X^ LEGISLATURA

 

RESOCONTO INTEGRALE

_________

n. 15

 

SEDUTA Di LUNEDI’ 28 DICEMBRE 2015

 

PRESIDENZA DEL PRESIDENTE NICOLA IRTO E DEL VICEPRESIDENTE FRANCESCO D’AGOSTINO

 

Presidenza del Presidente Nicola Irto

La seduta inizia alle 15,15

PRESIDENTE

La seduta è aperta. Si dia lettura del verbale della seduta precedente.

NERI Giuseppe, Segretario Questore

Legge il verbale della seduta precedente.

(E’ approvato)

Comunicazioni

PRESIDENTE

Legge le comunicazioni.

(Sono riportate in allegato)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 106/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Documento di Economia e Finanza della Regione Calabria (DEFR) per gli anni 2016-2018 (articolo 36 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118)”

Proposta di provvedimento amministrativo numero 107/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Ripiano del disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui (di cui all'articolo 3, commi 7 e 8, d.lgs 118/2011 e s.m.i.) effettuato ai sensi del decreto del Ministero dell'economia e delle finanze del 2 aprile 2015 e ripiano del disavanzo determinato alla data del 31.12.2014. Presentazione al Consiglio del Piano del ripiano del disavanzo derivante dall'anno 2014, ai fini della successiva adozione da effettuarsi ai sensi dell'articolo 9 comma 5, del decreto legge 78/2015 e presentazione al Consiglio delle modalità di ripiano del maggior disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui di cui all'articolo 2 del decreto del Ministero dell'economia e delle finanze del 2 aprile 2015”

Proposta di legge numero 111/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Legge di stabilità regionale 2016”

Proposta di legge numero 110/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Bilancio di previsione finanziario della Regione Calabria per gli anni 2016-2018”

PRESIDENTE

Passiamo al primo punto all’ordine del giorno che riguarda la proposta di provvedimento amministrativo numero 106/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Documento di Economia e Finanza della Regione Calabria (DEFR) per gli anni 2016-2018 (articolo 36 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118)”.

Proposta di provvedimento amministrativo numero 107/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Ripiano del disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui (di cui all'articolo 3, commi 7 e 8, d.lgs 118/2011 e s.m.i.) effettuato ai sensi del decreto del Ministero dell'economia e delle finanze del 2 aprile 2015 e ripiano del disavanzo determinato alla data del 31.12.2014. Presentazione al Consiglio del Piano del ripiano del disavanzo derivante dall'anno 2014, ai fini della successiva adozione da effettuarsi ai sensi dell'articolo 9 comma 5, del decreto legge 78/2015 e presentazione al Consiglio delle modalità di ripiano del maggior disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui di cui all'articolo 2 del decreto del Ministero dell'economia e delle finanze del 2 aprile 2015”.

Proposta di legge numero 111/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Legge di stabilità regionale 2016”.

Proposta di legge numero 110/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Bilancio di previsione finanziario della Regione Calabria per gli anni 2016-2018”.

La parola al Vicepresidente della Giunta regionale, assessore al bilancio, per svolgere la relazione introduttiva.

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta regionale

Grazie Presidente. Poiché nell’ordine del giorno sono previsti quattro provvedimenti della Giunta sul tema del bilancio, consentitemi di fare un’ introduzione di carattere generale e anzitutto di dire che se siamo qui oggi, per l’approvazione del bilancio 2016, è anche grazie alla massima collaborazione del Consiglio e della Commissione bilancio non la Giunta.

Grazie a questa collaborazione, ispirata dalla piena e condivisa consapevolezza della fragilità del tessuto economico e del sistema finanziario della Calabria, siamo riusciti a portare a conclusione in poco tempo una sessione di bilancio quanto mai difficile. Parifica, rendiconto, riaccertamento straordinario dei residui, assestamento, ripiano del disavanzo e piano di rientro, documento di programmazione e bilancio di previsione, sono le tappe che hanno segnato questi ultimi due mesi e che, solo in virtù di quella stessa collaborazione, è stato possibile portare a compimento.

Quindi è un grazie reale e non di mera forma.

In effetti, la manovra di bilancio che oggi è portata all’esame dell’Aula, trova ragione e senso solo se inserita in un contesto di riferimento complesso, per almeno due ordini di ragioni: da un lato a motivo della implementazione dei principi e delle regole operative della armonizzazione contabile ispirate, come è noto, al principio del pareggio di bilancio e del rigoroso equilibrio tra entrate e uscite; dall’altro lato, però, a causa della perdurante crisi del sistema economico regionale che, mentre sollecita una maggiore richiesta solidaristica di risorse pubbliche, determina al contempo una significativa contrazione delle entrate autonome, in un quadro generale caratterizzato dalla riduzione dei trasferimenti nazionali e comunitari e da una consistente difficoltà di rispettare le obbligazioni vincolanti che, tanto gli Enti locali quanto i cittadini, hanno nei confronti della Regione.

In qualche misura credo sia ragionevole affermare fin da ora – ma è questione sulla quale ritornerò alla fine del mio intervento – che il sistema formale del bilancio armonizzato è tale da evidenziare tutte le contraddizioni reali di un sistema sociale stagnante, di un sistema economico non in grado di generare e consolidare ricchezza collettiva e di un sistema politico chiamato a gestire le emergenze che vengono dal passato più che a progettare un futuro possibile.

Regole contabili.

La prima di questa è che il bilancio di previsione 2016 ha dovuto tener conto sia dei risultati della gestione 2014, degli effetti del giudizio di parifica della Corte dei conti e della sentenza della Corte costituzionale 181 e del decreto 179, sia dei risultati emersi a seguito del riaccertamento straordinario dei residui che ha portato – in seguito all’eliminazione dei residui attivi e passivi e al differimento di esigibilità dei medesimi – ad una rideterminazione dell’avanzo di amministrazione che è risultato incapiente, in considerazione delle quote vincolate da riscrivere nella competenza 2015 per l’importo complessivo di euro 134 milioni 258.900 mila euro.

Le modalità di ripiano di tale saldo negativo sono state definite dalla Giunta seguendo le prescrizioni normative. Per quanto riguarda la quota di 32 milioni derivanti dalla mancata considerazione dei vincoli, per come accertato dalla Corte dei conti in sede di parifica, si è proceduto al ripianamento settennale per quote costanti dal 2015 al 2021, realizzato attraverso una puntuale revisione e riduzione delle spese di funzionamento, piuttosto che durante la irrealistica previsione di un aumento delle entrate.

Per quanto riguarda la quota restante di euro 102 milioni, derivanti dal riaccertamento straordinario dei residui, il sistema normativo consente di distribuire gli oneri del ripiano lungo un più ampio arco di tempo di durata trentennale. Il che è stato fatto con quote annuali di euro 3 milioni e mezzo.

Vi è inoltre da considerare, per quanto riguarda il perimetro sanitario, la necessità di istituire uno specifico fondo di anticipazione liquidità, per un importo pari a 88 milioni di euro da ripianare anch’esso in 30 anni, a partire dal 2016.

Ora, gli effetti complessivi del Piano di rientro, nelle sue varie forme e articolazioni, risultano enfatizzati dal fatto che le Regioni sono vincolate all’obbligo del pareggio che non è solo e neppure tanto un principio contabile ma soprattutto una modalità organizzativa dell’azione politica, dal momento che il necessario e costante allineamento della spesa con l’andamento delle entrate colloca ormai legislativamente in fuori gioco non solo ogni approccio ispirato al deficit spending, ovvero – se si vuole –  al principio secondo cui “io ora spendo e qualcun altro dopo paga” ma anche ogni atteggiamento che identifica nella Regione l’organismo pagatore per eccellenza.

Così ormai non può più essere – e lo sarà ancora di meno – con l’introduzione, da qui a breve, del bilancio regionale consolidato, che porrà in clamorosa evidenza la questione delle società partecipate, delle fondazioni, degli enti strumentali per i quali è bene avviare fin da subito, ed anche in sede legislativa, un impegnativo processo di riordino strutturale e di razionalizzazione contabile, anche sulla base dell’esperienza per evitare il ripetersi di errori noti.

Il bilancio regionale, come noto, è segnato dalla presenza di un quantitativo ingente di risorse di natura vincolate e da una disponibilità di risorse autonome per spese sostanzialmente di natura corrente, non sufficiente a garantire la copertura del fabbisogno finanziario determinato dalla legislazione vigente. Anzi, le entrate libere da vincolo da destinare a finalità autonomamente definite dalla Regione presentano negli anni un importo costantemente inferiore al fabbisogno di spesa determinato dal fabbisogno della legislazione vigente. Si tratta di una situazione aggravata dai progressivi tagli ai trasferimenti statali che hanno generato un effetto sostitutivo e quindi una maggiore pressione sulle risorse regionali. Si pensi al fondo unico per l’agricoltura e l’industria, ai tagli al fondo indistinto per le politiche sociali, ai trasferimenti alla legge 210 per i malati di sangue infetto, alla cessazione dei trasferimenti a titolo di accise sulla benzina, e così via.

Oltre a ciò, bisogna riconoscere che il fabbisogno non è diminuito anche perché, nel frattempo, sono state approvate nuove leggi di spesa, la sanità ha assorbito, tra la fiscalità regionale per 106 milioni circa nel 2014, risorse autonome per oltre 65 milioni e sono cresciuti i pignoramenti e i debiti fuori bilancio.

Il bilancio di competenza della Regione per l’anno 2016 - al netto delle partite di giro, dell’avanzo di amministrazione applicato, dell’eventuale anticipazione di cassa - ammonta complessivamente a 5,4 miliardi di euro. Si tratta in gran parte di risorse a destinazione vincolata.

Rientrano in tale area le risorse destinate al finanziamento del servizio sanitario, all’annualità del programma di azione e coesione (che comprende in gran parte entrate riscritte nella competenza corrispondente a somme non impegnate nella parte spesa in esercizi precedenti) nonché ulteriori fondi di natura vincolata, assegnati a vario titolo dallo Stato o da altro soggetto.

Le entrate per mutui – 40,4 milioni di euro – pari all’1 per cento del bilancio, sono relative al cofinanziamento del Por 2014/2020 e sono contenute nei limiti previsti dalla norma. Le entrate libere da vincoli, da destinare a finalità autonomamente definite dalla Regione, ammontano a circa 700 milioni di euro, pari a circa il 13 per cento delle risorse attualmente iscritte al bilancio.

Qui forse è il caso di riflettere sul fatto che i tributi propri della Regione, compresa l’Iva e l’addizionale regionale Irpef, ammontano complessivamente a 1 miliardo 264 milioni di euro circa. Le entrate tributarie, al netto della sanità, scendono a 816 milioni di euro. Le entrate tributarie proprie, strettamente regionali, sono pari a 370 milioni di euro circa e continuano a rappresentare una componente molto limitata nell’acquisizione di mezzi finanziari aggiuntivi per provvedere ai fabbisogni della Regione.

In questo contesto la spesa finanziata con risorse autonome rappresenta solo l’8 per cento della spesa complessiva; è questo l’importo della manovra, tenendo conto che gran parte di tale importo è destinato a spese di carattere obbligatorio o utilizzato per far fronte alle emergenze sociali e occupazionali della Regione, quindi difficilmente rimodulabile.

In particolare, tenendo conto di questi vincoli, la proposta di utilizzazione dei 700 milioni di euro di risorse autonome contiene il finanziamento delle spese obbligatorie per il personale della Giunta, compresi i fondi per il personale proveniente dalle province del quale la Regione si è fatto carico per evitare crisi sociali significative (come quella relativa alla provincia di Vibo Valentia che, però, non è tanto connessa all’attuazione della legge Delrio quanto alla pesantissima e pregressa condizione di dissesto finanziario); le spese di funzionamento di carattere obbligatorio, relative alla acquisizione di beni e servizi per l’importo di 21 milioni di euro; lLe spese per il funzionamento del Consiglio regionale per 58 milioni di euro, comprese le spese per il personale e di acquisizione di beni e servizi.

Vale la pena segnalare che, finalmente, Giunta e Consiglio hanno un bilancio egualmente formulato.

E’ stata poi prevista la copertura finanziaria per le rate di ammortamento inerenti ai mutui contratti per 82 milioni di euro e 28 milioni di euro per gli enti locali; la previsione del rimborso di anticipazione di liquidità per 30 milioni; il finanziamento delle spese per la sanità.

Qui mi piace ricordare che nel bilancio sono stati appostati 8 milioni per i malati di sangue infetto, in via sostitutiva del mancato intervento dello Stato.

E’ stato inoltre previsto il trasferimento di ben 116 milioni di euro agli enti sub-regionali; la sostanziale conferma rispetto all’anno precedente degli stanziamenti per il precariato; la spesa di 40 milioni per le rette socio-sanitarie e socio-assistenziali; il cofinanziamento iscritto in bilancio per i fondi comunitari pari, in 7 anni, a 283 milioni di euro di cui 45 milioni nel bilancio in esame; la conferma del finanziamento, per i settori cosiddetti sensibili, di studio, protezione civile, politiche sociali per un importo di circa 21 milioni di euro.

Consentitemi qui di ricordare che il fondo per finanziare i servizi socio-assistenziali a favore dei minori sottoposti a provvedimento dell’autorità giudiziaria è stato portato da 3,8 a 4,5 milioni di euro e che al finanziamento per gli interventi per l’abbattimento e il superamento delle barriere architettoniche da tempo – almeno decennale – pari a zero è stato implementato per 5 milioni.

Vi è poi da considerare la quota di finanziamento di 25 milioni per il trasporto pubblico locale, oltre alla quota del fondo nazionale trasporto nonché il finanziamento di 9 milioni di euro circa per altre leggi regionali di natura settoriale.

Poi gli accantonamenti: 65 milioni nel triennio per il fondo crediti di dubbia esigibilità, gli accantonamenti di risorse per far fronte ai pignoramenti a titolo di fondo rischi e per la copertura delle perdite delle società partecipate per il fondo di riserva delle spese obbligatorie, per un totale di 40 milioni di euro circa.

Consentitemi di concludere sottolineando queste due ultime voci: 65 milioni di euro di accantonamento per crediti di dubbia esigibilità e perdite e 40 milioni per fondo rischio che, complessivamente, sono pari a 100 milioni su 700 milioni di risorse libere. Circa il 15 per cento delle già scarse risorse sono, di fatto, vincolate per ragioni non solo e neppure tanto contabili, ma semmai profondamente politiche.

I crediti di dubbia esigibilità riguardano in buona parte risorse che gli Enti locali debbono trasferire alla Regione per rifiuti e risorse idriche. Gli accantonamenti riguardano pignoramenti e perdite delle società partecipate.

Possiamo anche discutere sulla collocazione di piccoli o grandi importi tra un capitolo e l’altro ma, senza un’azione convinta sul piano dei rapporti tra Regioni ed Enti locali, per un verso, e sul piano dei debiti maturati dal sistema amministrativo parallelo segnato da società, fondazioni ed enti strumentali, per altro verso, nonché sulla necessità di far ripartire il sistema imprenditoriale nel suo complesso, le cose cambieranno molto poco. Anzi, il rischio, nella prospettiva del bilancio consolidato, è che le cose possano peggiorare, e di molto, perché il sistema armonizzato di contabilità presenta nel suo complesso tante criticità ma, almeno, ha una virtù: quella di promuovere una necessaria operazione di verità che nel caso della Calabria significa, in definitiva, chiamare le cose col loro giusto nome.

PRESIDENTE

Continuiamo col primo punto all’ordine del giorno. La parola al consigliere Aieta, relatore, che invito a svolgere la relazione, illustrando i primi quattro punti all’ordine del giorno, tutti legati al documento contabile.

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

Signor Presidente, intanto devo ringraziare il vicepresidente Viscomi che ha seguito tutti i lavori della Commissione insieme al direttore del Dipartimento bilancio, De Cello, e a tutto il personale della seconda Commissione, a cominciare dal dirigente Lazzarino, che non hanno risparmiato fatica.

Ci apprestiamo a votare quattro punti all’ordine del giorno che afferiscono al bilancio di questa Regione.

Intanto, nella seduta del 23 dicembre, la Commissione bilancio ha approvato a maggioranza la proposta di provvedimento amministrativo relativa al documento di economia e finanza della Regione Calabria, che prevede che le Regioni con riferimento agli esercizi finanziari 2016, sono tenute a predisporre un documento che porta l’acronimo di Def, che ha un orizzonte temporale triennale.

Questo documento, in effetti, rappresenta gli scenari che ha appena descritto il vicepresidente Viscomi: economico-finanziari nazionali e internazionali, regionali, l’economia, la finanza, le politiche da adottare e gli obiettivi della manovra di bilancio regionale, tenendo conto degli obiettivi del Patto di stabilità interno.

Ovviamente espone un quadro finanziario in una cornice dentro la quale gli enti territoriali – in questo caso la Regione – devono muoversi nel periodo di riferimento.

Questo documento ovviamente costituisce uno strumento a supporto del processo di previsione del bilancio e, insieme ad esso, c’è un’altra proposta di provvedimento amministrativo, la numero 107, che è stata – anche questa – approvata a maggioranza in Commissione, ed è relativa al Piano di disavanzo, derivante dal riaccertamento straordinario dei residui. Con questo provvedimento si determinano le modalità di ripiano del disavanzo e, con un provvedimento distinto, si è reso necessario individuare in maniera certa la quota del disavanzo effettivo, presente alla data del 31 dicembre 2014.

Unitamente a questi punti c’è la legge regionale di stabilità 2016 con la quale si provvede al finanziamento dei fondi speciali di parte corrente e di parte in conto capitale per l’approvazione di nuove leggi regionali, al rifinanziamento per il triennio 2016/2018 delle leggi di spesa regionali – ovviamente con esclusione delle spese obbligatorie e di quelle continuative – e si provvede ad autorizzare la spesa che è demandata alla lettura di tutto l’articolato e delle tabelle A, B e C.

Al punto 4, che è la proposta di legge numero 110 di iniziativa della Giunta, relativa al bilancio di previsione per gli anni 2016/2018, si dà conto dei risultati della gestione 2014, degli effetti del giudizio di parifica della Corte dei conti e della famosa sentenza della Corte costituzionale numero 181 del 2015, ma si dà anche atto dei risultati emersi a seguito delle attività realizzate in sede di riaccertamento straordinario dei residui.

Come si evince dalla relazione introduttiva a questi provvedimenti, il bilancio di competenza della Regione per l’anno 2016 ammonta complessivamente a circa 5,4 miliardi di euro. Si tratta in gran parte di somme che hanno una destinazione vincolata e il cui utilizzo può avere luogo solo per finalità stabilite da altri decisori istituzionali.

Rientrano in quest’area le risorse destinate al finanziamento del Servizio sanitario regionale, che è pari a 3,59 miliardi di euro, circa il 67 per cento, l’annualità 2016 del programma di azione e coesione, 496 milioni di euro pari al 9 per cento, nonché ulteriori fondi di natura vincolata, assegnata a vario titolo allo Stato o ad altri soggetti.

Per cui le entrate libere da vincoli da destinare a finalità autonome della Regione ammontano a circa 700 milioni di euro,  pari a circa il 13 per cento delle risorse iscritte in bilancio.

Ovviamente questo importo non è libero da vincoli e da impegni per cui le scelte discrezionali si possono operare fermo rimanendo che, in ogni caso, gran parte di questo importo è destinato alle spese di carattere obbligatorio: personale, mutui, contratti, accantonamenti.

Signor Presidente, vorrei aggiungere una considerazione di natura politica di questo bilancio perché, se è vero che le fatiche per far quadrare i conti hanno reso ostica questa manovra, è anche vero che in essa i calabresi potranno ritrovare poste di bilancio importanti che danno, ovviamente, spessore a questa azione di governo.

Voglio ricordare i centri antiviolenza, su cui era sorta qualche incomprensione, che il presidente Oliverio e la sua Giunta hanno fortemente voluto con una posta in bilancio di circa 400 mila euro. Mi si lasci apprezzare anche il recupero di un patrimonio immenso, visto che siamo nel sesto centenario della nascita di Francesco Da Paola, Patrono di questa Regione. A parte un emendamento, mio e del consigliere Orsomarso, in cui rafforziamo la posta in bilancio per le celebrazioni del sesto centenario c’è, cosa ancora più importante credo, l’emendamento a firma del Presidente di questa Regione che, con 200 mila euro, salva un patrimonio librario di 90 mila volumi – che sono stipati in luoghi di fortuna nel Santuario del Santo calabrese; credo che questo indichi in qualche modo lo spessore, la vicinanza, l’amore per la cultura, il sapere, le competenze e la conoscenza, soprattutto per le tradizioni, riconoscendo al grande Patrono della Calabria – uno dei più grandi Santi del quindicesimo secolo – valore e spessore nella massima Assise regionale. Grazie.

PRESIDENTE

Come concordato con i capigruppo iniziamo ora la discussione riunificando i primi 4 punti che sono riferiti al documento di bilancio.

Ha chiesto di parlare il consigliere Mangialavori. Ne ha facoltà.

MANGIALAVORI Giuseppe Tommaso Vincenzo (Casa delle libertà)

Grazie, signor Presidente, buongiorno colleghi consiglieri, potremmo dire che la forma è salva, ma in realtà sulla sostanza c’è molto da discutere.

In questa data ci accingiamo ad approvare il bilancio, una data assolutamente insolita che ci ha privato della possibilità di fare una analisi attenta di quello che è il bilancio, approvato in Commissione solo il 23 dicembre. In questi giorni, pochissimi sono stati i momenti nei quali ci siamo potuti confrontare, anche con gli uffici, per poter apportare qualche emendamento, qualche modifica, purtroppo il tempo ce lo ha impedito.

La legge che andiamo a votare oggi, a leggere bene i dati, è assolutamente in continuità con quella del recente passato. Quindi la più rivoluzionaria operazione che sia stata approntata dalla nuova compagine di governo in realtà si palesa come la più brillante operazione di conservatorismo politico intrapreso dall'attuale maggioranza.

In politica spesso la forma è sostanza. Ebbene il presidente Oliverio è riuscito nella non facile impresa di creare l'eccezione che conferma la regola, anzi di invertire la regola stessa. In questo caso, la forma è tutt'altro che sostanza!

I contenuti appaiono in evidente continuità con il passato. Non sono stati assicurati i necessari tagli per una razionalizzazione delle spese. I tagli non incidono sulla struttura del bilancio e non si vedono significative innovazioni.

Totalmente assente una visione strategica in questa manovra di bilancio; un documento, quello che affrontiamo oggi, che soffoca la Calabria, mostra tutti i limiti del passato che, fino all'altro giorno, il Pd aveva annunciato, solennemente, di sapere superare.

La realtà anche in questo caso sconfessa tale proposito. E’ assente qualsiasi discrezionalità politica sugli interventi. È un bilancio ingessato che limita, assolutamente, i servizi.

La Calabria avrebbe avuto bisogno di ben altro. E in particolare – come da voi detto più volte – avrebbe avuto bisogno di un processo di reset con il centralismo e lo strapotere della burocrazia.

La sensazione è che il bilancio, che è allo stesso tempo atto politico e burocratico, oggi si spogli della veste politica per lasciare soltanto spazio all’aspetto amministrativo. Poi si sbandiera spesso ai quattro venti il cosiddetto “primato della politica”.

Guardando questo bilancio, di primato della politica ce n’è veramente poco.

Un bilancio così ideato è la prova provata di tutto ciò che si realizza mediante adempimenti formali e disamine che ogni anno tendono a illustrare un sostanziale peggioramento delle condizioni di vivibilità della nostra regione.

Lungi da me un intervento demagogico, ma un qualche segnale di rottura, una forte“spinta propulsiva” – come ama chiamarla il presidente Oliverio – ce la saremmo aspettata. Nulla. Non soltanto non vi è alcuna "spinta propulsiva" all'innovazione, ma non vi è neanche la capacità di pensare ad una Calabria diversa, cosa che avete sbandierato ai quattro venti qualche anno fa.

Si fa fronte alle mille difficoltà, sia pure oggettive, e l’unica risposta che dà questa compagine di governo è di rassegnazione. Rassegnazione che non fa altro che certificare l'inutilità della politica e dare tutto in mano alla burocrazia.

Ma quale dovrebbe essere il ruolo della politica? Naturalmente dovrebbe essere analizzare tutte le richieste che vengono dal territorio, le necessità e individuare dei percorsi per cercare di risolverli.

Senza questa prospettiva, lo ripeto, la politica non ha senso di esistere e si lascia tutto in mano alla ordinaria amministrazione.

Dal punto di vista delle politiche regionali e dei comuni questo bilancio dimostra che la maggioranza non ha idea di come governare la Regione perché è impossibilitata dalle contingenze reali.

Infatti, con la delibera numero 370 del 24 settembre 2015, per sistemare gli equilibri di bilancio tra spese ed entrate, la Giunta ha emanato un atto di indirizzo per i direttori generali, che di fatto mette in ginocchio parecchie amministrazioni locali con il cosiddetto "pagamento in compensazione".

Il bilancio della Regione è in serie difficoltà e così anche quello delle amministrazioni comunali. Ma un atto così le mette in ginocchio ancora di più.

Sappiamo con quali difficoltà gli enti locali si muovono e questa delibera li metterà in ginocchio definitivamente.

Per quanto riguarda le politiche sociali e la cultura che sono i primi due cardini del vivere civile, l'amministrazione dimostra i suoi vistosi limiti.

I casi di precariato regionale cui l'amministrazione regionale non riesce a dare risposte coerenti, efficaci e definitive sono molteplici. Tutti irrisolti e per tutti senza che la compagine di governo offra una prospettiva ben delineata.

Faccio l’esempio dei tirocinanti del Parco delle Serre e dei lavoratori dell’ex Field, tanto per citare qualcuno dei tanti enti in difficoltà.

Nessuna risposta. Ad esempio nello scorso bilancio avevo presentato un emendamento per finanziare una legge regionale, che era stata finanziata dalla scorsa amministrazione, a sostegno dei familiari delle vittime sul lavoro e che anche quest’anno non si è presa assolutamente in considerazione.

Colgo con positività la previsione del finanziamento alla biblioteca di Soriano che recepisce le indicazioni che avevo chiesto e dato a questa amministrazione presentando una interrogazione e due emendamenti bocciati nel precedente anno. Questo lo colgo con soddisfazione.

E’ evidente che sulla cultura questa amministrazione non ha alcuna strategia.

Per concludere, il bilancio proposto non è assolutamente coerente con progetti futuri e di ampia prospettiva.

Il Governo Renzi con il cosiddetto Masterplan per il Mezzogiorno sembra avere individuato la panacea a tutte le criticità. Naturalmente il tempo ci darà le sue risposte.

Intanto, si sottolinea come il proposto bilancio di oggi è un provvedimento che non aggredisce assolutamente i problemi più importanti e non risponde a un'idea moderna della Regione. Si adagia sulle apparenti certezze, sempre più fragili e su un'oggettiva adesione allo status quo.

Presidente Oliverio, ci saremmo aspettati ben altro. La Calabria si sarebbe aspettata ben altro.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il consigliere Orsomarso. Ne ha facoltà.

ORSOMARSO Fausto (Gruppo Misto)

Presidente, stiamo parlando del dibattito sull’approvazione del bilancio di previsione?

PRESIDENTE

Sì, consigliere Orsomarso.

ORSOMARSO Fausto (Gruppo Misto)

Pensavo di ascoltare su questo anche qualche consigliere del centro-sinistra, qualcuno che negli scorsi anni starnazzava irresponsabilmente, però atteso che non ho ascoltato alcun intervento, proverò a fare il punto in modo equilibrato. Ringrazio per l’attenta relazione, che ho seguito anche in Commissione bilancio dove ho provato a rappresentare il voto e l’impostazione dell’intera minoranza. Ringrazio il lavoro del presidente Aieta.

Vorrei fare su questo bilancio di previsione due considerazioni politiche che in genere si chiamano di grande respiro, provando a mantenere sempre un profilo basso. Due considerazioni politiche del consigliere Orsomarso, mi faccio l’autocritica da solo.

Ho espresso voto contrario in Commissione rispetto a questo bilancio, ho ringraziato per la relazione anche l’assessore Viscomi, e c’è qualcosa di importante che mi sentivo anche di sostenere, qualche emendamento su cui mi sono astenuto e altri, lo ricordava il consigliere Aieta, circostanziati, su cui ho votato a favore. Ma il voto complessivo su questo bilancio è negativo per sottolineare un aspetto politico negativo di questa guida regionale che ha una sua connotazione, una sua visione del mondo che giustamente è quella del centro-sinistra a cui io mi sento alternativo.

Cosa manca in questo bilancio? Lo dico al presidente Oliverio, che ha vinto e convinto i calabresi non solo per la parte politica che rappresentava ma anche per la criticità che i calabresi hanno ritrovato negli anni di governo di centro-destra, conclusosi in modo improprio e su cui magari negli anni a venire la storia, come sempre,darà ragione su cose positive e negative.

Ma il presidente Oliverio aveva delle caratteristiche, dei connotati ben chiari rispetto alla sua esperienza politica e al suo curriculum politico, rispetto alla sua stagione politica. Si è candidato dicendo ai calabresi “io posso essere l’uomo del cambiamento” perché sono alla fine di una lunga carriera, e tanti calabresi, finanche qualche lettore di centro-destra per i numeri con cui ha vinto, si erano lasciati convincere.

Su questo bilancio esprimiamo un voto responsabilmente contrario, senza starnazzare come hanno fatto in modo irresponsabile coloro che stavano all’opposizione negli anni scorsi, quando vi erano le stesse difficoltà di oggi; e noi lo dicevamo, quando si parlava di fondi comunitari e di risorse che andavano allocati. Abbiamo svolto la nostra attività di legislatore nella scorsa legislatura e anche oggi, provando a promuovere leggi intelligenti e utili - che fossero sulle scuole sci, parlo delle mie, sulla casa o sulle seconde case - sempre immaginando di conoscere a fondo la difficoltà di questi bilanci che sono il risultato di 20, 30 o 40 anni di regionalismo e rispetto ai quali si può proporre una buona legge, ben sapendo però che c’è poco spazio per poterla finanziare.

Io lo dico anche al collega Mangialavori che ha sottolineato che nei prossimi 10 anni non ci sarà spazio in questa Regione per poter finanziare leggi utili prodotte anche nel passato.

Quindi una grande attività di questo Consiglio sarà continuare l’opera di razionalizzazione che pure noi abbiamo iniziato nella scorsa legislatura; ma l’opera politica di chi guida la Regione dovrà essere quella di armonizzare al di là del dato tecnico. Chi ha letto questa relazione dice che c’è un dato tecnico di armonizzazione perché abbiamo il principio di pareggio di bilancio in Costituzione che, unita al Patto di stabilità, è stata una mannaia di una Europa che non ci piace e che non ci convince – lo diremo in diverse sedi – ma c’è una impostazione principale su cui Presidente oggi lei è in ritardo.

Mi rendo conto, presidente Oliverio, che lei è un po’ ostaggio di questo strano Pd e lo dico anche con rispetto perché è il suo partito, e chi come me crede nei partiti porta rispetto anche a Rifondazione comunista in Italia.

Un partito che ci ha restituito un ritardo per cui io e il collega Tallini ci siamo dovuti incatenare al dipartimento per la salute. Sulla voce principale del bilancio, che vale il 62 per cento, la relazione ci dice ancora oggi che abbiamo fatto 100 passi indietro rispetto ai due - non dico 100 - passi avanti che avevamo provato a fare in modo impopolare nella scorsa legislatura. Il mio voto, il nostro voto contrario va proprio su questa impostazione.

La novità che voi avevate voluto trasferire e che pure noi abbiamo guardato e continuiamo a guardare con rispetto non c’è, non si vede, manca e soprattutto ci riporta all’anno zero. Il dato di bilancio su cui noi ci eravamo innamorati, ci ha spinti a fare scelte impopolari, chiudendo 18 ospedali, razionalizzando, facendo la razionalizzazione dei trasporti. E va riconosciuta l’onestà intellettuale mia e del consigliere Tallini, che abbiamo finanche votato la vostra legge sui trasporti che ci convinceva nel solco di una serie di riforme. Oggi in questa opera che è di visione politica e di impostazione di lavoro di un anno che non c’è stato, che in modo evidente pesa sulla la Calabria dei comuni, dei sindacati, delle imprese siamo contrari. Cosa ben diversa anche il faticoso recupero sulla spesa dei fondi che comunque c’entra con le politiche di bilancio.

Credo che sia avvertito un vero allarme sociale, su cui forse qualcosa dai consiglieri di centro-sinistra avremmo voluto sentire, ma mi rendo conto che da parte di chi ha girato in lungo e in largo la provincia dicendo “Riapriremo gli ospedali, vi daremo più chilometri, più politiche sociali e più cultura” ci vorrebbe molto coraggio a sostenere il contrario.

L’allarme, per cui voto contrario e saremo qui umilmente a fare il nostro lavoro anche di suggerimento, sta proprio sulla quota di bilancio sanitario e di disavanzo che in un solo anno avete riportato indietro.

Sei mesi di attesa e c’era qualcuno anche del Pd, lo ricorderà il collega Tallini, che a quella seduta di Giunta voleva nominare dei commissari momentanei per far sì che non si tornasse indietro a produrre nelle aziende ospedaliere, nelle Asp una spesa incontrollata.

Il ritardo accumulato per nominare il vostro commissario - se non ci fossimo stati io e il collega Tallini forse staremmo ancora qui ad attenderlo – è su quel dato che è pesante.

Voglio ricordare alla stampa che ci rendiamo conto, e ripeto consapevolmente, che per questa stagione e per l’altra che verrà ci saranno sempre bilanci che devono recuperare tanto tempo quindi hanno poco spazio per una agilità di manovra.

Mi piace, ad esempio, questo lo dico con grande onestà intellettuale, la previsione di 8 milioni per gli emotrasfusi che anche noi con tutto lo sforzo non riuscimmo ad inserire negli scorsi bilanci. Se dovessi dare un voto positivo ad un pezzo di bilancio, bene quello sforzo che siete riusciti a fare per un diritto che non ha trovato soddisfazione negli scorsi anni difficili.

Ma il grido di allarme vero sta in quel passo indietro dove si infrange il sogno di chi come noi provava a governare la Calabria immaginando di liberare quelle risorse della riforma del Titolo quinto della Costituzione – guarda caso anche quella è una riforma del Pd – una riforma cieca che oggi continua a riformare in modo cieco lo Stato, riformando il Senato e finanche questo Consiglio regionale e che indirettamente aveva previsto di affidare alle regioni varie competenze: turismo ma su tutte la sanità.

Quando tutte le regioni di Italia hanno iniziato a spendere, la dotazione di questa Regione non è bastata più perché da 3,4 miliardi si è arrivati a 3 miliardi e 100. Insomma lo Stato ha iniziato a far quello che ha fatto, quindi commissariando le regioni.

Noi in quella azione di commissariamento lunga, difficile e dura non abbiamo mai trovato, e lo dico al consigliere Guccione di cui apprezzo le battaglie politiche, un minimo di sensibilità e di rispetto per il lavoro difficile che la maggioranza faceva, cosa che noi oggi abbiamo del vostro lavoro.

Intanto in quegli anni quel disavanzo poteva rappresentare un pezzo di risorsa dei calabresi, dell’Irpef, dell’Irap che si poteva liberare, i 230 milioni per intenderci, i 259 milioni, adesso le cifre precise non le ricordo, poca roba. Ma parliamo di centinaia di milioni di euro che stiamo liberando, portando, finalmente, il disavanzo complessivo a circa 30 milioni. Tant’è che nello scorso assestamento del vostro bilancio di previsione si sono liberate 44 milioni di euro di risorse di premialità, oggi non le troviamo più perché è bastato un anno del vostro non governo.

E a dire il vero, presidente Oliverio, ci rendiamo conto che lei ha questa conflittualità grossa con questi due commissari di governo che stanno qui in Calabria a far tutt’altro che l’interesse della sanità calabrese.

Questo è il dato che non ci piace sottolineare. Cioè si ritorna indietro, quindi 117 milioni di euro del gettito dell’Irap continueranno a coprire quel disavanzo, e 223 milioni di euro dell’Irpef. Insomma quelle risorse che noi sognavamo di liberare in un solo anno, fermo restando che andavano fatte le verifiche puntuali anche sulle attività di Asp e delle Aziende ospedaliere della nostra gestione. Ci hanno riportato indietro.

A me preoccupa questo sinceramente. Ci sono tante altre cose che abbiamo sottolineato in questi mesi anche in questo confronto che si ha col Governo nazionale, che ormai non trasferisce più neanche le risorse ordinarie e ci ha fatto e vi fa governare con le risorse straordinarie. Comprendiamo la vostra difficoltà, ma la madre di tutte le battaglie, su cui qualcuno prima di voi ha perso, purtroppo, non dico la faccia, nel senso che con dignità proviamo a metterla sempre avendo la schiena dritta, ma diciamo la battaglia dei calabresi, voi l’avete persa in un solo anno.

Quindi esprimo un voto contrario a questa approssimazione sulla voce principale su cui bisognava avere coraggio e continuare a fare di più. Un voto contrario nella speranza che possa trasformarsi in futuro. Perché, vede presidente Oliverio, l’ho detto anche al presidente Aieta, bisogna fare una Calabria che non ha steccati. Con il presidente Aieta, quando era sindaco e mai su interessi personali, c’è sempre stata una assonanza per amore dei territori e nel fare le battaglie. Io trovo anche difficoltà in termini relazionali ad utilizzare toni forti che, tra l’altro, non ci appartengono.

Provo ad avere argomenti forti. Non avremo nessun problema – lo ribadisco – a dare un contributo finanche di astensione quando ci sarà un bilancio che ci coinvolga e convinca e che vada nella direzione dei sacrifici che abbiamo fatto.

Vorremmo solo avere un po’ più di rispetto nel discorso che c’è di una continuità amministrativa con chi vi ha preceduto, un po’ più di rispetto per chi oggi siede in quest’Aula e oggi il vostro non rispetto sta nel vostro silenzio.

Di chi ha abbaiato alla luna negli anni scorsi e oggi giustamente e responsabilmente – non c’è da aggiungere altro – non può commentare un bilancio che è asfittico, che è in sofferenza e che è un po’ come tutti quei bilanci che con grande difficoltà abbiamo approvato in questi anni.

L’unica preoccupazione, Presidente, quando vorrà, rispetto a quanto abbiamo già fatto, chiedere una mano a questa opposizione, a questa minoranza la sosterremo perché la preoccupazione più grande è su quanto non si è continuato a fare in sanità, su quanto in sanità non si poteva recuperare per liberarla alla vostra capacità di poter fare buone cose ai calabresi.

Quindi il voto è contrario con la preoccupazione che dal prossimo anno la vostra minore conflittualità, che è evidente e che rimbalza anche sugli organi di informazione tutti i giorni, possa restituirvi maggiore agilità politica per fare il bene della Calabria e dei calabresi. Vi ringrazio.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il consigliere Bevacqua. Ne ha facoltà.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico)

Signor Presidente del Consiglio, signor Presidente della Giunta, colleghi consiglieri, innanzitutto consentitemi di esprimere un apprezzamento vero e sincero per le relazioni svolte dal Vicepresidente della Giunta, professor Viscomi, e dal collega Aieta, per la chiarezza intellettuale che ha contraddistinto i loro interventi ed anche per il coraggio con cui hanno rappresentato a quest’Aula le difficoltà legate ad un bilancio ingessato che per la seconda volta siamo qui costretti ad approvare.

Non ho apprezzato, al contempo, gli interventi dei colleghi Mangialavori e Orsomarso perché quando non si comprende che ci troviamo di fronte ad un bilancio ingessato, dove gran parte delle risorse afferiscono a spese vincolate e dove l’entità delle entrate proprie liberamente impiegabili si attesta intorno al 10 per cento circa, si dimostra che non c’è quel senso di responsabilità necessario a poter far svolgere a quest’Aula un lavoro intelligente, un lavoro di responsabilità anche verso i nostri concittadini e verso le nostre comunità.

Sarebbe forse superfluo intervenire viste le difficoltà del bilancio di cui stiamo parlando e per il quale tra poco voteremo, ma credo che sarebbe sbagliato se dovessimo prendere atto solo di tale difficoltà; penso che il nostro dovere principale di consiglieri regionali sia di esercitare delle prerogative che derivano dal controllo e dalla programmazione che compete a quest’Aula.

A quest’Aula compete far chiarezza sulle tante cause per le quali oggi ci troviamo qui a parlare di un bilancio ingessato e non di investimenti veri, reali e concreti per i calabresi e per le nostre comunità.

Sicuramente non se lo ricorderà nessuno, ma io già nel mio primo intervento relativo alla approvazione del bilancio dello scorso anno mi permisi di evidenziare le ombre e le luci che riscontravo nella redazione del bilancio ed anche il fatto che ciò fosse legato, magari, alle incrostazioni presenti nella macchina burocratica della Regione.

Ora a distanza di un anno da consigliere regionale riconfermo in toto le mie perplessità, le mie osservazioni e la mia considerazione, se è vero, come è vero, che anche quest’anno si è trovato un equilibrio di bilancio attraverso il mantenimento di una serie di residui attivi e passivi – caro professor Viscomi – i quali, stante la presente impostazione, difficilmente potranno essere smaltiti.

Sicuramente la responsabilità di tutto ciò non può essere imputabile a Filippo De Cello, che saluto, ma anzi per dirla tutta, caro dott. De Cello, non la invidio certamente per la sua difficile posizione. Quello che in effetti dobbiamo capire, però, una volta per tutte, è che con l’entrata in vigore del principio di armonizzazione del bilancio l’obiettivo principale diventa eliminare la mole di residui carenti di ragion d’essere, altrimenti falliremo, oltre che il rispetto delle norme che ci hanno imposto questa eliminazione, l’accantonamento di questi residui nell’intento di centrare – lo dico al professor Viscomi – quegli obiettivi di trasparenza e di corretta gestione ai quali facciamo spesso riferimento e che devono essere il baricentro di ogni azione amministrativa che deve guidare questa Giunta e questo Consiglio regionale.

Questo lo ricordava poco fa il collega Orsomarso, poi mi sfugge l’onestà del suo intervento, Orsomarso, quando parla di armonizzazione del bilancio e quando parla di altro vuol dire che non riconosce le difficoltà reali legate alla costruzione di un bilancio con questi parametri.

Penso sia opportuno a questo punto, per far chiarezza definitiva su questo aspetto, che l’assessore al ramo ed il dirigente del settore avviino un confronto serrato e non più rinviabile con ogni singolo dipartimento al fine di far chiarezza sui residui attivi e passivi di dubbia esigibilità.

Qui è la partita vera anche perché il quadro di riferimento che abbiamo davanti ci parla anche di un avanzo di amministrazione e questo porrebbe tanti interrogativi per capire se i residui perenti siano utili o meno, ma non voglio fare queste osservazioni.

Non possiamo dimenticare che questo bilancio è frutto – lo dicevo già – di difficoltà storiche come certifica, ad esempio, la quota di pignoramenti pari a 45 milioni annui. E’ anche vero, però, che una simile valutazione non è di per sé sufficiente se è soltanto annunciato in uno strumento di previsione. Vale però dimostrare un po’ alla volta come una mole così consistente di azioni esecutive sia il risultato di cattive gestioni passate e non presenti.

Ma piuttosto che continuare nella elencazione dei danni del passato, i famosi cahiers de doleances che ci porterebbero a dire – lo dico anche agli amici della opposizione – recuperando un film di Troisi “Non ci resta che piangere”, dobbiamo pensare a svolgere al meglio il nostro ruolo facendo capire a quanti ancora hanno difficoltà a recepirlo che c’è un Consiglio regionale pronto ad assumersi le proprie responsabilità ma altrettanto determinato a far comprendere alla burocrazia regionale e ai suoi dirigenti che il tempo di dir sì al proprio riferimento istituzionale, generando come risultato montagne di residui perenti, è decisamente finito.

Non lo dico io ma più volte è stato detto dal presidente Oliverio. L’auspicio che rivolgo ad ognuno di noi è che questo sia l’ultimo bilancio ingessato e che il 2016 rappresenti l’anno di un cambiamento vero e profondo.

D’altronde, l’opera avviata dal presidente Oliverio e dalla sua Giunta va proprio in questa direzione. Per questo mi piace concludere questo mio breve intervento con uno spirito di ottimismo e di speranza che, del resto, dovrebbe caratterizzare l’azione di chi guarda alla politica con un approccio riformista e di cambiamento vero.

PRESIDENTE

Sospendiamo la seduta per dieci minuti.

La seduta sospesa alle 16,17 è ripresa alle 16,20

Presidenza del Vicepresidente Francesco D’Agostino

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare la consigliera Sculco. Ne ha facoltà.

SCULCO Flora (Calabria in rete)

Signor Presidente della Giunta, colleghi consiglieri, oggi discutiamo il bilancio di previsione pluriennale 2016/2018 e lo facciamo nei tempi previsti e questo è un merito. Noi tutti siamo consapevoli che si tratta di una manovra fortemente ingessata che risente molto della situazione finanziaria che da tempo vive la Calabria.

Per questo sappiamo tutti che risulterà difficile dar risposte ai tanti bisogni della stessa Calabria e dei calabresi come ognuno di noi avrebbe voluto e desiderato.

Direi che il bilancio contiene in cifre tutte le difficoltà che presenta la nostra Regione. Infatti come ci ha comunicato con la sua relazione il Vicepresidente, professore Viscomi, su una manovra finanziaria di circa 5,4 miliardi di euro solo 700 milioni di euro sarebbero liberi da vincoli ma in realtà, anche in questo caso, si tratta in grandissima parte di risorse finanziarie che sono necessarie alla sopravvivenza del sistema Regione.

E comprendo, signor presidente Oliverio, gli sforzi che la Giunta sta compiendo per fronteggiare emergenze vecchie e nuove, muovendosi, fra l’altro, in un contesto economico e nazionale tutt’altro che favorevole. Così come capisco la necessità da parte della Giunta di presentare al Consiglio regionale una proposta economica già confezionata e chiusa.

Ovviamente il bilancio pluriennale non è solo e del tutto risorse vincolate e non è nemmeno l’unico strumento da impegnare per intervenire sui temi della crescita, dello sviluppo, del lavoro, sul disagio sociale e su quello della povertà che tutti sappiamo essere una vera e propria piaga della nostra regione.

In questo senso, signor Presidente, ritengo che il nostro compito e la nostra funzione non sia solo quella di rincorrere le tante e troppe emergenze che, direi giornalmente, si propongono e si muovono sull’intero territorio regionale ma sono anche – direi anche soprattutto – convinta che dobbiamo muoverci in un quadro di prospettiva ovvero dentro una impostazione che sappia legare le stesse emergenze ad una visione di innovazione e di progresso nella nostra regione.

Quello che serve – mi sia consentito di dire – è una visione complessiva di sviluppo alla quale ancorare le notevoli risorse che in questo caso avremmo a disposizione sia dal versante nazionale sia europeo. Mi riferisco alle risorse comunitarie 2014-2020, a quelle del Fondo di Coesione, a quelle che possono essere impegnate ed utilizzate con riferimento al Masterplan approvato dal Governo nazionale e per il quale dovremo prossimamente sottoscrivere il previsto “Patto per la Calabria”.

Si tratta di risorse che hanno lo scopo principale di ridurre il divario strutturale, economico e sociale e culturale che separa la Calabria dal resto del Mezzogiorno e del Paese e la rende la regione più povera e marginale d’Italia.

Dobbiamo essere tutti consapevoli che la partita dei fondi comunitari è decisiva e fondamentale. Oserei dire che se dovessimo perderla saremmo destinati a scivolare ancora più a sud e con esiti ancora più disastrosi.

Queste mie sottolineature possono sembrare improprie in una discussione sul bilancio che, come tutti hanno osservato, appare privo di quel necessario respiro ampio e di prospettiva. In realtà una discussione sulla situazione finanziaria della Regione se da una parte ci fa rilevare le difficoltà, dall’altra ci deve anche far constatare le tante opportunità che possiamo e dobbiamo cogliere in una visione più completa delle occasioni che possiamo sfruttare a vantaggio della Calabria.

Tutto questo potrà essere realtà concreta come molti autorevoli commentatori in questi giorni hanno rilevato a condizione che si abbia una responsabile ed innovativa reazione delle classi dirigenti del Mezzogiorno finalizzata ad alimentare la cultura dello sviluppo ed a stimolare un protagonismo concludente.

Dinanzi a queste opportunità ognuno deve assumersi le proprie responsabilità. Finisco, signor Presidente e colleghi consiglieri, con una sola rapida annotazione per esprimere il grande apprezzamento per il finanziamento della legge numero 20/2007 che sostiene i centri antiviolenza che operano su tutto il territorio regionale.

Era il risultato che i calabresi si aspettavano e che dopo un lungo dibattito in Consiglio ha trovato spazio nel bilancio che oggi è in approvazione. Signor Presidente della Giunta, la ringrazio per questa sua disponibilità. Grazie.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il consigliere Greco. Ne ha facoltà.

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

In ogni Consiglio, che porta come punto all’ordine del giorno l’approvazione del bilancio di previsione, chiaramente liquidare un punto così importante solo e soltanto facendo una analisi dei numeri, della contabilità propria di un tecnico o di un ragioniere svilirebbe quella che è una azione politica che, devo dire, in modo maldestro, sempre e comunque, pone l’accento su una consolidata visione, ormai, di un bilancio tecnico e solo tecnico non lasciando spazio alla politica.

Devo dire che leggendo in questi giorni le carte del bilancio ed affrontandole, chiaramente, con l’approvazione del bilancio di previsione 2015, una serie di punti vengono posti in essere e all’attenzione rispetto a quello che è un modello di organizzazione della macchina amministrativa regionale.

Non possiamo non riferirci a quella che è stata ed è un’analisi molto puntuale di quello che ha prodotto il regionalismo in questi anni. Non possiamo non rilevare che, così come è vero che ormai si associano i bilanci regionali a quelli dei comuni, rispetto ad un periodo in cui venivano inondati di finanziamenti nazionali oggi c’è un tema che dobbiamo approfondire e tenere in debita considerazione: quello dei tagli.

Nei tagli - che pure ci sono stati in questi anni - bisogna tener conto, però, della trasformazione in modo irresponsabile della visione della carta costituzionale scritta dai Padri costituenti che aveva pensato alla Regione come organo di programmazione e controllo.

Le Regioni in questi anni tutto sono state tranne che enti di programmazione e controllo.

Allora il bilancio di previsione deve necessariamente portare all’attenzione un’analisi che questa Giunta ha già fatto e che il Consiglio ancor di più deve fare come leitmotiv di una nuova visione che è quella di riportare il regionalismo alla funzione originaria di ente che doveva programmare e controllare la programmazione stessa che il Consiglio deliberava.

Ma pur nelle inequivocabili difficoltà, alcuni dati sono posti all’attenzione. Prima, il consigliere Orsomarso faceva riferimento alle passate legislature, alle difficoltà, a quello che è stato un tempo passato anche nella spesa, a quella che è stata la proliferazione degli enti sub-regionali, delle partecipate, a quello che è stato il prosciugamento del bilancio regionale da parte della sanità, a quello che è stata anche la spesa eccessiva sul trasporto pubblico locale.

Ci sono dei risultati che oggi non devo essere io, come capogruppo, o solo io a portare all’attenzione del Consiglio, ma ci sono stati dei risultati importanti. Basta guardare che è stato, già rispetto al 2014; il fabbisogno teorico della legislazione vigente era di 950 milioni di euro a livello di spesa autorizzata nel bilancio di previsione e siamo passati da 950 ad 840; significa che la Giunta ha messo in atto in questo anno una serie di tagli che hanno fatto sì che quel fabbisogno si riducesse.

E se a questo aggiungiamo che c’è stato - senza aumento della tassazione regionale sia essa Irap, addizionale Irpef o tasse automobilistiche – un livello di previsione che è arrivato a 700 milioni euro facendo sì che quel gap e quella differenza tra fabbisogno teorico e livello di spesa autorizzata passasse, nella bellezza di due anni, da circa 400 milioni di euro a circa 140 milioni di euro.

Questo significa che c’è stata una volontà di programmazione e c’è stata una filosofia politica amministrativa che ha dettato l’azione della Giunta. Se a questo aggiungiamo un risultato importante che questo Consiglio negli anni non è stato capace di risolvere ma che oggi ha ottenuto – ed è quello della approvazione del trasporto pubblico locale – questo ci consente ancor di più di ridurre  negli anni futuri quello che è il disavanzo del trasporto pubblico locale.

Non è vero, allora, che non c’è un dato politico nell’approvazione di un bilancio. Il bilancio è politico, ma sono le scelte della politica che vengono fatte sapendo che dobbiamo agire nonostante i due miliardi di tagli sulla sanità per le Regioni. Noi dobbiamo agire rispetto a due settori che sono fondamentali e lo diceva prima il vicepresidente Viscomi quando parlava di entrate tributarie.

Cioè le entrate tributarie possono variare in termini di importo non aumentando ai cittadini calabresi le addizionali Irpef o le tassazioni alle imprese, l’Irap, per la sanità e quant’altro ma all’interno di un quadro che porti a far sì che questa terra diventi terra di produzione, aumentando le aziende, le imprese, lo sviluppo e la crescita.

Questo è quanto chiediamo all’azione della Giunta per quanto riguarda non solo il Masterplan ma anche per quanto riguarda l’utilizzo delle politiche comunitarie.

C’è un Consiglio regionale che darà man forte per la programmazione di investimenti per far sì che questa terra possa cogliere questa opportunità unica, per far sì che questa terra diventi un soggetto produttivo.

Ci sono dei dati che sono sempre allarmanti e ne cito alcuni: la mobilità attiva per 29 milioni di euro, la mobilità passiva per 281 milioni di euro che arrivano quasi a 283 milioni di euro. C’è, come dicevo prima, nell’ambito della programmazione di quelle risorse autonome di 700 milioni di euro - rispetto alle risorse complessive del bilancio di previsione la maggior parte delle quali sono spese obbligatorie - una attenzione importante al turismo e all’ambiente.

Se andiamo a considerare che in questo settore – poca cosa – ma siamo passati da 6,7 milioni di euro dello scorso anno a 9 milioni di euro, è chiaro che c’è una attenzione ancora importante sul sociale e soprattutto il dato, fondamentale rispetto alle cose che ho detto poc’anzi, che il 2016 dovrà essere l’anno dello sviluppo, della programmazione ma anche l’anno in cui la Giunta riuscirà ad abbattere i 116 milioni di euro agli enti sub-regionali che rappresentano oggi un tassello pesante che ancor di più ingessa questo bilancio.

Devo dire brava alla Giunta e bravo al Presidente per due ragioni: intanto, aver presentato questo bilancio dopo un’ampia discussione con i gruppi  di maggioranza e poi in Commissione nei termini e poi per aver dato una inversione di tendenza che mira a ridurre gli sprechi, la spesa corrente e soprattutto ad investire, ad incentivare gli investimenti per produrre sviluppo e crescita.

Devo dire anche un plauso a quella che è stata l’attenzione negli anni passati. Dottore De Cello, io non mi aspettavo che dall’accertamento straordinario dei residui noi avessimo una cifra irrilevante per quello che è il bilancio regionale di 102 milioni di euro.

Basti che noi immaginiamo solo alcuni comuni nel riaccertamento straordinario dei residui che hanno rilevato le cifre che la Regione Calabria ha rilevato oggi. Questo significa che nel tempo i residui attivi, le poste in bilancio, i residui attivi e passivi non sono stati né aumentate né – come qualcuno ha fatto negli anni, soprattutto in diversi Consigli regionali – falsati. Per questo va fatto un plauso a chi ha amministrato prima di questa Giunta e al dottor De Cello. Grazie.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il consigliere Guccione. Ne ha facoltà.

GUCCIONE Carlo (Partito Democratico)

Presidente, grazie, io farò solo delle brevissime considerazioni.

Mi pare che sia del tutto evidente che il bilancio che approviamo oggi rappresenti il segno di una difficoltà e di una crisi profonda dell’esperienza regionale.

Lo dico perché – lo avevo già accennato nella seduta di Consiglio scorsa – noi oggi di questo bilancio possiamo disporre solo del 38 per cento. Il 62 per cento del bilancio regionale, che è la spesa sanitaria, cioè circa 3 miliardi, 523 milioni di euro, non sono nella disponibilità né della Giunta né del Consiglio.

Quindi questo è emblematico di un Consiglio regionale che non dispone di oltre il 60 per cento delle risorse che lo Stato trasferisce. Questo è un dato politico rilevante. E’ il sesto anno che ciò accade, mi pare, e come diceva il collega Orsomarso prima è dalla fine del 2009 che siamo commissariati, mi pare dal dicembre 2009.

Diceva prima il consigliere Orsomarso che oggi la spesa sanitaria è aumentata perché c’è stata nel corso di questo anno una difficoltà e c’è tutt’ora una difficoltà ad interagire con l’ufficio del commissario. Quando non c’è il governo della sanità, gli sprechi e le clientele aumentano perché non è vero che durante il commissariamento siano state tagliate le clientele e gli sprechi, anzi.

Quindi c’è un primo dato politico e la Calabria lo deve sapere, molti lo ignorano: oggi siamo costretti a programmare solo il 38 per cento delle risorse che sono nella disponibilità della Regione.

L’altro dato politico è che in questa difficoltà stenta a prendere corpo, attraverso provvedimenti di governo e di bilancio, il programma che questa maggioranza si era data alle elezioni. Non ci sono quegli elementi, al di là delle cose e dei dibattiti che facciamo non ci sono quegli elementi che dimostrano che sta prendendo corpo, elementi concreti, scelte nel bilancio, scelte di governo che dimostrano che siamo nella fase di attuazione dell’azione di programma che un anno fa abbiamo chiesto agli elettori.

C’è una difficoltà concreta che emerge concretamente. Mi sarei chiesto ed aspettato una ipotesi di discussione del piano di contrasto alla povertà, del reddito di inclusione socio-lavorativo, del piano regionale per il lavoro che, ricordo, l’Europa impone di presentare entro giugno 2016.

Non ci sono risposte anche per quanto riguarda – se non una presa d’atto – i nuovi due ospedali della Sibaritide e di Gioia Tauro. E non c’è una risposta concreta al fatto che noi nel 2016 dovremmo completare la banda ultralarga in tutta la regione, se quella fibra rimane sotto un metro del terreno e poi non ci viaggia nessun servizio.

Perché anche questo, l’innovazione, non è solo avere la fibra - ed è già un fatto politico rilevante che la Calabria sia la prima ad essere cablata - ma noi abbiamo bisogno di capire quali servizi di innovazione sia per le imprese, per le aziende pubbliche sia per i cittadini viaggiano in quella direzione.

Siccome io ho letto l’editoriale di Eugenio Scalfari “Il Mezzogiorno è povero ma c’è” quelle conclusioni a cui arrivava Scalfari devono essere da stimolo per la classe dirigente. Noi abbiamo bisogno di scelte coraggiose e quando siamo al governo le scelte coraggiose si misurano attraverso gli atti amministrativi e le risorse che noi impegniamo, non per continuare a tenere in piedi una situazione così come avviene da troppi anni ma delle scelte chiare, coraggiose ed innovative. Possiamo anche sbagliare ma dobbiamo dare il senso che il cambiamento inizi.

Devo registrare che con questo bilancio ancora non ci siamo e dobbiamo affrettarci perché i dati che emergono, i dati dell’Istat, dello Svimez che emergono sono di un impoverimento ancora più forte della Calabria in particolare ma anche del Mezzogiorno.

Avremo bisogno delle risorse comunitarie ma ci deve essere una strategia in grado di mobilitare le risorse ordinarie con quelle comunitarie, altrimenti non ce la faremo, non saranno sufficienti a far tutto questo.

La forza della innovazione, credo, è essenziale e deve stare nelle scelte di governo. Dobbiamo passare dalla discussione, dal confronto ai fatti e credo che una questione sia quella del bilancio.

Ho letto attentamente la relazione della Corte dei conti sulle società partecipate, sulle società in house con stile più forbito e competente, rispetto ad un intervento che avevo fatto in Consiglio regionale sul fardello che rappresentano, al drenaggio di risorse regionali ai fini clientelari.

Noi dobbiamo tagliare molto rispetto a questa direzione altrimenti il rischio è di essere risucchiati dalle emergenze. E, quando succede questo, si perde l’orizzonte, quella voglia - perché da questo punto di vista io vado in buona fede – di cambiare e di innovare la Calabria. Però vedo il tentativo di essere fagocitati dalle emergenze. Ed anche l’impostazione di questo bilancio serve solo a dare e tenere – poi in Calabria non ci si riesce mai – uno stato di calma sociale apparente.

Credo che tutto ciò rischi di travolgerci tutti, se ancora per qualche mese continueremo in questa direzione. La tensione nel tessuto economico e sociale calabrese è molto forte ed ha bisogno di segnali forti di discontinuità con il passato. Voterò a favore del bilancio, nonostante questo mio intervento, perché voglio dare un segnale di speranza e di ottimismo a tutti quanti noi, ma è chiaro che il tempo sta per scadere per tutti quanti rispetto a questa impostazione e ritengo necessario, con forza, facendo scelte coraggiose ed in controtendenza, uno shock economico da parte della Regione per invertire una tendenza devastante in termini di lavoro, occupazione e sviluppo.

E’ veramente drammatica la situazione sulla quale dobbiamo intervenire ed in questa direzione lo si affronta, lo si comincia ad affrontare invertendo una tendenza ed in questo bilancio; forse timidamente, si intravede qualcosa ma non è sufficiente, non è necessario ed io ritengo che dobbiamo fare molto di più.

Presidenza del Presidente Nicola Irto

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il consigliere Tallini. Ne ha facoltà.

TALLINI Domenico (Gruppo Misto)

Signor Presidente, colleghi consiglieri, signori della Giunta, l’intervento del consigliere Guccione ci obbliga ad intervenire per richiamare, anzi lo ha fatto col suo stesso intervento, a stare con i piedi per terra ed a ritornare alla cruda realtà.

Non voglio richiamare l’intervento del collega Guccione per strumentalizzarlo politicamente, ma solo perché il consigliere Guccione in questo momento, a parte la sua posizione politica all’interno della sua maggioranza - poi alla fine ha dichiarato di votare a favore del bilancio -, ha detto delle cose che sono l’esatto opposto di quel che hanno detto altri della maggioranza.

All’inizio di questa legislatura ho sempre suggerito - come lo facevo al presidente Scopelliti – di rifuggire dai cortigiani che sono sempre più numerosi al momento in cui si spera di ricevere delle prebende ma poi spariscono nel momento delle difficoltà. Invece chi ha il coraggio di dire in faccia le cose come stanno - e il consigliere Guccione lo sta facendo dall’alto della sua autorevolezza politica - magari lì per lì sono considerati dei guastafeste perché probabilmente l’intervento del consigliere Guccione ha un po’ guastato la festa a questa maggioranza che pensava, in un clima quasi dimesso, di approvare un bilancio che nella realtà è stato descritto esattamente come lui lo ha visto. Cioè un bilancio senza nessuna novità, senza una risposta, un bilancio – come diceva il collega Mangialavori – nella più totale e perfetta continuità; un bilancio che non ha il coraggio di trasformarsi in una strategia politica, che non ha risorse e che non ha reperito risorse da destinare alle emergenze, un bilancio che ci fa tornare tutti alla realtà e ci fa stare tutti con i piedi per terra.

Voglio solo invitare coloro i quali pensano ancora che i drammi della Calabria debbano essere attribuiti tutti all’ex presidente Scopelliti a quanti drammi e quante problematiche abbiamo dovuto affrontare per l’eredità ricevuta da altre esperienze; e per la verità abbiamo cercato di muoverci senza criminalizzare nessuno e senza dare la possibilità a qualcuno di vivere e di scaricare le proprie responsabilità su presunte responsabilità altrui.

Oggi stiamo con i piedi per terra. Consigliere Guccione, i dati che lei ha citato sono preoccupanti e vedono non solo il Mezzogiorno in ritardo rispetto al centro ed al nord Italia ma una Calabria addirittura che è diventata e diventa sempre di più l’ultima regione d’Europa.

Credo che si debba ripartire da un dato di fatto. Penso che le divisioni, le fazioni politiche che hanno contraddistinto la politica calabrese negli ultimi anni all’interno dei partiti e delle coalizioni siano uno dei veri problemi che a volte ci impediscono di guardare in faccia la realtà, per esempio.

Collega Guccione, mi sarei aspettato, quando lei parla degli ospedali che sono fermi, che riconoscesse che la precedente amministrazione ha avuto il coraggio di chiudere alcuni ospedali. Vorrei che lo dicesse, così come l’altra volta ho richiamato l’assessore Viscomi, quando parlava di rivoluzione nell’apparato burocratico, ricordando che questo riconoscimento non era dato a quella tanto deprecata esperienza Scopelliti che quella riforma ha fortemente voluto e che è avvenuta tra mille reazioni e mille difficoltà dell’apparato burocratico.

Ci sono state in passato delle scelte coraggiose e condivido l’invito da lei rivolto al presidente Oliverio, invito che facciamo nostro; e io mi aspetto che questa esperienza, a distanza di un anno, sia un elemento che ci faccia e vi faccia soprattutto riflettere sulle difficoltà che incontra nella realtà chi viene messo alla guida, alla conduzione di questo ente.

Dove meno ce lo aspettiamo c’è il disagio, ed io sono convinto che il disagio e la difficoltà non debbano essere risolte in un clima di totale “vogliamoci bene” perché io non credo alle decisioni assembleariste dove tutti sono d’accordo e tutti, invece, insieme prendono le decisioni.

Io sono del parere che la maggioranza debba fare la maggioranza – lo continuo a dire – e la minoranza debba fare la minoranza. Ma la maggioranza deve essere in grado di governare e trovare le soluzioni ai problemi e alle emergenze e la minoranza deve avere il diritto di esercitare il proprio ruolo di minoranza. Questo spesso, invece, si è confuso.

Concludo il mio intervento richiamando le argomentazioni fatte in Aula dal collega Orsomarso e dal collega Mangialavori. Non potremmo assolutamente dire che in questo bilancio ci può essere una sola speranza. Le risorse sono quelle e gran parte sono vincolate da spese fisse. Non ci sono elementi, l’unica possibilità che abbiamo è non solo quella di sbloccare e, finalmente, di toglierci di dosso questo commissariamento sulla sanità; non è solo il problema delle risorse della sanità! Il problema della sanità, se oculatamente e saggiamente gestito, può creare economia ed occupazione e non solo in sanità e delegare le scelte a dei commissari che, tra l’altro, non sono nemmeno tecnici del settore… L’ingegnere Scura è un ingegnere non è nemmeno uno specialista del settore, non ha grandi precedenti e quali grandi esperienze; quindi noi condividiamo tutta la preoccupazione per questo settore. Questa Regione è stata commissariata ingiustamente ed illegittimamente perché riteniamo che i commissari debbano fare i commissari solo per i settori e le voci indicate nel decreto di nomina.

Diciamo, quindi, che ci sentiamo, insieme di condividere col Presidente questa battaglia che deve trovare però interlocutori romani laddove se non ci sono classi dirigenti credibili e autorevoli e Presidenti in grado di presentarsi senza cappello in mano ma anche senza arroganza, con i giusti elementi per chiedere interventi straordinari a favore della Calabria, come spesso si è fatto a favore di altre regioni.

Credo che saremo costretti a vedere a lungo questo moto perpetuo dei bilanci, siano di centro-destra o di centro-sinistra, sempre più affievoliti ed indeboliti, sempre di più burocratizzati e i problemi della Calabria, purtroppo, non saremo più in grado di risolverli.

Aggiungiamo il fatto che il Governo centrale vede le Regioni come settori mangiasoldi, come enti di spreco e non vede l’ora - come sta facendo in tantissime occasioni - di riformare il Titolo V della Costituzione per togliere poteri e deleghe alle Regioni.

Voi sapete i provvedimenti che sono già in cantiere per sminuire il ruolo delle Regioni. Alla fine il risultato sarà quello che dovrà essere: la presa d’atto che questi enti, compreso quello regionale calabrese, saranno sempre più impotenti ed i problemi all’esterno aumenteranno sempre di più.

Sono convinto che quanto diceva il collega Guccione sia corretto e cioè che c’è un disagio enorme, ormai è pericoloso e che non sappiamo come possa esplodere oggi in Calabria. E’ un fenomeno da non sottovalutare, per il fatto che mancano vere e proprie organizzazioni, i sindacati non riescono più a governare il disagio, la gente si organizza così; esplode così improvviso magari nelle forme anche inconsuete ma questo disagio c’è e lo avvertiamo tutti.

E’ un fatto doveroso votare contro questo bilancio perché se votassimo in maniera diversa è come se credessimo che davvero questa proposta di bilancio possa minimamente e lontanamente cambiare le prospettive di questa sfortunata regione, purtroppo.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il consigliere Mirabello. Ne ha facoltà.

MIRABELLO Michelangelo (Partito Democratico)

Grazie signor Presidente, colleghi consiglieri, la seduta odierna è dedicata all’approvazione di un bilancio preventivo che - come è stato detto da tanti che mi hanno preceduto - soffre di una situazione in cui obiettivamente noi fotografiamo una difficoltà che va progressivamente colmata da scelte politiche che, diversamente da quanto ritenuto da qualcuno, noi abbiamo fatto e che la Giunta ha fatto con un lavoro che progressivamente punta a riportare la nostra regione alla normalità.

A questo proposito, penso che qualche riflessione vada fatta e che vada superata quest’ansia da consuntivo, questa idea di vivere le sedute del Consiglio regionale ed in particolare quelle del bilancio con al centro la polemica strisciante e continua fra il prima ed il poi. La classe dirigente che è chiamata al governo di questa Regione della nostra terra ha invece il dovere di entrare nel merito delle questioni, di affrontarle e di viverle anche con lo spirito critico; qualche collega di maggioranza invece ha voluto metterle al centro del dibattito come un fatto di tensione verso il rilancio della nostra terra e come elemento di preoccupazione rispetto ad un percorso che vede tutti noi presi dall’ansia di cambiare veramente la Calabria, di superare le mille difficoltà che abbiamo di fronte.

Rispetto ad alcune valutazioni che sono state fatte e che riprendo velocemente, penso che vada fatta fino in fondo qualche riflessione, credo che non lo si scopra stasera o oggi che il bilancio della nostra Regione è impegnato per oltre il 60 per cento dalla questione della sanità.

Così come credo che non lo si scopra stasera che il dramma di una Regione, che proprio in questo settore così nevralgico ed importante è stata e continua ad essere commissariata, non nasce oggi ma nasce da scelte che nella fattispecie sono state perseguite nel passato in maniera scientifica.

Di fronte ad una situazione del genere noi abbiamo il dovere da rappresentanti delle istituzioni di questa terra di entrare nel merito delle questioni e di iniziare ad affrontare i temi che abbiamo di fronte con coraggio e con senso di responsabilità.

Quando dico con senso di responsabilità mi riferisco anche alla legittima e giustificata esigenza da parte di chi è preposto al controllo, chi per antonomasia essendo consigliere di opposizione ha anche il ruolo di vigilare sul lavoro che viene fatto dalla Giunta e dalla maggioranza; ebbene questo si può fare ma in un’ottica di interventi a favore della nostra terra.

D’altro canto credo che il senso di responsabilità della classe dirigente impegna ed interessa l’intero Consiglio regionale, rispetto alle tante vertenze che sono state aperte - è stato ricordato da chi mi ha preceduto e anche dai consiglieri di opposizione - rispetto alle vicende sociali che si agitano nella nostra terra e alle questioni che guardano al precariato nonché alle infinite vertenze che ci troviamo di fronte. Su questo io penso che sia importante anche far riferimento al ragionamento ripreso in precedenza dal collega Guccione, ma che mi permetto di riprendere anche io in un’ottica un po’ diversa e che guarda agli editoriali che si sono succeduti negli ultimi giorni.

Da Ernesto Galli Della Loggia sul “Corriere della Sera” a Scalfari su “Repubblica” rispetto al ruolo delle classi dirigenti della Calabria. Ci sono stati ripetuti interventi sferzanti rispetto al ruolo che ognuno di noi, in quanto classe dirigente, ha, in particolare rispetto alle grandi questioni che ci sono sul tappeto e credo che il nostro dovere sia quello di fare ciascuno dal proprio versante la sua parte.

Questo bilancio lo votiamo convintamente, il Partito democratico lo vota con convinzione perché non è vero che non siano presenti in questo bilancio le scelte importanti di fondo, così come ritengo – passatemi la battuta – che se il consigliere Tallini parla di un bilancio in perfetta continuità deve essere consequenziale.

Noi non riteniamo che sia in perfetta continuità ma se lo ritiene il consigliere Tallini lo dovrebbe votare; ripeto: se ritiene che sia in perfetta continuità con le gestioni precedenti.

Noi invece non riteniamo che ciò sia vero, ma che le scelte di fondo siano state messe in campo e che con senso di responsabilità ci sia la necessità di raddrizzare il tiro rispetto alle questioni che sono sul tappeto e che su alcune scelte di fondo noi abbiamo operato e lo abbiamo fatto in maniera intelligente.

Penso, per esempio, al cofinanziamento dei programmi comunitari per 288 milioni di euro in 7 anni; penso a tante altre questioni come quella degli investimenti sulle politiche sociali e sulle Rsu. Penso ai 40 milioni di debiti pregressi che abbiamo ripianato e penso ai tanti interventi che costituiscono l’impalcatura di un bilancio col quale abbiamo l’obiettivo di rimettere in carreggiata la nostra terra.

Il tempo dei consuntivi lo consegneremo alla storia della nostra Regione.

Credo che oggi sia il tempo di lavorare sulla prospettiva perché di strada davanti ne abbiamo tanta e ne ha tanta la maggioranza e ne ha tanta anche la opposizione. Grazie.

Presidenza del Vicepresidente Francesco D’Agostino

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il consigliere Nicolò. Ne ha facoltà.

NICOLO’ Alessandro (Forza Italia)

Signor Presidente, colleghi consiglieri, prendo la parola per esprimere il mio pensiero rispetto al metodo ed al merito di un argomento che meritava maggiore attenzione da parte del Consiglio e da parte della Commissione competente nella lavorazione della pratica.

Invece è stata licenziata – mi diceva il collega Orsomarso che attentamente ha partecipato alla seduta – in una sola soluzione. Questo la dice lunga su quanto sia propenso questo Consiglio democraticamente aperto all’esterno, alla politica dell’ascolto, a sentire le associazioni. Cosa che, invece, ricordo io da quando svolgo le funzioni di consigliere regionale è stata sempre fatta.

Questo è un bilancio non solo blindato ma ovattato, chiuso, trasferito da Palazzo Alemanni al Consiglio regionale per essere approvato, rispetto a quelle che sono le esigenze particolari che rispondono ad obiettivi non di qualità – abbiamo letto e riletto questo documento – del programma di Oliverio.

Programma che è stato strombazzato ai quattro venti in campagna elettorale e che ancora qui oggi… diceva bene il collega Guccione, che stimo ma che ha svolto anch’egli fino a qualche mese addietro le funzioni di assessore; si è reso conto, nonostante gli sforzi che ha compiuto rispetto alla sua esperienza e alla sua dedizione che ho potuto riscontrare in questi anni, quanto zoppica questa maggioranza. Zoppica perché le frizioni interne non l’aiutano ad approcciarsi ai problemi. Questo diceva il collega Guccione.

Non c’è la realizzazione della benché minima parte del programma messo in campo e lui ha fatto parte dei processi organizzativi, ho fatto parte io dei processi programmatici. Conoscendo il collega abbastanza diligente prendo atto di una deblacle di questo primo anno.

Si consuma qui in questa seduta natalizia, se volete, perché si pensava di licenziare la pratica ma con frizzi e lazzi siamo sotto Natale, andiamo tutti a casa felici e contenti.

Si consuma qui un anno di incompiute da parte del governo regionale; incompiute rispetto a materie importanti, a comparti strategici per lo sviluppo del territorio spesso richiamati in quest’Aula dai colleghi della opposizione, diligentemente stimolando il governo regionale ad intervenire e a farsi carico rispetto alle competenze per materia e territorio e sanità, e agricoltura e trasporti. Non abbiamo mai discusso di un piano.

Il collega Guccione parlava di un piano per il lavoro ma di un piano trasporti, strumenti che possano disciplinare le attività di comparti importanti per offrire quella auspicata qualità ai quali ai cittadini è stato detto e ridetto, propagandato nelle varie sedi in questa tornata elettorale e non solo. Anche qualche giorno addietro quando il presidente Oliverio a Cosenza disse “stiamo lavorando per tagliare le partecipate, gli enti sub-regionali, quei carrozzoni che non producono servizi ma producono spesa”.

Anche su questo siamo in forte ritardo, mi sembra che più che una Ferrari, così come doveva essere, sia una macchina diesel; parlavo prima di anatra zoppa ma non ci siamo assolutamente in merito ad una politica degli annunci che, purtroppo, ha raggirato i calabresi che hanno offerto un consenso popolare plebiscitario dal quale ci si aspettava, in questo primo anno, una piccola inversione di tendenza ma non si intravede la benché minima inversione.

Si tratta di un bilancio – è stato detto dai colleghi – blindato per il 60 per cento e vincolato alle spese della sanità; per il 13 per cento invece è un bilancio libero per 700 milioni di euro ma sono scelte che non hanno dato la possibilità di manovra in questo Consiglio regionale e già destinate per indicazioni dell’Esecutivo regionale.

Noi aspettavamo che questo fosse un momento importante per il Consiglio regionale ed invece ancora una volta prendiamo atto della volontà di una maggioranza che ignora il ruolo della massima Assise, quel ruolo che dovrebbe essere centrale rispetto alla programmazione. Qui si parla di programmazione economica e c’è inserito anche il Patto di stabilità e penso a tanti settori strategici sofferenti rispetto ad una terapia d’urto che manca dall’azione di un governo regionale che oggi registra inefficienza ed inefficacia rispetto agli obiettivi strategici ai quali guardavamo con grande attenzione.

E’ chiaro che il voto è un voto politico a priori, laddove si caratterizzano le scelte di una maggioranza e in queste scelte, peraltro, abbiamo potuto constatare che non vi è stato il minimo impegno di apertura alla società civile, al mondo delle associazioni, alle parti sociali.

Questo è sui criteri e sui principi. Pertanto è un bilancio ovattato e blindato che non dà margini di respiro e non dà la possibilità di apportare alcuna manovra e, quindi, ribadisco, per conto del gruppo di Forza Italia, il dissenso a questa manovra e dunque il voto contrario.

Presidenza del Presidente Nicola Irto

PRESIDENTE

La parola al Presidente della Giunta regionale, Oliverio.

OLIVERIO Gerardo Mario, Presidente della Giunta regionale

Presidente, consiglieri, innanzitutto devo ringraziare il Vicepresidente Viscomi che ha anche la delega al bilancio per il lavoro portato avanti in questi mesi, in queste settimane, che ha sintetizzato nella introduzione a questo Consiglio regionale.

E’ stato un lavoro importante e puntuale che ha consentito, con il supporto prezioso della struttura del responsabile del dipartimento, dottore De Cello, di operare una ricognizione puntuale ed importante sulla quale ritornerò dopo, ma anche di offrire al Consiglio regionale riflessioni che, ritengo, non debbano e non possano essere non tenute in considerazione per una valutazione, per un dibattito serio in questo Consiglio regionale.

Un dibattito serio che non può prescindere dal quadro che oggettivamente la situazione presenta. Permettetemi anche di ringraziare il Presidente della Commissione, Aieta, e la Commissione per il lavoro di approfondimento che ha fatto nell’esame della proposta che abbiamo trasmesso come Giunta regionale.

Mi verrebbe da fare una battuta se non parlassimo di cose serie. Mi verrebbe da farla, ma non ci sono sia Mangialavori sia Tallini che all’inizio dei loro interventi hanno sottolineato il carattere di continuità di questo bilancio con i precedenti. Dovrebbero essere contenti se così fosse anche perché, dopo aver fatto questa premessa, gli stessi hanno demonizzato le scelte, hanno praticamente demolito quello che è l’impianto del bilancio, a riprova evidentemente che nel corso di questi anni hanno approvato bilanci che non erano rispondenti perché altrimenti non si comprenderebbe questo; ma è una battuta la mia, appunto, è una considerazione. Cioè la considerazione che è tutto strumentale nei confronti di questo Consiglio regionale, che non c’è uno sforzo per entrare nel merito, per attenersi al merito.

Eppure attenersi al merito non significa mollare sul piano della critica politica o delle osservazioni politiche perché c’è un merito che può essere anche non condiviso, ma il merito, quando si parte da considerazioni oggettive, non può essere stravolto o rappresentato in modo rovesciato.

Qual è il merito? Il merito è innanzitutto un dato di carattere generale e il dato di carattere generale è che siamo in presenza di una contrazione delle entrate, un sempre ridotto trasferimento da parte dello Stato verso le Regioni a fronte di un aumento delle responsabilità, di un aumento della domanda di servizi che si rivolge, appunto, alle Regioni.

Questo è un dato che non vale solo per la Calabria, ma che emerge nella valutazione della conferenza delle Regioni ed è un dato oggettivo che vede una curva in crescente affermazione di questa linea. Cioè contrazione a fronte di trasferimento di responsabilità, appunto, in termini di necessità di corrispondere alla domanda di servizi e più complessivamente ai problemi che i territori pongono.

Seconda considerazione che io vorrei fare e dalla quale non si può prescindere: noi siamo in presenza di un bilancio, di bilanci delle Regioni sempre più ingessati e nel dir questo io non sto teorizzando il fatto che non sia possibile realizzare obiettivi e programmi; dopo torno su questo perché è tutt’altra cosa quella di cui stiamo discutendo.

Bilanci ingessati, bilanci che sono vincolati dalla spesa corrente in modo particolare e da una situazione dalla quale non si può prescindere e rispetto alla quale mi sarei aspettato una riflessione che non c’è stata. Quali sono questi dati dai quali non si può prescindere? Ve li ricordo io.

Il primo dato dal quale non si può prescindere, non si poteva prescindere dato il fatto che a partire da questo anno – lo ha ricordato prima il vicepresidente Viscomi nella sua introduzione – non si poteva ricorrere al rinvio nell’affrontare alcune questioni.

Noi a gennaio abbiamo dovuto fare i conti con oltre 300 milioni di euro non pagati, accumulati e vi prego di smentire questi dati se non dovessero rispondere a verità. Trecento milioni di euro rispetto ai quali noi abbiamo scelto oltre che per un vincolo di legge anche per una scelta politica; abbiamo assunto la impostazione di evitare rischi alla Regione, di evitare di spingere la Regione verso il default, verso il fallimento. Prima considerazione: 300 milioni di euro.

Seconda considerazione: noi abbiamo lavorato in questo quadro per garantire i servizi fondamentali e per garantire gli stipendi e il dovuto ai lavoratori dipendenti, non solo a quelli della Regione ma all’arco degli strumenti sub-regionali, delle società anche di quelle sulle quali dopo ritornerò e sulle quali bisogna metter mano perché i diritti acquisiti non possono essere messi in discussione.

Scelte chiare e precise, quindi.

Noi abbiamo, nel corso di questi mesi, coperto questa esigenza e fatto una scelta di priorità rispetto a queste esigenze per cui in questi mesi abbiamo dato priorità alla utilizzazione delle risorse disponibili.

Poi abbiamo dovuto fare i conti e non è un dato riconducibile a questo anno. Abbiamo dovuto fare i conti con un meccanismo infernale che è stato alimentato in questa Regione e che bisogna spezzare, trovando la forma per farlo, e che è quello dei pignoramenti. Un canale – chi è stato nel governo della Regione lo sa bene – che non è stato mai interrotto ma anzi è stato alimentato dal ricorso al deficit spending, cioè a quello che richiamava prima il Vicepresidente della Regione, il deficit spending, cioè ricorrere alla spesa senza la copertura necessaria.

Questo è stato un vizietto che fino al 10 dicembre dello scorso anno ha caratterizzato la vita della Regione. Quindi il bilancio che noi ereditiamo ci impone di attivare una linea di risanamento e bonifica anche sul piano della impostazione dei conti perché diversamente si esce dai binari, si deraglia.

Ed in questo quadro abbiamo accantonato 50 milioni di euro perché la Regione non fosse e non sia ancora messa nelle condizioni di deragliare ed abbiamo destinato 7 milioni di euro per una quota di mutuo a ripiano di debiti pregressi che si aggiungono a questo volume di risorse a cui facevo riferimento prima.

Discutere del bilancio senza far riferimento a questi dati significa fare della discussione e della riflessione in quest’Aula una discussione ed una riflessione tra liberi discussori. Si può anche fare al “Bar Sport” ma non si può fare in quest’Aula, prescindendo da quelli che sono i dati quando si discute di uno strumento contabile quale è il bilancio di previsione, altrimenti discutiamo di altro.

Allora, richiamati brevemente questi dati senza andare ulteriormente nel dettaglio - e ne chiedo scusa al Consiglio e a chi ci ascolta, ma ci ritorneremo comunque con una relazione approfondita e dettagliata visto che, appunto, si ha memoria corta rispetto a questo aspetto - vorrei dire che, nei limiti del bilancio e di quello che ci è consentito, abbiamo fatto delle scelte. Scelte timide ma scelte.

Per la prima volta si rifinanziano leggi che erano state definanziate nel corso degli ultimi 5 anni; 5 milioni in direzione dell’edilizia; altri 5 in direzione dell’abbattimento delle barriere architettoniche. Si rifinanzia la legge sullo sport che era stata definanziata per un lungo periodo, si destinano 8 milioni per gli emo-trasfusi, cancellati dai precedenti bilanci; si incrementano 5 milioni di euro, cioè il fondo per il settore socio-sanitario. Un piccolo incremento di 5 milioni di euro. Si incrementa la dotazione per i parchi.

Piccoli segnali, ma si fa anche una scelta che è quella di destinare 280 milioni di euro per i prossimi 7 anni per il cofinanziamento delle risorse comunitarie e qui vengo alle scelte: quarantacinque milioni di euro l’anno per cofinanziare gli strumenti della programmazione comunitaria. Le risorse sulle quali la Regione può contare per alimentare lo sviluppo, le risorse sulle quali la Regione deve contare per compiere scelte strategiche per far in modo che, appunto, al risanamento del bilancio che noi abbiamo trovato gravato non solo del “gesso”, qui richiamato, ma anche gravato di mancate scelte e di ricorso al deficit spending, sia accompagnato anche da politiche di sviluppo attraverso l’utilizzazione delle risorse comunitarie.

E le risorse comunitarie è possibile utilizzarle se è garantito il cofinanziamento. Quindi la scelta che abbiamo fatto è quella di garantire il cofinanziamento delle risorse comunitarie oltre che di quei segnali di cui parlavo prima.

Quarantacinque milioni di euro che ci consentono annualmente di mobilitare un volume di risorse complessive di oltre 3 miliardi e mezzo di euro, 4 miliardi circa da qui al 2020 e che ci consentono di affrontare problemi importanti che, naturalmente, non saranno sufficienti se non saranno accompagnati a politiche nazionali verso il Mezzogiorno e verso la Calabria, sulle quali confidiamo attraverso la sottoscrizione del Patto e attraverso le politiche di settore che sul piano nazionale dovranno essere attivate e per le quali è aperto un confronto.

Ne abbiamo discusso nell’ultima seduta del Consiglio regionale ed io non ci ritorno, appunto, col Governo nazionale.

In questo quadro bisognerà affrontare nodi che non possono essere più rinviati perché è vero che il bilancio della Regione per circa il 60 per cento è vincolato dalle spese sulla sanità.

Qui c’è un nodo che bisogna affrontare sul quale abbiamo già discusso ed accennato nella precedente riunione del Consiglio regionale e sul quale voglio ritornare brevemente.

Qui si deve vedere come si riqualificano le risorse e soprattutto come in presenza del Piano di rientro e di una gestione commissariale si apre una condizione di rinegoziazione del Piano di rientro per la quale noi assumeremo una iniziativa nei confronti del Governo.

Rinegoziare il Piano di rientro, l’ho detto la volta scorsa. Maledetto quel giorno che si è chiesto al Governo nazionale di commissariare la sanità in Calabria. E’ stato un giorno nefasto quello per la sanità calabrese e per questo Consiglio regionale.

Maledetto quel giorno, appunto, perché da quel giorno si è aperta una stagione ancora più negativa per la sanità calabrese, rispetto a quanto fosse fino a quella data che presentava già un quadro di difficoltà.

Ora noi dobbiamo aprire uno spazio per rinegoziare il Piano di rientro perché senza la sua rinegoziazione non si aprirà uno spazio per rimettere in piedi la sanità calabrese. Per capirci, senza rinegoziare alcuni capisaldi di quello strumento che sono la possibilità di rimpiazzare il personale sanitario e parasanitario per capirci, non si aprirà una stagione di recupero e di riqualificazione del sistema sanitario senza la possibilità di investire in direzione della riqualificazione delle strutture sanitarie sul territorio prima ancora che di quelle ospedaliere. Non si apriranno spazi ed ecco perché è necessario rinegoziare il Piano e, naturalmente, nella rinegoziazione del Piano penso che bisognerà valutare con grande attenzione – ho avuto modo di esprimerlo al Ministro della salute, Lorenzin – e bisognerà rivedere con grande attenzione la funzione del commissario.

Bisognerà rivedere anche quello che deve essere l’approccio tra struttura del commissario e Regione perché la Regione che ha la titolarità nella sanità deve ritornare ad avere la titolarità nella sanità attraverso, appunto, nel momento della rinegoziazione del Piano di una riflessione attenta anche su questo aspetto.

Non sto parlando di Oliverio ma dell’Istituto regionale per capirci e quindi anche su questo bisognerà assumere e noi assumeremo una iniziativa.

Così come vorrei ricordarlo, per evitare anche qui strumentalità su situazioni drammatiche, chi mai ha potuto pensare o chi può pensare con serietà di affrontare la grave e crescente situazione della povertà in Calabria attraverso le risorse del bilancio della Regione.

Se qualcuno ha pensato o dovesse pensar questo alzi la mano per cortesia, lo faccia in modo aperto.

Noi stiamo definendo un “piano per la povertà” anzi è definito già,  individuando risorse precise del Fondo sociale europeo destinate alla Calabria, della legge di stabilità che ha previsto una allocazione di 500 milioni di risorse per l’intero Paese, valutando la parte di quelle risorse che può e deve venire alla Calabria per definire uno strumento di contrasto alla povertà.

Abbiamo aspettato l’approvazione della legge di stabilità perché non si può approvare un piano di contrasto alla povertà e di inclusione sociale in modo propagandistico senza far riferimento a risorse, perché il giorno dopo aver approvato uno strumento come quello che stiamo per approvare bisognerà corrispondere in termini di concretezza a ceti  che sono particolarmente esposti in sofferenza e sui quali non si può giocare con l’uso della demagogia, con lo strumentalismo e con la propaganda, ma verso i quali bisogna avere rispetto e agire con la concretezza il giorno dopo che si assumono le decisioni.

Decisioni che noi abbiamo annunciato e che stiamo per assumere con riferimenti precisi di coperture finanziarie.

Decisioni che noi abbiamo annunciato e che stiamo per assumere con riferimenti precisi di coperture finanziarie. Anzi problemi che noi riteniamo debbano trovare spazio anche nel Patto sulla Calabria che ci accingiamo a sottoscrivere col Governo.

La riflessione sul bilancio non ci fa ricercare giustificazioni alle difficoltà in modo rassegnato, perché il bilancio è ingessato. Assolutamente, la riflessione sul bilancio non può che partire dal merito, dalle cose che ricordava prima il vicepresidente Viscomi introducendo questa discussione e che il consigliere Aieta richiamava nella sua relazione, in qualità di Presidente della Commissione bilancio. Una riflessione che si inserisce in un contesto più ampio che, per quanto ci riguarda, ci vede impegnati perché da una parte il necessario risanamento del bilancio della Regione cammini speditamente e dall’altra si attivino politiche di investimento e di sviluppo, mettendo in moto gli strumenti che abbiamo portato a casa, che abbiamo messo al riparo e che sono quelli della programmazione delle risorse comunitarie 2014/2020.

Devo dire che questo è il bilancio possibile per mettere in moto questo processo e che è stato possibile anche alla luce della nuova legislazione nazionale, che pone vincoli chiari circa le politiche di bilancio per le regioni. Cioè il bilancio che deve essere a pareggio e che ci ha consentito di evitare il default e di evitare che tutto quello che gravava e che grava ancora, come montagna di ritardi di debiti e di buchi determinati nel corso di questi anni, potesse travolgere la regione.

Risanare ed attivare interventi per lo sviluppo: questo è l’impianto che stiamo seguendo e rispetto al quale in questo anno abbiamo già gettato le fondamenta, le basi affinché,a partire da gennaio,si possano attivare le risorse comunitarie, si possa affrontare il problema delle partecipate in direzione di una riorganizzazione, di un riordino delle partecipate e si possa ancora di più affondare il bisturi sulle spese inutili e gli sprechi; percorso che abbiamo già avviato in modo deciso a partire dalla riorganizzazione della struttura della Regione, approvata in una delle recenti sedute di Giunta, che ci ha consentito di ridurre di circa 40 settori l’organizzazione della Regione per procedere, entro fine gennaio, ad un completamento di questa opera.

A partire dalla firma dei contratti con il personale. Quanti erano i contratti che non erano stati ancora firmati? Tre contratti con il personale. Abbiamo azzerato una situazione accumulata nel corso degli anni e quindi bando alle chiacchiere! Andiamo ai fatti perché credo che in questo Consiglio regionale ci sia bisogno di discutere sui fatti.

Quindi iniziativa forte per quanto riguarda il taglio e gli sprechi, per quanto riguarda la razionalizzazione delle risorse e riordino delle partecipate. Il 2016 sarà l’anno del riordino delle partecipate e vi inviterei, per carità di Dio, ad andare a leggere la relazione della Corte dei conti, quella che è stata presentata a marzo rispetto ai bilanci, ultimo quello del 2014, per poi confrontare rispetto a quello che dirà un organo terzo già su questo bilancio del 2015 e poi su quello che verrà;perché noi siamo qui per fare un’opera di grande bonifica, di risanamento, di riordino come condizione per il rilancio della Calabria;perché la Calabria non costruisce la sua crescita se continua in una condizione della Regione che fa acqua da tutte le parti, che assorbe e macina risorse verso direzioni opposte a quelle dello sviluppo, che assorbe e macina risorse per alimentare mulini che nulla hanno a che fare con la crescita e lo sviluppo della Calabria.

Crescita e sviluppo significano spostare risorse insufficienti ma importanti, a partire da quelle destinate dalla Unione europea e da quelle di cui disponiamo e che devono essere spostate da quei mulini al sostegno alle attività produttive, al sostegno alla qualificazione dei servizi. Questo è il compito arduo e pesante, ma necessario, a cui bisogna corrispondere.

Credo che sarebbe - e chiudo – più serio, quando affrontiamo problemi di questa portata, attenersi al merito ed evitare la propaganda e la demagogia anche perché per la propaganda e la demagogia ci sono altri che hanno più titoli di coloro che siedono in quest’Aula. Coloro che sono in quest’Aula, anche tra i banchi della minoranza, non credo abbiano titoli a parlare nel linguaggio che hanno usato, se non altro perché fino ad un anno fa ancora erano al governo della Regione. Grazie.

PRESIDENTE

Esaurita la discussione pongo in votazione il provvedimento al primo punto all’ordine del giorno.

Per dichiarazione di voto ha chiesto di parlare il consigliere Orsomarso. Ne ha facoltà.

Ha tre minuti consigliere Orsomarso.

ORSOMARSO Fausto (Gruppo Misto)

Per dichiarazione di voto, signor Presidente, perché non penso che si debba gridare ogni volta sulle posizioni altrui. Non so se il presidente Oliverio fosse distratto dai suoi assessori ma mi pare che si riferisse ai nostri interventi che ritengo siano stati irresponsabili, perché abbiamo provato a governare - io tra l’altro non con un ruolo diretto – ed a conoscere profondamente le cose che leggevamo e approvavamo e provavamo anche a sostenere alcune volte finanche sbagliando. Quindi si figuri quanta onestà intellettuale c’è nel mio intervento.

Però, Presidente, ribadisco, che ho fatto un accenno rispetto alle difficoltà che lei sta affrontando ed ho citato, non a caso in positivo, i risarcimenti previsti per gli emotrasfusi che non riuscimmo a finanziare nello scorso bilancio di previsione.

Presidente, sto facendo una dichiarazione di voto.

In riferimento al ritardo che noi reputiamo di una visione e che è la madre di tutte le battaglie. Presidente, lei ha chiesto al presidente Renzi di essere nominato commissario alla sanità e sono convinto che, in un ruolo di commissariamento o meno, la sanità vada governata politicamente.

E’ lo stesso che ha subito la bocciatura con un commissariamento esterno. Non so quale sia la scelta migliore e mi sono fermato, ripeto, per responsabilità a dire “grandi difficoltà”, non abbiamo starnazzato, perché abbiamo sentito starnazzare, voglio dirlo anche pacatamente.

Penso che tre quarti della nostra irresponsabilità complessiva comune è il non continuare su quel tentativo che libererebbe fondi. Lo spiego alla gente che non comprende.

Noi, dopo quattro anni di sacrificio, e lo sa bene il consigliere Scalzo, abbiamo, ancora bloccati oggi, sulla sanità 220-230 milioni di euro dei calabresi, derivanti dalle tasse.

Noi ci abbiamo provato ed in parte ci siamo riusciti ed oggi credo che questo bilancio dimostri che l’ambito sanitario non è governato. Poi possiamo evitare il commissariamento o ridare funzioni all’assessore politico, quello che volete, ma delle due l’una: o si è battuto una vita per rivendicare il ruolo politico e quindi per 3 o 4 mesi abbiamo atteso la nomina del commissario oppure oggi, a distanza di un anno, non può riproporre il problema e portarci indietro.

Questa era la critica al vostro operato. Nessuna lesa maestà! Io non sono abituato a gridare, se poi per farmi comprendere meglio devo gridare lo faccio, qui non c’è nessuno che non riconosce gli sforzi fatti.

Di sicuro è una impostazione vostra, è un bilancio vostro e ci mancherebbe altro. È giusto così per chi è chiamato a governare. Ma attenzione ai ragionamenti e l’allarme è diretto ad un bilancio che ha la deficienza strutturale di non riuscire a recuperare, assessore Viscomi, quelle risorse che sono una battaglia madre di tutti i calabresi.

So quanto ci è costato, anche in termini di immagine, dover spiegare che si deve razionalizzare e non si può assumere, e rilevo che in quest’anno, in cui non sono state fatte assunzioni e non si sono riaperti ospedali, non si è ottenuto un risparmio ma al contrario siamo tornati indietro su una spesa storica che oggi, ancora di più, impegna la maggior parte delle tasse libere.

Questo è l’allarme e la critica. Se il Presidente non la comprende, ma addirittura restituisce il contrario di quello che si è voluto rappresentare sia in Commissione sia in quest’Aula non è un mio problema. Chi ci ha ascoltato, grazie a Dio, da casa avrà capito l’indirizzo e lo stile del nostro intervento. Pertanto il voto è contrario.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il consigliere Nicolò. Ne ha facoltà.

NICOLO’ Alessandro (Forza Italia)

Presidente, anche per esprimere un mio pensiero e ribadire che gli interventi sono stati pacati e che, da parte di tutti noi della opposizione, sono stati sviluppati dei ragionamenti con senso di responsabilità senza essere strumentali e senza arrampicarsi sugli specchi.

Ci saremmo aspettati da lei altrettanto senso di responsabilità nel coinvolgere le istituzioni rispetto ai processi programmatori di uno strumento che, comunque, ribadisco, è ovattato ed è senza anima, Presidente.

Dovete programmare oggi e la previsione riguarda il futuro. Non pensate sempre al passato, ma a quello che dovrà essere e che riuscirete a produrre, e mi auguro che lo facciate immediatamente, rispetto agli effetti auspicati e lo dico per amore dei calabresi.

Il problema è questo, è quello che purtroppo è emerso anche dall’intervento del consigliere Guccione e non solo dagli interventi dell’opposizione. Deve rispondere anche al consigliere Guccione, Presidente, non solo all’opposizione, deve rispondere a chi è organico alla sua maggioranza.

Il problema è che dovete fare autocritica ed avere anche l’umiltà di confrontarvi in quest’Aula, perché viene meno il confronto, perché viene portato un bilancio confezionato, ve lo votate, siete artefici voi e mi dispiace per l’assessore Viscomi, che ha svolto un lavoro tecnico e professionale, ma poco ci può fare rispetto ad un processo che riguarda tutta la maggioranza.

Ed allora fate per un attimo un bagno di umiltà, anche nell’approccio con il quale vi rapportate e questo sarebbe stato un momento per esaltare la centralità del Consiglio. Non avete avuto il “garbo” politico di affrontare la questione come avrebbe meritato e, l’ho detto, le associazioni non sono state interpellate.

Stamattina ho ricevuto tante telefonate in cui mi si è detto “ma come mai si discute del bilancio, ma le associazioni ciechi, invalidi, mutilati, nessuno è stato interpellato”. Continuate su questa strada e vi assumete le responsabilità dinanzi ai calabresi. Noi votiamo contro.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il consigliere Greco. Ne ha facoltà. Sempre per dichiarazione di voto.

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

Dopo gli interventi della minoranza e la replica, la strumentalizzazione – collega Nicolò – non serve, perché il collega Guccione è un consigliere di maggioranza che, peraltro, esprime in modo critico il suo voto favorevole.

Ma una curiosità, dopo l’intervento accorato – non urlato che è cosa diversa – del presidente Oliverio: mi hanno insegnato che il bilancio di previsione è un rapporto, soprattutto dopo la necessità dell’equilibrio di bilancio, tra entrata e spesa. Ebbene il voto contrario, e lo dico ai consiglieri Orsomarso, Nicolò e Mangialavori, si fa in ragione di una proposta contraria.

Mi sarei aspettato, senza dire che è semplicemente un bilancio senz’anima, rispetto al bilancio di previsione, caro consigliere Nicolò, di sapere cosa voi avevate in mente di modificare rispetto alle entrate, se pensavate di aumentare le entrate e quindi le tasse ai cittadini, e rispetto alle spese se sulle spese obbligatorie, sulle spese date al fondo sociale, sulle spese fatte per i trasferimenti legati al turismo o ad altro avevate una visione diversa.

Un voto contrario deve essere legittimato da una posizione contraria, non semplicemente per partito preso nel rivendicare un ruolo di minoranza o di opposizione.

Questo ruolo non lo dovete rivendicare in Consiglio regionale ogni volta, perché il ruolo di minoranza ve lo hanno assegnato i cittadini calabresi. Lo dico per voi. Continuando con questa strategia di non entrare nei problemi, di non avere il coraggio di proporre un contro bilancio, una contro proposta rispetto a quella che propongono la Giunta e la maggioranza, ritengo che siano parole buttate al vento senza nessun contributo vero e chiaro alla proposta che necessariamente e naturalmente fa la Giunta.

Per queste ragioni, senza ritornare nel merito delle scelte che la Giunta fa e che il presidente Oliverio ha ribadito dopo l’assessore e vicepresidente Viscomi, il nostro è un voto favorevole.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il consigliere Mangialavori. Ne ha facoltà.

MANGIALAVORI Giuseppe Tommaso Vincenzo (Casa delle libertà)

Per dichiarazione di voto, Presidente, e per risposta al collega Greco.

Se aveste voluto un contributo dall’opposizione penso che non avreste dovuto fare la seduta di Commissione nella quale si è discusso del bilancio il 23 dicembre. Il 24, 25, 26 e 27 non c’è un ufficio aperto, quindi in questi quattro giorni che proposta alternativa volevate? Quindi per il futuro, caro consigliere Orlandino Greco, collega e amico, se desiderate da noi qualche controproposta, dateci il tempo di formularla, di guardare le carte, di entrare nel merito e poi veniamo in Aula preparati, grazie.

PRESIDENTE

Il voto, consigliere Mangialavori.

MANGIALAVORI Giuseppe Tommaso Vincenzo (Casa delle libertà)

Decisamente e assolutamente contrario.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il consigliere Romeo. Ne ha facoltà.

ROMEO Sebastiano (Partito Democratico)

Rimane un mistero come si possa non discutere mai nel merito ed annunciare una legittima – per carità – non condivisione, ma abbiamo ascoltato pazientemente una posizione contraria a prescindere rispetto ad un bilancio di previsione.

Io l’ho appreso per la prima volta in quest’Aula che al bilancio di previsione si può applicare un metodo del tutto diverso. Io faccio la minoranza, ritengo che alcune spese debbano essere allocate diversamente, che un documento contabile debba contenere una direzione di spesa, di investimento diversa e quindi formulo delle proposte e chiedo che la Commissione prima - perché la Commissione si è riunita – e l’Aula dopo le approvino.

Apro una discussione nel merito e chiedo a tutti i colleghi che ci si confronti nel merito sulle questioni che ritengo utili ed opportune per la Calabria. Se questa è la mia intenzione, se questo è quel che voglio fare utilizzando il mio mandato.

Per carità. Se poi voglio, invece, come alcuni – sottolineo alcuni – colleghi consiglieri regionali esprimere un dissenso a prescindere rispetto all’operato della Giunta presieduta dal presidente Oliverio lo posso fare, ma è altra cosa rispetto ad un confronto che sarebbe doveroso, invece, sulle scelte di bilancio che il Presidente della Regione ha elencato con chiarezza nel suo intervento e che, naturalmente, il Pd convintamente sostiene.

Contengono una prima inversione importante di tendenza all’interno di un possibile documento di previsione che l’assessore Viscomi ci ha presentato con la sua relazione.

Lo contengono rispetto alla spesa sociale e rispetto alla spending review. Voglio dire che c’è un ulteriore taglio netto delle consulenze e, al netto degli accantonamenti di legge, delle poste obbligatorie che ci sono, fa una scelta molto importante che è quella del cofinanziamento per 288 milioni di euro in sette anni della programmazione comunitaria.

Ripeto, naturalmente, che ognuno può sostenere quello che vuole, ma poi ci sono dei fatti che non sono contestabili. Con questo bilancio noi ripianiamo anche 40 milioni di euro pregressi, finanziamo l’attività del Consiglio regionale e così via.

Ma l’attenzione che viene dedicata alle politiche comunitarie va a mio giudizio sottolineata con particolare significato da quest’Aula.

Un altro elemento. E’ stato fatto un lavoro, colleghi, molto rigoroso di riaccertamento dei residui, e questo è importante perché non si propone all’approvazione un documento contabile finto, ma si consegna alla Calabria una condizione reale di entrata ed uscita, che consente di aver poi uno sviluppo positivo delle politiche di bilancio.

Ho anche apprezzato il lavoro fatto dal Collegio dei revisori dei conti in questo senso. Quindi attenzione, quando ci confrontiamo su questi argomenti cerchiamo di farlo nell’esclusivo interesse della Calabria. Non che i colleghi non lo facciano e voglio precisare che il mio non è un intervento assolutamente polemico, ma vorrei che potessimo confrontarci.

Abbiamo scelto di approvare il bilancio di previsione in questi tempi e in questi termini perché consideriamo il rispetto dei termini di legge un fatto significativo.

Avremmo potuto prenderci più tempo?! E perché? Avremmo avuto bisogno di aprire il nuovo anno con un documento contabile già bello ed approvato e da questo si evince anche un carattere di forte serietà di questa amministrazione regionale.

Per cui il voto del Partito democratico è favorevole e ringrazio i colleghi per gli interventi che hanno svolto.

PRESIDENTE

Esauriti gli interventi pongo in votazione il provvedimento posto al primo punto all’ordine del giorno numero 106/10^.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in allegato)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 107/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Ripiano del disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui (di cui all'articolo 3, commi 7 e 8, d.lgs 118/2011 e s.m.i.) effettuato ai sensi del decreto del Ministero dell'economia e delle finanze del 2 aprile 2015 e ripiano del disavanzo determinato alla data del 31.12.2014. Presentazione al Consiglio del Piano del ripiano del disavanzo derivante dall'anno 2014, ai fini della successiva adozione da effettuarsi ai sensi dell'articolo 9 comma 5, del decreto legge 78/2015 e presentazione al Consiglio delle modalità di ripiano del maggior disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui di cui all'articolo 2 del decreto del Ministero dell'economia e delle finanze del 2 aprile 2015”

PRESIDENTE

Il secondo punto all’ordine del giorno riguarda la proposta di provvedimento amministrativo numero 107/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Ripiano del disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui (di cui all'articolo 3, commi 7 e 8, d.lgs 118/2011 e s.m.i.) effettuato ai sensi del decreto del Ministero dell'economia e delle finanze del 2 aprile 2015 e ripiano del disavanzo determinato alla data del 31.12.2014. Presentazione al Consiglio del Piano del ripiano del disavanzo derivante dall'anno 2014, ai fini della successiva adozione da effettuarsi ai sensi dell'articolo 9 comma 5, del decreto legge 78/2015 e presentazione al Consiglio delle modalità di ripiano del maggior disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui di cui all'articolo 2 del decreto del Ministero dell'economia e delle finanze del 2 aprile 2015”.

Per come concordato con i capigruppo avevamo già dato la parola al vicepresidente Viscomi, che ha relazionato per i primi quattro punti, così come ha fatto anche il relatore Aieta.

Su questo provvedimento è pervenuto il parere favorevole da parte del Collegio dei revisori dei conti, pertanto pongo in votazione il provvedimento numero 107/10^.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in allegato)

Proposta di legge numero 111/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Legge di stabilità regionale 2016”

PRESIDENTE

Passiamo al terzo punto all’ordine del giorno che riguarda la proposta di legge numero 111/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Legge di stabilità regionale 2016”.

Anche su questa proposta di legge è stata già fatta la relazione della Giunta e del relatore Aieta pertanto.

Non essendoci richieste di parola passiamo alla discussione degli emendamenti che sono stati presentati all’articolato.

Pongo in votazione l’articolo 1.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 2.

(E’ approvato)

All’articolo 3 è stato presentato emendamento protocollo numero 57652, a firma del consigliere Nicolò, che recita: “All’articolo 3, dopo il comma 13, è aggiunto il seguente: <<14. Al fine di realizzare due parcheggi in zona stazione nel comune di Riace Marina (RC) è concesso al comune medesimo un contributo di euro 200.000,00 con allocazione alla Missione U.10.05 Programma 10 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale 2016/2018 della Regione Calabria>”.

Prego, consigliere Nicolò.

NICOLO’ Alessandro (Forza Italia)

Questo emendamento, signor Presidente, riguarda la realizzazione di parcheggi in zona stazione nel comune di Riace Marina. E’ una proposta pervenuta dai rappresentanti istituzionali di quel comune rispetto alla quale si chiede l’importo di 200 mila euro ed è stato indicato anche il capitolo di spesa, lo si riscontra, e lo si può verificare.

Lo rappresento alla valutazione dell’Assise regionale.

PRESIDENTE

Parere del relatore?

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

Contrario.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta

La Giunta dà una valutazione globale di tutto il pacchetto dei sei-sette emendamenti presentati dal consigliere Nicolò ritenendo, per carità, assolutamente significativa l’urgenza sociale e ambientale di alcuni di questi interventi.

Però ritiene che la definizione di interventi specifici e puntuali sul singolo comune, sul comune A anziché B, sul comune B anziché C, non sia la strada migliore per affrontare questi problemi tant’è che la stessa risposta che sto dando ora è la stessa che ho dato in Commissione per analoghe richieste che hanno condotto all’apertura di un capitolo specifico per gli interventi di manutenzione straordinaria e di ripristino di viabilità di strade dissestate.

Pertanto, il giudizio della Giunta su questi emendamenti, sul primo in quanto animato dalla stessa logica, ma anche su tutti gli altri, è negativo.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’emendamento.

(E’ respinto)

Sempre all’articolo 3 è stato presentato l’emendamento protocollo numero 57654, a firma del consigliere Nicolò, che recita: “All’articolo 3, dopo il comma 13, è aggiunto il seguente: <14. Al fine di realizzare la pavimentazione di strade urbane del comune di Oppido Mamertina (RC), è concesso al comune medesimo un contributo di euro 100.000,00 con allocazione alla Missione U.10.05 Programma 10 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale 2016/2018 della Regione Calabria>”.

Prego, consigliere Nicolò.

NICOLO’ Alessandro (Forza Italia)

Potrei anche risparmiarmi ma lo faccio per onore di firma rispetto a proposte che sicuramente non abbiamo ricercato, essendo pervenute dai rappresentanti istituzionali dei nostri territori per cui quella politica dell’ascolto e quel coinvolgimento di cui parlava è il miglior modo di fornire il proprio contributo, collega Greco.

Con gli emendamenti, il bilancio blindato, o impacchettato, non ci consente possibilità di manovra, ma non accusateci, diceva bene, il consigliere Mangialavori. I margini di tempo che spiegai all’inizio non ci hanno consentito di lavorare e le otto ore a cui ha partecipato il collega Orsomarso rispetto al contributo –voglio dire – rispetto alle competenze per materia e per territorio di opposizione, vi ha permesso di licenziare il documento. Ma questo è il contributo che volevamo dare in Aula. Dare voce a chi – attraverso delle procedure, ovvero relazioni tecniche, interventi politici, proposte passate dalle Aule consiliari dei vari comuni – ci rappresenta delle esigenze strutturali e non siamo nelle condizioni di recepirle.

Prendiamo atto del suo impegno e la apprezzo per il contributo qualificato che dà, ma mi rendo conto che ci sono dei limiti politici, assessore, rispetto ad un dialogo che manca, e non solo con noi, perché vogliamo dar voce ai nostri concittadini e ai rappresentanti istituzionali.

Prendiamo atto di queste chiusure, dell’impossibilità di poter discutere, di poter intervenire nella manovra e neppure ragionarci perché, a priori, ci viene detto “non possiamo ricevere le vostre proposte emendative”.

Direi che anche quest’altra proposta si illustri da sé, ma vorrei ascoltare il parere dell’assessore e del relatore, emendamento per emendamento.

PRESIDENTE

Parere del relatore?

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

Contrario.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta

Negativo.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’emendamento.

(E’ respinto)

Sempre all’articolo 3 è stato presentato l’emendamento protocollo numero 57655, a firma del consigliere Nicolò, che recita: “All’articolo 3, dopo il comma 13 è aggiunto il seguente: <14. Al fine di realizzare un campo sportivo polivalente presso il Comune di Brancaleone (RC), la Giunta regionale è autorizzata a concedere al comune medesimo un contributo di euro 70.000,00 con allocazione alla Missione U.10.05 Programma 10 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale 2016/2018 della Regione Calabria>”.

Prego, consigliere Nicolò.

NICOLO’ Alessandro (Forza Italia)

Presidente, prima parlavo del comune di Oppido Mamertina, ma adesso mi occupo del comune di Brancaleone per la richiesta di un campo sportivo polivalente.

Chiedo alla massima Assise di ascoltare questa proposta. Si tratta di un contributo parziale che chiede quel comune rispetto alla realizzazione di un’opera importante e ricettiva per quanto riguarda l’aggregazione sociale, perché lo sport aiuta l’aggregazione sociale alla crescita, non solo fisica, ma anche psicologica, rispetto all’inserimento dei giovani.

Questo è anche un segnale per dare ai giovani di quel territorio, del nostro comprensorio, un segnale di sensibilità. Mi auguro che recepiate questa proposta che sottopongo a votazione, anche se a priori l’assessore si è già espresso.

PRESIDENTE

Parere del relatore?

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

Contrario.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta

Negativo.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’emendamento.

(E’ respinto)

Sempre a firma del collega Nicolò, è stato presentato l’emendamento protocollo numero 57656, che recita: “All’articolo 3, dopo il comma 13 è aggiunto il seguente: <14. Al fine di realizzare l’impianto di illuminazione pubblica di via F.lli Rosselli, la Giunta regionale è autorizzata a concedere al comune di Marina di Gioiosa Ionica (RC) un contributo di euro 300.000,00 con allocazione alla Missione U.10.05 Programma 10 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale 2016/2018 della Regione Calabria>”.

Prego, consigliere Nicolò.

NICOLO’ Alessandro (Forza Italia)

Presidente, è la volta del comune di Marina di Gioiosa Ionica e, anche qui, perviene una richiesta per quanto riguarda un impianto di illuminazione. Sempre quel comune, attraverso deliberazioni e relazioni tecniche, formula al Consiglio regionale e all’Esecutivo, quindi, attraverso il Consiglio regionale, questa proposta che rappresento all’Aula.

PRESIDENTE

Parere del relatore?

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

Contrario.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta

Negativo.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’emendamento.

(E’ respinto)

Sempre a firma del collega Nicolò, è stato presentato l’emendamento protocollo numero 57657, che recita: “All’articolo 3, dopo il comma 13, è aggiunto il seguente: <14. Al fine di realizzare lavori di ampliamento e riparazione delle strade interpoderali e dei relativi muri di sostegno su strade, dell’ampliamento dell’illuminazione pubblica e della riqualificazione della villetta comunale, inserendo un’area gioco per bambini, la Giunta regionale è autorizzata a concedere al comune di Pazzano (RC) un contributo di euro 100.000,00 con allocazione alla Missione U.10.05 Programma 10 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale 2016/2018 della Regione Calabria>”.

Prego, consigliere Nicolò.

NICOLO’ Alessandro (Forza Italia)

Presidente, si tratta di una proposta pervenuta dal comune di Pazzano rispetto ad un minimo contributo per la realizzazione di un’area attrezzata per attività ludiche. Stiamo parlando della crescita dei nostri figli, dei nostri bambini. Anche su questo sottopongo l’emendamento a lei, Presidente, e alla Giunta regionale.

PRESIDENTE

Parere del relatore?

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

Contrario.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta

Negativo.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’emendamento.

(E’ respinto)

Sempre a firma del collega Nicolò, è stato presentato l’emendamento protocollo numero 57658, che recita: “All’articolo 3, dopo il comma 13 è aggiunto il seguente: <14. Al fine di realizzare un muro di sostegno in centro abitato in via G. Marconi, della sistemazione delle strade comunali località Tennerà e Gatticello e della ristrutturazione del piazzale San Domenico antistante la Chiesa Museo T. Campanella, la Giunta regionale è autorizzata a concedere al comune di Stilo (RC) un contributo di euro 35.000,00 con allocazione alla Missione U.10.05 Programma 10 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale 2016/2018 della Regione Calabria>”.

Prego, consigliere Nicolò.

NICOLO’ Alessandro (Forza Italia)

Presidente, però vorrei ricordare a me stesso che in Commissioneassessore – rispetto al principio che lei poc’anzi evocava, un emendamento è stato accolto rispetto al metodo che testé io “sto rappresentando all’Aula”. Ci sono due pesi e due misure, voglio dire. Dipende da quale parte provengono gli emendamenti, come se qui ci fossero consiglieri che non rappresentassero la volontà popolare o quella parte delle istituzioni che lavora quotidianamente con tanti sacrifici nelle nostre realtà territoriali.

Non è come dice lei, assessore, e mi dispiace doverla contraddire, ma si guardi i verbali perché risulta che emendamenti di questo tipo sono stati anche accolti.

Questo emendamento protocollo numero 57658 è l’ultimo e riguarda invece il comune di Stilo. La richiesta è esigua e potreste fare uno sforzo. Ricordo che la volta scorsa in occasione dei bilanci si prendeva in considerazione anche la voce dell’opposizione, non dico per facciata, ma anche per una questione di voler ascoltare e considerare, dialogare.

Ecco, questi principi vengono meno attraverso una interlocuzione istituzionale che sarebbe opportuna per quella centralità che spesso viene richiamata. Mi auguro che su questo possa emergere un minimo di sensibilità della vostra coscienza politica.

Si parla del comune di Stilo, per il quale si chiede un contributo, sempre al comune di Stilo, non contributi a persone fisiche o ad associazioni. Stiamo parlando delle Istituzioni che dovrebbero programmare la loro attività rispetto alle esigenze del territorio.

Anche quel comune chiede 35 mila euro per la sistemazione delle strade addirittura in località Tennerà e Gatticello, che sicuramente conoscete bene, per averle frequentate in campagna elettorale ed avete potuto constatare l’impraticabilità di quelle zone e quindi l’impossibilità e l’invivibilità di quelle aree. Questa è la richiesta che viene formulata e la rappresento alla vostra coscienza politica, a quella della Giunta e a quella dei consiglieri provinciali e regionali della provincia di Reggio Calabria, che hanno bocciato tutti gli emendamenti della provincia di Reggio Calabria.

PRESIDENTE

Parere del relatore?

AIETA Giuseppe (Partito Democratico), relatore

Contrario.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

VISCOMI Antonio, Vicepresidente della Giunta

Negativo.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’emendamento.

(E’ respinto)

Come segnalato dal Dipartimento bilancio a questa Presidenza comunico che, al comma 8 dell’articolo 3, l’importo previsto a valere sul programma U.10.04, è da intendersi in 100 mila euro.

Pongo in votazione l’articolo 3 nel suo complesso per come emendato.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 4.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 5.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 6.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 7.

(E’ approvato)

Pongo in votazione la legge nel suo complesso, per come emendata, con autorizzazione al Dipartimento bilancio, in sede di coordinamento formale, ad apportare ai testi di legge approvati ed ai relativi allegati tutte le modifiche necessarie e conseguenti alle modifiche apportate in sede di seconda Commissione, l’aggiornamento dei residui attivi e passivi e in perenzione amministrativa, l’aggiornamento delle economie vincolate derivanti dalla effettiva gestione del bilancio alla data odierna.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in allegato)

Proposta di legge numero 110/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Bilancio di previsione finanziario della Regione Calabria per gli anni 2016-2018”

PRESIDENTE

Il quarto punto all’ordine del giorno recita: proposta di legge numero 110/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Bilancio di previsione finanziario della Regione Calabria per gli anni 2016-2018”.

Anche per questa è stata già svolta la relazione del relatore e della Giunta nella illustrazione del primo punto all’ordine del giorno.

Nessuno chiede di parlare, e non sono stati presentati emendamenti pertanto pongo in votazione l’articolato.

Pongo in votazione l’articolo 1.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 2.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 3.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 4.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 5.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 6.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 7.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 8.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 9.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 10.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 11.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 12.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 13.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 14.

(E’ approvato)

Pongo in votazione la legge nel suo complesso con autorizzazione al Dipartimento bilancio, in sede di coordinamento formale, ad apportare ai testi di legge approvati ed ai relativi allegati, tutte le modifiche necessarie conseguenti alle modifiche apportate in seconda Commissione, l’aggiornamento dei residui attivi e passivi e in perenzione amministrativa, l’aggiornamento delle economie vincolate derivanti dalla effettiva gestione del bilancio alla data odierna.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in allegato)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 105/10^ di iniziativa dell'Ufficio di Presidenza, recante: “Bilancio di previsione del Consiglio regionale per gli esercizi 2016-2018”

PRESIDENTE

Il quinto punto all’ordine del giorno riguarda la proposta di provvedimento amministrativo numero 105/10^ di iniziativa dell’Ufficio di Presidenza, recante: “Bilancio di previsione del Consiglio regionale per gli esercizi 2016-2018”.

La parola al consigliere Graziano, relatore. Ne ha facoltà.

GRAZIANO Giuseppe (Casa delle libertà), relatore

Presidente, siamo alla proposta di provvedimento amministrativo numero 105/10^ di iniziativa dell’Ufficio di Presidenza, recante: “Bilancio di previsione del Consiglio regionale per gli esercizi 2016-2018”.

Il bilancio di previsione del Consiglio regionale della Calabria per gli esercizi 2016, 2017 e 2018 è stato redatto sulla base delle disposizioni e dei modelli previsti dal decreto legislativo 23 giugno 2011 numero 118 così come modificato ed integrato dal decreto legislativo 10 agosto 2014, numero 126.

A differenza degli esercizi precedenti il bilancio ha durata triennale ed ha natura autorizzatoria per l’intero triennio poiché gli stanziamenti di spesa rappresentano limiti alla assunzione di impegni e sarà pertanto possibile impegnare iniziative previste su annualità successive all’esercizio 2016 purché sussista la copertura finanziaria della spesa.

Il bilancio dell’esercizio 2016 è stato redatto sia in termini di competenza sia di cassa e l’articolazione del bilancio di previsione sia per la parte entrate sia per quella delle spese sono definite per legge e, pertanto, non sono modificabili.

Tali disposizioni di legge hanno lo scopo di assicurare maggiore trasparenza delle informazioni riguardanti il processo di allocazione e destinazione delle risorse pubbliche alle politiche settoriali nonché di garantire la confrontabilità dei dati di bilancio tra le diverse amministrazioni pubbliche.

Le entrate sono divise per titoli in base alla fonte di provenienza e per tipologia in base alla natura dell’entrata. Le spese vengono articolate in missioni e programmi di base rispettivamente delle funzioni principali esercitate e degli aggregati omogenei di attività.

Le spese sono poi classificate per titoli sulla base della natura della spesa. L’unità di voto in Consiglio regionale è costituita per l’entrata dalla tipologia e per la spesa del programma.

Rientrano nelle entrate per trasferimenti correnti le somme che la Giunta regionale trasferisce per il funzionamento del Consiglio regionale che ammontano ad euro 58 milioni per ognuno degli esercizi compresi nel bilancio in approvazione come previsto per l’esercizio 2015 dopo l’assestamento del bilancio regionale avvenuto con legge regionale numero 27 del 15.12.2015.

Le somme trasferite dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom) per il finanziamento delle funzioni ed allegate al Corecom Calabria.

Gli stanziamenti per le spese sono state quantificate sulla base delle effettive necessità in particolare gli stanziamenti previsti per l’indennità dei consiglieri e per i vitalizi degli ex consiglieri corrispondono agli importi previsti dalla legislazione vigente.

Le spese per il personale e per il funzionamento dei gruppi consiliari sono state quantificate sulla base della legge regionale numero 13 del 2002 e successive modifiche ed integrazioni.

Le spese per il personale addetto alle strutture amministrative ed i relativi oneri riflessi a carico del datore di lavoro sono state stanziate sulla base della unità di personale effettivamente in servizio.

Le altre spese di funzionamento del Consiglio regionale sono quantificate sulla base delle obbligazioni giuridiche contratte o da contrarre per garantire il regolare mantenimento delle attività consiliari.

Le spese per funzioni di allegati trovano copertura finanziaria nei contributi in entrata da parte dell’Agcom.

Infine le previsioni di spesa rispettano i limiti previsti dall’articolo 6 del decreto legislativo 31 maggio 2010, numero 78 in materia di spesa per studi ed incarichi di consulenza, relazioni pubbliche, convegni, mostre, pubblicità, rappresentanza, missioni, attività di formazione, acquisto, manutenzione e noleggio di autovetture.

In linea col trend degli ultimi 5 esercizi finanziari il bilancio del Consiglio in corso di approvazione presenta una riduzione delle spese di funzionamento a carico del bilancio regionale di euro 1 milione 200 mila, vale a dire del 2,03 per cento rispetto alle previsioni iniziali dell’esercizio 2015 quando le previsioni erano pari ad euro 59 milioni 200 mila.

Ciò è stato possibile grazie alla rivisitazione delle politiche di spesa alla luce della necessità di concorrere al mantenimento degli equilibri di finanza regionale assicurando contemporaneamente la copertura delle spese obbligatorie.

Ed infatti nel corso dell’esercizio 2015 l’Ufficio di Presidenza ha ridotto la dotazione organica dei dirigenti mediante l’accorpamento di alcuni servizi, deliberazione dell’Ufficio di Presidenza numero 11 del 16 marzo 2015. Ha approvato la nuova struttura organizzativa del Consiglio, deliberazione dell’Ufficio di Presidenza numero 17 del 16 aprile 2015 ed ha delegato il Segretario generale a compiere gli adempimenti connessi alla adesione alle prescrizioni contenute nell’articolo 4 del decreto legislativo numero 16 del 6 marzo 2014, il cosiddetto “Decreto Salva Roma”, deliberazione dell’Ufficio di Presidenza numero 31 del 26 maggio 2015 ed alla predisposizione del piano biennale di riqualificazione della spesa ai sensi dei commi 4 e 5, articolo 16 del decreto legislativo numero 98 del 2015.

Tali provvedimenti produrranno effetti finanziari anche sugli esercizi compresi nel bilancio di previsione in corso di approvazione.

Concludo l’intervento informando l’Aula che sul provvedimento si sono favorevolmente espressi il Collegio dei revisori, la Commissione di Vigilanza e la Conferenza dei capigruppo. Grazie.

PRESIDENTE

Nessuno ha fatto richiesta di parola, pertanto pongo in votazione il provvedimento.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in allegato)

Sull’ordine dei lavori

PRESIDENTE

Sull’ordine dei lavori ha chiesto di parlare il consigliere Sergio. Ne ha facoltà.

SERGIO Franco (Oliverio Presidente)

Signor Presidente, chiedo che venga richiamata la proposta di legge numero 101/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Disposizioni relative alla costituzione di una società per azioni finalizzata all’esercizio dello scalo aeroportuale di Crotone” in considerazione dei tempi e della urgenza che esso richiede.

PRESIDENTE

Pongo in votazione la richiesta di inserimento all’ordine del giorno del provvedimento numero 101/10^ avanzata dal consigliere Sergio che verrà trattato in coda.

(Il Consiglio approva)

Proposta di legge numero 107/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 16 aprile 2002, n. 19 'Norme per la tutela, governo ed uso del territorio – Legge Urbanistica della Calabria'”

PRESIDENTE

Passiamo al punto sei all’ordine del giorno che recita proposta di legge numero 107/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 16 aprile 2002, n. 19 'Norme per la tutela, governo ed uso del territorio – Legge Urbanistica della Calabria'”.

Il consigliere Bevacqua, relatore, ha facoltà di svolgere la relazione.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico), relatore

Signor Presidente del Consiglio, signor Presidente della Giunta, colleghi consiglieri, in questo disegno di legge sono presenti due aspetti particolarmente importanti. Il primo è legato al suo carattere di urgenza in quanto con tale provvedimento si evita la decadenza dei vigenti Piani regolatori generali fissati dall’articolo 65 della legge numero 2, della legge regionale numero 19 del 2002 al 31 dicembre 2015.

Il secondo aspetto è legato a tutta una serie di modifiche alla legge urbanistica vigente le quali mirano ad adeguarla alle disposizioni contenute nella legge Delrio e al contempo a sacrificare le procedure di attuazione dei piani e dei programmi contemplati in modo da imprimere una accelerazione alla adozione degli stessi.

Mi preme, innanzitutto, evidenziare l’attenzione alle misure di tutela e salvaguardia dell’ambiente e del paesaggio comunale attraverso le quali si avvia – anche nella nostra Regione – l’implementazione del principio di consumo zero del suolo estendendo la destinazione agricola a tutti i suoli non inseriti già in altre categorie alla data 19 giugno 2014.

Seguendo questa linea con l’articolo 12 si stabilisce l’inibizione delle varianti urbanistiche ad eccezione di quelle derivanti da preminenti interessi pubblici nel caso progetti sottoposti alla disciplina del Dpr 327 del 2001, del decreto legislativo 163 del 2006 e della legge 133 del 2008 nonché da strumenti di programmazione negoziata individuati dal Por Calabria o da contratti di programma statali o regionali.

In attuazione del principio generale della pianificazione territoriale urbanistica fondato sul contenimento del consumo di suolo i comuni che hanno nello strumento urbanistico approvato un dimensionamento non superiore a 5 mila abitanti possono dotarsi del solo regolamento operativo redatto secondo il principio di conservazione del suolo disposto all’articolo 21 della presente legge.

Elemento propulsore della proposta legislativa è quello di snellire le procedure di redazione dei piani poiché dal monitoraggio sullo stato di attuazione si evince che i comuni sono in forte ritardo oltre che per le consuete difficoltà economiche in cui versano i comuni calabresi, soprattutto di piccole dimensioni, anche a causa delle lungaggini burocratiche e procedimentali dettate dall’attuale previsione di legge con particolare riferimento alla procedura Vas.

Tra gli obiettivi prioritari bisogna sottolineare quelli della più efficace politica di governo del territorio volta a garantire una effettiva azione di tutela e valorizzazione e riduzione dei rischi anche per le aree costiere e contestualmente ottimizzare l’impiego di risorse della prossima programmazione dei fondi comunitari.

A tal scopo nel caso di comuni costieri unitamente alla procedura Vas si procede alla contestuale formazione ed approvazione dei Piani di spiaggia. Sono ridotti a 90 giorni i tempi di durata della conferenza di pianificazione.

Sono questi in buona sostanza i punti qualificanti del presente disegno di legge.

Colleghi, trattandosi, comunque di testo licenziato dalla Giunta solo l’11 dicembre è chiaro che i tempi di analisi in Commissione sono stati estremamente serrati e brevi. Ciononostante sono emerse tutta una serie di osservazioni che l’assessore Rossi – che ringrazio – ha fatto proprie e che in qualità di relatore ho recepito attraverso la predisposizione degli opportuni emendamenti che oggi ci accingiamo a votare.

Gli emendamenti, pertanto, non sono altro che il frutto di una razionale ed efficace ricezione delle questioni emerse durante la discussione in Commissione.

Innanzitutto abbiamo recepito le perplessità sollevate dal collega Tallini, e da noi condivise, circa l’abolizione del Nucleo di valutazione urbanistico-territoriale.

Il nuovo articolo 2bis, infatti, prevede la salvaguardia in toto dell’articolo 9 della legge regionale numero 19 del 2002 e quindi del Nucleo di valutazione urbanistico territoriale.

Allo stesso modo in ossequio ai dettami della legge Delrio il piano territoriale della città metropolitana assume nel testo emendato valenza di pianificazione territoriale di coordinamento. Esso sarà lo strumento di pianificazione territoriale generale al quale si conformano le politiche della città metropolitana di Reggio Calabria, i piani ed i programmi di settori comunali e gli strumenti della pianificazione territoriale.

Infine è stata prevista la conferenza permanente Regione-Città metropolitana che individua gli obiettivi comuni alle due istituzioni e le azioni dirette a perseguirle.

A mio avviso, però, - mi rivolgo all’assessore Rossi – restano in piedi le difficoltà concernenti l’utilizzo effettivo della procedura semplificata da parte dei piccoli comuni. Bisogna normare esattamente il destino di quelle convenzioni già stipulate con i progettisti del Psc/Psa riguardanti i piccoli comuni.

Per non lasciare i piccoli comuni in difficoltà tali modalità dovranno, necessariamente, essere esplicitate nel prossimo redigendo Regolamento attuativo della legge. Grazie.

Presidenza del Vicepresidente Francesco D’Agostino

PRESIDENTE

La parola all’assessore Rossi. Ne ha facoltà.

ROSSI Francesco, assessore alla Pianificazione territoriale e urbanistica

Grazie, Presidente, solo poche battute perché la legge è stata illustrata bene dal consigliere Bevacqua e non ho nulla da integrare.

Questa legge proposta dal governo della Regione è una mera semplificazione della legge esistente e non la riteniamo una nuova legge ma una semplificazione delle procedure esistenti sotto due aspetti: uno è quello della occupazione di “suolo zero” e l’altro riguarda la semplificazione delle procedure.

La legge numero 19 del 2002 non ha avuto molto successo nella Regione Calabria, pertanto ci siamo presi la responsabilità di rivisitarla, lasciando l’impalcatura della legge stessa, ma cercando di attuare una procedura semplificata che consentisse ai comuni di arrivare ad una pianificazione del territorio in modo più semplificato rispetto alle proposizioni della legge.

Un altro aspetto, che mi preme sottolineare, riguarda l’introduzione che abbiamo fatto della sostenibilità come criterio base per un buon governo del territorio.

Questa introduzione della sostenibilità potrà, sicuramente, far sì che della scelta degli obiettivi e la valutazione delle risorse fino alla definizione degli interventi occorre ricercare nuove coerenze interne e compatibilità ambientali di scala superiore, tese a determinare un diverso giudizio di valore sul territorio.

La grande varietà territoriale della Calabria costituisce un modello di riferimento quanto mai ricco e capace di racchiudere in un’estensione relativamente contenuta un infinito archivio di manifestazioni naturali, all’interno del quale si incastonano le strutture urbane parte integrante e costituente del paesaggio, ma non solo, anche una notevole ricchezza di risorse umane, di beni culturali e di attività manifatturiere e di ricchezze sociali.

Negli ultimi 50 anni quello che è accaduto è che invece il paesaggio calabrese è stato aggredito per una occupazione eccessiva del suolo.

Con questa semplificazione nella legge introduciamo alcuni principi per ridurre questa occupazione di suolo indiscriminata a favore di una valorizzazione delle risorse agrarie, dei territori agrari, della qualità della vita e di migliorare sostanzialmente la qualità complessiva dei territori.

Inizia, quindi, una stagione nuova dell’urbanistica calabrese che è più rivolta alla qualità della vita dei cittadini. Intendiamo proseguire su questa strada sostituendo le norme quantitative con norme qualitative che sono più vicine ai beni comuni, alla qualità della vita, al rispetto e alla messa in sicurezza del territorio.

Inizia con questa semplificazione una nuova stagione. Ringrazio per l’attenzione.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il consigliere Tallini. Ne ha facoltà.

TALLINI Domenico (Gruppo Misto)

Ringrazio il Presidente della Commissione, Domenico Bevacqua, per aver citato in Aula l’accoglimento di una mia richiesta, dopo un’osservazione sull’articolo 9. Sottolineo che il clima che si è creato in Commissione è di collaborazione e credo che sia un fatto estremamente positivo che in quella sede si possa lavorare per creare veramente sviluppo pur non avendo risorse.

Se mi è consentito, devo, però, fare ulteriori osservazioni, con la premessa che l’assessore Rossi, che forse non conosce in maniera approfondita – e non può conoscerla – la realtà dei 409 Comuni calabresi, forse non sa in quali condizioni si troveranno i Comuni dopo l’approvazione di questa legge. Mi permetto di ripetere in Aula, dopo averli messi anche in ordine, dei concetti che per me sono importanti perché devono essere registrati a futura memoria.

In Aula ho osservato che non c’è stata una concertazione e si configura, purtroppo, una grave violazione del dettato costituzionale, laddove l’obbligo della concertazione, tra l’altro, deve avvenire nel rispetto del principio di sussidiarietà, ovvero nel rispetto delle autonomie locali, così come previsto dalla legge di riforma 142/90, difatti le norme in causa sono sostanziali all’uso dei territori interessati, che non sono stati sentiti per niente in nessuna fase di concertazione.

Mi permetto di dire, sommessamente, che dopo l’approvazione di questa legge rischiamo di avere una ribellione di Comuni che, improvvisamente, si vedono inseriti una normativa che ha una modifica sostanziale della legge urbanistica vigente, senza che essi siano stati interlocutori, così come il buonsenso dovrebbe suggerire.

Altrettanto grave è la violazione dello Statuto regionale relativamente al Titolo VI° “Rapporti con gli enti locali”, soprattutto ai punti 2, 2b, 2c e al comma 3, laddove si fa espresso riferimento ai rapporti da tenere obbligatoriamente con gli enti locali e i soggetti territoriali interessati alla gestione del territorio in un rapporto di reale collaborazione.

Si aggiunge il richiamo, sempre allo Statuto, per le funzioni del Consiglio delle autonomie locali, il Cal, articolo 48, avente funzione istituzionale. Sì, lo so, il Cal è scaduto e, a maggior ragione, oggi, in sostituzione di una consultazione e un parere del Cal, avremmo dovuto chiedere una concertazione con enti istituzionali che sono soprattutto i Comuni.

Nel caso di approvazione dei provvedimenti legislativi che impongono l’acquisizione di tali pareri, trattandosi di legge, in particolare quelli in esame, che incide sostanzialmente sulla gestione del territorio urbanistico degli enti locali ed, inoltre, anche in funzione dell’articolo 49, in coerenza col principio generale impresso dalla 241: ogni soggetto destinatario di provvedimenti amministrativi, sostanziali e discrezionali, deve essere informato a garanzia del contraddittorio in termini di trasparenza, di efficienza e di efficacia.

In conclusione, le predette modifiche normative che avranno un impatto, per come sono state formulate, drammatico sulla gestione del territorio, con enormi danni per i Comuni – e lo dirò quali saranno i danni per i Comuni – in termini di buona gestione del territorio, ma anche di legittimazione delle entrate tributarie di natura urbanistica.

Grave ulteriore violazione dei princìpi essenziali della vigente legge urbanistica regionale, laddove, in diverse situazioni procedimentali e normative, inserisce per ben 17 volte gli obblighi della concertazione e del rispetto del principio di sussidiarietà.

Poi l’eliminazione dell’articolo 9, salto questo perché si era impegnato l’assessore a valutarlo e devo prendere atto che almeno questa parte importante è stata reinserita.

Le norme di modifica per il procedimento di approvazione… L’abolizione dell’articolo 9, assessore, insomma, era stato proposto, si era detto con una motivazione banale, quella di fare economia. Non si può fare economia a danno dell’efficienza e dell’efficacia di una norma che ha bisogno di competenti, di esperti e anche degli interlocutori destinatari perché venga fuori un prodotto.

Le norme di modifica per il procedimento di approvazione del Ptcp e del Psc rientrano nella stessa logica dell’eliminazione dell’articolo 9. Infatti, il principio è sempre quello di non aver riportato ad una concertazione gli atti approvati in capo alla Regione, con pareri che giuridicamente costituiscono un parere deliberativo vincolante assolutamente contrario al principio della sussidiarietà.

E’ il caso di ricordare che la stesura iniziale della legge urbanistica regionale prevedeva il rispetto di tale principio. In sostanza si cerca, con le modifiche normative in questione, di ritornare indietro di oltre vent’anni per questioni evidenti di gestione, per ridare alla Regione, quindi al competente dipartimento di urbanistica, poteri deliberanti assolutamente privi di legittimazione giuridica, purtroppo andando a modificare dei princìpi giuridici ed urbanistici già presenti nel testo della legge 19/2002, originaria e perfettamente conforme all’articolo 118 della Costituzione.

Nella delibera viene dichiarato, impropriamente, che il provvedimento legislativo non provocherà alcun aumento di spesa, quindi non graverà sui bilanci.

Questo, mi permetto di dire, assessore, che è uno degli aspetti più importanti, in realtà, come peraltro contenuto anche nella scheda tecnico legislativa, parere dell’Ufficio legislativo della Regione, allegata al provvedimento, ciò non risponde alle norme vigenti in materia finanziaria e di bilancio, per come già più volte chiarito dalla Corte costituzionale. In parole, il potere sostitutivo regionale nel caso della mancata approvazione del Psc da parte dei Comuni – è il caso di ricordare i 400 Comuni che ancora non hanno approvato il Psc e Ptcp – presuppone la previsione di spesa, a prescindere che l’onere è previsto a carico delle amministrazioni inadempienti, che potrebbero sempre e comunque non provvedere.

In poche parole, considerata la tempistica prevista con le modifiche normative per la redazione del Psc, e valutato che negli ultimi dieci anni dall’approvazione delle linee-guida della pianificazione solo poco più di 20 Comuni hanno approvato il Psc, significa che la Regione si dovrà matematicamente sostituire a tutti i Comuni, con aggravio economico, per dare senso alle norme modificate che, come al solito, sembrano avere l’obiettivo di dare immagine politica all’amministrazione Oliverio, ma sono talmente privi di ragionevolezza e logica giuridica, in quanto sono evidenti falso amministrativo e giuridico.

In sostanza, quanto evidenziato dall’Ufficio legislativo regionale è perfettamente condivisibile, cioè determina una grave illegittimità del provvedimento legislativo.

La norma interamente modificata, apparentemente, è stata pensata allo scopo di evitare la decadenza dei piani urbanistici comunali vigenti, prevista per il 31 dicembre 2015. In realtà, tale obiettivo non solo non viene raggiunto per come è articolata la modifica dell’articolo 65, ma addirittura è peggiorativa. Infatti, oltre che prevedere la decadenza del Prg, qualora entro 24 mesi il Comune non si doti del Piano strutturale comunale, termine assolutamente improponibile, considerata la tempistica media necessaria per l’approvazione del Psc, media otto anni per Crotone, Reggio Calabria, Cosenza e Lamezia Terme – è una media di otto anni – il problema più grave è generato dalle disposizioni transitorie che si applicano sin dall’eventuale approvazione della modifica normativa dell’articolo 65.

Tale norma transitoria prevede che i Piani regolatori generali e i programmi di fabbricazione conservino validità limitatamente alle zone A e B e relative sottozone previste nei medesimi strumenti. Sono fatte salve, altresì, tutte le previsioni di tutti gli ambiti territoriali comunque denominati nei quali sono stati approvati piani di attuazione e la definizione di tutte le richieste di trasformazione con precedenti avviati ai rispettivi Comuni entro il 19 giugno 2014, relativi alle zone omogenee C e relative alla sottozona ricadente all’interno dei centri abitati previsti dal comma 3 dell’articolo 12 del decreto del Presidente della Repubblica 380/2001.

Tale norma transitoria, di fatto e in diritto, provocherà la decadenza di almeno l’80 per cento – caro presidente Oliverio– delle aree edificabili dei piani edificatori, giacché le aree appartenenti alle zone territoriali omogenee C ricadenti all’interno della perimetrazione del centro abitato o dotate di opere di urbanizzazione sono, per chi conosce sotto il profilo tecnico urbanistico il concetto di zona C, assolutamente pochissime.

Io cito come esempio quello del Comune di Catanzaro. Ciò, ovviamente, inciderà gravemente sui legittimi diritti edificatori previsti dal Prg, in violazione del principio di affidamento degli atti amministrativi, ma anche sulle casse comunali, che non potranno più legittimamente pretendere i tributi relativi all’Imu, eccetera. Inoltre, tutte le richieste di lottizzazione edilizia in giacenza, poiché sospese a causa dell’adozione del Quadro territoriale paesaggistico, saranno di fatto annullate in relazione all’ovvia circostanza che le aree in questione riguarderanno zone C non urbanizzate e fuori dal centro abitato.

E’ necessario assolutamente che l’ultima parte della normativa transitoria venga eliminata, in quanto il danno urbanistico ed economico che genererà sui Comuni è palese.

Dico questo per dire che i piani di lottizzazione, se noi escludiamo dalla decadenza solo i piani di lottizzazione che sono nei centri abitati, sfido chiunque a vedere e cercare un piano di lottizzazione nei centri abitati. I piani di lottizzazione si fanno nelle zone di ampliamento, cioè fuori dai centri abitati.

Statisticamente, questo provvedimento, di fatto, annullerà tutte le previsioni dei piani di lottizzazione fuori dai centri abitati, cioè da domani l’edilizia in Calabria, se prima accusava un fermo dovuto alla crisi economica, da questo momento accuserà un fermo terribile, dovuto ad un approfondimento iniquo di un ente regionale che nemmeno si è confrontato con gli enti locali.

Assessore, questo provvedimento io l’avrei concertato con tutti e 409 sindaci della Regione Calabria e là avrei recepito tutte le istanze che da questi sindaci, che ogni giorno hanno difficoltà per come affrontare i problemi quotidiani, soprattutto questi urbanistici, perché già c’è una crisi che è latente, ci sono permessi a costruire che nemmeno vengono ritirati perché la gente non ha il potere economico per realizzarli. Se poi andiamo a varare iniziative come questa, che di fatto annulleranno tutte le iniziative, e mi riferisco a piani di lottizzazione che non sono piani che consentono la costruzione intensiva e disordinata, perché prevedono il rispetto di tutti gli standard, anzi sono il modo più ordinato di prevedere una costruzione, ma soprattutto sono le uniche iniziative che in Calabria possono dar vita e anima ad un settore che è quello edilizio, che in questo momento, invece, verrebbe assolutamente paralizzato.

Il mio intervento vuole essere costruttivo. Io capisco che ogni assessore ha anche la voglia di ottenere un qualche risultato, però siamo in una regione difficile, dove quel poco di edilizia che c’è ancora riesce a dare delle piccole risposte anche al problema dell’occupazione.

Inviterei ad una riflessione rispetto alle problematiche che ho sollevato. Penso che ci sia una motivazione grande quanto una casa, che la mancanza di concertazione con i Comuni e con i sindaci sia fondamentale per poi portare in Aula una modifica che lo prevede la legge, lo prevede lo stesso Statuto regionale. Non c’è stato il tempo, forse la proposta di legge di modifica è stata presentata in Commissione e con onestà, con tutta la disponibilità e con tutte le condizioni agevoli che il Presidente Bevacqua ha creato in questa Commissione, ma non ci sono stati i tempi per poter approfondire le proposte di modifica di questa legge.

Quindi, mi rivolgo all’Aula soltanto per dire che ho testimoniato un elemento che domani potrebbe diventare un boomerang, perché portare alla discussione questa modifica sostanziale, senza che gli attori direttamente interessati fossero interlocutori ed avessero la possibilità di portare i loro contributi al miglioramento della legge, non mi sembra una buona pagina, oltre che anche dal punto di vista della procedura diciamo che con nota, l’atto anche di illegittimità, in quanto la concertazione è prevista per legge e diventa uno strumento anche giuridico che può provocare l’annullamento della stessa legge.

Non devo aggiungere null’altro, invito soltanto ad una riflessione che, con sincerità tutti quanti dobbiamo ammettere, in Commissione non si è potuto fare un approfondimento, in quanto non ci sono stati i tempi.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Greco. Ne ha facoltà.

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

Consigliere Tallini, devo dire che molte delle sue osservazioni le condivido, anche perché ci sono degli emendamenti concertati che vanno in questa direzione.

Oggi stiamo discutendo la modifica della legge regionale numero 19 del 2002, dove l’oggetto della legge – lo voglio leggere per far capire l’importanza della discussione odierna – dice che “la presente legge, in attuazione dei princìpi di partecipazione e sussidiarietà e nel quadro dell’ordinamento della Repubblica e dell’Unione europea, disciplina la pianificazione, la tutela e il recupero del territorio regionale, nonché l’esercizio delle competenze e delle funzioni amministrative ad esso attinenti”.

Questa è una legge di fondamentale importanza anche per le cose che lei diceva, perché dispone la pianificazione urbanistica nell’ambito del territorio regionale, e per pianificazione urbanistica si intende lo sviluppo non solo urbanistico ed edilizio, ma lo sviluppo delle attività economiche e produttive, lo sviluppo delle attività commerciali, lo sviluppo di un territorio che, grazie a questa legge, può determinarne la crescita.

La legge numero 19 del 2002, che ha subìto una serie di modificazioni nel tempo, ha portato dei risultati che non sono stati soddisfacenti, per quello che prescriveva e per la sua attuazione, se consideriamo che su 409 Comuni solo 20 hanno approvato il Piano strutturale comunale ed hanno completato l’iter; se consideriamo che i piani adottati sono solo 16, che 92 sono i Psc in Conferenza di pianificazione, che 15 sono i Psc con documento preliminare adottato; ciò significa che i Comuni con i Piani strutturali comunali e, quindi, dotati di uno strumento urbanistico di programmazione previsto per legge sono 102 e che 16 Comuni non hanno ancora avviato l’iter amministrativo. Questo è un dato.

Se vogliamo che l’attuazione della legge possa essere realizzata attraverso una visione, attraverso la partecipazione, attraverso anche la condivisione di tutti gli attori sul territorio, dobbiamo partire da questo dato.

Il primo emendamento a mia firma prevede di riportare in essere il nucleo di valutazione urbanistico territoriale, perché la partecipazione significa avere uno strumento di valutazione di tutti gli attori, tant’è che io lo ripropongo in toto, tranne la modifica di un delegato della città metropolitana e di un rappresentante del Corap.

Beh, chiaramente emergono tante difficoltà da parte dei Comuni, e la preoccupazione che avevo, ma che devo dire concertata anche con l’assessore. Riprendendo quello che lei diceva, cioè che cosa succede alla scadenza del 31 giugno 2014, quando le previsioni decadono e quindi gli investimenti, la possibilità di avere zone urbanizzate e urbanizzabili, decadono in ragione di una norma che non prevedeva la proroga, se non i diritti acquisiti attraverso l’approvazione di piani di lottizzazione, perché evidentemente parliamo di zone C.

Allora la necessità di avere una divisione su tre quadri, su tre prospettive, e c’è qui un importante emendamento proposto. Noi abbiamo tre tipi di possibilità: la prima, per i Comuni al di sotto di un dimensionamento che non supera i 5 mila abitanti, che possono scegliere se fare il Piano strutturale comunale o se fare il Regolamento operativo, quello che è il 27 ter, avere la possibilità di una procedura agevolata, dove rimangono in piedi le dotazioni urbanistiche legate alle zone A e alle zone B, e per i Comuni che hanno invece approvato i Piani regolatori generali, rimangono in piedi le A, le B, le D e l’edilizia sociale. Ma questo per i Comuni che individuano la procedura agevolata, e noi stiamo facendo la pianificazione, che non significa andare incontro solo e soltanto all’esplicazione di un Regolamento edilizio attuativo, significa altro. Poi dobbiamo dare la possibilità – ed è qua la novità legata alle cose che lei diceva – attraverso un emendamento che io ho chiamato il 27 quater, che è la pianificazione al consumo di suolo zero.

Lo voglio leggere per capire: “L’obiettivo più apprezzabile e auspicabile per i Comuni nel perseguimento del principio del risparmio del consumo di suolo è rappresentato dal concetto di consumo di suolo zero, per il quale il Comune si prefigge di non utilizzare quantità di superfici del proprio territorio per l’espansione del proprio abitato superiori a quelle già avute disponibili ed approvate nel previgente strumento urbanistico generale, Prg o Pdf”. Che significa? Che oggi io faccio la fotografia del territorio, ma non la faccio rispetto ai diritti acquisiti dei piani di lottizzazione, lo faccio rispetto alle previsioni approvate dai Consigli comunali, per cui io supero il vincolo del passaggio da zona lottizzata, da zona C a zona agricola e riporto in essere quelle che erano quelle previsioni, tanto da non creare nessun tipo di problema.

Il consumo di suolo significa, per i Comuni che vogliono fare la procedura accelerata, per quei Comuni che non hanno le risorse economiche, per i piccoli Comuni, per i Comuni che non hanno prospettive di sviluppo urbanistico ed edilizio, c’è la procedura accelerata. Poi c’è la procedura a consumo di suolo zero, per cui si fa la pianificazione, ma fotografando ad oggi la situazione urbanistica del territorio, per cui c’è il Piano strutturale comunale che noi dobbiamo dargli, poiché parliamo di pianificazione, assessore, la possibilità di gestire quel territorio, di gestirlo rispetto ad una previsione, che è quella fotografata, senza aumentare di un solo metro cubo la dotazione urbanistica, tant’è che un emendamento mio lo ritiro, quando dicevo di incrementare del 20 per cento per chi utilizza la procedura comunque di pianificazione.

La terza possibilità, poiché noi facciamo pianificazione, nei casi eccezionali si può superare anche la proposta di consumo di suolo zero, attraverso un parere motivato e circostanziato, dopo l’adozione del Consiglio comunale, da parte della Giunta regionale.

E’ previsto anche l’intervento sostitutivo regionale nell’emendamento per quei Comuni che non hanno ottemperato, ma su questo c’è un’accelerazione. Benché io su un emendamento, l’articolo 20, in cui si dice che i Comuni che non seguono la procedura accelerata sono obbligati a dotarsi entro e non oltre i 24 mesi del Piano strutturale comunale, in questo caso lo riporto a sei mesi, ma che si può portare anche ad un anno, ovvero ci sono una serie di prescrizioni e di ragionamenti fatti che consentono di superare quella concertazione necessaria, ma che oggi attraverso una procedura d’urgenza, atteso che riproporre nuovamente proroghe su proroghe dal 2006 in poi ritengo non sia un percorso auspicabile.

Ci sono stati esempi positivi di Comuni, in questi anni, che hanno pianificato e l’hanno fatto attraverso quelle che vengono individuate nella legge, le Conferenze di pianificazione, attraverso la possibilità di colloqui con i Comuni viciniori, attraverso i colloqui con le parti sociali. Noi dobbiamo oggi rompere anche questo muro di tanti sindaci che hanno difficoltà.

Allora le due questioni che l’assessore anche con queste integrazioni, neanche modifiche, prima sottolineava, il consumo di suolo zero e lo snellimento dei tempi nelle procedure amministrative, atteso che c’è una modifica legata al quadro conoscitivo, dove la Regione certifica gli elementi fondamentali che servono alla redazione del quadro conoscitivo, che rimarrà in capo ai Comuni, qua non c’è nessuna volontà di avocare o ripensare ad un nuovo centralismo regionale. Dobbiamo imprimere un’accelerazione, con tutte le modifiche che potranno esserci, acché la pianificazione territoriale ed urbanistica sui territori venga, in qualche modo, incentivata.

Ritengo che questa proposta fatta dall’assessorato all’urbanistica, con una serie di piccole modifiche emendate, possa essere uno strumento valido per far sì che molti Comuni possano andare in questa direzione.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Salerno. Ne ha facoltà

SALERNO Nazzareno (Forza Italia)

Come si suol dire, quando si tratta di problematiche molto complesse e comunque in cui ci sono divergenze anche di vedute dal punto di vista politico, dal punto di vista di esercitare un potere discrezionale da parte del governo regionale, noi siamo fermi come opposizione, come Forza Italia.

Su questa legge – devo dire la verità – noi siamo favorevoli, perché è una legge che serve, mette ordine, blocca eventuali speculazioni, quindi noi esprimiamo il nostro voto favorevole come gruppo di Forza Italia.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Tallini. Ne ha facoltà.

TALLINI Domenico (Gruppo Misto)

Una piccola precisazione: le cose dette dal collega Orlandino Greco sono norme che sono delle… Questa storia del consumo di suolo zero non è altro che l’osservanza di una legge che recentemente ha fatto il Governo e che invita i Comuni a questa concezione, ma siccome oggi, tra la crisi che c’è, tra il fatto che tutti i piani realizzati con i vecchi metodi sono sovradimensionati, non c’è nessun problema per nessun Comune ad osservare questa norma, quindi questo è un problema che non c’è.

Sto evidenziando solo un fatto: ci sono profili di illegittimità rispetto alla procedura? Non è stata fatta la concertazione. Tutti i Comuni, anche quelli interessati dall’articolo 27, cioè quelli che potranno… a parte che inserisce gravi discriminazioni tra Comuni al di sotto dei 3 mila abitanti e quelli al di sopra dei 5 mila, ma comunque i Comuni non sanno nulla. Domani piomberà sui Comuni un provvedimento che sarà una cosa che rivoluzionerà un po’ la vita di tutti i sindaci della Calabria, i 409 Comuni della Calabria.

Ricordo che in passato è successa una cosa simile con l’articolo 65 delle linee-guida del Piano paesaggistico: una norma che era stata cassata dalla legge regionale poi, invece, veniva inserita con la norma che vietava, caro Orlandino, per 200 metri…

PRESIDENTE

Consigliere Tallini, la invito a concludere dal momento che lei aveva già fatto il suo intervento.

TALLINI Domenico (Gruppo Misto)

Va bene, ci sono stati interventi non per dichiarazione di voto, interventi di merito, senza che potesse succedere nulla. Mi sto permettendo soltanto di insistere sulla riflessione di quest’atto.

Caro consigliere Greco, io ho fatto la mia parte; vi ho messo in guardia e vi dico che domani tantissimi Comuni si troveranno in gravissima difficoltà. Come diceva qualcuno poco fa, questa non è una legge a favore di chi vuole promuovere l’attività edilizia; questa è una legge che, invece, decreterà la paralisi dell’attività edilizia. Ecco per quali ragioni voterò contro, perché io sono a favore dell’attività edilizia e dello sviluppo. Questa è una legge iniqua che blocca, paralizza e penalizza i Comuni anche per la questione dei tributi e penalizza i cittadini. In questo momento, in Calabria, presso i Comuni ci sono anche una marea di richieste, ma tutti coloro che, potenzialmente, hanno sulla carta le previsioni di piano di una lottizzazione fuori dai centri urbani e domani volessero chiedere l’autorizzazione, da domani non lo possono fare più.

(Interruzione)

No, non lo possono fare più. Poi vedrete ed ognuno si assumerà le proprie responsabilità. Andranno dal presidente Oliverio e verrete a chiedere l’ennesima ulteriore modifica della legge urbanistica regionale, proprio perché vi siete ostinati a non voler approfondire questi aspetti prima dell’approvazione della legge.

PRESIDENTE

Non ci sono altri interventi, pertanto passiamo all’esame dell’articolato. Sono stati presentati emendamenti.

All’articolo 1 non ci sono emendamenti, per cui lo pongo in votazione.

(E’ approvato)

All’articolo 2 è stato presentato un emendamento protocollo numero 57751, a firma del consigliere Greco: “Nell’articolo 2, al comma 2 dell’articolo 9 della legge regionale numero 19 del 2002, la frase di cui alla lettera a) è sostituita dalla seguente: “certifica i dati territoriali tematici forniti dal SITO di cui all’articolo 8, quale contributo per agevolare la definizione del quadro conoscitivo del Piano”, nonché alle lettere b) e c) la locuzione “integrato dal Piano Comunale di Spiaggia” è sostituita da “integrato dall’indicazione della perimetrazione dell’area da assoggettare a Piano comunale di spiaggia”, a cui cedo la parola per l’illustrazione

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

Questo è l’emendamento all’articolo 2, che è la fase in cui il comma a): “certifichi il quadro conoscitivo di piano sulla scorta dei dati territoriali tematici forniti dal sito di cui all’articolo 8, viene così modificato: “certifica i dati territoriali tematici forniti dal sito di cui all’articolo 8 quale contributo per agevolare la definizione del quadro conoscitivo del piano”. Ciò significa che il quadro conoscitivo del piano lo redigono sempre i Comuni e la Regione si impegna in una fase di certificazione dei dati che la Regione ha, per evitare di spoliare i Comuni rispetto ad un dato fondamentale, perché il quadro conoscitivo è un mix di dati che sono sia oggettivi sia anche soggettivi, legati al sociale, alla crescita edilizia urbanistica e sociale del territorio. Pertanto, questo compito non può essere delegato alla Regione.

PRESIDENTE

Parere del relatore? Favorevole. Parere della Giunta? Favorevole.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 57751.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 2 per come emendato.

(E’ approvato)

Dopo l’articolo 2 sono stati presentati emendamenti, il primo è il protocollo numero 57711/1 a firma del consigliere Bevacqua: “Art. 2 bis  1. Dopo l'art. 2 è aggiunto il previgente art. 9 della legge regionale 16 aprile 2002, n. 19 (Nucleo di valutazione urbanistico-territoriale): << 1. La Giunta regionale, su proposta dell'Assessore all'Urbanistica e Governo del Territorio 24 istituisce il nucleo di valutazione urbanistico-territoriale della Regione Calabria. 2. E’ compito del nucleo: a) monitorare le attività di valutazione di cui al successivo articolo 10; b) esprimere alla Giunta regionale pareri in merito alla definizione del QTR ed i suoi rapporti con il Sistema Informativo Territoriale; parere sulle prescrizioni di carattere territoriale degli atti e documenti della pianificazione settoriale regionale e loro traduzione in termini informatici;

c) predisporre un rapporto annuale sullo stato della pianificazione del territorio regionale da presentarsi alla Giunta regionale che con proprio parere, entro 30 giorni dalla ricezione, lo trasmetterà con propria delibera al Consiglio regionale per la definitiva approvazione; d) fornire, su richiesta, ogni forma di assistenza alle strutture del SITO e agli sportelli unici per l'edilizia;

3. Del nucleo di valutazione fanno parte: a) l’Assessore regionale all’Urbanistica e governo del territorio che lo presiede: b) i dirigenti dei servizi urbanistica e governo del territorio del dipartimento regionale; c) il segretario dell’Autorità di bacino; d) gli assessori provinciali delegati dalla Giunta provinciale; e) un delegato dell’ANCI, uno dell’UNCEM e uno dell’ANCE; f) un delegato in rappresentanza di ogni parco della Regione Calabria; g) un rappresentante per ciascuno degli Ordini professionali degli architetti, pianificatori, paesaggisti, conservatori, degli ingegneri, dei geologi, degli agronomi e forestali, nonché dei geometri; h) un rappresentante designato da ciascuna università calabrese; i) un rappresentante dell’Unione regionale delle bonifiche; j) un rappresentante dell’Unione piccoli Comuni; k) un rappresentante unitario delle organizzazione ambientaliste e protezioniste; I) un rappresentante delle organizzazioni sindacali dei lavoratori; m) un delegato della Lega delle Autonomie locali; n) un rappresentante per ogni consorzio per le aree o nuclei di sviluppo industriale; o) un delegato dell’autorità marittima territoriale 25. 4. Da 5 esperti nominati dal Presidente della Giunta Regionale, su proposta dell’Assessore regionale all'urbanistica e al Governo del Territorio, con particolare competenza in materia di pianificazione urbanistica, territoriale, tutela e conservazione del patrimonio storico architettonico paesaggistico della Calabria e di difesa e gestione del rischio ecologico, idrogeologico e di riduzione del rischio sismico. 26 5. I componenti il Nucleo di Valutazione sono nominati con decreto del Presidente della Giunta regionale e durano in carica per l'intera durata della legislatura e comunque fino alla designazione dei sostituti. 6. La legge regionale di bilancio approvata nell'anno di costituzione del nucleo provvederà alla allocazione dei relativi oneri per il funzionamento del nucleo stesso nel corso della legislatura ».

Cedo la parola al consigliere Bevacqua per l’illustrazione.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico)

Questo emendamento prende atto di alcune osservazioni fatte in Commissione ed è finalizzato a ripristinare il nucleo di valutazione territoriale che in precedenza non era stato previsto nella proposta di legge presentata dalla Giunta, però vorrei fare due puntualizzazioni in merito al  recupero dell’articolo 9; la prima: nell’articolo 9 era prevista la presenza del rappresentante dell’Uncem ed io lo toglierei, dal momento che l’Uncem non esiste più. Così come quando parliamo di un rappresentante per Consorzio, poiché sta per essere istituito il Corap, anche qui prevedrei la presenza di un rappresentante del Corap. Aggiungerei, invece, la presenza in questo organismo del consigliere della città metropolitana, per dare seguito alla legge Delrio.

PRESIDENTE

Parere della Giunta? Favorevole.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 57711.

(E’ approvato)

L’emendamento protocollo numero 57751/1 a firma del consigliere Greco, decade automaticamente poiché è stato approvato l’emendamento Bevacqua.

All’articolo 3 non ci sono emendamenti, per cui lo pongo in votazione.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 4.

(E’ approvato)

All’articolo 5 è stato presentato l’emendamento con protocollo numero 57711/2 a firma del consigliere Bevacqua cui cedo la parola per l’illustrazione.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico)

Signor Presidente, questo emendamento si rende necessario per rendere il testo della proposta di legge coerente con la previsione del Piano territoriale della città metropolitana. Ne do lettura: il comma 4, alla lettera a), è così modificato: “dopo la parola “comma” sono aggiunte le seguenti parole: “previo coordinamento delle politiche nell’area dello Stretto con la Conferenza permanente interregionale”. Il comma 5 è così modificato: “Dopo la parola “economici” sono aggiunte le seguenti parole: “e la procedura di formazione ed approvazione del Ptcm”.

Naturalmente il parere del Settore legislativo è positivo.

PRESIDENTE

Parere della Giunta? Favorevole.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 57711/2.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 5 per come emendato.

(E’ approvato)

All’articolo 6 è stato presentato l’emendamento con protocollo numero 57711/3 a firma del consigliere Bevacqua cui cedo la parola per l’illustrazione.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico)

Signor Presidente, anche in questo caso l’emendamento si rende necessario per armonizzare il testo con la normativa, quindi propongo: “Il comma è così modificato: “Dopo la parola “urbanistico” è aggiunto “annesso al Psc-Psa”. Dopo la parola “operativo” è aggiunto “di cui alla procedura semplificata dell’articolo 27 ter”. Il comma 2 è così modificato: “lettera a) sono soppresse le parole “oltre a disciplinare le trasformazioni e gli interventi ammissibili sul territorio”. Alla lettera b), dopo la parola “Regolamenti” sono aggiunte le parole “di cui al comma 1, redatti in coerenza con la presente legge ed agli strumenti di pianificazione sovraordinati vigenti, oltre a disciplinare le trasformazioni e gli interventi ammissibili sul territorio, nel rispetto del principio generale della pianificazione territoriale urbanistica, fondato sul contenimento del consumo di suolo”. Il comma 3 è così modificato: “Lettera a). Le parole “dichiarazione di inizio attività (D.I.A.) sono soppresse e sostituite con le seguenti “segnalazione certificata di inizio attività (S.C.I.A.)”.

Presidenza del Presidente Nicola Irto

PRESIDENTE

Parere della Giunta? Favorevole.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 57711/3.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 6 per come emendato.

(E’ approvato)

All’articolo 7 è stato presentato un emendamento con protocollo numero 57711/4 a firma del consigliere Bevacqua: “Il comma 1 è così modificato alla lettera a): sono espunte le parole “pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale numero 250 del 27/10/2015”.

Prego, consigliere Bevacqua.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico)

Anche questo emendamento si rende necessario per armonizzare il testo nel suo complesso. “Il comma 1 è così modificato alla lettera a): sono espunte le parole “pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale numero 250 del 27/10/2015”.

PRESIDENTE

Parere della Giunta? Favorevole.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 57711/4.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 7 per come emendato.

(E’ approvato)

Dopo l’articolo 7 è stato presentato un emendamento con protocollo numero 57751/2 a firma del consigliere Greco: Dopo l’articolo 7, è aggiunto il seguente: «Articolo 7 bis (Modifiche all'art. 23 della legge regionale 16 aprile 2002, n" 19) 1. Il comma 1 dell’articolo 23 della legge regionale 16 aprile 2002, n. 19, è sostituito dal seguente: Il Piano Operativo Temporale (POT) è strumento facoltativo ad eccezione dei Comuni che eventualmente saranno indicati in specifico elenco nel QTR del Piano Strutturale Comunale e lo attua individuando le trasformazioni del territorio per interventi programmati sulla base di una coordinata, proporzionata e sostenibile progettazione di interventi privati, pubblici o di interesse pubblico e pubblico-privati da realizzare nell'arco temporale di un quinquennio, ovvero nel corso del mandato dell'amministrazione adottante.». Il presente emendamento non comporta impegno di spesa a valere sul Bilancio della Regione
Calabria.

Cedo la parola al consigliere Greco per l’illustrazione.

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

Questo emendamento modifica il comma 1 dell’articolo 23 nel quale si parla di piano operativo temporale (Pot ) che ad oggi è uno strumento facoltativo, ma che, secondo me, attraverso alcune semplici modifiche, può diventare uno strumento importante per la pianificazione urbanistica dei Comuni anche perché nella legge è previsto in maniera facoltativa tranne che per i Comuni che il Qtr dovrebbe identificare come Comune all’interno del quale ci sia questo piano, che i sindaci fanno per tutta la durata del mandato.

La vecchia definizione del Pot ha portato una serie di inconvenienti e di ritardi, dovuti al fatto che si uniformava il piano operativo temporale ad una pianificazione legata soprattutto al piano triennale delle opere pubbliche.

I Comuni che hanno adottato questi strumenti si sono trovati in seria difficoltà, nella misura in cui il piano temporale era legato principalmente al piano delle opere pubbliche. Con questo emendamento noi prevediamo che il piano temporale rimanga uno strumento facoltativo, ma dando la possibilità ai Comuni di andare avanti, inserendo anche progetti privati, legati principalmente allo sviluppo, all’andamento economico, all’andamento sociale, alla crescita.

Quindi, l’articolo 23, attraverso l’articolo 7 bis, viene così modificato: “Il Piano operativo temporale, strumento facoltativo, ad eccezione dei Comuni che eventualmente saranno indicati, e specificatamente nel Qtr del Piano strutturale comunale, e lo attua individuando le trasformazioni del territorio per interventi programmati sulla base di una coordinata proporzionale e sostenibile progettazione di interventi privati, pubblici o di interesse pubblico e pubblico-privato, da realizzare nell’arco temporale di un quinquennio, ovvero nel corso del mandato dell’amministrazione adottante”.

Riteniamo che, così, si possano accelerare momenti di pianificazione.

PRESIDENTE

Parere del relatore? Favorevole. Parere della Giunta? Favorevole.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 57751/2.

(E’ approvato)

All’articolo 8 non ci sono emendamenti, per cui lo pongo in votazione.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 9.

(E’ approvato)

All’articolo 10 è stato presentato un emendamento con protocollo numero 57711/5 a firma del consigliere Bevacqua, cui cedo la parola per l’illustrazione.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico)

Anche questo emendamento è finalizzato ad armonizzare il testo nel suo complesso: “All’articolo 1 è espunto il comma 2 bis. Il comma 3 è così modificato: sono soppresse le parole “entro 180 giorni dalla data di avvio di cui al comma 2 bis”. Il comma 13 è così modificato: sono soppresse le parole “su proposta formulata dalla Giunta”.

PRESIDENTE

Parere della Giunta? Favorevole.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 57711/5.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 10 per come emendato.

(E’ approvato)

All’articolo 1 sono stati presentati due emendamenti. Il primo è il protocollo numero 57711/6 a firma del consigliere Bevacqua cui cedo la parola per l’illustrazione.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico)

Signor Presidente, anche questo emendamento si rende necessario per armonizzare il testo rispetto al principio previsto di contenimento di consumo di suolo e, pertanto, propongo quanto segue: “Il comma 2 è così modificato: dopo la parola “strategico” sono aggiunte le parole “volte al rispetto del principio generale della pianificazione territoriale urbanistica, fondato sul contenimento del consumo di suolo”.

PRESIDENTE

Parere della Giunta? Favorevole.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 57711/6.

(E’ approvato)

Il secondo emendamento è il protocollo numero 57751/3 a firma del consigliere Greco: Nell'articolo11, al comma 1 del richiamato art. 27 della L. R. 16 aprile 2002 n. 19, dopo la frase «..regolamento regionale 4 agosto 2008, n.3, e di..»e prima di «..Piano Comunale di Spiaggia..» è inserita la locuzione «..indicazione della perimetrazione dell'area da assoggettare a..». Nell'articolo11, al comma 3 del richiamato art. 27 della L. R. 16 aprile 2002 n. 19, la frase «Sulla scorta del quadro conoscitivo certificato dal settore urbanistica del dipartimento Ambiente e Territorio di cui all'articolo 9 della presente legge, gli Enti Territoriali interessati, elaborano il Documento Preliminare del piano completo di REU..».» è sostituita dalla frase «Sulla scorta del contributo per il quadro conoscitivo certificato dal settore urbanistica del dipartimento Ambiente e Territorio di cui all'articolo 9 della presente legge, gli Enti Territoriali interessati elaborano il proprio quadro conoscitivo e quindi il Documento Preliminare del piano completo di REU..».

Il presente emendamento non comporta impegno di spesa a valere sul Bilancio della Regione Calabria.

Prego, consigliere Greco.

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

Questo è un emendamento che evita di porre allo stesso livello Piani che sono, comunque, sovraordinati. Il Piano strutturale comunale è lo strumento di pianificazione. Dire, come è scritto nell’articolo 27: “Il procedimento disciplinato dal presente articolo si applica all’elaborazione e all’approvazione del Psc e del Reu, integrato con la procedura Vas e di Piano comunale di spiaggia”, significherebbe porre sullo stesso piano uno strumento attuativo ed uno strumento di pianificazione.

La modifica che propongo è di inserire la locuzione “… indicazione della perimetrazione dell’area da assoggettare a Piano spiaggia”, cioè il Piano strutturale comunale deve contenere l’indicazione, ma non può contenere il Piano spiaggia, perché immaginando che noi dovessimo fare una variante al Piano spiaggia, significherebbe modificare anche il Psc. Questo, però, ritengo sia soltanto una chiarificazione di quello che già l’assessore intendeva.

PRESIDENTE

Parere del relatore? Favorevole. Parere della Giunta? Favorevole.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 57751/3.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 11 per come emendato.

(E’ approvato)

All’articolo 12 sono stati presentati due emendamenti. Il primo è il protocollo numero 57711/7 a firma del consigliere Bevacqua cui cedo la parola per l’illustrazione.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico)

Questo emendamento si rende necessario per esplicitare con maggior chiarezza le funzioni del nuovo R.O. Dopo le parole “R.O.” sono aggiunte le parole “ sostitutivo delle previgenti Norme Tecniche di Attuazione e del Regolamento Edilizio”.

PRESIDENTE

Parere della Giunta? Favorevole.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 57711/7.

(E’ approvato)

Il secondo emendamento è il protocollo numero 57769 a firma della consigliera Sculco.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico)

Devo comunicare al Presidente che la consigliera Sculco ha ritirato tale emendamento.

PRESIDENTE

Il terzo emendamento, protocollo numero 57751/4, è a firma del consigliere Greco cui do la parola per l’illustrazione.

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

All’articolo 12, così come ho già detto nell’intervento precedente, viene inserito un articolo 27 quater, che supera la procedura semplificata – la procedura semplificata, come abbiamo detto, che va benissimo – per quei Comuni fino a 5 mila abitanti che intendono fare il Regolamento operativo;  quindi, va bene anche il dimensionamento, ma per quei Comuni che, sempre nella pianificazione a consumo di suolo zero, vogliono e devono pianificare. Noi facciamo la fotografia e, quindi, blocchiamo allo stato attuale il dimensionamento territoriale rispetto agli strumenti urbanistici vigenti.

Leggo: “L’obiettivo più apprezzabile e auspicabile per i Comuni nel perseguimento del principio del risparmio del consumo di suolo è rappresentato dal concetto di consumo di suolo zero, per il quale il Comune si prefigge di non utilizzare ulteriori quantità di superficie del proprio territorio per l’espansione del proprio abitato superiori a quelle già avute disponibili ed approvate” – qua potremmo aggiungere “ai Consigli comunali” – nel previgente strumento urbanistico generale, Prg o Pdf.

2. Entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge e comunque prima della delibera consiliare di adozione del Psc/Psa, la Giunta comunale può decidere l’adesione al principio di consumo di suolo zero, deliberando direttive per la redazione del documento preliminare dagli uffici comunali e dai redattori per il perseguimento di tale obiettivo.

3. Tale scelta comporterà la ricognizione delle quantità di aree ancora disponibili e non utilizzate già ricomprese nelle zone B, C, di espansione, D ed F, o comunque denominate dal previgente Prg/Pdf, che ove documentate dai redattori e certificate dall’Ufficio tecnico comunale, potranno essere riproposte e/o rimodulate quali ambiti urbanizzati ed urbanizzabili nel nuovo documento preliminare del Psc/Psa, senza alcuna previsione di maggiori superfici integrative e decurtando le aree interessate da edilizia abusiva”.

Il quarto lo ritiro, per cui non lo leggo.

Il quinto lo leggo, ma è già previsto nella norma modificata in Commissione: “5. Nel caso di pianificazione a consumo di suolo zero, i tempi del procedimento previsto negli articoli 27 e 27 bis sono ridotti al 50 per cento, e la Vas di cui alla legge 152 del 2006 è subordinata a verifica di assoggettabilità, in quanto possibile l’assenza di impatti significativi sull’ambiente, per stretta aderenza alla previgente pianificazione territoriale e della quale è stata già svolta la valutazione ambientale.

6. Con l’istituzione del criterio di consumo di suolo zero negli altri casi non previsti dal presente articolo, il maggiore dimensionamento delle superfici degli ambiti urbanizzati ed urbanizzabili rispetto a tale metro dovrà essere adeguatamente motivato e circostanziato ed essere subordinato prima dell’adozione del Consiglio comunale dei relativi Psc/Psa all’acquisizione dell’assenza della Giunta regionale”.

PRESIDENTE

Parere del relatore?

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico), relatore

Per quanto riguarda questo emendamento proposto dal collega Greco, relativamente al punto 5, il punto 4 per noi è condizione indispensabile, altrimenti viene meno il principio che abbiamo sancito. Avrei qualche perplessità anche sul punto 3, ma mi affido al parere dell’assessore Rossi, quindi della Giunta. Per il resto, va bene.

PRESIDENTE

Parere della Giunta? Presidente Oliverio, prego.

OLIVERIO Gerardo Mario, Presidente della Giunta regionale

Mi permetto, per un ordinato svolgimento dei lavori, di chiedere al proponente una riformulazione di questo emendamento, perché si eviti confusione nel momento del coordinamento formale della proposta. Infatti, leggendo e illustrando l’emendamento, ha praticamente proposto di stralciare il punto 4. Io ritengo che anche il punto 6 debba essere stralciato, in coerenza con l’ispirazione di questo emendamento, che condividiamo pienamente.

Quindi, mi permetto di chiedere una riformulazione, stralciando dall’emendamento sottoscritto e proposto alla Presidenza il punto 4 e il punto 6.

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

Va bene, ripropongo l’emendamento con queste modifiche.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 57751/4 così come modificato.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 12 per come emendato.

(E’ approvato)

All’articolo 13 è stato presentato l’emendamento con protocollo numero 57751/5 a firma del consigliere Greco: “L’articolo 13, comma 1 è sostituito dal presente: «1. L'art. 28 (Intervento sostitutivo provinciale) della legge regionale 16 aprile 2002, n. 19 è modificato come segue:

a) alla rubrica dell'art. 28 sostituire la parola "provinciale'' con "regionale". Per l'effetto di tale modifica la rubrica risulta così formulata: "Intervento sostitutivo regionale";

b) al comma 1 è aggiunta la seguente locuzione: "fatti salvi i Comuni che adottano la procedura semplificata di cui all'art. 27 ter";

c) al comma 2, primo periodo, si sostituisce la locuzione "la provincia territorialmente competente" con la parola "la Regione";

d) al comma 3, lettera a), si sostituisce la parola "provinciale" con "regionale";

e) al comma 3, lettera b), si sostituisce la parola "Provincia" con "Regione", nonché tra la locuzione "l'incarico di adottare" e la parola "il piano" si inserisce "ed approvare". Per l'effetto di tale modifica ed integrazione, la lettera b) del suddetto comma risulta così formulata: "trascorso infruttuosamente tale termine, verificata la mancata giustificazione del ritardo. La Regione nominerà i commissari ad acta con l'incarico di adottare ed approvare il piano nell'ipotesi in cui lo stesso fosse già completo di ogni suo elemento ovvero di avviare le procedure per l'espletamento";

f) al comma 3, lettera c), si sostituisce le parole "Provincia" con "Regione", nonché al secondo periodo, tra le locuzioni "concludersi con l'adozione" e "dello strumento urbanistico", si inserisce "e l'approvazione". In virtù di tale modifica ed integrazione, il secondo periodo risulta così formulato: "La Regione assegnerà inoltre ai commissari modalità e termini per l'espletamento dell'incarico che dovrà concludersi con l'adozione e l'approvazione dello strumento urbanistico";

g) al comma 3, lettera d), si sostituisce la locuzione "dell'amministrazione provinciale" con "della Regione", tra le parole "funzionari con" e "profilo tecnico" e si inserisce la parola "adeguato", nonché si sostituisce la locuzione "previa verifica e richiesta della provincia medesima" con la locuzione "previo assenso delle medesime". Per tali modifiche ed integrazione la lettera d) del suddetto comma risulta così formulata: "i commissari ad acta, qualora il personale della Regione non sia sufficiente o disponibile, possono essere scelti anche tra i funzionari con adeguato profilo tecnico appartenenti ad altre amministrazioni pubbliche previo assenso delle medesime";» Il presente emendamento non comporta, impegno di spesa a valere sul Bilancio della Regione Calabria.

Prego, consigliere Greco.  

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

Questo emendamento è già stato presentato nella modifica dell’articolo 20 dall’assessore, nell’ambito complessivo dei poteri sostitutivi della Giunta, dove si sostituisce “dal potere sostitutivo della Provincia” quello della Giunta.

In questo emendamento è previsto il potere sostitutivo nell’approvazione dei Piani strutturali comunali che, decorso il tempo, non fossero approvati ed inoltre si precisa che le nomine dei commissari ad acta sono fatte nell’ambito del personale della Regione e ci si rivolge all’esterno soltanto si tratta di una rimodulazione specifica rispetto al Piano strutturale comunale, ma devo dire che l’intervento sostitutivo regionale è già inserito nell’ambito complessivo della modifica alla legge urbanistica.

PRESIDENTE

Parere del relatore? Favorevole. Parere della Giunta? Favorevole.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 57751/5.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 13 per come emendato.

(E’ approvato)

All’articolo 14 non ci sono emendamenti, pertanto lo pongo in votazione.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 15.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 16.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 17.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 18.

(E’ approvato)

All’articolo 19 è stato presentato un emendamento con protocollo numero 57711/8 a firma del consigliere Bevacqua: “Al comma 1 dell’articolo 61, dopo la parola “Provincia”, inserire le parole: “ Con riferimento alle altre Province, per effetto della legge 56/2014 e della conseguente legge regionale numero 14/2015, le funzioni de quibus sono rientrate in capo alla Regione”.

Prego, consigliere Bevacqua.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico)

Questo emendamento nasce per adeguare il testo della legge alla legge Delrio, per questo propongo che, dopo la parola Provincia” siano aggiunte le parole: “Con riferimento alle altre Province, per effetto della legge 56/2014 e della conseguente legge regionale numero 14/2015, le funzioni de quibus sono rientrate in capo alla Regione”.

PRESIDENTE

Parere della Giunta? Favorevole.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 57711/8.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 19 per come emendato.

(E’ approvato)

All’articolo 20 è stato presentato un emendamento con protocollo numero 57751/6 a firma del consigliere Greco: “Nell’Articolo 20, al comma 1 del richiamato art. 65 della L. R. 16 aprile 2002 n. 19, la locuzione "..sono obbligati a dotarsi, entro e non oltre ventiquattro mesi.." sono sostituite da "… sono obbligati ad adottare, entro e non oltre sei mesi..."». Nell'Articolo 20, al comma 2 del richiamato art. 65 della L. R. 16 aprile 2002 n. 19, la locuzione «..con procedimenti avviati dai rispettivi Comuni entro il 19 giugno 2014..» è sostituita da «...con procedimenti avviati dai rispettivi Comuni entro la data del 30 novembre 2015..». Il presente emendamento non comporta impegno di spesa a valere sul Bilancio della Regione Calabria”

Prego, consigliere Greco.

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

Questo emendamento parte dai dati che avevo già espresso prima rispetto alla dotazione dei Comuni o all’attuazione nei Comuni dei Piani strutturali comunali.

L’articolo 20 prevede che tutti i Comuni della Calabria sono obbligati a dotarsi, entro e non oltre 24 mesi dall’entrata in vigore della presente legge, di Piano strutturale comunale o associato, fatti salvi i Comuni che adottano la procedura semplificata.

Qua propongo “sono obbligati a dotarsi entro e non oltre i 6 mesi”, attesa la situazione dei Comuni. Chiaramente, questo può essere anche un anno, ma 24 mesi mi sembra un po’ troppo, perché significherebbe ritardare ulteriormente la pianificazione.

PRESIDENTE

Parere del relatore?

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico), relatore

Potremmo accogliere parzialmente questo emendamento, portando a 12 mesi i limiti previsti. Non so se l’assessore è d’accordo.

ROSSI Franco, assessore alla pianificazione territoriale ed urbanistica

A 12 mesi? Perfetto.

PRESIDENTE

Parere della Giunta?

ROSSI Franco, assessore alla pianificazione territoriale ed urbanistica

A 12 mesi, favorevole.

PRESIDENTE

Se il consigliere Greco di accogliere questa modifica al suo emendamento…

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente)

Va bene.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 57751/6 così come modificato, col parere del relatore e della Giunta, a 12 mesi.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 20 per come emendato.

(E’ approvato)

All’articolo 21 non ci sono emendamenti, pertanto lo pongo in votazione.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 22.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 23.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 24.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 25.

(E’ approvato)

Pongo in votazione la legge nel suo complesso.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportata in allegato)

Il provvedimento è approvato così come emendato, con autorizzazione al coordinamento formale.

Proposta di provvedimento amministrativo numero 104/10^ d'Ufficio, recante: “Quadro Territoriale Regionale a valenza paesaggistica (QTRP) adottato con delibera del Consiglio regionale numero 300 del 22 aprile 2013”

PRESIDENTE

Passiamo al settimo punto all’ordine del giorno, la proposta di provvedimento amministrativo numero 104/10^ d'Ufficio, recante: “Quadro Territoriale Regionale a valenza paesaggistica (QTRP) adottato con delibera del Consiglio regionale numero 300 del 22 aprile 2013”.

Se non ci sono interventi do la parola al rappresentante della Giunta. Prego, assessore Rossi.

ROSSI Franco, assessore alla pianificazione territoriale ed urbanistica

Rispetto al provvedimento del Quadro territoriale regionale a valenza paesaggistica della Regione Calabria, la Giunta ha assunto una responsabilità, ovvero, rispetto al provvedimento licenziato in sede di Consiglio regionale e trasferito dal Consiglio regionale alla Giunta per una presa d’atto, abbiamo esercitato il nostro dovere, prendendo atto del provvedimento e ritrasferendolo al Consiglio regionale, con l’auspicio che venga approvato, ritenendo il provvedimento del Quadro territoriale regionale a valenza paesaggistica, fondamentale ed utile al fine della programmazione del territorio, della sua qualità, del suo sviluppo, della sua organizzazione, in particolare nell’utilizzo reale dei fondi europei rispetto a uno sviluppo del territorio, che il Quadro territoriale regionale a valenza paesaggistica descrive.

Quindi abbiamo solo fatto un’assunzione di responsabilità, trasferendolo al Consiglio regionale per l’approvazione.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Tallini. Ne ha facoltà.

TALLINI Domenico (Gruppo Misto)

Presidente, darò adesso, alla fine della discussione della legge urbanistica regionale, la motivazione del nostro voto contrario, dicendo che ci sono contraddizioni: da una parte, si cercano strumenti e soluzioni per dare uno sbocco all’urbanistica e all’edilizia, mentre dall’altra, si assumono provvedimenti che, seppur in parte corretti con qualche emendamento, vanno comunque nella direzione opposta.

Abbiamo approvato una legge urbanistica regionale che bloccherà in gran parte l’edilizia. Forse qualche emendamento arrivato in extremis recupererà qualcosa. Li dobbiamo fare, perché non c’è stata la possibilità di approfondirlo in Commissione; studieremo, verificheremo, però la legge è approvata, quindi dovevo –  parla un consigliere regionale di Forza Italia che, in aggiunta al titolo di consigliere regionale, caro Presidente, ha anche l’incarico di coordinatore di una Provincia – quindi un aspetto che, dal punto di vista politico, qualifica ancora di più la posizione che ho assunto.

Aggiungo che, in questo caso, si va a completare una procedura che è quella della delibera già approvata e che chiude la procedura della legge regionale 16/2002. Ora, la procedura si è caratterizzata con il seguente iter: il Consiglio regionale ha adottato il Piano paesaggistico, poi vi è stata la pubblicazione, le osservazioni; successivamente la Giunta ha recepito la delibera del 2015, la 512, e ha controdedotto le osservazioni; oggi l’atto amministrativo chiude l’iter della pratica con la deliberazione dell’approvazione definitiva.

L’osservazione che faccio è la seguente: ho domandato chiaramente al collega Bevacqua come mai questa pratica, questa legge, questo atto amministrativo non sia passato dalla Commissione competente, che era la nostra. Si è detto che era passato. Mi domando: intanto, siamo davanti ad un’Assemblea regionale diversa da quella precedente. Sono state fatte delle osservazioni e non sappiamo se, nella delibera della Giunta, nelle controdeduzioni sono state recepite istanze, novità.

Questa nuova definitiva riformulazione non doveva tornare di nuovo in Commissione, eventualmente, anche attraverso un altro passaggio della concertazione, che non vi è stato? Che cosa sto lamentando? Oggi approviamo con un decreto la procedura che viene descritta e sono state fatte delle osservazioni, l’adozione, arriva qua, alziamo la mano. Mi permetto di dire – non perché voglia mettere in discussione la diligenza e l’impegno dei consiglieri regionali, ma è proprio l’iter delle pratiche – che siamo stati in Commissione, ma non siamo stati nelle condizioni di poter approfondire questo atto, che probabilmente è un atto dovuto ma, alla luce delle osservazioni e delle controdeduzioni della Giunta, lo stesso atto deliberativo, insieme al decreto, non doveva essere trasmesso alla competente Commissione per una valutazione definitiva, anche al fine di rendere la procedura più completa e più approfondita, anche dal punto di vista giuridico?

Quindi, pur ammettendo che questa è la conclusione di un procedimento, e che questo atto anche domani mattina produrrà effetti che andranno ad incidere in maniera determinante sul territorio, sui tantissimi territori dei Comuni della Calabria, i sindaci lo apprenderanno domani dai giornali che da oggi, o dalla pubblicazione da qui a qualche giorno, questo provvedimento sarà definitivo. Mi  sembra un modo di procedere un po’ superficiale, che non solo non mette i consiglieri regionali nelle condizioni di dare un contributo serio alle proposte che vengono presentate, ma anche un modo per evitare che tantissimi contributi possano arrivare dall’esterno, da esperti, dagli addetti ai lavori e dai destinatari stessi dei provvedimenti.

Quindi mi permetto di dire che anche questo è un provvedimento che – almeno per la forma e assolutamente nella procedura con cui è stato proposto – è da criticare. Poi sicuramente sarà un provvedimento che in gran parte conterrà contributi e procedure di precedenti amministrazioni, ma quello che c’è attualmente nel provvedimento, dico la verità, non sono andato a vedere cosa contiene la delibera numero 512 dell’11 dicembre 2015, non è neanche allegata, non c’è nemmeno allegato l’atto deliberativo della Giunta. Qui arrivano due foglietti, ed è una presa d’atto.

Domando a voi, consiglieri regionali: sappiamo tutti cosa stiamo effettivamente adottando? Sì, è un atto che si conclude. Vogliamo votare ad occhi chiusi? Votiamo con gli occhi chiusi! Io mi permetto di dire che non siamo nelle condizioni di prendere decisioni che riguardano, purtroppo, la vita e i destini delle popolazioni calabresi attraverso questo sistema che, onestamente, non ci fa lavorare come dovremmo lavorare, con serietà, con professionalità, ma anche con tutti i tempi che la legge prevede e soprattutto con le concertazioni che devono essere per legge garantite, mentre stasera registriamo che già è la seconda volta che annotiamo che su questa cosa non c’è stata nessuna concertazione. Quelle passate, quelle di cinque anni fa, quattro anni fa, va bene, valgono quelle, ma oggi c’è una nuova Assemblea regionale e credo che anche questo provvedimento poteva essere approfondito meglio e poteva essere messo a disposizione dei consiglieri regionali con tutta la relativa documentazione, per poter essere oggi nelle condizioni di esprimere un parere convinto di quello che è. Sono atti che riguardano la vecchia amministrazione, non avremo nessun problema dal punto di vista politico, ma non  sappiamo se nel frattempo è cambiato qualcosa, in meglio o in peggio. Quindi rimane questa grossa perplessità.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Nucera. Ne ha facoltà.

NUCERA Giovanni (La Sinistra)

Una parte dell’intervento del consigliere Tallini l’ho condivisa anch’io, rilevando – nel momento in cui la legge è arrivata in Commissione – che i tempi erano brevi. Ne abbiamo discusso perché partecipiamo alla stessa Commissione, io come segretario e il consigliere Tallini come Vicepresidente.

Ho posto il problema anche al Presidente della Commissione. Quindi chiedo all’assessore – perché la discussione si deve fare e la partecipazione deve essere di tutti, in particolare dei sindaci, che non li abbiamo potuti sentire per tanti motivi – se c’è l’urgenza e l’imminenza di approvarla  subito, ora, o abbiamo la possibilità di farlo con calma, insieme al Presidente della Commissione, attraverso un ragionamento più ampio, di condivisione e concertazione con tutti, partendo dai sindaci, dagli Enti locali, dalle associazioni e da tanti altri che hanno a cuore le sorti della Calabria ed in questo momento, in particolare, questa questione, che è l’urbanistica.

Se ci sono i tempi e non è urgente, se l’assessore ci risponde, così abbiamo la possibilità di dare uno strumento probabilmente più completo ed arricchito di tante altre questioni. Assessore, se gentilmente ci può rispondere su questo.

Per quanto riguarda le questioni di leggi regionali di questa importanza, chiedo al Presidente della Commissione bilancio di farsi carico, di dare il tempo a noi della Commissione di poter lavorare con calma e tranquillità. Grazie.

PRESIDENTE

Se non ci sono altri interventi, chiedo alla Giunta. Presidente Oliverio, prego.

OLIVERIO Gerardo Mario, Presidente della Giunta regionale

Rapidamente, perché i documenti che sono stati presentati e che sono in possesso dei consiglieri, ovvero la relazione istruttoria del Quadro territoriale regionale, sono abbastanza esaurienti nel merito. Intervengo per fare una considerazione di ordine generale.

Portiamo all’approvazione del Consiglio uno strumento – vorrei ricordarlo – il cui iter è incominciato da due legislature, legislatura Presidenza Loiero e legislatura Presidenza Scopelliti. Vorrei essere chiaro da questo punto di vista.

Perché portiamo questo provvedimento all’approvazione del Consiglio? Perché siamo neutri rispetto alle scelte? No, lo portiamo all’approvazione del Consiglio, quindi lo poniamo alla riflessione del Consiglio perché questo è uno strumento che è stato oggetto di una consultazione ampia, a partire dalla legislatura 2005-2010 e seguenti. Io lo posso testimoniare perché, in qualità di Presidente della Provincia in questo arco di tempo, ho avuto modo di partecipare alle consultazioni. Qui sono richiamate, sono state 39 le consultazioni che hanno visto coinvolti i sindaci, i Presidenti delle Province, le forze sociali, tutto il partenariato che la legge doveva coinvolgere per la definizione di questo strumento.

Perché facciamo una scelta di merito, partendo dallo stato dell’arte e la proponiamo al Consiglio? Riteniamo che i tempi siano maturi perché la Calabria sia dotata di un QTR, di un Quadro territoriale regionale a valenza paesaggistica e, naturalmente, assumiamo l’iter di due legislature, considerandolo maturo da questo punto di vista, e proponendolo al Consiglio per l’approvazione. Naturalmente, nel fare questo…

(Interruzione del consigliere Tallini)

Scusi, mi faccia finire, consigliere Tallini. Non sto rigettando le sue osservazioni. Se mi fai finire, si renderà conto che non sto rigettando né le sue osservazioni, né quelle del consigliere Nucera. Lo proponiamo alla valutazione del Consiglio partendo dallo stato dell’arte, perché riteniamo urgente dotare la Calabria di uno strumento come questo. Nel fare questa affermazione, aggiungo che, chiaramente, questo non può significare sottrarsi alla valutazione della nuova Assemblea, perché la precedente Assemblea, della quale parte di voi erano anche componenti, ha avuto modo anche di intervenire su questo strumento, di valutarne il merito ed i contenuti nelle Commissioni, eccetera.

In linea generale, avendo seguito l’iter da un’altra postazione, non ho nessuna remora a dire che le scelte di questo strumento, nelle larghe linee, le condivido. Ecco perché lo riproponiamo, ed è il primo punto.

Secondo punto: non ho nessuna difficoltà, se – come è stato posto – si pone l’esigenza di un ulteriore approfondimento, di dire: “diamoci un mese di tempo, entro gennaio lo riportiamo in Aula, al fine di averne piena consapevolezza per chi non lo abbia fatto, sapendo che l’assunzione di questo strumento in termini urgenti, come noi proponiamo, è indispensabile e non compromette la possibilità di riaprire successivamente una discussione per correzioni, aggiustamenti, eccetera, senza far ripartire l’iter da zero, perché questo significherebbe – ecco la ragione per cui ne proponiamo l’approvazione dell’Aula – perdere anche questa legislatura e, magari, anche l’altra che verrà, significherebbe ripartire per ripercorrere gli stessi tempi che già abbiamo alle spalle.

Non sono d’accordo su questo, perché credo che sia più urgente per la Calabria, per il territorio calabrese, avere uno strumento magari insufficiente, necessario di ulteriori approfondimenti, che non averne nessuno, perché non avere nessuno strumento ha determinato la situazione in cui ci troviamo.

Se c’è questa esigenza, fermo restando che ci diamo una scadenza, quella di un mese, un mese e mezzo, decidiamo quello che vogliamo fare, ma comunque non deve essere ulteriormente rinviato sine die, perché se così deve essere, è meglio approvarlo adesso.

Sulla base di questa motivazione, chiara, che esprime la nostra volontà, la volontà della Giunta regionale, di dotare immediatamente la Calabria di uno strumento di questa portata e di questa valenza, se – come è stato sottolineato – c’è la necessità di un mese…

(Interruzione)

Diciamo entro il 30 gennaio per approfondire bene, fermo restando che sin da stasera ci deve essere l’impegno che, entro il 30 gennaio, si porterà in Aula per l’approvazione, che non significa non poterci ritornare successivamente, per integrare, correggere, ma che significa volontà di dotare la Calabria di uno strumento fondamentale, per il quale c’è stato un concorso di tutto il territorio, delle Province, dei Comuni, ci sono stati 39 incontri tra la legislatura Loiero e quella Scopelliti. Come vedete, io vado al merito della questione, senza farmi problemi di altra natura.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Nucera, ne ha facoltà.

NUCERA Giovanni (La Sinistra)

Solo per ringraziare il Presidente, per la sensibilità che ha avuto e, se siamo d’accordo, presidente Irto, noi della Commissione prendiamo l’impegno che da domani possiamo lavorare su questo testo e al prossimo Consiglio si porterà come primo punto all’ordine del giorno.

PRESIDENTE

La proposta della Presidenza è questa: intanto, comunico al consigliere Tallini e al Consiglio regionale che dal 22 dicembre, sul sito internet del Consiglio regionale nella pagina di ognuno di noi, allegata all’ordine del giorno c’era tutta la documentazione che è di oltre 4 tomi, quindi se non la vedete stampata e consegnata, era per mantenerla in file accessibili a tutti. Già dal 14 dicembre è caricata ed è a disposizione dei consiglieri regionali. Se non è stata stampata, è solo per il volume molto ampio.

Quindi adesso rinviamo questo punto all’ordine del giorno, lo assegniamo alla quarta Commissione per una discussione lì e un passaggio al successivo Consiglio regionale. Insomma, chiediamo alla quarta Commissione di dare un parere prima del prossimo Consiglio regionale, in modo che al prossimo Consiglio questo possa essere messo all’ordine del giorno.

Pongo in votazione la proposta di rinvio.

(Il Consiglio approva)

La proposta del QTR è rinviata ad un passaggio in quarta Commissione per il parere, e se sarà favorevole, andrà alla prossima seduta del Consiglio regionale.

Proposta di legge numero 100/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Modifica alla legge regionale n. 35 del 19 ottobre 2015 e s.m.i. – Procedure per la denuncia degli interventi di carattere strutturale e per la pianificazione territoriale in prospettiva sismica”

PRESIDENTE

Passiamo all’ottavo punto all’ordine del giorno, la proposta di legge numero 100/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Modifica alla legge regionale numero 35 del 19 ottobre 2015 e s.m.i. – Procedure per la denuncia degli interventi di carattere strutturale e per la pianificazione territoriale in prospettiva sismica”.

La parola al consigliere Bevacqua, relatore del provvedimento.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico), relatore

Nel ringraziare il presidente Oliverio per la sua sensibilità e per la considerazione nei confronti della Commissione, vorrei preliminarmente dire, che questo provvedimento in Commissione – mi rivolgo al collega Nucera – non è mai arrivato, perché se fosse stato assegnato, l’avremmo esaminato e licenziato nei tempi dovuti, così come abbiamo fatto per gli altri nel più breve tempo possibile. Quindi solo per onor di verità e di onestà intellettuale.

Oggi siamo ben lieti di avere assegnato questo provvedimento, che sicuramente esamineremo velocemente, così come abbiamo fatto con gli altri, per arrivare in Consiglio regionale, da qui a un mese, con una nostra visione e un nostro parere.

Quindi ringrazio l’assessore ed il Presidente per aver aderito all’invito fatto dal consigliere Tallini e dal consigliere Nucera, entrambi componenti della quarta Commissione.

Per quanto riguarda il disegno di legge che stiamo per approvare, è un disegno di legge che nasce dalla necessità di evitare il vuoto normativo che si verrebbe a creare il prossimo 31 dicembre, allorché scadrà il termine per la presentazione, mediante l’attuale sistema misto cartaceo-digitale, dei progetti relativi alla denuncia degli interessi di  carattere strutturale e alla pianificazione territoriale in prospettiva sismica.

L’adozione del nuovo sistema telematico, denominato “Sismica”, corrisponde ad una mirata scelta di carattere economico, consentendo – in tempi ragionevoli – la sostituzione del vecchio sistema cartaceo con l’autorizzazione telematica, e questa mi sembra una grande novità, infatti all’articolo 1 stabilisce la creazione di una piattaforma informatica messa a disposizione della Regione, attraverso la quale procedere alla digitalizzazione dell’intero sistema di rilascio dell’autorizzazione sismica, inclusa l’istruttoria, il rilascio pareri ed ogni altro adempimento inerente la pratica stessa, che avverrà in forma telematica con firma digitale.

Anche qui, devo dire con estrema soddisfazione, che le osservazioni prodotte dai soggetti auditi in sede di Commissione sono state, in buona sostanza, recepite mediante gli emendamenti, e ringrazio l’assessore Musmanno per aver condiviso con noi queste modifiche, che innanzitutto intervengono opportunamente sui tempi di redazione del Regolamento attuativo della legge, 120 giorni in luogo dei 90 previsti in precedenza, nonché in relazione alla durata del periodo transitorio, che da quattro mesi passa a sei, consentendo così alle strutture e ai professionisti di avere il tempo necessario per adeguarsi.

Oggetto di particolare approfondimento è stata la definizione di tempi certi per il rilascio delle autorizzazioni, i quali necessitano di un rafforzamento delle strutture per non rischiare di intasare l’opera del dipartimento regionale preposto.

Ecco perché è sembrato opera di buonsenso – caro assessore – rinviare al redigente Regolamento attuativo previsto dall’articolo 17, la definizione di un tempo congruo che contemperi alle esigenze dei professionisti e del dipartimento, avendo come obiettivo quello di garantire un efficace controllo sui progetti, ma anche quello di non bloccare oltremodo l’attività edilizia pubblico-privata.

Ferma restando, perciò, la necessità del potenziamento – questa è un’osservazione che faccio – della struttura tecnica regionale, rinnovando l’invito all’assessore affinché il Regolamento di attuazione della legge sia frutto di un’ampia convergenza con tutti i soggetti interessati, al fine di rendere più agevole e produttiva la riforma in questione. Allo stesso modo, mi pare condivisibile la proposta di consentire agli uffici tecnici comunali di accedere al sistema a seguito di una semplice comunicazione via Pec.

E’ bene sottolineare che lo snellimento complessivo delle procedure non va in alcun modo – per rispondere anche ad alcune osservazioni – ad intaccare la rigorosità dei controlli anzi, proprio l’utilizzo della trasmissione digitale, e il contestuale rafforzamento delle strutture dipartimentali, consentirà una tutela più puntuale e certa del territorio, il che, per le caratteristiche geomorfologiche della nostra regione, riveste un’importanza primaria ed essenziale.

L’ultima osservazione, anzi, l’ultimo invito che faccio all’assessore, è opportuno che, previsto il rafforzamento delle strutture regionali, sia operato senza l’utilizzo di consulenze esterne, al fine di restare in linea con quel principio di risparmio e riduzione dei costi, che tutti noi ci siamo dati come obiettivo sin dall’inizio di questa consiliatura.

PRESIDENTE

A questo punto, chiederei all’assessore Musmanno di relazionare sul provvedimento.

MUSMANNO Roberto, assessore alle infrastrutture

Signor Presidente, colleghi consiglieri, il disegno di legge numero 100 di iniziativa della Giunta regionale intende modificare la vigente legge regionale numero 35 del 2009, al fine di consentire un graduale adeguamento delle strutture tecniche regionali alle nuove procedure informatiche.

La normativa sismica, nel tempo, ha richiesto sempre maggiori controlli da parte degli enti preposti, sia in fase preliminare di approvazione dei progetti, sia nella successiva fase esecutiva, controlli che si sono tradotti in una serie di iniziative, tra cui proprio l’emanazione della legge regionale numero 35 del 2009. Quest’ultima ha introdotto un sistema di trasmissione telematica dei progetti associato alla tradizionale procedura di presentazione in forma cartacea. Tutto ciò, però, non è stato sufficiente a snellire il sistema che è rimasto, di fatto, prevalentemente cartaceo.

La proposta di legge prevede la completa digitalizzazione della procedura di trasmissione dei progetti, nonché di tutti gli atti ad essa attinenti, eliminando il cartaceo. Di conseguenza, sia l’istruttoria che tutti gli altri atti avverranno in forma telematica, attraverso l’utilizzo di una piattaforma.

Quest’ultima è stata già realizzata con copertura finanziaria in parte sul Por 2007-2013, ed in parte con fondi regionali del capitolo dedicato alla normativa sismica.

Il sistema prevede anche una piena integrazione col protocollo regionale, per cui il progettista, trasmettendo la documentazione progettuale dal proprio studio tramite il sistema informatico, potrà ottenere anche la protocollazione automatica dello stesso, senza recarsi presso gli uffici regionali.

L’introduzione del nuovo sistema determinerà vantaggi ed anche la riduzione di costi per l’amministrazione regionale; si determinerà, infatti, un minore afflusso di utenti presso gli uffici regionali, un minor carico di lavoro per gli addetti alla protocollazione e una consistente diminuzione di spesa per la tenuta degli archivi.

La proposta in oggetto, pertanto, emendata in legge regionale numero 35 del 2009, consente di fatto la sostituzione integrale del vecchio sistema cartaceo e la piena operatività dei professionisti nell’utilizzo della nuova procedura telematica.

Per venire incontro alle esigenze avanzate dai professionisti stessi, inoltre, questa legge proroga di quattro mesi il regime transitorio, portando il termine precedentemente individuato dall’articolo 5, comma 13, della legge 56/2013 di modifica della legge 35, dal 31 dicembre 2015 al 30 aprile 2016.

Visto che il consigliere Bevacqua ringrazia il sottoscritto, mi permetto anch’io di ringraziare sia lui, che tutti i membri della Commissione, per l’utilissimo confronto che abbiamo avuto durante le audizioni, che ci ha consentito di tracciare un profilo, che sposo pienamente, circa le opportunità future di ascoltare le parti interessate e di produrre Regolamenti che siano partecipati sin dal momento del concepimento.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Tallini. Ne ha facoltà.

TALLINI Domenico (Gruppo Misto)

Vorrei ringraziare l’assessore che in maniera zelante assolve al suo compito e  annunciare il voto favorevole a questo provvedimento; ricordo – lo ha fatto egli stesso – che la concertazione, il confronto, cosi come è avvenuto, è l’unico metodo che ci mette nelle condizioni di migliorare i procedimenti che noi portiamo in Assemblea e soprattutto di non creare un distacco tra questo Consiglio regionale, tra la Regione Calabria, i cittadini e le categorie, che se possono partecipare e contribuire agli atti legislativi che, poi, in maniera definitiva, approviamo in quest’Aula.

Secondo me si sentono parte integrante dei procedimenti, così si possono evitare i problemi che sicuramente avremo – e lo dico già da adesso – rispetto alle modifiche della legge urbanistica regionale, per la quale a me è sembrato che un approfondimento fosse quasi necessario, quasi d’obbligo.

Non voglio criticare nessuno in particolare, ma penso che la forzatura fatta sull’approvazione della modifica, sostanziale e non parziale alla legge urbanistica sia un errore che, prima di tutto, si ritorcerà contro questo Esecutivo, che farà indignare tanta gente e che ci farà capire meglio che quello è un metodo sbagliato di lavorare.

Mi auguro, quindi, che ci possa mettere nelle condizioni di correggere questi errori. Dal punto di vista politico, ognuno si assume la responsabilità, io ho messo agli atti quello che dovevo mettere e quindi sono intervenuto per annunciare il voto favorevole del Gruppo Misto al provvedimento presentato dall’assessore Musmanno.

PRESIDENTE

Non ci sono altri interventi, pertanto si passa all’esame dell’articolato. Sono stati presentati emendamenti. Il primo è il protocollo numero 57713/1 a firma del consigliere Bevacqua: “In tutto il presente testo legislativo le parole «SISMICA» sono sostituite con “piattaforma informatica messa a disposizione dalla Regione Calabria”, riguarda l’intero provvedimento. La parola al consigliere Bevacqua.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico), relatore

L’emendamento prevede: “In tutto il presente testo legislativo le parole «SISMICA» sono sostituite con “piattaforma informatica messa a disposizione dalla Regione Calabria”.

Questo emendamento si rende necessario al fine di chiarire il principio di contenimento dei costi che ha ispirato l’adozione del nuovo sistema informatico.

PRESIDENTE

Parere della Giunta? Favorevole.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 57713/1.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 1.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 2.

(E’ approvato)

All’articolo 3 c’è un emendamento, a firma del consigliere Bevacqua, il protocollo numero 57713/2: “Art. 3, comma 4: Al primo periodo, dopo la parola «progettista» va espunta la parola «responsabile»”.

Prego, consigliere Bevacqua.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico), relatore

Questo emendamento si rende necessario al fine di accelerare la procedura, offrendo la possibilità di coinvolgere le professionalità presenti nella struttura. Quindi propongo all’articolo 3, comma 4: “Al primo periodo, dopo la parola «progettista» va espunta la parola «responsabile»”.

PRESIDENTE

Parere della Giunta? Favorevole.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 57713/2.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 3, per come emendato.

(E’ approvato)

All’articolo 4 c’è un emendamento, protocollo numero 57713/3, a firma del consigliere Bevacqua: “Art. 4, comma 2. Al secondo rigo, dopo le parole «variante progettuale da», vanno espunte le parole «denunciare preventivamente nel rispetto della presente legge» sostituendole con le seguenti «denunciarsi con le modalità e le tipologie contenute nel Regolamento regionale di attuazione della presente legge»”.

Prego, consigliere Bevacqua.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico), relatore

Anche questo emendamento si rende necessario per consentire al Regolamento di attuazione di esplicitare la normativa di dettaglio, quindi propongo che all’articolo 4, comma 2, al secondo rigo, dopo le parole «variante progettuale da», vanno espunte le parole «denunciare preventivamente nel rispetto della presente legge», sostituendole con le seguenti «denunciarsi con le modalità e le tipologie contenute nel Regolamento regionale di attuazione della presente legge».

PRESIDENTE

Parere della Giunta? Favorevole.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 57713/3.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 4 per come emendato.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 5.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 6.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 7.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 8.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 9.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 10.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 11

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 12.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 13.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 14.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 15.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 16.

(E’ approvato)

All’articolo 17 c’è un emendamento con protocollo numero 57713/4 a firma del consigliere Bevacqua: “Art. 17, comma 1. Al primo rigo la cifra «90» va sostituita con la cifra «120» e la parola in parentesi tonda «novanta» con «centoventi».

Al comma 2 dell’articolo 17, al quarto rigo, dopo «prorogato di», la parola «quattro» va sostituita con la parola «sei»”.

Prego, consigliere Bevacqua.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico), relatore

Questo emendamento si rende necessario per consentire alle strutture e ai professionisti di avere il tempo necessario per adeguarsi alla nuova procedura. Quindi propongo che all’articolo 17, comma 1, al primo rigo la cifra «90» va sostituita con la cifra «120» e la parola in parentesi tonda «novanta» con «centoventi».

Poi al comma 2 dell’articolo 17, al quarto rigo, dopo «prorogato di», la parola «quattro» va sostituita con la parola «sei».

PRESIDENTE

Parere della Giunta? Favorevole.

Pongo in votazione l’emendamento protocollo numero 57713/4.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 17 per come emendato.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 18.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 19.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 20.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 21.

(E’ approvato)

Pongo in votazione la legge nel suo complesso, per come emendata.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportata in allegato)

Il provvedimento è approvato per come emendato, con autorizzazione al coordinamento formale.

Proposta di legge numero 89/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Proroga del termine di cui all'art. 2 bis della legge regionale 12 aprile 2013, numero 18 (Cessazione dello stato di emergenza nel settore dei rifiuti. Disciplina transitoria delle competenze regionali e strumenti operativi)

PRESIDENTE

Passiamo al nono punto all’ordine del giorno, la proposta di legge numero 89/10^ di iniziativa della Giunta regionale, recante: “Proroga del termine di cui all'art. 2 bis della legge regionale 12 aprile 2013, numero 18 (Cessazione dello stato di emergenza nel settore dei rifiuti. Disciplina transitoria delle competenze regionali e strumenti operativi).

La parola al relatore del provvedimento, il consigliere Bevacqua.

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico), relatore

Signor Presidente, con il parere espresso in Commissione sulle linee-guida relative al prossimo Piano dei rifiuti, avevamo già avviato una discussione franca ed aperta, ascoltando le associazioni ambientaliste, i Comuni, le organizzazioni di categoria e i tanti comitati presenti sui territori.

Non saremmo, pertanto, onesti con noi stessi, se dicessimo di non aver registrato in tali audizioni alcuni elementi di perplessità per il perdurare di una situazione emergenziale, così come la preoccupazione per il dispendio di risorse finanziarie, in parte destinate ad impianti privati, in ragione della proroga che stiamo per approvare.

E’ altrettanto vero – e questa credo che sia una nota da evidenziare – che abbiamo preso atto della sostanziale condivisione del provvedimento da parte degli organismi rappresentanti gli enti locali, a cominciare dall’Upi e dall’Anci nonché dai sindaci dei Comuni capoluogo, i quali hanno pienamente compreso che si tratta di un passaggio obbligato lungo il percorso tracciato, che condurrà all’uscita definitiva dello stato di emergenza nel settore dei rifiuti.

Alla luce, infatti, della rapida evoluzione normativa che ha interessato la legislazione comunitaria e nazionale di settore, sono oggi vigenti i criteri chiari rispetto alla nozione di gerarchia dei rifiuti, determinando un ordine di priorità. Il centro propulsore della nuova politica regionale in materia di rifiuti sarà guidato, infatti, dalla volontà affermata a chiare lettere di tendere all’obiettivo zero discariche, essendo predisposto un ordine di interventi finalizzato a consolidare il concetto basilare che, di fronte al riciclaggio e al recupero, il conferimento in discarica deve rappresentare solo una scelta residuale di smaltimento.

Questa amministrazione regionale ha fissato per la prima volta dei paletti temporali precisi e stringenti, rispetto ai quali il testo che approda oggi in Aula ha il compito di permettere la gestione del contingente, dettando la necessaria disciplina transitoria, per scongiurare il rischio concreto di mancato smaltimento ed accumulo dei rifiuti sul territorio calabrese.

E’ chiaro, però, che la discussione vera sarà aperta in tutte le sedi deputate durante la prossima predisposizione del nuovo Piano di gestione dei rifiuti. Così come ho anticipato in Commissione, sarà quello il momento della verità, il momento che richiederà l’apporto costruttivo dei colleghi consiglieri, delle associazioni e di tutti i soggetti interessati.

Questa fase, che si aprirà all’inizio del nuovo anno, dovrà realizzare la nuova visione nella gestione dei rifiuti, portata avanti dall’attuale amministrazione.

Auspico che il nuovo corso rispetti i tempi prefissati, altrimenti, caro assessore Rizzo, quel consenso che abbiamo avuto modo di registrare sull’elaborazione delle linee-guida, verrà senza dubbio meno e, cosa ancor più grave, la Calabria resterà prigioniera di una situazione che diventerà sempre più insostenibile.

La tabella di marcia non dovrà, inoltre, impedire di porre mano a quelle realtà nelle quali è possibile agire subito, come ad esempio nel caso della criticità, evidenziato in Commissione dal Presidente del Consorzio “Locride Ambiente”, laddove appaiono non più sopportabili dalle popolazioni residenti i cattivi odori provenienti dall’obsoleto impianto di trattamento della frazione organica, così come risulta mai messa in funzione la linea del secco. Qui manca soltanto l’autorizzazione della Regione.

Dico questo per onore di cronaca, anche per dare conto delle audizioni svolte in Commissione.

Il governo regionale e il Consiglio devono farsi carico immediatamente di queste e di altre situazioni simili.

Caro Presidente del Consiglio, caro Presidente della Giunta, cari colleghi, è dalla soluzione di tali problematiche che dipenderà il successo o il fallimento di questa consiliatura. Mettiamoci, pertanto, tutti a remare di buona lena nella stessa direzione, senza tentennamenti, senza paura e senza mediazioni rivolte al ribasso. Lavoriamo per garantire ai calabresi l’ambiente sano e vivibile che il buon Dio ci ha donato e auguriamoci che il nuovo anno ci dia la forza necessaria per affrontare seriamente queste problematiche.

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire l’assessore Rizzo. Ne ha facoltà.

RIZZO Antonietta, assessore all’ambiente

Signor Presidente, colleghi consiglieri, la proroga della legge di cui ha appena parlato il Presidente della Commissione, il consigliere Bevacqua, è non solo un atto dovuto, ma soprattutto un atto condiviso con il Ministero dell’ambiente, con il quale abbiamo avuto modo di collaborare fattivamente nella presentazione delle linee-guida del Piano dei rifiuti, al quale Ministero abbiamo spiegato che la situazione che vive la Regione Calabria è del tutto particolare, venendo fuori da un lungo periodo di commissariamento che non ha consentito, in questi anni, una vera e propria pianificazione ma che ha, invece, imposto di rincorrere l’emergenza con investimenti esclusivamente nelle discariche, senza pensare ad un programma che guardasse – come ha appena detto il consigliere Bevacqua, che ringrazio per il lavoro svolto insieme a tutti gli altri membri della Commissione in Commissione e soprattutto per la possibilità di aver concertato anche con i sindaci e con i Presidenti delle Province la necessità di questa proroga –al ciclo integrato dei rifiuti.

Quello che ci prefiggiamo con la proroga che poniamo alla votazione questa sera è proprio la necessità di utilizzare gli impianti privati, senza che vi siano aggravi di spesa, ma naturalmente restando in quella che era la previsione del bilancio 2015, di quasi 4 milioni di euro per quanto riguarda i mesi che vanno da ottobre a dicembre e di circa 16 milioni di euro per l’annualità 2016-2017, utilizzando gli impianti privati che sono autorizzati, che consentano lo smaltimento, quindi il conferimento in discarica, del tal quale trattato e anche dei residui della raccolta differenziata.

Mi rendo conto che può apparire strano che si faccia ancora ricorso ad una proroga, che diventa, però, necessaria perché la pianificazione - che noi abbiamo già illustrato con la presentazione delle linee-guida e che sarà poi presentata nel prossimo Piano per i rifiuti - prevede, così come stabilito dalla Direttiva 98 del 2008 della Comunità europea, il raggiungimento dell’autosufficienza attraverso il revamping, quindi la messa in sicurezza dei sette impianti pubblici che richiederanno non solo le gare che sono già partite, ma anche un’attuazione, con circa un anno di tempo di gestione di questi impianti, e la creazione di nuovi tre impianti e, nelle more, anche l’utilizzo della transfrontaliera che – come sapete – è stata già oggetto di una gara d’appalto ed è stata già aggiudicata.

Quindi il termine del 31 dicembre 2017, condiviso anche con il Ministero dell’ambiente, è un termine che ci consente di portare avanti questo programma, quindi di realizzare le gare europee che hanno una durata di circa 365 giorni e di procedere, poi, alla costruzione di nuovi impianti. Questo ci consente di parlare in maniera molto chiara ai cittadini calabresi, senza dover ricorrere ad ulteriori proroghe, perché se avessimo pensato ad una proroga un po’ più vicina nel tempo, sicuramente non saremmo stati realisti, perché la realizzazione degli impianti, almeno dei primi tre impianti con i quali vogliamo partire, richiede questi tempi.

Nel ringraziare ancora la Commissione, accolgo l’invito del Presidente, da domani stesso possiamo metterci a lavorare per l’attuazione del Piano.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il consigliere Tallini. Ne ha facoltà.

TALLINI Domenico (Gruppo Misto)

Mi sono avvicinato alla Presidenza per capire il criterio della redazione dell’ordine del giorno, pensavo che questo punto fosse stato inserito come ultimo per prendere per stanchezza l’Aula, invece mi hanno detto – ed io do anche merito alla trasparenza con cui si redige l’ordine del giorno – in ordine di arrivo delle pratiche, quindi anche se politicamente poteva essere un interesse discutere questa iniziativa prima di quelle precedenti sarebbe stata inserita dopo.

Mi permetto di osservare, proprio perché ritengo che quello che stiamo facendo è un atto importantissimo per i destini della nostra Regione, l’ambiente, la raccolta dei rifiuti, è una delle problematiche che, se affrontata bene e risolta, ci può portare quell’immagine che, finora, invece, non siamo riusciti a vedere; anzi abbiamo visto in senso contrario, però mi permetto di osservare le seguenti questioni.

La delibera di Giunta regionale 381 del 13 ottobre 2015, che attua la legge regionale 14 dell’11 agosto 2014, nonostante fosse stata preparata, confezionata e presentata agli uffici della segreteria di Giunta alla fine della legislatura precedente, cioè esattamente ad ottobre 2014, è stata pubblicata sul Burc solo in data 23 novembre 2015, quindi con oltre un anno di ritardo; cioè una delibera che non faceva altro che recepire la normativa nazionale in termini di raccolta dei rifiuti solidi urbani, proposta portata alla segreteria e praticamente sottoposta alla Giunta, è stata adottata soltanto dopo un anno e solo il 23 novembre 2015, quindi con oltre un anno di ritardo.

Solo da tale data, quindi, le comunità d’ambito, costituite da tutti i Comuni rientranti nel territorio di una provincia, ossia gli organismi che per legge sono i soli deputati a determinare la tariffa e ad espletare le gare, possono essere costituite e pertanto legittimate ad espletare i compiti loro attribuiti per legge.

Ai sensi della normativa nazionale vigente, legge 148/2011, infatti “le funzioni di organizzazione dei servizi pubblici locali a rete di rilevanza economica, compresi quelli appartenenti al settore dei rifiuti urbani di scelta della forma di gestione di determinazione delle tariffe dell’utenza per quanto di competenza di affidamento alla gestione e relativo controllo, sono esercitate unicamente dagli enti di governo degli ambiti o bacini territoriali ottimali cui gli enti locali partecipano obbligatoriamente.

Qualora gli enti locali non aderiscano ai predetti enti di governo entro il 1° marzo 2015, il Presidente della Regione esercita, previa diffida dell’ente locale ad adempiere entro il termine di 30 giorni, i poteri sostitutivi”.

Le motivazioni del ritardo di un anno sono di semplice intuizione: ritardare la costituzione degli enti di governo d’ambito, cui spettano i compiti come precisati, impedendo nella sostanza la determinazione della tariffa per ogni intero ambito provinciale e l’espletamento delle gare per l’individuazione del soggetto gestore.

La proroga cela, però, con scarsi risultati il maldestro tentativo di questo ente, del Presidente di questo ente, di appropriarsi indebitamente e contra legem della gestione delle gare d’appalto per l’individuazione del gestore del sistema integrato dei rifiuti solidi urbani: spazzamento, raccolta dei rifiuti, raccolta differenziata, trattamento e smaltimento, il tutto a svantaggio di noi cittadini calabresi, che saremo costretti a pagare per altri due anni tariffe raddoppiate sui rifiuti.

Vi è di più: il presidente Oliverio, mediante la proroga di due anni, intende concedere a trattativa privata – noi siamo qua per sentire un’eventuale sua smentita – l’intero servizio regionale per la gestione dei rifiuti.

La domanda sorge spontanea: chi saranno i fortunati gestori? A quale prezzo per noi cittadini calabresi? Quanto ci è costato quest’anno di ritardo sull’attuazione della legge regionale 14 dell’agosto del 2014? Questo modo di fare, sicuramente non condiviso, né tantomeno condivisibile da parte di noi minoranza, ma pensiamo nemmeno da parte di tutti i cittadini calabresi, porterà i singoli Comuni a farsi soggetti attivi nella commissione di reati, al fine di garantire il servizio comunale dei rifiuti e tutelare la salute umana e l’ambiente, valori di rilevanza costituzionale, aggiudicando con gara o assegnando con trattativa privata il servizio di competenza esclusiva delle comunità d’ambito, quindi violando la legge.

Se quanto detto finora preoccupa, si immagini lo stato d’animo di noi cittadini calabresi, quando pensiamo che il presidente Oliverio non ha alcuna strategia per la soluzione della problematica, limitandosi le sue azioni, fino ad oggi, ad essere un copiato! Ha, infatti, ribadito le linee-guida dettate dalla precedente amministrazione, ma stasera abbiamo sentito che, contrariamente al passato, è anche contento di andare in continuità, ad una promessa: quella della redazione del piano sulla gestione dei rifiuti.

Su quest’ultimo punto si rammenta che il Presidente ha preteso dalla Commissione ambiente un parre relativo alle linee-guida per la stesura del Piano regionale sui rifiuti, omettendo ogni riferimento ai rifiuti speciali, i quali sono altamente rilevanti per lo sviluppo dell’economia calabrese, rappresentando materia primaria per l’insediamento di nuove imprese.

Si ricorda che i rifiuti speciali sono costituiti, tra l’altro, dai fanghi di depurazione, principali responsabili dell’inquinamento marino, anche con ricaduta diretta sul turismo e quindi sull’economia calabrese, e da tutte le frazioni dei rifiuti urbani provenienti dalla raccolta differenziata, alluminio, plastica, carta, cartone, vetro, eccetera, eccetera, che allo stato attuale possono essere vendute al Conai – Consorzio obbligatorio per il ritiro delle frazioni derivanti dalla raccolta differenziata – e successivamente, dopo la realizzazione dell’adeguamento degli impianti tecnologici d’ambito, potranno essere utilizzati quali fonti primarie delle nuove imprese che nasceranno nel territorio calabrese.

Per quanto sopra, non volendo evidenziare la rilevanza anche penale, perché ci potrebbero essere anche questi aspetti, in questa sede voglio sottolineare soprattutto l’incostituzionalità della proposta in questione.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il consigliere Orsomarso. Ne ha facoltà.

ORSOMARSO Fausto (Gruppo Misto)

Attendevo che ci fossero interventi da parte della maggioranza. Intervengo su questa proposta anche un po’ per fatto personale, Presidente. Vado a di che cosa stiamo parlando. Lo spiego a qualche giornalista presente, lo spiegheremo nei prossimi giorni ai calabresi: stiamo parlando di quello che noi abbiamo subìto! Abbiamo amministrato una Regione in cui abbiamo scoperto che il commissariamento, avendo speso circa 1 miliardo, non aveva consegnato impiantistica adeguata alla Calabria per consentirle l’autosufficienza delle aree nord, centro e sud, su raccolta, smaltimento, su tutto quello che riguarda il mondo dei rifiuti.

Io ricordo che, all’epoca, si rese necessaria – non vedo qui, tra l’altro, qualche collega che collaborava anche con l’allora assessore Pugliano, che a nostro avviso aveva fatto un buon lavoro – in attesa di mettere in campo procedure di gara e quello che l’assessore ha rappresentato (revamping, le strutture esistenti), una manifestazione d’interesse per i Comuni sull’area nord. Ricorderanno i giornalisti che il Comune di Bisignano, ad esempio, aderì a quella manifestazione d’interesse su un impianto attrezzato.

All’epoca, responsabilmente, abbiamo anche rivotato il provvedimento portato all’inizio di legislatura da questa maggioranza per dire che era giusto intervenire con quello strumento.

Oggi, consigliere Bevacqua, ci va la sua firma; però, io voterò contro questo provvedimento in parte per le motivazioni di carattere più tecnico spiegate dal consigliere Tallini.

Io ebbi la fortuna di presentare un emendamento a nome e per conto della Giunta come consigliere regionale; l’emendamento che cosa concedeva e concede ancora? Visto che non abbiamo impianti a sufficienza per essere autosufficienti nella gestione dei rifiuti, concediamo una proroga – che è quello che aveva fatto il commissariato rifiuti – alla gestione di quei siti autorizzati privati per non avere i rifiuti per strada. Allora mi sembrava intelligente ed utile per evitare l’allarmismo che anche oggi voi subite, oggi un po’ meno.

Consigliere Bevacqua, non sarà più il famigerato – come aveva scritto il Pd di Catanzaro, il Pd di Cosenza, il Pd della pre-Sila rossa di Celico – emendamento Orsomarso, perché questo si deve chiamare legge, non dico Oliverio, che finalmente ha un assessore all’ambiente e un consigliere che, giustamente e responsabilmente, propone un emendamento che serve alla Calabria. Abbiate il coraggio di scrivere, perché non è più la proroga dell’emendamento Orsomarso, perché io non lo voto a distanza di due anni, perché in due anni doveva essere messo in campo un intervento che andava a colmare quel gap, nel senso che le gare sarebbero dovute essere già pronte. Lo faccio non con la retorica di chi vi dice che state facendo una cosa sbagliata in assoluto, perché era purtroppo necessario per i ritardi. Tra l’altro ve lo dice chi, nel firmare quell’emendamento, non sapeva neanche di quali discariche si trattasse, non sapeva neanche che esistesse una discarica fatta dal centro-sinistra, dai governi di quel territorio a Celico, che ha una sua bellezza paesaggistico-ambientale, verso cui bisogna guardare con grande attenzione. Ma non faccio populismo, retorica! Quella norma, frutto di un emendamento da me presentato, è stata utilizzata, sempre per fare la polemica, da quel Pd che, ancora oggi in queste ore, Presidente, a lei fa la polemica.

Comprendo quanto sia difficile spiegare che, nell’emergenza, tra i rifiuti per strada e l’utilizzo di quelle discariche private che altri hanno autorizzato in altre stagioni, è un atto di responsabilità; però oggi la responsabilità di Orsomarso che l’ha rivotata la prima volta, a distanza di un anno, con purtroppo un’inerzia che si è accumulata, la comprendo e comprendo anche le vostre difficoltà, perché io incoraggio l’assessore ad andare velocemente a dotare la Calabria di un’autosufficienza su cui noi ci siamo velocemente posti in carreggiata, anche rispetto a chi ha raccontato bugie dicendo che non si era fatto nulla. Si è fatto tantissimo, compreso quell’emendamento, quando ad aprile 2013 ci sono state consegnate “le chiavi” senza un’impiantistica funzionante che garantiva il risparmio.

Senza polemica con il vostro intervento, ma registro per una volta, finalmente, che vi assumete la piena responsabilità; irresponsabili invece i rappresentanti dei vostri partiti che siedono nei Consigli comunali e che l’hanno chiamato – Presidente, io non lo farò e lo chiamerò, invece, intervento straordinario - famigerato emendamento Oliverio o Bevacqua; avevano polemizzato addirittura come se ci fosse una cointeressenza; vivaddio, io in quel settore non conoscevo nessuno, perché la logica – che a noi non appartiene – di crocifiggere le persone dando notizie vere o verosimili, io la rifuggo per cultura, e la logica di chi amministra è di assumere le responsabilità.

Quindi, consigliere Bevacqua, in bocca al lupo! Sarò a sostenerla quando qualcuno scriverà, magari della mia parte, “famigerato emendamento o legge Bevacqua” per l’utilizzo degli impianti privati, perché questo trattamento io l’ho subìto prima di lei. Oggi non possiamo – ripeto – continuare a dare un parere favorevole, ma al massimo di astensione o, convinto dalle motivazioni di Tallini, anche contrario; è un momento di civiltà e lo faccio anche per questo. Comprendo le vostre difficoltà, ma riteniamo che prorogarlo fino al 2017, quando noi siamo stati crocifissi, erroneamente, irresponsabilmente, per una proroga di un anno, ci sembra un po’ esagerato rispetto al lavoro che andava fatto.

Quindi anche questa – mi rendo conto – è una norma utile rispetto a quella vacatio o comunque non programmazione che anche noi abbiamo subìto; però che oggi si prenda a piene mani la responsabilità e lo si chiami con nome e cognome. Che nessuno scriva che è la proroga dell’emendamento Orsomarso. E’ una nuova legge, giusta, utile che, però, non viene dal passato, perché quello è scaduto, ha avuto la prima scadenza, prorogata anche col nostro voto favorevole, che oggi non possiamo più concedere.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il consigliere Guccione. Ne ha facoltà.

GUCCIONE Carlo (Partito Democratico)

E’ all’ultimo punto all’ordine del giorno, ma lo ritengo il punto più importante, perché nella storia degli ultimi quindici anni, forse oltre quindici anni, la questione dei rifiuti nella nostra regione è stata protagonista di un sistema che non ha funzionato, che ha drenato risorse importanti: 1 miliardo e 50 milioni di euro è costato il commissariamento, cioè 2 mila miliardi e passa di vecchie lire. Oggi sono questi i risultati!

Ricordava il consigliere Orsomarso la proposta di proroga del 2013, anche se fino a maggio c’è stata la fase di prosecuzione dell’Ufficio del commissario, attraverso una contabilità straordinaria, e anche lì dopo due anni è chiaro che, se non abbiamo un metodo, il problema esplode, quindi: commissariamento, due anni di proroga della Giunta Scopelliti, e noi siamo oggi ancora in una fase di grande emergenza.

Vorrei ricordare a tutti quanti voi che questa estate non è imploso il sistema perché abbiamo portato – mi pare – i rifiuti in Toscana, in Campania e non so quanto ci è costata questa situazione.

Noi abbiamo una forte criticità, qui si misura la capacità di una classe dirigente a dare una soluzione a questo problema, perché se noi riproponiamo con la solita proroga dei due anni – perché nelle linee-guida è previsto fino al 2018, non si può estendere fino al 2018 perché il parere finanziario non è prevedibile la copertura della spesa per il 2018 –un programma che è eguale a quelli del passato anche qui rischiamo un’implosione del sistema dei rifiuti fra due anni, due anni e mezzo, tre.

Dove si è sbagliato in questi anni? Non in una vicenda ideologica tra privato e pubblico. Il problema va risolto, va risolto attraverso una forte integrazione fra il pubblico e il privato. Dove abbiamo sbagliato? Dove abbiamo fallito? Facciamo un discorso complessivo. Evito di fare il discorso delle responsabilità, sta di fatto che le buone intenzioni non si sono tradotte in scelte. Anche qui, nel programma delle linee-guida – e ho avuto modo di discuterne anche in Commissione, pur non facendone parte, ho partecipato a due sedute di Commissione – c’è troppa discrezionalità e non c’è uno stringente cronoprogramma che costringa la politica, la struttura e il dipartimento a rispettare i tempi, e non c’è nessuna sanzione, perché poi ci mettiamo noi la faccia. Vai a spiegare al calabrese che il dipartimento non è stato solerte a rispettare i tempi, quando si trova l’immondizia sotto casa!

Questo è un provvedimento molto pesante, perché 2 milioni di metri cubi in più, nelle linee-guida ci sono; alla fine, all’ultima pagina si dice “In questo periodo transitorio caratterizzato dalla presenza degli impianti di trattamento meccanico biologico si stima una necessità di circa 2 milioni di metri cubi in più” e si dice poi, nell’ultimo paragrafo, che dobbiamo fare una ricognizione delle discariche pubbliche, realizzate e mai entrate in esercizio, quindi la riapertura di ulteriori discariche.

Ci può stare tutto questo, ma ci deve essere un percorso che sia verificabile, un percorso nel quale chi sbaglia paga, e non arrivare qui fra due anni e mezzo e fare di nuovo mea culpa e ci ritroviamo punto e a capo. Ci può anche stare e, poiché sono uno che si assume le responsabilità, non sono come qualche consigliere regionale che cavalca la folla e dice no alla proroga, no alla discarica dei rifiuti, per il proprio orticello, sono qui a manifestare l’esigenza di una modifica del provvedimento che vada nella direzione di stabilire un cronoprogramma stringente con una verifica in Consiglio regionale semestrale; su questa questione non possiamo sbagliare e dobbiamo creare il giusto clima anche nel dipartimento, perché la politica ci mette la faccia, ma anche i dirigenti e il dipartimento devono essere consapevoli di dare conto non solo alla Giunta, al Consiglio e ai calabresi su questa questione.

Io ritengo fondamentale una modifica in questa direzione, altrimenti questo provvedimento non lo voterò.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il Presidente della Giunta. Ne ha facoltà.

OLIVERIO Gerardo Mario, Presidente della Giunta regionale

Intervengo brevemente, innanzitutto per fare una precisazione: qui non siamo in presenza di una proroga avulsa da tutto il resto, come è avvenuto anche l’anno scorso e come è avvenuto negli anni precedenti; qui siamo in presenza di una proposta della Giunta regionale di linee-guida, a cui seguirà un vero e proprio Piano che sarà presentato al Consiglio entro gennaio, entro il mese prossimo, un piano preciso, dettagliato.

La proposta di proroga di due anni che si inserisce con questo progetto più generale è una proposta che è accompagnata ad un preciso cronoprogramma, che prevede la realizzazione in tempi scansionati, perché nella prima parte di queste linee-guida c’è il cronoprogramma definito, indicato per la precisione, e prevede due pilastri fondamentali tra cui il primo è quello di investire per incentivare in modo massiccio la raccolta differenziata.

Devo dire che noi siamo già partiti in questa direzione, abbiamo già sottoscritto convenzioni con i primi 50 Comuni – parlo dei Comuni che non avevano avviato la raccolta differenziata – che comprendono le città capoluogo. I sindaci delle città capoluogo hanno sottoscritto le convenzioni, stanno già presentando i progetti, alcuni sono già partiti con le gare, tipo la città di Catanzaro, la città di Cosenza, la città di Reggio Calabria, altri hanno presentato i progetti per partire con le gare, un altro blocco di Comuni, altri 60 Comuni sottoscriveranno le convenzioni entro gennaio.

C’è un monitoraggio, un cronoprogramma: spingere perché la raccolta differenziata veda impegnati i Comuni e, in questa direzione, abbiamo sottoscritto anche un protocollo d’intesa con il Conai per supportare dal punto di vista tecnico i Comuni e, naturalmente, su questo lavoreremo in modo attivo e determinato.

Contemporaneamente, abbiamo allocato risorse nella programmazione 2014-2020, che è operativa, per oltre 100 milioni di euro che investiremo per la realizzazione di nuovi impianti, per i quali partiranno gli avvisi per le gare entro il prossimo gennaio. Dico entro il prossimo gennaio, perché gli avvisi possono partire quando i programmi 2014-2020 saranno operativi, altrimenti non si può partire sul nulla, le risorse devono avere una copertura certa, quindi entro gennaio partiranno gli avvisi ed entro il primo semestre, massimo entro agosto 2016, porteremo a buon fine le gare. Dal momento dell’affidamento delle gare, ci vuole un anno almeno per realizzare gli impianti e una coda di ulteriori tre mesi per metterli a regime. Ecco perché due anni.

Noi siamo andati a proporre questo piano al Ministero dell’ambiente che ha – lo diceva prima l’assessore Rizzo – condiviso questa impostazione. Quindi la proroga che noi proponiamo non è a stralci, perché avremmo potuto dire “un anno, poi ci presentiamo l’anno venturo”, ma avanziamo una proposta nell’ambito della quale c’è l’esigenza di una proroga.

Ho apprezzato l’intervento del consigliere Orsomarso, però questo non è dire: “Vediamo adesso, prima o poi”. Noi stiamo avanzando una proposta complessiva, nella quale c’è un cronoprogramma che verificheremo, perché vi dico che entro gennaio partiranno gli avvisi per le gare? Parte la procedura e poi partiranno sulla base delle disponibilità delle imprese a partecipare, seguirà la procedura con risorse e copertura certa sui primi tre impianti, che sono quello di Reggio Calabria, quello di Catanzaro e quello di Sibari a Rossano. Per i primi tre impianti partiranno le gare subito.

Naturalmente, in questo percorso è anche previsto il necessario intervento per la realizzazione di questi impianti perché saranno allocati nei siti dove attualmente ci sono già quelli vecchi; questo al fine di evitare nuove procedure che ci avrebbero imposto una concertazione partendo da zero con gli enti locali, con le associazioni ambientaliste, eccetera, eccetera, con tutti gli annessi e connessi che una concertazione su questa delicata materia avrebbe comportato.

Quindi allocazione dei nuovi impianti nei siti significa che i vecchi impianti si fermano, e fermare i vecchi impianti significa trovare la soluzione per i rifiuti nel tempo necessario per la realizzazione dei nuovi.

Quindi non c’è un aumento – voglio tranquillizzare Guccione da questo punto di vista – di 2 milioni di metri cubi di rifiuti, perché i rifiuti che si producono sono questi in Calabria, non  è che ci può essere un aumento, quelli sono i rifiuti che si producono in Calabria. C’è la necessità di smaltire i rifiuti che negli impianti che devono essere ammodernati, una strada bisogna darla a questi rifiuti.

In questo senso noi proponiamo l’utilizzazione degli impianti privati, per i quali non c’è nessun affidamento diretto, c’è una semplice proroga di cose che già esistono. Eventualmente, se ci sono stati illeciti nell’affidamento, saranno stati fatti prima, ma io non credo che ci siano.

Noi, praticamente, non facciamo altro che utilizzare in prorogatio, al fine di realizzare gli impianti, le strutture che ci sono in Calabria. Il nostro obiettivo è quello di realizzare discariche zero, anzi a tal proposito alcune discariche ve le proporremo nel Piano che verrà; alcune discariche prevediamo di dismetterle, di metterle in sicurezza e di bonificarle, altre di chiuderle, tipo la discarica di Casignana. E’ già chiusa, ma noi non proponiamo la riattivazione di quella discarica, lo dico qui stasera, in modo tale che se ne prenda atto.

Nell’ordinanza che ho firmato ho escluso la discarica di Celico come discarica nella quale portare rifiuti urbani, ma di ricondurla all’autorizzazione originaria, cioè quella di un impianto di trattamento limitatamente a una parte di organico e a rifiuti industriali che meritano un trattamento particolare.

Rispetto a tutto questo, abbiamo chiesto anche all’impresa di adeguare le strutture, perché ci siano impianti di areazione, per quanto riguarda gli odori, eccetera, adeguati; ed anche il trasporto dovrà essere fatto con mezzi idonei e non con quelli con le sponde all’aperto.

Quindi no a rifiuti urbani nella discarica di Celico.

Abbiamo già assunto provvedimenti che vanno in questa direzione, per capirci, che vanno nella direzione del percorso della chiusura delle discariche. Naturalmente, la chiusura delle discariche si realizza quando avremo messo a regime il sistema, e per il sistema lavoriamo in questa direzione, nella realizzazione degli obiettivi che prima richiamavo.

Quindi non c’è nessuna – vorrei che fosse chiaro questa – proroga avulsa da un percorso, da un progetto. Qui c’è un progetto! Noi – credo – abbiamo un interesse comune a realizzare un sistema virtuoso in Calabria e per questo ci siamo fatti un cronoprogramma con risorse che abbiamo allocato nella programmazione comunitaria, con un percorso di attivazione dei Comuni per quanto riguarda la raccolta differenziata; abbiamo fatto un’assemblea di tutti i Comuni questa estate, di tutti i sindaci per discutere di questo. Faremo una nuova assemblea perché si sappia che il principio di sussidiarietà, ma anche quello di responsabilità deve essere un principio da cui non si può prescindere, e quando dico principio di sussidiarietà e di responsabilità, mi riferisco al fatto che noi dobbiamo sapere che questo problema, che è un problema che implica un’assunzione di responsabilità generale, dobbiamo affrontarlo con determinazione e, rispetto a questo obiettivo, non ci possono essere attenuanti.

Noi dobbiamo innescare il meccanismo della premialità e della penalità: i Comuni che realizzano gli obiettivi godranno della premialità, e quando dico premialità parlo di tariffe agevolate che dovranno avere un ritorno nelle tasche dei cittadini o, viceversa, l’opposto.

Quindi lo sforzo che noi stiamo compiendo va in questa direzione.

E permettetemi di dire che è vero che l’emergenza ancora non è stata affrontata, ma quest’anno – consentitemi di ricordarlo – ad impianti pari, perché non è che ci sono stati nuovi impianti nel corso di questa estate rispetto all’estate scorsa. Quest’anno è diminuita la presenza di montagne di rifiuti nelle città.

Vorrei ricordare anche, a proposito del fatto che una parte dei rifiuti si porta fuori dalla Calabria per la condizione degli impianti, che gli impianti c’erano l’anno scorso, esterni alla Calabria, e c’erano pure quest’anno, sempre esterni alla Calabria, perché se non vediamo questo, vuol dire che noi rimuoviamo un dato della realtà; quest’anno noi non abbiamo avuto nelle altre città calabresi presenze di montagne di rifiuti. Le uniche eccezioni sono state quelle di Soverato, in cui ci sono stati problemi per 15 giorni all’inizio di luglio (e poi si è tamponato) e la città di Vibo Valentia che ha avuto e continua ad avere un problema con la società con cui il Comune ha il contratto per la raccolta dei rifiuti.

Diamo atto di questo, nessuno ha la bacchetta magica, ma rispetto alla precedente estate c’è stato un impegno straordinario perché si governasse l’emergenza. L’emergenza è stata governata anche in assenza di costruzione del sistema. Perché dico questo? Perché il problema che noi abbiamo – e parlo dei rifiuti, ma l’abbiamo più in generale – è quello di evitare, come più volte ci siamo detti, che l’emergenza sia prevalente rispetto alla realizzazione di cambiamenti strutturali, cioè che il morto, l’emergenza, si tiri il vivo!

Noi questo abbiamo fatto quest’anno, abbiamo lavorato in questa direzione e ci siamo riusciti per quest’anno che volge al termine: non ci sono stati rifiuti nelle strade delle città, né nel mese di agosto, né nel mese di luglio, né nelle festività di Natale, perché me lo ricordo, lo ricordo perché non è che vengo dalla luna! Me lo ricordo: a luglio, ad agosto e nelle festività di Natale le montagne di rifiuti campeggiavano sulle strade delle città.

Questo non significa che abbiamo risolto l’emergenza, ma l’abbiamo governata, continueremo a governarla, ma contemporaneamente stiamo lavorando per costruire il sistema, che si costruisce – come ricordavo prima – su due pilastri: spingere in direzione della raccolta differenziata, realizzare un’impiantistica che sia ad impatto zero, perché gli impianti a cui noi pensiamo non sono la termovalorizzazione.

Ieri c’è stato un giornale nazionale che ha dato il quadro delle Regioni dove si accelera la realizzazione di alcuni impianti per la termovalorizzazione: non c’era la Calabria, perché non abbiamo fatto la scelta della termovalorizzazione. Vi aggiungo, anzi, che per quanto ci riguarda, dobbiamo lavorare perché Gioia Tauro sia disattivato nella prospettiva, perché gli impianti a cui pensiamo sono di dimensione territoriale per evitare ai rifiuti il pendolarismo; cioè la vecchia impostazione è capovolta nella nostra impostazione, quella secondo la quale c’era un grande impianto a Gioia Tauro e poi da Amendolara, da Praia, da Reggio Calabria – da Reggio Calabria di meno perché è più vicina a Gioia Tauro – da Catanzaro, da Soverato, da Crotone, poi il CDR si portava a Gioia Tauro, con costi enormi di incidenza del servizio di trasporto.

Quella impostazione è capovolta! Parlo dell’impostazione precedente al precedente quinquennio, precedente ancora, ma quella impostazione non era stata messa in discussione. Noi la mettiamo in discussione, facendo partire una dimensione comprensoriale degli impianti, i cui primi tre partiranno – ripeto – subito, Reggio, Catanzaro e Sibari, e ad essi si aggiungeranno poi gli altri impianti, via via che andiamo avanti; non si può fare tutto d’un colpo, perché tre impianti che partono significa una parte di volume di rifiuti che, nel periodo in cui si realizzano gli impianti, deve trovare sbocco.

Va fatto anche qui un cronoprogramma che tenga conto che i rifiuti comunque ci sono, bisogna costruire il sistema con la macchina in corso.

Quindi noi abbiamo un progetto dentro il quale collochiamo questa proposta e la facciamo temporalmente rispetto ai tempi previsti perché il nuovo sistema parta, tutto qui, non è che, invece di un anno, scegliamo due perché vogliamo… no, due anni perché si realizzi il sistema. Credo che se ce la mettiamo tutta in questa direzione, come ce la metteremo, anche in Calabria il problema dei rifiuti lo affronteremo e faremo dei rifiuti una risorsa, come è avvenuto in altre regioni del Paese. Naturalmente, questo presuppone un’assunzione di responsabilità a tutti i livelli, un’assunzione di responsabilità del Consiglio regionale, un’assunzione di responsabilità della Giunta regionale, perché nella fase concreta del governo dei processi c’è da svolgere un ruolo attivo, e un’assunzione di responsabilità da parte dei Comuni e un’assunzione di responsabilità da parte dei cittadini, perché in questa opera bisogna compiere un salto di qualità, cioè bisogna acquisire una nuova cultura anche su questo versante. Noi dobbiamo lavorare in questa direzione.

Questa è la proposta con la quale ci presentiamo stasera: non si tratta una mera proroga, ma di una proposta complessiva nell’ambito della quale c’è questa scadenza del 31 dicembre 2017, entro la quale bisognerà che il nuovo sistema vada a pieno regime.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il consigliere Guccione. Ne ha facoltà.

GUCCIONE Carlo (Partito Democratico)

Se la proposta viene emendata in modo che il Consiglio regionale sia destinatario, ogni sei mesi, di un’informativa della Giunta sullo stato di attuazione del cronoprogramma e sia messo nelle condizioni di adeguare gli interventi rispetto alle novità che si paleseranno, a quel punto il mio voto contrario si trasforma in voto favorevole. Ovviamente, quanto premesso andrà inserito nella fase di coordinamento formale.

OLIVERIO Gerardo Mario, Presidente della Giunta regionale

La proposta non solo è accetta ma è ben accetta, perché credo che l’esercizio di un controllo sul monitoraggio da parte del Consiglio regionale sia uno stimolo anche per l’azione complessiva che mettiamo in campo oltre che per la Giunta regionale, naturalmente.

PRESIDENTE

Questo è il parere della Giunta. Pongo in votazione la proposta di emendare questa legge, aggiungendo in calce alla stessa un ultimo articolo in cui scriviamo questa cosa che è stata illustrata e condivisa dalla Giunta.

(Il Consiglio approva)

ORSOMARSO Fausto (Gruppo Misto)

Intervengo per dichiarazione di voto.

PRESIDENTE

Ormai questa è votata, consigliere Orsomarso, la dichiarazione è sul voto definitivo.

ORSOMARSO Fausto (Gruppo Misto)

Presidente, mi permetto solo un secondo: anche il nostro Piano aveva un cronoprogramma di azioni, raddoppio, revamping, poi lei l’ha mutato, ha fatto un nuovo programma. Rispetto a questo, anche il nostro voto, prima contrario per le motivazioni che vi esprimevo, sarà di astensione nel caso in cui venisse introdotto il cronoprogramma.

PRESIDENTE

Ora passiamo all’esame del provvedimento articolo per articolo. Non ci sono emendamenti, a parte quello che abbiamo discusso, che è l’inserimento dell’articolo che diventa 4.

Pongo in votazione l’articolo 1.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 2.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 3.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 4, che è l’inserimento che abbiamo fatto prima.

(E’ approvato)

Pongo in votazione la legge nel suo complesso.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportata in allegato)

Sull’ordine dei lavori

PRESIDENTE

Ha chiesto di intervenire il consigliere Romeo. Ne ha facoltà.

ROMEO Sebastiano (Partito Democratico)

Presidente, chiedo che sia inserito e discusso l’ordine del giorno che l’altra volta non abbiamo potuto discutere sulla questione della solidarietà ai giornalisti.

(Interruzione)

Prego.

OLIVERIO Gerardo Mario, Presidente della Giunta regionale

Mi pare che avessimo chiesto di inserire la proposta di legge per l’aeroporto di Crotone.

ROMEO Sebastiano (Partito Democratico)

No, l’abbiamo fatto. Si tratta della questione che riguarda i giornalisti intimiditi.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’inserimento e la discussione di quest’ordine del giorno.

(Il Consiglio approva)

Ordine del giorno numero 26 di iniziativa del consigliere Romeo “Sulle iniziative per garantire la libertà di stampa”

PRESIDENTE

E’, pertanto, inserito l’ordine del giorno di iniziativa del consigliere Romeo: “Sulle iniziative per garantire la libertà di stampa”. Ne do lettura:

“Il Consiglio regionale della Calabria,

premesso che:

la recente e grave intimidazione subita dalla giornalista Alessia Candito del “Corriere della Calabria” – sottoposta, per via dei suoi scritti e della sua irreprensibilità deontologica, a misure di protezione – si aggiunge alla lunga lista di operatori dell'informazione che in Italia, e segnatamente in Calabria, sono presi di mira con minacce, auto incendiate, agguati, lettere anonime;

tutto ciò costituisce una “questione” che, per gravità dei singoli episodi ed implicazioni che ne conseguono, ha un impatto nefasto sulla vita democratica, sul pluralismo delle idee e del confronto civile;

se l'Italia, come segnalano centri studi ed osservatori prestigiosi, registra dati negativi nella classifica mondiale della libertà di stampa (Reporter Senza Frontiere), quanto avviene in Calabria – regione in cui nel biennio 2014/2015 ci sono stati circa 50 giornalisti minacciati – risulta particolarmente odioso, perché la limitazione della libertà di stampa, oltre che violare diritti fondamentali, in una regione storicamente svantaggiata sul piano economico e sociale come la nostra, incide negativamente sull'importante impegno per il rinnovamento della politica e del rilancio dello sviluppo che caratterizzano l'azione del governo della Regione e dell'Assemblea legislativa;

questo Consiglio regionale condivide in pieno le espressioni riferite dal Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria dottor Cafiero De Raho, secondo cui “La nostra attenzione è alta perché conosciamo le particolari difficoltà di questo territorio. Noi siamo fermamente orientati a garantire il lavoro dei giornalisti poiché l'informazione ai cittadini è uno dei pilastri fondamentali della nostra democrazia repubblicana, sancito dalla Costituzione”;

il Consiglio e la Giunta regionali, mentre chiedono che siano individuati ed assicurati alla giustizia i responsabili di questi deplorevoli reati, garantiscono la piena disponibilità a cooperare con ogni mezzo disponibile per tutelare la libertà d'informazione;

gli episodi di giornalisti intimiditi e minacciati e di operatori dell'informazione sotto scorta per avere compiuto il loro dovere, nonostante l'arroganza delle cosche mafiose e della criminalità comune, e per aver informato su trame e affarismi di vario segno l'opinione pubblica, ci inducono ad esprimere piena solidarietà e totale disponibilità ad affrontare l'argomento in Aula con il pieno coinvolgimento della Commissione regionale contro l'ndrangheta,

impegna

la Giunta regionale ed il suo Presidente – il quale ha più volte evidenziato le sue preoccupazioni per la recrudescenza di questi atti scellerati – a mettere in campo – con il sostegno e la condivisione dell'Ordine e del Sindacato dei giornalisti calabresi – iniziative concrete per sensibilizzare i cittadini attraverso campagne di informazione mirate, inclusa anche la possibilità di assistenza legale ad istituire un gruppo di lavoro, per valutare, assieme agli organismi ordinistici e sindacali dei giornalisti, le iniziative che la Regione, nel rispetto della legislazione vigente e delle prerogative in capo all'Autorità giudiziaria, può adottare per garantire la libertà di stampa”.

Prego, consigliere Romeo, ha facoltà di illustrarlo.

ROMEO Sebastiano (Partito Democratico)

Presidente, colleghi, voi sapete che, recentemente, è stata intimidita la giornalista Alessia Candito e tanti giornalisti, nella settimana scorsa altri due, hanno subìto delle gravi minacce.

La questione della libertà di stampa e della possibilità per i giornalisti di esercitare la loro funzione, di svolgere il loro lavoro liberamente in Calabria, mi pare che debba meritare da parte del Consiglio regionale una concreta attenzione che vada oltre, Presidente, la doverosa solidarietà e che si concretizzi anche con delle azioni.

Penso che queste azioni debbano essere concordate con l’Ordine dei giornalisti e con il sindacato dei giornalisti e che debbano impegnare la Giunta regionale - il cui Presidente, Mario Oliverio, ha già più volte dimostrato sensibilità sul tema - con tutta una serie di campagne di informazione mirate nelle scuole e anche con la possibilità dell’assistenza legale per i giornalisti stessi.

PRESIDENTE

Pongo in votazione l’ordine del giorno presentato dal consigliere Romeo.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportato in allegato)

Proposta di legge numero 101/10^: “Disposizioni relative alla costituzione di una società per azioni finalizzata all’esercizio dello scalo aeroportuale di Crotone”

PRESIDENTE

L’ultimo punto all’ordine del giorno reca la proposta di legge numero 101/10^: “Disposizioni relative alla costituzione di una società per azioni finalizzata all’esercizio dello scalo aeroportuale di Crotone”.

La parola al consigliere Sergio per l’illustrazione della proposta.

SERGIO Franco (Oliverio Presidente), relatore

Signor Presidente, colleghi consiglieri, come è noto l’aeroporto di Crotone vive una criticità a seguito di una sentenza del tribunale, che ha dichiarato fallimentare la gestione della società aeroporto “Sant’Anna S.p.A.”. Adesso l’aeroporto si trova in un esercizio provvisorio che scade il 31 gennaio 2016, perciò la necessità di questa proposta di legge, di iniziativa della Giunta regionale, mira alla costituzione della società per la gestione dello scalo aeroportuale di Crotone.

Nonostante numerose criticità, la provincia di Crotone ha delle potenzialità che, se valorizzate, possono creare le condizioni di un reale sviluppo socio-economico del territorio, con la prospettiva di divenire provincia ponte, snodo intermedio tra il sistema locale metropolitano reggino-gioiese-siciliano e il corridoio di sviluppo adriatico che si protende oltre Taranto fino all'area della sibaritide e del Pollino.

Ovviamente, la sostenibilità di tale sviluppo deve essere governata da regole e da una seria programmazione di interventi atti a favorire questo processo dì sviluppo.

In questo contesto, fondamentale importanza assumono i mezzi di comunicazione che vanno potenziati e sviluppati, favorendo i flussi da e verso la provincia, in particolare i collegamenti aerei, anche in considerazione che il sistema autostradale e ferroviario è storicamente carente e sicuramente necessita anch'esso di interventi importanti.

Allo stato, la gestione dell'aeroporto presenta una notevole criticità, poiché una sentenza – come dicevo prima – del 15 aprile 2015 del Tribunale di Crotone, Sezione Fallimentare, ha disposto il fallimento della società “Aeroporto S. Anna” e la contestuale nomina dì tre curatori fallimentari, a seguito della dichiarazione dì inammissibilità della richiesta di concordato preventivo. La medesima Sezione fallimentare ha, da ultimo, autorizzato la curatela fallimentare della società a proseguire l'esercizio provvisorio fino al 31 gennaio 2016.

Per tale motivo urge assumere ogni iniziativa utile non solo ad evitare la chiusura dell’aeroporto, che rappresenterebbe un danno enorme per l'economia del territorio, quanto a creare le condizioni per un suo potenziamento, finalizzato a far crescere i collegamenti da e verso la provincia di Crotone e non solo, in considerazione che lo scalo serve diversi comuni dell'alto Ionio cosentino, oltre che della provincia dì Catanzaro.

Per tali motivi, da parte del Comune di Crotone e di diversi Comuni del circondario è stata condivisa l'idea di costituire una società a partecipazione pubblica che assuma la gestione dell'aeroporto e, attraverso un’adeguata programmazione di interventi, crei le condizioni affinché l’aeroporto diventi un volano per lo sviluppo dell'economia del territorio.

A questa iniziativa, la Regione Calabria non può che dare la propria adesione e partecipazione, rientrando tra i suoi compiti istituzionali previsti dallo Statuto: “la valorizzazione e la disciplina del sistema locale delle comunicazioni, al fine garantire il pluralismo e la concorrenza”, oltre che  “la valorizzazione delle risorse economiche e produttive di ciascuna area del territorio regionale, tesa al superamento delle diseguaglianze derivanti da squilibri territoriali e settoriali della Regione".

Si ritiene opportuno, pertanto, anche al fine di contribuire alla promozione dello sviluppo del territorio del crotonese, promuovere la partecipazione della Regione Calabria alla costituzione di tale società per azioni tra la Regione medesima e gli enti locali del territorio predetto, avente lo scopo di assumere la gestione dello scalo aeroportuale Sant’Anna di Crotone e, a tal fine, sottoporre all’approvazione del Consiglio regionale il presente disegno di legge, recante: “Disposizioni relative alla costituzione di una società per azioni finalizzata all'esercizio dello scalo aeroportuale di Crotone”.

La proposta consta di quattro articoli e, comportando oneri finanziari, è corredata della relativa relazione.

Con l’articolo 1 si intende autorizzare la partecipazione della Regione alla costituzione di una società per azioni tra la Regione medesima e gli enti locali, avente lo scopo di espletare, quale servizio di interesse generale, la gestione dello scalo aeroportuale Sant’Anna di Crotone, e a sottoscrivere, a tal fine, al momento della costituzione della società, azioni per l'importo massimo di euro 200 mila.

L'articolo 2 prevede l'autorizzazione a compiere, con i poteri del socio, tutti gli atti esecutivi necessari a rendere operante la partecipazione della Regione alla stessa società, in particolare: a) stipulare l’atto costitutivo; b) sottoscrivere le azioni e gli eventuali accordi tra i soci relativi all'esercizio dei reciproci diritti e doveri, definendo altresì le rispettive contribuzioni e partecipazioni alla società.

La proposta di legge regionale nel suo complesso comporta oneri finanziari per l'amministrazione per euro 200 mila, per come previsto dall’articolo 1, in relazione all’importo massimo per il quale la Regione è autorizzata a sottoscrivere azioni della costituenda società. A tal fine, l'articolo 3 appronta le risorse necessarie a far fronte a detti oneri, mentre nella relazione del dipartimento bilancio della Giunta regionale recata nell’allegato C, quadro di riepilogo analisi economico-finanziaria, della deliberazione di Giunta regionale 24 novembre 2015 numero 474 è attestata la copertura degli oneri finanziari.

Infine, l'articolo 4 del disegno di legge dispone l’entrata in vigore il giorno successivo a quello della pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il consigliere Salerno. Ne ha facoltà.

SALERNO Nazzareno (Forza Italia)

Premesso che annuncio il voto favorevole su questo provvedimento, però qualche considerazione la devo fare, considerato che questo è un provvedimento che va ad intervenire in una di quelle zone di cui abbiamo parlato nella scorsa seduta di Consiglio, in riferimento alla relazione del presidente Oliverio sul patto con il Governo. C’è veramente necessità di intervenire e andiamo ad intervenire sulla situazione dell’aeroporto di Crotone. Ben venga, è giusto farlo, considerato anche il pregresso, quello che c’è stato, la gestione della passata società, il fallimento.

In questo momento l’aeroporto di Crotone sta cercando di riemergere, di ripartire ed è giusto che la Regione dia impulso in tal senso.

Ho letto il disegno di legge, la proposta, dove la Regione interviene con 200 mila euro, però vorrei capire un attimo, non per spirito di polemica, ho detto già che sono favorevole, ma giusto per capire: il capitale sociale di questa società che si andrà a costituire a quanto ammonta? Cioè quanto sarà la quota della Regione in questa compagine societaria che si andrà a formare? Perché questo è importante. Dalle carte non si evince.

Sicuramente sarà in fase di costituzione, ma io penso che, se la Giunta regionale è arrivata a fare un provvedimento del genere, comunque abbia già avuto i contatti – credo – con gli enti locali, perché ritengo si tratti di una società ad intero capitale pubblico, con enti pubblici, non penso ci saranno i privati. Se ci saranno, ditecelo, giusto per saperlo, non è né per una questione di critica né per questione di opposizione, assolutamente, ma giusto per capire.

Fermo restando anche che io sarei d’accordo che la Regione abbia una quota societaria superiore rispetto agli altri soci, quindi sarei anche disponibile a dire che la Regione vada a prendere il 50, il 51 per cento delle quote societarie, a dispetto del 15 che aveva nella passata gestione. Questa sarebbe veramente una garanzia per l’aeroporto di Crotone e per quella realtà, affinché lo stesso possa – per restare in tema – decollare.

Quindi capire questo è importante, capire l’intenzione della Giunta in tal senso, se c’è già un quadro sul capitale sociale che avrà questa S.p.A., se non c’è ancora, comunque se è intenzione della Regione assumere una quota consistente nella nuova compagine societaria, non andare con 200 mila euro, magari andare a partecipare col 10 per cento.

Vorrei capire questo, presidente Oliverio, riconfermando da parte del gruppo di Forza Italia un voto favorevole su questa iniziativa.

Penso che anche sull’aeroporto di Reggio ci sia un analogo problema che non può essere ignorato. L’ente Regione deve cercare di tutelare queste realtà che sono indispensabili per lo sviluppo e anche in termini di servizi, poiché siamo abbastanza carenti in Calabria.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare la consigliera Sculco. Ne ha facoltà.

SCULCO Flora (Calabria in rete)

Intervengo solo per annunciare il mio voto favorevole e per cogliere l’occasione per esprimere il mio apprezzamento per il provvedimento all’esame. Adesso è il Consiglio regionale che autorizza, sostanzialmente, la Regione a partecipare alla costituzione di una nuova società che avrà il compito di gestire l’aeroporto Sant’Anna di Crotone.

Com’è noto – lo ha detto nella relazione illustrativa e introduttiva il relatore Franco Sergio – lo scalo crotonese è sotto la gestione del Tribunale fallimentare già dall’aprile scorso, quindi versa in gravi condizioni di precarietà e di incertezza rispetto al suo futuro. Con questo provvedimento, invece, la Regione rivela e dichiara il suo impegno ad assicurarne la sopravvivenza e la continuità, oltre che ad assicurarne – ed è questo l’auspicio – attraverso ulteriori, opportuni ed utili azioni il necessario, l’urgente potenziamento e il suo definitivo rilancio.

Con questo auspicio, annuncio il mio voto favorevole.

PRESIDENTE

Ha chiesto di parlare il Presidente della Giunta. Ne ha facoltà.

OLIVERIO Gerardo Mario, Presidente della Giunta regionale

Vorrei motivare le ragioni per cui la Giunta regionale ha assunto questa iniziativa, perché – com’è noto – in materia di partecipate, l’indirizzo generale del Governo e anche del legislatore è quello di incoraggiare il disimpegno, di spingere in direzione, in modo particolare anche per gli scali aeroportuali, della privatizzazione.

Noi assumiamo questa iniziativa, innanzitutto, per una ragione di ordine generale, perché la condizione geografica della Calabria impone la presenza di almeno tre infrastrutture aeroportuali: quella di Lamezia che – com’è noto – è centrale, è classificata tra le prime dieci infrastrutture aeroportuali del Paese, è un aeroporto Hub, classificato come scalo internazionale; quella di Reggio e quella di Crotone.

La particolare situazione di Crotone – non parlo di Reggio perché abbiamo già assunto iniziativa in direzione dell’aeroporto di Reggio – impone di rilanciare le condizioni dal punto di vista della gestione, per evitare che la condizione fallimentare della precedente società possa travolgere lo scalo aeroportuale, sostanzialmente.

E’ stato ricordato dal relatore che siamo in presenza di un procedimento fallimentare, per il quale abbiamo chiesto al curatore fallimentare la proroga dell’esercizio provvisorio, che scadeva ad ottobre, abbiamo chiesto insieme al Comune di Crotone la proroga, che scadrà a gennaio, quindi chiaramente abbiamo chiesto di assumere la decisione stasera di approvazione di questo disegno di legge, proprio per consentire entro quella scadenza di dare vita alla nuova società.

Nella nuova società, naturalmente, saranno protagonisti, oltre al Comune di Crotone e alla Regione, anche i Comuni del comprensorio. Devo dire che, per quanto ci riguarda, proprio al fine di dare il carattere di straordinarietà a questa iniziativa, perché si possano evitare esposizioni alla legge che stiamo assumendo dal punto di vista generale, abbiamo limitato alla somma di 200 mila euro l’apporto della Regione.

Insieme ai Comuni discuteremo quella che dovrà essere la consistenza del capitale sociale, che dovrà avere una base minima per consentire alla nuova società di costituirsi e, naturalmente, lavoreremo in prospettiva perché ci sia una partecipazione di partner privati, perché il nostro obiettivo è quello di coinvolgere anche soggetti privati.

E’ chiaro che, per creare le condizioni anche di convenienza per un soggetto privato di partecipare ad una compagine societaria come quella della gestione aeroportuale, bisogna creare le condizioni perché questa convenienza si realizzi.

Devo dire che noi, nel corso di questo anno, abbiamo fatto di tutto perché non ci fossero contraccolpi negativi sull’infrastruttura aeroportuale di Crotone, abbiamo lavorato anche con società, a partire da Ryan Air, per garantire la presenza di collegamenti con realtà importanti del Paese, oltre che con Roma, anche con Milano, con Bergamo – per capirci – ed altri scali aeroportuali. Abbiamo rivisto Ryan Air proprio nei giorni scorsi e c’è in prospettiva un piano di potenziamento a partire dal 2016-2017, appunto dalla prossima stagione.

Quest’anno, grazie a questo sforzo che è stato compiuto nel corso dell’estate che abbiamo alle spalle, c’è stato un incremento del 30 per cento delle presenze turistiche nel comprensorio di Crotone. Non era scontato, se non ci fosse stato l’aeroporto, credo che questo 30 per cento difficilmente si sarebbe potuto realizzare, questo a riprova del fatto che lo scalo aeroportuale di Crotone è di strategica importanza per un comprensorio che non riguarda solo la provincia di Crotone, che è già un fatto di notevole importanza, ma anche una parte dell’area ionica catanzarese, da Botricello a salire, e dell’area cosentina, dello Ionio cosentino. Cioè l’aeroporto di Crotone serve un bacino importante della Calabria, non è l’aeroporto della sola provincia di Crotone, che già è un fatto importante.

In questa strategia noi pensiamo di muoverci non solo per difendere ma anche per potenziare il nostro sistema aeroportuale: Lamezia come aeroporto Hub e Reggio Calabria e Crotone come aeroporti ai quali non si può rinunciare. D’altronde, per quanto riguarda Reggio Calabria – colgo l’occasione per dirlo – nel nuovo PAC abbiamo destinato già 4 milioni e mezzo di euro per la messa in sicurezza richiesta da Enac.

A Reggio Calabria, però, ci sono anche problemi relativi alla gestione, che noi riteniamo debbano essere affrontati, perché è necessario che sul piano della gestione si assumano programmi di sostenibilità industriale delle strutture che ci consentano, in prospettiva, di fare di questi due aeroporti, Crotone e Reggio Calabria, strutture da consolidare e sulle quali investire, oltre che per Lamezia. Quest’ultimo, infatti, è un aeroporto per il quale è già in corso l’investimento per la nuova aerostazione, 55 milioni di euro;  è in corso la gara per la realizzazione della nuova aerostazione.

PRESIDENTE

Passiamo all’esame dell’articolato. Non ci sono emendamenti.

Pongo in votazione l’articolo 1.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 2.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 3.

(E’ approvato)

Pongo in votazione l’articolo 4.

(E’ approvato)

Pongo in votazione la legge nel suo complesso.

(Il Consiglio approva)

(E’ riportata in allegato)

Avendo esaurito i punti all’ordine del giorno, la seduta è tolta.

La seduta termina alle 21,37

 

Allegati

Congedo

Ha chiesto congedo il consigliere Giudiceandrea.

(E’ concesso)

Annunzio di proposte di provvedimento amministrativo e loro assegnazione a Commissioni

Sono state presentate alla Presidenza le seguenti proposte di provvedimento amministrativo di iniziativa della Giunta regionale:

“Documento di economia e finanza della Regione Calabria (Defr) per gli anni 2016/2018 (articolo 36 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118) – (Deliberazione G.R. n. 527 dell’11.12.2015)” (P.P.A. n. 106/10^)

E’ stata assegnata alla seconda Commissione consiliare - Bilancio programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero.

(Così resta stabilito)

“Ripiano del disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui (di cui all’art. 3, commi 7 e 8, D.lgs 118/2011 e s.m.i) effettuato ai sensi del decreto del Ministero dell’economia e delle finanze del 2 aprile 2015 e ripiano del disavanzo determinato alla data del 31.12.2014. Presentazione al Consiglio del Piano del ripiano del disavanzo derivante dall’anno 2014, ai fini della successiva adozione da effettuarsi ai sensi dell’articolo 9, comma 5, del decreto legge 78/2015 e presentazione al Consiglio delle modalità di ripiano del maggior disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui di cui all’art. 2 del decreto del Ministero dell’economia e delle finanze del 2 aprile 2015. (Deliberazione G.R. n. 549 del 21.12.2015)” (P.P.A. n. 107/10^)

E’ stata assegnata alla seconda Commissione consiliare - Bilancio programmazione economica, attività produttive, affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero.

(Così resta stabilito)

Parere favorevole su deliberazioni

La seconda Commissione con nota n. 57637 del 24 dicembre 2015, ha comunicato che nella seduta del 23 dicembre 2015 ha espresso parere favorevole alla deliberazione della Giunta regionale n. 528 del 16 dicembre 2015, recante: “Por Calabria Fesr 2007/2013. Rimodulazione del piano finanziario Assi III e VIII”. (Parere n. 12)

La seconda Commissione con nota n. 57640 del 24 dicembre 2015, ha comunicato che nella seduta del 23 dicembre 2015 ha espresso parere favorevole alla deliberazione della Giunta regionale n. 511 del 3 dicembre 2015, recante: “Rettifica ed integrazione di Giunta regionale n. 42 del 2.3.2015. Costituzione Fondo unico Piano di azione e coesione (Pac)”. (Parere n. 13)

Trasmissione di deliberazione

E’ pervenuta la deliberazione della Giunta regionale n. 548 del 21 dicembre 2015, recante: “Anticipazioni di liquidità di cui all’art. 3, del decreto legge 8 aprile 2013, n. 35, convertito con modificazioni dalla legge 6 giugno 2013, n. 64 e successive modificazioni – Costituzione del Fondo di anticipazione di liquidità e rideterminazione del risultato di amministrazione al 1° gennaio 2015”, acquisita al protocollo generale del Consiglio regionale n. 57544 del 23.12.2015 e trasmessa in pari data alla seconda Commissione consiliare con nota protocollo 57551, che ne ha preso atto nella seduta del 23 dicembre 2015.

Proposta di provvedimento amministrativo numero 106/10^, recante: “Documento di Economia e Finanza della Regione Calabria (DEFR) per gli anni 2016-2018 (articolo 36 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118)” (Del. n. 79)

Il Consiglio regionale,

visto il decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 e s.m.i., e in particolare l'articolo 36, comma 3, che dispone in materia di adozione del DEFR;

vista la Delibera di Giunta regionale n. 527 dell'11 dicembre 2015 recante "Documento di Economia e Finanza della Regione Calabria (DEFR) per gli anni 2016 - 2018 (art. 36 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n, 118)";

considerato che:

l'articolo 36, comma 3, del decreto legislativo sopra citato, prevede che le Regioni, con riferimento agli esercizi finanziari 2016 e successivi, sono tenuti a predisporre un documento di economia e finanza regionale avente un orizzonte temporale triennale;

lo stesso articolo 36, al comma 3, dispone che ogni anno la Giunta regionale adotti il DEFR e lo trasmetta al Consiglio regionale, che lo approva con propria delibera;

il DEFR, come previsto dal principio contabile applicato di cui all'allegato 4 del d.Lgs 118/2011 e s.m.i., descrive gli scenari economico - finanziari internazionali, nazionali e regionali, le politiche da adottare, gli obiettivi della manovra di bilancio regionale, tenendo conto degli obiettivi del Patto di stabilità interno, ed espone il quadro finanziario unitario regionale di tutte le risorse disponibili per il perseguimento degli obiettivi, della programmazione unitaria regionale, esplicitandone gli strumenti attuativi per il periodo di riferimento;

preso atto che la seconda Commissione consiliare ha approvato il documento de quo nella seduta del 23 dicembre 2015,

delibera

di approvare, ai sensi dell'articolo 36, comma 3, del d.Lgs. 118/2011 e s.m.i., il Documento di Economia e Finanza della Regione Calabria (DEFR) per gli anni 2016-2018, allegato alla presente deliberazione per farne parte integrante e sostanziale.

(Allegato)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 107/10^, recante: “Ripiano del disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui (di cui all'articolo 3, commi 7 e 8, d.lgs 118/2011 e s.m.i.) effettuato ai sensi del decreto del Ministero dell'economia e delle finanze del 2 aprile 2015 e ripiano del disavanzo determinato alla data del 31.12.2014. Presentazione al Consiglio del Piano del ripiano del disavanzo derivante dall'anno 2014, ai fini della successiva adozione da effettuarsi ai sensi dell'articolo 9 comma 5, del decreto legge 78/2015 e presentazione al Consiglio delle modalità di ripiano del maggior disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui di cui all'articolo 2 del decreto del Ministero dell'economia e delle finanze del 2 aprile 2015” (Del. n. 80)

Il Consiglio regionale,

visti:

il decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 (Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42) e s.m.i., ed in particolare l'articolo 3, commi 7 e seguenti;

l'articolo 2, comma 2, del decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze 2 aprile 2015, recante "Criteri e modalità di ripiano dell'eventuale maggiore disavanzo di amministrazione derivante dal riaccertamento straordinario dei residui e del primo accantonamento al fondo crediti di dubbia esigibilità, di cui all'articolo 3, comma 7, del decreto legislativo n. 118 del 2011";

il decreto legge 19 giugno 2015, n. 78 (Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali. Disposizioni per garantire la continuità dei dispositivi di sicurezza e di controllo del territorio. Razionalizzazione delle spese del Servizio sanitario nazionale nonché norme in materia di rifiuti e di emissioni industriali), convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2015, n. 125;

il decreto legge 13 novembre 2015, n. 179 (Disposizioni urgenti in materia di contabilità e concorso all'equilibrio della finanza pubblica delle Regioni);

vista la legge regionale 15 dicembre 2015, n. 26 (Approvazione del rendiconto generale relativo all'esercizio finanziario 2014) ed i relativi allegati;

vista la Deliberazione di Giunta regionale n. 549 del 21 dicembre 2015 recante "Ripiano del disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui. Presentazione al Consiglio del Piano di rientro del disavanzo derivante dall'anno 2014, ai fini della successiva adozione da effettuarsi ai sensi dell'articolo 9, comma 5, del decreto legge 78/2015 e presentazione al Consiglio delle modalità di ripiano del maggior disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui di cui all'articolo 2 del decreto del Ministero dell'economia e delle finanze del 2 aprile 2015";

vista la Deliberazione di Giunta regionale n. 504 del 3 dicembre 2015, con la quale è stato approvato il riaccertamento straordinario dei residui ai sensi dell'articolo 3, commi 7 e seguenti del d.lgs. 118/2011;

considerato che per determinare le modalità di ripiano del disavanzo è necessario individuare distintamente la quota del disavanzo effettivo e già sostanzialmente presente alla data del 31 dicembre 2014, la quota del maggior disavanzo derivante dalla prima istituzione del Fondo crediti di dubbia esigibilità e dal riaccertamento straordinario dei residui, nonché la quota dei disavanzo derivante dalla necessità di costituire il Fondo per l'anticipazione di liquidità in sanità;

preso atto che con Deliberazione di Giunta regionale n. 548 del 21 dicembre 2015, in adempimento alle disposizioni contenute nel decreto-legge 13 novembre 2015, n. 179, è stato istituito il Fondo per l'anticipazione di liquidità in sanità per euro 87.881.483,40 ed è stato rideterminato il risultato di amministrazione alla data dell'1 gennaio 2015, disponendone le modalità di ripiano in conformità alla normativa nazionale vigente sopra richiamata;

considerato che la seconda Commissione consiliare permanente, nella seduta del 23 dicembre 2015, ha preso atto della Deliberazione di Giunta regionale n. 548 del 21 dicembre 2015:

rilevato che il maggior disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui è pari ad euro 102.044.432,73 ed è determinato sommando al disavanzo di amministrazione registrato all'1.1.2015, pari a euro 134.258.930,78, la quota del risultato dì amministrazione derivante dal perimetro sanitario, pari a euro 162.345,50 (come riportato nell'allegato 5/A della presente deliberazione per farne parte integrante e sostanziale), e sottraendo la quota dì disavanzo accertato dalla Corte dei Conti alla data del 31 dicembre 2014, pari ad euro 32.376.843,55;

tenuto conto che:

il disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui, di cui all'articolo 3 del d.lgs 118/2011, pari ad euro 102.044.432,73 , è ripianato in trenta anni, a decorrere dall'anno 2015 e fino all'anno 2044, in rate costanti per l'importo annuale di euro 3.401.481,09, da iscriversi nel capitolo di spesa U8201047001 del bilancio regionale; la copertura di detta spesa è da individuarsi, per l'anno 2015, per come indicato nell'allegato A della presente deliberazione, contenente le variazioni al bilancio dj previsione 2015 -2017, e per gli anni successivi attraverso i risparmi di spesa ottenuti dalla riduzione delle spese di funzionamento della Giunta regionale; la copertura delle rate afferenti agli esercizi finanziari 2016, 2017 e 2018 è assicurata dalla riduzione delle spese di funzionamento;

rilevato che:

il disavanzo effettivo alla data del 31 dicembre 2014, pari complessivamente a euro 32.376.843,55, deve essere ripianato in sette esercizi, a partire dall'esercizio finanziario 2015 e fino all'esercizio 2021, in quote costanti annuali di euro 4.625.263,36, secondo il Piano di rientro allegato alla presente deliberazione per farne parte integrante e sostanziale;

il ripiano del disavanzo viene garantito mediante lo stanziamento, nella parte spesa dei bilanci di previsione 2015 e successivi, di euro 4.625.263,36 al capitolo U8201044001;

la modalità di copertura del disavanzo alla data del 31 dicembre 2014 è stata individuata, per l'anno 2015, nell'ambito della manovra attuata con l'assestamento del bilancio di cui alla legge regionale 15 dicembre 2015, n. 27, mentre per gli anni successivi la copertura viene individuata nei risparmi dì spesa derivanti dalla riduzione delle spese di funzionamento, così come specificato nel Piano di rientro allegato alla presente deliberazione;

è necessario evitare la formazione di ogni ulteriore potenziale disavanzo;

considerato che la seconda Commissione consiliare permanente, nella seduta del 23 dicembre 2015, ha approvato le modalità di determinazione e di ripiano del maggiore disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui, nonché il Piano di rientro del disavanzo derivante dall'anno 2014;

preso atto del parere favorevole del Collegio dei revisori dei conti della Regione e del Consiglio regionale della Calabria espresso con verbale n. 84 del 28 dicembre 2015, allegato alla presente deliberazione quale parte integrante e sostanziale,

delibera

di stabilire che il maggior disavanzo ottenuto dal riaccertamento straordinario dei residui derivante dal saldo positivo del perimetro sanitario alla data del 31 dicembre 2014 è pari ad euro 162.345,50, come riportato nell'allegato 5/2 della presente deliberazione per fame parte integrante e sostanziale;

di approvare, ai sensi dell'articolo 2 del decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze 2 aprile 2015, la determinazione delle modalità di recupero del maggiore disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui effettuato ai sensi dell'articolo 3, comma 7, del d.lgs 118/2011 e s.m.i., pari ad euro 102.044.432,73;

di stabilire che il suddetto disavanzo debba essere ripianato in trenta esercizi, a decorrere dall'esercizio 2015 e fino all'esercizio 2044, in quote costanti annuali di euro 3.401.481,09, da iscriversi nel capitolo di spesa U8201047001 del bilancio regionale;

di stabilire che la copertura della suddetta spesa, per l'anno 2015, è assicurata per come indicato nell'allegato A alla presente deliberazione, quale parte integrante e sostanziale, e per gli anni successivi mediante i risparmi di spesa ottenuti dalla riduzione delle spese di funzionamento della Giunta regionale;

di approvare, ai sensi dell'articolo 9, comma 5, del decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, il Piano di rientro del disavanzo effettivo alla data del '31 dicembre 2014, pari complessivamente a euro 32.376.843,55, allegato alla presente deliberazione quale parte integrante e sostanziale;

di stabilire che il predetto disavanzo venga ripianato in sette esercizi, a partire dall'esercizio finanziario 2015 e fino all'esercizio 2021, in quote costanti annuali di euro 4.625.263,36, mediante lo stanziamento del medesimo importo, nella parte spesa dei bilanci di previsione 2015 e successivi, al capitolo U8201044001 ;

di dare atto che la modalità di copertura del suddetto disavanzo è stata individuata, per l'anno 2015, nell'ambito della manovra attuata con l'assestamento del bilancio dr cui alla legge regionale 15 dicembre 2015, n.27, mentre per gli anni successivi la copertura viene individuata nei risparmi dì spesa derivanti dalla riduzione delle spese di funzionamento, così come specificato nel Piano di rientro allegato alla presente deliberazione;

di dare atto che, ai sensi del penultimo periodo del citato articolo 9, comma 5 del d.1. 78/2015, con l'approvazione della presente deliberazione la Regione si impegna formalmente ad evitare la formazione di ogni ulteriore potenziale disavanzo.”

(Allegato)

Proposta di legge numero 111/10^, recante: “Legge di stabilità regionale 2016” (Del. n. 81 – L.R. n. 31/2015)

Art. 1

(Fondi Speciali)

1. Gli importi da iscrivere nei fondi speciali ai sensi del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 (Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, Enti Locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42) e degli articoli 17 e 21 della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8 (Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria), per il finanziamento dei provvedimenti legislativi che si prevede possano essere approvati nel triennio 2016-2018 sono determinati in euro 100.000,00 per il Fondo speciale destinato alle spese correnti (Programma U.20.03) ed in euro 300.000,00 per il Fondo speciale destinato alle spese in conto capitale (Programma U.20.03), così come indicato nelle tabelle A e B allegate alla presente legge.

Art. 2

(Rifinanziamento leggi regionali)

1. Ai sensi dell'allegato 4/1, paragrafo 7, lettera b), del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, il rifinanziamento degli stanzia menti previsti dalle leggi regionali di spesa è rideterminato per gli esercizi finanziari 2016, 2017 e 2018 rispettivamente in euro 259.980.960,86, euro 252.915.960,86 ed euro 252.535.960,86 così come indicato nella tabella C allegata alla presente legge.

Art. 3

(Nuove autorizzazioni di spesa)

1. Per il finanziamento degli interventi previsti dalla legge 9 gennaio 1989, n. 13 (Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati), inerenti all'abbattimento e al superamento delle barriere architettoniche, è autorizzata per l'esercizio finanziario 2016 la spesa di euro 5.000.000,00 a valere sulle risorse allocate al Programma U.10.05 (capitolo U0232221201).

2. Al fine di garantire l'erogazione della rata finale di riscatto dell'operazione di leasing degli immobili di proprietà della Società COMALCA per la realizzazione della sede del settore della Protezione Civile regionale, disposta con deliberazione della Giunta regionale n. 429 del 7 luglio 2007, è autorizzata nell'esercizio finanziario 2016 la spesa di euro 1.711.400,80, con allocazione al Programma U.01.05 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2016-2018. Il Dipartimento regionale competente è tenuto a garantire gli adempimenti previsti dal Contratto repertoriato al n. 710 del 25 giugno 2008 ai fini del valido esercizio del diritto di riscatto.

3. Al fine di garantire il cofinanziamento regionale degli interventi relativi alla realizzazione dei percorsi formativi di istruzione tecnica, finanziati con le risorse previste dal fondo di cui al comma 875 dell'articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato -Legge finanziaria 2007), è autorizzata nell'esercizio finanziario 2016 la spesa di euro 281.704,07, con allocazione al Programma U.04.05 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2016-2018.

4. Per il cofinanziamento regionale del progetto interregionale d'eccellenza "Progettazione e realizzazione di itinerari per la valorizzazione del turismo naturalistico", di cui al comma 1228 dell'articolo 1 della legge 27 dicembre 2006. n. 296 è autorizzata nell'esercizio finanziario 2016 la spesa di euro 222.000,79, con allocazione al Programma U.07.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2016-2018.

5. Per il cofinanziamento regionale del progetto interregionale d'eccellenza "Progettazione e realizzazione di itinerari per la valorizzazione del turismo religioso", di cui al comma 1228 dell'articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 è autorizzata nell'esercizio finanziario 2016 la spesa di euro 100.000,00, con allocazione al Programma U.07.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2016-2018.

6. Per consentire il funzionamento e l'ampliamento della biblioteca istituita presso il Santuario di San Francesco di Paola, è autorizzata nell'esercizio finanziario 2016 la spesa di euro 200.000,00, con allocazione al Programma U.05.02 dello stato di previsione della spesa del bilancio 20162018.

7. Al fine di realizzare il piano di vaccinazione necessario a risolvere il problema della febbre catarrale degli ovini (blue tongue) che ha colpito le aziende zootecniche del territorio calabrese ed in particolare dell'area del crotonese, è autorizzata nell' esercizio finanziario 2016, la concessione all'Associazione Regionale Allevatori della Calabria di un contributo di euro 300.000,00, con allocazione al Programma U.16.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2016-2018.

8. Al fine di rilanciare lo scalo aeroportuale "Tito Minniti" di Reggio Calabria e potenziare dal punto di vista tecnologico l'infrastruttura, attraverso l'installazione di un sistema ILS (lnstrument Landing System), è autorizzata nell'esercizio finanziario 2016 la spesa di euro 100.000,00, con allocazione al Programma U.10.04 dello stato di previsione della spesa del bilancio 20162018.

9. Al fine di sostenere le spese di organizzazione da parte dei comuni che ospitano il Giro d'Italia, è autorizzata nell'esercizio finanziario 2016 la spesa di euro 70.000,00, con allocazione al Programma U.06.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2016-2018.

10. Per garantire l'aumento del capitale sociale della società SACAL S.p.A. necessario ad adeguare il capitale societario al valore "minimo" previsto  dall'art. 3 del D.M. dei Trasporti e della navigazione n. 521 del 12 novembre 1997, per come deliberato nell'Assemblea dei soci del 18 dicembre 2015, è autorizzata nel biennio 2016-2017 la spesa complessiva di euro 515.655,80, di cui euro 257.827,90 nell'esercizio finanziario' 2016, con allocazione al Programma U.10.04 dello stato di previsione della spesa del bilancio 20162018.

11. Al fine di garantire interventi di manutenzione straordinaria e di ripristino della viabilità di strade dissestate, è autorizzata la spesa complessiva per l'esercizio finanziario 2016 di euro 350.000,00, con allocazione al Programma U.10.05 dello stato di previsione della spesa del bilancio 20162018.

12. Al fine di garantire la gestione delle dighe di proprietà regionale, è autorizzata per l'esercizio finanziario 2016 la spesa di euro 50.000,00, con allocazione al Programma U.09.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2016-2018.

13. Al fine di consentire la realizzazione di interventi per fronteggiare l'emergenza del campo immigrati di San Ferdinando di Reggio Calabria, è autorizzata nell'esercizio finanziario 2016 la spesa di euro 300.000,00, con allocazione al Programma U.11.01 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2016-2018.

Art. 4

(Esercizio, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici)

1. Al fine di garantire l'esercizio, il controllo, la manutenzione e !'ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici ubicati sul territorio di competenza della regione Calabria, è prevista per l'esercizio finanziario 2016 la spesa di euro 1.049.000,00, con allocazione al Programma U.17.01 del bilancio di previsione 2016-2018.

2. Alla copertura dell'onere di cui al comma 1 si provvede con le entrate derivanti dalle "Tariffe per ispezioni con addebito" previste nell'esercizio 2016 in euro 1.049.000,00 e riscosse alla Tipologia 30100 del bilancio di previsione 2016-2018.

Art. 5

(Cofinanziamento regionale del FSE nell'ambito del POR 2014-2020)

1. Al fine di garantire il cofinanziamento regionale del Fondo Sociale Europeo (FSE), nell'ambito del Programma Operativo 2014-2020, è autorizzata la spesa complessiva di euro 25.200.000,00 per gli anni 2016-2022, accantonata al Programma U.20.03 del bilancio regionale 2016-2018, per l'importo di euro 3.600.000,00 per ciascuno degli anni considerati a decorrere dall'esercizio finanziario 2016. La Giunta regionale è autorizzata ad apportare le necessarie variazioni al bilancio per l'iscrizione delle somme sui pertinenti capitoli della spesa in corrispondenza delle previsioni del piano finanziario del medesimo Programma Operativo 2014-2020.

Art. 6

(Norma finanziaria)

1. Alla copertura degli oneri derivanti dalla presente legge si fa fronte, ai sensi dell'articolo 4 della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8, con le risorse evidenziate nella parte entrata del bilancio 2016-2018.

2. Le tabelle A, B e C, allegate alla presente legge, danno la dimostrazione analitica della nuova spesa autorizzata con riferimento alle leggi organiche, ai Programmi e ai capitoli della spesa.

Art. 7

(Entrata in vigore)

1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale Telematico della Regione.

(Allegato)

Proposta di legge numero 110/10^, recante: “Bilancio di previsione finanziario della Regione Calabria per gli anni 2016-2018” (Del. n. 82 – L.R. n. 32/2015)

Articolo 1

(Bilancio di competenza - Stato di previsione dell'entrata e della spesa)

1. Lo stato di previsione di competenza delle tipologie dell'entrata della Regione per il triennio 2016-2018, al netto delle contabilità speciali, annesso alla presente legge è approvato in euro 6.886.586.423,21 per l'anno 2016 (tabella A) e in euro 4.696.318.238,64 e euro 4.556.381.497,57 rispettivamente per gli anni 2017 e 2018.

2. Lo stato di previsione delle contabilità speciali dell'entrata per il triennio 2016-2018 è approvato in euro 2.349.855.000,00 per l'anno 2016 (tabella A - riga entrate per conto terzi) ed in euro 2.349.855.000,00 per ciascuno degli anni 2017-2018.

3. E' autorizzato l'accertamento dei tributi e delle altre entrate per l'anno 2016.

4. Lo stato di previsione di competenza dei programmi della spesa della Regione per il triennio 2016-2018, al netto delle contabilità speciali, annesso alla presente legge, è approvato in euro 6.886.586.423,21 per l'anno 2016 (tabella B) e in euro 4.696.318.238,64 e euro 4.556.381.497,57 rispettivamente per gli anni 2017 e 2018.

5. Lo stato di previsione delle contabilità speciali della spesa per il triennio 2016-2018 è approvato in euro 2.349.855.000,00 per l'anno finanziario 2016 (tabella B - riga uscite per conto terzi) ed in euro 2.349.855.000,00 per ciascuno degli anni 2017-2018.

6. E' autorizzata l'assunzione di impegni entro i limiti degli stanziamenti dello stato di previsione di cui ai commi 4 e 5.

7. Al fine di garantire la corretta gestione del bilancio 2016, è autorizzato l'aggiornamento, con decreto del Dirigente generale del Dipartimento Bilancio, dei valori dei residui attivi, passivi e di stanziamento presunti che risultano modificati dalla effettiva gestione del bilancio a tutto il 31 dicembre 2015.

Articolo 2

(Bilancio di cassa - Stato di previsione dell'entrata e della spesa)

1. E' approvato in euro 10.657.969.883,45 lo stato di previsione di cassa delle tipologie dell'entrata della Regione per l'anno finanziario 2016, al netto delle contabilità speciali, annesso alla presente legge (tabella A).

2. E' approvato in euro 2.788.030.129,72 lo stato di previsione di cassa del totale delle contabilità speciali dell'entrata della Regione per l'anno finanziario 2016, annesso alla presente legge (tabella A - riga entrate per conto terzi).

3. Sono autorizzate le riscossioni ed il versamento dei tributi e delle entrate per l'anno 2016.

4. E' approvato in euro 10.640.255.626,51 lo stato di previsione di cassa dei programmi della spesa della Regione per l'anno finanziario 2016, al netto delle contabilità speciali, annesso alla presente legge (tabella B).

5. E' approvato in euro 2.405.996.399,50 lo stato di previsione di cassa del totale delle contabilità speciali della spesa della Regione per l'anno finanziario 2016, annesso alla presente legge (tabella B - riga uscite per conto terzi).

6. E' autorizzato il pagamento delle spese entro i limiti degli stanziamenti dello stato di previsione di cui ai commi 4 e 5.

Articolo 3

(Residui attivi e passivi presunti)

1. E' approvato in euro 4.338.785.364,02 il totale dei residui attivi presunti delle tipologie al 1° gennaio 2016, al netto delle contabilità speciali, di cui al conto annesso alla presente legge (tabella A).

2. E' approvato in euro 438.175.129,72 il totale dei residui attivi presunti delle contabilità speciali al 1° gennaio 2016, di cui al conto annesso alla presente legge (tabella A).

3. E' approvato in euro 3.457.762.115,27 il totale dei residui passivi presunti dei programmi al 1° gennaio 2016, al netto delle contabilità speciali, di cui al conto annesso alla presente legge (tabella B).

4. E' approvato in euro 56.141.399,50 il totale dei residui passivi presunti delle contabilità speciali al 1° gennaio 2016, di cui al conto annesso alla presente legge (tabella B).

Articolo 4

(Residui perenti)

1. L'importo dei residui in perenzione amministrativa di natura vincolata finanziati con l'avanzo di amministrazione che si prevede possano essere reclamati dai creditori nel corso dell'esercizio finanziario 2016, è determinato complessivamente in euro 288.510.527,70, di cui euro 83.353.725,45 iscritti al capitolo U070031 01 01 (Programma U.20.01, macroaggregato 110 di parte corrente) ed euro 205.156.802,26 iscritti al capitolo U0700320101 (Programma U.20.01, macroaggregato 205 di parte capitale).

Articolo 5

(Utilizzo del saldo finanziario presunto alla chiusura dell'esercizio 2015)

1. Il saldo finanziario presunto alla chiusura dell'esercizio finanziario 2015 è determinato in euro 1.991.028.082,75 ed è applicato al bilancio di previsione 2016 per euro 1.261.337.034,64, di cui euro 181.113.075,65 per il finanziamento di spese correnti ed euro 1.080.223.958,99 per il finanziamento di spese d'investimento. Tale quota di avanzo è utilizzata per come di seguito specificato:

- euro 586.666.713,54 per la reiscrizione in bilancio delle economie di spesa dell'esercizio 2015 finanziate con fondi statali e comunitari assegnati con vincolo di destinazione così come indicato nella parte A dell'allegato 1 al bilancio;

- euro 288.510.527,71 per la copertura dei residui perenti relativi ad impegni di spesa assunti a valere su capitoli finanziati da risorse con vincolo di destinazione, così come indicato nella parte B dell'allegato 1 al bilancio;

- euro 386.159.793,39 per la copertura di spese finanziate con la quota di disponibilità residua, così come indicato nella parte C dell'allegato 1 al bilancio.

Articolo 6

(Autorizzazione al ricorso all'indebitamento)

1. La Giunta regionale è autorizzata a ricorrere all'indebitamento, con oneri a carico del bilancio regionale, per la copertura della quota regionale di cofinanziamento dei Programmi per la Calabria 2014-2020, inerenti al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR), già autorizzato dall'articolo 6 della legge regionale 15 dicembre 2015, n. 27 (Assestamento e provvedimento generale di variazione del bilancio di previsione della Regione Calabria per l'esercizio finanziario 2015 e del bilancio pluriennale 2015 - 2017) per un importo massimo complessivo per il periodo 2016-2022 di euro 282.987.775,00 ed un ammontare annuo di euro 40.450.000,00.

2. L'importo indicato al comma 1 riguarda il cofinanziamento del FESR nell'ambito del Programma Operativo 2014-2020, per euro 21.855.396,43, e del FEASR nell'ambito del Piano di Sviluppo Rurale, per euro 18.571.428,57.

3. I mutui di cui al precedente comma per spese di investimento a carico del bilancio regionale sono contratti ai sensi e nei limiti di quanto disposto dalla normativa vigente.

4. Gli oneri di ammortamento dei mutui di cui al comma 3 trovano copertura nello stanziamento dei Programmi U.50.01 e U.50.02 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale 2016-2018. Per gli anni successivi le rate di ammortamento trovano copertura nei relativi bilanci.

Articolo 7

(Fondo di riserva per spese obbligatorie e d'ordine)

1. Il fondo di riserva per spese obbligatorie e d'ordine, ai sensi dell'articolo 18 della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8 (Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria), è iscritto nello stato di previsione della spesa al Programma U.20.01, ed è determinato per l'esercizio finanziario 2016 in euro 8.500.000,00.

2. Sono considerate obbligatorie e d'ordine le spese specificate nell'elenco allegato al documento tecnico che accompagna il bilancio di previsione annuale.

Articolo 8

(Fondo di riserva di cassa)

1. Il fondo di riserva di cassa, ai sensi dell'articolo 20 della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8, è iscritto nello stato di previsione della spesa al Programma U.20.01, ed è determinato per l'esercizio finanziario 2016 in euro 400.000.000,00.

Articolo 9

(Fondi di riserva e altri Fondi)

1. Il Fondo di riserva per garantire la copertura della spesa diversa da quella inerente al servizio sanitario regionale, derivante da atti giudiziali di pignoramento, è iscritto al Programma U.20.01 dello stato di previsione della spesa ed è determinato per l'esercizio finanziario 2016 in euro 10.030.692,59.

2. Il Fondo di parte corrente per oneri derivanti da contenziosi ai sensi dell'allegato 4/2, paragrafo 5.2, del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 (Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli Enti Locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42) e s.m.i. è iscritto al Programma U.20.03 dello stato di previsione della spesa ed è determinato per l'esercizio finanziario 2016 in euro 18.939.685,37.

3. Il Fondo per la copertura delle perdite risultanti dai bilanci di esercizio delle società a partecipazione regionale, di cui all'articolo 1, comma 550 e successivi, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato - Legge di stabilità 2014), è iscritto al Programma U.20.03 dello stato di previsione della spesa ed è determinato per l'esercizio finanziario 2016 in euro 6.155.030,92.

4. Il Fondo per la copertura di debiti nei confronti di Enti, persone fisiche e giuridiche, istituzioni ed organismi vari derivanti da attività dell'Amministrazione è iscritto al Programma U.20.03 dello stato di previsione della spesa ed è determinato per l'esercizio finanziario 2016 in euro 4.312.500,00.

Articolo 10

(Quadro generale riassuntivo)

1. E' approvato il quadro generale riassuntivo dell'entrata e della spesa del bilancio di competenza e di cassa della Regione per l'anno finanziario 2016, annesso alla presente legge, ai sensi dell'articolo 11 del decreto legislativo n. 118/2011 e s.m.i..

Articolo 11

(Classificazione dell'entrata e della spesa)

1 . Le entrate della Regione sono classificate secondo quanto previsto dall'articolo 15 del decreto legislativo n. 118/2011 e s.m.i.. I Titoli e le Tipologie delle entrate sono approvate nell'ordine e con la denominazione indicate nel relativo stato di previsione (tabella A).

2. Le spese della Regione sono classificate secondo quanto previsto dagli articoli 12, 13 e 14 del decreto legislativo n. 118/2011 e s.m.i.. Le Missioni e i Programmi sono approvati nell'ordine e con la denominazione indicati nel relativo stato di previsione (tabella B).

Articolo 12

(Autorizzazione alle variazioni al bilancio)

1. Nel corso dell'esercizio, la Giunta regionale, con propria deliberazione, è autorizzata ad apportare le variazioni agli stanziamenti del bilancio di previsione 2016-2018, al documento tecnico di accompagnamento e al bilancio finanziario gestionale, ai sensi dall'articolo 3, comma 4, e dell'articolo 51 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, e s.m.i..

2. Ai sensi dell'articolo 48 e dell'articolo 51, comma 4, del decreto legislativo n. 118/2011 e s.m.i., le variazioni agli stanziamenti del bilancio di previsione 2016-2018, al documento tecnico di accompagnamento e al bilancio finanziario gestionale da effettuarsi con provvedimento del dirigente generale del Dipartimento Bilancio sono le seguenti:

a) le variazioni compensative fra capitoli di entrata della medesima categoria e fra i capitoli di spesa del medesimo macroaggregato del bilancio di previsione annuale e triennale;

b) con riferimento ai macroaggregati riguardanti i trasferimenti correnti, i contributi agli investimenti e i trasferimenti in conto capitale, le variazioni compensative solo dei capitoli di spesa appartenenti al medesimo macroaggregato e al medesimo codice di quarto livello del piano dei conti;

c) le variazioni di bilancio riguardanti la reiscrizione di somme vincolate relative ad economie di spesa o ad impegni di spesa insussistenti, anche riferiti ad esercizi finanziari precedenti;

d) le variazioni fra gli stanziamenti riguardanti il fondo pluriennale vincolato e gli stanziamenti correlati;

e) le variazioni necessarie per l'adeguamento delle previsioni, compresa l'istituzione di tipologie e programmi, riguardanti le partite di giro e le operazioni per conto di terzi;

f) le variazioni degli stanziamenti riguardanti i versamenti ai conti di tesoreria statale intestati all'ente e i versamenti a depositi bancari intestati all'ente;

g) i prelievi dai fondi di riserva e dagli accantonamenti, ad esclusione del fondo di riserva per le spese impreviste.

3. Gli Enti, le Aziende e le Agenzie regionali sono autorizzati, ai sensi dell'articolo 57, comma 6, della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8 ad effettuare variazioni ai rispettivi bilanci nel corso dell'esercizio, nei casi previsti ai precedenti commi, in quanto compatibili, e previa comunicazione alle strutture regionali competenti.

Articolo 13

(Allegati del bilancio)

1. Sono approvati gli allegati al bilancio di previsione 2016-2018, per come previsti dall'articolo 11 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 e s.m.i.

Articolo 14

(Pubblicazione)

1. La presente legge entra in vigore nel giorno successivo alla sua pubblicazione nel Bollettino ufficiale telematico della Regione.

(Allegato)

Proposta di provvedimento amministrativo numero 105/10^, recante: “Bilancio di previsione del Consiglio regionale per gli esercizi 2016-2018” (Del. n. 83)

Il Consiglio regionale,

visto il decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 (Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42) e s.m.i. ;

dato atto che, ai sensi dell'articolo 80 del d.lgs 118/2011, le disposizioni di cui al Titolo III si applicano a decorrere dall'esercizio finanziario 2015, con la predisposizione dei bilanci relativi all'esercizio 2015 e successivi;

considerato che, ai sensi dell'articolo 1, comma 1, del sopra citato decreto legislativo, dal 1° gennaio 2015 cessano di avere efficacia le disposizioni regionali incompatibili con le norme contenute nello stesso;

richiamati:

l'articolo 10. comma 1, del d.lgs 118/2011, che dispone che il bilancio di previsione finanziario è almeno triennale, ha carattere autorizzatorio ed è aggiornato annualmente in occasione della sua approvazione; l'articolo 67 del d.lgs 118/2011, che, al comma 1. ribadisce che l'autonomia contabile del Consiglio regionale deve essere assicurata dalle Regioni sulla base delle disposizioni statutarie, ed al comma 2 prevede che il Consiglio regionale adotti il medesimo sistema contabile degli schemi di bilancio della Regione. adeguandosi ai principi contabili generali ed applicati al d.lgs 118/2011 ;

Visti:

i principi contabili applicati e gli schemi di bilancio allegati al d.lgs 118/2011; lo schema di bilancio di previsione finanziario per gli anni 2016 -2018, redatto sulla base degli schemi di cui all'allegato 9 del d.lgs 118/2011;

Considerato che il bilancio di previsione del Consiglio regionale per il triennio 2016 -218 è suddiviso per missioni e programmi ed è stato elaborato in attuazione dei principi di cui al d.lgs 118/2011 e s.m.i., secondo gli schemi previsti dall'allegato 9 del decreto stesso, che di seguito si riepilogano e che costituiscono parte integrante e sostanziale della presente deliberazione:

entrate per titoli e tipologie;

spese per missioni e programmi con suddivisione in titoli;

riepilogo per titoli di entrata;

riepilogo per titoli di spesa;

riepilogo delle spese per missioni;

quadro generale riassuntivo;

equilibri di bilancio;

tabella dimostrativa del risultato di amministrazione presunto all'inizio dell'esercizio 2016;

composizione per missioni e programmi del fondo pluriennale vincolato degli esercizi 2016-2018;

elenco delle spese obbligatorie;

nota integrativa;

considerato che i documenti contabili del bilancio di previsione del Consiglio regionale prevedono un fabbisogno per le spese di funzionamento di euro 58 milioni per ciascuno degli esercizi 2016, 2017 e 2018;

visti:

la deliberazione n. 74 del 17 dicembre 2015, con la quale l'Ufficio di Presidenza propone al Consiglio regionale l'approvazione del bilancio di previsione per gli esercizi 2016-2018;

il Regolamento interno di amministrazione e contabilità del Consiglio regionale;

preso atto:

del parere favorevole al bilancio di previsione del Consiglio per gli esercizi 2016-2018 espresso dalla Conferenza dei Capigruppo nella seduta del 22 dicembre 2015, ai sensi dell'articolo 6, comma 4, del Regolamento interno di amministrazione e contabilità del Consiglio regionale;

della relazione della Commissione Speciale di Vigilanza a corredo del bilancio di previsione del Consiglio per gli esercizi 2016 -2018, ai sensi di quanto disposto dall'articolo 6, comma 4, del Regolamento interno di amministrazione e contabilità del Consiglio regionale;

del verbale n. 83 del 23 dicembre 2015, con il quale il Collegio dei revisori dei Conti della Regione e del Consiglio regionale ha espresso parere favorevole con osservazioni sul bilancio di previsione del Consiglio regionale per gli esercizi 2016/2018,

delibera

di approvare il bilancio di previsione del Consiglio regionale per gli esercizi finanziari 2016 -2018 ed i relativi allegati che costituiscono parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

di chiedere alla Giunta regionale la somma di euro 58 milioni per il funzionamento del Consiglio regionale per ciascuno degli anni inclusi nel bilancio del Consiglio regionale 2016-2018.

(Allegato)

Proposta di legge numero 107/10^, recante: “Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 16 aprile 2002, n. 19 'Norme per la tutela, governo ed uso del territorio – Legge Urbanistica della Calabria'” (Del. n. 84 - L.R. n. 40/15)

Art. 1

(Modifiche all'articolo 7)

1. L'articolo 7 della legge regionale 16 aprile 2002, n. 19 (Norme per la tutela, governo ed uso del territorio -Legge Urbanistica della Calabria) è così modificato:

a) dopo la lettera b) del comma 1 è inserita la seguente:

"b bis) il territorio della Città metropolitana di Reggio Calabria;".