CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA
Seduta n. 7 del 14/07/2020 - Diretta testuale e streaming



DIRETTA DALL'AULA - 7^ SEDUTA

di martedì 14 luglio 2020

Presidenza del Presidente Domenico TALLINI

 

Il Presidente dà avvio ai lavori con la lettura e l'approvazione del verbale della seduta precedente.

Comunicazioni all'Aula.

Sull'ordine dei lavori, interviene il consigliere MINASI Clotilde (Lega Salvini) (chiede l'inserimento di un Ordine del Giorno relativo alla tutela del diritto alla salute e al comparto turismo).

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico) (annuncia voto contrario all'inserimento, non conforme a quanto stabilito in sede di Conferenza dei Presidenti dei Gruppi consiliari)

Interviene il Presidente (pur concordando con quanto detto dal consigliere Bevacqua, ritiene che, considerata l'emergenza sanitaria, non sarebbe inopportuna l'apertura della discussione sui migranti, ma potrebbe essere fraintesa).

Interviene il consigliere DI NATALE Graziano (Io Resto in Calabria) (non conoscendo la portata dell'Ordine del Giorno a firma Minasi, manifesta perplessità sulla opportunità del suo l'inserimento all'ordine del giorno del Consiglio)

Interviene il Presidente (dispone la distribuzione l'Ordine del Giorno)

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Casa delle libertà) (considerata l'intenzione non strumentale delle argomenazioni di cui all'ordine del giorno, esprime parere favorevole all'inserimento)

Interviene il consigliere DI NATALE Graziano (Io Resto in Calabria) (chiede che le Mozioni vengano inserite all'ordine del giorno nel rispetto della cronologia)

Interviene il Presidente (rammenta che l'inserimento dei provvedimenti all'ordine delgiorno è stabilito dalla Conferenza dei Presidenti dei Gruppi consiliari).

Interviene il consigliere ANASTASI Marcello (Io Resto in Calabria) (chiede l'inserimento all'ordine del giorno di una Mozione sull'assegnazione provvisoria del personale docente).

Interviene il Presidente che pone ai voti l'inserimento della Mozione.

Il Consiglio approva.

Il Presisdente pone ai voti l'inserimento dell'ODG proposto dalla consigliera Minasi. Il Consiglio approva.

Interviene il consigliere CAPUTO Pierluigi (Jole Santelli Presidente) (chiede l'inserimento all'ordine del giorno della Proposta di Provvedimento Amministrativo recante "Approvazione schema di convenzione tra la Regione Calabria e i Gruppi di Appartamento per l'erogazione di servizi socio assistenziali - legge n. 328/2000 e l.r. n. 23/2003 - legge regionale n. 21/96 e s.m.i. " e la Proposta di Legge recante " Disposizioni transitorie sulla l.r. 3/2009 recante 'Disposizioni regionali sui bandi relativi a finanziamenti in materia di programmazione unitaria' ").

Il Presidente pone ai voti l'inserimento PPA 49/11. Il Consiglio approva

Il Presidente pone ai voti l'inserimento della PdL 28/11 -

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico) (si dichiara contrario all'inserimento).

Interviene il consigliere CAPUTO Pierluigi (Jole Santelli Presidente) (illustra la Proposta di Legge)

Interviene il consigliere IRTO Nicola (Partito Democratico) (non comprende la portata del provvedimento. La legge voleva evitare la pubblicazione dei bandi ad agosto. Ritiene che il metodo sin qui utillizzato non consente di affrontare efficacemente l'emergenza, considerato che provvedimenti strategici non sono stati ancora posti in discussione)

Interviene il consigliere GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) (ritene che la proposta Caputo contrasti con la necessità di trasparenza. Le proposte di inserimento non visionati dalla conferenza dei capigruppo rischiano di essere scarsamente analizzati, considerato il mancato avvio delle Commisioni consiliari. Anche la legge di convenzione gruppi appartamento può rappresentare un problema).

Interviene l'Assessore al Lavoro, Sviluppo Economico e Turismo, dott. Fausto Orsomarso (precisa che la previsione di pervenire alla pubblicazione dei bandi nel mese di agosto scaturisce dalla situazione eccezionale e non attiene alla pubblicazione di bandi per investimenti. La ratio è quella di consentire la gestione dell'emergenza, conclude).

Interviene il consigliere AIETA Giuseppe (Democratici Progressisti - Calabria) (rispetto alla situazione esistente al momento dell'approvazione della legge vi è una maggiore consapevolezza ed il controllo sociale, che esiste, favorisce la pubblicazione dei bandi, dichiara, non è condivisibile, però, la modalità di inserimento dei provvedimenti).

Interviene il consigliere MANCUSO Filippo (Lega Salvini) (il periodo è particolare, dichiara, e la norma si riferisce solo all'annuallità 2020. Del fatto che si riferisca ad un periodo circoscritto potrebbe essere data la giusta pubblicità attraverso i media, conclude).

Interviene il consigliere IRTO Nicola (Partito Democratico) (la norma toglie il vincolo di agosto a prescindere. Ritiene necessario un confronto per emendare la norma che, di fatto, non individua un ambito di intervento "limitatamente ai bandi emergenza covid").

Interviene il Presidente (ritiene che la proposta emendativa di Irto possa essere agevolmente accolta)

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Casa delle libertà) (reputa strumentale la presa di posizione della minoranza, relativamente alla proposta Caputo, ritiene si possa porre in discussione con l'accoglimento dell'emendamento tracciato dal consigliere Irto e che, di fatto, è insito nella relazione della proposta).

Interviene il consigliere GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) (ritiene che la minoranza non possa essere tacciata di ostruzionismo ed, in risposta a quanto asserito dal consigliere Esposito, precisa che la relazione e l'articolato non sono strettamente rispondenti. Riprende quanto proposto dal consigliere Irto che ritiene debba essere accolto. In merito al proliferare di richieste di inserimento all'ordine del giorno, ritiene che lo stesso debba essere previsto e concordato in seno alla Conferenza dei Presidente dei Gruppi consiliari).

Interviene il Presidente (considerato che i consiglieri sono scarsamente informati sulle decisioni assunte in sede di Conferenza dei Presidenti dei Gruppi consiliari invita ad una maggiore comunicazione al loro interno. Ritiene che la convenzione, scaduta il 31 marzo, debba essere prorogata).

Pone ai voti l'inserimento della Proposta di Legge. Il Consiglio approva

Interviene il consigliere DI NATALE Graziano (Io Resto in Calabria) (chiede l'inserimento all'ordine del giorno della Mozione n. 15 recante In merito alla istituzione di una commissione medica territoriale a supporto degli operatori balneari)

Il Presidente pone ai voti l'inserimento - Il Consiglio approva

Interviene il consigliere PARIS Nicola (Unione di Centro) (riccorrendo oggi il cinquantesimo anniversario dei Moti di Reggio, chiede venga osservato un minuto di silenzio in memoria delle 5 vittime di quella giornata)

L'Aula, levatasi in piedi, osserva un minuto di silenzio

Il Presidente inserisce il primo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.48/11^ di iniziativa D'Ufficio recante: " Presa d'atto delle dimissioni del Consigliere regionale Filippo Callipo "

Il consigliere MANCUSO Filippo (Lega Salvini ) relaziona sul punto

Interviene il Presidente (fa presente che la Conferenza dei presidenti dei gruppi consiliari ha deciso di respingere le dimissioni del consigliere Callipo per consentire una riflessione profonda al capo dell'opposizione ed evitare che lo stesso abbandoni il posto assegnatogli dai Calabresi. Non condivide la motivazioni a corredo della richiesta di dimissioni, ma ritiene che il posto del consigliere Callipo sia in Consiglio, che ha tutte le carte in regola per continuare la propria mission, anche col supporto della competenza del consigliere dimissionario).

Interviene il consigliere ANASTASI Marcello (Io Resto in Calabria) (concorda con le motivazioni sul respingimento delle dimissioni illustrate dal Presidente. Il messaggio è forte ed è finalizzato a consentire una forte ripartenza, riconosce la levatura del consigliere Callipo la cui dimissioni debbono essere lette come un urlo forte che serve da monito per la ripartenza e per consentire che "Io resto in Calabria" resti in Calabria. Qualora la decisione non dovesse rispondere alle aspettative del Consiglio e dei Calabresi sarà necessario chiudersi nel silenzio e rispettare la scelta fatta)

Interviene il consigliere GIANNETTA Domenico (Forza Italia) (quale Presidente della Commissione Speciale di Vigilanza prende le distanze da strumentalizzazioni che si sono perpetrate nei confronti della maggioranza in occasione della elezioni dei presidenti delle commisioni. Nel merito del provvedimento in discussione, ritiene che le dimissioni di Callipo rappresentino il fallimento di un progetto politico. Pur nel rispetto della persona, non condivide l'abbandono della nave a sei mesi delle elezioni. L'elettorato di sinistra è stato tradito, dichiara. Richiama la minoranza ad una maggiore coerenza, anche quando richiama la prassi sull'attribuzione della presidenza della Commissione Speciale di Vigilanza alla minoranza. Tranquillizza tutti sulla gestione non di parte della commissione da lui diretta).

Interviene il consigliere DI NATALE Graziano (Io Resto in Calabria) (apprezza il garbo istituzionale del Presidente, meno l'intervento del consigliere Giannetta, assolutamente fuori tema. Aldilà della valutazione di merito, ritiene opportuno il richiamo ad una riflessione da parte del consigliere Callipo. Una minoranza forte è garanzia di una maggioranza forte. Il Consiglio ha l'obbligo di cambiare il corso degli eventi, non fare peggio di una cattiva gestione precedente non vuol dire far bene. Le dimissioni di Callipo per la minoranza rappresentano una battuta d'arresto perchè ci si era spesi in campagna elettorale per pervenire ad un reale cambiamento, dichiara. Concorda col richiamo al senso di responsabilità dell'Aula e la permanenza di Callipo che sarebbe più che auspicabile).

Interviene il Presidente

Interviene il consigliere AIETA Giuseppe (Democratici Progressisti - Calabria) (manifesta una certa difficoltà ad affrontare la problematica. Il consigliere Callipo, dichiara, si dimette non per motivazioni strettamente personali, ma in netto contrasto con l'Aula. L'analisi a supporto delle motivazioni delle dimissioni mi induce, dichiara, ad esprimere il voto a favore della presa d'atto. L'Aula deve affrontare un dibattito sulle motivazioni a supporto delle dimissioni. Sarà necessario aprire una discussione sulle dichiarazioni gravi espresse perchè è interesse dell'Aula ed è interesse della Calabria e della speranza per il suo futuro. Respinge il giudizio rassegnato di Callipo sulla Calabria).

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico) (condivide la proposta del presidente Tallini, meno l'intervento Giannetta che ritiene essere fuori contesto. Le dimissioni del consigliere Callipo hanno colto di sorpresa anche la minoranza, dichiara. Per il centrosinistra e per il PD, soprattutto, rappresentano una sconfitta ed un motivo di grande riflessione che deve indurre a valutare le motivazioni della scelta e sulle responsabilità della politca anche nella valutazione del perchè ciò sia avvenuto. Si chiede se i partiti siano in grado di aprirsi alle energie nuove e far comprendere le fatiche insite nell'esercizio del ruolo di consigliere e della politica in generale. Il PD ha tentato il processo di apertura nei confronti della società civile e proseguirà con il percorso intrapreso).

Interviene il consigliere TASSONE Luigi (Partito Democratico) (il merito della discussione impone una riflessione seria e rigorosa ed ha un profondo significato. Aprire una fase nuova comporta sacrifici, il cambiamento implica fatica, è necessario assumersi la responsabilità nell'intraprendere un percorso virtuoso e responsabile. Il Partito Democratico ha in sè la forza per continuare senza rincorrere alcuno).

Interviene il consigliere PIETROPAOLO Filippo Maria (Fratelli d Italia) (condivisibili i presupposti di cui all'intervento Aieta, da rigettare in toto le motivazioni di cui alle dimissioni di Callipo. La politica implica la comprensione delle problematiche, ma, contestualmente, la ricerca delle soluzioni. Callipo avrebbe potuto dare un apporto notevole, ed è per questo che annuncia il voto contrario la proposta di dimissioni, pur non concordando sulle motivazioni addotte. L'auspicio è che il consigliere Callipo rifletta sul valore aggiunto che la sua azione in seno al Consiglio potrebbe rappresentare).

Interviene il consigliere GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) (necessario evitare la saga delle ipocrisie, compresa l'espressione di voto del consigliere Aieta. Il Centrosinistra aveva pensato di pervenire ad un cambio di rotta, i consiglieri possono svolgere un ruolo, finalizzato a dare il proprio apporto. Quattro mesi non sono sufficienti ad esprimere una valutazione. Consociativismo e trasversalismo hanno determinato l'infiltrarsi della mafia, si pensava ad una fase nuova, i fatti sin qui registrati non vanno in questa direzione, compresa la mancata assegnazione della presidenza della Commisione di Vigilanza (Giannetta deve comprendere che in politica anche i simboli hanno una valenza). Ritiene che il peggio debba ancora arrivare, dal punto di vista economico e sociale. La figura di Callipo avrebbe potuto rappresentare un'inversione di tendenza. Puerile pensare che le dimissioni di Callipo possano rappresentare una rivincita di una parte delle coalizioni all'interno del centrosinistra. L'apertura della cassa da parte dell'Europa potrà rappresentare una opportunità, ma ciascuno dovrà essere ligio e rispettoso del proprio ruolo e far convergere le singole energie per un obiettivo comune. La tenuta democratica dello Stato in Calabria, ma anche nel territorio nazionale, si può garantire soltanto attraverso un'azione concreta).

Interviene il consigliere SAINATO Raffaele (Fratelli d Italia) (ritiene che le dimissioni del capo della minoranza debbano essere ricercate al proprio interno. Il Consiglio regionale dovrà parlare un'unica lingua, necessario interrrogarsi ed essere consequenziali poichè la minoranza perde il proprio vertice ed il Consiglio un valido componente. Necessario l'apporto della minoranza nelle dinamiche del Consiglio. Fratelli d'Italia è pronto ad accogliere le dimissioni di Callipo la cui scelta di dimettersi può essere condivisa, ma anche stigmatizzata).

Interviene il consigliere GRAZIANO Giuseppe (Unione di Centro) (annuncia il voto contrario alle dimissioni, concorda su alcuni osservazioni in relazione alle motivazioni delle dimissioni che non posso non essere tenute in debita considerazione. Le dimissioni del capo dell'opposizione è rilevante per tutti, la minoranza aveva inteso iniziare un nuovo percorso dovendosi privare dell'elemento di svolta. Il consigliere Callipo dovrebbe continuare a rivestire il ruolo assegnatogli proprio per invertire la tendenza del modus operandi che lo ha indotto a lasciare. Callipo ha, nella sua azione di imprenditore, intrapreso una lotta personale contro la ndrangheta, oggi deve farlo da consigliere in seno al Consiglio).

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Casa delle libertà) (annuncia il voto contrario alla mozione. L'auspicio, dichiara, è che il consigliere Callipo retroceda dall'intento di lasciare il Consiglio. Le motivazioni posso risalire anche agli eventi delle prime sedute. Le dimissioni di Callipo rappresentano un vulnus per tutto il Consiglio, ma il trauma è tutto interno al centrosinistra, ai contrasti interni ed alle piccole vendette. Dovrà essere il centrosinistra a tentare di ricucire e convincere il conigliere Callipo a rioccupare il proprio posto).

Il Presidente pone ai voti la proposta di provvedimento amministrativo procedendo per appello nominale.

Il Presidente comunica l'esito della votazione:

presenti e votanti 27
hanno votato sì 3
hanno votato no 24

Il Consiglio respinge la presa d'atto delle dimissioni del consigliere regionale Filippo Callipo.

Il Presidente inserisce il secondo punto all'ordine del giorno:

Anticipazione di liquidità in favore degli enti del Servizio sanitario regionale di cui agli articoli 115 e 117 del D.L. 34/2020 - Informativa

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico) (non ravvede l'utilità dell'informativa)

Interviene il Presidente Tallini

Interviene l'Assessore al Bilancio e Politiche del personale, dott. Francesco Talarico.

Interviene il Presidente TALLINI Domenico (Forza Italia) (fa presente che, essendo stato stimolato da alcuni operatori del settore sanità, in presenza della opportunità data dal DL 34/2020, si è fatto promotore di una serie di iniziative anche per consentire la certificazione della spesa da parte delle aziende sanitarie, con l'ausilio dei dipartimenti regionali interessati. L'aspetto negativo è che la Regione dovrà farsi carico degli interessi e, dunque, tutta l'azione è vanificata dalla mancata disponibilità da parte dei ministeri e dagli effetti devastanti dell'uso del fondo. Ritiene che il commissariamento della sanità rappresenti un freno ad ogni iniziativa finalizzata a fare uscire la Calabria dall'emergenza sanitaria).

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico) (ritiene che la difficoltà di affrontare la problematica sanità sia tutta riconducibile agli effetti del decreto Calabria (decreto 35) e che andrebbe fatta una battaglia comune per determinare un'inversione di rotta nella sua gestione che , ora, come in passato, è colonizzata da managers del nord che nulla hanno a che spartire con la Calabria).

Interviene il consigliere MANCUSO Filippo (Lega Salvini) (ci si era illusi, dichiara, di poter dare un impulso all'economia attraverso il dl 34/2020 e poter affrontare il debito regionale. La normativa ha ingenerato false attese).

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Casa delle libertà) (ritiene che l'informatia sia importante. Ha apprezzato la volontà del Presidente Tallini di cogliere l'opportunità dell'uso del fondo di liquidità di cui al dl 34/2020. Il dramma è rappresantato dai presupposti di cui alla normativa emergenziale, e di cui agli interventi governativi, che, alla luce delle condizioni poste, sarebbe stata deleteria).

Interviene il consigliere GIANNETTA Domenico (Forza Italia) (giusto sviscerare i nodi della sanità e corretta l'informativa da parte Giunta regionale. La situazione della sanità è critica per la massa debitoria, ma anche per la difficoltà degli ospedali che sono sottodotati ed impossibilitati a garantire il servizio. Se le condizioni imposte avrebbero impedito il rimpiazzo del personale, la decisione della Giunta è stata quantomai opportuna. Necessario vigilare sull'uso delle somme nella disponibilità dell'amministrazione regionale).

Interviene il consigliere SAINATO Raffaele (Fratelli d Italia) (chiede se non sia possibile valutare l'opportunità di contrarre un mutuo per acqua e rifiuti attraverso la copertura in bilancio e con nuova liquidità col mutuo).

Il Presidente pone ai voti la proposta

Il Consiglio approva.

Sull'ordine dei lavori, l'assessore alle Politiche agricole e sviluppo agroalimentare, Politiche sociali e per la famiglia GALLO Gianluca (Forza Italia) chiede l'inversione dell'ordine del giorno e la trattazione della Proposta di Provvedimento amministrativo n. 49/11^.

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico)

Interviene il Presidente Tallini

Interviene l'Assessore alle Politiche agricole e sviluppo agroalimentare, Politiche sociali e per la famiglia, avv. Gianluca Gallo.

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico)

Il Presidente inserisce il quarto punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.14/11^ di iniziativa della Giunta regionale recante: ' Bilancio di previsione 2020-2022 dell'Azienda Territoriale Residenziale Pubblica Regionale (ATERP Calabria) '  

Interviene il consigliere PARIS Nicola (Unione di Centro) che relaziona sul punto

Interviene il consigliere DI NATALE Graziano (Io Resto in Calabria) (annuncia voto di astensione, considerato che il bilancio avrebbe dovuto essere sottoposto al vaglio della commisione bilancio)

Interviene il consigliere PITARO Vito (Jole Santelli Presidente) (puntualizza il fatto che l'Aterp è un ente strumentale che vive di risorse proprie, ma ritiene necessario che la Giunta pervenga ad una forma di finanziamento a favore dei locatari)

Interviene il consigliere TASSONE Luigi (Partito Democratico) (annuncia il voto di astensione a causa della mancata approvazione in commissione bilancio)

Interviene il Presidente Tallini ( rammenta che le commissioni non sono state messe in condizione di lavorare a causa della mancata designazione dei componenti di minoranza in seno alle commissioni )

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico) (ribadisce che la minoranza non ha indicato i componenti le commissioni a causa del vulnus di natura politico/istituzionale creatosi in seno al Consiglio a seguito della mancata attribuzione della presidenza della commissione speciale di vigilanza alla minoranza )

Il Presidente pone ai voti la proposta

Il Consiglio approva.

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico)

Interviene il consigliere GRAZIANO Giuseppe (Unione di Centro)

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico)

Trattazione rinviata.

Il Presidente inserisce il sesto punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.35/11^ di iniziativa della Giunta regionale recante: ' Bilancio di previsione 2020-2022 dell'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente (ARPACAL) ' 

Interviene il consigliere PARIS Nicola (Unione di Centro) che relaziona sul punto

Interviene il consigliere MANCUSO Filippo (Lega Salvini) ( invita il dipartimento ambiente a prestare a particolare attenzione alla stabilizzazione dei precari )

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso

Il Consiglio approva.

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico) (trattasi di un documento per la cui approvazione andrebbe riservata maggiore attenzione, si è di fronte ad una programmazione che rappresenta una svolta. Il provvedimento in esame, dichiara, espropria il Consiglio di un ruolo importante).

Interviene il consigliere GRAZIANO Giuseppe (Unione di Centro)(trattasi di un atto di indirizzo che, di fatto, incarica i dipartimenti a redigere gli atti propedeutici per la programmazione).

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce l'ottavo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.37/11^ di iniziativa della Giunta regionale recante: ' Bilancio di previsione 2020-2022 dell'Ente per i Parchi Marini Regionali (EMPR) '  

Interviene il consigliere PARIS Nicola (Unione di Centro) che relaziona sul punto

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il nono punto all'ordine del giorno:

Esame dello stato d'emergenza igienico-sanitaria in materia ambientale/ciclo dei rifiuti - DIBATTITO

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico) (propone il rinvio)

Interviene il Presidente Tallini (comunica che è in via di redazione il piano regionale dei rifiuti e, dunque, coerente il rinvio del punto per consentire una discussione articolata, avendo a base della stessa il piano. Ritiene, a questo punto, si debba utilmente prodeguire con l'approvazione dei punti all'ordine del giorno)

Interviene il consigliere GRAZIANO Giuseppe (Unione di Centro)

Interviene il consigliere DI NATALE Graziano (Io Resto in Calabria) (manifesta la propria disponibilità all'apertura del dibattito)

Interviene il consigliere ANASTASI Marcello (Io Resto in Calabria) ( manifesta perplessità sulle posizioni che si stanno delineando, ritiene fondamentale pervenire alla trattazione del punto sulla emergenza rifiuti. Ritiene, inoltre, sia stata banalizzata la presenza dell'assessore )

Interviene il consigliere SAINATO Raffaele (Fratelli d Italia) (accoglie la richiesta di rinvio, non si banalizza la presenza dell'assessore, dichiara, ma si dà la possibilità di affrontare la problematica avendo a base della discussione il piano rifiuti in fase di predisposizione).

Trattazione rinviata.

Il Presidente inserisce il decimo punto all'ordine del giorno:

Ordine del giorno a firma dei Consiglieri Tallini, Pitaro V., Pietropaolo, Minasi 'Sostegno alla candidatura di Tropea a capitale italiana della cultura 2022';  

Il Presidente illustra l'Ordine del Giorno

Interviene il consigliere TASSONE Luigi (Partito Democratico) (condivide l'iniziativa per rquello che Tropea rappresenta per la provincia di Vibo e per tutto l'indotto)

Interviene il consigliere GIANNETTA Domenico (Forza Italia) (necessario dare tutto il sostegno, anche economico, per un esito positivo)

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico) (importante l'ordine del giorno che deve vedere la partecipazione ed il contributo di tutti, utile fare squadra e coinvolgere quanti più soggetti posibili, istituzionali e non. Il progetto deve essere credibile)

Il Presidente pone ai voti l'Ordine del Giorno

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce l'undicesimo punto all'ordine del giorno:

Mozione n.22/11^ di iniziativa dei Consiglieri D. TALLINI, F. PIETROPAOLO, C. MINASI, G. ARRUZZOLO, G. GRAZIANO recante: "In merito alla realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina"

Interviene il consigliere GIANNETTA Domenico (Forza Italia), che illustra la mozione (importante non sprecare l'opportunità che si profila e fare in modo che il tema sia oggetto di una discussione competente e convinta per quello che rappresentain termini di rilancio dell'economia).

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico) (non condivide la proposta senza una visione organica e strutturale dell'intero Paese. La costruzione del ponte ha senso nella misura in cui vengano portate a termine opere strutturali che tolgano realmente dall'isolamento la Regione).

Interviene il consigliere RASO Pietro (Lega Salvini) (le opere indicate dal consigliere Bevacqua sono secondarie rispetto al ponte)

Interviene il Presidente TALLINI Domenico (Forza Italia) (premette che prima di assumere l'iniziativa e di porre in discussione la "questione ponte" ha verificato l'interesse nazionale sull'opera. Sarebbe stato incomprensibile che proprio la Calabria non riprendesse la discussione sull'opera che muoverebbe economie inimmaginabili, dichiara. Ritiene che l'iniziativa rappresenti un messaggio positivo per la Calabria e non solo).

Il Presidente pone ai voti la Mozione

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n. 49/11^ di iniziativa della Giunta regionale recante: " Approvazione schema di convenzione tra la Regione Calabria e i Gruppi di Appartamento per l'erogazione di servizi socio assistenziali - legge n. 328/2000 e l.r. n. 23/2003 - legge regionale n. 21/96 e s.m.i. "

Interviene l'Assessore alle Politiche agricole e sviluppo agroalimentare, Politiche sociali e per la famiglia, avv. Gianluca Gallo, che illustra la proposta

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il punto all'ordine del giorno:

Mozione n. 30/11^ di iniziativa del consigliere M. Anastasi recante "Assegnazioni provvisorie scuola"

Interviene il consigliere ANASTASI Marcello (Io Resto in Calabria) che illustra la mozione

Il Presidente pone ai voti la mozione

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il punto all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n. 28/11^ di iniziativa P. Caputo recante: " Disposizioni transitorie sulla l.r. 3/2009 recante 'Disposizioni regionali sui bandi relativi a finanziamenti in materia di programmazione unitaria' "

Interviene il consigliere CAPUTO Pierluigi (Jole Santelli Presidente) che illustra la proposta

Il Presidente pone ai voti gli articoli:

emendamento all'art. 1 accolto
art. 1 come emendato - approvato
art. 2 - approvato
art. 3 - approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso per come emendata.

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il punto all'ordine del giorno:

Ordine del Giorno in merito alla tutela del diritto alla salute e al comparto turismo

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico) (ritiene superato l'Ordine del Giorno)

Interviene il consigliere MINASI Clotilde (Lega Salvini) che illustra l'Ordine del Giorno

Il Presidente pone in votazione la Mozione.

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico) (annuncia voto contrario)

Il Consiglio approva

Il Presidente inserisce l'ordine del giorno chiesto dal consigliere Di Natale:

Mozione n. 15/11^ di iniziativa del consigliere G. Di Natale recante "In merito alla istituzione di una commissione medica territoriale a supporto degli operatori balneari"

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Casa delle libertà) (costituire una commissione medica territoriale non è prerogativa costituzionale del Consiglio regionale, ribadisce pertanto il voto contrario espresso nel momento della votazione dell'inserimento all'ordine del giorno)

Interviene il consigliere MANCUSO Filippo (Lega Salvini) ( ritiene che, dal punto di vista pratico, la costituzione di una commissione, a stagione inoltrata, comporterebbe dei disagi insuperabili. Invita al ritiro )

Interviene il consigliere DI NATALE Graziano (Io Resto in Calabria) (precisa che la mozione è del 18 maggio e che è stata trasformata in ordine del giorno su richiesta il Presidente. Puntualizza che, comunque, non prevede l'istituzione di una nuova commissione (che esiste già), ma, semplicemente, l'inserimento dell'infettivologo).

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Casa delle libertà) ( prevedendo, la mozione, la costituzione della commissione medica territoriale, incrementata dall'infettivologo, è improponibile in quanto materia commissariale, esprime voto contrario).

Interviene il consigliere DI NATALE Graziano (Io Resto in Calabria) (ritiene che il voto contrario sia basato su falsi presupposti)

Interviene il Presidente Tallini che pone ai voti la mozione

Il Consiglio respinge

Il Presidente, esaurito l'ordine del giorno, dichiara chiusa la seduta.

La seduta è tolta.