CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA
Seduta n. 12 del 10/11/2015 - Diretta testuale e streaming



DIRETTA DALL'AULA - 12^ SEDUTA

di martedì 10 novembre 2015

Presidenza del Presidente Nicola IRTO

  

Il Presidente dà avvio ai lavori. Il segretario-questore NERI Giuseppe (Democratici Progressisti) dà lettura del verbale della seduta precedente.  

Interviene il Presidente - Comunicazioni all'Aula.

Il Presidente invita i presenti ad osservare un minuto di silenzio in memoria delle vittime dell'alluvione che ha colpito la Calabria nei giorni scorsi e di solidarietà nei confronti delle loro famiglie.

I presenti, levatisi in piedi, osservano un minuto di silenzio.

Sull'ordine dei lavori, interviene il consigliere AIETA Giuseppe (Partito Democratico) (chiede l'inserimento di un Ordine del Giorno sulla situazione di rischio mobilità in cui versano i dipendenti della Italcementi di Castrovillari).
Il Presidente pone ai voti l'inserimento.
Il Consiglio approva.

Sull'ordine dei lavori, interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Nuovo Centro Destra) (chiede l'inserimento di un Ordine del Giorno sulla richiesta di individuazione dello strumento giuridico idoneo a salvaguardare i livelli occupazionali ed il posto di lavoro dei lavoratori della Fondazione Campanella).
Il Presidente pone ai voti l'inserimento.
Il Consiglio approva.

Sull'ordine dei lavori, interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico) (chiede l'inserimento di un Ordine del Giorno sulla difesa del latte italiano, azione promossa dalla Coldiretti).
Il Presidente pone ai voti l'inserimento.
Il Consiglio approva.

Interviene il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico).

Interviene l'assessore alla Pianificazione territoriale ed urbanistica, Franco Rossi (manifesta l'apprezzamento della Giunta regionale per proposta in discussione).

Il Presidente pone in votazione l'articolato:
art. 1 - approvato all'unanimità
art. 2 - approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso.

Il Consiglio approva.

 

Il Presidente inserisce il secondo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n.25/10^ di iniziativa del Consigliere G. NUCERA recante: ' Disposizioni in materia di personale della Regione Calabria '  

Interviene il consigliere ROMEO Sebastiano (Partito Democratico) (chiede il rinvio alla seduta di Consiglio programmata per il 3 dicembre p.v.).

Il Presidente pone ai voti la proposta di rinvio.

Intervengono i consiglieri NUCERA Giovanni (La Sinistra) (rivolgendosi alla Presidenza, chiede rassicurazioni sull'inserimento della proposta al primo punto all'ordine del giorno della seduta del 3 dicembre p.v.), ROMEO Sebastiano (Partito Democratico) ed il Presidente (rassicura il consigliere sulla unanime volontà di discutere la proposta prima possibile).

Trattazione rinviata.

Interviene il consigliere AIETA Giuseppe (Partito Democratico) (fa presente che la proposta ha carattere ordinamentale e che, pertanto, non comporta ulteriori oneri).

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Nuovo Centro Destra) (manifesta apprezzamento per la finalità della proposta ed annuncia la presentazione di alcuni emendamenti).

Il Presidente pone in votazione i singoli articoli ed i relativi emendamenti:

art. 1 - approvato
art. 2 - approvato
Il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Nuovo Centro Destra) illustra l'emendamento a sua firma prot. n. 49963 - emendamento accolto
art. 3 - approvato per come emendato
Il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Nuovo Centro Destra) illustra l'emendamento a sua firma prot. n. 50123 - emendamento accolto
art. 4 - approvato per come emendato
art. 5 - approvato
art. 6 - approvato
art. 7 - approvato
art. 8 - approvato
art. 9 - approvato

Il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Nuovo Centro Destra) illustra l'emendamento a sua firma prot. n. 49958 - accolto
art. 10 - approvato per come emendato
Il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Nuovo Centro Destra) illustra l'emendamento a sua firma prot. n. 49964 - accolto
art. 11 - approvato per come emendato
Il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Nuovo Centro Destra) illustra gli emendamenti a sua firma prot. n. 49961 e n. 49962 - accolti
art. 12 - approvato per come emendato
art. 13 - approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso, per come emendata.
Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il quarto punto all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n.78/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: ' Disposizioni di adeguamento dell'ordinamento regionale al decreto legislativo n. 39/2013 '  

Il consigliere SERGIO Franco (Oliverio Presidente) illustra la proposta.

Interviene il Presidente della Giunta, Mario Oliverio (fa presente che la regione Calabria è la seconda regione italiana a legiferare in materia, stante la volontà di individuare gli organi che, nell'ambito della struttura organizzativa, possano procedere al conferimento, in via sostitutiva, dei nuovi incarichi. Ritiene, tuttavia, necessario attivarsi per sollecitare una modifica al decreto legislativo 39/2013 che induce ad interpretazioni diverse e, soprattutto, genera confusione. Mette in risalto alcune incongruenze ed anomalie della norma in vigore causa, anche, del provvedimento dell'ANAC che lo ha riguardato).

 

Interviene il consigliere TALLINI Domenico (Misto)(Non condivide, politicamente, la strada percorsa dal Presidente Oliverio. Ritiene che la Giunta abbia sprecato tempo e risorse per un fatto personale piuttosto che dedicarsi a fatti stringenti quali, ad esempio, quello che ha riguardato e riguarda centinaia di dipendenti della Regione declassati da una sentenza).

Interviene il consigliere ROMEO Sebastiano (Partito Democratico)(ritiene necessario aprire un dibattito sulla difesa delle istituzioni e, relativamente alla sanzione che ha riguardato il presidente della Giunta regionale, ritiene che lo stesso abbia vissuto con grande dignità la vicenda che lo ha riguardato, concorda sull'azione messa in atto dal Presidente che è servita, oltre che a rivendicare un diritto, a fare chiarezza).

Interviene il consigliere ORSOMARSO Fausto (Misto) (condivide l'azione messa in campo a tutela delle istituzioni che, però, non può essere a senso unico)

Interviene il consigliere SALERNO Nazzareno (Forza Italia) (dichiara la sua posizione garantista e manifesta il suo assoluto dissenso a qualsiasi norma che non sia animata da questo spirito, soprattutto quando la delegittimazione riguarda organi eletti dal popolo).

Interviene il consigliere GRAZIANO Giuseppe (Casa delle libertà)(condivide la critica, unanimemente espressa dagli intervenuti, alla norma vigente, è assolutamente inaccettabile che vicende quale quella vissuta dal presidente Oliverio, dichiara, possano bloccare l'azione di un'amministrazione).

Il Presidente pone ai voti l'articolato:
art. 1 - approvato
art. 2 - approvato
art. 3 - approvato
art. 4 - approvato
art. 5 - approvato
art. 6 - approvato

Il Presidente pone in votazione la proposta nel suo complesso.

Il Consiglio approva.
(viene autorizzato il coordinamento formale)

Il Presidente pone ai voti la proposta.

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il sesto punto all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n. 64/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: ' Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio derivanti da sentenze esecutive notificate all'amministrazione regionale e da acquisto di beni e servizi senza il preventivo impegno di spesa'  

Il consigliere AIETA Giuseppe (Partito Democratico) illustra la proposta.

Il Presidente pone ai voti l'articolato:
art. 1 - approvato
art. 2 - approvato
art. 3 - approvato
art. 4 - approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso.

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il settimo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n.67/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: ' Modifiche alla legge regionale 18 dicembre 2013, n. 54 (Accelerazione della definizione di procedimenti agevolativi) '  

Il consigliere SERGIO Franco (Oliverio Presidente) illustra la proposta.

(Presidenza del Vice presidente D´AGOSTINO Francesco)

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Nuovo Centro Destra) (chiede il rinvio della proposta per ulteriori approfondimenti).

Il Presidente pone ai voti la proposta di rinvio.

Interviene il consigliere TALLINI Domenico (Misto) (concorda sulla necessità di pervenire ad un ulteriore approfondimento ed, addirittura, chiede di soprassedere alla sua approvazione in attesa della dichiarazione di costituzionalità di norme analoghe per le quali si attende il giudizio della Corte).

Interviene il consigliere SERGIO Franco (Oliverio Presidente) (esprime parere favorevole sulla richiesta di approfondimenti).

Interviene il consigliere GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) (dichiara il suo consenso al rinvio ed alla necessità di ulteriori approfondimenti, ravvisandosi, nel corpo della legge, profili di illegittimità).

Il Presidente pone ai voti la richiesta di rinvio.

Trattazione rinviata. 

(Presidenza del Presidente IRTO Nicola)  

Il Presidente comunica che è pervenuto un emendamento interamente sostitutivo.

Il consigliere GIUDICEANDREA Giuseppe (Democratici Progressisti) illustra l'emendamento.

Il Presidente fa presente che è stato acquisito il parere positivo del Collegio dei Revisori dei Conti e, sentito il parere del relatore, pone ai voti l'emendamento che viene accolto.

Il Consiglio approva.

(viene autorizzato il coordinamento formale)

Il Presidente inserisce il nono punto all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n.76/10^ di iniziativa dei Consiglieri S. ROMEO,F. SCULCO,G. ARRUZZOLO,F. CANNIZZARO,G. GIUDICEANDREA,O. GRECO,A. NICOLÒ recante: ' Modifiche alla legge regionale 5 gennaio 2007, n. 1 (Istituzione e disciplina del Consiglio regionale delle Autonomie locali) '  

Il consigliere GIUDICEANDREA Giuseppe (Democratici Progressisti) illustra la proposta.

Il Presidente pone ai voti i singoli artilcoli:
art. 1 - approvato
art. 2 - approvato
art. 3 - approvato
art. 4 - approvato
art. 5 - approvato
art. 6 - approvato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso.

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il decimo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n.91/10^ di iniziativa dei Consiglieri G. NERI, G. ARRUZZOLO, S. ROMEO, A. NICOLÒ, F. CANNIZZARO, O. GRECO recante: 'Modifica dell'articolo 8 della legge regionale 3 febbraio 2012, n. 4 (Misure in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro nonché di efficienza e trasparenza dell'Amministrazione del Consiglio regionale)'  

Il consigliere NERI Giuseppe (Democratici Progressisti) illustra la proposta.

Il Presidente pone ai voti i singoli articoli:

art. 1 - approvato
art. 2 - approvato
art. 3 - approvato

e la proposta nel suo complesso:

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce l'undicesimo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.90/10^ di iniziativa dei Consiglieri S. ROMEO, O. GRECO, G. ARRUZZOLO, F. CANNIZZARO, G. NUCERA, A. NICOLÒ recante: 'Modifiche ed integrazioni al Regolamento interno del Consiglio regionale'  

Il consigliere ROMEO Sebastiano (Partito Democratico) illustra la proposta.

Intervengono i consiglieri: NUCERA Giovanni (La Sinistra) (chiede se esistano aggravi di spesa) e ROMEO (risponde che non esistono aggravi di spesa e che quanto detto sarà deducibile dall'mendamento, a firma sua e di altri consoglieri, che a breve verra illustrato).

Il Presidente pone ai voti l'articolato:

art. 1 - approvato
art. 2 - approvato
Il consigliere Romeo illustra l'emendamento all'art. 3 - accolto
art. 3 - approvato per come emendato

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso per come emendata.

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il dodicesimo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.50/10^ di iniziativa d'Ufficio recante: "Elezione del Presidente e del Vice Presidente della Commissione speciale di vigilanza"

Il Presidente dà disposizioni per il seggio elettorale.

Interviene il consigliere NICOLÒ Alessandro (Forza Italia) (chiede che la Presidenza della Commissione speciale di vigilanza venga assegnata ad un componente della minoranza che individua nel consigliere Morrone).

Interviene il consigliere TALLINI Domenico (Misto) (ritiene che attraverso l'individuazione del Presidente della Commissione speciale di vigilanza tra i componenti della minoranza si possa colmare un vulnus istituzionale. Invita la maggioranza ad astenersi dal voto in occasione dell'elezione del Presidente della Commissione).

Intervengono i consiglieri: CANNIZZARO Francesco (Casa delle libertà) (chiede una breve sospensione dei lavori, acchè, ove l'assemblea fosse concorde nell'indicazione di un componente delle minoranza alla Presidenza della Commissione, il nome scaturisse da una consultazione in seno alla minoronza), NUCERA Giovanni (La Sinistra) (concorda sulla proposta di sospensione).

Il Presidente pone ai voti la proposta di sospensione.

Il Consiglio approva.

La seduta è sospesa.  

La seduta riprende.  

Si procede con la votazione.

Il Presidente comunica l'esito della votazione:
presenti e votanti 31

hanno riportato voti i consiglieri:
Morrone 16
Pasqua 7
Mangialavori 1
schede bianche 6
schede nulle 1

Vengono, pertanto, eletti: Presidente della Commissione speciale di vigilanza il consigliere Giuseppe Morrone e Vicepresidente della Commissione speciale di vigilanza il consigliere Vincenzo Pasqua.

Il Presidente inserisce il tredicesimo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n. 51/10^ di iniziativa d'Ufficio recante: "Elezione del Consigliere Segretario della Commissione speciale di vigilanza"

Si procede con la votazione.

Il Presidente comunica l'esito della votazione:
presenti e votanti 31

hanno riportato voti i consiglieri:
Giudiceandrea 18
D'Acri 1
Cannizzaro 1
Oliverio 3
bianche 8

Viene, pertanto, eletto Segretario della Commissione speciale di vigilanza il consigliere Giudiceandrea Giuseppe.

Il Presidente inserisce il quattordicesimo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.52/10^ di iniziativa d'Ufficio recante: "Elezione del Presidente e del Vice Presidente della Commissione contro la 'ndrangheta"

Si procede con la votazione.

Il Presidente comunica l'esito della votazione:
presenti e votanti 31

hanno riportato voti i consiglieri:
Bova 19
Mangialavori 3
Cannizzaro 2
Arruzzolo 2
Tallini 1
schede bianche 4

Vengono, pertanto, eletti: Presidente della Commissione contro la 'ndrangheta il consigliere Artuto Bova e Vicepresidente della Commissione contro la 'ndrangheta il consigliere Giuseppe Tommaso Vincenzo Mangialavori.


Il Presidente inserisce il quindicesimo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.53/10^ di iniziativa d'Ufficio recante: "Elezione del Consigliere Segretario della Commissione contro la 'ndrangheta"

Si procede con la votazione.

Si ripetono le operazioni di voto per l'elezione del Segretario della Commissione contro la 'ndrangheta.  

Il Presidente comunica l'esito della votazione:
presenti e votanti 27

hanno riportato voti i consiglieri:
Sergio 16
Nicolò 5
Greco 1
bianche 5

Viene, pertanto, eletto Segretario della Commissione contro la 'ndrangheta il consigliere Franco Sergio.

Il Presidente inserisce il sedicesimo punto all'ordine del giorno:

Legge regionale n. 39/1995 – Nomine di competenza del Consiglio regionale come da elenco allegato

Sull'ordine dei lavori, interviene il Presidente della Giunta, Mario Oliverio (chiede la previsione, in sede di Consiglio, dell'apertura di un confronto sul "Patto per la Calabria" messa in atto dalla Presidenza del Consiglio nell'ambito del masterplan per il sud).

Interviene il consigliere CANNIZZARO Francesco (Casa delle libertà) (ringrazia la maggioranza per aver acconsentito ad un confronto all'interno della minoranza in occasione dell'elezione del Presidente della Commissione speciale di vigilanza. Ciò che emerge, dichiara, è la volontà di dialogo. Sottolinea, negativamente, l'atteggiamento di parte della minoranza che non ha partecipato alla riunione finalizzata all'individuazione nel nome da proporre per l'elezione alla Presidenza della Commissione, sottolinea, inoltre, il comportamento politicamente inopportuno della maggioranza che con il suo apporto ha negato il diritto della mioranza di decidere al proprio interno).

Interviene il consigliere TALLINI Domenico (Misto)(stigmatizza l'ingerenza della maggioranza che, in occasione del voto per l'elezione della Presidenza della Commisione speciale di vigilanza, ha determinato l'elezione del consigliere Morrone).

Interviene il consigliere NICOLÒ Alessandro (Forza Italia)(ritiene l'elezione del consigliere Morrone alla Presidenza della Commissione giusta per il percorso politico/istituzionale e per l'esperienza maturata. L'elezione, sottolinea, non è frutto di inciuci, ma frutto di un processo democratico).

Interviene il Presidente della Giunta Mario Oliverio (la votazione del consigliere Morrone, dichiara, è il frutto dell'unica proposta formale avanzata dalla minoranza. Mette in risalto il ripristino di una consuetudine, quella della nomina della Presidenza della Commissione di vigilanza ad un menbro della minoranza, interrotta soltanto nella legislatura precedente. Ritiene l'intervento del consigliere Tallini pretestuoso).

Interviene il consigliere ROMEO Sebastiano (Partito Democratico) (chiede il rinvio del punto alla seduta del 3 dicembre).

Il Presidente pone in votazionela proposta di rinvio.

Il Consiglio approva.

Trattazione rinviata.

Il Presidente inserisce l'Ordine del Giorno presentato dal consigliere Aieta sulla situazione di rischio mobilità in cui versano i dipendenti della Italcementi di Castrovillari.

Il consigliere AIETA Giuseppe (Partito Democratico) illustra l'Ordine del Giorno.

Il Presidente pone ai voti l'Ordine del Giorno.

Il Consiglio approva

Il Presidente inserisce l'Ordine del Giorno del consigliere Esposito sulla richiesta di individuazione dello strumento giuridico idoneo a salvaguardare i livelli occupazionali ed il posto di lavoro dei lavoratori della Fondazione Campanella.
Il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Nuovo Centro Destra) illustra l'Ordine del Giorno.

Interviene il consigliere SALERNO Nazzareno (Forza Italia)(la vicenda che ha riguardato e che riguarda la Fondazione Campanella, dichiara, è sicuramente complessa e la soluzione della problematica è stata inframmezzata da una serie di impedimenti. Esprime il suo assenso all'Ordine del Giorno, auspica che tutti i dipendenti della Fondazione Campanella possano trovare la giusta collocazione lavorativa).

 

 

Il Presidente inserisce l'Ordine del Giorno del consigliere Bevacqua sulla difesa del latte italiano.
Il consigliere BEVACQUA Domenico (Partito Democratico) illustra l'Ordine del Giorno.

Il Presidente pone ai voti l'Ordine del Giorno.

Il Consiglio approva.

Interviene il consigliere SCULCO Flora (Calabria in rete) (chiede l'inserimento di un Ordine del Giorno sul rapporto tra la città di Crotone e l'Eni).

Il Presidente pone ai voti l'inserimento.
Il Consiglio approva.

Il consigliere Sculco illustra l'Ordine del Giorno.

Il Presidente pone ai voti l'Ordine del Giorno.

Il Consiglio approva.

La seduta è tolta.