5,87 miliardi di euro, in crescita solo del 1% rispetto a quello registrato l'anno precedente, con un volume degli impegni che, invece, nonostante questo tipo di azione condotta, è stato pari sempre 5,7 miliardi di euro ma con un aumento del 2,4% rispetto al 2015, benché ci si dice non ai livelli raggiunti nel 2014.

Ci si dice anche che è necessario un forte controllo delle aziende partecipate.

Leggendo nelle pieghe del bilancio, leggendo anche i numeri, per la fredda legge dei numeri, si evidenzia come nessuna novità reale ci possa essere e ci sia all'interno di questo bilancio di previsione. I revisori, a tal proposito, ci dicono e ci chiedono in primo luogo, perché leggendo la relazione dei revisori dei conti si evince questo testualmente, , “come anche già evidenziato in sede di verifica del presente bilancio preventivo, si ritiene che l'oggettiva richiesta di maggior qualità della relazione gestionale della Regione sia in termini di programmazione propria sia in termini di programmazione congiunta con gli enti al proprio territorio, anche in ordine agli obiettivi di finanza pubblica, implichi, necessariamente, risposte qualitativamente adeguate”. È un richiamo forte che fa il collegio dei revisori dei conti che raccomanda anche un piano di razionalizzazione delle società partecipate del quale si discute da anni e che non è presentato e non è agli atti di questo Consiglio. Rileva, ancora, il collegio dei revisori, che non è stato prodotto il dovuto bilancio preventivo economico consolidato del sistema sanitario regionale, in violazione a quanto previsto dall'articolo 32 del decreto legislativo 118/2011 ed in contrasto con quanto sollecitato da codesto Consiglio. Di nuovo, la lingua batte dove il dente duole, vale a dire si torna a discutere di quell'aspetto da black hole, quasi da buco nero, che è la questione della sanità calabrese, che ancora una volta vede il Governo regionale non presentare il bilancio economico consolidato. Sempre, come dicevo in precedenza, agli atti del bilancio, andando proprio alla fredda legge dei numeri, si registra, lo confermo, un dato spaventoso di mobilità passiva pari a trecentoventicinque milioni di euro. In tutto ciò ci sono 779 milioni di euro di risorse autonome e tutta una serie di considerazioni. Andando a spulciare tutta una serie di singole voci, ad esempio vi è una spesa per rette delle strutture socio-assistenziali per 28 milioni e mezzo di euro. Nei giorni passati ho avuto modo di sottolineare come attraverso il trasferimento di deleghe e di funzioni in questo settore dalla Regione ai Comuni, attraverso la revisione delle rette, mantenendo questa previsione di bilancio, si scarica di fatto sui Comuni il costo dei ricoveri in queste strutture, con una spesa di diciassette milioni di euro, e sulle famiglie, anche su quelle con reddito ISEE da zero a quattromila euro, per la somma di sette milioni di euro.  E’ questo un elemento per il quale chiediamo che ci sia una revisione, da parte della Giunta regionale, dell'impostazione sin qui data. Il Vicepresidente parla di contenzioso rilevante, risalente nel tempo, beh io che conosco anche come l’avvocatura regionale lavora, le difficoltà che incontra, propongo alla Giunta regionale di allargare la base dell'avvocatura ma di dare anche sostegno a questi professionisti che gestiscono un ruolo fondamentale all'interno della nostra Regione per il rilevante contenzioso, dando ad essi maggiore collaborazione, dando ad essi risorse umane maggiori e migliori, perché credo che sia necessario affrontare la questione del contenzioso e fare una lotta, anche, ai tantissimi sprechi. Ci sono, poi, delle singole voci che mi permetto di sottolineare e di portare all'attenzione dell'intero Consiglio, per esempio l’incentivazione dei flussi turistici, attraverso il volo aereo, nel 2018 due milioni e mezzo di euro, ma nel 2019, nel 2020 soltanto un milione e mezzo di euro, campanello di allarme rispetto all'ipotesi di questa incentivazione dei flussi turistici che, invece, sono fondamentali e necessari. Per le minoranze linguistiche centomila euro nel 2018, nessuna previsione per il 2019 e il 2020. Per i Cofidi agricoli centomila euro nel 2018 niente nel 2019 e nel 2020. Per un altro settore nevralgico, la neurogenetica di Lamezia, duecentomila euro nel 2018 soltanto centomila nel 2019 e centomila nel 2020. Bene l'aumento delle risorse da quarantanove a cinquantaquattro milioni di euro per gli lsu-lpu, questione che va affrontata in maniera definitiva in questa regione, naturalmente ereditata da questa Giunta regionale, ma che va affrontata bene. Male, Presidente, questa legge “mancia” alla quale faceva riferimento il consigliere Aieta, con questi contributi a pioggia. Mi permetta anche una considerazione di carattere strettamente localistico riguardo ai fondi per il comune di Cassano per la pulizia dello Stombi. Beh il comune di Cassano aveva fatto una richiesta molto più importante e molto più cospicua, vista l'esigenza, e lei ha sempre dichiarato di essere favorevole rispetto a questa soluzione e cioè di un finanziamento strutturale per affrontare non con fondi di spesa corrente, ma con fondi di investimento, quel problema che non è un problema del Comune di Cassano, di quel territorio, ma è un problema di tutta la Calabria, perché il porto dei laghi di Sibari, egregi colleghi, è il porto turistico più grande del Mediterraneo, con duemilacinquecento posti barca. Non credo si possa affrontare questa problematica soltanto attraverso le solite pezze che da anni vengono messe, perchè il problema credo vada affrontato in maniera strutturale, pertanto manifesto il voto contrario, mio personale, non so se anche in nome del collega, di tutto il gruppo, su questo punto all'ordine del giorno

PRESIDENTE

Ci sono altri interventi? No. Passiamo all'esame e alla votazione del provvedimento.

Articolo 1

(E’ approvato)

All’articolo 2 sono stati presentati alcuni emendamenti, il primo protocollo numero 52212, a firma del consigliere Aieta, prego consigliere, ha facoltà di illustrarlo.

AIETA Giuseppe (Partito Democratico)

Signor Presidente, si tratta di un emendamento alla legge di stabilità che garantisce lo svolgimento del progetto “sott'acqua insieme per vedere il mare” e che è concesso ad un'associazione sportiva, un gruppo subacqueo, che si occupa di garantire il diritto ai ragazzi non vedenti, ai ragazzi down, ai disabili in generale, di frequentare il mare, di inabissarsi nel mare per conoscere ciò che è il mare e la ricchezza che in mare è presente alle nostre latitudini. Grazie

PRESIDENTE

Parere della Giunta.

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Favorevole.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’emendamento, favorevoli, contrari, astenuti, l'emendamento è approvato. Passiamo all'emendamento protocollo numero 52236, a firma del consigliere Nicolò. Prego, consigliere Nicolò, può illustrare l’emendamento.

NICOLÒ Alessandro (Forza Italia)

Presidente si tratta di un emendamento rispetto ad una richiesta proveniente da un Comune della provincia di Reggio Calabria in merito al completamento di un impianto sportivo, sito in località Azzurria, per il quale è necessario un contributo di centomila euro, volto al completamento di una struttura che servirebbe per consentire a quella comunità di avere un riferimento per i tanti ragazzi che volessero svolgere attività e pratiche sportive. Sottopongo questo emendamento alla massima Assemblea legislativa, alla sensibilità dei consiglieri, visto che si parlava anche di contributi mirati. Non sono contributi ad associazioni, per carità, con tutta l'attenzione per chi fa associazionismo puro rispetto ad obiettivi strategici di qualità, ma sono emendamenti che provengono dai Comuni che si rivolgono alla Cittadella, non trovano ascolto dal Governo regionale e quindi ci rappresentano quelle che sono le esigenze e le necessità di tanti cittadini. Lo sottopongo all'esecutivo per le valutazioni di merito.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Contrario.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l'emendamento, chi è favorevole, chi è contrario, chi si astiene l'emendamento è respinto. Passiamo all'emendamento, protocollo numero 52229, a firma del consigliere D’Acri. Prego, consigliere, ha facoltà di illustrarlo.

D'ACRI Mauro (Oliverio Presidente)

Grazie, Presidente. L'emendamento viene un poco modificato. Allora all’emendamento al ddl numero 303 legge stabilità regionale 2018, all'articolo 2 del ddl, in argomento, è aggiunto il seguente comma 17: “al fine di garantire il cofinanziamento a carico del bilancio regionale degli interventi destinati al completamento degli invasi sperimentali e il regolare esercizio della diga di Tarsia, è autorizzata per l'esercizio finanziario 2018 la spesa di euro trecentocinquantamila con allocazione alla missione U901 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2018/2020. Alla relativa copertura si provvede con la contestuale riduzione delle risorse allocate alla missione U2003 dello stato di previsione della spesa di bilancio 2018-2020.” Questo emendamento si rende necessario perché c'è la diga di Tarsia che dal 1966 è ancora in esercizio sperimentale e più volte il Ministero dell'agricoltura ha sollecitato all'ufficio dighe di metterla in regolare esercizio altrimenti si rischia di chiudere. In effetti, nel mese di maggio, si era chiuso l’'esercizio e la diga si era abbassata e questo metteva in grave difficoltà l'irrigazione sulla pianura di Sibari, poi con il Ministero, con la Prefettura abbiamo reso possibile rinvasarla e c'era l'impegno, c'è qui un finanziamento del Ministero di un milione di euro e da parte nostra ci sono trecentocinquantamila euro per mettere a norma le paratoie. Grazie

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Favorevole.

PRESIDENTE

Se non ci sono altri interventi pongo in votazione l'emendamento, così come letto dal consigliere D'Acri, favorevoli, contrari, astenuti, l'emendamento è approvato. Passiamo all'emendamento protocollo numero 52237, a firma del consigliere Nicolò. Prego, consigliere, ha facoltà di illustrarlo.

NICOLÒ Alessandro (Forza Italia)

Presidente, sempre dal Comune di Gerace proviene una richiesta che riguarderebbe la costruzione dell'Acquedotto con serbatoi di raccolta per acque sorgive. Una richiesta di finanziamento di quattrocentomila euro con allocazione sul programma 09.06 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2018/2020. Un intervento strutturale di importanza significativa che sottopongo all'Aula per le valutazioni di merito.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Contrario.

PRESIDENTE

Pongo n votazione l’emendamento.

NICOLÒ Alessandro (Forza Italia)

Presidente, chiedo la votazione per appello nominale.

PRESIDENTE

Prego, Segretario questore, proceda alla chiama per la votazione per appello nominale.

NERI Giuseppe (Democratici Progressisti), segretario questore

Fa la chiama.

PRESIDENTE

Comunico l’esito della votazione: presenti e votanti 21; hanno risposto sì, 6 consiglieri, hanno risposto no, 15 consiglieri; pertanto l'emendamento è respinto. Passiamo all'emendamento protocollo numero 52238 a firma del consigliere Nicolò. Consigliere Nicolò, ha facoltà di illustrarlo.

NICOLÒ Alessandro (Forza Italia)

Presidente, si tratta di una richiesta di finanziamento di cinquantamila euro da parte del Comune di Portigliola per interventi di sistemazione e riqualificazione del tratto di strada provinciale 81 con allocazione al programma U10.05 dello stato di previsione della spesa del bilancio, è un emendamento che sottopongo alla sensibilità dell'Aula e dei consiglieri regionali della provincia del territorio reggino.

PRESIDENTE

Se non ci sono altri interventi, passiamo alla votazione, chi è favorevole, chi è contrario, chi si astiene, l'emendamento è respinto. Passiamo all'emendamento protocollo numero 52240, sempre a firma del consigliere Nicolò. Prego, ha facoltà di illustrarlo.

NICOLÒ Alessandro (Forza Italia)

Presidente, anche questo è un emendamento che interessa il Comune di Locri, partecipatomi da amministratori autorevoli di quella realtà, riguarda la realizzazione dell’arredo urbano del Corso. Un contributo di settantamila euro, non sono le quattrocentomila euro, comprendo bene, quattrocentomila euro è una somma cospicua, questa è irrisoria. Lo sottopongo all'attenzione e alla sensibilità dei colleghi consiglieri regionali dell'aria della città metropolitana. Ci sono le indicazioni da dove attingere i fondi, quindi, si tratta di settantamila euro per l'arredo urbano che non è solo immagine ma è anche, voglio dire, creare spazi per consentire alla collettività, alle comunità, di poter vivere il territorio. Sottopongo l'emendamento all'esame del Governo regionale

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Contrario.

PRESIDENTE

Chi vota a favore, chi è contrario, chi si astiene, l'emendamento è respinto. Passiamo all'emendamento protocollo numero 52241, a firma del consigliere Nicolò che ha facoltà di illustrarlo.

NICOLÒ Alessandro (Forza Italia)

E’ un'altra richiesta, proveniente da amministratori, rappresentanti istituzionali, del Comune di Stilo. Anche questa è una somma non ingente, riguarda un cofinanziamento di cinquantamila euro. Collega D'Agostino, capisco il bilancio ingessato, capisco le scelte della maggioranza, ma ritengo che una maggioranza attenta alle questioni del territorio dovrebbe essere sensibile ad alcuni aspetti, quelli afferenti ad interventi strutturali di manutenzione, funzionali. Peraltro, provengono da comparti della comunità perché, vedete, questo emendamento non è il frutto della volontà solo di amministratori ma è anche la richiesta di cittadini delle nostre comunità. Si tratta, anche qui, dell'arredo urbano, un argomento che ritengo e sento che, spesso, è tanto caro alla governance di centro-sinistra. Arredo urbano non significa solo immagine, non significa solo facciata, significa anche sostanza rispetto alla qualità della vita di un territorio. Anche da questa comunità, da autorevoli rappresentanti di questa comunità, alla quale poi ci rivolgiamo, alle quali ci rivolgiamo a chiedere il consenso, proviene una richiesta per un intervento strutturale che è di cinquantamila euro. Non chiedo la votazione per appello nominale, perché ritengo il mio appello alla sensibilità, almeno in questo, possa essere efficace, sottopongo l'emendamento al Governo regionale.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Contrario.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l'emendamento: favorevoli, chi è contrario, chi si astiene, l'emendamento è respinto. Passiamo all'emendamento protocollo numero 52242, sempre a firma del consigliere Nicolò. Prego, consigliere Nicolò.

NICOLÒ Alessandro (Forza Italia)

E’ un emendamento che viene sollecitato da esponenti istituzionali del Comune di Villa San Giovanni per spese di opere di urbanizzazione della strada via Lavolta, così si chiama. Qui si chiede un piccolo finanziamento, minimale, non sono spese ingenti e con una piccola variazione, assessore, si potrebbe trovare una giusta soluzione e rispondere a quelle che sono le esigenze del territorio, queste esigenze. Il collega Romeo, che si fa le risate, lo capisco, ma ride bene chi riderà ultimo, non è attento perché, se fosse stato attento, da capogruppo del Partito Democratico, avrebbe prestato attenzione, anche in Commissione, a quelle che sono le richieste che giungono dalle nostre comunità, le mie e le sue comunità, le nostre comunità. Stiamo parlando di Villa San Giovanni che conosciamo, premesso che siamo i consiglieri regionali di tutta la Calabria e dobbiamo essere sensibili per una questione afferente al principio di regionalizzazione, senza campanilismo, ma sono i problemi dei nostri territori che non possono essere sottovalutati. Ha ragione Guccione: di che parliamo, consigliere Battaglia? Di che parliamo? Di che cosa discutiamo? Allora anche qui viene formulata una richiesta esplicita di cinquantamila euro, anche qui avete difficoltà a reperire questi fondi per le esigenze delle comunità, non per l'associazione per la sagra della salsiccia, stiamo parlando di una richiesta di consiglieri comunali del Comune di Villa San Giovanni che sottopongo alla valutazione della Giunta regionale.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Contrario.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’emendamento, favorevoli, contrari, astenuti, l’emendamento è respinto. Passiamo all'emendamento protocollo numero 52243, sempre a firma del consigliere Nicolò.

Prego, consigliere Nicolò, ha facoltà di illustrarlo.

NICOLÒ Alessandro (Forza Italia)

Su qualche emendamento potrei sembrare recidivo, repetita iuvant, come dicevano i latini. E’ un argomento vecchio, assessore, perché i problemi sono insistenti e persistenti, non cambiano, sono i problemi dello scorso anno ovvero anche quelli che trattammo nell'esercizio finanziario di due anni fa e ho voluto semplificare i novanta emendamenti presentati lo scorso anno, prestando attenzione solo a quelli di primaria importanza, quelli che prevedono una spesa minimale, ma vedo che neppure in questo c'è una risposta. Mai viste queste cose! Mi appello alla memoria dei dirigenti e dei funzionari di questo Consiglio che hanno vissuto altre esperienze e che stimo e rispetto per la professionalità che ho avuto modo di riscontrare in questi anni, ma anche di qualche collega consigliere; con il collega Orsomarso, quando eravamo maggioranza, ci confrontavamo, anche in Aula sugli emendamenti per valutare eventuali variazioni, avevamo questa sensibilità che non si intravede, non si riscontra neppure minimamente da parte del Governo regionale. Sono cose inaudite per le mie esperienze maturate in quest'Aula, neppure con la Giunta Loiero questo avveniva, si dava la possibilità, all'Aula, di poter valutare interventi strutturali. Non sono interventi goliardici, tanto per usare un termine una terminologia inflazionata e che potrebbe calzare a pieno per certi interventi o per certi impegni di spesa, si tratta di un argomento che sottopongo all'Aula con l'auspicio, sicuramente sarà respinto, di riscontrare sensibilità e attenzione da parte del collega Romeo e di tutta la compagine dei consiglieri regionali della provincia di Reggio Calabria. Per alcune questioni valgono prima i principi e poi gli schieramenti. Qui ci sono prima gli schieramenti. Ricordatevi, due anni fa, per la questione dello stadio, riscontrai la sensibilità di Tallini e di Gentile e non dei colleghi della provincia di Reggio. Prima i principi e poi gli schieramenti su questioni Istituzionali che riguardano i servizi e, soprattutto, che riguardano la vivibilità dei nostri territori.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Contrario.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’emendamento, chi è favorevole, chi è contrario, chi si astiene, l'emendamento è respinto. Passiamo all'emendamento protocollo numero 52239, a firma del consigliere Nicolò. Prego, consigliere Nicolò, ha facoltà di illustrarlo.

NICOLÒ Alessandro (Forza Italia)

E’ sempre il comune di Villa San Giovanni. Mi rappresentavano alcuni esponenti istituzionali, rappresentanti di quella assemblea, che famiglie, numerose famiglie, formularono a loro una richiesta rispetto alla realizzazione di un area ludica. Sapete che i Comuni hanno bilanci sofferenti non hanno bilanci tali da poter rispondere a quelle che sono le necessità dei territori, allora rivolgono le loro richieste all’ Assise regionale, al Governo regionale. Anche per questo, il Comune di Villa, rappresentanti istituzionali di quella comunità, hanno formulato una richiesta relativa alla realizzazione di un’aria ludica. I ragazzi vorrebbero avere degli spazi e cosa fanno si rivolgono ai genitori, alla scuola e per quello che è possibile al Sindaco di quella comunità; in questo momento conosciamo la situazione villese, quindi ai consiglieri comunali i quali, consapevoli di una situazione economica molto fragile, hanno rappresentato, hanno chiesto di essere ascoltati presso la Giunta regionale, ma hanno potuto verificare il diniego di poter esporre quelle che sono le carenze e le criticità e le proposte. Quindi si recano a Palazzo Campanella per incontrare e discutere con il sottoscritto che recepisce questa istanza che proviene dal territorio. Ho spiegato le varie fasi tanto per essere chiaro e la rappresento all’ Aula, all'attenzione del Governo regionale con l'auspicio che possa essere accolta. Non si tratta di un finanziamento di cinquecentomila euro ma di un finanziamento di cinquantamila euro.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Complessivamente, la Giunta apprezza lo spirito e l'attenzione che il consigliere Nicolò riserva alle esigenze del territorio ma, oggettivamente, l'incidenza di queste risorse sul bilancio della Regione non sembra coerente, nel senso che la gran parte, secondo me tutte queste iniziative, possono trovare risorse adeguate su altri canali finanziari, altri flussi finanziari specificamente dedicati; mi riferisco, in modo particolare, ai fondi POR, ai fondi comunitari nelle loro varie definizioni. Quindi, ciò premesso, anche per questo, il giudizio è negativo.

NICOLÒ Alessandro (Forza Italia)

Chiedo di intervenire per dichiarazione di voto.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Nicolò, ne ha facoltà.

NICOLÒ Alessandro (Forza Italia)

Comprendo bene le spiegazioni tecniche, assessore, ma, nella legittimità, il dottor De Cello ci potrebbe chiarire: questi emendamenti sono allegati al documento contabile per cui, ritengo, che abbiano superato l'esame di legittimità.

PRESIDENTE

Favorevoli, chi è contrario, chi si astiene, l'emendamento è respinto. Passiamo all'emendamento protocollo 52252 a firma del consigliere Romeo. Prego, consigliere Romeo, ha facoltà di illustrarlo.

ROMEO Sebastiano (Partito Democratico)

E’ ritirato, Presidente.

PRESIDENTE

E’ ritirato.

 

Pongo in votazione l'articolo 2, come emendato.

(E’ approvato)

 

Articolo 2-bis.

(E’ approvato)

 

Dopo l'articolo 2-bis sono stati presentati degli emendamenti: uno, protocollo numero 52033, a firma del consigliere Sergio, non è in Aula, decade; l'altro, emendamento protocollo numero 52245, a firma del consigliere Giudiceandrea, manca in Aula, quindi decade. L'emendamento protocollo numero 52246, sempre a firma del consigliere Giudiceandrea, decade per assenza del proponente. Passiamo all’articolo 3. Sono stati presentati degli emendamenti: il protocollo numero 52046, a firma del consigliere Scalzo. Il consigliere Scalzo non è in Aula, decade l’emendamento. L'emendamento protocollo numero 52165, a firma del consigliere Greco. Prego, consigliere Greco, può illustrare l’emendamento.

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

Questo è un emendamento che si inquadra nell'organizzazione, nello sviluppo del turismo in Calabria e prevede un incremento di risorse destinate alla legge regionale riguardante gli interventi a sostegno degli Aeroclub calabresi.

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Questo è un emendamento che può essere approvato, nel senso che gli Aeroclub avevano rappresentato un punto di attenzione per l'amministrazione, ma in misura non superiore a quanto già previsto nel bilancio dell'anno scorso. Avevamo prodotto una riduzione, possiamo al massimo apportare una variazione in aumento fino all'importo previsto dal bilancio dell'anno scorso. Un incremento di ventimila euro. Non un incremento di settantamila euro ma di ventimila euro.

PRESIDENTE

Quindi la Giunta fa suo questo emendamento. Se lo ridice al microfono, vicepresidente Viscomi, per la registrazione.

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Allora l'emendamento viene approvato, ma non nella misura di ulteriori euro settantamila per gli anni 2018/2019 ma per ulteriori euro ventimila per gli anni 2018/2019.

PRESIDENTE

Favorevoli, chi è contrario, chi si astiene, l'emendamento è approvato. Emendamento protocollo numero 52235, a firma del consigliere Neri, che ha facoltà di illustrarlo.

NERI Giuseppe (Democratici Progressisti)

E’ ritirato, Presidente.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l'articolo 3, per come emendato.

 

(E’ approvato)

 

Articolo 4

(E’ approvato)

 

Articolo 5

(E’ approvato)

 

Prendiamo atto della relazione della Commissione speciale di vigilanza, del parere del Consiglio delle autonomie locali, del collegio dei revisori dei conti e passiamo alla votazione della legge nel suo complesso, con autorizzazione al coordinamento formale.

 

(Il Consiglio approva)

(E’ riportata in allegato)

 

Il dipartimento bilancio è autorizzato ad apportare, al testo di legge e ai relativi allegati approvati, tutte le modifiche necessarie, conseguenti all'approvazione degli emendamenti.

Proposta di legge numero 304/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: " Bilancio di previsione finanziario della Regione Calabria per gli anni 2018-2020. "

PRESIDENTE

Passiamo alla proposta di legge numero 304 di iniziativa della giunta regionale “Bilancio di previsione finanziario della Regione Calabria per gli anni 2018/2020”. Prego, consigliere Aieta, illustri il provvedimento.

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

Dunque, signor Presidente, il bilancio di previsione finanziario rappresenta il quadro delle risorse che la Regione prevede di acquisire ed impegnare, riferite ad un orizzonte temporale almeno triennale. Attraverso questo documento gli organi di Governo, nell'ambito dell'esercizio della propria funzione di indirizzo e di programmazione, definiscono la distribuzione delle risorse finanziarie tra i programmi e le attività che l'amministrazione deve realizzare.

Il bilancio di previsione finanziario è almeno triennale e le previsioni riguardanti il primo esercizio costituiscono il bilancio di previsione finanziario annuale. Come descritto nella relazione introduttiva ai provvedimenti, il bilancio di competenza della Regione per l'anno 2018, al netto delle partite di giro, dell'avanzo di amministrazione applicato e delle eventuali anticipazioni di cassa, ammonta complessivamente a circa sei miliardi di euro. Si tratta, però, in gran parte di risorse a destinazione vincolata; rientrano in tale area le risorse destinate al finanziamento del servizio sanitario regionale, che incidono per circa il 60 per cento ed equivalenti a tremiliardi e mezzo di euro, l’annualità 2018 del POR Calabria 2014-2020, del PAC 2014-2020 di seicentonovantasette milioni, pari all’11,6 per cento, le risorse del programma di azione e coesione 2014-2020, pari a trecentotrentasette milioni di euro, nonché ulteriori fondi di natura vincolata.

Le entrate libere da vincoli e da destinare a finalità autonomamente definite dalla Regione ammontano invece a circa settecentottanta milioni di euro, pari a circa il 13 per cento delle risorse attualmente iscritte in bilancio. E’ questo l'importo sul quale la Giunta e il Consiglio regionale possono operare delle scelte di carattere discrezionale, fermo rimanendo che, in ogni caso, gran parte di tale importo, quindi di settecentoottanta milioni di euro, è destinato a spese di carattere obbligatorio e cioè: personale, mutui contratti, accantonamenti, oppure utilizzato per far fronte alle emergenze sociali e occupazionali della Regione, quindi, difficilmente rimodulabile. Il Collegio dei revisori dei conti ha espresso parere favorevole al provvedimento con verbale numero 183 del 6 dicembre 2017, il Consiglio delle autonomie locali nella seduta del 11 dicembre 2017 ha espresso, con deliberazione numero 4, ai sensi dell'articolo 126 del regolamento interno del Consiglio regionale, parere favorevole

PRESIDENTE

C'è l'intervento della Giunta? Altri interventi ? Passiamo all'esame ed alla votazione del provvedimento.

Articolo 1

(E’ approvato)

 

Articolo 2

(E’ approvato)

 

Articolo 3

(E’ approvato)

 

Articolo 4

(E’ approvato)

 

Articolo 5

(E’ approvato)

Articolo 6

(E’ approvato)

 

Articolo 7

(E’ approvato)

 

Articolo 8

(E’ approvato)

 

Articolo 9

(E’ approvato)

 

Articolo 10

(E’ approvato)

 

Articolo 11

(E’ approvato)

 

Articolo 12

(E’ approvato)

 

Articolo 13

(E’ approvato)

 

Prendiamo atto della relazione della Commissione speciale di vigilanza, del parere del Consiglio delle autonomie locali e del Collegio dei revisori dei conti.

Pongo ai voti la proposta nel suo complesso, unitamente ai relativi allegati, con autorizzazione al coordinamento formale.

 

(Il Consiglio approva)

(E’ riportata in allegato)

 

Il dipartimento bilancio è autorizzato ad apportare al testo di legge approvato ed ai relativi allegati tutte le modifiche necessarie conseguenti alle modifiche apportate in sede di seconda Commissione, alle modifiche apportate in sede di approvazione in Aula, all'aggiornamento dei residui attivi passivi, all’interazione amministrativa, all'aggiornamento degli stanziamenti dei capitoli vincolati e delle economie vincolate derivanti dalla effettiva gestione del bilancio alla data odierna, all’allineamento dei dati di bilancio di previsione in questione con quelli del bilancio di previsione 2018/2020 del Consiglio regionale.

Informativa del Presidente della Regione sulla Sanità in Calabria

PRESIDENTE

Prego il Presidente della Giunta regionale di prendere la parola sul primo punto all'ordine del giorno, cioè l'informativa sulla sanità in Calabria. Prego, presidente Oliverio.

OLIVERIO Gerardo Mario, Presidente della Giunta regionale

Presidente, colleghi consiglieri, brevemente, perché le condizioni del sistema sanitario calabrese sono notoriamente gravi e sicuramente, per le discussioni ripetute che ci sono state in questo Consiglio regionale, il Consiglio regionale, i consiglieri ma anche, mi permetto di dire, i calabresi conoscono bene quella che è la gravità della situazione che caratterizza i servizi sanitari nella nostra regione. Noi, come è noto, abbiamo una condizione particolare, perché siamo sotto regime commissariale da 7 anni, una gestione che è stata chiesta nel 2010, all’allora Governo presieduto dall’onorevole Berlusconi, dal mio predecessore e che è nata con lo scopo di supplire alle inefficienze del Governo ordinario della sanità, cioè della Regione.

Già allora la situazione era caratterizzata da una condizione di indebitamento e di non efficienza dei servizi sanitari e dall'altra dalla presunzione, così la definisco, da parte di chi ha avanzato quella richiesta, del presidente Scopelliti, che attraverso la gestione commissariale, che in quella fase storica era in capo al Presidente della Regione, si potesse avere mani più libere, si potessero evitare lacci, lacciuoli, passaggi in organismi democratici come la Giunta ed il Consiglio, per assumere decisioni in senso più efficace, forte e celere. Almeno così, presumo, sia stata la vicenda, soprattutto presumo siano state le motivazioni che hanno indotto alla richiesta di quell’atto grave che appunto era il commissariamento.

A sette anni di distanza dobbiamo trarre un bilancio, siamo nell'obbligo morale, politico di trarre un bilancio e di farlo senza condizionamenti e, mi permetto di dire, strumentalità stagionali; le definisco stagionali perché a secondo, appunto, poi, delle collocazioni politiche vedo che si assumono toni, valutazioni, rispondenti, non già, ad una valutazione di merito, ma spesso a interessi e visioni particolaristiche. Ma prima ancora di fare questa valutazione, mi permetto di chiedere: il commissariamento che è nato per supplire all’inefficienza della Regione, al potere ordinario, quindi alla Regione - altrimenti perché un commissariamento e perché, soprattutto, un commissariamento in un servizio delicato, sensibile quale quello della sanità?! - è’ stato efficace? E’ stato rispondente, dal punto di vista proprio istituzionale, agli obiettivi di miglioramento dei servizi? A mio parere, assolutamente no! E non solo a mio parere, perché dobbiamo partire dai dati che devono guidare la valutazione in questa discussione e vi prego di attenerci ai dati. Abbiamo avuto, nel corso di questi di questi anni, un andamento schizofrenico del governo del Piano di rientro. Innanzitutto abbiamo avuto una impostazione che non è stata improntata, ispirata e volta alla riorganizzazione e riqualificazione dei servizi, perché il Piano di rientro e quindi il rientro dal debito che ha imposto, appunto, una fase straordinaria doveva essere per la Calabria una “occasione” di fare di necessità virtù, di fare in modo che i tagli imposti per rientrare fossero una opportunità per riorganizzare la riqualificazione dei servizi. Non è paradossale quello che sto dicendo, è quello che sto dicendo il filo che avrebbe dovuto essere, che avrebbe dovuto condurre l'azione, appunto, di Governo del Piano di rientro. Così non è stato e così non è stato perché si è proceduto a tagli lineari, per cui, in una determinata fase, abbiamo avuto rientro, sì, dal debito, non nella misura, appunto, necessaria, ma rientro dal debito o meglio tendenza al rientro dal debito e aggravamento della condizione dei servizi, perché si sono tagliati servizi in modo lineare sul territorio e non si è proceduto a riqualificare, appunto, i nodi fondamentali, le strutture fondamentali per garantire le prestazioni sanitarie. C'è stata una fase che è coincisa con il Presidente della Regione che, da una parte, bisogna dirlo, io dico le cose con oggettività, ha contribuito al rientro dal debito, dall'altra parte all'aggravamento delle condizioni della qualità dei servizi. Questa fase si è chiusa con il 2014, fine 2013, da quando sono subentrate pienamente figure esterne alla Regione, prima con i sub commissari che hanno supplito all'assenza di Scopelliti, parlo in modo chiaro, facendo riferimenti, per capirci e poi successivamente abbiamo avuto la fase della nomina di nuovi commissari, del nuovo commissario, del dottore Scura che è andata in continuità con la precedente. Non ne faccio un problema di personalismo, ne faccio un problema di carattere strutturale, sollevo un problema che va ben al di là e sbaglia chi continua a, come dire, fare caricature da questo punto di vista, cioè l’inadeguatezza della gestione commissariale relativamente al piano di rientro, è aggravata dalla condizione, appunto, di completa spoliazione della funzione della Regione nell'ultima fase, negli ultimi quattro, cinque anni. Aggravata, appunto, e i dati sono quelli che abbiamo sotto gli occhi tutti. Ho parlato di schizofrenia nell'andamento: avuta una prima fase di contenimento della spesa, con un aggravamento della qualità dei servizi, poi abbiamo avuto una impennata della spesa, poi abbiamo avuto, in alcuni casi, risposte che sono state frutto di aspri scontri e anche di confronti per quanto riguarda alcune questioni specifiche. Vorrei ricordare, per esempio, che c'erano, perché credo che valga la pena ricordarlo, alcuni servizi per i quali la Regione ha investito fior di quattrini, mi riferisco, per esempio, alla cardiochirurgia a Reggio Calabria. Quando sono arrivato, la cardiochirurgia era chiusa, malgrado fosse stata realizzata con un investimento deciso dal Consiglio Regionale nel 2007; questo Consiglio regionale decise con un capitolo di bilancio, in questa sede, destinato alla cardiologia nel 2007, con risorse spese, completata nel 2010, chiusa all’ inizio 2011, quando sono stato eletto Presidente della Regione. Mi ricordo che a gennaio ci sono stato, mi sono insediato a dicembre, a gennaio la Guardia di Finanza, a gennaio o febbraio, adesso non vorrei sbagliarmi, irruppe negli ospedali Riuniti di Reggio Calabria per andare a verificare quale fosse la situazione, cosa che presi immediatamente in mano e che, appunto, così, con grande determinazione fu portata a buon fine. C’ è stata pure la discussione qui dentro, si ricorda il consigliere Nicolò, alla luce di una iniziativa della Regione su una questione che era, appunto, evidente. Potrei farne tanti altri di esempi ma siamo in presenza, oggi, questo è il dato che mi interessa sottolineare, parlo di dati, di un bilancio che è assolutamente inadeguato e negativo. Parlo dei risultati del tavolo dei Ministeri vigilanti, parlo della riunione di verifica del venti di giugno di quest'anno. Nel corso della riunione di verifica dei Ministeri vigilanti, venti di giugno, il tavolo ha rilevato, appunto, la negatività di dati come quello della emigrazione della salute, poi ci ritorno con precisione dopo, e quelli dei LEA. Quindici giorni fa nella seconda verifica, quella di fine anno, il tavolo ha rilevato un trend ancora più grave. Per quanto riguarda la mobilità passiva, cioè l'emigrazione dei calabresi che ricorrono fuori Calabria per curare e tutelare la propria salute, per quanto riguarda i LEA, livelli essenziali di assistenza e anche per quando riguarda il deficit, sono tre dati che hanno una tendenza all’ aggravamento.

Primo dato, quello della emigrazione della Salute, la proiezione fatta dal tavolo, mi pare, intorno al venticinque di novembre. Il tavolo ha rilevato, nella proiezione al trentuno dicembre, una esposizione di oltre trecentomilioni di euro che la Regione è costretta a pagare per quanto riguarda la mobilità passiva, dato 2010 duecento milioni di euro, siamo, cioè, in presenza di un aumento di un terzo. Sette anni di commissariamento con il risultato di un aumento. Intollerabile, un terzo in più rispetto al 2010. Cento e oltre milioni di euro in più. Secondo dato, quello relativo ai Lea. I livelli essenziali di assistenza sono caratterizzati da un decremento. La media, come voi sapete, è di 160, la media nazionale dei LEA è di 160, noi avevamo nel corso del 2016 raggiunto 147, non è un dato eccellente dopo 6 anni, nella proiezione al 31 dicembre 2017 siamo a 129. C'è una forchetta ancora aperta, non è definita perché, praticamente, è una proiezione. Anche qui c'è praticamente una schizofrenia, ma sempre al di sotto, molto al di sotto di quella che è la media nazionale per dire che sono garantiti i livelli essenziali di assistenza.

Terzo elemento il debito. Anche qui un dato schizofrenico, siamo in presenza di una impennata del debito. Il ministro Lorenzin, poi ci ritorno su questo, ha ricordato che negli ultimi sei mesi c'è stato praticamente un incremento del debito di cento milioni di euro. L’ ho invitata ad andare a vedere, ad analizzare la componente di questa impennata, perché bisogna andare a capire, appunto, le ragioni per cui c'è stata un’impennata. C'è stata un'impennata perché, appunto, non la Regione, troppo comodo, ritornerò poi su questo, ma l'istituto del commissario ha proceduto a scelte che sono assolutamente discutibili sia pur, come dire, assolutamente da verificare sul piano della legittimità. Anche in altre occasioni c'è stata, ci sono state, assunzioni di decisioni, di DCA, di decreti commissariali, che sono stati impugnati dalla Regione e dai quali la Regione ha avuto, ne ha tratto, come dire, riconoscimento anche in sede di TAR. Chiaramente non è che stiamo parlando, adesso, di discussioni astratte e generiche perché, anche nel merito, ci sono state delle scelte compiute, ci sono stati contenziosi tra la Regione e l'Ufficio del commissario che hanno caratterizzato questa fase, che sono arrivati nei Tribunali e i Tribunali hanno prodotto pronunciamenti chiari ed inequivoci.

OLIVERIO Gerardo Mario, Presidente della Giunta regionale

Se così stanno le cose, credo che il Consiglio regionale non sia un problema del presidente Oliverio. Vorrei che questa cosa fosse chiara! Non è un problema di Oliverio.

Il Consiglio regionale, come ha fatto già un anno fa - perché non vedo cosa sia cambiato rispetto a un anno fa - alla valutazione che il Consiglio regionale ha fatto un anno fa, pronunziando un voto unanime circa la richiesta di superamento di questa gestione commissariale, credo debba assumere una iniziativa, libero da strumentalismi, caro consigliere Guccione, non depositerò mai le catene che ho annunciato. Le vere catene sono quelle che ancora permangono sulla Calabria e sui calabresi …le vere catene. E non c’è - come dire - sconto da fare a nessuno su questo terreno. Né si può dire che -ripeto un concetto che ho espresso in questa sede- si può dire che il mio è - come dire - un agire strumentale.

Anzi, avrei potuto benissimo star zitto per qualche altro mese, sto parlando e sto, credo, dando voce a quello che è un pensiero, un’esigenza e un sentire diffuso dei calabresi perché questa è la situazione. E’ la situazione e lo sto facendo anche assumendomi responsabilità.

Certo, so benissimo che sto assumendo responsabilità.

Non sono per nulla preoccupato, come qualcuno tende, un giorno sì e l’altro pure, a rappresentare: Oliverio isolato, Oliverio scaricato, Oliverio… Non mi interessa questo. A me interessa, appunto, porre al centro quelli che sono i bisogni reali di questa regione e dei nostri concittadini. Credo dovrebbe essere interesse comune questo, al di là delle magliette e delle appartenenze. Come ho avuto modo di dire se fossi guidato da un interesse di appartenenza non mi sarei permesso in questo momento di disturbare Roma o disturbare il manovratore, per capirci.

La dico in modo chiaro, in modo che ci comprendiamo. Sto parlando, sto esprimendo quello che sento e che credo sia il sentire diffuso dei calabresi.

Né può valere - lo dico al consigliere Gallo - perché conosco benissimo la meschineria di caricare sulla Regione. Io parlo il linguaggio della oggettività! Oggettività! Questa è una vicenda che viene dal 2010 e lei è stato pure qui in questo Consiglio regionale dal 2010 al 2015 e l’ha vissuta anche direttamente perché nel 2010-2015 non è che sia stata una stagione diversa da quella che sto denunciando! C’è stato un primo tempo, anzi, un tempo e mezzo dei due tempi della pagina ingloriosa della vita di questa Regione, determinata da scelte che sono state sciagurate. Lo ripeto qui, l’ho detto l’altra volta, l’ho detto e lo ripeto qui.

Credo che sia venuto il momento di chiudere con questa stagione. E chiudere con questa stagione che significa? Significa mettere la Calabria nelle condizioni di uscire da questo pantano. L’altro giorno in Calabria è venuta la ministra Lorenzin e devo dire che la Lorenzin - riascolti, riapra il nastro dell’intervento registrato della Lorenzin - non ha negato questa situazione. Si riascolti la Lorenzin! Alzi il dito chi non l’ha sentita e chi non ce l’ha che vi mando la registrazione a casa, naturalmente per dopo le feste di Natale, perché non voglio disturbarvi le festività di Natale. La Lorenzin non ha negato questa preoccupazione. Anzi, l’ha confermata questa preoccupazione. E vi aggiungo di più: la Lorenzin ha detto “Guardate, due Regioni, il Piemonte ed il Lazio, sono sulla via dell’uscita, della fuori uscita dal Piano di rientro”. Bene.

FERRO Wanda (Gruppo Misto)

Lazio e Campania

OLIVERIO Gerardo Mario, Presidente della Giunta regionale

Lazio e Piemonte.

(Interruzioni)

No, no, no. Lazio e Piemonte. La Campania è in pieno Piano di rientro, gestita da sei mesi dal presidente-commissario De Luca.

Ha fatto riferimento al Piemonte ed al Lazio ed è così. La ministra Lorenzin ha dimenticato di aggiungere - e glielo ricordo io, integro il suo intervento - che il Lazio, è partito come la Calabria, in una condizione molto più grave rispetto alla Calabria dal punto di vista del rapporto debito carico pro-capite ai cittadini. Vorrei ricordarvi, tra parentesi, che nel 2009 fu deciso il Piano di rientro sulla base di alcuni presupposti; il consigliere Guccione se lo ricorderà e pure voi ve lo ricorderete perché non eravate, credo, su Marte!

Nel 2009 fu deciso il Piano di rientro e il presidente Loiero andò a contrattare col Governo, prima che si decidesse il commissariamento, che il Piano di rientro non costituisse fattore di commissariamento della Regione.

E così fu fino al 2010, fino a dopo le elezioni regionali del 2010, ma il Piano di rientro scaturì da un’emersione o da una rappresentazione di emersione del debito che era - si diceva allora - oltre due miliardi e perché al presidente Loiero qualche consulente - che oggi vedo, scrive e fa il santone ed il giudicatore, appunto, sulle pagine dei giornali - gli aveva consigliato o gli aveva descritto quella situazione. C’erano consulenti che al presidente Loiero diedero quella rappresentazione. Guarda caso, dopo un anno, anzi, meno di un anno, dopo le elezioni,agosto, settembre, quel debito si ridusse a 800 milioni di euro. La rappresentazione di quel debito era 800 milioni di euro ma in Lazio il debito era intorno ai 10 miliardi di euro! Ai 10 miliardi di euro! E il rapporto pro-capite con la popolazione del Lazio, che certamente è una regione più grande e popolosa della Calabria, era largamente superiore a quello della Calabria.

Ora si esce, si va verso il superamento del Piano di rientro in Lazio e anche in Piemonte, con quasi gli stessi rapporti, la stessa dimensione. Ma la ministra Lorenzin si è dimenticata di dire, le è sfuggito - e glielo ricordo io - che nel Lazio e nel Piemonte chi ha gestito il Piano di rientro sono due persone che si chiamano Zingaretti e Chiamparino, cioè i Presidenti di quelle Regioni, per capirci, che sicuramente negli ultimi tre anni - perché questo è il dato - hanno impresso una accelerazione notevole per la fuoriuscita dal Piano di rientro.

Ci sarà o non ci sarà un problema se quelle due Regioni sono sulla via dell’uscita dal Piano di rientro e in Calabria, invece, siamo “inchiodati alla schizofrenia”, appunto, dei dati sempre, comunque, negativi e al di sotto, per quanto riguarda i LEA, della media nazionale.

C’è, quindi, un problema, c’è un problema di opposto. L’ho posto in modo chiaro alla ministra Lorenzin quando mi è stato chiesto di andare a Roma, mi è stato fissato un incontro; ci sono andato a Roma e ho esposto in modo chiaro quella che è la situazione.

La Lorenzin, che ha confermato la preoccupazione quando successivamente è venuta in Calabria, ha avuto modo di ribadire anche le sue preoccupazioni e di dire, a conclusione di quell’incontro, che avrebbe definito, anzi, istruito, un dossier da consegnare al Ministro dell’economia - perché sapete che i Ministeri vigilanti sono la salute e l’economia - ed al Presidente del Consiglio regionale affinché si informasse il Consiglio dei Ministri e, quindi, alla luce delle decisioni che avrebbe assunto il Consiglio dei Ministri, appunto, mi sarebbe stata trasferita l’informazione.

Ribadisco qui le ragioni di una iniziativa forte che ho assunto e che, naturalmente, non è stata una barzelletta. E non è una barzelletta perché non è mio costume ingannare chi mi ha dato la fiducia e perché ritengo che la situazione sia così grave da richiedere e meritare un’iniziativa determinata e conseguente.

Sono in attesa che questa informativa arrivi al Consiglio dei Ministri, che il Consiglio dei Ministri si determini. Naturalmente valuterò sulla base delle determinazioni del Consiglio dei Ministri le iniziative di assumere.

Mi auguro - e lo dico con sofferenza questo, lo ripeto ancora una volta qui - che non si sottovaluti la gravità della situazione calabrese perché una parte del Paese, una regione con i suoi abitanti sia messa nelle condizioni di avere gli stessi diritti dei cittadini delle altre Regioni d’Italia.

I calabresi hanno il diritto di avere gli stessi diritti dei cittadini della Lombardia, del Veneto, dell’Emilia Romagna, della Toscana, eccetera, eccetera… Quindi l’informativa che sto presentando al Consiglio regionale è scontata per voi, dovrebbe essere scontata per voi!

Capisco che c’è esigenza di dibattito politico e anzi ritengo che il dibattito politico possa essere salutare se effettivamente è volto, in questo caso, almeno per quanto riguarda la sanità, a porre al centro l’interesse comune a liberarsi da tentazioni strumentali, da atteggiamenti tesi a fare prevalere, appunto, pregiudizi, risentimenti o altri sentimenti negativi.

E il fatto che si possa - mi rivolgo soprattutto alle forze della opposizione, della minoranza - in una problematica come questa liberarsi da pregiudizi, da strumentalismi, da atteggiamenti, appunto, negativi, me lo consente il fatto che il Presidente alla Regione non esita a fare un discorso chiaro, forte, aspro e anche controcorrente, senza guardare a filiere e ad appartenenze.

Se fossi stato e fossi ancora animato da altro avrei dovuto assumere altro atteggiamento ma credo che prima di tutto, in modo particolare per quanto riguarda i problemi della salute dei cittadini, i problemi della sanità, devono esserci i calabresi che sono da noi amministrati e che in fondo siamo noi stessi.

Prima di tutto noi stessi, perché non è più accettabile che si possa continuare in una spirale perversa per cui anche per “patologie ordinarie” si ricorre ad andare fuori dalla Calabria. C’è una tale caduta di fiducia nel sistema per cui per patologie che potrebbero avere garanzia di cura anche nella nostra regione c’è - quando lo si può programmare - il viaggio fuori dalla Calabria.

Mi auguro che ci possa essere ascolto e determinazione convergenti in questo senso, perché credo che se riusciamo a far pesare unitariamente in questa battaglia quella che è la volontà del Consiglio regionale avremo modo di segnare sicuramente un punto a favore della nostra terra, di invertire realmente il trend. E il trend va invertito! Il trend va invertito!

Credo che per invertire il trend dobbiamo essere messi nelle condizioni di poterlo fare e perché ciò avvenga credo che la Calabria possa avere, possa agire e possa lavorare con l’opportunità di realizzare, di definire obiettivi, traguardi che non è impossibile realizzare, che possono essere definiti attraverso un confronto ampio e, soprattutto, possono essere realizzati attraverso uno sforzo unitario. Non sta scritto da nessuna parte che quello che si è potuto realizzare, in termini di servizi, di qualità dei servizi in altre realtà del Paese non si possa realizzare in Calabria.

Abbiamo avuto negli anni del commissariamento il blocco del turn over con oltre 4000 dipendenti della sanità, gran parte medici, paramedici, che sono stati espulsi dal sistema sanitario.

Vi ricordate nel mese di giugno, di luglio, la litigiosità all’interno della struttura commissariale aveva determinato la paralisi delle procedure di assunzione, che ancora tardano ad affermarsi proprio per questa ragione. Né si può continuare - e chiudo perché non voglio sottacere nemmeno questo aspetto - come dire, con il ping- pong dello “scaricabarile”.

Il commissario si vada a leggere il decreto di nomina commissariale, l’ultimo, ma anche quelli precedenti.

Il commissario è incaricato di realizzare 16 punti nel decreto di nomina. Andateveli a rileggere uno a uno e vi renderete conto che quei 16 punti costituiscono la pienezza di sostituzione nei poteri ordinari della Regione. Così come per quanto riguarda i direttori generali.

Non abbiamo nulla da tutelare e da difendere. Sia chiaro questo! Laddove ci sono o ci dovessero essere responsabilità non esiteremmo e non esiteremo, appunto, ad assumere i provvedimenti conseguenti.

Si tenga conto, però, della leva del Governo. La sanità è riconducibile al commissario in modo non solo propositivo, di costruzione, delle scelte attraverso i DCA, di definizione delle scelte, attraverso la programmazione, la rete territoriale, la rete ospedaliera, eccetera, eccetera…. Perché altrimenti che senso avrebbe? Quale sarebbe la ragione per avere l’istituto del commissario a supplenza dei poteri ordinari?

Credo che dobbiamo sviluppare un confronto pacato, sereno, ma determinato, senza sconti a nessuno.

Per quanto mi riguarda mi auguro che arrivino segnali da parte del Governo e risposte concrete, nella direzione della disponibilità a consentirci un cambio di trend per costruire servizi sanitari qualificati nella nostra regione e dalle risultanze di queste determinazioni, conseguentemente, assumeremo le azioni necessarie. Ho annunciato con sofferenza atti forti -non già per la voglia di protagonismo- che se non verranno risposte ci saranno e saranno messi in campo. Grazie.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire la consigliera Ferro. Ne ha facoltà.

FERRO Wanda (Gruppo Misto)

Grazie, presidente Ciconte. Grazie a questa opportunità tanto cercata, tanto voluta credo da tutti quanti noi, rispetto ad un dibattito dove il Consiglio regionale più volte ha ribadito di voler essere protagonista. Parliamo di sanità, parliamo ovviamente di non voler essere una colonia.

Più volte abbiamo testimoniato e lanciato al Presidente la volontà, qualora il progetto sia il progetto condiviso di una Regione, ahimè, sotto la scure del Piano di rientro, di essere parte attiva di questa sua protesta e che, aldilà ovviamente di quello che abbiamo -non ho strumentalizzato ma sottolineato più volte - deve vedere una Calabria che possa in qualche modo garantire, come tante altre Regioni italiane, un sistema sanitario all’avanguardia, un sistema sanitario dove la politica in qualche modo non metta nessuna “opa” sui frutti e soprattutto sulla salute dei cittadini.

Ed è altresì vero che non ci va di essere una colonia.

Credo che la scelta del commissariamento sia comunque una scelta dolorosa e che le notizie degli ultimi giorni non ci lasciano ben sperare. Sappiamo perfettamente che questa Regione non potrà uscire a breve dal Piano di rientro.

E a me dispiace con grande franchezza oggi in quest’Aula autorevole e che ringrazio.

Non sono intervenuta prima, quando il presidente Mirabello ha presentato quell’emendamento sull’Azienda unica regionale, che non ho condiviso nei tempi e soprattutto per i passaggi doverosi, ma che ho condiviso, presidente Mirabello, perché significa voler smuovere le acque rispetto a tante pratiche ferme. Parliamo di una pratica, se ho capito bene, del 2015 che dovrà avere l’attenzione ovviamente di tutto il Consiglio regionale.

Ne approfitto, quindi, per dire questo: mi dispiace fortemente oggi che in questo autorevole Consiglio regionale manchi una forza politica importante che è AP (Alleanza Popolare) nelle sue varie espressioni, vicepresidente Gentile, il collega Esposito, il collega Arruzzolo. E lo dico sinceramente.

Chi mi conosce sa perfettamente che conosco le regole del galateo politico rispetto a questa Ministra della sanità. La chiamo Ministra proprio per sottolineare una donna che ha una delega importante, che ricordo già essere scesa durante la campagna, se non ricordo male, delle regionali, girare i presidi ospedalieri e parlare dello sblocco del turnover.

La Ministra ci parla di pesce. Spesso siamo vegetariani, quindi, sinceramente non capiamo cosa lanci rispetto, comunque, al grido del Governatore della Calabria. E mi faceva piacere oggi capire quale fosse la posizione di AP (Alleanza Popolare) in Calabria.

Abbiamo avuto pochi giorni fa l’onore e il privilegio di avere nuovamente in un territorio calabrese -credo Rossano- la ministra Lorenzin che, intanto, c’ha chiarito che il commissariamento continuerà. Altrimenti devo pensare che anche la stampa subisca delle visioni, ma abbiamo una stampa molto attenta alle dichiarazioni della Lorenzin e sono state chiare. Non ci ha convinto neanche nel momento in cui il presidente Oliverio è andato a Roma con il suo grido d’allarme, perché alla fine ritornare a questo Tavolo -e credo che siano passati già una decina di giorni dal Consiglio dei Ministri- deputato a dibattere di questo, in fondo ci sembra un po’ quella soluzione una “botta al carro e una ai buoi”.

La responsabilità del commissario Scura sicuramente è sotto gli occhi di tutti e avremmo gradito ascoltarlo come Consiglio regionale. Credo che non sia lesa maestà chiedere ai direttori generali, al commissario Scura, ai rappresentanti dell’Università di poter ascoltare e contribuire a questo dibattito.

La cosa che ci sconcerta di più è che i dati vengano puntualmente cambiati ogni giorno. Dati prima allarmanti, comunque, anche ad oggi allarmanti, ma ci chiediamo se chi gestisce questi numeri, che sono dati sensibili, importantissimi, li possa fare con questa superficialità.

Presidente Oliverio, riconoscendo oggi nel suo intervento, ovviamente, anche la volontà di rendere protagonista questo Consiglio regionale in tutte le sue espressioni per essere anche più forti, vorremmo capire dalla ministra Lorenzin, nel momento in cui intende sottolineare che il commissariamento proseguirà e sapendo che il contratto del commissario Scura finisce a marzo del 2018, e comprendere se il commissario sarà il Governatore, per non lasciare una dichiarazione che nessuno riesce ad interpretare nella sua esattezza.

Dobbiamo avere però anche la chiarezza di dire se le responsabilità sono del commissario Scura e le abbiamo già condivise per molti percorsi, per tutto quello che è avvenuto a Catanzaro, a Crotone, a Reggio Calabria e che quotidianamente viviamo sui territori, non ultimo avere un direttore, tre direttori generali da commissario, da quando è presente ad interim, avendo fatto un bando per 26 super esperti; il bando poi viene riaperto perché 26 super esperti pare siano pochi, ma ad oggi ancora non c’è una figura stabile. Ringrazio l’onestà intellettuale del presidente Oliverio che oggi ci ha dato garanzia che se i vari direttori delle varie Aziende ospedaliere o comunque delle Aziende sanitarie non hanno lavorato, presentato i bilanci e dimostrato una decrescita dei vari indebitamenti se ne debbano tornare a casa. , Credo che già la normativa regionale lo preveda. E qualche forzatura è stata fatta. Penso a Crotone, dove ovviamente ricordiamo che i commissariamenti sono stati prorogati magari per fare acquisire anche i titoli a persone scelte dal direttore e dal dirigente del personale, dove il debito da 8 milioni - e rappresenta un quarto del debito calabrese quello della città di Crotone - è salito a 25 milioni. E sapere che la ministra Lorenzin dichiara che i direttori non hanno presentato i bilanci è una cosa che sinceramente riteniamo non debba essere fatta. Credo sia una parte di quel mondo dove la politica, secondo me, dovrebbe veramente premiare il migliore. Sapete che i commissari non hanno obiettivi da raggiungere ma i direttori generali, quindi i commissari che sono stati trasformati in direttori generali, nel loro contratto dovrebbero avere l’allegato che al mancato raggiungimento degli obiettivi se ne tornano da dove sono venuti. Questo sinceramente non è stato utilizzato come parametro.

Aggiungiamo che si parla di sblocco del turnover ma il Ministero dice che le varie direzioni hanno utilizzato male i fondi per quanto riguarda l’investimento del personale e delle strumentazioni. Penso alla camera iperbarica di Palmi -qua credo ci siano molti reggini- che è uno di quei reparti di eccellenza. Ne abbiamo tanti, al di là di quello che dice qualche sindaca del Veneto che farebbe bene a guardare con maggiore rispetto la nostra classe di medici, perché sono medici che lavorano in strutture disagiate, e dovrebbe ricordare che i più grandi professionisti che hanno sono tutti meridionali. Quando dalla camera iperbarica, di cui si servono pazienti provenienti dalla Campania, dalla Basilicata, dalla Puglia, togliamo personale per metterlo in reparti dove questo personale non serve, allora mi viene da pensare che qualcuno sta difendendo qualche baronia e a questo non ci stiamo.

Presidente Oliverio, io sarò la prima, qualora le dovesse far piacere, a protestare in modo eclatante, perché ovviamente non siamo sudditi di nessuno ma pretendiamo la chiarezza di chi ad oggi è stato nominato e doveva portare dei risultati che non ha portato. Questo equivale al commissario Scura ma equivale ai direttori sanitari. Penso alla città di Catanzaro, penso che è stata fortemente bocciata, penso che tranne Reggio Calabria e Cosenza, i dati delle altre sono veramente sconfortanti. Abbiamo parlato della Campania. In Campania - ci spiega la ministra Lorenzin, che nomina il governatore De Luca - i Lea - livelli essenziali di assistenza - hanno fatto un percorso di rientro sui parametri fiscali, cosa che - ahimè - la Calabria non ha. Abbiamo visto uscire il Lazio e, come diceva il presidente Oliverio, sono stati due governatori in qualche modo ad avviare questa procedura. E allora mi chiedo, per esempio, quella cardiochirurgia, i famosi 20 milioni all’epoca del governo Loiero per la cardiochirurgia di Reggio Calabria…

Abbiamo un’altra realtà come il Sant’Anna Hospital di Catanzaro che, comunque, in questi ultimi anni, ha registrato migrazione sanitaria perché il parametro sui Lea, stabilito dal Ministero, non guarda al pagamento di migrazione sanitaria. Abbiamo visto le RSA protestare rispetto a tanti problemi che leggiamo quotidianamente e la cosa che ci lascia sinceramente un po’ con grande sconcerto è il silenzio assoluto sull’ospedale di Locri, dove, nel momento in cui va una forza politica che fa parte anche del nostro Governo regionale, alla fine arrivano gli ispettori. Allora la chiarezza: veniamo tutti dalla stessa parte o stiamo remando - Presidente, non mi rivolgo a lei, che sia chiaro - ad avere un Ministro che puntualmente prima delle competizioni elettorali scende in Calabria? A questo sinceramente non ci stiamo e avremmo gradito altro. E lo dico con chiarezza, anche rispetto a quello che riporta un documento uguaglianza, lavoro, inclusione,che credo sia uscito anche sulla stampa: parla di una Regione canaglia, parla di tanta clientela e, soprattutto, di un sistema sanitario quasi al collasso. Al collasso, perché leggiamo che per una radiografia c’è l’esigenza di aspettare 6 mesi, perché leggiamo quotidianamente di persone che stanno giorni interi nei pronto soccorso sulle barelle, perché abbiamo voluto e, in qualche modo, non rivendicato, secondo me sul Tavolo romano, quella che dovrebbe essere la politica non di un’industria, la prima industria della Calabria, che è la sanità, ma di quella industria che, in qualche modo, dovrebbe garantire ai nostri cittadini un vivere migliore e il potersi curare.

Presidente, non so qual è il suo programma, il suo progetto. Auspico, ovviamente, che non ci sia gente che parla di salute soltanto perché ha un Ministro che risponde. Vorrei che per una volta ci fosse una Calabria che consentisse alle donne che si curano di cancro, come avviene in tante Regioni italiane, di poter comprare la parrucca a seguito della chemioterapia, di poterla avere dal sistema sanitario, in base, ovviamente, al reddito della persona. Vorrei una Calabria dove non ci sia, devo dire, l’impossibilità di avere il primario di pronto soccorso all’Ospedale di Locri quando basterebbe mettere un interim.

Vorrei una Calabria di ospedali dove si possa realizzare qualcosa e dove tutti coloro che oggi, in qualche modo, ricoprono una carica possano fare qualcosa. L’unica cosa: mi aspettavo sinceramente una reazione diversa da parte del commissario Scura, che ancora non ha capito di essere un tecnico. Chi nasce tecnico non può fare il politico. E ho letto un editto - credo 3 giorni fa -, era una lettera ai calabresi e alle calabresi. Avremmo gradito che il commissario Scura oggi fosse qua a dirci realmente qual è la testata che ci da i numeri giusti, quali sono i dati, dove è stato sbloccato il turnover, dove sono state tolte le risorse, dove verranno aggiunte.

Allora personalmente dico che un Piano di rientro è sempre un fatto doloroso ma che ha visto spesso l’incapacità della politica di non accettarlo. E allora, Presidente, saremo al fianco, saremo al fianco di quello che tutti quanti ci siamo detti, però con un chiarimento: che chi ha sbagliato fino ad oggi debba tornarsene a casa. Questo lo dico con grande chiarezza, lo dico con la fermezza, insomma, di chi ritiene di aver scelto di vivere in questa terra e mi pare che tanti brillanti nominati dovrebbero già essere a casa perché lo prevede la normativa regionale. Ripartiremo dalle migliori capacità, dalle migliori professionalità, assumendoci tutti quanti le responsabilità ma, soprattutto, quella responsabilità che forse la politica deve riacquisire per poter riavere anche da parte della gente il rispetto.

Chiudo dicendo che non so cosa succederà rispetto alla tassazione. I calabresi pagano la più alta tassazione con i minori servizi e questo non ce lo possiamo consentire. Auguriamo, ovviamente, al commissario Scura e a noi stessi di poterlo incontrare, altrimenti si parla su Tavoli diversi e si dicono cose diverse. Siamo per l’integrazione con l’Università: oggi il Mater Domini è una delle Aziende ospedaliere che ha il debito più alto in Calabria. Vogliamo capire l’integrazione tra l’Università ed il presidio ospedaliero.

Noi vorremmo capire: ci può essere un polo materno infantile, ci può essere, senza doppioni, la possibilità di avere quei servizi che sono da Terzo Millennio? Allora le devo dire, che non è stata una strumentalizzazione e che spesso è sembrato anche, Presidente, un “gioco delle parti”. L’altra volta, poi, ha voluto precisare, credo in un’intervista televisiva, che la sua protesta non era strumentale, proprio perché la nomina del commissario Scura proviene dallo stesso partito, dal PD, e quindi che, ovviamente, era una battaglia che lei faceva veramente per cambiare le cose. Però le chiedo, proprio per avere la fiducia di tutti quanti noi, il nostro sostegno in qualche modo, da domani di poter mandare a casa le persone che però dipendono dal dipartimento regionale.

Questo credo che per noi possa essere il primo passo per fare una battaglia comune fuori dalle gabbie ideologiche, fuori dalle colorazioni, senza bandiere. Con l’unica bandiera - come diceva qualcuno - saliamo sulla montagna più alta, che è l’Everest, e abbiamo un unico obiettivo: quello di piantare un’unica bandiera, che sia la bandiera dei calabresi che fino ad oggi hanno visto negato il diritto alla salute e alle cure. Grazie.

PRESIDENTE

Grazie, consigliera Ferro. Ha chiesto di intervenire il consigliere Guccione. Ne ha facoltà.

GUCCIONE Carlo (Partito Democratico)

Credo che la seduta di oggi debba rappresentare un punto di svolta rispetto a una questione che rischia di portarci in un vicolo cieco. I commissariamenti in Calabria sono serviti a drenare risorse dei calabresi verso altre parti del territorio italiano. Nessuno di noi può dimenticare che un lungo commissariamento, per quanto riguarda la depurazione e i rifiuti, dove sono stati spesi circa un miliardo e ottocento milioni di euro, non ha portato alla soluzione del problema, stante le emergenze che ancora registriamo sia sulla depurazione sia sui rifiuti.

Quindi, non esiste un dibattito che qualcuno ci vuole costringere a fare: commissariamento sì, commissariamento no. Non esiste perché dobbiamo essere messi nelle condizioni di riappropriarci dei poteri che la Costituzione ha dato alla Regione e, quindi, alla gestione - vorrei ricordare a tutti quanti voi - del settore sanità, che impegna il 64,5 per cento del bilancio regionale. Da 7 anni siamo costretti a gestire solo il 35 per cento del bilancio regionale. Che il commissariamento non risolva i problemi, come non l’abbia fatto nella depurazione, non l’abbia fatto nei rifiuti, e stia accanendo anche nella sanità è sotto gli occhi di tutti! Tre miliardi 500 milioni di euro. Questo, più o meno, quello che ci dà lo Stato per gestire la sanità calabrese ogni anno. Per 7 anni sono stati gestiti direttamente dai commissari che si sono succeduti.

I dati sono ufficiali, ci dipingono una sanità in cui il rischio di morire in questa regione è molto alto.

Siamo la prima regione per morti che si possono evitare: 89 mila casi.

Le ultime statistiche uscite sui giornali ci dicono e ci collocano in questa posizione. Prima noi e poi la Campania e non a caso sono tutte e due Regioni commissariate.

Poi bisogna dire un’altra cosa: non farò la descrizione della situazione sanitaria. E’ sotto gli occhi di tutti!

Nella trascorsa legislatura sono passato per quello che andava a fare i blitz di notte, a qualunque orario, in qualunque giorno, negli ospedali. E so qual è la situazione, che è peggiorata rispetto a qualche anno fa, però so una cosa, e nessuno lo dice: è tollerabile che la spesa pro-capite nazionale sia molto più alta di quella della spesa pro-capite calabrese!? Ci sono circa 300 euro di differenza, cioè si spende di meno in Calabria, si spende di più in Trentino Alto Adige. Parliamo di 300 euro pro-capite! Moltiplicate per 1 milione e 900 mila e vedete quante risorse non ci toccano.

Ma la vogliamo porre questa questione? Vogliamo dire che siamo la regione con il più alto indice di mortalità infantile?

La Calabria ha il più alto indice di mortalità infantile.

Allora qui si pone un problema: per uscire dal Piano di rientro c’è una legge. La legge parla di due bilanci consecutivi a pareggio e i LEA sopra 145. Vogliamo costruire questa ipotesi? Il Presidente ha annunciato un’azione, non la voglio ridicolizzare - me ne guarderei bene - quella di andarsi ad incatenare a Palazzo Chigi. La ritengo un’azione che ha voluto mettere sotto i riflettori la vicenda della sanità.

Bene, però, non possiamo non scontare una contraddizione, perché un giorno questo Governo nazionale viene considerato amico e un altro giorno viene considerato degno di andarsi a incatenare a Palazzo Chigi. E qui c’è un problema, che non è solo di carattere politico, un problema sul quale vi è un nodo politico, sul quale dobbiamo cimentarci.

Presidente, stabiliamo che alla luce della decisione del Consiglio dei Ministri, se non siamo soddisfatti ci dimettiamo in Consiglio regionale, come maggioranza; ci dimettiamo! Tutta la maggioranza si dimette. Perché questo sarebbe un affronto! Lo dico a lei, non per personalizzare, ma mettiamo caso che il Consiglio dei Ministri mantenga il commissario Scura o, più grave, lo sostituisca con un’altra figura che non è il Presidente della Regione.

Questo credo che non sia tollerabile, non sia tollerante il fatto che qualche settimana fa il Presidente della Campania sia stato nominato commissario di quella Regione e che in Calabria non si possa nominare il Presidente della Regione commissario per la sanità.

A quel punto ci dobbiamo assumere fino in fondo le nostre responsabilità, fino in fondo, perché questo sarebbe un segnale grave, non solo verso questa maggioranza, verso questa Giunta regionale ma verso i calabresi.

Qui bisogna avere gli attributi politici perché non siamo la colonia di nessuno.

Vorrei ricordare al Presidente che quando abbiamo deciso di candidare il Presidente della Regione e di metterci contro una decisione nazionale che non voleva il Presidente della Regione, candidato alle primarie e poi candidato alla Presidenza della Regione, quando Renzi -non quello di oggi, il Renzi acciaccato, ma Renzi governava - era il padrone dell’Italia, qui si è deciso di fare il contrario e un gruppo dirigente largo in questa Regione, uno schieramento, ha intrapreso una battaglia politica non di poco conto, cari amici.

Ha imposto le primarie, ha imposto Oliverio, oggi non possiamo più tollerare una situazione di questo tipo. A quel punto rischiamo veramente l’implosione, rischiamo di essere tutti quanti delegittimati, non solo il Presidente della Regione!

E si aprirebbe poi un vulnus politico per capire il perché il Presidente della Regione non può diventare commissario per la sanità in Calabria e in Campania sì. Vorrei capire! Questo poi diventa il nodo politico perché, a quel punto, è giusto che sia il Presidente della Regione a diventare commissario, perché se ne deve assumere la responsabilità, come si deve assumere la responsabilità che con un Dipartimento della salute della Regione Calabria in queste condizioni non si può governare la sanità perché lì ci sono intrecci affaristici e c’è una forte discontinuità perché si è insediato il debito sanitario. Lì è nato il debito sanitario in questi anni.

Se andiamo a vedere cosa c’è, cosa è successo, nel Dipartimento salute della Regione Calabria in questi anni, in questi ultimi otto anni, c’è la responsabilità della politica anche perché ha concesso a quel Dipartimento un potere e un condizionamento fuori dalle regole democratiche. E mi assumo la responsabilità di quello che dico.

Tergiversare ancora sull’ennesimo documento del Consiglio regionale:l’abbiamo già approvato un documento in cui diciamo quanto già espresso, all’unanimità mi pare, no? Dato politico: devo riconoscere alla minoranza che già, da questo punto di vista, ha dato dimostrazione di non avere una visione strumentale perché mi ricordo bene il documento che abbiamo approvato all’unanimità ed i contenuti.

Da questo punto di vista, se vogliamo essere seri, dobbiamo stasera decidere, alla luce di quello che succederà nel Consiglio di ministri. Si sono già tenute due sedute di Consiglio dei Ministri! Mi auguro che la decisione arrivi prima dello scioglimento delle Camere che è prevista per il 27 di questo mese e noi non possiamo aspettare oltre.

Vivo questa situazione come un affronto politico. Come calabrese mi svesto della mia appartenenza.

Il tergiversare e il prendere tempo, non decidere rispetto a questa questione… Dobbiamo assumere una decisione con l’attuale maggioranza che dovrà essere anche disponibile a rimettere il proprio mandato, proprio perché non può tollerare il fatto che venga ancora ulteriormente non messa nelle condizioni di potere svolgere il ruolo che riguarda la sanità.

E’ giusto che il Presidente della Regione sia anche commissario per l’attuazione del Piano di rientro perché così ognuno di noi si assumerà finalmente le responsabilità, ci mettiamo la faccia e non minacciamo azioni eclatanti solo per metterci, ognuno di noi, la coscienza a posto mentre la sanità va alla deriva devastante. Lo dobbiamo fare con lo spirito che se dovesse essere nominato commissario per la sanità il Presidente della Regione le decisioni più importanti dovranno avvenire qui, coinvolgendo tutto il Consiglio regionale.

Tutto il Consiglio regionale! Questa è la questione! Questa è l’aspetto politico, il messaggio che dobbiamo mandare. E lo dobbiamo fare al più presto, perché l’antipolitica si giova anche di questo! L’antipolitica - non l’ho detto in modo polemico- si giova anche del fatto che un Presidente di Regione è costretto a minacciare l’incatenamento.

Ho sentito la consigliera Ferro. Mi pare che nel suo discorso abbia aperto alla possibilità di un dialogo. Vogliamo lavorare nei prossimi 2-3, 2 anni che ci rimangono per creare i presupposti, in base alla legge, per uscire dal Piano di rientro con un governo della sanità che possa essere in capo al Presidente alla Regione e possa essere governato insieme dal Consiglio regionale.

PRESIDENTE

Grazie. Ha chiesto di parlare il consigliere Nicolò. Ne ha facoltà.

FERRO Wanda (Gruppo Misto)

Ha omesso di riportare che è necessario mandare a casa i direttori fino ad oggi nominati che non hanno fatto il loro dovere. Quindi l’apertura parte già da questo.

PRESIDENTE

Facciamo intervenire il consigliere Nicolò. Ogni volta che deve parlare il consigliere Nicolò c’è qualcuno che lo interrompe.

NICOLO’ Alessandro (Forza Italia)

E’ positivo, è costruttivo quello che dice la collega Ferro. Forse il collega Romeo dovrebbe ascoltare meglio gli interventi costruttivi che vengono da questi banchi, che richiamano spesso il confronto del quale parlava il collega Guccione. Noi auspicammo dall’inizio di questa legislatura alcune soluzioni in merito alla questione in specie, tra cui quella che il commissario sarebbe dovuto essere il Presidente della Regione per rappresentare ai vertici la sanità calabrese.

Lo dicemmo prima ancora della sottoscrizione di quell’ordine del giorno che non è stato recepito, come diceva bene il consigliere Guccione, lo spiegava nel suo intervento esaustivo la collega Ferro, menzionando anche responsabilità diffuse, oltre a quelle della gestione commissariale, che sono devastanti. Lo abbiamo rappresentato, presidente Oliverio, in Commissione al commissario Scura e dicevo, per una questione di metodo, che avremmo gradito che fosse il Presidente della Giunta regionale l’interlocutore con il quale poter dibattere una delle questioni più importanti per la quale insiste il 67 per cento del bilancio regionale.

Dibattere rispetto a criticità che spesso vengono menzionate per quanto concerne l’erogazione dei servizi, la qualità degli stessi, nonostante -bisogna dirlo- abbiamo la possibilità di apprezzare la professionalità del personale medico e paramedico ed esprimo la mia solidarietà ai medici calabresi che lavorano, che si impegnano in un contesto molto disagiato rispetto alla mancanza di strutture adeguate, alla mancanza di strumenti; la mia solidarietà va soprattutto in merito alle dichiarazioni di un sindaco. Indipendentemente dagli schieramenti, valgono anche qui i principi: in una trasmissione televisiva si permise di fare alcune riflessioni e comparazioni dei medici del Sud con i medici del Nord. Qui i nostri medici sono sottopagati con un carico di responsabilità maggiore, soprattutto rispetto alle possibilità di poter operare in modo efficiente ed efficace, tant’è che alcuni dei medici migliori sono in Lombardia. Vedi, ad esempio oncologia ed altri settori importanti della sanità che attraggono quella migrazione per la quale il Presidente della Regione sosteneva si spendono 300 milioni di euro in un contesto già di per sé fragile. E allora noi diciamo questo, l’abbiamo scritto, l’abbiamo ribadito, l’abbiamo dichiarato.

Quello che dice il consigliere Guccione… se lo dice Nicolò… sono dichiarazioni che ho rilasciato ad una televisione regionale importante del territorio. Non servono le catene, ma una forte posizione politica rispetto a chi non vuole sentire e non vuole ascoltare e avrebbe dovuto interagire con questo Governo regionale. Ecco perché la Calabria è penalizzata, perché all’interno di questa coalizione non c’è la giusta interazione. La Calabria prediletta e poi ripudiata. C’è una parte di questa maggioranza che non ascolta il Governo. Questo Governo regionale che ha le sue responsabilità, da noi spesso richiamate nella gestione dei servizi, in questo argomento ha dimostrato forte responsabilità nei confronti della Calabria perché diceva il consigliere Guccione: “è un problema dei calabresi!”.

Stiamo sottoponendo un problema che non riguarda solo una parte politica e questa parte ha dimostrato grande sensibilità. La consigliera Wanda Ferro col suo brillante, incisivo e significativo intervento - che avrei voluto richiamare - è stata bravissima ad esporlo. Per quanto concerne anche le responsabilità dei direttori generali la questione dei due terzi del bilancio di Crotone, Presidente, non possiamo parlare sempre del 2010 perché qui sono 2015 e 2016, da 8 milioni andiamo a 25 milioni, e  c’è una norma regionale che dice che se non si raggiungono gli obiettivi e se ci sono delle criticità e delle inadempienze i direttori generali devono essere rimossi .ed invece stanno ancora lì. Anche lei deve dare un forte segnale tangibile ed essere interventista rispetto a questioni che affliggono il territorio e che non richiamano i principi della meritocrazia. Su questo crediamo di poter dare, e l’abbiamo già fatto, al di là dell’ordine del giorno, ma riscontriamo un comportamento insensibile del responsabile di una maggioranza nei confronti del territorio calabrese. Presidente Oliverio, se lei non ascolta, noi abbiamo ascoltato la sua relazione, se ritiene posso anche scrivere ai giornali.

Ci sono colpe che si richiamano alla negligenza e alla imperizia - lo diceva il consigliere Guccione - rispetto alle disfunzioni riconducibili anche a responsabilità del dipartimento regionale e alla politica. Vero è che il commissario Scura ha le sue responsabilità per i disastri che ha causato a Catanzaro, a Crotone e i danni a Reggio Calabria, ma è pur vero che i direttori generali, commissari prima e direttori dopo, sono espressione della politica. Addirittura qualcuno, diceva la consigliera Wanda Ferro e lo sappiamo bene, non aveva nemmeno i titoli o si è atteso che maturasse i titoli. Scelte logiche, clientelari mettiamole da parte. Mettiamo fine per senso di responsabilità istituzionale e facciamo prevalere la meritocrazia rispetto a logiche che riguardano la direzione di comparti strategici.

Anche la politica deve fare la sua parte.

Noi siamo d’accordo: deve finire la gestione commissariale ma lo abbiamo detto da tempo! Oggi, però, più di questo ci interessa la possibilità di offrire i servizi alla gente. Diceva il presidente Oliverio “i cittadini calabresi non sono inferiori a quelli del Piemonte o a quelli della Lombardia o del Veneto o del Lazio e della Campania” ma il Governo regionale o parte del Governo regionale -e qui c’è una formazione che è organica al centro-sinistra, quasi organica- ha delle responsabilità istituzionali e mi riferisco ad AP (Alleanza Popolare). Lo diceva bene la consigliera Wanda Ferro. Ci sono, allora, logiche partitocratiche che inficiano il sistema sanitario, che vanno ad inficiare il sistema sanitario e non possiamo essere vittime di logiche partitocratiche, perché penso che il presidente Oliverio non dovrebbe incatenarsi a Palazzo Chigi. Collega Romeo, dovrebbe andare al Nazzareno perché il commissario Scura è stato nominato dal Governo! Il Governo Renzi lo ha nominato e le motivazioni di  quello che diceva il consigliere Guccione ce le siamo poste noi: la cessazione del commissariamento per quello che è stato rappresentato. E’cessato in Campania, è cessato nel Lazio e qua persiste ancora. E allora ci sono questioni politiche all’interno di queste decisioni. Ecco perché condivido la posizione del consigliere Guccione. Lo dissi in altre circostanze e qualcuno mi attaccò di strumentalizzazione: serve una posizione politica seria, forte ed incisiva perché altrimenti non si è credibili.

PRESIDENTE

Grazie. Vi chiedo scusa, gli interventi dobbiamo contenerli entro i 15 minuti massimo. Ha chiesto di intervenire il consigliere Bova. Ne ha facoltà.

BOVA Arturo (Democratici Progressisti)

L’intervento del consigliere Guccione mi ha accorato, accalorato, mi induce ad intervenire. Anche perché c’è un po’ una “chiamata alle armi” in un certo senso. Presidente, mi ero pronunciato. Questo è un argomento trito, ritrito, è una telenovela; mancano soltanto i personaggi in cerca d’autore ma anche oggi, Presidente, ricordo nell’altra seduta di Consiglio quando il validissimo presidente Aieta - che non finirò mai di stimare - della Commissione bilancio disse chiaro “Chiamo l’appello”. Presidente, raramente si sente in un Consiglio regionale un appello così accorato, quando io dissi pure in quella circostanza che non ero d’accordo con la dichiarazione.

Non avevo condiviso - lo ripeto adesso - la decisione di andarsi ad incatenare. Ma il consigliere Aieta chiamò a raccolta e disse una frase molto toccante - com’è solito suo -, con coraggio, “Io sto con il Presidente!”. Mi alzai in quella circostanza, circostanza, tra l’altro, che cadeva all’indomani anche di scelte politiche che mettevano in dubbio quella che è la mia fedeltà a questa maggioranza. Evidentemente non ci conoscono bene o il prototipo di politica che si conosce è altro, di altra qualità e di altri valori, e ho avuto modo di dire – l’ho ribadito cento volte - che, con questa maggioranza, il presidente Oliverio è il Presidente del centro-sinistra. Magari un giorno discuteremo che cosa si deve intendere per centro-sinistra, che cosa intende qualcuno questa circostanza.  Presidente, lasciami dire la questione, mi lasci dire, chiedo scusa per il “tu”, però raramente qui c’è stata una votazione, un Consiglio regionale che ha votato all’unanimità -è stato ricordato- ha votato in un certo modo.

Abbiamo una minoranza che da questo punto di vista sta vicino alla maggioranza e non lo sta dicendo neanche con la solita speculazione, magari politica o di interesse. Bisogna dare atto dell’atteggiamento che stanno assumendo; non si tirano indietro dalle critiche ma vedono che è una situazione kafkiana; non so come definire questa situazione della sanità. Stimo tantissimo il commissario Scura come persona. Ho avuto modo di incontrarlo, quando sono andato a parlare è stata una persona… ma, come dice lo stesso presidente Oliverio, guai a trasformare questo dibattito in uno scontro tra il presidente Mario Oliverio e il commissario Scura, il commissario Scura e il Governo! Io dissi nell’altra seduta di Consiglio regionale: “Presidente, non condivido quella frase, leggo che un Presidente di Regione non dovrebbe dire io mi lego, mi incateno, dovrebbe dire se le condizioni, i rapporti con il Governo centrale possono dirsi ancora buoni”,posto che stiamo parlando di una materia che riguarda il 60 per cento del bilancio.

L’abbiamo detto stasera, l’abbiamo ripetuto diverse volte e mi associo a quello che ha detto il consigliere Guccione. Sono pronto ad accogliere l’invito, consigliere Guccione, e mi auguro che tu raccolga il mio, me lo auguro pure per smorzare i toni. Ma diciamocelo chiaro, Presidente, qui è una partita politica che ha altro dietro e io non posso venire in Consiglio regionale e tacere che c’è altro dietro. Il convitato di pietra dov’è? Dov’è NCD, AP e come li vogliamo chiamare?! La sanità calabrese - che qualcuno lo dica! - è affare di quella formazione politica e se sulla sanità calabrese, sul commissariamento o altro si debbono giocare altri tipi di accordo sulle spalle dei calabresi, sulle spalle di questo Consiglio regionale, sulle spalle della tenuta e della serietà di questo, io non ci sto! Sono uscito da un partito anche per queste ragioni! Anche per queste ragioni e non solo certo per altre, per quello che è il pettegolezzo, per il pettegolezzo comune. Su questo, Presidente, anziché dire la minoranza “al di là delle appartenenze”, del balletto delle appartenenze o dire alla minoranza “si liberi da pregiudizi e strumentalizzazioni o strumentalismi”: Liberiamoci! Presidente, ti prego, liberiamoci e diciamola fino in fondo questa questione da dove nasce, quali sono le cose e se dietro questo si debbono poi nascondere altre cose che riguardano altri interessi o altri profili, tra l’altro, della Calabria. Vorrei che si seguisse anche quello che è l’iter dei partiti, di come si dividono, di come si va ad informazioni sparse, di come si cambia alleanza a seconda della tornata elettorale o di quello che c’è in corso. Basta! Basta, Presidente!

Altrimenti non siamo credibili! O la diciamo fino in fondo… Vorrei sapere com’è possibile che un Governo che rappresenta non c’è…  Questo Consiglio regionale, in cui siamo espressione della stessa parte, lo possiamo dire in generale, nonostante anche questioni personali, è un Governo che esprime il commissariamento, che non fa un Tavolo e dice risolvete queste questioni. Ci lasci da soli o lasci il presidente Mario Oliverio e chi gli sta vicino alla mercé di quelli che sono altri risultati di quelli che vorremmo. Su questo, Presidente, senza pregiudizi e senza strumentalizzazioni, raccolgo l’invito del consigliere Guccione. A proposito, quale Consiglio dei Ministri? Ditemi, perché se la soluzione deve arrivare da un Consiglio dei Ministri. Posso sapere qual è la data in cui il Consiglio dei Ministri dovrà discutere questa questione. Poi arriveranno le elezioni, poi arriverà che dobbiamo tenere un profilo basso e non dobbiamo urlare. E basta! E basta! La Calabria ha bisogno di altro, no?! Poi non dimentichiamoci le battute al vento che qualche altro Ministro si permette pure di lanciare così, salvo poi chiedere scusa. Non ce la facciamo più. Personalmente non ce la faccio più! Non era mia intenzione intervenire.

Chiedo scusa se magari le mie argomentazioni abbracciano un discorso molto più ampio ma abbiamo coraggio. Presidente, non tradirò mai la fedeltà di chi mi ha eletto e chiedo che questo venga portato fino alla fine. Ne sono convinto e ne sono consapevole. Chiedo un ulteriore “scatto di reni” anche in questo, Presidente, perché non possiamo, né noi, né la Calabria, né i calabresi, né la politica calabrese, essere trattati in questo modo.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Gallo. Ne ha facoltà.

GALLO Gianluca (Casa delle libertà)

Grazie, Presidente. Credo che, come diceva Churchill, la democrazia abbia le sue regole e la peggiore delle forme di governo, ma non se ne conoscono di migliori e le regole della democrazia ci dicono che c'è una maggioranza, un governo e anche un opposizione.

L'opposizione ha il ruolo di controllare, di stimolare, di segnalare le cose che non vanno. Devo stigmatizzare, Presidente, lei non era presente in Aula, c’era il vicepresidente Ciconte, la disattenzione di quest’ultimo quando il presidente Oliverio, durante la relazione iniziale, ha avuto un eccesso nei miei confronti e, nel momento in cui ha discusso di alcune cose, l'opposizione ha parlato in maniera impropria di meschineria, che credo sia piuttosto meschinità.

Credo che andasse ripreso perché questi atteggiamenti non sono consentiti a nessuno, nemmeno al Presidente della Regione. Siamo qui, senza risentimenti, per svolgere il nostro mandato, senza pregiudizi e, come ha detto bene il consigliere Bova, non ci facciamo intimidire da nessuno, perché riteniamo di dover svolgere pienamente il nostro mandato.

Certo, solleviamo questioni, ma non parliamo di meschinità. Avremmo potuto dire che è meschino sottoporre o decidere insieme ad un consigliere di maggioranza un emendamento e poi chiedergli di ritirarlo, ma non lo abbiamo detto. Avremmo potuto dire che è meschino annunciare di incatenarsi davanti a Palazzo Chigi e poi ritornare senza catene da Roma. Avremmo potuto dire che è meschino far annunciare, per esempio, che i lavoratori in mobilità in deroga sarebbero stati pagati prima di Natale, invece ora mi viene detto che non si farà, ma non lo diciamo.

Però solleviamo questioni e non possiamo limitare il nostro raggio d'azione soltanto perché si può parlare di risentimenti. Le ho riconosciuto, Presidente, che nella fase prodromica della campagna elettorale del 2014, insieme a tutto l’UDC, l’abbiamo inseguita, lo ribadisco. Per fortuna non è andata così, visti i risultati. Oggi si apre una stagione diversa perché discutiamo di questioni ed argomenti che la Giunta regionale, che il presidente Oliverio guida da 3 anni, avrebbe dovuto affrontare, e che ad oggi non sono stati affrontati. Vediamo quali strumentalizzazioni poniamo all'attenzione dell'Aula in questa circostanza, colleghi consiglieri di maggioranza, che vedo molto lucidi sull’argomento, a differenza di altri.

Parliamo della Calabria, una regione che ha una migrazione sanitaria con il più alto tasso di mobilità in Italia, in cui si hanno le maggiori difficoltà di accesso al Pronto soccorso e che é anche la peggiore regione in termini di attrattività di ricoveri ordinari. 

Emergenze cardiovascolari: il 60 per cento della popolazione residente si trova nell’impossibilità oggettiva di raggiungere un centro attrezzato per la terapia emodinamica entro 60 minuti; il restante 40 per cento si troverebbe nell'impossibilità di raggiungere entro 120 minuti questi centri.

Mortalità: la Calabria è la regione con il più alto tasso di mortalità infantile, 4 per cento per nati vivi; l'età media della morte in Calabria è inferiore rispetto alla media nazionale.

Punti nascita: i tempi per raggiungere i punti nascita sono per un quarto della popolazione tra i 60 ed i 90 minuti, con rischio notevole di evento avverso per madre e figli.

Rete emergenza territoriale: intervallo ricorrente tra la chiamata da centrale operativa e l’arrivo mezzo di soccorso: media nazionale 18 minuti, media calabrese 28 minuti, dati Ocse, Bulgaria 23 minuti, Romania 22 minuti, Grecia 27 minuti.

Assistenza territoriale peggiore tra le Regioni italiane per numero di pazienti in strutture residenziali e semiresidenziali per disabili e nelle strutture Hospice.

Liste di attesa: per una mammografia ci vogliono 142 giorni nel corrente anno.

LEA: la Calabria, nonostante i dati snocciolati dal presidente,con un punteggio di 160 rispetto ai 147 dell'anno precedente, è lontanissima dal punteggio minimo.

Procedure di accreditamento: ritardi superiori a un anno nella sottoscrizione di contratti con erogatori privati. Ritardo dei tempi per il pagamento dei fornitori: il 70 per cento supera i tempi previsti dal DPCM del 22 settembre 2014, record negativo per l'Azienda ospedaliera “Mater Domini”, 474 giorni che rappresenta il peggior dato in Europa.

Monitoraggio debito sanitario: la Corte dei Conti ha diverse rilevato delle fatture pagate più volte agli stessi creditori. E’ chiaro che questi dati ufficiali non arrivano in questa regione ed in questo territorio per esclusiva responsabilità del presidente Oliverio, me ne guarderei bene, perché, sia pure nella mia meschinità, cerco di essere obiettivo. Bene! Sono stato consigliere di maggioranza con il presidente Scopelliti che ha avuto il grande merito di intestarsi responsabilità che, probabilmente, non aveva perché, quando arrivammo nel 2010, ci troviamo un Piano di rientro aperto con un Commissario non nominato perché il presidente Loiero era uno che veniva dalla prima Repubblica e aveva grande esperienza e, forse, mosso dalla foga di poter risolvere in sei mesi o in un anno la questione sanitaria calabrese, con un po' di presunzione, diciamolo con grande chiarezza, decise di assumersi responsabilità che non aveva. Lo sapete che, anche se spesso lo dimenticate e adesso ve lo ricorderò, negli anni precedenti alla Giunta Scopelliti, il debito sanitario in Calabria crebbe in maniera vertiginosa; furono fatte migliaia e migliaia di assunzioni, non di medici e di infermieri, ma di amministrativi, autisti ed altro e con la Sanità si fecero le liste elettorali come nelle Repubbliche centro-africane.

La questione non è quella di individuare i responsabili perché oggi i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Io, che oggi faccio il consigliere di opposizione, e faccio un mestiere più facile rispetto a quello che facevo quando ero consigliere di maggioranza, chiedo ai colleghi che erano presenti nella precedente Legislatura, quante volte ebbi modo – consigliere Orsomarso – di avere contrasti diretti con il presidente Scopelliti, perché ero un po’ il grillo parlante e dicevo al presidente Scopelliti di fare attenzione ad alcune scelte che non condividevo. Venivo anche accusato da qualche consigliere di maggioranza di non essere in linea con la maggioranza. Non condividevo quelle scelte e precisavo che, attraverso quelle scelte, il presidente Scopelliti non avrebbe potuto circolare per la Calabria e andare nel mio territorio, nell'alto Ionio Cosentino, nella sibaritide.

Ed alcune mie prese di posizione, contro lo spoke Castrovillari-Acri, una decisione assolutamente improvvida, oggi corretta – plaudo a questa correzione – o la chiusura degli Ospedali di frontiera, che hanno aumentato i milioni di euro di mobilità passiva verso la Puglia e la Basilicata, alcune decisioni, che oggi sono patrimonio comune, le contestai aspramente; quindi non mi si può venire a dire che facevo parte di quella maggioranza perché, anche in quella maggioranza, pagando il prezzo di isolamenti, sono stato più volte non in linea con talune scelte che, peraltro – e lo voglio ribadire, non per difendere nessuno, non voglio fare l'avvocato di Scopelliti – erano scelte derivate da altre esperienze che avevano fatto vilipendio della Sanità calabrese. Quella esperienza, comunque, è stata punita. Scopelliti non è più il Presidente della Regione, noi siamo minoranza, e lo siamo da 3 anni, non da un giorno.

Oggi chiediamo risposte perché rappresentiamo i calabresi che hanno la peggiore sanità che in questi anni hanno visto – e ci sono i dati ufficiali che ha ricordato anche il presidente Oliverio – una sanità ancora più indebitata rispetto al passato. Il debito sanitario in Calabria ha ripreso a crescere perché in questi anni, e andiamo anche ai dati, alla fredda legge dei numeri, le spese generali sono passate dai 3327 milioni di euro del 2014 ai 3381 del 2016 a fronte – perché questi sono dati sui quali discutere interrogarci, colleghi consiglieri – di una riduzione della spesa del personale, in questi stessi anni di 40 milioni quindi più 40 meno 40, 80 e di una spesa farmaceutica che nel 2014 era di 296 euro e che in questi anni è esondata, perché nel 2016 è arrivata a 379 milioni di euro. È colpa del Commissario? Beh, non mi appassiona se la responsabilità sia del Commissario. Io faccio il consigliere regionale di opposizione da un mese e devo dire che, onestamente, ho trovato una situazione, da cittadino, l’ho anche osservato in questi anni, estremamente peggiorata perché adesso ho ricominciato ad interessarmi di queste questioni in maniera più approfondita.

A me, sinceramente, piange il cuore che ciò accada, così come non posso comprendere come il Presidente della Giunta regionale da anni, e non lo dico solo io ma lo dicono i consiglieri di maggioranza, abbia costituito una pantomima con il commissario Scura. Parliamoci chiaro, il Presidente della Regione è votato dai calabresi per rappresentarli e quando c'è un ospite in casa, un intruso o come lo vogliamo definire, con questo si cerca di trovare un equilibrio. Io, invece, leggendo il Corriere della Calabria, ho riscontrato che sin dal primo giorno c'è stato un motivo di contrasto con il Commissario. Questo significa lavorare nell'interesse dei calabresi? Non credo. Cercare di trovare un equilibrio, punti di incontro, non solo andare allo scontro. Nella prima seduta di Consiglio regionale stigmatizzai la cultura dello scontro, contro la maggioranza, la minoranza, il Partito Democratico ed il Governo centrale con questa vicenda delle catene che, purtroppo, denota l'esperienza di un uomo solo al comando. Lo dico senza provocazione, ma semplicemente perché credo che l’appello, fatto stasera in Consiglio regionale, alla collaborazione, alla condivisione di un progetto che, anche stasera nella relazione introduttiva del Presidente non ho visto – collega Ferro – non so che cosa dovremmo condividere, perché il progetto non c’è.

Questa impostazione della cultura dello scontro non aiuta i calabresi: la peggiore sanità in termini di servizi, una sanità indebitata, e oggi siamo qui, a confrontarci finalmente e anche a scontrarci, ognuno fa la sua parte. Non credo che parlando in questi termini possiamo pensare che siamo strumentali. Cosa dice il ministro Lorenzin?

E mi avvio a chiudere, Presidente, mi deve dare un paio di minuti in più.

La nomina dei direttori generali senza requisiti di legge e non revocati, la mancanza di un progetto perché non vengono fissati gli obiettivi per i direttori generali sui quali devono essere valutati, denota la mancanza di un progetto, un deficit che è a 153 milioni di euro, ormai. Nulla sui nuovi Ospedali. Responsabilità del passato? Ok, ma questo Governo c’é da tre anni. Un dipartimento regionale senza guida, che non interloquisce e non è in grado di controbattere neanche gli errori di un Commissario. Io penso che questa sia la misura della sconfitta di chi ha guidato in questi anni la Regione e che oggi viene qui a coinvolgerci.

Presidente, un minuto e ho chiuso. Anch'io, come la collega Ferro, nonostante i contrasti che non sono strumentali, e lo ribadisco per l'ultima volta, e non ci sono risentimenti, anzi, ringraziamenti ma, su questi argomenti siamo disponibili al confronto, soprattutto con i colleghi consiglieri dai quali ho visto volontà di interloquire e di interagire su queste questioni. Sono d'accordo che il Presidente della Regione diventi Commissario, ma sono anche d'accordo che venga qui, collega Guccione, a discutere delle scelte che riguardano i calabresi perché la sconfitta – colleghi consiglieri – del presidente Oliverio non è la nostra vittoria. Quel che accadrà fra qualche anno forse i calabresi lo hanno già deciso, anche al di là dei nostri meriti. Ma io credo che la sconfitta di questa impostazione, così come le sconfitte del passato, siano le sconfitte dei calabresi che siamo chiamati, ahimè, a rappresentare. E allora, su questi argomenti, sulle questioni tecniche, sono disponibile, come la collega Ferro, a confrontarmi purché si arrivi a discutere di progetti reali perché, finora, abbiamo discusso di catene e di lucchetti che, ahimè, sono la misura di una sconfitta non solo sua, ma della Calabria.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Greco. Prego, ne h facoltà.

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

Grazie, Presidente. Ascoltando questo dibattito che, per alcuni versi, è surreale ho fatto una serie di riflessioni, anche in ragione di quello che sono state le motivazioni che ci hanno portato a discutere di un tema estremamente delicato con discussione chiesta più volte da tutti i capigruppo in sede di Conferenza, una discussione che si é accelerata negli ultimi tempi in ragione di quello che è successo, della presa di posizione forte del governatore della Calabria, per ristabilire le regole e ridare ai calabresi la gestione della sanità.

Però questo dibattito rischia di esaltare semplicemente le vanità personali, perché ognuno di noi ha partecipato al dibattito con posizioni diversificate: da un lato l’opposizione che rivendica un ruolo e che, molto spesso, dimentica il passato; dall'altra una maggioranza che sottolinea la volontà di avere e di rivendicare qualcosa che è stato tolto, e questo fa il paio con le cose che diceva la collega Wanda Ferro a proposito di un atteggiamento, se così possiamo dire. Non dobbiamo rischiare di cadere in quel tipo di atteggiamento di un Ministro che, in campagna elettorale, trova il tempo per arrivare in Calabria con il fido Sottosegretario allo sviluppo economico e fare anche in modo che – mentre noi siamo qua a discutere, devo dire anche appassionatamente, dei problemi dei calabresi – si utilizzi la sanità calabrese per fare campagna elettorale o in un comportamento gaudente, così come abbiamo potuto vedere dai social network, per ribadire un concetto. Non entro nel merito delle questioni, perché potrei stare a elencarvi tutti i dati, così come ha fatto il consigliere Gallo sulla malasanità, tutti i rilievi che sono stati posti in essere, ma voglio brevemente ribadire che oggi dobbiamo trasformare questo Consiglio regionale in un Consiglio che si pronuncia. La cosa peggiore sarebbe se, alla fine di questa discussione, rimanesse semplicemente quella che è nel titolo l’informativa “discussione” e se non dovessimo uscire da qui con una pronuncia chiara, rispetto a quello che sarà il comportamento che ognuno di noi dovrà tenere, nella fattispecie di quello che dice il consigliere Guccione, nelle parole del consigliere Bova o di chi altro, dicendo quello che sarà domani il comportamento e l'azione fuori dagli schemi. Mi é piaciuto anche il comportamento della minoranza che alla fine, comunque, ribadisce la volontà su una tematica così forte: mettere prima i calabresi, prima la Calabria e poi i discorsi di partito.

Qui c'è in atto una cosa molto più sottile a discapito dei cittadini calabresi e della Calabria e le parole che vengono dal sindaco di Cascina o le parole ancora peggiori che vengono da Ernesto Galli della Loggia, o da tanti altri, é non più quello di subire o costruire i valori della secessione attraverso l'emigrazione del Popolo calabrese.

Oggi c'è in atto una nuova colonizzazione massiccia, perché il vero problema, la vera questione non è Scura sì, Scura no. Sono interessato poco a queste questioni. Io devo poter uscire da questo civico consesso e poter dire ai cittadini che cosa siamo stati capaci di dare per garantire i servizi, per evitare l'emigrazione sanitaria, per far sì che i cittadini che vanno al Pronto soccorso sappiano di essere curati e di poter guarire qui. Io ho necessità di dire questo. A me non interessa Scura sì, Scura no. Né interessa se il commissario Scura é appannaggio del Partito Democratico, invece quell'altro di cui non ricordo manco il nome, tanto non lo ricorda la Calabria, che è appannaggio di area popolare. Non mi interessa. Mi interessa sapere che il governo della sanità sia calabrese. A me interessa sapere che quello che é il tentativo maldestro di una colonizzazione ormai troppo evidente non possa e non debba appartenere alla volontà di questo Consiglio regionale, perché domani potremmo pentirci delle azioni che oggi non saremo stati capaci di mettere in campo. Mettiamo la parola fine al commissariamento, alla volontà di essere colonizzati e di avere ogni volta, ha detto bene chi mi ha preceduto, dapprima sulla depurazione e domani su chissà quali altre cose. Questo Consiglio regionale deve lavorare per combattere e vincere su una questione: la detassazione del pregiudizio, perché in ogni parola, in ogni atto c’è un pregiudizio rispetto alla capacità della politica o dei politici calabresi, rispetto a quella degli ingegneri o dei medici calabresi. Questo tentativo va rispedito al mittente e c’è bisogno di unità, di un’azione forte e dimostrare che c’è una classe politica autorevole e che ognuno si è destato rispetto ad azioni macchinose per riprendere sempre quell’antico concetto che quell’humilis Italia della Calabria è la Calabria che sta giù. No, è la Calabria fertile. Questo Consiglio non può dividersi per capire se le colpe sono di Scopelliti, di Loiero o di Oliverio, se i tre anni sono serviti ad incrementare il debito sanitario. No no, amici cari, se andiamo verso questa direzione, andiamo verso il flagello di noi stessi e verso una divisione che non aiuta. Oggi abbiamo un compito che è quello di elevare la discussione rispetto a una volontà e rispetto a un dato; collega Guccione, sono d’accordo con lei quando dice che dobbiamo essere forti, qualunque sia la scelta. Ma un dato è chiaro, i calabresi vogliono essere amministrati dai calabresi e questo è un dato senza equivoco, quindi qualunque sia il Governo. Scusate, quando c’erano altri governi la Calabria andava meglio? Non parlo né di Scopelliti né di Loiero ma di altri, e mi riferisco ad altre questioni. Qualcuno teneva in considerazione la Calabria?

Noi abbiamo il compito di dimostrare che c’è una classe dirigente e una Giunta regionale con la schiena dritta che non cede alle lottizzazioni e alle colonizzazioni. Dobbiamo ritrovare tutti insieme l’orgoglio dell’appartenenza. Se domani il Governo dovesse decidere altro, ritengo che una posizione si debba prendere, tornando in Consiglio regionale per decidere tutti insieme quale posizione attivare e attuare. Perché ieri era della depurazione, oggi è della sanità, domani sarà altro, ma alla fine quello che prevale è la volontà di un nordismo pericoloso che vede nel Sud e nella Calabria motivi di lottizzazione e colonizzazione e non le ragioni della Calabria e dei calabresi.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Cannizzaro. Ne ha facoltà.

CANNIZZARO Francesco (Casa delle libertà)

Presidente della Giunta, onorevoli colleghi, ancora una volta mi ritrovo ad assistere ad un triste epilogo da parte del Presidente della Giunta regionale la cui relazione sulla questione sanitaria è veramente vergognosa. Su un tema così difficile, su una piaga così atavica, mi sarei aspettato dei numeri. Mi sarei aspettato, da parte del Presidente della Giunta regionale, dei risultati. Mi sarei aspettato, da parte del governatore della Calabria, l'individuazione di percorsi per far uscire il sistema sanitario da questo gap. Invece no! Invece no! Ci ritroviamo ancora una volta ad assistere ad una relazione che ha per oggetto il chiodo fisso, sempre lo stesso. Il chiodo fisso di ieri, di oggi e, sono certo, anche di domani: il commissariamento.

Sarò una nota stonata, oggi in quest'Aula, e mi scuso con i colleghi dell'opposizione, ma ritiro l'idea di sostenere il presidente Oliverio affinché possa divenire commissario della sanità, perché ritengo assolutamente incapace l'azione di governo regionale con in testa il presidente Oliverio a governare il processo sanitario della Calabria. Parlano i fatti, lo dimostrano le azioni che avete messo in campo per la parte che vi compete. Parlano le nomine, i consulenti, i delegati politici che avete voluto mettere in campo per risanare la sanità in Calabria. Tutte scelte fallimentari! Immaginiamo, quindi, ove il presidente Oliverio dovesse divenire commissario della sanità, quello che succederebbe in Calabria. Penso, e vorrei ricordare che, a causa delle scelte inopportune e sbagliate, il nostro Governatore è stato inibito dall’Anac. E tutto questo mentre all'Asp di Reggio Calabria venivano pagate fatture senza riscontri. Lì non c'era il commissario Scura a controllare, ma c'erano gli uomini e le donne messe dal Partito Democratico, da questo governo regionale, da questa maggioranza, che oggi fa appello all'unità in questa tematica.

Cari colleghi, col dovuto rispetto, non ho visto nessuna azione messa in campo da questa Assemblea legislativa e dalla vostra maggioranza, anzi, una vostra mozione la ricordo vivamente. Quando presentaste la mozione per cambiare la sanità in Calabria, ossia per cambiare la denominazione dell'“Ospedale Riuniti” di Reggio Calabria che oggi diventa l' “Ospedale Metropolitano”, il “Grande Ospedale Metropolitano”.

Qualcuno mi dovrebbe spiegare cosa ha di grande questo Ospedale.

La mia totale solidarietà a tutti gli operatori sanitari, agli infermieri, ai nostri malati, agli operatori sanitari e ai medici che operano nei nosocomi, non solo quello reggino, ma di tutta la Calabria in condizioni disumane. Sapete che all'interno di alcune strutture ci sono i topi? I topi! E questo la dice tutta per capire in che condizioni si ritrovano i grandi medici, i grandi uomini e le grandi donne di questa regione, che potrebbero dare veramente un grande contributo alla sanità calabrese, ma non hanno le condizioni per poterlo fare.

Presidente, la settimana scorsa è arrivato in Calabria il Ministro del suo Governo “amico”, il ministro Lorenzin. Le vorrei porre una domanda: l’ha chiamata per avvisarla che stava arrivando in Calabria? Da quello che ho letto dagli organi di stampa, mi pare assolutamente di no. E questo la dice tutta su quanto voi contiate a Roma, su quanto siete stati abbandonati dai vertici del vostro partito, da questo Governo così fallimentare, che segna anche una pagina di storia per quanto concerne la nostra di regione. E’ vero che tutti i governi che si sono succeduti, anche quelli di centro-destra, rispetto alle scelte per la Calabria, sono stati poco attenti, ma questo di Renzi, prima, e di Gentiloni, oggi, ha assolutamente segnato la pagina più buia per la nostra Regione. Presidente, lei ha parlato di meschinità nei confronti del collega Gallo. Di meschino c’é la nomina dei direttori generali, che non pensano ai nostri malati e ai nostri medici, ma che pensano ad auto liquidarsi fiori di quattrini per obiettivi raggiunti.

Qualcuno di voi mi può spiegare quali obiettivi hanno raggiunto questi direttori generali? Di che cosa stiamo parlando? Stiamo parlando della mobilitazione dei sindaci della locride che – stimolati dai malati, dai cittadini della nostra regione, dei nostri territori – hanno avvertito la necessità e l’esigenza di ribellarsi, di fare una rivolta, una marcia su Roma, per andare a rivendicare un diritto allo Stato, al vostro Governo “amico” che, invece, vi manda gli ispettori. So che lo sapete, perché é anche noto, 5 giorni fa al nosocomio di Locri sono arrivati 7 ispettori ministeriali mandati dal vostro Ministro per registrarne le condizioni, accompagnati dai Nas. Questo la dice lunga – mi avvio a concludere, Presidente – credo che qui ormai ci sia poco da fare. Mi auguro che il Governo possa assumere immediatamente delle decisioni, se necessitano anche drastiche, che non riguardano certo la nomina del presidente Oliverio a commissario della sanità ma che possa far, come dire, mettere delle azioni in campo che possano dare dei segnali di attenzione e dare la possibilità agli operatori sanitari di operare in maniera diversa.

Non credo che saranno le catene a risolvere il problema, anzi, a mio avviso peggioreranno la situazione perché più vi arrabbiate contro il vostro governo e più per motivi politici vi faranno il dispetto e vi lasceranno lì a gridare, soprattutto in questo momento di campagna elettorale.

Noi ci saremo, io ci sarò per quello che posso contare se, assieme, individuiamo – anche per la parte che ci compete e compete soprattutto a voi, Giunta regionale – delle misure serie e concrete con uomini e donne che non pensano ad auto liquidarsi soldi per obiettivi raggiunti che poi, di fatto, non sono stati mai raggiunti, ma con uomini e donne che, realmente, credono come noi e come cittadini calabresi che si avverte quotidianamente l'esigenza di dare una svolta definitiva al sistema sanitario calabrese. Grazie, Presidente.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Orsomarso. Prego, ne ha facoltà.

ORSOMARSO Fausto (Gruppo Misto)

Penso che, rispetto anche alle preoccupazioni dei colleghi e ai diversi punti all’ordine del giorno, non ci dobbiamo stancare, possiamo stare anche fino a mezzanotte a discutere progetti di legge. Non è un dramma che questo Consiglio continui a lavorare, per cui dico al presidente Irto che è bene contingentare sul tema la sanità, perché se ne discute da tempo, però è bene farlo anche responsabilmente ed è difficile.

Lo dico da calabrese, non da consigliere regionale che deve verificare quotidianamente le cose, in un momento in cui la politica è cambiata molto perché si banalizza tutto. Il giudizio è da poltrona, per cui comodamente dalla poltrona, quelli che sono i marziani - mi riferisco alle ricette che arrivano molto spesso dai cinque stelle, gente che fino all'altro giorno, senza arte né parte, beveva le birre per le strade, cosa che abbiamo fatto anche noi quando eravamo giovanotti - pensano che su un tema così difficile, così complicato e su cui la pazienza dei calabresi è tanta, si possa banalizzare. Di una cosa mi sono stupito in positivo, rispetto a quello che leggiamo in questi giorni sulla banalizzazione dei padani, di chi ha gridato una vita “prima il nord” e oggi vorrebbe gridare “prima gli italiani”, al di là che sia nell'ambito di alleanze politiche di centro-destra o di centro-sinistra, più vicino a questa parte che non all'altra e che ritengo siano solo provocazioni, e cioè la grande pazienza dei calabresi. Ho trovato, e trovo positiva la pazienza dei calabresi. Non è rassegnazione, indifferenza o sottomissione, ma è una caratteristica dei calabresi, che hanno anche un difetto, che è il nostro di tutti, e cioè    pensare di avere sempre cento vite davanti “va beh, ma tanto domani.”. Hanno avuto una grande pazienza negli anni del commissariamento, negli anni in cui ci è stato spiegato, perlomeno a me, che non sono esperto di sanità; mi stranisco che ci siano altri in politica che sono diventati esperti di sanità; abbiamo il sottosegretario all'Economia in Calabria che parla sempre e soltanto di sanità. Viviamo in una regione piccola, provinciale per certi versi, dove ci conosciamo tutti.

Tutto si può dire della pazienza dei calabresi che comprendono, perlomeno, quando la politica che governa ha più capacità. Vi porto, e lo faccio amabilmente, l'esempio di mia madre, una calabrese, un insegnante in pensione, quindi una persona che ha strumenti anche per capire, che in quella stagione ci vedeva protagonisti al Governo regionale, mi diceva: “State distruggendo tutto!” 

Ho provato a farlo, lo ricordo al presidente Oliverio, quando l'ho raggiunto d'estate – perché stiamo qui anche d’estate, non andiamo alle Maldive – in un’Assemblea dei sindaci, in cui diedi un messaggio - perché l'ho vissuto sulla mia pelle - al presidente Oliverio, ai Sindaci e anche a qualche finto Comitato, che nasce e muore a seconda della preoccupazione se qualche medico incapace debba essere trasferito. In questa dimensione che non riguarda soltanto la provocazione della sindaca, c'è anche una parte di gente, bene la povera gente, ma anche qualcuno che agita Comitati per una riorganizzazione o una Riforma. E questo ce lo diciamo tutti perché, ripeto, la Calabria è una regione piccola, con province piccole, dove ci conosciamo tutti rispetto a usi, costumi, consuetudini, stili di vita e quant'altro.

Devo dire, tra l'altro, che la sofferenza del consigliere Gallo - ci stanno dicendo nel tempo che siamo diventati con l'accezione negativa del termine di democristiana memoria - gli ha dato una verve che non gli riconoscevo e lo ringrazio perché a me viene difficile in quest'Aula, rispetto alla dimensione anche umana della politica, dover difendere gli assenti, chi con coraggio ci ha messo la faccia, mentre altri ci hanno messo le mani. Non parlo di Scopelliti, giusto per intenderci, rispetto al quale continuo ad avere incondizionata stima umana e politica. Al saldo degli errori politici - sono di Oliverio, di Scopelliti, di Loiero, di chi volete, e di stagioni pericolose che tendono a criminalizzare - l'errore é l'uomo solo al comando. Bisogna mitigarla come tendenza, ma è una tendenza di questa stagione della politica. Non lo faccio per non sentirmi dire “tu, il migliore amico, gli affettati di sempre”, ma per raccontare quello che diceva il consigliere Gallo, e l'ha fatto più egregiamente di me. A saldo di errori di commissariamento, voglio ricordare sommessamente che se il commissariamento c'è stato - magari è arrivato quello sbagliato nell'intenzione di un governo del Partito Democratico - è perché io e il consigliere Tallini ci siamo addormentati al dipartimento della Salute; abbiamo dovuto occupare un dipartimento in quel balletto che rimbalzava, non perché doveva essere nostro il commissario, era ovvio che era un Governo che nominava un altro commissario. Voglio ricordare questi esempi e, ripeto, non lo faccio per evitare la strumentalità, ma per ricordare, come ho già fatto con il vicepresidente Viscomi in Commissione quando abbiamo approvato il bilancio e come faccio anche in queste ore. Ringrazio Wanda Ferro per l'adesione a Fratelli d'Italia, sono figlio di un socialista ma mi sono sempre sentito un liberale conservatore, un anticomunista convinto rispetto alla dimensione del progressismo, quindi la ringrazio. Rispetto a questioni, la responsabilità è diversa di chi agita nel dibattito politico i populismi, un termine che sento spesso da alcuni rappresentanti del Partito Democratico che hanno mal governato l'Italia e anche un pezzo di Calabria per questo scontro interno che c'è stato. Penso che la responsabilità più grande che possiamo avere, se amiamo le istituzioni e le rispettiamo nel momento in cui facciamo un dibattito, é che la sanità – e noi l’abbiamo fatto con gli appelli - dovrebbe essere uno Stato verticale non orizzontale per come è diventato, anche lì le Riforme costituzionali. Questo Stato va cambiato e non può essere terreno di scontro. La sanità dovrebbe essere dei servizi minimi. Ha ragione il consigliere Greco nel suo intervento, perché nel frattempo che si fanno tutti i passaggi, un pezzo di sanità in Lombardia non starebbe in equilibrio se non arrivassero i 220 milioni circa dei 300 della nostra migrazione. La Lombardia sta in equilibrio per quei conti: interessi, trasferimento di famiglie, di DRG. E’ per questo che in queste ore, insieme a Wanda Ferro, incontrando Giorgia Meloni che è leader di un partito a cui abbiamo aderito, stiamo scrivendo  i primi provvedimenti per il futuro Governo, per dire quello che devono fare i governi ovvero che in una sanità che è commissariata – non importa che il commissario sia di centro-destra o centro-sinistra, un Presidente di Regione o meno - è ovvio che se risultati non arrivano, i DRG della Calabria in Lombardia li paga comunque un Governo nazionale. C'è un sistema incancrenito dove, è ovvio, penso che la maggior parte di noi, non tutti, ma la maggior parte di noi che siamo in quest’Aula, abbia la capacità di immaginare che la preoccupazione dei calabresi, a partire da mia madre, sia quella di avere una sanità in cui la gente si può curare. Solo dei folli immaginano che se tu hai il potere di fare le cose, sia tu minoranza o maggioranza, sei dottor Jekyll e mister Hyde, e vuoi costruire ospedali dove tua figlia, un calabrese, non possa andare a curarsi. Questa è la dimensione culturale complessiva che non ho trovato. Una cosa posso raccontarla in termini di testimonianza, al di là dei numeri che sono stati snocciolati, e cioè di quando chiesi al mio fraterno amico Giuseppe Scopelliti “Scusa, ma perché tocca a noi - perché sono arrivato a 38 anni e pensavo di aprire un nosocomio anche a Fagnano Castello - dover dire ai calabresi che dobbiamo chiudere, ridimensionare?” e lui mi rispose “Guarda, Fausto, é l’avventura della vita, perché abbiamo due mura per percorrere una strada e possiamo decidere di percorrere a 30 o a 300 all’ora”.

Penso di capire che nel dibattito molto spesso in quest’Aula, e anche al di fuori, sia diventato la foglia di fico di tante cattive coscienze, di uno incosciente che ha potuto sottovalutare che ha deciso di percorrerla a 300 all'ora, perché nessuno, rivoltato come un calzino, può dire che sia mai stato ritrovato un solo interesse particolare in una Calabria che ha tanti interessi particolari rispetto a questo tema di responsabilità.

Andiamo a noi ed a quello che possiamo fare insieme. Presidente Oliverio, credo e penso di averne dato atto molte volte, votando anche provvedimenti: su questo tema con coraggio, bisogna isolare chi vuole fare speculazioni che poi, alla vigilia di ogni lezione, diventano di carattere politico, se volete gestionale. La sua idea di sanità – concordo con Wanda Ferro e Gianluca Gallo –ancora oggi non l’abbiamo vista; sarà per il commissario Scura, per il ministro Lorenzin che porta pesci, e non può essere contenuta in un emendamento – mi scuso con il consigliere Mirabello - fatto quando si parla di bilancio. Voglio ricordare, lo ricordo al vicepresidente Viscomi, che sul bilancio ho registrato negli altri anni l'irresponsabilità tutta populista di forze democratiche che si targano Partito Democratico che dicevano “Non avete messo 1 euro sulla stabilizzazione”. Non c'è 1 euro neanche in questo bilancio su stabilizzazioni, su precariato e su quant'altro e, nonostante ciò, non ci sentite parlare e fare discorsi populisti, ma votiamo contro un bilancio perché non abbiamo visto, a partire dalla sanità che riguarda il 64 per cento delle risorse alla programmazione europea, nessuna capacità di visione e ci vede, in termini di minoranza, denunciare deficienze.

Sono passati ormai 3 anni, ma penso che i due che restano non sono pochi se si vuole fare un'operazione di verità e raccontarla ai calabresi, dicendo che questo sistema va cambiato. Le uniche Regioni non commissariate sono state Emilia Romagna e Lombardia perché, nel frattempo, hanno commissariato tutta l’Italia. Non è stata una scelta di calabresi folli, perché bisogna raccontare – qualcuno diceva Bellantoni, ma non c'è, lo richiamiamo perché sembra essere diventato il verbo - che è stata commissariata tutta Italia e che il nostro debito è ad un miliardo 370 milioni che, comunque, qualcuno aveva fatto e che, nel frattempo, è stato pagato.

Il nuovo approccio, tolto l'imbarazzo, è non parlarne più di questa roba perché di certo non vi facciamo fare l'opposizione a voi stessi; se ci permettete, sarebbe banale che voi stiate al Governo, nominate i commissari, i direttori generali e poi fate pure l'opposizione, partito di lotta e di governo. No, questo no! C'è ancora uno spazio, se vuole il contributo in termini di studio nostro, nel ruolo di minoranza - speriamo di fare un'altra stagione come nuova maggioranza - di costruire insieme una migliore ipotesi di sanità. Noi ci siamo, presidente Oliverio, per la Calabria, con il contributo di chi la conosce, di chi non vuole mortificarla, di chi vuole servire le istituzioni, perché non succeda più tutto quello che quotidianamente avviene, , pensando a ogni ritardo su una tac, di chi come me continua a fare la fila al Pronto soccorso. Ricordiamoci, Pronto soccorso che sono affollati al 72 per cento, si pensi alla Annunziata, all'Ospedale della mia città, da accessi impropri perché non funziona la Medicina di base, non funzionano molti medici di base e sono quelli che gridano perché quando arrivi al Pronto soccorso, “appalettato” dicono dalle mie parti, perché magari ti è capitata una disgrazia enorme e non hai nemmeno la forza di parlare, quelli che gridano sono quelli che stanno bene, che stanno lì impropriamente perché la Medicina di base non funziona su tutto il territorio.  

La verità da raccontare ai calabresi è che finché non avremo i nuovi Ospedali… ed é anche lì, in questo Stato strano che si ferma, fai le gare e quello c'ha un problema, uno può avere interdittiva, un altro può avere la crisi. Questo è uno Stato che non funziona dall'alto, oltre alla nostra capacità e alla volontà di costruire i nuovi Ospedali.  Bisogna raccontare tutti i giorni ai calabresi senza gridare di più, e noi non lo facciamo, ma sentivo dall'altra parte gridare in tanti, quando ci toccava la responsabilità gravosa di trasformare la sanità su un disegno di nuova generazione. L'ho studiata e mi hanno spiegato che anche i dati di cui parlava il consigliere Gallo dei punti nascita, che sono quei punti dove devi avere più di 1000 parti all'anno, ormai, una volta erano 500, e sulla nuova dimensione della sanità scritta da ginecologi, ostetriche e quant'altro. Non è soltanto un problema funzionale d'argent, di moneta, ma anche di rischio di vite e la Calabria su questo si deve organizzare, dalle nascite a quant'altro. In Calabria non nascono centomila persone all'anno, purtroppo, perché anche lì si è abbassato il dato, quindi non sarà grave su parti programmati e anche chi può partorire d'urgenza dove ci sarà un CAPT o un punto di pronto intervento h18 o h24; se non è un parto grave può partorire in quel punto, ma se é un parto organizzato andrà a partorire nei punti nascita che hanno un'organizzazione nuova che abbiamo scoperto in termini inglesi, hub spoke, Ospedali di montagna e quant'altro. Nessuno di noi dovrà continuare a raccontare che è più bravo degli altri; non sono esperto di sanità, poi, ripeto, abbiamo gente che è espertissima e parla solo di sanità in questa regione. Non so se il Presidente sarà in grado in 30 giorni di presentare un nuovo Piano dove ci sia un contributo fatto del saldo, di tutti questi dati che abbiamo avuto e che insieme vogliamo approvare, e dire al Governo, qualsiasi esso sarà: questa è la sanità che vorremmo in tre anni, darci un timing e controllarlo. Non possiamo pensare che i calabresi devono venire a controllare quando ci siamo già noi. Su questo terreno della verità bisogna raccontare che il processo è lungo e non è che se arrivava Oliverio era più bravo di altri e lo risolveva in due anni, ma che ci vogliono almeno i prossimi 10 anni per avere i nuovi Ospedali e che, nel frattempo, ovviamente non si deve morire.  Quindi, siccome abbiamo guadagnato, sul sacrificio e la pazienza dei calabresi le assunzioni e lo sblocco del turnover, nel frattempo si litigava per capire se doveva farle quello di Gentile, quello del Partito Democratico o Scura o un altro.

Questo è l'unica operazione su cui ci trovate, Presidente, al fianco nella rappresentanza, che oggi è del Partito Democratico e di Oliverio su un Piano certo, che dica ai calabresi che l'abbiamo stabilito insieme, magari confrontandoci, con i medici, l'Ordine dei medici e quant'altro, e decidiamo di applicarlo al di là dei governi che ci saranno ed essere attori protagonisti nel monitorarlo continuamente. Tutto il resto in questi anni è stato protagonismo speculativo di chi ci ha fatto il vero populismo e di chi ci ha fatto anche altro. Rispetto a questo, penso che anche nell'intervento del consigliere Nicolò avete trovato una minoranza responsabile e pronta, non per colori politici, su un disegno di sanità serio, ad assumere una responsabilità condivisa perché qui ci curiamo noi, i nostri figli e tutti i calabresi.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Romeo. Ne ha facoltà.

ROMEO Sebastiano (Partito Democratico)

Grazie, Presidente. Il dibattito sulla sanità si fa per la terza volta in quest’Aula. Una volta il Consiglio regionale, un anno fa circa, sì pronunciò all'unanimità per superare il commissariamento, un mese e mezzo fa ne parlammo in un'altra occasione, stasera ne parliamo a seguito della informativa che il Presidente della Giunta regionale ha reso a quest’Aula. 

Ho ascoltato diversi interventi da parte dei colleghi delle minoranze, di convinta e piena disponibilità, e penso che questo sia un dato politico importante, non tanto per il Partito Democratico o per il centro-sinistra, ma per la Calabria.

Registro il ritiro della disponibilità da parte del collega Cannizzaro, mi dispiace, ma prendo atto che lui è per il commissariamento; é una scelta legittima. Si fa chiarezza, del resto il dibattito pubblico in un Aula legislativa serve a fare chiarezza e a lasciare quello che diciamo a futura memoria, assumendoci le nostre responsabilità, e io ne dirò di cose, nel pieno delle mie facoltà.

La relazione esaustiva del presidente Oliverio, non vergognosa, un termine che quest'Aula e che il Presidente non merita, ci dice di una condizione grave della sanità calabrese. Grave perché 7 anni di commissariamento non hanno risolto i problemi e li hanno aggravati. Grave perché è aumentato il debito, addirittura con un extra deficit nel 2016 notevole. Grave perché è aumentata la mobilità passiva. Grave perché non sono garantiti i livelli essenziali di assistenza.

I calabresi non si possono curare, non è garantito loro il diritto alla salute, che è sancito dalla nostra Costituzione e non è garantito in Calabria. Questa è la questione sulla quale dobbiamo discutere e determinarci, non un inesistente, più volte in maniera propagandistica riproposto, braccio di ferro fra il presidente Oliverio e il commissario Scura, ingegnere Scura, che, ripeto, mi pregio di non conoscere; ho ascoltato qualche collega che lo conosce, ma io non lo conosco.

Non c'è un braccio di ferro, ma una condizione inaccettabile nella quale versano i servizi pubblici non erogati, in questo caso in sanità, male erogati o poco erogati, a seconda dei casi. E questa questione investe il dovere e la responsabilità di ogni consigliere regionale, a prescindere dalla propria appartenenza politica o partitica che sia. La scelta che Mario Oliverio ha fatto su questo tema sta in linea con queste impostazioni. Il Presidente della Regione avrebbe potuto contrattare per sé o per alcuni gruppi, il partito e così via, e trascurare la gravità della situazione; avrebbe potuto tacere alla vigilia delle elezioni politiche, per qualche candidatura, ma ha scelto di denunciare in maniera forte questa condizione, ha scelto di stare dalla parte dei calabresi che lo hanno votato e anche di quelli che non lo hanno votato, di rappresentarli tutti, come è abituato a fare da uomo delle istituzioni. Siamo di fronte a una questione strutturale, non a un braccio di ferro, non la diciamo più questa cosa. Siamo di fronte a una questione che risale a 7 anni fa e che si è aggravata, ministro Lorenzin, negli ultimi sei mesi; è vero, 100 milioni per scelte strettamente connesse alle scelte dell'ufficio del commissario, e perché i Tavoli ministeriali vigilanti hanno registrato in due occasioni, a giugno e a novembre, tutte le cose che abbiamo detto, chiedendo, muovendo dei rilievi e la contestuale rimozione del commissario e registrando questa grave condizione di crisi. Altri toni ci hanno detto di un Presidente che utilizza i termini a casaccio, ma “meschineria” e “meschinità” hanno lo stesso significato e, quindi, mi aspetto che si chieda scusa al presidente Oliverio anche su questo, così come è vero che il commissariamento è iniziato con Scopelliti, e non lo so se Scopelliti, uomo politico navigato, si è fatto trasportare dall'ex presidente Loiero; so che l'ha chiesto lui e che ha aperto una fase che oggi registra 7 anni di disastro in sanità. Una fase che si deve chiudere perché il commissariamento è fallito. Del resto, il commissariamento è un provvedimento straordinario che si apre e si chiude in un periodo relativamente breve. Se non si chiude, ha fallito, lo dice il termine stesso.

ROMEO Sebastiano (Partito Democratico)

Ho sentito che il presidente Oliverio sarebbe un uomo solo al comando. Quando si convoca una Conferenza dei Sindaci calabresi e si ottiene un mandato preciso da 360 sindaci della Calabria, tutto si è tranne che isolati, e su questo poi dirò. Altro che isolato, un mandato forte, rappresentativo della Calabria. Quando su questa questione si esprime il Consiglio regionale, altro che uomo solo al comando. Quando su questa questione si esprimono forze politiche, parlamentari, che producono atti alla Camera che vengono anche approvati – venti giorni fa, con un ordine del giorno, si è votata la richiesta al Governo di superare la fase commissariale in Calabria – Oliverio è un uomo isolato? Se questo significa essere isolati, ben venga l'isolamento. Non diciamo sciocchezze e non abusiamo dei termini, badiamo alle questioni che riguardano la vita quotidiana dei calabresi e, quando lo facciamo, non possiamo fare sconti a nessuno, è vero.

Ci sono dei direttori generali – è vero – che non sempre hanno agito secondo il mandato che il presidente Oliverio ha consegnato loro e non ci saranno sconti per nessuno. Il presidente Oliverio lo ha detto pubblicamente, sulla stampa e durante l'ultima Conferenza dei Sindaci. Tuttavia, i direttori generali – lo sapete, lo sappiamo – devono agire secondo le linee dettate dall’ufficio del Commissario. Non dobbiamo guardare le questioni a valle e, se ci sono questioni da affrontare, lo faremo, senza fare di tutta l'erba un fascio, ma cercando di risolvere il problema a monte, o meglio, alla radice. I calabresi hanno diritto di essere curati come gli altri italiani. Pertanto, abbiamo chiesto al Governo un atto interruttivo, che sono convinto ci sarà. Il ministro Lorenzin ha detto che porterà la relazione in Consiglio dei Ministri ed il Consiglio dei Ministri deciderà. Dal ministro Lorenzin, che è vero essere espressione del nostro Governo, si sono recati in delegazione un consigliere regionale e il sindaco della città di Locri e, quando sono usciti, hanno detto “bene per l’invio degli ispettori”. Adesso in quest’Aula si sta dicendo “non bene”.

Si cambia troppo spesso idea, prima sul commissariamento, poi sugli ispettori.

Contemporaneamente, però, il presidente Oliverio aveva dato indicazione all’ASP di Reggio Calabria di fare due cose: procedere nell'immediatezza ad eseguire le procedure autorizzate sull'Ospedale di Locri e richiedere al commissario governativo nuovi ed urgenti provvedimenti per l'Ospedale di Locri, che abbiamo trovato semichiuso, dicendo, inoltre, che se il commissario non avesse accolto la richiesta dell'ASP di Reggio Calabria, il presidente Oliverio avrebbe adottato un atto straordinario della sua Giunta sull'Ospedale di Locri.

Questa è la realtà. Un atto interruttivo dicevo – consigliere Guccione – che ci aspettiamo dal Consiglio dei Ministri. Ce lo aspettiamo perché ci sono i verbali dei Tavoli interministeriali, ci sono gli atti parlamentari, c'è stato il pronunciamento del Consiglio regionale e c'è un Governo che – è vero collega Guccione – abbiamo giudicato, sui Patti per la Calabria, ad esempio, o sugli investimenti, un Governo “amico”, ma che non abbiamo difficoltà a giudicare “non amico” se non dà risposte positive alla Calabria.

Nel merito delle questioni c'è un confronto che non è di subalternità, ma che giudica i provvedimenti. Mi aspetto un provvedimento del Consiglio dei Ministri che superi il commissariamento e apra una nuova fase in Calabria e, sono certo, che il Consiglio dei Ministri applicherà la legge in Calabria, così come l’ha applicata in Campania. Ne sono certo, collega Ciconte, sicuro. Se non lo farà, vorrà dire – e lo dico nel pieno delle mie facoltà – che a prevalere, presidente Oliverio, saranno interessi extra democratici, estranei al processo democratico, ma sono certo che non accadrà. Sarebbe gravissimo, collega Bova, perché si parla di sanità e di interessi che hanno segnato la storia dell'Italia e della Calabria e immaginare che un Governo democratico della nostra Repubblica non ascolti né i tavoli interministeriali, né il Consiglio regionale della Calabria, né i parlamentari, né il pronunciamento dei parlamentari del Partito Democratico, sinceramente mi pare impossibile.

Quanto sono forti questi interessi per superare un’espressione democratica così corale, ripetuta e forte? Non è possibile! Per questo sono convinto che il Consiglio dei Ministri deciderà in questa direzione. Certo, se non lo dovesse fare, noi saremmo di fronte ad una grave lesione istituzionale tra una Regione e il Governo del Paese, nonché di fronte al prevalere di interessi oscuri che abbiamo denunciato. Non è vero che all'ASP di Reggio Calabria non è stata denunciata la vicenda dei doppi pagamenti. No! L'abbiamo denunciata noi, e mi fermo qui, incaricando il commissario di sporgere denuncia immediata alle Autorità competenti e lo ha fatto Mario Oliverio. Attenzione quando diciamo cose inesatte e, se siamo a conoscenza di altri casi di doppi pagamenti o di violazioni di legge, andiamo a fare denunce subito, perché con queste cose non si fa teatrino della politica, si fanno atti conseguenti. Per questo dico che il Consiglio dei Ministri adotterà un atto interruttivo e applicherà la legge. Ne sono certo, perché Paolo Gentiloni è un signore delle Istituzioni. Questa sarà la decisione del Consiglio dei Ministri e gli interessi oscuri – “oscuri” non “o Scura”, altrimenti mi becco un'altra querela – non prevarranno. Non prevarranno gli interessi delle transazioni, degli advisors che non fanno gli advisors.

Paghiamo centinaia di migliaia di euro a una Società che si chiama KPMG che di mestiere fa l'advisor contabile, però non si capisce bene quali bilanci osservi, se sono in questa condizione. Anche qui non parliamo soltanto dei Direttori Generali (DG).

I DG che falliscono i loro obiettivi devono andare a casa. Il presidente Oliverio ha detto che li manderà a casa, non ci sono problemi.

Parliamo degli interessi che lucrano centinaia di migliaia di euro dei calabresi. Cosa fa questa Società? Quali bilanci osserva e quali sono le sue conclusioni? L’advisor contabile deve fare questo e non lo fa. Ma, ripeto, a prevalere saranno la democrazia e la legge.

Considerato che dobbiamo assumere delle decisioni, avendo contezza delle determinazioni del Consiglio dei ministri, sono d'accordo col presidente Oliverio e con i colleghi Ferro ed Orsomarso, con chi lo ha detto prima, e meglio di me.

Presidente Oliverio, a mio giudizio dobbiamo fare almeno due cose: la prima – lo ha detto anche lei – riconvocare la Conferenza dei Sindaci, che le ha dato un mandato forte – altro che uomo solo al comando – cui riferire delle determinazioni e dopo tali determinazioni, presidente Irto, convocare un Consiglio straordinario sulla sanità, per decidere e discutere sulle stesse. Questo devono fare le istituzioni, e chiedo che lo facciano.

ESAME ABBINATO

Proposta di legge numero 58/10^ di iniziativa dei consiglieri D. Battaglia, G. Aieta,D. Bevacqua,M. D'acri,G. Giudiceandrea,M. Mirabello,F. Sculco,F. Sergio recante:  “Modifiche alla legge regionale 25 novembre 1996, n. 32 e norme in materia di alloggi di edilizia residenziale pubblica”
Proposta di legge numero 93/10^ di iniziativa del consigliere F. Orsomarso recante: “Modifiche alla legge regionale 25 novembre 1996, n. 32 e norme in materia di alloggi di edilizia residenziale pubblica”

E' in discussione in testo unificato: Modifiche alla legge regionale 25 novembre 1996, n. 32 e norme in materia di alloggi di edilizia residenziale pubblica

PRESIDENTE

Continuiamo con l'ordine del giorno e passiamo all'esame abbinato delle proposte di legge numero 58/10^ e 93/10^: “Modifiche alla legge regionale numero 32 del 25 novembre 1996 e norme in materia di alloggi di edilizia residenziale pubblica”. Cedo la parola al consigliere Bevacqua per illustrare provvedimento.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico)

Grazie, Presidente. Molto brevemente, solo per dire che si tratta di un Testo unico rispetto alle due proposte di legge, la 58/10^ e la 93/10^. Si tratta di un Testo che apporta delle modifiche alla legge regionale numero 32 del 1996 e propone una serie di modifiche a partire, appunto, dalla definizione univoca di “alloggio sociale”, ridefinisce e allarga la platea di alcune categorie dei possibili beneficiari, innalza il limite reddituale massimo, stabilendo più ampi margini temporali per la definizione delle procedure di assegnazione e di decadenza del diritto all'alloggio, di risoluzione del rapporto o di rateizzazione dei canoni arretrati e, infine, sposta il termine per la trasmissione alla Regione da parte dell’Aterp regionale e dei Comuni, di ulteriori piani di vendita.

Credo che il collega Battaglia abbia svolto un ruolo importante su questa proposta di legge, attraverso un'intensa attività di confronto con il Settore legislativo del Consiglio regionale. Lascio a lui la parola per meglio illustrare la legge, che merita un suo intervento.

PRESIDENTE

Cedo la parola al consigliere Battaglia che, magari, nella stessa relazione potrà illustrare anche l'iter e il maxiemendamento. Grazie.

BATTAGLIA Domenico Donato (Partito Democratico)

Grazie. Presidente del Consiglio, Presidente della Giunta, assessori, colleghi consiglieri, il testo di legge, oggi all’esame dell’Aula, è frutto di un lavoro di confronto e condivisone con i colleghi cofirmatari: Aieta, D’Acri, Giudiceandrea, Mirabello, Sculco e Sergio, il Presidente della quarta Commissione, Domenico Bevacqua, l’assessore Roberto Musmanno, il Dipartimento regionale, il Settore Legislativo del Consiglio regionale, l’ATERP regionale, i Presidenti delle Commissioni assegnazione alloggi che, come è noto, sono dei magistrati, e le Associazioni Nazionali degli Inquilini ed Assegnatari ANIA e SUNIA. A tutti loro va il mio sentito ringraziamento per il contributo offerto in termini di proposte, idee, competenze e professionalità.

Cari colleghi, la proposta legislativa licenziata nel merito dalla quarta Commissione consiliare Ambiente e Territorio in data 2 febbraio 2017, interviene sulla legge regionale numero 32 del 25 novembre 1996: “Disciplina per l’assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica” ed introduce nuove norme in materia di edilizia residenziale pubblica e sociale.

La stessa segna un punto di svolta nel settore dell’edilizia residenziale pubblica con norme chiare, forti e incisive a tutela sia degli Enti proprietari o gestori sia degli aspiranti assegnatari che versano in condizioni economiche e sociali svantaggiate.

Viene introdotto il concetto di alloggio di “edilizia residenziale sociale”, così come definito dal decreto del ministro delle infrastrutture del 22 aprile 2008.

Gli alloggi di edilizia residenziale sociale, inoltre, potranno essere assegnati e gestiti anche dall’ATERP regionale, attraverso un Regolamento attuativo, che sarà predisposto e licenziato dalla Giunta Regionale. Vengono modificati e resi più stringenti i requisiti in possesso dei concorrenti e dei propri nuclei familiari per poter accedere all’assegnazione degli alloggi popolari, modificando ed integrando l’articolo 10 della legge regionale numero 32 del 1996, e viene riscritto e riformulato in maniera più chiara l’articolo 8 della stessa legge, in merito alle nozioni di particolari categorie sociali. Nel provvedimento viene ribadito in maniera netta il principio secondo il quale gli alloggi di edilizia residenziale pubblica vanno assegnati attraverso i bandi di concorso pubblicati dai Comuni, con regole e tempi rapidi rispetto al passato per la formulazione delle graduatorie definitive di competenza delle commissioni di assegnazione alloggi.

I bandi di concorso, quindi, e le graduatorie di assegnazione dovranno essere pubblicati e aggiornati secondo i termini previsti e indicati dalla legge, senza più deroghe per i Comuni inadempienti, che saranno commissariati dalla Regione, attraverso l’attivazione dei poteri sostitutivi e la nomina di Commissari ad acta che provvederanno a pubblicare i relativi bandi di concorso. Le graduatorie definitive, inoltre, dovranno essere sempre visibili dai cittadini sui siti web dei Comuni e aggiornate in tempo reale a seguito di eventuali assegnazioni.

Viene innalzato il limite di reddito per concorrere all’assegnazione, riformulato il punteggio di assegnazione per il reddito complessivo del nucleo familiare, abrogato il punteggio che veniva concesso ai nuclei familiari di extracomunitari regolarmente soggiornanti in Calabria, ristabilendo il principio della condizione di parità di accesso con i cittadini italiani, ai sensi del decreto legislativo numero 286 del 25 luglio 1998 (Testo unico sull’immigrazione), innalzato il punteggio da due a tre in favore delle giovani coppie il cui limite di età passa da 35 a 40 anni ed aggiornati i canoni di locazione e le relative fasce di reddito per il relativo calcolo, intervenendo sull’articolo 35 della legge regionale numero 32 del 1996.

Al fine di evitare le storture del passato, con centinaia e centinaia di alloggi assegnati al di fuori delle graduatorie in essere, si interviene sull’articolo 31 della stessa legge; per i Sindaci e i Comuni sarà più difficile assegnare alloggi popolari in via provvisoria e temporanea, al di fuori dei requisiti prescritti dalle procedure concorsuali e dalle graduatorie in essere, se non per pochi e limitati casi eccezionali. Vengono aggiornati i canoni di locazione e le relative fasce di reddito.

La legge prevede da parte degli Enti proprietari o gestori un censimento delle unità immobiliari occupate senza titolo, con l’indicazione di eventuali contenziosi esistenti e delle caratteristiche dei nuclei familiari occupanti gli alloggi censiti, nonché un censimento generale e aggiornato del patrimonio di alloggi di proprietà in gestione dell’ATERP regionale e dei Comuni.

Voglio evidenziare a quest’Aula che, ad oggi, la Regione non conosce esattamente a quanto ammonta in termini numerici il fenomeno delle occupazioni abusive in Calabria.

Gli inquilini morosi nel pagamento dei canoni di locazione e di ogni altro onere accessorio, al fine di evitare possibili procedure di sfratto, potranno richiedere agli Enti proprietari o gestori, rateizzazioni fino a 84 mesi per sanare la propria posizione debitoria così come, ai fini della rideterminazione del canone di locazione e per evitare l’applicazione del canone massimo nei casi di inadempienza, potranno comunicare i redditi del proprio nucleo familiare, sanando la loro posizione fino agli ultimi cinque anni.

Vengono adottate ulteriori disposizioni in materia di vendita degli immobili di edilizia residenziale pubblica, secondo le disposizioni contenute nel decreto legge numero 47 del  28 marzo 2014 convertito, con modificazioni della legge numero 80 del 23 maggio 2014, nonché nel rispetto delle procedure e dei criteri dettati dal decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del 24 febbraio 2015 con la possibilità, da parte degli Enti proprietari, di deliberare nuovi programmi di alienazione, i cui introiti saranno impegnati per la manutenzione straordinaria, la riqualificazione ed il recupero del patrimonio immobiliare esistente.

Questi, in sintesi, i punti principali e qualificanti del testo di legge, articolato e complesso, che si pone come obiettivo principale quello di alzare il livello della legalità e della trasparenza nel settore dell’edilizia residenziale pubblica della Regione ed intervenire sulle criticità di una legge regionale datata 1996, quindi risalente a più di venti anni fa, riformandola ed adeguandola ai tempi attuali. Per tali motivi, chiedo all’Aula il voto favorevole del provvedimento in esame. Grazie.

PRESIDENTE

Grazie, consigliere Battaglia. Se non ci sono altri interventi, passiamo all'esame e alla votazione del provvedimento. È stato presentato un maxiemendamento, sempre a firma del consigliere Battaglia, protocollo numero 50014 ed un subemendamento al maxiemendamento, sempre a firma del consigliere Battaglia, protocollo numero 51655, già illustrato nelle sue relazioni.

Ricordo all’Aula che, ai sensi dell'articolo 94, comma 3, del Regolamento interno del Consiglio regionale, si vota prima subemendamento e poi il maxiemendamento.

Pongo in votazione il subemendamento che è approvato. Passiamo al maxiemendamento protocollo numero 50014, sempre a firma del consigliere Battaglia, che é approvato.

Passiamo alla votazione del provvedimento, il titolo dell'esame abbinato delle proposte di legge, che è approvato per come emendato. Passiamo all’esame dell’articolato.

Articolo 1

(E’ approvato per come emendato)

Articolo 2

(E’ approvato)

Articolo 3

(E’ approvato)

Articolo 4

(E’ approvato)

Articolo 5

(E’ approvato)

Articolo 6

(E’ approvato)

Passiamo alla votazione della legge nel suo complesso che è approvata per come emendata, con autorizzazione al coordinamento formale.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportata in allegato)

Proposta di legge numero 199/10^ di iniziativa del consigliere M. Mirabello recante: “Interventi per la realizzazione di soggiorni educativo-terapeutici nella Regione Calabria in favore di bambini, adolescenti e giovani con diabete mellito”

PRESIDENTE

Passiamo alla proposta di legge numero 199/10^ di iniziativa del consigliere Mirabello: “Interventi per la realizzazione di soggiorni educativo-terapeutici della Regione Calabria in favore di bambini adolescenti e giovani con diabete mellito”. Prego, consigliere Mirabello, ha facoltà di illustrare la proposta.

MIRABELLO Michelangelo (Partito Democratico)

Presidente, colleghi consiglieri, Presidente della Giunta regionale, illustri assessori, il disegno di legge che oggi ci apprestiamo ad approvare è stato varato dalla Commissione che presiedo, con voto unanime, in considerazione della necessità di dare questo importante supporto ai bambini, agli adolescenti ed ai giovani che soffrono di questa particolare patologia.

Preliminarmente, volevo ricordare all’Aula che dalle rilevazioni effettuate dalla rete diabetologica calabrese, risulta che la Regione Calabria si colloca in testa fra quelle in cui vi è il più alto tasso di incidenza ed in progressivo aumento del 3 per cento su base annua.

La Regione Calabria, accogliendo le linee di indirizzo espresse dalla comunità scientifica, già recepite con legge dello Stato numero 115/87 mediante un Piano nazionale ad hoc, ha disposto nel 2009 l'organizzazione della Rete diabetologica pediatrica, finalizzata ad ottimizzare le pratiche di monitoraggio e prevenzione del disturbo cronico nelle differenti forme e fasce di età in cui esso si manifesta, adeguando le specifiche unità operative regionali relativamente all'attività di accertamento, trattamento ordinario e assistenza specialistica, introducendo un'attività sistematica educativa dei pazienti ed il relativo aggiornamento del personale sanitario.

Questo quadro di riferimento, in conformità con la complessità della malattia, ha l'obiettivo di sviluppare sul territorio regionale un'organizzazione specialistica in grado di rispondere adeguatamente alle necessità dei giovani pazienti e delle famiglie.

Come già chiarito, e come annotato nella relazione di accompagnamento di questo progetto di legge, la Regione Calabria ha riconosciuto la pratica dei soggiorni educativo-terapeutici, provvedendo al finanziamento triennale di questi progetti sviluppati dal Centro di coordinamento regionale della rete diabetologica pediatrica calabrese e rivolti a bambini, adolescenti e giovani con diabete mellito.

Gli obiettivi che oggi ci prefiggiamo e che intendiamo perseguire mediante il sostegno alle attività di soggiorni e campi-scuola, riguardano la promozione di una specifica educazione all'indipendenza nella gestione del diabete, la condivisione e il superamento dei problemi quotidiani, lo sviluppo complessivo del processo di autostima dei soggetti a cui essi sono rivolti. Il provvedimento detta la disciplina delle differenti tipologie di attività, facendo ad esse corrispondere la platea dei partecipanti, nonché le specifiche modalità organizzative. Inoltre, è presente un monitoraggio di queste patologie sul territorio regionale e lo sviluppo delle competenze necessarie ad affrontarla.

Attraverso questo progetto intendiamo contribuire alla crescita armoniosa e serena di quei giovani e giovanissimi calabresi che meritano la nostra attenzione ed il sostegno da parte della Regione. Grazie, Presidente.

PRESIDENTE

Ci sono altri interventi? Passiamo alla votazione del provvedimento.

Articolo 1

(E’ approvato)

Articolo 2

(E’ approvato)

Articolo 3

(E’ approvato)

Articolo 4

(E’ approvato)

Articolo 5

(E’ approvato)

Articolo 6

(E’ approvato)

Articolo 7

(E’ approvato)

Articolo 8

(E’ approvato)

Passiamo alla votazione della legge nel suo complesso che è approvata con autorizzazione al coordinamento formale.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportata in allegato)

Mi permetto di ringraziare i presidenti Mirabello ed Aieta per questo progetto di legge che si ancora ad un articolato collegato alla Finanziaria dell'anno scorso che, sostanzialmente, ha dato la possibilità a questo Consiglio regionale di normare qualcosa che era già attivo da qualche anno nella nostra regione e, soprattutto, di dargli una statura che, probabilmente, sarà vista in positivo anche dalle altre regioni d'Italia.

Proposta di legge numero 269/10^ di iniziativa del consigliere D. Bevacqua: “Norme di attuazione della legge 21 novembre 2000, n. 353 (Legge quadro in materia di incendi boschivi)” 

PRESIDENTE

Passiamo alla proposta di legge numero 269/10^ di iniziativa del consigliere Bevacqua: “Norme di attuazione della legge numero 353 del 21 novembre 2000”. Prego, consigliere Bevacqua, può illustrare la proposta.

BEVACQUA Domenico (Partito democratico)

Grazie, Presidente. Innanzitutto permettetemi di esprimere tutta la mia soddisfazione per il testo che oggi arriva in Aula per l’approvazione e che mi vede quale unico firmatario. Soddisfazione ancora maggiore, devo dire, anche per l’unanime apprezzamento che l'iniziativa ha registrato da parte di tutti i colleghi consiglieri. A questo proposito, vorrei ringraziare i membri della Commissione ambiente, i colleghi Tallini, Nucera, Arruzzolo, Bova e Greco, così come il Presidente della Commissione bilancio, il collega Aieta, ed il capogruppo del Partito Democratico, Sebastiano Romeo, per avere pubblicamente evidenziato la validità della proposta.

Allo stesso modo, non posso non ringraziare il presidente Irto per aver, in più occasioni pubbliche, sostenuto il progetto, impegnandosi per la sua approvazione entro la fine dell'anno, e oggi ci siamo.

Naturalmente questa non è una proposta di legge improvvisata o che ha avuto scorciatoie, ma è una legge ben argomentata che ha visto il coinvolgimento dei dipartimenti interessati, delle associazioni presenti sul territorio, dei sindacati che abbiamo audito nelle cinque sedute ad essa dedicate e che hanno fornito un contributo prezioso ed essenziale. Per questo vorrei ringraziare l’ingegnere Siviglia, il commissario Mariggiò, il dirigente Tansi e Legambiente che, con le loro proposte, hanno ulteriormente arricchito il testo che oggi stiamo per approvare.

Sento di poter affermare che, in questo caso, la politica e le istituzioni hanno saputo compiere il proprio dovere, recependo in tempi rapidi l'allarme proveniente dalle varie realtà dei territori calabresi. Non ci siamo fermati all'intervento emergenziale nel momento di disastri incendiari, ma abbiamo saputo rispondere con una programmazione seria, tesa ad evitare che le situazioni dell'estate scorsa si possano ripetere in futuro.

Non era tollerabile che la classe dirigente calabrese continuasse a rimanere insensibile come è avvenuto per ben 17 anni!

La normativa odierna, infatti, finalmente recepisce e implementa in maniera organica anche in Calabria, la legge numero 353 del 2000, unitamente al decreto legislativo numero 177 del 2016, riorganizzando il sistema regionale di antincendio boschivo, nell'ottica della maggiore efficienza possibile. Ancora una volta – lo voglio gridare ad alta voce in quest’Aula – l'attuale Legislatura, come bene ha evidenziato in questi giorni anche il presidente Irto in un convegno e in una conferenza stampa, smentisce con i fatti il luogo comune della inefficienza di questo Consiglio regionale. Da quando ci siamo insediati, l'attenzione rivolta verso le tematiche ambientali del territorio è stata una stella polare fissa per questa maggioranza. A testimoniarlo bastano l'approvazione di strumenti fondamentali come il QTRP (Quadro Territoriale Regionale Paesaggistico) e la legge urbanistica. La parola chiave, attorno alla quale ruota la ratio di questa legge è la prevenzione, che riteniamo possa essere realizzata predisponendo un modello organizzativo efficiente e regolarmente monitorato. Il cardine della programmazione risiede nel piano AIB, che abbiamo dettagliatamente puntualizzato in ordine alla sua approvazione, ai soggetti attuatori ed al suo monitoraggio.

Vengono dettate, inoltre, le procedure per la dichiarazione dello stato di massimo rischio e pericolosità e disposte la definizione regionale dei requisiti minimi e dell'approccio metodologico che i Comuni sono tenuti a rispettare in relazione alla redazione degli elaborati che formano il catasto degli incendi boschivi.

Abbiamo, altresì, previsto che la mancata redazione – qui è la novità – o l’aggiornamento del catasto incendi e della relativa cartografia da parte dei Comuni, potrà costituire motivo di esclusione degli stessi Comuni dai bandi e dai finanziamenti regionali.

Seguono poi una serie di prescrizioni particolari per i terreni interessati ai fenomeni incendiari, unitamente agli obblighi – e qui pure c’è una condizione ben precisa – per l'esecuzione di opere di manutenzione.

Il testo si conclude con l’inasprimento delle sanzioni amministrative di competenza regionale che, in caso di violazioni ai divieti e alle prescrizioni, scatteranno insieme a quanto già previsto dalla normativa nazionale.

Nel complesso, cari colleghi, mi sento di poter affermare che il provvedimento che ci accingiamo a licenziare ha tutte le caratteristiche di un’azione legislativa organica e adeguata.

Questi provvedimenti, agendo in maniera incisiva e tempestiva, riavvicinano la politica ai cittadini. È questa la buona programmazione, è questa la risposta giusta ai populismi e ai qualunquismi. Grazie.

PRESIDENTE

Ci sono altri interventi? Passiamo all'esame e alla votazione del provvedimento.

Articolo 1

(E’ approvato)

Articolo 2

(E’ approvato)

Articolo 3

(E’ approvato)

Articolo 4

(E’ approvato)

Articolo 5

(E’ approvato)

Articolo 6

(E’ approvato)

Articolo 7

(E’ approvato)

Articolo 8

(E’ approvato)

Articolo 9

(E’ approvato)

Articolo 10

(E’ approvato)

Articolo 11

(E’ approvato)

Articolo 12

(E’ approvato)

Articolo 13

(E’ approvato)

Articolo 14

(E’ approvato)

Passiamo alla votazione della legge nel suo complesso che è approvata con autorizzazione al coordinamento formale.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportata in allegato).

Proposta di legge numero 71/10^ di iniziativa dei consiglieri O. Greco, M. D'Acri, F. D’Agostino, V. Pasqua, F. Sergio recante: “Misure per promuovere il turismo sportivo mediante la diffusione del gioco del golf e la realizzazione di impianti golfistici” 

PRESIDENTE

Passiamo alla proposta di legge numero 71/10^ di iniziativa dei consiglieri Greco, D'Acri, D'Agostino, Pasqua e Sergio: “Misure per promuovere il turismo sportivo mediante la diffusione del gioco del golf e la realizzazione di impianti golfistici”. Cedo la parola al consigliere Greco per illustrare la proposta.

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

Grazie, Presidente. Questa legge ritorna in Consiglio regionale dopo ulteriori approfondimenti in Commissione, dove sono state apportate una serie di correzioni sia dal dipartimento bilancio sia dal Settore legislativo. Mi corre l'obbligo di ringraziare i colleghi, ma soprattutto la Commissione bilancio, che ha esaminato in modo dettagliato e approfondito tutte le discrasie che erano emerse nella prima stesura, portando a casa un risultato importante che oggi dà la possibilità ai 25 milioni di golfisti del nord Europa di poter avere una meta anche in Calabria.

Questo è un risultato importante. Sono molto contento di come sono andate le cose e di come, peraltro, anche la Commissione si è pronunciata. Aspettiamo, quindi, una fase attuativa nell'immediato. Grazie.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire la consigliera Ferro. Ne ha facoltà.

FERRO Wanda (Gruppo Misto)

E’ solo una richiesta di chiarimento, perché ho notato che la proposta di legge è stata rivista all'articolo 5 e che sono stati abbassati anche i metri quadri di cubatura. Ho una sola perplessità, considerato che si parla sempre e comunque di Conferenza dei servizi: partendo dal presupposto che eventuali suoli agricoli, attraverso le Conferenze dei servizi, possono trasformarsi, consentendo di edificare secondo le necessità del campo di golf in materia di ricettività, rispetto alla legge regionale “consumo suolo zero” però questo va a creare un circuito strano. All’articolo 5 della precedente bozza - per cui diamo già per scontato che ci saranno Fondi comunitari destinati - quindi credo che questo vada detto, in modo che chiunque voti, sappia che sta votando una legge in cui la Regione Calabria intende investire sullo sport e sul golf attraverso i Fondi comunitari.

La mia domanda è: se ad investire è un privato, mentre prima nella legge si precisava che dopo 10 anni si poteva tranquillamente vendere il bene costruito, oggi l'articolo 5 non specifica nulla, se non ricordo male. Mi pare sia l'articolo 5, perché stiamo parlando di una metratura anche abbastanza importante. Forse mi può aiutare il consigliere Greco.

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

Quella norma è scomparsa, non c'è più.

FERRO Wanda (Gruppo Misto)

E’ scomparsa però, secondo me, dobbiamo comunque blindare; una cosa è se lo costruisce un Ente locale, altra cosa è se lo costruisce un privato. Non specificando nulla, diamo la possibilità eventuale di appellarsi al fatto che dopo un tot di anni questi beni che sono stati costruiti possono essere rivenduti, chiude il campo da golf e vendiamo l'albergo, piuttosto che altri servizi.

Per una forma di tutela, capisco che non ci sono oneri ed è spiegato e precisato in tutti gli articoli – anche se l’aspetto degli oneri è stato sollevato dal consigliere Pasqua – ma, a mio avviso, andrebbe meglio precisato l’aspetto riguardante l’eventuale interruzione dell’attività del campo da golf, altrimenti anche il privato usufruisce della linea dei Fondi comunitari, investe, costruisce e dopo aver preso i Fondi decide che non si fa più il campo da golf e vende l’albergo.

Per evitare che ciò accada, bisogna creare forme di salvaguardia attraverso ulteriori chiarimenti, in modo da tutelare anche i Fondi comunitari ed il loro utilizzo.

Un’altra precisazione: ho visto che è compatibile col QTR regionale, questo è stato precisato, però rispetto all'articolo 27 quater, in cui si parla del suolo zero e dell'articolo 65 – lo so, é complesso, ma bisogna dare delle regole poi la votiamo non c'è problema –se non chiariamo si potrebbe dire che sui campi da golf basta una Conferenza di servizi per tramutare un suolo agricolo in suolo comunque edificabile. Ho letto che c'è anche il parametro del verde, però si costruiranno strutture importanti e non vorrei che poi lo sport passasse in secondo ordine e si vendessero gli alberghi, piuttosto che altro. Sono precisazioni e chiarimenti. Grazie.

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

L’articolo 27 quater che, peraltro, é un articolo formulato da me, é complessivo rispetto all'indice urbanistico e alla volumetria consentiti in tutto il Comune, quindi non va ad incidere su questo, perché sono sempre i Comuni che decidono quali volumetrie destinare e, quindi, spetta ai Piani regolatori vigenti come fare la riduzione. Sulla questione dei piano dei Fondi comunitari, consigliera Ferro, il dato è che qui facciamo una legge di natura urbanistica, quindi non andiamo a mettere in campo i finanziamenti che domani potrebbero arrivare, per cui oggi non possiamo, proprio per le cose che dicevamo prima…

(Interruzione)

FERRO Wanda (Gruppo Misto)

La mia richiesta è quella di precisare che l'imprenditore, che usufruisce di un eventuale contributo o finanziamento dei Fondi comunitari, non può disfarsi del bene prima di 30 o 50 anni.

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

E’ quello che c'era prima.

FERRO Wanda (Gruppo Misto)

C'era nella prima stesura, ma adesso non c’è più.

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

Perché il Settore legislativo, atteso che non si parla di finanziamenti ...

FERRO Wanda (Gruppo Misto)

Però si parla di linee.

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

Si può anche aggiungere, ma è stata una scelta del Settore legislativo.

FERRO Wanda (Gruppo Misto)

Era stato previsto un termine di dieci anni dall’avvenuta realizzazione che, secondo me, è anche ridotto, ma anche questo è sparito.

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

La scelta è stata fatta perché è a costo zero per la Regione.

FERRO Wanda (Gruppo Misto)

Diceva che “ritorna nel patrimonio disponibile del Comune”. Secondo me va fatta una puntualizzazione in tal senso.

ORSOMARSO Fausto (Gruppo Misto)

Credo che nel momento in cui, ad esempio, un b&b usufruisce di Fondi europei, è ovvio che per un tot di anni non possa essere utilizzato come abitazione privata, quindi credo che il dubbio legittimo della collega Wanda Ferro consista nell’utilizzo dei finanziamenti per la promozione che, secondo me, è garantito.

FERRO Wanda (Gruppo Misto)

Da vendita a terzi. Questa è la mia preoccupazione. Stiamo parlando di 70 campi di calcio, la metratura é per 70 campi di calcio costruito.

PRESIDENTE

Questo progetto di legge era stato ridiscusso in Commissione, ha avuto una sua nuova discussione e, tra l'altro, è stato approvato all'unanimità, quindi, se non ci sono altri interventi possiamo passare all'esame del provvedimento.

Articolo 1

(E’ Approvato)

Articolo 2

(E’ Approvato)

Articolo 3

(E’ Approvato)

Articolo 4

(E’ Approvato)

Articolo 5

(E’ Approvato)

Articolo 6

(E’ Approvato)

Articolo 7

(E’ Approvato)

Passiamo alla votazione della legge nel suo complesso, che è approvata con autorizzazione al coordinamento formale.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportata in allegato)

Proposta di legge numero 212/10^ di iniziativa del consigliere F. Orsomarso:  “Modifiche ed integrazioni alla legge regionale n. 30 del 26 novembre 2001 'Normativa per la regolamentazione della raccolta e commercializzazione dei funghi epigei ed ipogei freschi e conservati', così come modificata ed integrata con LL.RR. 31 marzo 2009, n. 9, 23 dicembre 2011, n. 47 e 27 dicembre 2012, n. 69”

PRESIDENTE

Passiamo al passiamo alla proposta di legge numero 212/10^ di iniziativa del consigliere Orsomarso: “Modifiche ed integrazioni alla legge regionale numero 30 del 26 novembre 2001 ‘Normativa per la regolamentazione della raccolta e commercializzazione dei funghi epigei ed ipogei freschi e conservati’ così come modificata ed integrata con legge regionale numero 9 del 31 marzo 2009, numero 47 del 23 dicembre 2011 e numero 69 del 27 dicembre 2012”. Prego consigliere Orsomarso.

ORSOMARSO Fausto (Gruppo Misto)

Si tratta di una proposta di legge di modifica della normativa per la ricerca del tartufo, un adeguamento rispetto alla legge nazionale, per cui i cercatori di tartufo calabresi possono usufruire delle stesse regole che ci sono in altre Regioni. Quindi è di natura ordinamentale e senza nessuna spesa. Grazie.

PRESIDENTE

Passiamo all'esame del provvedimento.

Articolo 1

(E’ approvato)

Articolo 2

(E’ approvato)

Articolo 3

(E’ approvato)

Passiamo alla votazione della legge nel suo complesso che è approvata con autorizzazione al coordinamento formale.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportata in allegato)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 186/10^ di iniziativa d'ufficio recante: “CORECOM – Programma di attività unitamente al relativo fabbisogno finanziario per l'anno 2018, ai sensi dell'art. 10, comma 1, della legge regionale numero 2 del 22 gennaio 2001”

PRESIDENTE

Passiamo alla proposta di provvedimento amministrativo numero 186/10^ di iniziativa d'ufficio: “CORECOM – Programma di attività unitamente al relativo fabbisogno finanziario per l'anno 2018, ai sensi dell'articolo 10, comma 1, della legge regionale numero 2 del 22 gennaio 2001. Cedo la parola al consigliere Neri. Prego, ha facoltà di illustrare la relazione.

NERI Giuseppe (Democratici Progressisti), relatore

La relazione la trovate in allegato. Leggo l'ultima parte, quella importante e relativa alla modifica delle schede. Sottopongo all’Aula il provvedimento, fermo restando che, per lo svolgimento delle funzioni proprie del Comitato, l’approvazione finanziaria è a carico del bilancio del Consiglio regionale per l'esercizio 2018, già approvato dall'Ufficio di Presidenza con delibera numero 75 del 24 novembre 2017, pari ad euro 50 mila, mentre per lo svolgimento delle funzioni delegate, il Corecom riceverà il contributo annuale dell’Agcom pari a 138 mila euro.

Si invita, pertanto, il Comitato e prendere atto della suddetta situazione finanziaria a carico il bilancio del Consiglio regionale e a modificare le tabelle allegate al presente provvedimento. Grazie.

PRESIDENTE

Passiamo all'esame e alla votazione del provvedimento.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportata in allegato)

Sull’ordine dei lavori

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Gallo. Ne ha facoltà.

GALLO Gianluca (Casa delle libertà)

Avevo chiesto l'inserimento degli ordini del giorno: “sulle offese rivolte ai medici calabresi”, “sul mancato riconoscimento della tredicesima mensilità agli ex dipendenti ARSSA”, “sul  riconoscimento del diploma in tecnico dei servizi sociali con la qualifica in operatore socio- sanitario”.

PRESIDENTE

Li deve consegnare alla Presidenza, consigliere Gallo. Ha chiesto di intervenire il consigliere Cannizzaro. Ne ha facoltà.

CANNIZZARO Francesco (Casa delle libertà)

Grazie, Presidente. Chiedo l’inserimento della mozione numero 96 del 23 ottobre 2017, precedentemente depositata all'Ufficio di Presidenza.

PRESIDENTE

Votiamo l’inserimento dell’ordine del giorno presentato dal consigliere Gallo, che è approvato. Prego consigliere Gallo.

Ordine del giorno numero 42 di iniziativa del consigliere G. Gallo “sulle offese rivolte ai medici calabresi dal sindaco di Cascina”

GALLO Gianluca (Casa delle libertà)

Sulle offese rivolte ai medici calabresi da parte del sindaco di Cascina, impegniamo il Governo regionale ad assumere tutte le iniziative necessarie ed idonee affinché vengano tutelate la dignità dei medici calabresi e l’immagine ed il buon nome della Calabria, valutando ogni azione a tal fine, non escluse quelle esperibili in sede istituzionale, civile e penale.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’ordine del giorno che è approvato.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in allegato)

Sull’ordine dei lavori

PRESIDENTE

Votiamo la richiesta di inserimento della mozione numero 96 del 23 ottobre 2017, a firma del consigliere Cannizzaro, che è approvato.

Mozione numero 96/10^ di iniziativa del consigliere F. Cannizzaro “al fine di riconoscere all'associazione sportiva dilettantistica R.C. BASKET in Carrozzina di Reggio Calabria, unica per genere e finalità sull'intero territorio regionale, l'adeguato sostentamento economico che consenta di proseguire il percorso sportivo e solidale volto alla sensibilizzazione verso la Normale Diversità, perseguito anche in ambito nazionale”

PRESIDENTE

Consigliere Cannizzaro, ha facoltà di illustrare la mozione.

CANNIZZARO Francesco (Casa delle libertà)

Sì, grazie Presidente. La mozione presentata è finalizzata a riconoscere all'associazione sportiva dilettantistica “Basket in carrozzina” di Reggio Calabria, unica per genere e finalità sull'intero territorio regionale, l'adeguato contributo economico che consenta di proseguire il percorso sportivo e solidale, volto alla sensibilizzazione verso la normale diversità e perseguito anche in ambito nazionale. Vorrei ricordare che i vertici di questa associazione avevano già incontrato la Giunta regionale. Mi auguro che possa essere supportata all'unanimità.

PRESIDENTE

Pongo in votazione la mozione che è approvata.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportata in allegato)

 

Esauriti i punti all'ordine del giorno, la seduta è tolta.

 

La seduta termina alle 21,35

Allegati seduta 45

Congedi

Ha chiesto congedo: Esposito.

(È concesso)

Annunzio di proposte di legge e loro assegnazione a Commissioni

Sono state presentate alla Presidenza le seguenti proposte di legge di iniziativa della Giunta regionale:

“Incentivazione dell’incoming turistico attraverso i trasporti aerei, ferroviario, su gomma e via mare, a sostegno della destagionalizzazione” (P.L. n. 299/10^)

E' stata assegnata alla seconda Commissione - Bilancio programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero - per il parere.

(Così resta stabilito)

“Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio di cui alle lettere a) ed e), comma 1, dell'articolo 73 del Decreto Legislativo 23 giugno 2011, n. 118 e s.m.i. - (deliberazione G.R. n. 600 del 29.11.2017) (P.L. n. 301/10^)

E' stata assegnata alla seconda Commissione - Bilancio programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero - per il parere.

(Così resta stabilito)

“Provvedimento generale recante norme di tipo ordinamentale e procedurale (Collegato alla manovra di finanza regionale per l'anno 2018) - (deliberazione G.R. n. 529 del 10.11.2017)” (P.L. n. 302/10^)

E' stata assegnata alla seconda Commissione - Bilancio programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero - ed alla prima Commissione - Affari istituzionali, affari generali e normativa elettorale, 3 Commissione - Sanità, Attività sociali, culturali e formative, quarta Commissione - Assetto e utilizzazione del territorio e protezione dell’ambiente, quinta Commissione - Riforme - per il parere, alla Commissione di Vigilanza ai sensi dell'art. 34, comma 3. lettera b) e al C.A.L. ai sensi dell'art. 126 Regolamento interno Consiglio regionale

(Così resta stabilito)

“Legge di stabilità regionale 2018 - (deliberazione G.R. n.530 del 10.11.2017)” (P.L. n. 303/10^)

E' stata assegnata alla seconda Commissione - Bilancio programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero - ed alla prima Commissione - Affari istituzionali, affari generali e normativa elettorale, 3 Commissione - Sanità, Attività sociali, culturali e formative, quarta Commissione - Assetto e utilizzazione del territorio e protezione dell’ambiente, quinta Commissione - Riforme - per il parere, alla Commissione di Vigilanza ai sensi dell'art. 34, comma 3. lettera b) e al C.A.L. ai sensi dell'art. 126 Regolamento interno Consiglio regionale

(Così resta stabilito)

“Bilancio di previsione finanziario della Regione Calabria per gli anni 2018-2020 - (deliberazione G.R. n. 531 del 10.11.2017)” (P.L. n. 304/10^)

E' stata assegnata alla seconda Commissione - Bilancio programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero - ed alla prima Commissione - Affari istituzionali, affari generali e normativa elettorale, 3 Commissione - Sanità, Attività sociali, culturali e formative, quarta Commissione - Assetto e utilizzazione del territorio e protezione dell’ambiente, quinta Commissione - Riforme - per il parere, alla Commissione di Vigilanza ai sensi dell'art. 34, comma 3. lettera b) e al C.A.L. ai sensi dell'art. 126 Regolamento interno Consiglio regionale

(Così resta stabilito)

 

È stata presentata alla Presidenza la seguente proposta di legge di iniziativa del C.A.L.:

“Integrazioni alla legge regionale 5 gennaio 2007, n. 1 (Istituzione e disciplina del Consiglio regionale delle Autonomie Locali)” (P.L. n. 305/10^)

E' stata assegnata alla prima Commissione - Affari istituzionali, affari generali e normativa elettorale - ed alla seconda Commissione - Bilancio programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero - per il parere.

(Così resta stabilito)

 

È stata presentata alla Presidenza la seguente proposta di legge di iniziativa dei consiglieri regionali:

Battaglia, Aieta, Bevacqua, D’Acri, Giudiceandrea, Mirabello, Neri, Sculco, Sergio, Arruzzolo, Cannizzaro, Nucera, Bova, Morrone, Guccione - “Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 30 marzo 1995, n. 8 (Norme per la regolarizzazione delle occupazioni senza titolo degli alloggi di edilizia residenziale pubblica)” (P.L. n. 300/10^)

E' stata assegnata alla quarta Commissione - Assetto e utilizzazione del territorio e protezione dell’ambiente - ed alla seconda Commissione - Bilancio programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero - per il parere.

(Così resta stabilito)

Arruzzolo - “Istituzione della giornata regionale dell'alimentazione” (P.L. n. 306/10^)

 

E' stata assegnata alla seconda Commissione - Bilancio programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero - per il parere.

(Così resta stabilito)

Giudiceandrea - “Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 29 marzo 2013, n. 15 (Norme sui servizi educativi per la prima infanzia)” (P.L. n. 307/10^)

E' stata assegnata alla terza Commissione – Sanità, Attività sociali, culturali e formative - ed alla seconda Commissione - Bilancio programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero - per il parere.

(Così resta stabilito)

Cannizzaro - “Strumenti d'interventi educativi per sottrarre i minori ai rischi del gioco d'azzardo, diretti e derivanti da azioni convulsive patologiche” (P.L. n. 308/10^)

E' stata assegnata alla terza Commissione – Sanità, Attività sociali, culturali e formative - ed alla seconda Commissione - Bilancio programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero - per il parere.

(Così resta stabilito)

Annunzio di proposte di provvedimento amministrativo

Sono state presentate alla Presidenza le seguenti proposte di provvedimento amministrativo di iniziativa della Giunta regionale:

“Documento di Economia e Finanza della Regione Calabria (DEFR) per gli anni 2018-2020 (Art. 36 del decreto 30.11.2017 legislativo 23 giugno 2011, n. 118) - (deliberazione G.R. n. 292 del 30.6.2017)” (P.P.A. n. 202/10^)

E' stata assegnata alla seconda Commissione - Bilancio programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero - ed alla prima Commissione - Affari istituzionali, affari generali e normativa elettorale, 3 Commissione - Sanità, Attività sociali, culturali e formative, quarta Commissione - Assetto e utilizzazione del territorio e protezione dell’ambiente, quinta Commissione - Riforme - per il parere, alla Commissione di Vigilanza ai sensi dell'art. 34, comma 3. lettera b) e al C.A.L. ai sensi dell'art. 126 Regolamento interno Consiglio regionale

(Così resta stabilito)

“Nota di aggiornamento del documento di Economia e Finanza della Regione Calabria (DEFR) per gli anni 2018/2020 (Paragrafo 6 del principio applicato della contabilità allegato 4.1 e art. 36 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118) - (deliberazione G.R. n. 528 del 10.11.2017)” (P.P.A. n. 203/10^)

E' stata assegnata alla seconda Commissione - Bilancio programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero - ed alla prima Commissione - Affari istituzionali, affari generali e normativa elettorale, 3 Commissione - Sanità, Attività sociali, culturali e formative, quarta Commissione - Assetto e utilizzazione del territorio e protezione dell’ambiente, quinta Commissione - Riforme - per il parere, alla Commissione di Vigilanza ai sensi dell'art. 34, comma 3. lettera b) e al C.A.L. ai sensi dell'art. 126 Regolamento interno Consiglio regionale

(Così resta stabilito)

“Presa d'atto della Decisione della Commissione europea C(2017)7520 final del 10 novembre 2017 di modifica del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 (FEASR) della Regione Calabria - (deliberazione G.R. n. 607 dell'11.12.2017)” (P.P.A. n. 206/10^)

E' stata assegnata alla seconda Commissione - Bilancio programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero - per il parere.

(Così resta stabilito)

 

È stata presentata alla Presidenza la seguente proposta di provvedimento amministrativo di iniziativa dell’Ufficio di Presidenza:

“Bilancio di previsione del Consiglio regionale per gli esercizi 2018-2020 - (deliberazione U.P. n. 75 del 24.11.2017)” (P.P.A. n. 204/10^)

 

È stata presentata alla Presidenza la seguente proposta di provvedimento amministrativo d’Ufficio:

“Designazione di due componenti nel Comitato dei garanti per l'accoglienza dei richiedenti asilo, dei rifugiati e sviluppo sociale, economico e culturale delle comunità locali (art. 5, l.r. 12 giugno 2009, n. 18)” (P.P.A. n. 205/10^)

Richiesta parere della Commissione consiliare

II dipartimento n. 7 - "Sviluppo economico, Lavoro, Formazione e Politiche sociali" della Giunta regionale ha trasmesso, per il parere della competente Commissione consiliare, il decreto del dirigente n. 2997 del 27 novembre 2017, recante: "Autorizzazione apertura nuova cava di inerti da eseguirsi in C.da Pietrastorta del Comune di Reggio Calabria. Ditta 2C di Chirico Flavia & C Snc" (Parere n. 32/10^)

E' stata assegnata alla seconda Commissione - Bilancio programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero - ed alla quarta Commissione - Assetto e utilizzazione del territorio e protezione dell’ambiente - per il parere.

(Così resta stabilito)

Adesione nuovo gruppo consiliare

Il Consigliere regionale Nazzareno Salerno, in data 30 novembre 2017, ha aderito al Gruppo consiliare Nuovo Centro Destra, giusta comunicazione acquisita al protocollo generale n. 49107 dell'1.12.2017.

Promulgazione di legge regionale

In data 11 dicembre 2017, il Presidente della Giunta regionale ha promulgato le sotto indicate leggi regionali e che le stesse sono state pubblicate telematicamente sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria n. 126 dell'11 dicembre 2017:

1. Legge regionale 11 dicembre 2017, n. 45, recante: "Modifiche alla legge regionale 12 giugno 2009, n. 19 (Collegato alla manovra di finanza regionale per l'anno 2009)";

2. Legge regionale 11 dicembre 2017, n. 46, recante: "Modifiche a leggi regionali a seguito di impegni assunti con il Governo in attuazione del principio di leale collaborazione e provvedimento di variazione al bilancio di previsione 2017- 2019";

3. Legge regionale 11 dicembre 2017, n. 47, recante: "Disciplina transitoria in materia di gestione dei rifiuti".

Trasmissione di deliberazioni

La Giunta regionale ha trasmesso copia delle seguenti deliberazioni di variazione al bilancio di previsione finanziario 2017-2019:

Deliberazione Giunta regionale n. 589 del 29.11.2017;

Deliberazione Giunta regionale n. 596 del 29.11.2017;

Deliberazione Giunta regionale n. 597 del 29.11.2017;

Deliberazione Giunta regionale n. 598 del 29.11.2017;

Deliberazione Giunta regionale n. 599 del 29.11.2017;

Deliberazione Giunta regionale n. 608 dell’11.12.2017;

Deliberazione Giunta regionale n. 615 dell’11.12.2017;

Deliberazione Giunta regionale n. 620 dell’11.12.2017;

Deliberazione Giunta regionale n. 622 dell’11.12.2017.

Interrogazioni a risposta immediata

 

Giudiceandrea - Al Presidente della Giunta regionale. Per sapere - premesso che:

appare di tutta evidenza nonostante il Consiglio regionale della Calabria si sia dotato di specifica norma per la tutela sociale della maternità e sull'interruzione volontaria della gravidanza palesarsi sul territorio regionale una disapplicazione della norma;

per meglio aderire ai principi legislativi nazionali la l.r. n. 47 del 27.12.2016 all'art. 2 commi 3 e 4 prevede delle prescrizioni perentorie, il comma 3 richiama per le finalità di cui all'articolo 1, entro il termine perentorio di trenta giorni dall'entrata in vigore della legge, le aziende sanitarie provinciali (ASF) e le aziende ospedaliere (AO) a provvedere ad inviare al dipartimento interessato l'elenco completo delle figure professionali utili agli scopi della legge, l'indicazione puntuale, per ciascuna figura professionale, della avvenuta dichiarazione dell'obiezione di coscienza, ora per allora, così come espressamente previsto all'articolo 9 della L. 194/1978;

il comma 4 indica che le ASP e le AO che all'interno della propria pianta organica non presentano figure professionali non obiettori, nella misura necessaria a garantire il corretto principio dell'applicazione della legge che disciplina l'IVG, nei sessanta giorni successivi al termine di cui al comma 3, devono organizzare il personale ai sensi del comma 1;

sono oramai trascorsi ulteriori 270 giorni dei 90 previsti e indicati quale termine ultimo per l'organizzazione del personale necessario al corretto funzionamento della L. 194/78 -:

quali azioni urgenti hanno intrapreso le A.S.P. e le A.O, per ottemperare agli obblighi derivanti dalla l.r. n. 47 del 27.12.2016 al fine di assicurare ogni specifica misura organizzativa necessaria a garantire la puntuale applicazione delle norme e disposizioni della L. 194/1978.

(330; 04/12/2017)

Interrogazioni a risposta scritta

Nicolò - Al Presidente della Giunta regionale. Per sapere - premesso che:

il reparto di radiologia dell'ospedale di Locri versa in una condizione di estrema criticità ascrivibile alla limitata dotazione organica, insufficiente a garantire tempestive e puntuali risposte agli utenti;

a causa dell'impossibilità di copertura del servizio notturno, la direzione sanitaria ha stabilito che, nelle ore notturne, i cittadini bisognosi di urgenti prestazioni radiologiche vengano canalizzati presso l'ospedale di Polistena;

considerato che: tale disposizione è potenzialmente idonea a determinare effetti pregiudizievoli per gli assistiti;

l'ospedale di Locri è punto riferimento importante per un vasto bacino d'utenza dell'area jonica reggina;

ritenuto che: la radiologia d'emergenza anche e sopratutto, nelle ore notturne è fondamentale per garantire al paziente un'assistenza completa e tempestiva -:

quali interventi intenda adottare per ripristinare urgentemente nelle ore notturne il servizio di radiologia del nosocomio di Locri.

(329; 01/12/2017)

 

Guccione - Al Presidente della Giunta regionale. Per sapere - premesso che:

l'Asp di Cosenza con delibera 1299 del 4 agosto 2016 ha indetto una gara a procedura aperta - concessione servizi - affidamento della gestione di n.1 Residenza Sanitaria Assistenziale "San Francesco di Paola" di proprietà dell’ Asp di Cosenza sita in San Nicola Arcella - approvazione capitolato, disciplinare di gara e pubblicazione bando;

con delibera 1389 del 10 luglio 2017 l'Asp di Cosenza ha riaperto i termini di partecipazione alla gara procedura aperta per la concessione in gestione della RSA "San Francesco di Paola" sita nel comune di San Nicola Arcella;

nel bando di gara viene richiamata una normativa ormai non più vigente: il riferimento al regolamento numero 13/09 in attuazione della legge regionale n. 24 del 2008 sul mantenimento dei requisiti delle RSA. Tale regolamento citato nel bando di gara è stato integralmente abrogato e sostituito da un nuovo regolamento sui requisiti da parte della struttura commissariale con il D.C.A. n. 81/2016 con oggetto: "Approvazione nuovo regolamento attuativo della legge regionale

n.24/2008 - approvazione nuovi manuali di autorizzazione e nuovi manuali di accreditamento";

da ultimo è stata ulteriormente modificata con il D.C.A. n. 118/2017 con oggetto: "Nuovi requisiti minimi per l'autorizzazione e l'accreditamento e definizione della nuova tariffa massima regionale per la RSA". Tale ulteriore modifica rende assolutamente superata la previsione del suddetto bando di gara perché sono stati modificati profondamente i requisiti organizzativi e le tariffe delle RSA;

in materia di nomina dei commissari di gara l'articolo 77 Dlgs 50/2016 impone la nomina e la costituzione della commissione di gara dopo la scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte. Attualmente alcune nomine risultano essere state fatte in precedenza rispetto alla nuova scadenza del termine per la presentazione dell'offerta e perciò in totale contrasto alla normativa articolo 77 Dlgs 50/2016 e alla circolare Anac contenente le Linee guida di attuazione del Dlgs del 18 aprile 2016 n. 50 -:

quale iniziative urgenti intende adottare affinché venga assicurata la massima trasparenza e il rispetto delle normative e delle leggi in un settore di particolare rilievo sociale chiamato a gestire servizi a favore di una fascia di soggetti non autosufficienti. Quali interventi inoltre intende adottare per il ripristino della legalità e per assicurare l'espletamento di una importante gara europea nel pieno rispetto delle norme vigenti.

(331; 11/12/2017)

 

Nicolò - Al Presidente della Giunta regionale. Per sapere - premesso che:

la sperimentazione clinica comprende un insieme di studi che riguardano la determinazione del profilo di tollerabilità e quello farmacocinetico/metabolico di un farmaco;

per i soggetti afflitti da patologie, questi studi possono includere la valutazione di indici di efficacia nel caso di farmaci per i quali l'attesa di un effetto terapeutico giustifica la somministrazione di sostanze che presentano rischi non accettabili nei volontari sani;

l’Aifa con determina del 19 giugno 2015 sancisce i requisiti minimi necessari per le strutture sanitarie che eseguono sperimentazioni di fase I;

detta determina, tra l'altro, identifica, in linea generale i centri/unità reparti clinici nei quali è possibile condurre le sperimentazioni clinica di fase 1 su pazienti e/o volontari sani;

considerato che: è fondamentale avviare processi di sperimentazione clinica in una logica di implementazione della ricerca rivolta ai soggetti afflitti da patologie -:

quali sono le iniziative che si intendono intraprendere per far si che la sperimentazione clinica possa essere avviata presso il Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria.

(332; 15/12/2017)

 

Mozioni

Il Consiglio Regionale,

premesso che:

è stato soppresso il presidio ospedaliero ex Scillesi d'America, non procedendo alla sua riconversione in Casa della Salute;

dunque sono stati rimossi servizi interni al territorio, nonché indispensabili presidi sanitari quali Cardiologia, Medicina Interna, Oncologia, Dialisi, Farmacia Territoriale, ppi, laboratorio analisi;

considerato che tali disposizioni privano il territorio del bacino della Costa Viola da qualsiasi forma di Tutela Sanitaria;

il presidio ospedaliero de quo costituisce l'unico punto di riferimento per il territorio della Costa Viola e parte dell'area aspromontana, con un bacino d'utenza di oltre 50 mila abitanti;

ritenuto che tale situazione ostacola il conseguimento dei livelli essenziali di assistenza, riverberando effetti pregiudizievoli in capo agli utenti, in spregio del diritto alla salute tutelato costituzionalmente;

Tutto ciò premesso, ricordato e considerato,

Impegna la Giunta regionale

ed il Presidente della Regione Calabria ad attivarsi con urgenza al fine di garantire il ripristino del presidio ospedaliero de quo.

 

(104; 07/12/2017) Nicolò

 

 

Il Consiglio Regionale,

premesso che:

tramite decreto regionale 1336 del 9 febbraio 2017 è stato pubblicato dal dipartimento 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali un avviso pubblico attraverso cui la Regione Calabria si è impegnata a finanziare proposte progettuali territoriali da parte di Enti Pubblici per la realizzazione di percorsi di politica attiva per il lavoro nelle modalità di tirocini destinati a soggetti precedentemente inseriti nel bacino dei percettori di mobilità in deroga ed esclusi dal beneficio diretto della indennità di mobilità in deroga dall’Accordo quadro del 07/12/2016;

l'obiettivo dell'avviso era quello di favorire l'occupabilità di soggetti, precedentemente inseriti nel bacino dei percettori di mobilità in deroga, del mercato del lavoro contrastandone la disoccupazione di lunga durata attraverso l’attuazione di iniziative finalizzate all'utilizzo temporaneo e straordinario in percorsi di politiche attive, assicurando nel contempo un sostegno al reddito per i lavoratori ex percettori di mobilità in deroga, riducendo, al contempo, i tempi di inattività durante la permanenza nello stato di disoccupazione;

considerato che vi è stato un riscontro positivo dell'iniziativa che ha visto la partecipazione di moltissimi comuni della Calabria che hanno trovato nella manifestazione d'interesse un'opportunità per colmare i deficit di personale dovuti al blocco del turn over nel pubblico impiego;

diversi sindaci della Calabria, registrando la professionalità e l'impegno dei lavoratori coinvolti nei percorsi di partecipazione attiva, hanno manifestato pubblicamente la volontà di proseguire l'esperienza con i suddetti lavoratori oltre la scadenza del precedente avviso;

i lavoratori coinvolti nell'iniziativa hanno trovato estremamente positiva l'esperienza e auspicano che la stessa possa proseguire con la stessa durata e le medesime condizioni d'impiego previste nell'avviso pubblico di cui sopra;

Impegna la Giunta regionale

ed il Presidente della Regione Calabria ad individuare nel bilancio della Regione le somme necessarie per la pubblicazione di un nuovo avviso pubblico che possa consentire ai comuni della Calabria e ai lavoratori coinvolti nell'avviso di cui al decreto 1336 del 9 febbraio 2017 di proseguire nel percorso lavorativo già intrapreso per almeno ulteriori 6 mesi del 2018.

(105; 11/12/2017) Greco

 

Il Consiglio Regionale,

premesso che:

il valore della ricerca pubblica costituisce un patrimonio insostituibile e non si può ulteriormente consentire che si perpetui il disagio fratto di una costante incertezza che non appare compatibile con la necessità di un'adeguata progettazione e certezza delle risorse umane;

stante che il governo nazionale si sta facendo carico del disagio che colpisce il personale afferente agli Enti Pubblici di Ricerca ma, a quanto è dato riscontrare, le scarse risorse proposte nella Legge di stabilità a supporto delle procedure di stabilizzazione rischiano di vanificare il meritorio processo intrapreso;

rilevato che in Calabria, limitandoci al solo CNR, si contano ben 12 strutture presenti, fra istituti e articolazioni territoriali: dalle scienze neurologiche all'informatica e telematica, dall'inquinamento atmosferico alle nanotecnologie;

vista la prerogativa in capo all'Assemblea Legislativa Regionale, relativa alla sua funzione di concorrere a determinare l'indirizzo politico, sociale ed economico della Regione;

Impegna la Giunta regionale

ed il Presidente della Regione Calabria ad attivarsi presso la Commissione Bilancio della Camera, affinché sia congruamente aumentato lo stanziamento attualmente previsto per gli EPR nel triennio 2018-20 e sia allargata a tutte le figure professionali coinvolte la platea degli aventi diritto. Si dispone, altresì, la trasmissione della presente Mozione ai Senatori e Deputati nazionali componenti la Deputazione Parlamentare calabrese.

(106; 11/12/2017) Bevacqua

 

Il Consiglio Regionale,

premesso che:

oramai da molto tempo sì pondera intorno alla necessità di dotare 1intero bacino delle popolazioni ricadenti nell'area del Comune di Nicotera (VV) di apposito trattamento extra ospedaliero del soccorso attraverso postazione fissa del servizio di emergenza territoriale 118;

proprio a causa del dato orografico caratterizzante il territorio succitato unitamente all'oggettivo stato di fatto in cui versa il manto stradale che collega l’intera area del nicoterese ai più vicini presidi ospedalieri, non di rado, purtroppo, la salute dei cittadini dell'area nicoterese rischia di essere posta in pericolo in ragione del notevole lasso di tempo che necessariamente deve intercorrere tra l'arrivo dei soccorsi ed il successivo trasporto verso il presidio ospedaliero più idoneo:- sul territorio di Nicotera (VV) insiste una struttura sanitaria pubblica che potrebbe facilitare notevolmente l'allocazione dei necessari mezzi e delle relative risorse umane;

- proprio recentissimamente l'Azienda Sanitaria Provinciale competente per territorio parrebbe essersi dotata di due nuove autoambulanze;

considerato che la dotazione urgente anche di una singola autoambulanza provvista delle necessarie apparecchiature tecniche e del relativo personale sanitario da parte della competente Azienda Sanitaria Provinciale, apparirebbe in grado di soddisfare simile esigenza che risulta orami essere non più defettibile e/o procrastinabile;

Le chiedo di voler inserire la presente mozione all'ordine del giorno della prima seduta utile di Consiglio Regionale affinché lo stesso

impegna la Giunta regionale

ed il Presidente della Regione Calabria a voler verificare la necessità di attivarsi nella direzione che riterrà più opportuna.

(107; 11/12/2017) Pasqua

 

Il Consiglio Regionale,

premesso che:

il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) nasce, con Regio Decreto, come Ente Morale nel 1923;

nel 1924 veniva redatto lo Statuto con il quale si attribuivano all'Ente il compito di coordinare e stimolare l'attività nazionale nei differenti rami della scienza e delle sue applicazioni, tenere contatti con i vari enti statali per le questioni scientifiche, istituire laboratori di ricerche di carattere generale e particolare;

con la fine del secondo conflitto mondiale al CNR vengono attribuite le funzioni di promuovere, coordinare e disciplinare la ricerca scientifica italiana;

ad oggi il CNR, ente "generalista" vigilato dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca (MIUR), è inserito in un quadro di Enti pubblici di ricerca (EPR) significativamente diversi tra loro, tra i quali si annoverano: l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), come il CNR vigilato dal MIUR;

il Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in agricoltura (CRA), vigilato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali;

l'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA), vigilato dal Ministero dello Sviluppo Economico;

visto: il Decreto Legislativo 4 giugno 2003, n. 127 recante "Riordino del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), con particolare riferimento ai seguenti articoli: Articolo 2 (Finalità dell'Ente), comma 1 che recita: "Il CNR è ente pubblico nazionale con il compito di svolgere, promuovere, diffondere, trasferire e valorizzare attività di ricerca nei principali settori di sviluppo delle conoscenze e delle loro applicazioni per lo sviluppo scientifico, tecnologico, economico e sociale del Paese, perseguendo l'integrazione di discipline e tecnologie diffusive ed innovative anche attraverso accordi di collaborazione e programmi integrati";

Articolo 14 (Istituti) la cui natura e compiti sono così definiti: " Gli istituti sono le unità organizzative presso le quali si svolgono le attività di ricerca dell'ente, afferenti ai dipartimenti";

lo Statuto del Consiglio Nazionale delle Ricerche emanato con provvedimento del Presidente del CNR n. 24 datato 7-4-2015 ed entrato in vigore il 1° maggio 2015;

richiamato il Contratto Collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione per il quadriennio normativo 2006-2009;

considerato che: il CNR risulta essere il primo ente di ricerca per numero di ricercatori: il personale complessivo ammonta ad oltre 8.400 unità tra ricercatori, tecnologi, tecnici e amministrativi ed è organizzato in 7 dipartimenti e 102 istituti con specializzazione sui principali saperi, con più di 330 sedi secondarie e laboratori in Italia ed all'estero;

in Calabria sono presenti 12 sedi rappresentative di 102 istituti del CNR. Nella nostra regione il CNR nelle 12 strutture presenti svolge attività di ricerca in molteplici settori: ICT (Intelligenza artificiale, Smart City, Big Data, telecomunicazioni), tecnologia della membrana, protezione idrogeologica, inquinamento atmosferico, studi atmosferici-ambientali, scienze neurologiche, bio immagini fisiologia e genetica;

la qualità della ricerca scientifica svolta dagli istituti presenti dal CNR in Calabria è testimoniata da una produzione scientifica di elevata qualità, da un numero di pubblicazioni internazionali su riviste di prestigio, dalla partecipazione a conferenze internazionali e a importanti progetti di ricerca regionali, nazionali ed europei;

prestano servizio presso le sedi del CNR della Calabria oltre 100 ricercatori, tecnologici, tecnici e amministrativi in forma precaria da molti anni;

richiamato il Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche di cui al DPCNR del 4 maggio 2005, n. 0025035, con particolare riferimento al Titolo III, Capo II (Tempo determinato), Art. 12 ( Criteri generali);

ricordato che l' 11 marzo 2005 la Commissione europea adottava una raccomandazione riguardante la Carta Europea dei ricercatori e un codice di condotta per l'assunzione dei ricercatori;

rilevato che tra i principi contenuti in detta Carta Europea vi è quello che prevede per i ricercatori contratti di lavoro il più possibile stabili;

richiamato il Libro bianco "Sulla condizione dei Ricercatori degli Enti Pubblici di Ricerca un raffronto con i principi della Carta Europea dei ricercatori" (Associazione Nazionale Professionale per la Ricerca, giugno 2013, II edizione);

rilevato che: nell'appendice n. 3 al richiamato Libro bianco è consultabile la sezione "Analisi dell'aderenza ai principi della Carta del CNR e dell'INFN";

con particolare riferimento alle forme contrattuali per i ricercatori del CNR da detta Analisi si evince che esiste "una quota eccessivamente alta di Ricercatori con contratti a tempo determinato o con altre forme di lavoro non stabili. Basti pensare che ad oggi, su un totale di 4024 Ricercatori, ben 447 hanno un contratto a tempo determinato, ossia circa l'll%. L'instabilità del contratto di lavoro è di grave pregiudizio all'autonomia di ricerca che ai Ricercatori va assicurata", (fonte: Libro bianco "Sulla condizione dei Ricercatori degli Enti Pubblici di Ricerca un raffronto con i principi della Carta Europea dei ricercatori", appendice n. 3 "Analisi dell'aderenza ai principi della Carta del CNR e dell'INFN", 2013, pp. 34-36);

ad oggi il personale precario presso gli EPR complessivamente ammonta a circa 10.000 unità, 4.500 presso il CNR;

considerato che:

il CNR risulta essere al primo posto tra enti di ricerca e università in Italia per numero di famiglie di brevetti (oltre 350);

ed ancora al primo posto nella categoria Terza Missione per numero di spin off e nei settori di ricerca multidisciplinari in base all'ultima relazione dell'Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca (ANVUR);

il sistema della ricerca, come rilevato in narrativa, si basa in percentuale consistente sul lavoro precario di una pletora di operatori della ricerca (ricercatori, tecnologi, assegnisti, borsisti, amministrativi e tecnici) i quali non godono della stabilizzazione della propria posizione lavorativa per periodi di tempo estremamente lunghi (in alcuni casi tale situazione rischia di superare il 50% dell'intera vita lavorativa delle persone);

per il perseguimento degli scopi istituzionali, di cui all'articolo 2 dello Statuto, volti a "promuovere e valorizzare ricerche nei principali settori della conoscenza ... ed a trasferirne e applicarne i risultati per lo sviluppo scientifico, culturale, tecnologico, economico e sociale del Paese ..." si rende necessario valorizzare, stabilizzandolo, il lavoro e le professionalità dei numerosissimi precari impegnati nell'attività di ricerca dell'Ente;

le attività di ricerca pubblica non potrebbero svolgersi senza il lavoro e le professionalità delle centinaia di precari della ricerca;

la dispersione di queste professionalità, altamente qualificate, rappresenterebbe pertanto un danno economico rilevante per la ricerca pubblica e la collettività;

il 22 giugno è entrato in vigore il decreto di riforma del lavoro pubblico, decreto legislativo 25 maggio 2017, n. 75, che mediante l'articolo 20, nel quadro della più ampia delega in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche di cui alla Legge n. 124/2015, punta al preciso obiettivo del superamento del precariato in dette amministrazioni;

condivide: la mobilitazione dei lavoratori della ricerca indetta venerdì 15 dicembre a Roma nell'ottica di superare la precarizzazione del lavoro e avviare un percorso volto alla stabilizzazione dei rapporti di lavoro in essere;

Preso atto dell'avvenuta approvazione da parte del Senato del "Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020", all'interno del quale è iniziato un percorso destinato al reperimento delle risorse necessarie alla stabilizzazione negli enti di ricerca;

impegna la Giunta regionale

ed il Presidente della Regione Calabria ad attivarsi presso il Governo ed il Parlamento affinché, in vista dell'approvazione della prossima legge di stabilità, si adottino le opportune iniziative e vengano reperite tutte le ulteriori risorse necessarie per l'attuazione di misure finalizzate alla stabilizzazione del personale precario degli enti di ricerca e del CNR in piena attuazione degli strumenti previsti dall'art. 20 del decreto legislativo 25 maggio 2017, n. 75, nell'ottica di considerare il lavoro e la professionalità maturata nel corso degli anni da parte di detto personale quale risorsa da impiegare e valorizzare nella prospettiva dello sviluppo scientifico, culturale, tecnologico, economico e sociale della Regione Calabria e dell'intero Paese.

(108; 14/12/2017) Guccione

 

Il Consiglio Regionale,

premesso che:

diversi e numerosi sono gli istituti scolastici professionali calabresi abilitati al rilascio di diploma in tecnico dei servizi sociali;

centinaia sono gli studenti che ogni anno conseguono detto titolo di studio;

tuttavia, agli stessi è sostanzialmente precluso l'ingresso nel mondo del lavoro, dal momento che, per conseguire la qualifica OSS, sono considerati alla stregua di qualunque altro aspirante a detta qualifica, ad onta del titolo di studio posseduto, e perciò costretti a seguire corsi a pagamento;

tale situazione si appalesa come gravemente discriminatoria, oltre che penalizzante per i giovani calabresi e lesiva anche della dignità e del ruolo degli istituti tecnici professionali: già da tempo altre Regioni, da ultimo la Puglia, hanno ovviato a tale situazione sottoscrivendo specifici accordi tra la stessa Regione e l'Ufficio scolastico regionale di riferimento, prevedendo esplicitamente la validità dei diploma in tecnico dei servizi sociali anche come qualifica in operatore socio-sanitario, mediante un'integrazione del percorso di studi direttamente nell'istituto scolastico frequentato, con previsione di un percorso formativo extracurriculare con quota di tirocinio pratico applicativo di. 450 ore nell'ultimo triennio di studi;

la soluzione indicata pare essere rispettosa della dignità degli studenti e delle istituzioni scolastiche e, al tempo stesso, sufficiente garanzia all'ottenimento di una qualificata formazione professionale;

impegna la Giunta regionale

ed il Presidente della Regione Calabria a intraprendere le iniziative necessarie ed idonee a consentire l'equiparazione del diploma in tecnico dei servizi sociali a qualifica in operatore socio-sanitario.

(109; 18/12/2017) Gallo

Proposta di provvedimento amministrativo numero 194/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Rendiconti esercizio 2015 delle disciolte cinque Aziende Territoriali per l’Edilizia Residenziale Pubblica delle Province di Catanzaro, Cosenza, Reggio Calabria, Vibo Valentia e Crotone” (Del. n. 267)

Il Consiglio regionale

 

viste:

la delibera di Giunta regionale n. 504 del 31 ottobre 2017, recante "Rendiconti esercizio 2015 delle disciolte cinque Aziende Territoriali per l'Edilizia Residenziale Pubblica delle province di Catanzaro, Cosenza, Reggio Calabria, Vibo Valentia e Crotone. Trasmissione al Consiglio regionale per gli atti di competenza";

la delibera del Commissario straordinario n. 922 del 04/09/2017 "Rendiconto esercizio finanziario 2015. Riaccertamento ordinario dei residui attivi e passivi. Art. 3 co. 4 punto 9.1 allegato 4/2 d.lgs. 118/2011";

la delibera del Commissario straordinario n. 934 del 12/09/2017 "Approvazione Rendiconti consuntivi anno 2015 disciolte Aterp provinciali";

premesso che:

la legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8 recante “Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria", all'articolo 57, comma 7, dispone che i rendiconti degli Enti, delle Aziende e delle Agenzie regionali sono presentati entro il 31 marzo di ogni anno ai rispettivi dipartimenti della Giunta regionale competenti per materia che, previa istruttoria conclusa con parere favorevole, li inviano entro il successivo 15 aprile al dipartimento "Bilancio e Patrimonio" per la definitiva istruttoria di propria competenza;

la Giunta regionale entro il 15 maggio trasmette i rendiconti al Consiglio regionale per la successiva approvazione entro il 30 giugno;

con il decreto del Presidente della Giunta regionale n. 99 del 9 maggio 2016 veniva formalmente costituita la nuova Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale Pubblica Regionale, e riconfermato I'Ing. Ambrogio Mascherpa, quale Commissario Straordinario dell'Aterp unica regionale;

visti:

la legge regionale n. 24 del 2013, recante “Riordino enti, aziende regionali, fondazioni, agenzie regionali, società e consorzi comunque denominati, con esclusione del settore sanità", istitutiva dell'Azienda territoriale per l'edilizia residenziale pubblica regionale, quale ente ausiliario della regione in materia di edilizia residenziale pubblica, con l'accorpamento delle Aziende regionali per edilizia residenziale;

la legge regionale n. 8/2002 recante “Ordinamento del bilancio e della contabilità della regione Calabria";

l'articolo 54, comma 5, lettera b), dello Statuto della regione Calabria;

tenuto conto che il Collegio dei revisori dei conti ha esaminato gli schemi di rendiconto delle disciolte Aterp e verificato la procedura di riaccertamento dei residui attivi e passivi eseguita da tutti e cinque distretti, con apposito verbale per ciascuna di esse, nell'esprimere parere favorevole per l'approvazione dei rendiconti, ha espresso alcune prescrizioni e raccomandazioni valide per tutti i cinque distretti:

adottare misure più idonee rivolte ad un maggiore coordinamento tra gli uffici al fine di rendere più agevole le procedure amministrative e contabili in uso;

continuare ad incentivare ed implementare l'azione diretta al recupero e alla regolarizzazione delle morosità nei canoni di locazione;

rendere tempestiva la fase della riscossione dei canoni e soprattutto pervenire rapidamente alla individuazione dei locatari morosi per quanto riguarda i canoni di competenza;

procedere ove possibile alla vendita degli alloggi situati in condomini misti, la cui gestione comporta consistenti esborsi per manutenzione e imposte;

procedere all'aggiornamento continuo del censimento di tutte le unità immobiliari, al fine di accertare l'effettivo utilizzo da parte degli assegnatari;

si raccomanda inoltre di adottare con tempestività il riconoscimento di eventuali debiti fuori bilancio, onde evitare interessi e spese di giustizia;

considerato che il dipartimento Infrastrutture, Lavori Pubblici, Mobilità, nel condividere le prescrizioni e le raccomandazioni dell'organo di revisione, ha attestato la rispondenza del rendiconto alle risultanze della gestione ed ha formulato parere favorevole all'approvazione del rendiconto dell'esercizio finanziario 2015, proponendo all'azienda di fare proprie le osservazioni, le prescrizioni e le raccomandazioni espresse nei verbali acclusi alla stessa deliberazione;

atteso che il dipartimento Bilancio, con riferimento alle verifiche in materia di contenimento della spesa, ritiene necessario che il dipartimento Infrastrutture, in quanto dipartimento che esercita la vigilanza sulle attività delle disciolte Aterp, nonché sul nuovo ente subentrato Aterp Calabria, adotti distinto provvedimento amministrativo, dando atto della verifica effettuata, indicando con precisione il rispetto dei limiti per ciascuna tipologia di spesa, ai sensi della normativa vigente e garantendo l'eventuale avvio delle procedure necessarie sia al recupero delle somme indebitamente percepite, sia ai fini della segnalazione agli Organi inquirenti della Corte dei conti di un eventuale danno erariale. Il dipartimento, altresì, precisa che l'eventuale mancato rispetto delle previsioni di legge sul contenimento della spesa, non preclude l'adozione dei rendiconti;

considerato che il dipartimento Bilancio raccomanda per tutti i cinque distretti all'Aterp Calabria di procedere alla corretta determinazione del Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità, in occasione della redazione del rendiconto 2016, nel rispetto della procedura prevista dal principio contabile 4/2 del decreto legislativo n. 118/2011, nonché di attuare quanto necessario per il recupero dei canoni pregressi al fine di evitare eventuali prescrizioni degli stessi e l'insorgere di conseguenti danni erariali. In particolare:

per il distretto di Catanzaro, il dipartimento Bilancio raccomanda all'Aterp Calabria:

di provvedere ad aggiornare correttamente i valori del Fondo Pluriennale Vincolato, tenendo debitamente conto delle anomalie riscontrate nella gestione dello stesso nel corso dell'esercizio 2015 da parte della disciolta Aterp;

di porre in essere quanto necessario alla corretta determinazione della quota vincolata del risultato di amministrazione in occasione dell'approvazione del rendiconto di gestione 2016;

per il distretto dì Cosenza, il dipartimento Bilancio raccomanda all'Aterp Calabria di provvedere all'eliminazione dell'accantonamento riferito ai fondi di cui al soppresso Comitato per l'Edilizia residenziale;

per i distretti di Reggio Calabria e Vibo Valentia è fatto divieto di utilizzare l'avanzo di amministrazione fino a quando non provvederà a rendere congruo il Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità;

per il distretto di Crotone il dipartimento Bilancio, nell'evidenziare il mancato rispetto delle regole contabili, quali il divieto di accertamento per cassa, per come stabilito dal paragrafo 3.10 del principio contabile applicato concernente la contabilità finanziaria di cui all'allegato 4/2 del D. Lgs. n.118/2011, raccomanda al dipartimento Lavori pubblici nonché il Collegio dei revisori dei conti dell'Aterp di effettuare le dovute verifiche;

atteso che il dipartimento Bilancio ha eseguito per tutti i cinque distretti apposita istruttoria, e nel ritenere che non sussistano elementi ostativi all'adozione, da parte della Giunta regionale, dei rendiconti per l'esercizio 2015

delle disciolte Aterp di Catanzaro, Crotone, Cosenza, Reggio Calabria e Vibo Valentia, ha rilevato che:

sussiste la piena corrispondenza tra il saldo di cassa, di cui al conto di bilancio 2015 e il conto del tesoriere;

sussiste continuità tra i residui finali dell'esercizio 2014, rispetto a quelli iniziali dell'esercizio 2015;

sussiste la quadratura delle poste contabili iscritte nelle cosiddette "partite di giro";

sussiste la dovuta corrispondenza tra i residui attivi e passivi finali alla data del 31/12/2015 e le rispettive voci di debito e credito di cui allo stato patrimoniale dell'ente;

tenuto conto che la delibera di Giunta regionale n. 504 del 31 ottobre 2017 demanda al dipartimento Infrastrutture, Lavori pubblici e Mobilità, in applicazione all'art. 6 della L.R. n. 43/2016, l'avvio delle procedure necessarie alla puntuale verifica del rispetto dei limiti di cui alla vigente normativa sul contenimento della spesa;

rilevato che la seconda Commissione consiliare, nella seduta del 15 novembre 2017, ha approvato i Rendiconti per l’esercizio 2015 delle disciolte cinque Aziende Territoriali per l'Edilizia Residenziale Pubblica delle province di Catanzaro, Cosenza, Reggio Calabria, Vibo Valentia e Crotone, e i documenti ad essi allegati;

delibera

di approvare, ai sensi dell'articolo 57 della l.r. n. 8/2002, i Rendiconti per l’esercizio 2015 delle disciolte cinque Aziende Territoriali per l'Edilizia Residenziale Pubblica delle province di Catanzaro, Cosenza, Reggio Calabria, Vibo Valentia e Crotone e i documenti ad essi allegati, che costituiscono parte integrante e sostanziale della presente deliberazione.

(Allegati)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 196/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Rendiconto esercizio 2016 dell’Azienda Territoriale Edilizia Residenziale Pubblica Calabria (Aterp Calabria)” (Del. n. 268)

Il Consiglio regionale

viste:

-   la delibera di Giunta regionale n. 514 del 10 novembre 2017, recante  “Rendiconto esercizio 2016 dell' Azienda Territoriale Edilizia Residenziale Pubblica Calabria (Aterp Calabria). Trasmissione al Consiglio regionale per gli atti di competenza";

-   la delibera del Commissario straordinario n. 965 del 19/09/2017 "Rendiconto esercizio finanziario 2016. Riaccertamento ordinario dei residui attivi e passivi. art. 3 co. 4 punto 9.1 allegato 4/2 d.lgs. 118/2011";

-   la delibera del Commissario straordinario n. 966 del 19/09/2017 "Rendiconto esercizio finanziario 2016. Approvazione documenti da trasmettere al Collegio per il parere";

premesso che:

-   la legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8 recante "Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria", all'articolo 57, comma 7, dispone che i rendiconti degli Enti, delle Aziende e delle Agenzie regionali sono presentati entro il 31 marzo di ogni anno ai rispettivi dipartimenti della Giunta regionale competenti per materia che, previa istruttoria conclusa con parere favorevole, li inviano entro il successivo 15 aprile al dipartimento "Bilancio e Patrimonio" per la definitiva istruttoria di propria competenza;

-   la Giunta regionale entro il 15 maggio trasmette i rendiconti al Consiglio regionale per la successiva approvazione entro il 30 giugno;

-   con il decreto del Presidente della Giunta regionale n. 99 del 9 maggio 2016 veniva formalmente costituita la nuova Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale Pubblica Regionale, e riconfermato l'Ing. Ambrogio Mascherpa, quale Commissario Straordinario dell'Aterp unica regionale, e veniva espressamente previsto che l'Aterp Calabria subentrasse in tutti i rapporti attivi e passivi esistenti presso le estinte Aterp provinciali, alla data dell'incorporazione, con effetti civilistici e fiscali retrodatati all’1 gennaio 2016;

visti:

-   la legge regionale n. 24 del 2013, recante "Riordino enti, aziende regionali, fondazioni, agenzie regionali, società e consorzi comunque denominati, con esclusione del settore sanità", istitutiva dell'Azienda territoriale per l'edilizia residenziale pubblica regionale, quale ente ausiliario della regione in materia di edilizia residenziale pubblica, con l'accorpamento delle Aziende regionali per edilizia residenziale;

-   la legge regionale n. 8/2002 recante “Ordinamento del bilancio e della contabilità della regione Calabria”;

-   l'articolo 54, comma 5, lettera b), dello Statuto della regione Calabria;

tenuto conto che il Collegio dei revisori dei conti ritiene di fondamentale importanza che l'Aterp adotti dei provvedimenti più incisivi per risolvere il problema della morosità, con l'obiettivo di migliorare lo stato delle entrate e dei risultati dell'azienda. Il Collegio ha verificato la procedura di riaccertamento dei residui attivi e passivi eseguita dall'azienda, e nell'esprimere parere favorevole per l'approvazione del rendiconto, ha espresso alcune prescrizioni e raccomandazioni:

-   adottare misure più idonee rivolte ad un maggiore coordinamento tra gli uffici al fine di rendere più agevole le procedure amministrative e contabili in uso;

-   continuare ad incentivare ed implementare l'azione diretta al recupero e alla regolarizzazione delle morosità nei canoni di locazione;

-   rendere tempestiva la fase della riscossione dei canoni e soprattutto pervenire rapidamente alla individuazione dei locatari morosi per quanto riguarda i canoni di competenza;

-   procedere ove possibile alla vendita degli alloggi situati in condomini misti, la cui gestione comporta consistenti esborsi per manutenzione e imposte;

-   procedere all'aggiornamento continuo del censimento di tutte le unità immobiliari, al fine di accertare l'effettivo utilizzo da parte degli assegnatari;

-   si raccomanda inoltre di adottare con tempestività il riconoscimento di eventuali debiti fuori bilancio, onde evitare interessi e spese di giustizia.

I revisori, inoltre, invitano l'azienda a predisporre nel più breve tempo possibile il libro inventario aggiornato di tutti i beni sia mobili che immobili;

considerato che il dipartimento Infrastrutture, Lavori Pubblici, Mobilità, nel condividere le prescrizioni e le raccomandazioni dell'organo di revisione, ha espresso parere favorevole all'approvazione del rendiconto dell'esercizio finanziario 2016;

tenuto conto che il dipartimento Bilancio, con riferimento alle verifiche in materia di contenimento della spesa, precisa che il dipartimento Infrastrutture nell'ambito del proprio dovere di vigilanza sulla gestione dell'ente strumentale, deve verificare il contenimento delle spese sia in fase preventiva sia in fase di controllo concomitante alla gestione; dunque, lo stesso dipartimento Bilancio ritiene necessario che il dipartimento Infrastrutture, in quanto dipartimento che esercita la vigilanza sulle attività dell'Aterp Calabria, adotti distinto provvedimento amministrativo, dando atto della verifica effettuata, indicando con precisione il rispetto dei limiti per ciascuna tipologia di spesa, ai sensi della normativa vigente e garantendo l'eventuale avvio delle procedure necessarie sia al recupero delle somme indebitamente percepite, sia ai fini della segnalazione agli Organi inquirenti della Corte dei conti di un eventuale danno erariale;

rilevato che il dipartimento Bilancio precisa, comunque, che l'eventuale mancato rispetto delle previsioni di legge sul contenimento della spesa, non preclude l'adozione del rendiconto;

atteso che il suddetto dipartimento esprime le seguenti raccomandazioni e prescrizioni:

-   raccomanda all'Aterp Calabria di procedere in occasione del riaccertamento ordinario 2017 ad applicare correttamente il principio della competenza finanziaria potenziata, provvedendo alla corretta reimputazione dei residui, in base all'effettiva esigibilità degli stessi;

-   raccomanda all'Aterp di provvedere ad aggiornare correttamente i valori Fondo Pluriennale Vincolato, in conto del bilancio di previsione 2017, provvedendo ad effettuare le necessarie variazioni di bilancio;

-   raccomanda all'Aterp Calabria, quale ente subentrato alle disciolte 5 Aterp provinciali,  di attuare quanto necessario per il recupero dei canoni pregressi al fine di evitare eventuali prescrizioni degli stessi e l'insorgere di conseguenti danni erariali;

-   prescrive all'ente, inoltre, con riferimento agli interventi che prevedono lavori per l'ampliamento e/o la manutenzione del patrimonio immobiliare di scadenzare, attraverso una attenta attività di programmazione, i relativi impegni di spesa e accertamenti di entrata, con imputazione agli esercizi in cui è prevista la realizzazione delle varie fasi degli interventi, sulla base di appositi cronoprogrammi, nel rispetto di quanto previsto al paragrafo 5.3.1, inerente le modalità di registrazione delle spese di investimento, di cui al principio contabile contenuto all'allegato 4/2 del d.lgs. 118/2011;

considerato che il dipartimento Bilancio, nel ritenere che non sussistano elementi ostativi all'adozione, da parte della Giunta regionale, del rendiconto per l'esercizio 2016 dell'Aterp Calabria al fine della successiva presentazione dello stesso al Consiglio regionale, ha rilevato che:

-   sussiste la piena corrispondenza tra il saldo di cassa, di cui al conto di bilancio 2016 e il conto del tesoriere;

-   sussiste continuità tra la somma dei residui finali, per come risultanti dai rispettivi rendiconti 2015 delle disciolte cinque Aterp provinciali, rispetto a quelli iniziali dell'esercizio 2016;

-   risultano correttamente transitati nelle risultanze contabili dell'Aterp Calabria, alla data del 09/05/2016, i residui restanti a seguito della gestione condotta dalle disciolte Aterp provinciali durante il periodo dal 01/01/2016 al 08/05/2016;

-   sussiste la quadratura delle poste contabili iscritte nelle cosiddette "partite di giro";

-   sussiste la dovuta corrispondenza trai residui attivi e passivi finali alla data del 31/12/2016 e le rispettive voci di debito e credito di cui allo stato patrimoniale dell'ente;

tenuto conto che la delibera di Giunta regionale n. 514 del 10 novembre 2017 demanda al dipartimento Infrastrutture, Lavori Pubblici e Mobilità, in applicazione all'art. 6 della legge regionale n. 43/2016, l'avvio delle procedure necessarie alla puntuale verifica del rispetto dei limiti di cui alla vigente normativa sul contenimento della spesa, richiamando altresì il Commissario straordinario dell'Aterp ed il dipartimento Infrastrutture al puntuale rispetto delle prescrizioni fatte dal Collegio dei revisori dei conti e dal dipartimento Bilancio, con particolare riferimento all'attuazione delle procedure atte al contrasto della morosità e al recupero dei canoni di locazione pregressi, al fine di evitare la prescrizione degli stessi e l'insorgere di conseguenti danni erariali;

rilevato che la Seconda Commissione consiliare, nella seduta del 30 novembre 2017, ha approvato il Rendiconto per l’esercizio 2016 dell' Azienda Territoriale Edilizia Residenziale Pubblica Calabria (Aterp Calabria) e i documenti ad essi allegati;

delibera

di approvare, ai sensi dell'articolo 57 della I.r. n. 8/2002, il Rendiconto per l’esercizio 2016 dell' Azienda Territoriale Edilizia Residenziale Pubblica Calabria (Aterp Calabria) e i documenti ad essi allegati, che costituiscono parte integrante e sostanziale della presente deliberazione.

(Allegati)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 197/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Rendiconto esercizio 2016 – Azienda Calabria Lavoro” (Del. n. 269)

Il Consiglio regionale,

viste:

la delibera di Giunta regionale n. 513 del 10 novembre 2017, recante: "Rendiconto esercizio 2016 Azienda Calabria Lavoro - Trasmissione al Consiglio regionale per gli atti di competenza";

il decreto n. 51 del 08.09.2017 del Commissario straordinario di Azienda Calabria Lavoro, con cui si è provveduto ad approvare il riaccertamento ordinario dei residui;

il decreto del Commissario straordinario di Azienda Calabria Lavoro n. 52 del 20.09.2017 di approvazione del Rendiconto consuntivo esercizio 2016;

premesso che:

-   la legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8 recante "Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria", all'articolo 57, comma 7, dispone che i rendiconti degli Enti, delle Aziende e delle Agenzie regionali sono presentati entro il 31 marzo di ogni anno ai rispettivi dipartimenti della Giunta regionale competenti per materia che, previa istruttoria conclusa con parere favorevole, li inviano entro il successivo 15 aprile al dipartimento "Bilancio e Patrimonio" per la definitiva istruttoria di propria competenza;

-   la Giunta regionale entro il 15 maggio trasmette i rendiconti al Consiglio regionale per la successiva approvazione entro il 30 giugno;

-   la Giunta regionale, al fine di consentire la redazione del bilancio consolidato della Regione Calabria con i propri enti ed organismi strumentali, con delibera n. 442 del 10 novembre 2016, ha approvato le linee di indirizzo dedicate ai dipartimenti vigilanti riguardanti sia le modalità e i tempi per l'approvazione dei rendiconti degli enti strumentali, sia l'effettuazione delle verifiche in ordine al contenimento delle spese ai sensi della normativa vigente;

visti:

la legge regionale 19 febbraio 2001, n. 5, che ha istituito Azienda Calabria Lavoro;

la legge regionale n. 8/2002 recante "Ordinamento del bilancio e della contabilità della regione Calabria";

l'articolo 54, comma 5, lettera b), dello Statuto della regione Calabria;

l'art. 3, comma 7 del d.lgs. n. 118/2011, per come modificato e integrato da d.lgs. 126/2014;

considerato che il Collegio dei revisori dei conti, nell'esprimere parere favorevole all'approvazione del conto consuntivo ed al riaccertamento straordinario dei residui dell'Azienda, raccomanda:

-   di richiedere tempestivamente e formalmente al competente dipartimento regionale lo stanziamento annuale di tutte le somme occorrenti per il funzionamento dell'Azienda ai sensi dell'art. 9 dello Statuto;

-   di non utilizzare la quota disponibile dell'avanzo di amministrazione, applicato al bilancio di previsione 2017, fino a quando non sarà approvato dalla Giunta regionale il rendiconto dell'esercizio 2016;

considerato che il dipartimento Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche del Lavoro ha espresso parere favorevole all'approvazione del consuntivo esercizio 2016, specificando che sono stati rispettati i limiti di spesa prescritti dalla vigente normativa in materia di spending review;

tenuto conto che il dipartimento Bilancio, nell'istruttoria di competenza, raccomanda all'Ente di provvedere alla correzione delle modalità di rilevazione contabile, allocando correttamente nelle "partite di giro" le ritenute e ì corrispondenti versamenti degli oneri fiscali e previdenziali conseguenti sia alla gestione dei rapporti di lavoro del personale dipendente, sia ad eventuali prestazioni d'opera da parte di lavoratori autonomi. Lo stesso dipartimento ha altresì rilevato che:

-   sussiste la piena corrispondenza tra il saldo di cassa e il conto del tesoriere;

-   sussiste continuità trai residui finali dell'esercizio 2015 rispetto a quelli iniziali dell'esercizio 2016;

-   sussiste la quadratura delle poste contabili iscritte nelle cosiddette "partite di giro";

-   sussiste corrispondenza tra i valori a residuo e quelli riportati nel conto del patrimonio;

-   sussiste la quadratura tra il saldo di tesoreria e il valore registrato alla voce "disponibilità liquide" della parte attiva dello Stato patrimoniale;

-   risulta formalmente corretta la determinazione del fondo pluriennale vincolato alla data del 31/12/2016;

-   risultano correttamente determinate le quote accantonate e vincolate del risultato di amministrazione;

-   a conclusione della relazione istruttoria, ritiene possibile procedere alla trasmissione del rendiconto dell'Azienda per l'esercizio 2016 da parte della Giunta regionale al Consiglio regionale;

rilevato che la seconda Commissione consiliare, nella seduta del 30 novembre 2017, ha approvato il Rendiconto per l’esercizio 2016 di Azienda Calabria Lavoro e i documenti ad essi allegati;

delibera

di approvare, ai sensi dell'articolo 57 della l.r. n. 8/2002, il Rendiconto per l’esercizio 2016 di Azienda Calabria Lavoro e i documenti ad essi allegati, che costituiscono parte integrante e sostanziale della presente deliberazione.

(Allegati)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 200/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Rendiconto esercizio 2016 - Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Calabria” (Del. n. 270)

IL Consiglio regionale,

viste:

la deliberazione di Giunta regionale n. 567 del 23 novembre 2017, recante: “Rendiconto esercizio 2016 - Agenzia Regionale per la protezione dell'Ambiente della Calabria. Trasmissione al Consiglio regionale per gli atti di competenza";

la deliberazione del Commissario straordinario dell'Agenzia per la protezione dell'Ambiente della Calabria n. 661 del 11.09.2017 di "Riaccertamento ordinario dei residui attivi e passivi al 31.12.2016. Reimputazione e determinazione del FPV";

le deliberazioni del Commissario straordinario dell'Agenzia n. 662 del 11/09/2017 e n. 716 del 25/09/2017, con le quali si è provveduto rispettivamente ad approvare il rendiconto finanziario di gestione per l’esercizio 2016 e gli schemi economico - patrimoniali del conto consuntivo esercizio 2016;

premesso che:

la legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8 recante "Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria", all'articolo 57, comma 7, dispone che i rendiconti degli Enti, delle Aziende e delle Agenzie regionali sono presentati entro il 31 marzo di ogni anno ai rispettivi dipartimenti della Giunta regionale competenti per materia che, previa istruttoria conclusa con parere favorevole, li inviano entro il successivo 15 aprile al dipartimento "Bilancio e Patrimonio" per la definitiva istruttoria di propria competenza;

la Giunta regionale entro il 15 maggio trasmette i rendiconti al Consiglio regionale per la successiva approvazione entro il 30 giugno;

la Giunta regionale, al fine di consentire la redazione del bilancio consolidato della Regione Calabria con i propri enti ed organismi strumentali entro la scadenza prevista dal decreto legislativo n. 118/2011, con delibera n. 442 del 10 novembre 2016, ha approvato le linee di indirizzo dedicate ai dipartimenti vigilanti riguardanti sia le modalità e i tempi per l'approvazione dei rendiconti degli enti strumentali in contabilità finanziaria disponendo, per i rendiconti non ancora approvati, l'invio da parte dei dipartimenti che esercitano la vigilanza sulle attività degli enti, dei documenti contabili, previa istruttoria conclusa con parere motivato, al dipartimento Bilancio e la trasmissione, da parte del dipartimento Bilancio, dell'istruttoria di propria competenza alla giunta regionale;

visti:

la legge regionale 3 agosto 1999, n. 20 recante "Istituzione dell'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente della Calabria - ARPACAL;

la legge regionale n. 8/2002 recante "Ordinamento del bilancio e della contabilità della regione Calabria";

l'articolo 54, comma 5, lettera b), dello Statuto della regione Calabria;

il d.lgs. n. 118/2011, per come modificato e integrato dal d. lgs. 126/2014;

tenuto conto che il Comitato di indirizzo regionale dell'ARPACAL, con verbale del 13 novembre 2017, ha espresso parere favorevole su bilancio consuntivo riferito all'esercizio 2016;

considerato che il Revisore unico dei conti:

con verbale dell'11 settembre 2017, ha rilasciato parere favorevole per l'approvazione del rendiconto per l'esercizio finanziario 2016;

con successivo verbale datato 25 settembre 2017, l'organo di controllo, oltre ad aver verificato che il bilancio rispetta le disposizioni normative regionali previste in materia di "spending review" ed assolve completamente agli obblighi per la realizzazione degli obiettivi annuali di finanza pubblica, ha espresso parere favorevole in relazione all'approvazione degli schemi economico patrimoniali del conto consuntivo esercizio 2016;

considerato che il dipartimento Ambiente, a conclusione dell'istruttoria di competenza, nel rilevare il sostanziale rispetto delle misure di contenimento della spesa previste dalla vigente normativa, ha espresso parere favorevole in relazione al conto consuntivo esercizio 2016 dell'ARPACAL;

considerato che il dipartimento Bilancio, nell'istruttoria di competenza, ha analizzato il risultato di amministrazione conseguito dall'ente, alla luce delle nuove regole contabili introdotte dalla riforma dell'armonizzazione dei bilanci, al fine di evidenziare se, al netto delle quote accantonate, vincolate e destinate agli investimenti, sussista un effettivo avanzo di amministrazione in termini di una quota disponibile, posto che qualora risulti negativa l'ente si troverà in disavanzo. Il dipartimento ha, altresì, verificato le dovute corrispondenze tra le risultanze del conto economico e dello stato patrimoniale dell'ARPACAL rispetto alle risultanze contabili di cui al Conto del bilancio 2016, ed a conclusione dell’istruttoria ha rilevato che:

sussiste la piena corrispondenza tra il saldo di cassa e il conto del tesoriere;

sussiste continuità tra i residui finali dell'esercizio 2015 rispetto a quelli iniziali dell'esercizio 2016;

risulta formalmente corretta la determinazione del Fondo Pluriennale Vincolato, nonché l'adeguatezza del Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità alla data del 31/12/2016;

risultano correttamente determinate le quote accantonate e vincolate del risultato di amministrazione;

sussiste corrispondenza tra i valori a residuo e quelli riportati nel conto del patrimonio, posto che è stata verificata la piena coincidenza tra residui attivi finali e crediti e tra residui passivi finali e debiti, nonché con riferimento al conto economico la corrispondenza tra impegni in conto competenza e costi e tra accertamenti e ricavi;

non sussistano elementi ostativi all'adozione, da parte della Giunta Regionale, del rendiconto per l'esercizio 2016 dell'ARPACAL, al fine della successiva presentazione dello stesso Consiglio regionale;

preso atto che la Seconda Commissione consiliare, nella seduta del 6 dicembre 2017, ha approvato il Rendiconto dell’esercizio 2016 dell’Agenzia regionale per la protezione dell’Ambiente della Calabria (ARPACAL) ed i documenti ad essi allegati;

delibera

di approvare, ai sensi dell'articolo 57 della I.r. n. 8/2002, il Rendiconto dell’esercizio 2016  dell’Agenzia regionale per la protezione dell'Ambiente della Calabria (ARPACAL) ed i documenti ad essi allegati, che costituiscono parte integrante e sostanziale della presente deliberazione.

(Allegati)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 201/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Rendiconti esercizio 2015 e 2016 dell’Azienda Calabria Verde” (Del. n. 271)

Il Consiglio regionale

viste:

la deliberazione di Giunta regionale n. 568 del 23 novembre 2017, recante: “Rendiconti esercizio 2015 e 2016 dell'Azienda Calabria Verde -Trasmissione al Consiglio regionale per gli atti di competenza”;

le deliberazioni del Commissario straordinario dell'Azienda Calabria Verde n. 239 del 20/09/2017 recante: “Riaccertamento ordinario dei residui attivi e passivi anno 2015", n. 284 del 13/10/2016 di approvazione del Rendiconto generale 2015 e n. 382 del 26/09/2017 recante: "Rettifica rendiconto 2015 e applicazione del conseguente disavanzo di amministrazione in conto della gestione provvisoria del bilancio di previsione 2016”;

le deliberazioni dei Commissario straordinario dell'Azienda Calabria Verde n. 383 del 26/09/2017 recante: “Rendiconto generale 2016 - riaccertamento ordinario dei residui attivi e passivi ex art. 3 del d.lgs. n. 118/2011” e n. 384 del 26/09/2017 di approvazione del Rendiconto generale 2016;

premesso che:

la legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8 recante "Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria", all'articolo 57, comma 7, dispone che i rendiconti degli Enti, delle Aziende e delle Agenzie regionali sono presentati entro il 31 marzo di ogni anno ai rispettivi dipartimenti della Giunta regionale competenti per materia che, previa istruttoria conclusa con parere favorevole, li inviano entro il successivo 15 aprile al dipartimento "Bilancio e Patrimonio" per la definitiva istruttoria di propria competenza;

la Giunta regionale entro il 15 maggio trasmette i rendiconti al Consiglio regionale per la successiva approvazione entro il 30 giugno;

la Giunta regionale, al fine di consentire la redazione del bilancio consolidato della Regione Calabria con i propri enti ed organismi strumentali, con delibera n. 442 del 10 novembre 2016, ha approvato le linee di indirizzo ai dipartimenti vigilanti riguardanti le modalità e i tempi per l'approvazione dei rendiconti degli enti strumentali in contabilità finanziaria disponendo, per i rendiconti precedenti al 2016 (ove non approvati), la trasmissione dei documenti contabili da parte dei dipartimenti che esercitano la vigilanza sulle attività degli enti, previa istruttoria conclusa con parere motivato, al dipartimento Bilancio e l'invio, da parte di quest'ultimo, delle verifiche di propria competenza alla Giunta regionale;

visti:

la legge regionale 16 maggio 2013, n. 25, che ha istituito Azienda Calabria Verde;

la legge regionale n. 8/2002 recante “Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria";

l'articolo 54, comma 5, lettera b), dello Statuto della Regione Calabria;

il D. Lgs. n. 118/2011, per come modificato e integrato dal d.lgs. 126/2014;

considerato che il Revisore unico dei conti:

con verbale n. 4 del 22/11/2017, esprime parere favorevole all'approvazione del rendiconto 2015 di Azienda Calabria Verde, concordando con le raccomandazioni del dipartimento Bilancio;

con verbale n. 5 del 23/11/2017, esprime parere favorevole all'approvazione del rendiconto 2016 di Azienda Calabria Verde, concordando con le raccomandazioni del dipartimento Bilancio;

considerato che con delibera di Giunta regionale n. 94 del 17 marzo 2017 recante "Coordinamento strategico di società fondazioni ed enti – ridefinizione funzioni e attività delle strutture amministrative", si è disposto che la vigilanza sull'Azienda spetta al dipartimento Presidenza d'intesa con il dipartimento Agricoltura per le attività antecedenti al 1 gennaio 2017, i dipartimenti vigilanti:

hanno espresso parere favorevole al rendiconto 2015 dell'Azienda, così come risultante a seguito delle rettifiche apportate dal Commissario Straordinario nella determinazione del risultato di amministrazione. Riguardo la verifica del rispetto delle norme in materia di spending review per l'esercizio 2015, i dipartimenti rimandano la verifica delle stesse ad un successivo atto, stante l'attuale difficoltà di definire i relativi limiti, poiché non esistono serie storiche annuali dei costi sostenuti ai quali fare riferimento per le suddette verifiche, atteso che l'Azienda ha iniziato ad operare a decorrere dall'1 aprile 2014;

hanno espresso parere favorevole al rendiconto 2016 dell'Azienda. Riguardo la verifica del rispetto delle norme in materia di spending review per l'esercizio 2016, stante l'urgenza di procedere al completamento delle procedure inerenti l'approvazione del bilancio consolidato della regione, i dipartimenti rimandano le relative verifiche ad un successivo atto, in considerazione del fatto che l'assenza delle stesse non pregiudica l'approvazione del rendiconto;

considerato che il dipartimento Bilancio, relativamente al rendiconto 2015:

- a seguito dei controlli eseguiti, ha rilevato degli errori riguardo al computo del risultato di amministrazione 2015, superati a seguito dell'adozione della delibera del Commissario straordinario che ha provveduto ad apportare le dovute rettifiche;

- auspica che, relativamente alle risorse afferenti al POR Calabria FESR 2007/2013 assegnate ad Azienda Calabria Verde, nell'ambito del "programma di interventi per potenziare il sistema regionale di previsione e prevenzione dei rischi", per le quali il dipartimento Infrastrutture ha richiesto la restituzione in un'unica soluzione di un importo pari ad euro 69.168.946,92, stante la mancata rendicontazione delle risorse, il dipartimento Infrastrutture possa considerare la possibilità di accordare all'Azienda una diversa modalità di restituzione, posto che l'esborso conseguente al pagamento in unica soluzione, determinerebbe delle conseguenze irreparabili sugli equilibri di bilancio dell'ente, in termini di un sicuro dissesto finanziario, nonché conseguenze sugli equilibri contabili dello stesso bilancio della Regione Calabria;

- raccomanda all'Azienda di predisporre quanto necessario, in conto dei successivi rendiconti, per l'accantonamento delle risorse da destinare alla restituzione dei fondi in questione;

rileva che:

- sussiste la piena corrispondenza tra il saldo di cassa e il conto del tesoriere;

- sussiste la quadratura delle poste contabili iscritte nelle cosiddette "partite di giro";

- sussiste, continuità tra i residui finali dell'esercizio 2014, rispetto a quelli iniziali dell'esercizio 2015;

- è stato adeguatamente rideterminato il risultato di amministrazione 2015, a seguito delle rettifiche apportate alla consistenza dei residui, riportando ad adeguati canoni di veridicità le risultanze contabili dell'Azienda, nel rispetto del principio contabile di matrice europea del "true and fair view", ovvero ricerca nei dati contabili di bilancio delle reali condizioni di natura economica, patrimoniale e finanziaria dell'ente;

- risulta formalmente corretta, sulla base delle risultanze contabili approvate dall'ente, alla data del 31/12/2015, la determinazione del Fondo Pluriennale Vincolato e del Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità, nonché la quota accantonata e vincolata del risultato di amministrazione;

- sussiste corrispondenza tra i valori a residuo e quelli riportati nel conto del patrimonio, posto che è stata verificata la piena coincidenza tra residui attivi finali e crediti e tra residui passivi finali e i debiti;

- non sussistano elementi ostativi all'adozione, da parte della Giunta regionale, del rendiconto per l'esercizio 2015 dell'Azienda Calabria Verde, al fine della successiva presentazione al Consiglio regionale;

tenuto conto che il dipartimento Bilancio, relativamente al rendiconto 2016:

evidenzia che l'azienda, relativamente alle risorse POR Calabria FESR 2007/2013, ha correttamente accantonato in conto del risultato di amministrazione 2016 una parte di risorse finalizzate proprio all'attuazione di un piano di rientro per la restituzione dei suddetti fondi europei;

raccomanda l'ente di verificare puntualmente quale sia l'effettivo ammontare dei debiti ancora da ripianare, relativi alle attività realizzate nel settore della forestazione nell'esercizio 2014, in rapporto alle risorse previste dalla legge di assestamento del bilancio 2015 (l.r. n. 27/2015, art. 8, comma 1) al fine di quantificare, in base all'ammontare dei debiti in questione non ancora pagati, l'importo del suddetto fondo e, a seguito di ciò, provvedere a definire il relativo accantonamento in conto del risultato di amministrazione dell'esercizio 2017;

rileva che:

- sussiste la piena corrispondenza tra il saldo di cassa e il conto del tesoriere;

- sussiste la quadratura delle poste contabili iscritte nelle cosiddette "partite di giro";

- sussiste, continuità tra i residui finali dell'esercizio 2015, rispetto a quelli iniziali dell'esercizio 2016;

- risulta formalmente corretta, sulla base delle risultanze contabili approvate dall'ente, alla data del 31/12/2016, la determinazione del Fondo Pluriennale Vincolato e del Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità, nonché la quota accantonata e vincolata del risultato di amministrazione;

- sussistono le dovute corrispondenze tra i valori della contabilità finanziarie e le conseguenti scritture economico-patrimoniali di cui al conto economico e allo stato patrimoniale;

- non sussistano elementi ostativi all'adozione, da parte della Giunta regionale, del rendiconto per l'esercizio 2016 dell'Azienda Calabria Verde, al fine della successiva presentazione al Consiglio regionale;

tenuto conto che la deliberazione di Giunta regionale n. 568 del 23 novembre 2017 demanda al dipartimento Presidenza e al dipartimento Agricoltura l'avvio delle procedure necessarie alla puntuale verifica del rispetto dei limiti di cui alla vigente normativa sul contenimento della spesa, richiamando altresì il Commissario straordinario al puntuale rispetto delle prescrizioni fatte dal Collegio dei revisori e dal dipartimento Bilancio;

preso atto che la Seconda Commissione consiliare, nella seduta del 6 dicembre 2017, ha approvato i rendiconti 2015 e 2016 dell’Azienda Calabria Verde ed i documenti ad essi allegati;

delibera

di approvare, ai sensi dell'articolo 57 della l.r. n. 8/2002, i Rendiconti per gli esercizi 2015 e 2016 dell'Azienda Calabria Verde e i documenti ad essi allegati, che costituiscono parte integrante e sostanziale della presente deliberazione.

(Allegati)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 190/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Aggiornamento degli elenchi contenenti i componenti del ‘Gruppo amministrazione pubblica’ e del ‘Gruppo Regione Calabria’ e approvazione del bilancio consolidato dell’anno 2016 della Regione Calabria – art. 66 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118” (Del. n. 272)

Il Consiglio regionale

viste:

la delibera di Giunta regionale n. 487 del 31 ottobre 2017, recante: “Rettifica della DGR 449/2017 e modifica del bilancio consolidato dell'anno 2016 della Regione Calabria approvato in data 29.9.2017 - art. 68 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118";

la delibera di Giunta regionale n. 449 del 29 settembre 2017, recante: “Aggiornamento degli elenchi contenenti i componenti del ‘Gruppo amministrazione pubblica’ e del ‘Gruppo Regione Calabria’ e approvazione del bilancio consolidato dell'anno 2016 della Regione Calabria - art. 68 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 - Proposta di deliberazione consiliare”;

rilevato che con delibera di Giunta regionale n. 559 del 28 dicembre 2016, sono stati approvati gli elenchi dei soggetti componenti il Gruppo Amministrazione pubblica e Gruppo Regione Calabria, al fine di consentire la predisposizione del Bilancio consolidato, ai sensi dell'allegato 4/4 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118;

visti:

l'articolo 68, comma 1, del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 recante "Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli i e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42", che disciplina la predisposizione da parte della Regione del Bilancio consolidato con i propri enti ed organismi strumentali, aziende, società controllate e partecipate;

l'articolo 68, comma 2, del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, ai sensi del quale gli enti strumentali, le aziende e le società considerate nel bilancio consolidato della regione costituiscono il "Gruppo della Regione";

l'allegato 11 al decreto legislativo n. 118/2011, denominato "Schema di bilancio consolidato";

preso atto che:

la Corte dei conti, con deliberazione n. 97/2017, ha parificato il rendiconto generale della Regione Calabria nelle sue componenti del conto del bilancio e dello stato patrimoniale e del conto economico, con alcune esclusioni;

al fine di ottemperare alle disposizioni della magistratura contabile, è stato necessario modificare il conto consuntivo dell'anno 2016, il conto economico e lo stato patrimoniale approvato con Delibera di Giunta regionale n. 167/2017;

le modifiche apportate al rendiconto 2016 a seguito del giudizio di parifica hanno inciso sulle risultanze confluite nel conto consolidato, e conseguentemente è stato necessario modificare il bilancio consolidato approvato con delibera di Giunta regionale n. 449/2017;

con legge regionale 17 novembre 2017, n. 43 è stato approvato il Rendiconto generale relativo all'esercizio finanziario 2016;

ai sensi del comma 8 dell'art. 11 del decreto legislativo n. 118/2011, contestualmente al Rendiconto generale relativo all'esercizio finanziario 2016, è stato approvato il rendiconto consolidato, comprensivo dei risultati del Consiglio regionale;

l'allegato 4/4 del decreto legislativo n. 118/2011, denominato "Principio contabile applicato concernente il bilancio consolidato", stabilisce i criteri per la redazione del bilancio consolidato al fine di rappresentare in maniera veritiera e corretta la situazione patrimoniale, finanziaria e reddituale di tutti i soggetti che insieme all'Amministrazione regionale rientrano nel cosiddetto perimetro di consolidamento;

considerato che ai sensi del comma 4 dell'art. 68 del decreto legislativo n.118/2011, al bilancio consolidato del Gruppo Regione sono allegati la relazione sulla gestione che comprende la nota integrativa e la relazione del Collegio dei revisori dei conti;

tenuto conto che il Collegio dei revisori dei conti della Regione Calabria, con verbale n. 184 del 6 dicembre 2017, ha espresso parere favorevole sulla Delibera di Giunta regionale n. 487 del 31 ottobre 2017;

rilevato che la seconda Commissione consiliare, nella seduta del 14 dicembre 2017, ha approvato l’aggiornamento degli elenchi contenenti componenti del "Gruppo amministrazione pubblica" e del "Gruppo Regione Calabria" e il bilancio consolidato dell'anno 2016 della Regione Calabria, ai sensi dell’articolo 68 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118;

delibera

l’aggiornamento degli elenchi contenenti componenti del "Gruppo amministrazione pubblica" e del "Gruppo Regione Calabria" e il bilancio consolidato dell'anno 2016 della Regione Calabria, ai sensi dell’articolo 68 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n.118, che formano parte integrante e sostanziale della presente deliberazione.

(Allegati)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 206/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Presa d’atto della Decisione della Commissione europea C(2017)7520 final del 10 novembre 2017 di modifica del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 (FEASR) della Regione Calabria” (Del. n. 273)

Il Consiglio regionale

viste:

la Decisione C(2015)8314 final del 20 novembre 2015, con cui la Commissione europea ha approvato il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) della Regione Calabria ai fini della concessione di un sostegno da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale, per il periodo di programmazione 2014-2020;

la Delibera di Giunta regionale n. 4 del 18 gennaio 2016 recante: "Presa d'atto della decisione della Commissione europea di approvazione del Programma di Sviluppo Rurale 2014 - 2020 (FEASR) della Regione Calabria e istituzione del Comitato di Sorveglianza”;

la Deliberazione del Consiglio regionale n. 99 del 23 febbraio 2016 avente oggetto: "Presa d'atto della decisione della Commissione europea di approvazione del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 (FEASR) della Regione Calabria e istituzione del Comitato di Sorveglianza";

la Decisione C(2017)3559 final del 19 maggio 2017, con cui la Commissione europea ha approvato la modifica del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria ai fini della concessione di un sostegno da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale che modifica la decisione di esecuzione C(2015)8314 della Commissione;

la Delibera di Giunta regionale n. 419 del 29 settembre 2017, recante: "Presa d'atto della Decisione C(2017)3559 final del 19 maggio 2017 della Commissione europea di approvazione del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 (FEASR) della Regione Calabria";

la Deliberazione del Consiglio regionale n. 246 del 26 ottobre 2017 avente oggetto: "Presa d'Atto della Decisione C(2017)3559 final del 19 maggio 2017 della Commissione europea di approvazione del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 (FEASR) della Regione Calabria";

considerato che a seguito di richiesta della Regione Calabria, la Commissione europea, nel rispetto di quanto previsto ai sensi dell'art. 11, lett. a), punto iii) del Regolamento (UE) n. 1305/2013, con Decisione C(2017) 7520 final del 10 novembre 2017, ha approvato la modifica del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria ai fini della concessione di un sostegno da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e che modifica la decisione di esecuzione C(2015)8314 della Commissione;

vista la legge regionale 12 ottobre 2016, n. 30 "Disposizioni sulla partecipazione della Regione Calabria alla formazione e all'attuazione della normativa e delle politiche dell’Unione Europea e sulla programmazione nazionale per le politiche di sviluppo e coesione";

visti:

il Regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, recante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, e che abroga il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio;

il Reg. (UE) n. 1305/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013, sul sostegno allo Sviluppo Rurale da parte del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR) e che abroga il regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio;

il Reg. (UE) n. 1306/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 sul finanziamento, sulla gestione e sul monitoraggio della politica agricola comune e che abroga i regolamenti del Consiglio (CEE) n.352/78, (CE) n. 165/94, (CE) n. 2799;

il Reg. (UE) n. 1310/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, che stabilisce alcune disposizioni transitorie (secondo gruppo di regole) sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR), modifica il regolamento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto concerne le risorse e la loro distribuzione in relazione all'anno 2014 e modifica il regolamento (CE) n. 73/2009 del Consiglio e i regolamenti (UE) n.1307/2013, (UE) n. 1306/2013 e (UE) n. 1308/2013 del Parlamento europeo;

il Reg. (UE, EURATOM) n. 1311/2013 del Consiglio del 2 dicembre 2013, che stabilisce il quadro finanziario pluriennale per il periodo 2014-2020;

il Reg. Delegato (UE) n. 807/2014 della Commissione dell' 11 marzo 2014, che integra talune disposizioni del regolamento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR);

il Reg. di Esecuzione (UE) n. 808/2014 della Commissione del 17 luglio 2014, recante modalità di applicazione del regolamento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR);

il Reg. di Esecuzione (UE) n. 908/2014 della Commissione del 6 agosto 2014 recante modalità di applicazione del regolamento (UE) n. 1306/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda gli organismi pagatori e altri organismi, la gestione finanziaria la liquidazione dei conti, le norme sui controlli, le cauzioni e la trasparenza;

visti i seguenti allegati:

Allegato A: Decisione C(2017) 7520 final, del 10 novembre 2017, di approvazione della modifica al PSR Calabria 2014-2020;

Allegato B: Programma di Sviluppo Rurale Calabria 2014-2020

che costituiscono parte integrante della presente deliberazione;

considerata l'importanza e la positività della Decisione della Commissione europea di modifica del PSR, la quale genererà effetti sull'allocazione delle risorse FEASR ai diversi PSR italiani; la modifica trae origine dall'intesa, raggiunta in seno alla Conferenza Stato-Regioni, in merito alla riprogrammazione solidale delle risorse FEASR 2014-2020 a sostegno delle regioni dell'Italia centrale colpite dagli eventi sismici del 2016. L'intesa prevede di applicare una decurtazione del 3% agli importi FEASR delle annualità 2018, 2019, 2020 dei PSR italiani (con l'eccezione delle Regioni beneficiarie del trasferimento di solidarietà); per quanto riguarda la Calabria, il PSR 2014- 2020 è ridotto della somma totale di euro 14.251.239,67 di spesa pubblica, di cui 8 milioni e 622 mila euro di quota FEASR;

considerato che la dotazione finanziaria totale, anche a fronte delle decurtazioni proposte riguardanti interventi sovrastimati o in ritardo attuativo, rimane cospicua e idonea a garantire l'efficace attuazione del programma;

rilevato che la Seconda Commissione consiliare ha approvato il provvedimento in oggetto nella seduta del 14 dicembre 2017;

delibera

di prendere atto della Decisione della Commissione europea C(2017)7520 final del 10 novembre 2017 di modifica del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 (FEASR) della Regione Calabria (Allegato A), che costituisce parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

di approvare la modifica al Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Calabria (Allegato B), che costituisce parte integrante e sostanziale della presente deliberazione.

(Allegati)

Proposta di legge numero 289/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio, ai sensi dell’art. 73 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118” (Del. n. 274)

Art. 1

(Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio

derivanti da sentenze esecutive)

1. Ai sensi e per gli effetti dell’articolo 73, comma 1, lettera a) del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 (Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni,degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n.42), è riconosciuta la legittimità dei debiti fuori bilancio della Regione Calabria derivanti da sentenze e altri titoli esecutivi non ancora oggetto di procedura esecutiva già

contabilmente regolarizzata per la complessiva somma di 32.562,70 euro per come dettagliato nella tabella allegata al numero 1 per far parte integrante e sostanziale della presente legge.

 

Art. 2

(Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio derivanti da acquisto di beni e servizi senza il preventivo impegno di spesa)

1. Ai sensi e per gli effetti dell’articolo 73, comma 1,lettera e) del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, è riconosciuta la legittimità dei debiti fuori bilancio della Regione Calabria derivante da acquisto di beni e servizi senza il preventivo impegno di spesa per la complessiva somma di 329,66 euro per come dettagliato nella tabella allegata al numero 2 per far parte integrante e sostanziale della presente legge.

 

Art. 3

(Copertura finanziaria)

1. Alla copertura finanziaria degli oneri derivanti dal riconoscimento dei debiti fuori bilancio di cui all’articolo 1 si provvede per l’importo corrispondente a

32.562,70 euro con le risorse allocate al Programma U.20.03 “Altri fondi” dello stato di previsione della spesa del bilancio 2017, per come indicato nella tabella allegata al numero 1.

2. Alla copertura finanziaria degli oneri derivanti dal riconoscimento dei debiti fuori bilancio di cui all’articolo 2, si provvede per l’importo corrispondente a 329,66 euro con le risorse allocate al Programma U.20.03 “Altri fondi” dello stato di previsione della spesa del bilancio 2017, per come indicato nella tabella allegata al numero 2.

3. La Giunta regionale è autorizzata ad apportare le necessarie variazioni al bilancio annuale 2017 e pluriennale 2017-2019 approvato con legge regionale 27 dicembre 2016, n. 45 (Bilancio di previsione finanziario della Regione Calabria per gli anni 2017-2019), istituendo appositi capitoli di bilancio nell’ambito del documento tecnico approvato con D.G.R. n. 554 del 28 dicembre 2016, nonché a compiere tutti gli atti necessari all’attuazione di quanto previsto nei precedenti articoli.

 

Art. 4

(Entrata in vigore)

1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino ufficiale telematico della Regione Calabria.

(Allegati)

Proposta di legge numero 301/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio di cui alle lettere a) ed e), comma 1, dell’articolo 73 del Decreto Legislativo 23 giugno 2011, n. 118 e s.m.i.” (Del. n. 275)

Art. 1

(Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio

derivanti da sentenze esecutive)

1.    Ai sensi e per gli effetti dell’articolo 73,  comma 1, lett. a) del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118  (Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42)  e successive modifiche ed integrazioni, è riconosciuta la legittimità dei debiti fuori bilancio della Regione Calabria derivanti da sentenze e altri titoli esecutivi non ancora oggetto di procedura esecutiva già contabilmente regolarizzata per la complessiva somma di euro 21.640,76, per come dettagliato nella tabella allegata al n. 1 per far parte integrante e sostanziale della presente legge.

2.    Ai sensi e per gli effetti dell’articolo 73,  comma 1, lett. a) del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118  e successive modifiche ed integrazioni è riconosciuta la legittimità del debito fuori bilancio della Regione Calabria derivante da sentenza esecutiva oggetto di procedura esecutiva già contabilmente regolarizzata, per la complessiva somma di euro 4.800,00, per come dettagliato nella tabella allegata al n. 2 per far parte integrante e sostanziale della presente legge.

 

Art. 2

(Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio derivanti

da acquisto di beni e servizi senza il preventivo impegno di spesa)

1.    Ai sensi e per gli effetti dell'articolo 73, comma 1, lett. e) del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 e successive modifiche ed integrazioni, è riconosciuta la legittimità dei debiti fuori bilancio della Regione Calabria derivante da acquisto di beni e servizi senza il preventivo impegno di spesa per la complessiva somma di euro 558,00, per come dettagliato nella tabella allegata al n. 3 per far parte integrante e sostanziale della presente legge.

 

Art. 3

(Copertura finanziaria)

1.    Alla copertura finanziaria degli oneri derivanti dal riconoscimento dei debiti fuori bilancio, di cui al comma 1 dell’articolo 1, si provvede per l'importo corrispondente a euro 21.640,76 con le risorse allocate al Programma U.20.03 “Altri fondi” dello stato di previsione della spesa del bilancio 2017, per come indicato nella tabella allegata al n. 1.

2.    Alla copertura finanziaria degli oneri derivanti dal riconoscimento dei debiti fuori bilancio, di cui al comma 2 dell’articolo 1, trattandosi di procedure esecutive pagate e quietanzate dal tesoriere regionale in qualità di terzo pignorato, soggette a regolarizzazione contabile, si è già provveduto per l’importo corrispondente (euro 4.800,00) con DGR n. 435 del 29.9.2017, DGR n.480 del 19.10.2017 e conseguente decreto di impegno n. 12335 dell’8.11.2017, per come indicato nella tabella allegata al n. 2. Alla copertura finanziaria degli oneri derivanti dal riconoscimento del debito fuori bilancio si è provveduto con le risorse allocate al Programma U.01.11 “Altri servizi generali” (per un importo pari ad euro 4.790,00) e al Programma U.01.03 “Gestione economica, finanziaria, programmazione e provveditorato” (per un importo pari ad euro 10,00).

3.    Alla copertura finanziaria degli oneri derivanti dal riconoscimento dei debiti fuori bilancio di cui all'articolo 2, si provvede per come indicato nella tabella allegata al n. 3 per l’importo corrispondente (euro 558,00) con le risorse allocate al Programma U.20.03 “Altri fondi” dello stato di previsione della spesa del bilancio 2017.

4.    La Giunta regionale è autorizzata ad apportare le necessarie variazioni al bilancio annuale 2017 e pluriennale 2017-2019 approvato con legge regionale 27 dicembre 2016, n. 45 (Bilancio di previsione finanziario della Regione Calabria per gli anni 2017-2019), istituendo appositi capitoli di bilancio nell’ambito del documento tecnico approvato con D.G.R. n. 554 del 28 dicembre 2016 nonché a compiere tutti gli atti necessari all’attuazione di quanto previsto nei precedenti articoli.

 

Art. 4

(Entrata in vigore)

1.    La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino ufficiale telematico della Regione Calabria.

(Allegati)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 204/10^ di iniziativa dell’Ufficio di Presidenza recante: “Bilancio di previsione del Consiglio regionale per gli esercizi 2018-2020” (Del. n. 276)

Il Consiglio regionale

vista la deliberazione n. 75 del 24 novembre 2017, con la quale l’Ufficio di Presidenza ha proposto all’Assemblea Consiliare l’approvazione del bilancio di previsione del Consiglio regionale per gli esercizi 2018 - 2020;

visto il decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante "Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42", per come modificato dal decreto legislativo 10 agosto 2014, n. 126, e in particolare:

l'articolo 10, comma 1, che dispone che il bilancio di previsione finanziario è almeno triennale, ha carattere autorizzatorio ed è aggiornato annualmente in occasione della sua approvazione;

l'articolo 11, che disciplina la redazione degli schemi di bilancio;

l'articolo 18 bis, comma 2, che prevede la presentazione del piano degli indicatori di bilancio, che è parte integrante dei documenti di bilancio di ciascuna amministrazione pubblica;

l'articolo 67 che, al comma 1, ribadisce l'autonomia contabile del Consiglio regionale che deve essere assicurata dalle Regioni, sulla base delle disposizioni statutarie, e, al comma 2, prevede che il Consiglio adotta il medesimo sistema contabile degli schemi di bilancio della Regione, adeguandosi ai principi contabili generali ed applicati, allegati al d. lgs. n.118/2011;

l’articolo 72, comma 1, con cui vengono assegnati al Collegio dei revisori della Regione i compiti di vigilanza sulla regolarità contabile, finanziaria ed economica della gestione della Regione, delle sue articolazioni organizzative dotate di autonomia contabile e di bilancio, compreso il Consiglio regionale ove questo non sia dotato di un proprio organi di revisione;

visti:

lo Statuto regionale approvato con legge regionale 19 ottobre 2004, n. 25 e ss.mm.ii., ed in particolare l'articolo 23;

il nuovo Regolamento interno di amministrazione e contabilità del Consiglio regionale  approvato con deliberazione consiliare n. 190 del 4 maggio 2017, che ha recepito i principi introdotti dal d.lgs. n.118/2011 e ss.mm.ii.;

i principi contabili applicati e gli schemi di bilancio allegati al d. lgs. n.118/2011 e ss.mm.ii.;

visto lo schema di bilancio di previsione finanziario per gli anni 2018-2019-2020, redatto sulla base degli schemi di cui all'allegato 9 del d.lgs. n.118/2011;

esaminato, altresì, il bilancio di previsione del Consiglio regionale 2018-2020 suddiviso per missioni e programmi, elaborato in attuazione dei principi di cui al d.lgs. 23 giugno 2011, n. 118 secondo gli schemi previsti dall'allegato 9 del decreto stesso, che di seguito si riepilogano e che costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto:

-   Bilancio entrate per titoli e tipologia;

-   Bilancio spese per missioni e programmi con suddivisione in titoli;

-   Riepilogo per titoli di entrata;

-   Riepilogo per titoli di spesa;

-   Riepilogo delle spese per missioni;

-   Quadro generale riassuntivo;

-   Equilibri di bilancio;

-   Tabella dimostrativa del risultato di amministrazione presunto (all'inizio dell'esercizio 2018);

-   Composizione per missioni e programmi del fondo pluriennale vincolato degli esercizi 2018-2019-2020;

-   Elenco delle spese obbligatorie;

-   Elenco delle entrate delle spese ricorrenti/non ricorrenti;

-   Elenco delle spese che possono essere finanziate con il fondo di riserva per spese impreviste;

-   Nota integrativa;

-   Piano degli indicatori e dei risultati attesi di bilancio;

considerato che i documenti contabili del bilancio di previsione del Consiglio regionale prevedono un fabbisogno per le spese di funzionamento di euro 58.000.000,00 per ciascuno degli esercizi 2018, 2019 e 2020;

preso atto del parere favorevole del Collegio dei revisori dei conti della Regione Calabria e del Consiglio regionale, espresso con verbale n. 186 del 14 dicembre 2017, allegato alla presente deliberazione;

delibera

- di approvare il bilancio di previsione del Consiglio regionale per gli esercizi finanziari 2018 - 2020 unitamente ai relativi allegati, che costituiscono parte integrale e sostanziale della presente deliberazione;

- di chiedere alla Giunta regionale, per ciascuno degli anni inclusi nel bilancio del Consiglio regionale 2018 - 2020, la somma di euro 58.000.000,00, per come stabilito dall’articolo 13, comma 6, del Regolamento interno di amministrazione e contabilità del Consiglio regionale.

(Allegati)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 203/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza della Regione Calabria (DEFR) per gli anni 2018-2020 (Paragrafo 6 del principio applicato della contabilità allegato 4.1 e art. 36 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118” (Del. n. 277)

Il Consiglio regionale

 

viste:

la delibera di Giunta regionale n. 528 del 10 novembre 2017 recante: "Nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza della Regione Calabria (DEFR) per gli anni 2018-2020 (Paragrafo 6 del principio applicato della contabilità - allegato 4.1 e art. 36 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118);

la delibera di Giunta regionale n. 292 del 30 giugno 2017, con cui è stato approvato il Documento di Economia e Finanza della Regione Calabria per gli anni 2018-2020;

visto il decreto legislativo n. 23 giugno 2011, n. 118 recante “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli i e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42" ;

premesso che:

-   l'articolo 36, comma 3, del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 prevede che le Regioni con riferimento agli esercizi finanziari 2016 e successivi sono tenuti a predisporre un documento di economia e finanza regionale (DEFR), avente un orizzonte temporale triennale;

-   il suddetto articolo dispone che ogni anno la Giunta regionale adotti il DEFR e lo trasmetta al Consiglio che lo approva con propria delibera;

-   il DEFR, come previsto dal principio contabile applicato di cui all'allegato 4/1 del decreto legislativo n. 118/2011, descrive gli scenari economico-finanziari internazionali, nazionali e regionali, le politiche da adottare, gli obiettivi della manovra di bilancio regionale, tenendo conto degli obiettivi del Patto di stabilità interno, ed espone il quadro finanziario unitario regionale di tutte le risorse disponibili per il perseguimento degli obiettivi, della programmazione unitaria regionale, esplicitandone gli strumenti attuativi per il periodo di riferimento;

-   il paragrafo 6 dell'allegato 4/1 "Principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio" del decreto legislativo n. 118/2011 prevede che, per garantire la necessaria coerenza con gli aggiornamenti della finanza pubblica nazionale, la Giunta regionale presenta al Consiglio la Nota di aggiornamento del DEFR annuale entro 30 giorni dalla presentazione della Nota di aggiornamento del DEF nazionale, e comunque non oltre la data di presentazione del disegno di legge di bilancio;

considerato che in data 23 settembre 2017 il Consiglio dei Ministri ha approvato la Nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza;

vista la deliberazione n. 1 dell'11 dicembre 2017, con cui il Consiglio delle Autonomie Locali ha espresso, ai sensi dell'art. 126 del Regolamento interno del Consiglio regionale, parere favorevole sulla Nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza della Regione Calabria (DEFR) per il triennio 2018 - 2020;

visto il parere favorevole sul provvedimento espresso dalla Commissione speciale di vigilanza nella seduta dell'11 dicembre 2017 ai sensi dell'articolo 34, comma 3, lettera b) del Regolamento interno del Consiglio regionale;

rilevato che la Seconda Commissione consiliare, nella seduta del 14 dicembre 2017, ha approvato la Nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza della Regione Calabria (DEFR) per il triennio 2018 - 2020;

ritenuto di adottare, ai sensi del paragrafo 6 del principio applicato della contabilità allegato 4/1 e dell'articolo 36 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 la Nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza della Regione Calabria (DEFR) per il triennio 2018 - 2020;

 

delibera

 

di approvare la Nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza della Regione Calabria (DEFR) per gli anni 2018 - 2020  (Paragrafo 6 del principio applicato della contabilità - allegato 4.1 e art. 36 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118), che costituisce parte integrante e sostanziale della presente deliberazione.

(Allegati)

Proposta di legge numero 302/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Provvedimento generale recante norme di tipo ordinamentale e procedurale. (Collegato alla manovra di finanza regionale per l’anno 2018)” (Del. n. 278)

Art. 1

(Modifica all’articolo 17 della l.r. 13/2005)

1.    Dopo il comma 1 dell’articolo 17 della legge regionale 17 agosto 2005, n. 13 (Provvedimento generale, recante norme di tipo ordinamentale e finanziario - Collegato alla manovra di assestamento di bilancio per l’anno 2005 ai sensi dell’art. 3, comma 4, della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8)  è aggiunto il seguente:

“1 bis. Alla costituzione del fondo concorre, altresì, il risparmio di spesa derivante dalla internalizzazione di attività inerenti la riscossione tributaria precedentemente oggetto di appalto o accordo di servizi, nei limiti disciplinati con il regolamento di cui al comma 3. L’ammontare delle risorse derivanti da tale economia di spesa, calcolato con riferimento al costo delle lavorazioni esterne dell’anno precedente e certificato dal competente dirigente di settore, alimenta il fondo nei limiti massimi del 50 per cento del risparmio effettivamente conseguito. Tale quota non può comunque superare il 50 per cento della quota del fondo alimentata ai sensi del comma 1.”.

Art. 2

(Modifica alla l.r. 21/2016)

1.    Dopo l’articolo 1 della legge regionale 5 luglio 2016, n. 21 (Disposizioni in materia di rateizzazione dei debiti tributari e delle relative sanzioni) è inserito il seguente:

“Art. 1 bis

(Dilazione del pagamento in materia tributaria)

1.    Il pagamento delle somme indicate negli atti di accertamento o di contestazione emanati dalla Regione in materia tributaria può, alternativamente alla rateizzazione dello stesso, essere effettuato fino al 31 dicembre dell’anno di definitività dell’atto di accertamento o di contestazione, salvo il caso in cui sia già intervenuta l’iscrizione a ruolo o l’emissione dell’ingiunzione di pagamento, nei casi e con le modalità definite con regolamento attuativo della Giunta regionale.”.

Art. 3

(Casi di esclusione dal pagamento della tassa automobilistica regionale)

  1.  Il fermo del veicolo disposto dall’agente della riscossione ai sensi dell’articolo 86 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602 (Disposizioni sulla riscossione delle imposte sul reddito), non rientra tra le fattispecie che fanno venir meno l’obbligo del pagamento della tassa automobilistica.

Art. 4

(Modifiche alla l.r. 18/2013)

1.    La legge regionale 12 aprile 2013, n. 18 (Cessazione dello stato di emergenza nel settore dei rifiuti. Disciplina transitoria delle competenze regionali e strumenti operativi) è così modificata:

  a)  nel comma 2 dell’articolo 1:

       1)  dopo la parola “versate” sono aggiunte le seguenti: “semestralmente, entro sessanta giorni dalla scadenza dei mesi di giugno e dicembre,”;

       2)  è aggiunto il seguente periodo: “Nelle more della certificazione del livello di raccolta differenziata raggiunto da ciascun comune, conseguente all’acquisizione del dato validato da parte dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Calabria - ARPACAL, i comuni sono tenuti ad effettuare, a titolo di acconto e salvo conguaglio, il versamento della tariffa minima prevista dai provvedimenti vigenti in materia.”;

  b)  nel comma 4 dell’articolo 1:

       1)  dopo le parole “funzionari della pubblica amministrazione” sono aggiunte le seguenti: “ovvero, previo avviso pubblico, tra professionisti iscritti da almeno tre anni all’albo degli avvocati o dei dottori commercialisti e degli esperti contabili”;

       2)  dopo il primo periodo è aggiunto il seguente: “Il compenso per l’attività di commissario ad acta è determinato nel limite di 2.000,00 euro onnicomprensivi per ciascun incarico, con esclusione dei dirigenti regionali e con oneri a carico dei soggetti inadempienti.”;

  c)  nei commi 1 e 2 dell’articolo 2 bis le parole “31 dicembre 2017” sono sostituite dalle seguenti: “31 dicembre 2018”.

Art. 5

(Disposizioni relative ai poteri sostitutivi in materia

di gestione dei rifiuti urbani in Calabria)

1. La legge regionale 11 agosto 2014, n. 14 (Riordino del servizio di gestione dei rifiuti urbani in Calabria), è così modificata:

  a)  nell’articolo 2 il comma 4 è abrogato;

  b)  dopo l’articolo 2 è inserito il seguente:

“Art. 2 bis

(Poteri sostitutivi)

1. In caso di inerzia degli enti locali o delle comunità nell’attuazione delle disposizioni della presente legge, la Regione interviene in via sostitutiva previa diffida ad adempiere, entro un termine non superiore a trenta giorni, intimata dal dipartimento della Giunta regionale competente in materia di politiche dell’ambiente. Decorso tale termine la Giunta regionale nomina un commissario ad acta tra i dirigenti e i funzionari della pubblica amministrazione. Il provvedimento di nomina determina il compenso per l’attività del commissario, con esclusione dei dirigenti regionali, nel limite di 1.500,00 euro onnicomprensivi per ciascun incarico, con oneri a carico dei soggetti inadempienti. Il commissario ad acta conclude il proprio compito entro trenta giorni dalla nomina.”;

  c)  l’articolo 4 è così modificato:

       1)  nel comma 7 sono soppressi il terzo e il quarto periodo;

       2)  nel comma 8 è soppresso il secondo periodo;

  d) nel comma 7 dell’articolo 6 è soppresso il secondo periodo.

Art. 6

(Disposizioni per assicurare l’immediato avvio delle comunità d’ambito)

1.    Dopo l’articolo 6 della legge regionale 11 agosto 2014, n. 14 (Riordino del servizio di gestione dei rifiuti urbani in Calabria), è inserito il seguente:

“Art. 6 bis

(Disposizioni per assicurare l’immediato avvio delle comunità d’ambito)

1.    Il processo di costituzione delle comunità d’ambito di cui all’articolo 4 deve concludersi entro il 31 gennaio 2018.

2.    Entro il 30 giugno 2018 le comunità d’ambito di cui all’articolo 4 subentrano alla Regione nei rapporti contrattuali con i gestori degli impianti di trattamento, con decorrenza dal 1 gennaio 2018. A tal fine il dipartimento della Giunta regionale competente in materia di politiche dell’ambiente, sentiti i comuni capofila dei singoli Ambiti Territoriali Ottimali, definisce, ove necessario e anche in considerazione dei possibili differenti tempi di subentro nei rapporti contrattuali, un cronoprogramma delle attività da svolgere.

3.    Decorsi inutilmente i termini di cui ai commi 1 e 2, nonché nel caso di mancato rispetto dei termini intermedi eventualmente fissati nel cronoprogramma di cui al comma 2, la Regione esercita i poteri sostitutivi ai sensi dell’articolo 2 bis.

4.    Ai fini dell’esercizio dei poteri sostitutivi di cui al comma 3 il commissario ad acta è nominato tra i dirigenti e i funzionari della pubblica amministrazione ovvero, previo avviso pubblico, tra professionisti iscritti da almeno tre anni all’albo degli avvocati o dei dottori commercialisti e degli esperti contabili.

5.    Il compenso per l’attività del commissario ad acta nominato ai fini del subentro alla Regione nei rapporti contrattuali con i gestori degli impianti di trattamento, ai sensi del comma 2, è determinato nel limite di 3.000,00 euro onnicomprensivi per ciascun incarico, con esclusione dei dirigenti regionali e con oneri a carico dei soggetti inadempienti.

6.    Successivamente al subentro nei contratti di gestione degli impianti di trattamento la Regione Calabria, avvalendosi di personale in servizio presso il dipartimento della Giunta regionale competente in materia di politiche dell’ambiente, può svolgere attività di supporto alle funzioni tecnico-amministrative delle comunità.”

Art. 7

(Disposizioni transitorie in materia di rifiuti)

1.    Nel caso di esercizio dei poteri sostitutivi ai sensi dell’articolo 6 bis, commi 1 e 3, della legge regionale 11 agosto 2014, n. 14, si prescinde dalla diffida qualora essa sia già stata intimata dal dipartimento della Giunta regionale competente in materia di politiche dell’ambiente prima dell’entrata in vigore della presente legge.

Art. 8

(Modifiche alla l.r. 35/2015)

1.    La legge regionale 31 dicembre 2015, n. 35 (Norme per i servizi di trasporto pubblico locale) è così modificata:

  a)  nel comma 2 dell’articolo 17 la parola “ART-CAL” è sostituita dalle seguenti: “ente di governo se il servizio ricade esclusivamente all’interno del proprio bacino territoriale ottimale, ovvero dalla Regione negli altri casi, sentiti gli enti di governo competenti, e fatto salvo quanto previsto dal comma 2 dell’articolo 1. L’autorizzazione è rilasciata”;

  b)  nel comma 7 dell’articolo 18 le parole “l’ART-CAL” sono sostituite dalle seguenti: “la Regione, o l’ente di governo se delegato dalla Regione,”;

  c)  il comma 1 dell’articolo 23 è sostituito dal seguente:

“1. Fino al 30 giugno 2018 il Programma pluriennale del trasporto pubblico locale può essere approvato, qualora sia stata indetta la conferenza dei servizi di cui all’articolo 5, nel rispetto del livello dei servizi minimi posto alla base dell’intesa. Lo stesso programma può essere altresì approvato in assenza del Piano attuativo del trasporto pubblico locale, finché quest’ultimo strumento non è vigente. In tal caso il programma contiene la localizzazione provvisoria dei nodi di III e IV livello.”.

Art. 9

(Modifica alla l.r. 29/2017)

1.    Nell’articolo 25, comma 1, lettera b), della legge regionale 5 luglio 2017, n. 29 (Disposizioni per la semplificazione e la celerità dell’azione amministrativa – Modifiche alla legge regionale 4 settembre 2001, n. 19), le parole “al comma 2 il secondo periodo” sono sostituite dalle seguenti: “il comma 2”.

Art. 10

(Modifiche alle disposizioni relative al comitato di direzione

di cui all’articolo 11 della l.r. 7/1996)

1.    Alla fine della lettera i) del comma 2 dell’articolo 11 della legge regionale 13 maggio 1996, n. 7 (Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta regionale e sulla dirigenza regionale), come sostituito dall’articolo 2, comma 1, della legge regionale 11 dicembre 2017, n. 46 (Modifiche a leggi regionali a seguito di impegni assunti con il Governo in attuazione del principio di leale collaborazione e provvedimento di variazione al bilancio di previsione 2017-2019), dopo le parole “comma 4 ter” sono aggiunte le seguenti: “e comma 4 quater.”.

2.    Dopo il comma 4 ter dell’articolo 32 della l.r. 7/1996 è aggiunto il seguente:

“4 quater. Ove risulti impossibile lo svolgimento di una o più attività istituzionali di competenza di un dipartimento, il comitato di direzione di cui all’articolo 11 assume le determinazioni necessarie ad assicurare la continuità delle funzioni amministrative nel rispetto degli indirizzi definiti dall’organo politico.”.

Art. 11

(Modifiche all’articolo 9 della l.r. 24/2013)

1.    L’articolo 9 della legge regionale 16 maggio 2013, n. 24 (Riordino enti, aziende regionali, fondazioni, agenzie regionali, società e consorzi comunque denominati, con esclusione del settore sanità) è così modificato:

       a)           nel comma 6 dopo la lettera b) è aggiunta la seguente:

         “c) il comitato d’indirizzo.”;

       b)           dopo il comma 8 sono inseriti i seguenti:

  “8 bis. Il comitato d’indirizzo è nominato con decreto del Presidente della Giunta regionale ed è composto da:

       a)           l’Assessore regionale all’ambiente, o suo delegato, che lo presiede;

       b)           il sindaco pro tempore del Comune di Soverato, o suo delegato, in rappresentanza del territorio dell’ex Parco Marino “Baia di Soverato”;

       c)           un sindaco designato dai Comuni di Vibo Valentia, Pizzo, Briatico, Zambrone, Parghelia, Tropea e Ricadi, ricadenti nel territorio dell’ex Parco Marino Regionale “Fondali di Capocozzo – S. Irene, Vibo Marina-Pizzo, Capo Vaticano – Tropea”, o suo delegato;

       d)           un sindaco designato dai Comuni di Amantea e Belmonte Calabro, ricadenti nel territorio dell’ex Parco Marino Regionale “Scogli di Isca”, o suo delegato;

       e)           un sindaco designato dai Comuni di Bianco, Ferruzzano, Brancaleone, Palizzi e Bruzzano Zeffirio, ricadenti nel territorio dell’ex Parco Marino Regionale “Costa dei Gelsomini”, o suo delegato;

       f)           un sindaco designato dai Comuni di Praia a Mare, Diamante e Acquappesa, ricadenti nel territorio dell’ex Parco Marino Regionale “Riviera dei Cedri”, o suo delegato;

       g)           un rappresentante della Guardia costiera - Direzione Marittima di Reggio Calabria;

       h)           un esperto in rappresentanza dell’ARPACAL;

       i)            un esperto sorteggiato tra i designati dalle associazioni ambientalistiche maggiormente rappresentative operanti in Calabria e riconosciute dal Ministero dell’Ambiente.

  8 ter. Il comitato è regolarmente costituito con l’individuazione di almeno quattro dei suoi componenti. I componenti designati ai sensi del comma 8 bis sono nominati per la durata di quattro anni. In ogni caso i componenti di cui alle lettere c), d), e), f) del comma 8 bis cessano le loro funzioni al venir meno della rispettiva carica. Il comitato adotta un regolamento interno che ne disciplina il funzionamento.

  8 quater. Il comitato d’indirizzo formula proposte e pareri sulla programmazione delle attività di competenza dell’Ente.

  8 quinquies. L’incarico dei componenti del comitato d’indirizzo è svolto a titolo onorifico e gratuito e non dà luogo a rimborso spese.”.

Art. 12

(Modifiche all’articolo 2 della l.r. 19/2017)

1.    Dopo il comma 2 dell’articolo 2 della legge regionale 18 maggio 2017, n. 19 (Norme per la programmazione e lo sviluppo regionale dell’attività teatrale), sono inseriti i seguenti:

  “2 bis. Gli interventi regionali di cui alla presente legge costituiscono aiuti per la cultura e la conservazione del patrimonio e sono, pertanto, esenti dalla notifica ai sensi degli articoli 4 e 53 del regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014 (GBER).

  2 ter. Le informazioni relative agli aiuti di cui al comma 2 bis sono trasmesse al registro nazionale degli aiuti di stato ai sensi dell’articolo 52 della legge 24 dicembre 2012, n. 234 (Norme generali sulla partecipazione dell’Italia alla formazione e all’attuazione della normativa e delle politiche dell’Unione europea)”.

Art. 13

(Modifica alla l.r. 40/2017)

1.    Al comma 3 dell’articolo 3 della legge regionale 7 novembre 2017, n.40 (Valorizzazione Dieta mediterranea italiana di riferimento di Nicotera) dopo la lettera i) si aggiunge la seguente:

  “l) un rappresentante dell’associazione per la promozione della dieta mediterranea italiana di riferimento (ADIMEN).”.

Art. 14

(Modifiche alla l.r. 38/2016)

1.    All’articolo 2 della legge regionale 23 novembre 2016, n. 38 (Istituzione dell’Osservatorio regionale sulla violenza di genere) sono apportate le seguenti modifiche:

       a)           alla lettera e) del comma 2 la parola “cinque” è sostituita con la seguente: “dieci”;

       b)           al comma 7 dopo le parole “a titolo gratuito” sono aggiunte le seguenti: “e non dà luogo a rimborso spese.”.

Art. 15

(Contributi di cui alle ll.rr. 23/2004 e 41/2002)

  1.  I contributi regionali di cui alla legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 (Norme per la salvaguardia del cedro di Calabria e per l’istituzione del consorzio per la tutela del cedro) e alla legge regionale 14 ottobre 2002, n. 41 (Norme per la salvaguardia della coltura e della qualità della produzione di Bergamotto. Disciplina del Consorzio del Bergamotto) possono essere erogati dalla Regione Calabria a condizione che il Consorzio del Cedro e il Consorzio del Bergamotto abbiano adottato un regolamento contenente i criteri di ammissibilità dei costi, ivi comprese le spese di funzionamento soggette alla normativa statale e regionale in materia di spending review.

  2.  Il regolamento di cui al comma 1, da adottarsi entro 90 giorni dall’entrata in vigore della presente legge, è approvato dalla Giunta regionale.

Art. 16

(Modifica alla l.r. 14/2000)

1. Al comma 3 dell’articolo 12 della legge regionale 28 agosto 2000, n.14 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale 2000 e pluriennale 2000/2002 della Regione Calabria (Legge Finanziaria)) dopo le parole “e Motta San Giovanni” sono sostituite dalle seguenti: “Motta San Giovanni e Roccella Ionica”.

2. La modifica di cui al comma 1 non comporta ulteriori oneri a carico del bilancio regionale.

Art. 17

(Modifica alla l.r. 28/2008)

1. Dopo il comma 5 ter dell’articolo 1 della legge regionale 14 agosto 2008, n. 28 (Norme per la ricollocazione dei lavoratori che usufruiscono degli ammortizzatori sociali ordinari e straordinari ivi compresi i trattamenti in deroga) è aggiunto il seguente:

  “5 quater. Sono altresì destinatari della presente legge i lavoratori dei Consorzi di Bonifica che alla data del 31 dicembre 2007 abbiano svolto almeno due anni di attività presso i servizi informativi dei medesimi enti, a condizione che siano stati selezionati con procedura pubblica e per titoli.”.

2. La modifica di cui al comma 1 non comporta ulteriori oneri a carico del bilancio regionale in quanto trova copertura nei limiti degli stanziamenti già previsti nel bilancio 2018-2020.

Art. 18

(Modifica alla l.r. 18/2007)

1. Al comma 1 dell’articolo 27 della legge regionale 21 agosto 2007, n.18 (Norme in materia di usi civici) e s.m.i., le parole “31 dicembre 2017” sono sostituite dalle seguenti: “31 dicembre 2018”.

Art. 19

(Piano di razionalizzazione della spesa, ai sensi dell’articolo 16 del d.l. 98/2011)

1. Al fine di garantire il rispetto del limite di spesa previsto dall’articolo 9, comma 28, del decreto - legge 31 maggio 2010, n. 78 (Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica), convertito dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, e successive modifiche, per i contratti di cui all’articolo 10 della legge regionale 13 maggio 1996, n. 8 (Norme sulla dirigenza e sull’ordinamento degli Uffici del Consiglio regionale) e all’articolo 8 della        l.r. 7/1996, l’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale e la Giunta regionale, per le rispettive competenze, possono utilizzare i risparmi derivanti dal Piano di razionalizzazione e riqualificazione della spesa, adottato ai sensi dell’articolo 16 del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 (Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria), convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111.

2. I risparmi connessi alle voci di spesa indicate nell’articolo 16, comma 4, del d.l. 98/2011, sono deliberati dall’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale e dalla Giunta regionale, per le rispettive competenze, previa certificazione del Collegio dei revisori dei conti. La quota di risparmio utilizzata ai sensi dell’articolo 16, commi 4 e 5, del d.l. 98/2011, sommata alla quota di risparmio utilizzata ai sensi della presente legge regionale, non può comunque eccedere il risparmio certificato dal Collegio dei revisori dei conti.

3. Per l’esercizio finanziario 2017, costituiscono risparmi utilizzabili ai fini del comma 1 anche quelli realizzati negli esercizi precedenti, comunque certificati dal Collegio dei revisori, che non siano già stati utilizzati per le finalità di cui all’articolo 16, commi 4 e 5, del d.l. 98/2011.

Art. 20

(Spesa per lavoro flessibile)

1. Il Consiglio regionale e la Giunta regionale, con riferimento alle spese relative ai contratti di cui all’articolo 10 della l.r. 8/1996 e all’articolo 8 della       l.r. 7/1996, assumono quale limite di maggior rigore rispetto a quanto previsto dall’articolo 9, comma 28, settimo e ottavo periodo, del d.l. 78/2010, convertito, con modificazioni, dalla l. 122/2010, quello rappresentato dalla spesa al medesimo fine sostenuta nell’anno 2009, ridotta del 10 per cento.

Art. 21

(Clausola di invarianza finanziaria)

1. Dall’attuazione della presente legge non derivano nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio regionale.

Art. 22

(Entrata in vigore)

1. La presente legge, salvo quanto diversamente previsto, entra in vigore il 1° gennaio 2018.

(Allegati)

Proposta di legge numero 303/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Legge di stabilità regionale 2018” (Del. n. 279)

Art. 1

(Fondi Speciali per le leggi)

  1.  Gli importi da iscrivere nei fondi speciali ai sensi del decreto legislativo 23 giugno 2011, n.118 (Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, Enti Locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42) per il finanziamento dei provvedimenti legislativi che si prevede possano essere approvati nel triennio 2018-2020 sono determinati in euro 1.600.000,00 per il Fondo speciale destinato alle spese correnti (Missione U.20.03), di cui euro 900.000,00 per l’esercizio finanziario 2018, ed in euro 1.200.000,00 per il Fondo speciale destinato alle spese in conto capitale (Missione U.20.03), di cui euro 1.000.000,00 per l’esercizio finanziario 2018, così come indicato nelle tabelle A e B allegate alla presente legge.

Art. 2

(Nuove autorizzazioni di spesa)

  1.  Al fine di garantire la realizzazione di interventi urgenti di protezione civile conseguenti ad eventi calamitosi fonti di danni tali da richiedere il pronto intervento per l’immediato ripristino delle normali condizioni di vita, è autorizzata la spesa di euro 264.000,00, per l’esercizio finanziario 2018, e di euro 300.000,00 per ciascuno degli esercizi 2019 e 2020, con allocazione alla Missione U.11.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio di previsione 20018-2020.

  2.  Per garantire il potenziamento strutturale ed operativo delle organizzazioni di volontariato di protezione civile di cui al decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 2001, n. 194 (Regolamento recante nuova disciplina della partecipazione delle organizzazioni di volontariato alle attività di protezione civile) è autorizzata, per ciascuno degli anni ricompresi nel bilancio di previsione 2018-2020, la spesa di euro 200.000,00 con allocazione alla Missione U.11.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio medesimo.

  3.  Per la realizzazione delle attività di potenziamento, ottimizzazione funzionale nonché di manutenzione ordinaria e straordinaria delle reti di monitoraggio idro-meteo-pluviometriche è autorizzata per l’esercizio finanziario 2018 la spesa di euro 600.000,00, con allocazione alla Missione U.11.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2018-2020.

  4.  Al fine di garantire la copertura finanziaria dei debiti pregressi contratti dalla Regione nell’anno 2010 nei confronti dei beneficiari della legge regionale 29 marzo 1999, n. 8 (Provvidenze in favore di soggetti affetti da particolari patologie), è autorizzata per l’esercizio finanziario 2018 la spesa di euro 638.319,00, con allocazione alla Missione U.13.04 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2018-2020.

  5.  Al fine di realizzare gli interventi di reinserimento socio-lavorativo delle persone in esecuzione penale nel territorio calabrese, previsti nel Protocollo di intesa stipulato con il Ministero di Grazia e Giustizia in data 19 ottobre 2016, è autorizzata per l’esercizio finanziario 2018 la spesa di euro 680.000,00, con allocazione alla Missione U.12.04 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2018 - 2020.

  6.  La Giunta regionale è autorizzata a concedere un contributo una tantum in favore dei comuni o dei titolari delle parrocchie interessate per la ristrutturazione, l’ampliamento e la straordinaria manutenzione delle opere di culto e di ministero pastorale. Per l’esercizio finanziario 2018 il contributo complessivo è determinato in euro 1.000.000,00 con allocazione alla Missione U.08.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2018-2020.

  7.  Per il finanziamento delle attività previste nel Protocollo di intesa stipulato con il MIBACT, inerente alla realizzazione in Calabria della 21^ sessione degli Ateliers del Consiglio d’Europa per l’attuazione della Convenzione Europea del Paesaggio, è autorizzata per l’esercizio finanziario 2018 la spesa di euro 100.000,00, con allocazione alla Missione U.08.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2018-2020.

  8.  Per il sostegno delle iniziative legate alla canonizzazione di Sant’Angelo d’Acri, la Giunta regionale è autorizzata a concedere al Convento dei Frati Minori Cappuccini di Acri (CS) per l’esercizio finanziario 2018 un contributo di euro 100.000,00, con allocazione alla Missione U.05.02 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2018-2020.

  9.  Al fine di completare gli interventi finalizzati a fronteggiare la grave situazione di criticità determinatasi nel comune di Arena (VV) a causa di un evento franoso di rilevante entità verificatosi il 2 febbraio 2014 che ha destabilizzato il versante nonché lo stato dei luoghi, la Giunta regionale è autorizzata a concedere al comune medesimo per l’esercizio finanziario 2018 un contributo di euro 36.000,00, con allocazione alla Missione U.11.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2018-2020.

    10.            Nelle more del trasferimento del Forte Umbertino “Siacci” dal Ministero della Difesa al Comune di Campo Calabro (RC), la Giunta regionale è autorizzata a concedere allo stesso comune per l’esercizio finanziario 2018, un contributo di euro 35.000,00, per un primo intervento di ripristino dell’accessibilità e messa in sicurezza del manufatto storico e delle pertinenze ad esso collegate, con allocazione alla Missione U.08.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2018-2020.

    11.            Al fine di eliminare le condizioni di abbandono e di degrado del quartiere Arghillà sito nel Comune di Reggio Calabria e migliorare la qualità della vita delle famiglie residenti, la Giunta regionale è autorizzata a concedere al Comune medesimo, per l’esercizio finanziario 2018, un contributo di euro 25.000,00 finalizzato alla progettazione di un programma di interventi di recupero e riqualificazione urbana, ambientale e sociale del Quartiere medesimo, con allocazione alla Missione U.08.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2018-2020.

    12.            Al fine di valorizzare e diffondere la conoscenza della Scienza e dell’Astronomia, la Giunta regionale è autorizzata a concedere alla Città Metropolitana di Reggio Calabria per l’esercizio finanziario 2018, un contributo di euro 30.000,00 finalizzato all’acquisto di strumentazione e/o ristrutturazione dei locali del Planetarium Pythagoras di Reggio Calabria, con allocazione alla Missione U.05.02 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2018 - 2020.

    13.            In considerazione della ricorrenza del centodecimo anniversario della fondazione dell’Istituto Salesiano di Soverato (CZ), la Giunta regionale è autorizzata a concedere per l’esercizio finanziario 2018 al medesimo Istituto un contributo straordinario di euro 90.000,00, con allocazione alla Missione U.05.02 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2018-2020.

    14.            Al fine di sostenere l’attività dell’associazione donatori di sangue per il paziente emopatico – ADSPEM – la Giunta regionale è autorizzata a concedere alla medesima associazione per l’esercizio finanziario 2018 un contributo pari a 50.000,00 euro, con allocazione alla Missione U.13.07 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2018 - 2020.

    15.            Al fine di potenziare le attrezzature già acquisite dal Comune di Cassano ai sensi dell’articolo 3 della legge regionale 5 agosto 2016, n. 26 (Variazione al bilancio di previsione finanziario 2016-2018, ai sensi dell’articolo 51, comma 1, del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118) destinate a rendere completamente navigabile il Canale degli Stombi e favorire la portualità interna dei Laghi di Sibari, è autorizzata per l’esercizio finanziario 2018 l’ulteriore spesa di euro 120.000,00, con allocazione alla Missione U.10.03 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2018-2020.

    16.            Per consentire il funzionamento e l’ampliamento della biblioteca istituita presso il Santuario di San Francesco di Paola, è autorizzata per l’esercizio finanziario 2018 la spesa di euro 300.000,00 con allocazione alla Missione U.05.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2018-2020.

    17.            Al fine di garantire lo svolgimento del progetto “Sott’acqua insieme per vedere il mare” la Giunta regionale è autorizzata a concedere, per l’esercizio finanziario 2018, all’Associazione sportiva “Gruppo Subacqueo paolano Onlus" un contributo di euro 50.000,00, con allocazione alla Missione U.06.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2018 -2020.

    18.            Al fine di garantire il cofinanziamento a carico del bilancio regionale degli interventi destinati al completamento degli invasi sperimentali e alla entrata in regolare esercizio della diga di Tarsia, è autorizzata per l’esercizio finanziario 2018 la spesa di euro 350.000,00, con allocazione alla Missione U.09.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2018-2020.

Art. 3

(Prevenzione e riduzione dello spreco alimentare)

  1.  La Regione, per il recupero e la donazione delle eccedenze alimentari si avvale dei seguenti soggetti:

       a)           gli enti locali, singoli o associati, le associazioni con finalità diverse da quelle dei soggetti di cui alle lettere b), c), d), e);

       b)           le organizzazioni di volontariato iscritte al registro regionale di cui all’articolo 5 della legge regionale 26 luglio 2012, n. 33 (Norme per la promozione e la disciplina del volontariato);