Seduta n. 21 del 14/07/2016 - Diretta testuale

IV Commissione

di giovedì 14 luglio 2016

Presidenza del Presidente Domenico BEVACQUA

  
13:04

Il Presidente dà avvio ai lavori con l'approvazione del verbale della seduta precedente e l'inserimento del primo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n. 155/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: 'Modifiche alla legge regionale 31 dicembre 2015, n. 35'  

Interviene il prof. Roberto Musmanno, Assessore ai Trasporti della Regione Calabria, che illustra la proposta (le modifiche, dichiara, si sono rese necessarie a seguito dei rilievi mossi da parte del Ministero affari regionali relativamente alla tassa introdotta, a carico delle aziende, in violazione della norma finanziaria. Inoltre, si è ritenuto necessario pervenire alla modificazione della norma relativamente alla ridefinizione della aliquote sulla spesa di funzionamento, e relativamente alla possibilità di adottare una fascia unica per i servizi urbani ed extraurbani e non alla obbligatorietà, almeno nel breve periodo. La proposta interviene anche a correggere dei refusi)

13:10

Intervengono il Presidente, il consigliere TALLINI Domenico (Misto) e, per replica, l'Assessore Musmanno.

13:26

Intervengono il Presidente Bevacqua e, per replica, l'Assessore Musmanno.

13:31

Intervengono il Consigliere TALLINI Domenico (Misto) (facendo riferimento all'incidente ferroviario avvenuto in Puglia, chiede quale sia il livello di sicurezza del sistema ferroviario calabrese) e, per replica, l'Assessore Musmanno (precisa che la tipologia di incidente avvenuto in Puglia non potrebbe verificarsi in Calabria in quanto nel tratto a binario unico quale quello presente nella Calabria jonica è previsto il sistema di controllo automatico. Si sta provvedendo, inoltre, da parte di Trenita, ad elevare il sistema di sicureza a rango C)

13:40

Il Presidente pone ai voti l'articolato:

art. 1 - approvato all'unanimità
art. 2 - approvato all'unanimità
emendamento tecnico all'art. 3 - approvato all'unanimità
art. 3 per come emendato - approvato all'unanimità
art. 4 approvato all'unanimità

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso per come emendata.

La Commissione esprime parere favorevole all'unanimità.
(Viene autorizzato il coordinamento formale)

13:47

Il Presidente inserisce il secondo punto all'ordine del giorno:

Proposta di Legge n. 147/10^ di iniziativa del Consigliere G. AIETA recante: 'Modifica dell'art. 38 della legge regionale n. 47/2011'  

Intervengono il Consigliere TALLINI Domenico (Misto) (pone un problema di ordine procedurale, evidenzia il fatto che la presenza del Dipartimento si è resa necessaria per motivi di opportunità, ma anche per problematiche evidenziate dal consigliere Pasqua, oggi assente, rimette alla valutazione della Commissione la valutazione sulla opportunità di un rinvio, in assenza del consigliere), il Presidente BEVACQUA (fa presente che nessuna comunicazione preventiva è pervenuta dal consigliere Pasqua e nessuna richiesta di rinvio della trattazione del punto, ritiene necessario porre ai voti il provvedimento e pervenire alla sua approvazione) il Consigliere BOVA Arturo (Democratici Progressisti) (chiede che la proposta venga posta ai voti ed esprime contrarietà sui presupposti di cui all'intervento del consigliere Tallini), il Consigliere NUCERA Giovanni (La Sinistra) (chiede al consigliere Aieta di illustrare il punto), il Consigliere TALLINI Domenico (Misto).

Interviene il Consigliere AIETA Giuseppe (Partito Democratico) che illustra la proposta.

Interviene l'ing. Iiritano Giuseppe, dirigente di settore del Dipartimento Lavori Pubblici (spiega l'ambito di intervento della norma ed i presupposti per poter godere dei benefici previsti dalla stessa)

Interviene il Consigliere TALLINI Domenico (Misto) (chiede, ai sensi del regolamento, di poter chiarire la sua posizione travisata e non oggettivammente riportata, precisa che non ha proposto alcun rinvio che ha rimesso alla valutazione della Commissione, accertata l'assenza del consigliere Pasqua).

14:22

Intervengono il consiglieri:

TALLINI Domenico (Gruppo Misto) (non risponde al vero che i rilievi mossi nella seduta precedente fossero finalizzate alla bocciatura della proposta, dichiara, la perplessità riguarda la disparità di trattamento i termini che si andrebbero ad applicare, diversi dai precedenti che diventano sperequativi nei confroti dei Comuni cui è stato revocato il beneficio di legge. Propone, in presenza della modifica che si andrà ad apportare, di riammettere i Comuni cui il beneficio era stato negato in precedenza)
- AIETA Giuseppe (Partito Democratico) ( tiene a precisare che non ha mai detto ne pensato che il consigliere Pasqua fosse contrario all'approvazione della norma)
- NUCERA Giovanni (La Sinistra) ( (chiede se esistano effetti negativi per la Regione nel caso in cui venga prevista una proroga maggiore)
- BOVA Arturo (Democratici Progressisti) (concorda sulla proposta Tallini relativa alla riammissione dei Comuni al beneficio. Invita il Presidente alla gestione corretta dei lavori).
- ARRUZZOLO Giovanni (Nuovo Centro Destra) (ribadisce che i rilievi mossi nella seduta precedente sono pervenute dal consigliere Pasqua. Confortato dai chiarimenti pervenuti dal consigliere proponente e dal Dipartimento esprime parere favorevole),

Interviene l'Ing. Iiritano (relativamente alla proposta di reinserimento dei Comuni esclusi, ritiene impossibile includerli al beneficio, causa irretroattività della norma, salvo interventi mirati ed, in ogni caso, dichiara, pur in presenza della norma che si va ad approvare, rimane il vincolo dell'avvio dei lavori entro 2 anni ed un giorno)

Il Presidente (se non in questa sede, dichiara, è necessario predere un percorso ad hoc per riammettere i Comuni al beneficio)

Interviene il consigliere BOVA Arturo (Democratici Progressisti) (è necessario, dichiara, che i Comuni vengano messi a conoscenza sulla volontà della Commissione e dell'Amministrazione regionale di prevenire alla soluzione della problematica che interessa i 64 comuni, che per effetto dell'applicazione della legge che si va a modificare, si sono visti revocare i benefici)

Il Presidente pone ai voti l'articolato:

art. 1 - approvato all'unanimità
emendamento a firma Aieta (di inserimento dell'art. 2) - approvato all'unanimità
emendamento a firma Aieta (di inserimento dell'art. 3) - approvato all'unanimità

Il Presidente pone ai voti la proposta nel suo complesso per come emendata.

La Commissione esprime parere favorevole all'unanimità.
(Viene autorizzato il coordinamento formale)

14:37

Il Presidente, esaurito l'ordine del giorno, dichiara chiusa la seduta.

La seduta è tolta.