INTERROGAZIONE n. 63 del 14/09/2020
Sul bando per la valorizzazione dei borghi

Al Presidente della Giunta regionale

Premesso che:
- che con il decreto N. 6918 del 29/6/2018 del Dipartimento Turismo, beni culturali e spettacolo è stato approvato l'avviso pubblico per il sostegno dei progetti di valorizzazione dei borghi della Calabria;
-che, più precisamente, nel detto decreto è stato rilevato che "il Settore Beni Culturali intende procedere nell'attuazione delle azioni di valorizzazione dei borghi della Calabria finalizzata allo sviluppo turistico mediante la concessione di finanziamenti ai Comuni della Regione Calabria in forma singola o aggregata ... al fine di valorizzare i Borghi della Calabria è indispensabile realizzare interventi di recupero e riqualificazione di immobili in disponibilità dei Comuni, di rifunzionalizzazione degli edifici esistenti, potenziamento o start up di attività aventi finalità ricreative e culturali ... dover accertare la somma complessiva di euro 100.000.000 sul capitolo d'entrata E9402011001";
- che, a seguito del detto bando, molti Comuni calabresi hanno regolarmente presentato le domande al fine di ottenere i necessari finanziamenti per la valorizzazione dei borghi;
- che la procedura selettiva de qua si è conclusa si è conclusa con il decreto dirigenziale N. 4534 del 9/4/2019 con cui la Regione Calabria ha pubblicato l'elenco delle domande ammesse e non ammesse;
- che, pertanto, a conclusioni della detta procedura selettiva, la Regione Calabria, in esecuzione del bando e della graduatoria emessi, deve procedere alla erogazione delle somme in favore dei Comuni ammessi;
- che, ad oggi, tuttavia, la Regione Calabria, nonostante la procedura selettiva de qua sia stata ultimata e sia stata emessa la graduatoria dei Comuni ammessi, non ha erogato le somme dovute ai Comuni calabresi;
-che tutto ciò si pone in contrasto con il bando emesso e con la graduatoria e viola i diritti dei Comuni i quali hanno partecipato ad un bando regionale al fine di ottenere somme per la valorizzazione dei borghi e ciò nonostante non ottengono le somme da parte della Regione Calabria che sta tenendo, conseguentemente, una condotta omissiva e inadempiente;
- che tutto ciò, peraltro, oltre che ledere i Comuni, che hanno partecipato al bando e sono stati ammessi al finanziamento al fine di valorizzare i propri borghi e renderli più fruibili ed attraenti anche sotto il profilo turistico/culturale, faculta le dette amministrazioni comunali a ricorrere all'Autorità Giudiziaria al fine di ottenere le somme loro spettanti e riconosciute dalla Regione Calabria;
- che è davvero illogico avviare una procedura selettiva e impegnare uffici regionali e comunali nonché concludere la detta procedura selettiva e poi non dare esecuzione alla stessa e non erogare le somme spettanti ai soggetti che hanno ottenuto il riconoscimento alla erogazione e che sono stati ammessi nella graduatoria;
- che tutto ciò danneggia non solo i Comuni aventi diritto ma tutto il territorio regionale e ciò in quanto a fronte di somme disponibili e di una procedura selettiva già conclusa la Regione non erogando le dovute somme impedisce la valorizzazione dei borghi e nega, di fatto, la crescita dei borghi calabresi. Tutto ciò premesso, con il presente atto, si CHIEDE al Presidente della Giunta Regionale:
Per sapere:
se ha contezza di quanto sopra esposto e cosa intende fare e quali atti e provvedimenti intende adottare al fine di permettere alle amministrazioni comunali, che hanno avuto il riconoscimento del finanziamento con riferimento al bando/valorizzazione dei borghi e le cui domande sono state regolarmente ammesse, di ottenere concretamente ed effettivamente le somme loro spettanti e che devono essere destinate alla valorizzazione dei borghi.

Allegato:

14/09/2020
F. PITARO