Seduta n. 64 del 06/08/2019 - Diretta testuale

III Commissione

di martedì 6 agosto 2019

Presidenza del Presidente Michelangelo MIRABELLO

  
11:31

Il Presidente dà avvio ai lavori con l'approvazione del verbale della seduta precedente e con le Comunicazioni

11:32

Il Presidente inserisce il primo punto all'ordine del giorno:

Stato di attuazione della legge regionale n. 1 del 13 gennaio 2014 "Indirizzi volti a favorire il superamento del precariato di cui al D.L. 31 agosto 2013, n. 101 convertito in legge 30 ottobre 2013, n. 125"

Interviene il Presidente MIRABELLO Michelangelo (Partito Democratico) che introduce il punto trattato

11:34

Interviene il consigliere PEDA´ Giuseppe (Casa delle libertà) (ringrazia il Presidente per l'opportunità di approfondimento. Fa una digressione rispetto alla problematica di cui all'ordine del giorno, ritiene improcrastinabile capire lo stato dell'arte del tavolo Adduce per ciò che attiene alle assunzioni in sanità).

11:37

Interviene il Presidente Mirabello (precisa che, ricevuta la richiesta del punto all'ordine del giorno, i tempi stretti non hanno consentito la partecipazione dei soggetti interessati).

11:39

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Nuovo Centro Destra) (ritiene inopportuno aspettare la prossima seduta di Commissione. La scarsa trasparenza sulle risultanze del tavolo Adduce è preoccupante. Propone l'invio di una comunicazione formale, a nome dlla Commissione, di richiesta di chiarimenti al direttore generale della sanità in qualità di primo interlocutore).

11:42

Interviene il consigliere GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) (ritiene surreale che la richiesta del consigliere Pedà non abbia trovato accoglimento. Alla luce dei pensionamenti e dei beneficiari della quota 100 sta verificandosi la desertificazione delle strutture sanitarie. Di fatto si assite ad un "non governo" della sanità, non è accettabile il disinteresse dei commissari. Ritiene opportuno avvisare le più alte cariche dello Stato sullo stato di emergenza in cui versa la sanità in Calabria).

11:46

Interviene il consigliere GALLO Gianluca (Casa delle libertà) (opportuno il richiamo in questa sede della problematica sanità. Il momento è grave, dal decreto sanità non si evince la volontà di risolvere i problemi della sanità calabrese. Il blocco del turnover è ingiustificato. Concorda sulla proposta Guccione di una presa di posizione forte. Anche la convocazione di un seduta nel mese di agosto potrebbe essere opportuna. Ogni mezzo sarà utile per pervenire alla soluzione della problematica, dichiara. Al termine della riunione chiede un'informativa, da parte dell'assessore, sulla riforma del welfare).

11:51

Interviene il Presidente (precisa che esiste l'assoluta disponibilità ad affrontare il tema, l'impossibilità di garantire la presenza nell'odierna seduta non implica l'impossibilità di intervenire con ogni mezzo disponibile. L'incontro con i prefetti da parte della Giunta regionale per affrontare problematiche quale l'acquisto dei farmaci è sintomatico della gravità in cui versa la sanità, ma anche dell'impossibilità di affrontare e risolvere la crisi esistente, da parte della Regione, a causa il piano di rientro. Concorda sull'opportunità di avere un approfondimaento sul welfare).

11:56

Interviene l'Assessore al Lavoro e welfare, dott.ssa Angela Robbe (rispetto a quanto emerso durante l'ultima seduta di Consiglio dichiara esserci due aggiornamenti: il primo riguarda gli LSU ed LPU, per i quali il Ministero del lavoro consente il riavvio delle modalità per il processo di stabilizzazione, per come comunicato nel pomeriggio del 1° agosto. Il secondo riguarda i lavoratori della legge 12 per i quali, nelle more della ricezione del parere da parte dell'Avvocatura regionale, è stato predisposto un decreto di ammisisone con riserva dei soggetti che non erano stati precedentemente ammessi. Riammissione di coloro i quali non avevano presentato l'autocertificazione per i quali è stata richiesta la posizione agli uffici del lavoro. Dopo la pubblicazione del decreto sarà avviata la manifestazione di interesse per l'inclusione di coloro i quali non avessero presentato la domanda in tempo utile. Il decreto rappresenta una forma di tutela per i lavorato esclusi precedentemente, ma consentirà la prosecuzione del percorso pervisto per gli altri, conclude).

12:01

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Nuovo Centro Destra) (sulla base di quanto detto si chiede se il decreto risolverà il problema dei contenziosi aperti dagli esclusi. Si dichiara soddisfatto, ma ritiene necessario predisporre un cronoprogramma per dare celerità al percorso intrapreso. Importante prevedere il riallineamento. Ritiene che la decorrenza dell'8 luglio 2017 non sia corretta e che invece andrebbero prese in considerazione i presupposti di cui alla legge 1 del 2014. Importante, inoltre, verificare se sia possibile l'inserimento delle partecipate. Il decreto dovrebbe rappresentare il risultato di un'interpretazione coraggiosa e responsabile e, dunque, prendere in considerazione tutte le fattispecie, conclude).

12:12

Interviene il consigliere GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) (apprezza il tentativo di individuare una soluzione, ma ritiene che il decreto non abbia molto senso, tenuto conto che è subordinato ad una condizione ed in questa sede sarebbe opportuno stabilire chiaramente i destinatari del riconoscimento. Il legislatore decise di dotare la Regione di una norma chiara, afferma. Ritiene che il diritto alla stabilizzazione vada riconosciuto anche i lavoratori della Sial e che un chiarimento servirebbe per la circostanza che vedrebbe alcuni lavoratori, ricorrenti al TAR, non essere presenti negli elenchi degli inclusi e neppure tra gli esclusi. Oggi, conclude, va fatta una scelta politica che includa gli esclusi e metta chiarezza sulle motivazioni che hanno spinto alcuni a ricorrere. L'interpretazione autentica, a firma Orsomarso - Guccione, è stata attenzionata da alcuni centri di potere, forse, proprio perchè non consentiva operazioni limite).

12:19

Interviene il consigliere GALLO Gianluca (Casa delle libertà) (premettendo che si sia consci del fatto che non sia esattamente il metodo di accesso alla PA, ritiene, considerato che in passato si è proceduto in tal senso, oggi non ci si possa esimere dal consentire a tutti coloro i quali si trovino nella stessa condizione il diritto di accedervi. Ritiene necessario, dunque, riaprire i termini per l'ammissione degli esclusi, senza interrompere o ritardare le procedure per gli altri o pervenire all'interpretazione autentica, a tal uopo, informa dell'esistenza, agli atti della commissione, di una proposta di legge a firma Sergio che sembrerebbe rimuova gli elementi ostativi. Stigmatizza la lentezza che ha, a pare suo, caratterizzato l'azione amministrativa, invita l'assessore a procedere speditamente, garantisce la propria presenza, anche nell'immediato, a discutere e pervenire all'approvazione della proposta Sergio)

12:25

Interviene il consigliere SCALZO Antonio (Moderati per la Calabria) (precisa che la straodinarietà della seduta odiena è rappresentata dall'emergenza che si è tenuti ad affrontare. Il dipartimento avrebbe, già dovuto, da tempo, affrontare la problematica, dichiara. Mette in risalto le variegate problematiche che hanno determinato l'esclusione dei lavoratori e la necessità che le stesse vengano affrontate nel più breve tempo possibile, ma con perizia. Opportuno fare presto e bene. Sottolineate, nella seduta odierna le criticità, ritiene necessario ed improcrastinabile che la struttura burocratica lavori per pervenie alla soluzione e che eviti ulteriori stop. Rimarca il concetto che la chiusura degli enti da parte della Regione non può essere addebitata ai dipendenti e, pertanto, fatta la necessaria chiarezza sulle singole posizioni, sarà opportuno azzerare tutto, ma nella chiarezza e con assunzione di responsabilità da parte di tutti e la soluzione dovrà essere presa all'insegna dell'equità).

12:31

Interviene il consigliere PEDA´ Giuseppe (Casa delle libertà) (ringrazia l'assessore ed il funzionario Capicotto per la loro presenza. Riconoscendo la parziale conoscenza dell'iter si qui seguito, avendo, lo stesso, ricoperto il ruolo di consigliere solo nell'ultimo scorcio di legislatura, ritiene, da quanto emerso dalla discussione che sarebbe opportuno proseguire con celerità e inclusività, considerato il fatto che molte figure non siano state precedentemente tenute in considerazione e, quindi, normate. Evidenti i ritardi, che non possono essere sottaciuti, dichiara, ma sara necessario intervenire e lasciare traccia di una legislatura che volge al termine. Opportuno includere tutti per evitare contenzioni, conclude)

12:36

Interviene l'Assessore al Lavoro e welfare, dott.ssa Angela Robbe (ribadisce quanto già espresso, precisa che la norma di riferimento è la legge 1 del 2014 e l'interpretazione autentica non può che riferisi a quella. Precisa che la riserva per alcuni dei lavoratori esclusi può essere sciolta dai dati pervenuti dal centro per l'impiego e che, coloro i quali non hanno presentato domanda a suo tempo potranno farlo al momento della pubblicazione della nuova manifestazione di interesse).

12:42

Intervine il Presidente (porta a sintesi quanto emerso dalla discussione, per cio che attiene la posizione dei lavoratori della Sial ritiene non esistano problemi poichè la legge è chiara ed esistono i presupposti per essere ammessi al beneficio).

Interviene il dott. Pasquale Capicotto, Funzionario del Dipartimento Lavoro, Formazione e Politiche Sociali (conferma quanto emerso dall'intervento del Presidente. I lavoratori della Sial, in quanto sociatà a totale partecipazione regionale, sono tra i destinatari della norma e nel caso in cui non abbiano presentato domanda potranno farlo per come indicato dalll'assessore)

12:44

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Nuovo Centro Destra) (sulla tempistica e sull'iter da seguire: ritiene necessaria l'emanzione del decreto nelle prossimne ore, l'apertura della manifestazione d'interesse, precededuta da una circolare esplicativa o da una nuova norma che chiarisca a quale data debba farsi rientrare la maturazine del requisito)

12:48

Interviene il consigliere GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) (non ritiene ci siano i tempi per l'approvazione di una nuova norma e, considerato che la legislatura volge al termine, sarebbe necessario, in tempi strettissimi, pervenire all'emanazione di un decreto e subito dopo la manifestazione di ineresse che sarebbe inopportuno fare in concomitanza con le elezioni).

 

12:50

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Nuovo Centro Destra) (condivide lo spunto dato dal consigliere Guccione, ma ritiene possibile prevedere un percorso che ritiene più agevole ed immediato con l'annullamento del decreto di luglio e la reviviscienza del decreto di aprile. Nell'ambito della manifestazione di interesse andrebbe esplicitato, dichiara, quanto emerso nell'odierna seduta con la specificazione sull'inclusione di tutti i lavoratori che potrebbe essere oggetto di una raccomandazione adottata dalla Commissione).

12:54

Interviene il dott. Pasquale Capicotto (precisa che la legge 12 include solo i lavoratori di società interamente partecipate)

12:55

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Nuovo Centro Destra) (alla luce di quanto precisato dal funzionario Capicotto, ritiene opportuno normare ex novo la materia e, nelle more, mettere fine alla problematica che interessa i 103 lavoratori con la revoca del decreto del mese di luglio)

 

12:56

Interviene il Presidente MIRABELLO Michelangelo (Partito Democratico) (sul riavvio della stabilizzazione di lsu ed lpu)

12:57

Interviene l'Assessore Angela Robbe (precisa che il decreto ministeriale consentirà l'utilizzo degli 83 milioni di euro storicizzazti)

12:59

Interviene il dott. Pasquale Capicotto (fa un breve riepilogo relativo al numero degli stabilizzati e delle stabilizzazioni possibili alla luce del nuovo decreto)

13:01

Intervengono il consigliere Guccione (chiede quanti siano gli lsu stabilizzati) ed il dott. Capicotto (risponde che gli lsu stabilizzati sono 1000 su 4716 e che con la riapertura della stabilizzazione e sulla base della storicizzazione delle risorse saranno molti di più).

13:02

Interviene il Presidente Mirabello

13:03

Intervengono, ripetutamente, il consigliere Esposito (chiede rassicurazione sul fatto che siano 103 i lavoratori in elenco)
ed il dott. Capicotto (risponde positivamente per ciò che attiene agli elenchi provvisori)

13:05

Interviene il Presidente Mirabello (sulla possibilità di procedere ad una nuova manifestazione di interesse o alla previdsisone di una norma... comunica che nelle prossime settimane saranno verificate le condizioni per l'approvazione di una nuova norma)

13:06

Interviene il consigliere GUCCIONE Carlo (Partito Democratico) (necessario che, intanto, si pervenga alla pubblicazione di una manifestazione di interesse che potrebbe essere integrata nel caso in cui subentrasse una nuova norma)

13:07

Interviene l'Assessore Angela Robbe in ordine alla bozza licenziata dalla Conferenza Unificata sul Welfare (sulla bozza di regolamento del welfare, rende noto che lo stesso ha avuto l'approvazione degli enti locali e del terzo settore, ma che alla luce di alcune richieste avanzate, sarà oggetto di modifica e, successivamente, trasmesso in Commissione. Nelle more dell'approvazione della deliberazione dal parte della Giunta regionale, ove i consiglieri lo ritenessero necessario, dà la propria disponibilità ad inviarlo ancor prima del suo perfezionamento).

13:10

Interviene il Presidente Mirabello

13:11

Interviene il consigliere PEDA´ Giuseppe (Casa delle libertà) (chiede come si intenda procedere per essere messi a conoscenza delle risultanza del tavolo Adduce)

13:12

Il Presidente (rassicura i consiglieri sull'attivazione della commissione e la predisposizione immediata di una formale richiesta che sarà inviata ai soggetti interessati)

esaurito l'ordine del giorno, dichiara chiusa la seduta.

La seduta è tolta