CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA
Seduta n. 10 del 31/08/2015 - Diretta testuale e streaming



DIRETTA DALL'AULA - 10^ SEDUTA

di lunedì 31 agosto 2015

Presidenza del Presidente Nicola IRTO

  

Il Presidente dà avvio ai lavori con la lettura e l'approvazione, senza osservazioni, del verbale della seduta precedente.  

Comunicazioni.

Preliminarmente, il Presidente invita l'Aula ad osservare un minuto di silenzio in memoria del senatore Luigi De Sena.

I presenti, levatisi in piedi, osservano un minuto di raccoglimento.

Interviene il Presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio (fa un breve ritratto del Senatore De Sena la cui levatura morale e alto senso dello Stato lo avevano spinto a coinvolgerlo per la formazione dell'esecutivo regionale. Rivolge a nome proprio e dei calabresi un ultimo saluto ad un uomo che, tiene a sottolineare, ha amato profondamente la Calabria).

Il Presidente inserisce il primo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.30/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: ' POR CALABRIA FSE 2007-2013. Proposta di riprogrammazione del POR CALABRIA FSE 2007/2013 per il Piano di Azione Coesione. Presa d'atto e adempimenti '  

Il consigliere AIETA Giuseppe (Partito Democratico) illustra la proposta.

Il Presidente pone in votazione la proposta.

Il Consiglio approva a maggioranza.

Il Presidente inserisce il secondo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.43/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: ' Adozione della nuova proposta di riprogrammazine del Por Calabria FESR 2007 - 2013 elaborata sulla base degli esiti del Comitato di sorveglianza del 31 luglio 2015 '  

Il consigliere AIETA Giuseppe (Partito Democratico) illustra la proposta.

Interviene il consigliere GRAZIANO Giuseppe (Casa delle libertà).

Il Presidente pone in votazione la proposta.

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il quarto punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.45/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: ' Programma Operativo Regionale FESR-FSE 2014/2020. Approvazione testo revisionato e relativi allegati '  

Sull'ordine dei lavori, interviene il consigliere GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) (chiede chiarimenti in merito all'iter seguito relativamente alla proposta in discussione; chiede, nello specifico, se nella seconda settimana di agosto la stessa sia stata caricata sulla piattaforma europea per l'invio alla Commissione poichè, se ciò rispondesse a verità, ai sensi della normativa vigente, oggi risulterebbe inutile pervenire alla sua approvazione).

Interviene il Presidente della Giunta, Mario OLIVERIO (risponde che la data prevista per il caricamento è il 4 settembre p.v., pertanto chiede di proseguire con i lavori e con l'illustrazione della proposta).

Intervengono i consiglieri:
GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) (ribadisce che il programma è stato già caricato sulla piattaforma europea, il fatto svilisce il ruolo del Consiglio che, ai sensi degli artt. 12 e 13 della Legge regionale 3/2007, ha la funzione legislativa non di ratifica del Programma, non mette, inoltre, i consiglieri nella condizione di dare il proprio apporto costruttivo ad un programma che presenta errori rilevanti);

ORSOMARSO Fausto (Misto) (spiega che il voto a favore, già espresso in Commissione e che conferma in questa sede, nasce dalla consapevolezza che il Programma ripercorre e mantiene vivo quello precedente a firma Scopelliti. Contesta il tentativo di rappresentare il programma in discussione come qualcosa di rivoluzionario e nuovo in quanto frutto del lavoro intenso messo in campo dalla precedente amministrazione).

AIETA Giuseppe (Partito Democratico) (la nuova programmazione frutto anche di un incontro serrato in sede di discussione è il risiultato di una visione di governo nuova, non ripernde la programmazione precedente. Certo, afferma, nessun Programma avrà successo nella misura in cui non venga supportato da strumenti burocratici efficienti. Il Progamma intende incidere fortemente ed investire sulle realtà che possano fare da traino all'economia come, ad esempio, le Università. Pone l'accento su elementi propedeutici a qualsiasi forma di sviluppo quali ambiente ed infrastrutture)

SALERNO Nazzareno (Forza Italia) (la buroocrazia regionale e la sua incapacità o malafede, dichiara, rappresenta un freno allo sviluppo ed al successo di qualunque Programma, chiede al presidente Oliverio di fare chiarezza su quanto precedentemente messo in risalto dal consigliere Guccione e propone il rinvio dell'approvazione della proposta di una settimana).

Sull'ordine dei lavori, intervengono i consiglieri: ROMEO Sebastiano (Partito Democratico) (chiede l'inserimento di una mozione sulla Città Metropolitana), GRAZIANO Giuseppe (Casa delle libertà) e ORSOMARSO Fausto (Misto) (ritengono inopportuno interrompere il dibattito in corso), ROMEO Sebastiano (Partito Democratico).

L'inserimento della Mozione viene rinviato.

La discussione sul quarto punto all'ordine del giorno riprende con l'intervento dei consiglieri:

GIUDICEANDREA Giuseppe (Democratici Progressisti) (annuncia il voto favorevole del gruppo poichè, a parer suo, trattasi di una rivoluzione reale, operata su un programma pieno di falle, messe in risalto dalla Commissione europea, che si è tentato, negli ultimi mesi, con un lavoro certosino e intenso di colmare).

GRAZIANO Giuseppe (Casa delle libertà) (annuncia il voto a favore, rimarca la necessità che la nuova programmazione garantisca e dia impulso a nuove imprese, crei offerte di lavoro stabile che superi la fase dei tirocini e di qualsiasi forma di precariato, punti sulla riqualificazione delle aree urbane a tutela del territorio attraverso misure straordinarie).

(Presidenza del Vicepresidente Francesco D'Agostino)

GRECO Orlandino (Oliverio Presidente) (dagli interventi fin qui succedutisi, dichiara, non si evince quale sia la mission della Regione, non si intravede il tentativo di una impostazione nuova. E' necessario elevare il dibattito fuori dai numeri ed individuare una nuova politica di sviluppo. Non concorda sul giudizio di Orsomarso, invita il governo regionale ad osare ed a farsi promotore non di un nuovo meridionalismo, ma di una Calabria protagonista in Italia e fuori)

(Presidenza del Presidente Nicola Irto)

 

ORSOMARSO Fausto (Misto) (dichiara che il voto non sarà più a favore, bensì di astensione),

NICOLÒ Alessandro (Forza Italia) (annuncia voto di astensione di Forza Italia; la seduta odierna, sostiene, va annoverata tra quelle prive di respiro democratico. Latita la possibilità di aprire un confronto che potrebbe essere condiviso e che, come ribadito precedentemente, può riguardare la burocrazia regionale, la predisposizione dei bandi, programmi mirati, nuove politiche di investimento).

SCULCO Flora (Calabria in rete) (ritiene il momento storico e strategico per lo sviluppo della Calabria, considerata anche l'attenzione rivolta dal Governo nazionale, consapevole che la crescita dell'intero Paese è correlata al superamento del divario nord -sud. Il Programma risulta essere condivisibile e cooerente col programma di governo. Ai rilievi mossi dal consigliere Guccione ritiene vadano date risposte esaurienti per evitare di partire col piede sbagliato. Il Piano operativo sembra essere sbilanciato e vanno apportate delle correzioni per evitare squilibri e disparità di trattamento tra la zona jonica ed il resto della Calabria, a tal fine annunncia la presentazione di un Ordine del Giorno a sua firma).

(Presidenza del Vicepresidente Francesco D'Agostino)

TALLINI Domenico (Misto) (critica l'azione di governo che ritiene essere involutiva. Sapendo di andare contro il convincimento generale e, marginalmente, anche all'intervento del consigliere Orsomarso, relativo alla destinazione delle risorse finalizzate a creare sviluppo, ma non nell'immediato futuro, ritiene necessario un atto di programmazione che preveda anche forme di assistenzialismo e di provvedimenti immediati che siano di supporto, altrettanto immediato, ai calabresi che oggi non possono far fronte alle esigenze ordinarie. Conferma il voto di astensione precedentemente annunciato dal capogruppo Orsomarso).

(Presidenza del Presidente Nicola Irto)

BEVACQUA Domenico (Partito Democratico) (preliminarmente, stigmatizza la circostanza che nei giorni scorsi sia stato impossibile reperire la documentazione dal sito istituzionale, nel merito, critica l'atteggiamento dei consiglieri che, fuorviati da aspetti marginali, non intravedono nel discorso del presidente Oliverio il punto focale del suo programma che consiste nel fare della Calabria una regione "normale" attraverso non tanto i contenuti dei programmi, che possono susseguirsi e somigliarsi, ma attraverso un nuovo modo di governare i processi democratici e la burocrazia).

 

ESPOSITO Sinibaldo (Nuovo Centro Destra) (annuncia voto favorevole di Nuovo Centro Destra, ritiene assolutamente necessario che le forze convergano verso un obiettivo comune favorevole alla Calabria. Bisogna andare verso la sburocratizzazione, dice, per rendere realmente fruibili le risorse, accessibili all'utenza e spendibili in tempi utili. L'attenzione sull'attività dei burocrati, necessaria, non può rappresentare un capro espiatorio).

Il Presidente comunica che è pervenuto un emendamento a firma del consigliere Guccione sullo studio di fattibilità sulla mobilità.
Il consigliere GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) illustra l'emendamento e chiede che venga messo ai voti per appello nominale.
Il Presidente pone ai voti l'inserimento dell'emendamento.

Sull'ordine dei lavori, intervengono il consigliere ORSOMARSO Fausto (Misto) ed il Presidente della Giunta Mario Oliverio (invita ad evitare strumentalizzazioni e che per lo studio di fattibilità sulla mobilità è prevista una posta sul fondo di sviluppo e coesione).

Per fatto personale, interviene il consigliere GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) (puntualizza che lo studio di fattibilità sulla mobilità, inserito nel Programma Operativo regionale, se positivo, prevede il finanziamento automatico).

Si procede alla votazione per appello nominale per l'inserimento dell'emendamento a firma del consigliere Guccione.

Esito della votazione:
presenti e votanti 24
hanno votato sì 10
hanno votato no 13
astenuti 1

La proposta di inserimento è respinta.

A conclusione del dibattito, interviene il Presidente della Giunta Mario Oliverio.  

Il Presidente pone ai voti la proposta di provvedimento amministrativo n. 45/10^.

Per dichiarazione di voto, intervengono i consiglieri:
GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) (annuncia che non parteciperà al voto e abbandona i lavori),
ORSOMARSO Fausto (Misto) (ribadisce il voto di astensione del gruppo Misto già anticipato durante il dibattito),
TALLINI Domenico (Misto) (conferma il voto di astensione).

Il Consiglio approva a maggioranza.

Interviene il consigliere ROMEO Sebastiano (Partito Democratico) (chiede una sospensione dei lavori di 15 minuti).

Il Presidente pone ai voti la proposta di sospensione dei lavori.

Il Consiglio approva.

La seduta è sospesa.  

La seduta riprende.  

Sull'ordine dei lavori, interviene il consigliere ROMEO Sebastiano (Partito Democratico) (chiede l'inserimento di un ordine del giorno a firma Romeo, Irto, D'Agostino, Neri, Battaglia, Bova, Cannizzaro, Nicolò, Arruzzolo sulla mobilià urbana della città metropolitana di Reggio Calabria).

Il Presidente pone ai voti l'inserimento dell'ordine del giorno.

Il Consiglio approva.

Sull'ordine dei lavori, interviene il consigliere SCULCO Flora (Calabria in rete) (chiede l'inserimento di un ordine del giorno su interventi finalizzati a rilanciare l'area jonica calabrese.)

Il Presidente pone ai voti l'inserimento dell'ordine del giorno.

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce il quinto punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.28/10^ di iniziativa dell'Ufficio di Presidenza recante: ' Riaccertamento straordinario dei residui ai sensi del comma 7, articolo 3, del D.Lgs. 23 giugno 2011 n. 118 e ss.mm.ii. Variazioni al bilancio di previsione 2015-2017 '  

Il consigliere GRAZIANO Giuseppe (Casa delle libertà) illustra la proposta.

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso.

Il Consiglio approva.

Il Presidente inserisce e pone ai voti il sesto punto all'ordine del giorno:

Proposta di Provvedimento Amministrativo n.29/10^ di iniziativa dell'Ufficio di Presidenza recante: ' Presa d'atto del conto consuntivo dell'esercizio finanziario 2014 '  

Per dichiarazione di voto interviene il consigliere TALLINI Domenico (Misto) (annuncia voto di astensione del gruppo Misto).

Il Consiglio approva.

Il Presidente informa l'Aula che, come deciso in sede di conferenza dei Capigruppo, verranno trattate le proposte previste ai punti 10 e 11. Inserisce quindi il decimo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n.55/10^ di iniziativa del Consigliere M. D'ACRI recante: ' Integrazioni alla legge regionale 11 maggio 2007, n. 9 'Provvedimento generale recante norme di tipo ordinamentale e finanziario (collegato alla manovra di finanza regionale per l'anno 2007, art. 3, comma 4 della legge regionale n. 8/2002)' '  

Il consigliere MIRABELLO Michelangelo (Partito Democratico) illustra la proposta.

Il Presidente pone ai voti l'articolato:
art. 1 - approvato all'unanimità
art. 2 - approvato all'unanimità

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso.

Il Consiglio approva all'unanimità.

Il Presidente inserisce l'undicesimo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n.49/10^ di iniziativa del Consigliere M. D'ACRI recante: ' Modifica alla legge regionale 26 febbraio 2010, n. 8 (Provvedimento generale recante norme di tipo ordinamentale e finanziario - collegato alla manovra di finanza regionale per l'anno 2010, art. 3, comma 4 della legge regionale n. 8/2002) '  

Il consigliere D´ACRI Mauro (Oliverio Presidente) illustra la proposta.

Il Presidente pone ai voti gli articoli:
art. 1 - approvato all'unanimità
art. 2 - approvato all'unanimità.

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso.

Il Consiglio approva all'unanimità.

Il Presidente inserisce l'ordine del giorno sulla mobilià urbana della città metropolitana di Reggio Calabria.

Il consigliere ROMEO Sebastiano (Partito Democratico) illustra l'ordine del giorno.

Il Presidente pone ai voti l'ordine del giorno.

Il Consiglio approva all'ordine del giorno.

Il Presidente inserisce l'ordine del giorno sugli interventi finalizzati a rilanciare l'area jonica calabrese.

Il consigliere SCULCO Flora (Calabria in rete) illustra l'ordine del giorno.

Il Presidente pone ai voti l'ordine del giorno.

Il Consiglio approva all'ordine del giorno.

Esaurito l'ordine del giorno, il Presidente dichiara chiusa la seduta.

La seduta è tolta.