Seduta n. 48 del 29/01/2019 - Diretta testuale

I Commissione

di martedì 29 gennaio 2019

Presidenza del Presidente Franco SERGIO

 
11:47

Il Presidente dà avvio ai lavori con l'approvazione del verbale della seduta precedente e con le Comunicazioni (richiama l'attenzione sull'ordine dei lavori, sarà ripresa la discussione della proposta Giudiceandrea che ha presentato un emendamento interamente sostitutivo, dichira, ed inserita la proposta di legge a firma Morrone. Comunica che l'art. 1 della legge di bilancio di previsione per il 2019 dello Stato prevede la rideterminazione dei vitalizi entro il termine del 31 marzo 2019 ad opera della Conferenza Stato/Regione, scaduto il quale le regioni provvedono, in ogni caso, a legiferare in materia secondo il criterio contributivo).

11:52

Vista la momentanea assenza dei proponenti del primo punto, il Presidente invita il consigliere Morrone a relazionare sul secondo punto.

11:54

Proposta di Legge n.401/10^ di iniziativa del Consigliere G. MORRONE recante: 'Introduzione del Metodo Previdenziale Contributivo per i Consiglieri regionali eletti nelle legislature decima e successive'  

Interviene il consigliere MORRONE Giuseppe (Forza Italia) che illustra il punto

Interviene il Presidente (alla luce delle osservazioni mosse dal Settore Assistenza Giuridica invita lo stesso a relazionare in merito).

12:00

Interviene l'avv. Annamaria Ferrara, funzionaria Settore assistenza giuridica.

12:03

Interviene il consigliere NUCERA Giovanni (La Sinistra) (chiede delucidazioni in ordine al diritto dei consiglieri alla previdenza, stigmatizza il comportamento della struttura burocratica del Consiglio che non ha provveduto d'ufficio alla istituzione della previdenza per i consiglieri)

12:05

Interviene il Presidente SERGIO Franco (Moderati per la Calabria)

12:08

Interviene il consigliere PEDA´ Giuseppe (Casa delle libertà) (chiede se il Consiglio regionale in assenza della previsone di un sistema di previdenza non sia esposto a contenzioso).

12:09

Interviene il consigliere GIUDICEANDREA Giuseppe (Democratici Progressisti) (riusponde positivamente alla domamda posta dal consigliere Pedà. Ribadisce che nulla osta all'approvazione della proposta Morrone che riguarda la previdenza dei consiglieri).

12:15

Interviene il Presidente SERGIO Franco (Moderati per la Calabria) (non ritiene corretto scaricare sugli uffici responsabilità comuni allapolitica).

12:17

Interviene il consigliere NERI Giuseppe (Moderati per la Calabria) (ritiene condivisibile l'esposizione Giudiceandrea, trattasi della previsione del sistema contributivo previdenziale dei consiglieri dalla X legislatura, i richiami di cui alla relazione del Settore sono da ricondursi alla proposta n. 327/10^)

12:21

Interviene l'avv. Annamaria Ferrara

Interviene il Presidente (ribadisce che, in termini regolamentari, dovrà essere prevista la fase emendativa e che, dunque, non si potrà pervenire all'approvazione del provvedimeno nell'odierna seduta).

12:24

Interviene il consigliere MORRONE Giuseppe (Forza Italia) (accoglie favorevolmente la determinazione assunta dal Presidente).

12:25

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Nuovo Centro Destra) (chiarito il disguido scaturito dall'intervenuta legge di bilancio dello Stato, a seguito della quale si è fatto l'errore di associare il vitalizio al sistema previdenziale, ritiene necessario pervenire all'approvazione della proposta in discussione e l'inserimento del sistema contributivo che, comunque, non sarà in contrapposizione con la legislazione nazionale. Opportuno fissare il termine per la presentazione degli emendamenti).

12:29

Interviene il Presidente che propone il rinvio della trattazione con la riapertura dei termini per la presentazione degli emendamenti.

Trattazione rinviata.

12:29

Il Presidente riprende la trattazione del primo punto all'ordine del giorno

Proposta di Legge n. 327/10^ di iniziativa dei Consiglieri G. GIUDICEANDREA, O. GRECO recante: ' Abolizione dei vitalizi ed introduzione del sistema previdenziale di tipo contributivo ai sensi della lettera m) del comma 1 dell'articolo 2 del decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito con legge n. 213 del 7 dicembre 2012 '  

Interviene il consigliere GIUDICEANDREA Giuseppe (Democratici Progressisti) (ritiene le osservazioni del consigliere Nucera pertinenti. Il Settore Assistenza Giuridica è stato gravato di un lavoro consistente, stante lo svolgersi dell'iter. Viene introdotto il sistema contributivo anche per i vitalizi delle legislature precedenti ai sensi della legge di bilancio dello Stato. La norma dovrà essere strutturale, la proposta in esame ha tenuto conto delle indicazioni del presidente Boeri, due gli elementi fondamentali: 1) conclamato stato di interesse nazionale per bloccare i vitalizi (vedi richiamo Boeri); 2) applicazione degli ammortizzatori nel calcolo delle riduzioni. Il Consiglio perverrebbe ad un risparmio di oltre un milione di euro da utilizzare quale contributo di solidarietà per le famiglie o per qualunque altra iniziativa. Ritiene necessario pervenire all'approvazione della norma senza attendere le determinazioni a livello statale per evitare drastiche riduzioni e per dotare la Regione di una norma necessaria)

12:32

Interviene il Presidente SERGIO Franco (Moderati per la Calabria) che propone il rinvio della trattazione con la riapertura dei termini per la presentazione degli emendamenti.

Trattazione rinviata.

13:01

Interviene il consigliere GIUDICEANDREA Giuseppe (Democratici Progressisti) (plaude all'iniziativa convinto che una norma puntuale, quale quella in discussione, sarà di aiuto agli amministratori che volessero assumere iniziative finalizzate alla fusione dei comuni. La fusione di Casali del Manco ha dato la giusta visibilità anche alle frazioni precedentemente cadute nell'anonimato. Rilevante il risvolto di natura economica poichè la fusione consente la soluzione di problematiche difficile da affrontare in solitudine).

13:05

Interviene il consigliere MIRABELLO Michelangelo (Partito Democratico) ( ringrazia il Presidente per il lavoro fatto e per aver accolto molte delle istanze presentate nelle sedute precedenti. Il punto focale è rappresentato dalla necessità che la legge che sani le discrasie verificatesi nel processo di fusione di Casale del Manco. Lo strumento è utile e la fusione dovrà essere resa fluida. La puntualizzazione relativa al quorum è opportuna, il limite minimo del numero degli abitanti previsti in diecimila potrebbe rappresentare un ostacolo per la fusione dei piccoli comuni).

13:10

Interviene il consigliere GIUDICEANDREA Giuseppe (Democratici Progressisti) (precisa che il limite riguarda lo scorporamento).

13:11

Interviene il consigliere MIRABELLO Michelangelo (Partito Democratico)

13:13

Interviene la dott.ssa Mariateresa Fragomeni, Assessore al Bilancio ed alle Politiche del Personale (si congratula con i proponenti per il lavoro svolto anche in fase di accoglimento dei rilievi del settore Assistenza Giuridica. Chiede se sia necessaria la contiguità territoriale per la fusione, pone l'accento sulla problematica relativa al finanziamento dello studio di fattibilità, esprime perplessità sulla previsione del quorum che diventerebbe vincolante, spera nell'accoglimento ampio dei presupposti di cui alla proposta in esame).

13:17

Interviene il consigliere BOVA Arturo (Democratici Progressisti) (pur condividendo, in termini generali, i presupposti di cui alla proposta l'intervento, dichiara, è teso a mettere al vaglio della commisione la possibilità di scorporo dei comuni inferiori a diecimila abitanti, introducento il criterio legato all'indipendenza finanziaria, ad esempio, o ad altri elementi squisitamente soggettivi - cita la realtà di Le Castella ed Isola Capo Rizzuto. Annuncia la presentazione di un emendamento).

13:26

Interviene l'Assessore Fragomeni

13:28

Interviene il consigliere ESPOSITO Sinibaldo (Nuovo Centro Destra) (condivide le finalità della norma, ritiene utile un ulteriore un approfondimento di natura tecnica sulle previsioni di dubbia costituzionalità. Il problema di natura politica riguarda la possibilità che sia prevista una rideterminazione del comune che ha votato no in sede referendaria).

 

13:32

Interviene il Presidente che propone il rinvio della trattazione

Trattazione rinviata.

13:32

Il Presidente, esaurito l'ordine del giorno, dichiara chiusa la seduta.

La seduta è tolta