INTERROGAZIONE n. 496 del 02/08/2019
Sulla problematica relativa alla stazione termale "Terme Luigiane"

Al Presidente della Giunta regionale

Premesso che:
- le "Terme Luigiane" sono classificate al livello qualitativo 1° Super, le cui acque sono ipertermali solfuree salsobromojodiche e raggiungono il più alto grado sofidrometrico d'Italia (173 mg/l);
- le Terme Luigiane costituiscono un volano, non solo per i comuni di Acquappesa e Guardia Piemontese o del Tirreno cosentino, ma anche per tutta la Regione Calabria;
- alle Terme Luigiane è possibile effettuare anche cure sanitarie per una vasta gamma di indicazioni terapeutiche e diverse patologie, pertanto, diventano anche attrattore per una sorta di c.d. "Turismo sanitario";
- da anni vi sono controversie in atto tra la Regione Calabria, i Comuni di Aquappesa e Guardia Piemontese concessionari per lo sfruttamento delle acque termo-minerali e la Società Sub-concessionaria SATECA;
- qualora dovessero proseguire tali problematiche relative alla stazione termale denominata "Terme Luigiane", ciò potrebbe causare interruzione di pubblico servizio e conseguente perdita di posti di lavoro;
- in data 12.10.2015, il sottoscritto consigliere regionale ha presentato la mozione n. 42 sul "riconoscimento dell'importanza e dell'alta valenza attrattivo-turistica delle Terme Luigiane puntando sulla destagionalizzazione dell'offerta nel comprensorio del medio ed alto Tirreno cosentino", che impegnava la Giunta regionale e reperire adeguati finanziamenti per un più ampio progetto di valorizzazione del sistema termale, capace di innalzare le Terme Luigiane ed il comprensorio del medio ed alto tirreno cosentino in un grande e robusto attrattore turistico, per la Calabria e per tutto il Meridione;
- in data 25.10.2017, altresì, il sottoscritto consigliere regionale ha presentato la proposta di legge n. 287 recante "Riordino del sistema idro-termale della Regione Calabria" in discussione presso la Terza Commissione, che prevede misure per l'ammodernamento del settore idrotermale della Regione Calabria a servizio delle collettività locali, nazionali ed estere attraverso una serie integrata di azioni a diversi livelli;
Considerato che: - in data 08/02/2019 si è tenuta una riunione alla presenza del Prefetto della Provincia di Cosenza, Dott.ssa Paola Galeone, al fine di dirimere le controversie in atto tra gli Enti e la Società;
- in seguito a tale riunione si è addivenuto alla redazione di un percorso condiviso e di un cronoprogramma, per garantire il prosieguo delle attività nell'attesa dell'adempimento delle procedure da parte dei comuni di Acquappesa e Guardia Piemontese per l'individuazione di un nuovo sub-concessionario.
Per sapere:
l) quale sia lo stato dell'arte sulla situazione relativa alla stazione termale denominata "Terme Luigiane";
2) se gli Enti interessati si stanno attenendo al cronoprogramma e alle procedure concordate come da verbale della riunione tenutasi l'8.02.2019 alla presenza del Prefetto della Provincia di Cosenza;
3) quali siano le azioni messe in campo e/o previste dalla Regione Calabria per il controllo dell'esatto adempimento delle procedure poste a carico degli Enti interessati;
4) quali siano le azioni messe in campo e/o previste e/o i provvedimenti posti a carico della Regione Calabria all'esito positivo delle procedure messe in atto dagli Enti interessati;
5) quali siano le azioni messe in campo e/o previste e/o i provvedimenti posti a carico della Regione Calabria in caso di inadempimento delle procedure da parte degli Enti interessati;
6) quali siano i programmi messi in atto dall'amministrazione regionale nel breve, medio e lungo periodo, al fine di dare al complesso termale delle "Terme Luigiane" un'alta valenza attrattivo-turistica.

Allegato:

02/08/2019
O. GRECO